Svizzera acquista 6 droni per sorveglianza di produzione israeliana

0
1382
drone Hermes 900
A Hermes 900 (courtesy Elbit Systems)

I critici dell’accordo con Elbit Systems dicono Berna non dovrebbe fare affari con un paese che ‘viola’ i diritti umani

Il Parlamento Svizzero il Lunedi, luce verde per l’acquisizione di sei droni di sorveglianza israeliane, un affare interno controverso il cui costo è stimato a circa 250 milioni di franchi svizzeri ($ 256 milioni).

Dopo l’approvazione in precedenza dalla Camera bassa dell’Assemblea federale, la camera alta ha dato il suo benestare  con un voto di 30-12.

Il modello di drone in questione della Elbit Systems-prodotto Hermes 900, un veicolo da ricognizione disarmato.

Gli oppositori della trattativa hanno chiesto al Paese di non investire nel settore militare israeliana a causa di quello che chiamavano le “sistematiche violazioni dei diritti umani” commessi da Israele contro i palestinesi.

Socialista, Geraldine Savary ha detto che i Hermes 900 droni sono stati utilizzati da Israele nel corso del 2014 durante operazioni di protezione del bordo nella Striscia di Gaza, uccidendo 2.251 palestinesi.

Israele afferma che circa la metà delle vittime erano agenti di terrore, e incolpa Hamas per le morti civili.

“Israele non rispetta i diritti delle persone, a volte con mezzi estremamente violenti”, ha detto un altro avversario, Luc Recordon del partito dei Verdi, come citato da agenzia di stampa svizzera ATS.

Il ministro della difesa svizzero Ueli Maurer ha insistito sul fatto che la Svizzera non ha acquistato i droni da parte dello Stato di Israele, ma piuttosto una società privata.

Ha detto che il velivolo sarebbe stato usato solo per le operazioni di sorveglianza dalle guardie di frontiera. “Non è un modello di combattimento, ma gioca un ruolo pathfinder.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.