Recinzioni di tutta Europa: la mappa

0
3902

Recinzioni di tutta Europa: la mappa mostra il disperato tentativo da parte delle nazioni di arginare il flusso dei migranti

Ogni numero sul grafico rappresenta un recinto o costruzione o in fase di costruzione, al fine di puntellare i confini.
Centinaia di miglia di barriere sono in cantiere per contenere l’afflusso di rifugiati, che ormai raggiunge livelli incontrollabili.
Negli ultimi anni paesi come la Bulgaria e la Grecia hanno tentato di fermare i migranti,  che tentano di entrare nell’Unione europea dalla Turchia, con l’aiuto di recinzioni giganti.
Per evidenziare la difficoltà di affrontare il problema delle barriere ai confini, molte  persone hanno deciso di affrontare disperate traversate in barca, il tutto  per sfuggire all’instabilità del Medio Oriente o a zone di guerra, così come la povertà in molte parti dell’Africa.
La lista:

  • Ceuta and Melilla in north Africa
  • Greece – Turkey
  • Bulgaria – Turkey
  • France – Britan
  • Hungary – Serbia and Croatia
  • Ukraine – Russia
  • Estonia – Russia

 

L’Ungheria sta attualmente intensificando la sua battaglia per fermare i migranti che entrano dalla vicina Serbia con i piani per una recinzione in acciaio,  200 km tra le nazioni.
Con oltre 150.000 rifugiati già erano arrivati quest’anno nel paese dell’Europa centrale, si sono ritrovati con immensi flussi di persone che cercano di entrare nel paese per poi dirigersi verso gli altri paesi Schengen.
Ministro degli Esteri ungherese Peter Szijjarto recentemente ha difeso la struttura di barriere creata affermando:
“.. Altri paesi hanno optato per la stessa soluzione I paesi dell’Unione europea cercano una soluzione, ma l’Ungheria non può permettersi di aspettare più a lungo”
La nazione sta anche costruendo una recinzione 41 chilometri alla frontiera con la Croazia.
In Africa, nel frattempo, il Marocco ha costruito un muro di 15 piedi sormontato da filo spinato ai confini con la enclave spagnola di Melilla a fermare le ondate di migranti che cercano di entrare in Europa.

 

Lo scorso aprile, il governo spagnolo ha accettato di spendere 2 mln Euro per rafforzare la sicurezza nelle sue zone controllate di Ceuta e Melilla .
Otto miglia di recinzione sono stati costruiti dalla Grecia al suo confine con la Turchia nel 2012.
Tuttto ciò è successo in un momento in cui è stato stimato che l’80 per cento di tutti i profughi sarebbero entrati nell’Unione europea da quel confine dal fiume Evros.
Nel 2014, la vicina Bulgaria ha iniziato la costruzione di una recinzione di 30 km lungo il confine con la Turchia.
L’alta struttura a tre metri è stata completata durante l’estate ed il costo totale è stato di 7 ml Euro.

Il governo bulgaro ha recentemente annunciato un piani per estendere la barriera di altri di 150 km .
Più vicino a noi, la Gran Bretagna ha pompato £ 7 milioni nella costruzione di un recinto intorno al tunnel sotto la Manica per proteggere il Regno Unito dall’ essere invaso dai migranti a Calais.
Tuttavia, molti migranti si sono riusciti ad arrivare nel Regno Unitonascondendosi furtivamente nei camion.
Alcuni migranti hanno anche camminato attraverso il tunnel, nonostante la sicurezza.
Invece di arginare l’immigrazione, i piani dell’Ucraina sono destinati alla creazione di un recinto di  circa 2000 km con la Russia è arrivato nel tentativo di fermare l’aggressione da Vladimir Putin nel conflitto in corso tra le nazioni ei tentativi da parte di Mosca per sostenere e supportare i ribelli Ucraina.
L’ Estonia vuole anche costruire una barriera 120 km con la Russia.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.