Mentre l’ Europa litiga durante la rilocazione dei migranti, la Realtà si muove più velocemente

0
1497
Migrants were taken by bus to the nearby train station for travel to Athens and beyond. But first, they were supposed to be registered, fingerprinted and screened as asylum seekers. Credit Tyler Hicks/The New York Times

Pireo, Grecia

Mentre tutti i leader europei discutono sulle metodologie di identificazione e rilocazione degli immigrati , Atene si trova ad affrontare un fiume in piena di persone che ogni giorno invadono le coste.

L’identificazione è praticamente impossibile, poiché l’elevatissimo numero degli immigrati è esponenzialmente superiore rispetto al personale addetto al loro smistamento e identificazione.

Molti immigrati riescono a sfuggire alle maglie dei controlli e preventivamente hanno distrutto le relative impronte digitali con acido, fuoco, ecc… per non permettere la loro sistematica identificazione.

La scena al Pireo ha sottolineato l’enorme distanza tra le decisioni prese nelle sale conferenze di Bruxelles e la realtà spesso caotica che si vive sul terreno,  per una crisi di profughi che sta vanificando le promesse di una “soluzione europea”.

https://youtu.be/QswemF5Kfuc

In realtà, il piano di questa settimana per distribuire 120.000 richiedenti asilo – aspramente contestato com’era dalle nazioni dell’Europa orientale, era solo l’ultima pugnalata verso gli stati più deboli dell’Unione europea, ampiamente sotto finanziati per affrontare la crisi.

All’inizio di quest’anno, la Commissione europea, esecutivo del blocco di 28 nazioni a Bruxelles, ha presentato quello che ha definito l ‘”Agenda europea sulle migrazioni.” E’ dettagliato un ambizioso programma di “costruire un approccio coerente e globale” alla crisi.

Al suo interno sono stati previsti i cosiddetti hot spot ,

–  luoghi in cui migliaia di migranti prima arrivano

– poi l’istituzione di “servizi di prima accoglienza” in prima linea negli stati come la Grecia, utilizzati per la registrazione e lo screening , acquisendo le  impronte digitali che verranno poi inserite in una banca dati europea.

L’intento era quello di discriminare i migranti economici, che non fuggono da guerre o persecuzioni, dai casi legittimi in materia di asilo; riducendo il rischio che i terroristi possano mimetizzarsi nell’immenso flusso di immigrati e far sì che le norme europee di asilo siano state seguite.

Finora, però, nessun programma di “hot spot” ha effettivamente iniziato ad operare in Grecia, il punto di ingresso in Europa.

Qualcuno poi ha fatto notare che le impronte digitali sono state acquisite su supporto cartaceo, a non digitalizzate ne confluite in una banca dati generale europea che possa tracciare i movimenti dei migranti.

La maggior parte dei migranti ora intasano strade e treni in Macedonia, Serbia e altri paesi lungo la rotta nord verso la Germania.

Le autorità greche ora organizzano i traghetti speciali per i migranti provenienti dalle isole periferiche come Lesbo e forniscono gli autobus per portare le persone dal porto del Pireo verso la stazione ferroviaria più vicina. Credit Tyler Hicks / The New York Times

Le autorità greche ora organizzano i traghetti speciali per i migranti provenienti dalle isole periferiche come Lesbo e forniscono gli autobus per portare le persone dal porto del Pireo verso la stazione ferroviaria più vicina. Credit Tyler Hicks / The New York Times

 

Donald Tusk, – il presidente del consiglio europeo  dichiara – “Il caos attuale alle nostre frontiere esterne deve finire. Attenzione che l’Europa potrebbe affrontare milioni di persone che cercano di entrare i suoi confini, ha detto “è chiaro che la più grande ondata di rifugiati e migranti deve ancora venire” e ha chiesto la fine delle “politiche di porte e finestre aperte.”

Nel frattempo, piano di delocalizzazione appena approvato in Europa avrà due anni per mettere a posto tutti questi problemi.
I migranti hanno già dimostrato un sistema molto più efficace nel riuscire a muoversi verso le destinazioni prefissate, il tutto con un piccolo aiuto alla partenza da parte delle autorità greche.

Stremati da una crisi economica con un apparato statale disfunzionale, le autorità greche sono così ansiose di far passare i migranti, che stanno organizzando traghetti speciali per loro dalle isole più remote, fornendo gli autobus per portarli dal porto del Pireo per la stazione ferroviaria più vicina.

“Vado in Germania dove posso trovare lavoro”, Saied Abdirisak, un tecnico di computer iraniana, ha detto dopo lo sbarco da un traghetto da Lesbo, che aveva raggiunto in gommone dalla Turchia, un breve viaggio che gli è costato 1.300 euro (circa $ 1.450 ).

In mano teneva un pezzo di carta rilasciata da funzionari greci in un centro di accoglienza di Lesbo: Nel documento era fissato un termine di 30 giorni con  l’unica condizione “partire verso un paese di sua scelta.»: Deve uscire la Grecia.

I Siriani hanno sei mesi di tempo per andarsene.

A metà mattina, il signor Abdirisak era già sul treno dal Pireo ad Atene con un gruppo di colleghi iraniani , hanno preso il primo treno verso  la Macedonia, che vede arrivare più di 4.000 migranti ogni giorno.

“Non esiste un sistema vero e proprio. Non sappiamo chi siano tutte queste persone “, ha dichiarato Rocco Gianluca, coordinatore dei Balcani occidentali per l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni.

“Questa è una questione umanitaria e ha anche implicazioni per la sicurezza”, ha aggiunto, sottolineando che le persone, in molti casi, hanno un reale status di rifugiato, come ad esempio coloro che fuggono dalla  Siria.

Tali controlli lassisti alla frontiera esterna dell’Europa hanno stimolato una richiesta di maggiore sicurezza da parte del blocco europeo per misure che possano garantire la “sicurezza comune della nostra frontiera esterna.”

Nel corso della riunione di Bruxelles, i leader hanno deciso di inviare aiuti di emergenza ai paesi più colpiti dalla crisi,  più di $ 1 miliardo alle agenzie internazionali che stanno aiutando i rifugiati.

Più di 350.000 migranti hanno attraversato la Grecia quest’anno, secondo l’Organizzazione internazionale per le migrazioni, ma, nei primi sei mesi, solo 5.475 di loro hanno registrato una richiesta di asilo.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.