UK – Negare sussidio ai migranti UE, l’alta corte Europea risponde

0
1344

Ai migranti dell’UE possono essere negati i sussidi di disoccupazione, la Corte di giustizia europea ha stabilito, con una mossa accolta dal governo britannico come una rivendicazione di proposte di rinegoziazione di David Cameron.
La Corte di giustizia ha rilevato che i paesi hanno il diritto di rifiutare i pagamenti assistenziali ai cittadini di un altro Stato UE, anche se hanno già lavorato nel paese.
I migranti che hanno lavorato per meno di un anno possono aspettarsi benefici nel paese ospitante per non più di sei mesi se vengono licenziati, la Corte di Lussemburgo approva.
Si va oltre una precedente sentenza, che ha confermato il diritto degli Stati di negare benefici ai migranti dell’UE che non hanno mai lavorato.
Il governo di coalizione ha ristretto il diritto a prestazioni di migranti europei, tra cui la fine dei pagamenti assistenziali dopo sei mesi a coloro che non hanno una “vera e propria prospettiva” del lavoro.

Un portavoce del governo britannico ha detto: “Questa è una gradita sentenza che dimostra che abbiamo ragione di limitare i benefici che vanno agli immigrati comunitari che non hanno pagato nel sistema in questo paese.
“Ed ulteriormente sostiene la nostra tesi secondo cui i singoli Stati membri dovrebbero avere la libertà di progettare i propri sistemi di welfare  senza essere costantemente in discussione nei tribunali.”
David Cameron sta cercando di negare ai cittadini lavoranti della UE  i benefici quali crediti d’imposta fino a che non hanno lavorato per quattro anni nel Regno Unito. Altri paesi insistono che è discriminatoria e hanno minacciato di bloccarlo.
La Corte di giustizia ha esaminato il caso di una madre svedese di origine bosniaca che vive in Germania con i suoi tre figli, che è stato tagliato fuori dai pagamenti di assistenza sociale a sei mesi dopo il suo lavoro temporaneo è concluso.
I giudici hanno dichiarato che un migrante UE disoccupato che aveva lavorato per meno di un anno “può invocare il principio della parità di trattamento e ha diritto all’assistenza sociale” per sei mesi.
Pawel Swidlicki, analista di Open Europe, ha dichiarato: “Questo può in qualche modo verso rassicurare il pubblico che la libera circolazione non comporta libero accesso al benessere.
“Si rafforza anche il principio che, in alcune circostanze, gli Stati membri possono trattare i migranti dell’UE in modo diverso rispetto ai propri cittadini, la sfida per David Cameron sarà di garantire un accordo politico tra i leader europei a estendere questa a prestazioni ai lavoratori in attività”.
Catherine Bearder, un eurodeputato liberal-democratico , ha detto: “Spero che il mito del turismo sociale sarà ora messo saldamente a letto così possiamo concentrarci invece sulle numerose sfide reali e significative difronte alla UE.”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.