Ayatollah Ali Khamenei : Giovani Occidentali Interagite Correttamente con i Musulmani

0
2176

Ayatollah Seyyed Ali Khamenei esorta i giovani  in occidente affinché possano costruire le basi di una interazione ‘corretto’ con i musulmani

Leader della Rivoluzione Islamica Ayatollah Seyyed Ali Khamenei ha invitato i giovani in Occidente per contribuire a spianare il terreno per una maggiore interazione con il mondo musulmano.

Questa è la seconda volta che il leader si rivolge ai giovani occidentale in una lettera aperta.
Nel mese di gennaio, l’Ayatollah Khamenei aveva inviato un’altra missiva ai giovani in Europa e Nord America, esortandoli a studiare l’Islam e per ottenere informazioni di prima mano su di esso prima di accettare la propaganda dei loro governi.

“Voglio che i giovani pongano le basi per una corretta e onorevole interazione con il mondo islamico basato sulla corretta comprensione, andando in profondità ed imparando la lezione delle esperienze orribili”, l’Ayatollah Khamenei lo ha detto nella nuova lettera ai giovani occidentale pubblicata Domenica.

La lettera del capo è venuta sullo sfondo di ampi atti di terrorismo in tutto il mondo.

“Chiunque abbia disentimenti e umanità è influenzato e disturbato da queste scene che si sono verificate in Francia o in Palestina o in Iraq o in Libano o in Siria”, l’Ayatollah Khamenei ha detto nella lettera.

Ayatollah Khamenei ha notato che i musulmani di tutto il mondo si sentono “aborriti e si ribellarono per ciò che è stato fatto dagli autori ei responsabili di queste calamità.”

“Il dolore di qualsiasi essere umano in qualsiasi parte del mondo, provoca dolore per un altro essere umano. La vista di un bambino che perde la vita in presenza dei suoi cari, una madre la cui gioia per la sua famiglia si trasforma in lutto, un marito che sta scorrendo veloce il corpo senza vita del coniuge in un posto e lo spettatore che non sa se lui sa se potrà vedere la scena finale della sua vita – queste sono scene che risvegliano le emozioni dei sentimenti di ogni essere umano “, dice la lettera.

FRANCIA : Terrorismo cieco

La Francia di recente ha provato il “terrorismo cieco” nella capitale francese, che ha lasciato ben 130 morti.
Allarmante ma “La verità è che se le cose dolorose non creano i motivi per la ricerca di soluzioni e la consultazione reciproca, poi il danno causato sarà moltiplicato. ”

Ayatollah Khamenei ha detto, tuttavia, che l ‘”insicurezza e la tensione” vissuta dai giovani occidentali a seguito degli attentati di Parigi “si differenzia dal dolore che il popolo iracheno, dello Yemen, della Siria e l’Afghanistan hanno sperimentato per molti anni, in due modi significativi. ”

– In primo luogo, il mondo islamico è stato vittima del terrore e della brutalità in misura maggiore territorialmente rispetto ad una maggiore quantità in termini di tempo.
– In secondo luogo, che, purtroppo, questa violenza è stata sostenuta da alcuni grandi potenze, attraverso vari metodi e strumenti efficaci – ha spiegato il leader.

Ayatollah Khamenei ha sottolineato il ruolo degli Stati Uniti nel “creare, nutrire e armare al-Qaeda, i talebani ei loro successori infausti”, dicendo, “Oltre a questo sostegno diretto, i sostenitori palesi e ben noti del terrorismo Takfiri – pur avendo il più arretrato sistema politico – sono messi come alleati dell’Occidente, mentre i più all’avanguardia, i democratici più brillanti e più dinamici della regione vengono soppressi senza pietà “.

Il leader ha descritto la risposta dei governi occidentali per l’ondata del risveglio islamico come “pregiudizio”, dicendo che esso indica un “esempio di “politiche occidentali contraddittorie.”

ISRAELE : Terrorismo di Stato

Ayatollah Khamenei ha detto che il sostegno di Washington per “terrorismo di Stato” del regime israeliano è un altro esempio.

“Il popolo oppresso della Palestina ha sperimentato il peggior tipo di terrorismo per gli ultimi sessant’anni”, ha aggiunto il leader.

“Se i cittadini europei hanno i rifugiati nelle loro case per alcuni giorni – sono decenni che le famiglie palestinesi non sono al sicuro nemmeno nella loro case a causa della morte e distruzione del regime sionista, “ha osservato l’Ayatollah Khamenei.

Il leader ha detto che “la violenza atroce” del regime israeliano contro i palestinesi è impareggiabile.

“Questo regime – senza mai essere seriamente e significativamente censurato dai suoi alleati influenti – chiamati organizzazioni indipendenti internazionali – che quotidianamente demoliscono le case dei palestinesi e distruggono i loro frutteti e fattorie”, ha detto la lettera di Khamenei.

Il leader ha anche evidenziato le riprese di morte dei palestinesi in strada dalle forze israeliane solo per il “crimine di protestare contro un soldato che è armato fino ai denti,” chiedendo: “Se questo non è il terrorismo, che cosa è?”

“Questa barbarie, fatto dalle forze armate di un governo occupante, non dovrebbero essere chiamate estremismo? O forse solo perché queste scene sono state viste più volte sugli schermi televisivi per sessant’anni, non dovrebbero più scuotere le nostre coscienze “, ha detto l’Ayatollah Khamenei.

Invasioni militari

Ayatollah Khamenei ha indicato anche campagne militari contro i paesi musulmani negli ultimi anni con le “innumerevoli vittime”, come un altro esempio della “logica contraddittoria dell’Occidente.”
Il leader ha detto che i paesi che sono stati attaccati hanno visto numerosi morti e la perdita di “infrastrutture economiche e industriali.”

Il leader ha detto che il mondo musulmano ha subito “dolore” a causa della “ipocrisia e doppiezza” degli aggressori.

Ayatollah Khamenei ha espresso la speranza che i giovani occidentali siano in grado di “cambiare questa mentalità occidentale corrotta della doppiezza, una mentalità cui la massima abilità nasconde obiettivi a lungo termine e che prevedono obiettivi malevoli.”

Il leader ha detto che il primo passo per ripristinare la sicurezza e la pace potrebbe essere quella di riformare la “la formazione della mentalità della violenza” dei leader occidentali.

Doppio standard di colpa per la violenza

Ayatollah Khamenei ha detto che fino a quando i “doppi standard” continuano a dominare le politiche occidentali categorizzando “terrorismo dei cattivi e dei buoni,” le radici della violenza non dovrebbe essere cercate in nessun’altra parte del mondo.

“Purtroppo, queste radici hanno preso piede nel profondo della cultura politica occidentale, e nel corso di molti anni hanno causato un’invasione morbida e silenziosa”, ha detto il leader.
“Considero l’imposizione della cultura occidentale su altri popoli e la banalizzazione delle culture indipendenti come una forma di violenza silenziosa ed estrema nocività”.
Ayatollah Khamenei ha detto che “l’aggressione” e “la promiscuità morale” si sono trasformati nei principali elementi della cultura occidentale.

Daesh, la fusione del colonialismo e dell’estremismo

Il leader ha parlato della storia del takfirismo, dicendo che i gruppi terroristici come Daesh sono stati creati dal “confluenza colonialista estremista e ha respinto i pensieri nel cuore delle tribù beduine.”

“Come dunque è possibile che tale spazzatura come Daesh esca una delle scuole religiose più etiche e umane, che come parte del suo nucleo interno, comprende l’idea che prendendo la vita di un essere umano equivale a uccidere tutta l’umanità? “chiese l’Ayatollah Khamenei.

Il leader ha messo in guardia contro la tendenza della gioventù europea per unire i Daesh, dicendo che profonde analisi sono necessarie per trovare le radici di questo flagello.

“Possiamo davvero credere che le persone con solo uno o due viaggi in zone di guerra, improvvisamente diventano così estremisti che possano crivellare i corpi dei loro compatrioti con proiettili?”, Ha detto l’Ayatollah Khamenei, aggiungendo: “A questo proposito, abbiamo bisogno di un’analisi completa, un’analisi che veda la corruzione nascosta ed apparente. ”

Nessuna reazione affrettata

Ayatollah Khamenei ha avvertito che qualsiasi “reazione affrettata e emozionale” così da “isolare, intimidire e creare più ansia per le comunità musulmane che vivono in Europa e in America” non risolve il problema e sarà anche un metodo per ampliare “abissi” e suscitare “risentimenti. ”

“Secondo i rapporti ricevuti da alcuni paesi in Europa hanno emesso orientamenti per incoraggiare i cittadini a spiare i musulmani.
Questo comportamento è ingiusto e sappiamo tutti che perseguire l’ingiustizia ha la caratteristica della reversibilità indesiderata “, ha aggiunto il leader.

Ayatollah Khamenei ha detto che i musulmani non meritano di essere maltrattati nei paesi occidentali, ricordando quanto i mussulmani hanno trattato bene gli occidentali.

Il leader crede che i giovani occidentali debbano sperimentare il “calore della sicurezza e di pace” optando per l’interazione con la comunità musulmana.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.