I ricercatori riferiscono che il numero di bambini infetti da COVID-19 è molto più ampio di quanto riportato

0
199

Il numero di bambini infettati dal coronavirus è molto più ampio di quanto riportato attualmente: un dettaglio nascosto che potrebbe ampiamente sottovalutare la domanda di sistemi sanitari e unità di terapia intensiva pediatrica (PICU).

Un nuovo studio pubblicato sul  “Journal of Public Health Management and Practice”  dell’Università della Florida del Sud (USF) e dell’Istituto femminile per l’indagine sociale indipendente (WiiSE), stima che per ogni bambino che necessita di terapia intensiva per COVID-19 , ci sono 2.381 bambini infettati dal virus.

Questo calcolo segue un rapporto del Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie in merito al suo studio clinico su oltre 2.100 bambini in Cina con COVID-19.

Secondo il registro nordamericano, Virtual PICU Systems, 74 bambini negli Stati Uniti sono stati ammessi ai PICU tra il 18 marzo e il 6 aprile, segnalando che altri 176.190 bambini sono stati probabilmente infettati durante questo periodo di tempo.

I bambini di età inferiore ai 2 anni rappresentavano il 30 percento dei casi, il 24 percento aveva un’età compresa tra 2 e 11 anni e il 46 percento dei casi PICU erano bambini di età compresa tra 12 e 17 anni.

I ricercatori affermano che se fino al 25% della popolazione degli Stati Uniti viene infettata dal coronavirus entro la fine del 2020, 50.000 bambini con malattie gravi dovranno essere ricoverati in ospedale, con 5.400 dei quali gravemente malati e che richiedono ventilazione meccanica.

I rapporti clinici indicano che la durata media della degenza pediatrica in COVID-19 è di 14 giorni. 

Secondo un’indagine nazionale volta a valutare la capacità di terapia intensiva pediatrica negli Stati Uniti e pubblicata su “Critical Care Medicine”, ci sono circa 5.100 letti PICU negli Stati Uniti

Questo è un grafico dello studio
Numero previsto di bambini di età compresa tra 0 e 17 anni negli Stati Uniti che richiederanno il ricovero per COVID-19 durante il 2020. L’immagine è accreditata a USF.

“Sebbene il rischio di malattie gravi da COVID-19 sia inferiore nei casi pediatrici rispetto agli adulti, gli ospedali dovrebbero essere preparati e disporre delle attrezzature e dei livelli di personale adeguati per far fronte a un potenziale afflusso di pazienti più giovani”, ha affermato l’autore Jason Salemi, professore associato di epidemiologia presso l’USF College of Public Health.

“I funzionari governativi e i decisori politici dovrebbero comprendere la probabilità di problemi di capacità, il che sottolinea l’importanza di strategie di mitigazione efficaci come il lavaggio delle mani frequente e approfondito e misure di allontanamento sociale persistenti”.

Il coronavirus pediatrico è estremamente complesso, poiché molti ospedali vietano ai visitatori di implementare protocolli di distanza sociale e di quarantena.

Un custode può anche essere infetto, il che richiederebbe sistemazioni logistiche e di controllo delle infezioni che mettono a dura prova le risorse ospedaliere. In caso di dimissione ospedaliera, i bambini piccoli potrebbero non essere in grado di conformarsi in modo indipendente al controllo delle infezioni domestiche e alle raccomandazioni di autoisolamento.

I ricercatori sottolineano che il tasso di infezione sarà molto più elevato per i bambini delle famiglie a basso reddito con genitori impiegati e impieghi, che precludono la possibilità di lavorare da casa.

Vi è anche un rischio maggiore per i bambini che vivono in progetti di edilizia pubblica urbana a causa della stretta vicinanza di unità abitative e piccole aree ricreative comuni e comuni.

Gli autori dello studio raccomandano tutti i dipartimenti sanitari statali e il CDC inizia a riportare i casi confermati di COVID-19 in tabelle specifiche per età , usando i gruppi di età standard di 5 anni per la sorveglianza della salute e rende i dati disponibili al pubblico.


Principali risultati e misure: 

Proporzioni di gravità pediatrica adeguate e proporzioni di criticità pediatrica adeguate sono state derivate da studi di modellizzazione clinica e spazio-temporale dell’epidemia COVID-19 in Cina per il periodo gennaio-febbraio 2020.

Le stime del totale dei bambini infetti da SARS-CoV-2 negli Stati Uniti fino al 6 aprile 2020 sono state calcolate utilizzando i casi di unità di terapia intensiva pediatrica (PICU) negli Stati Uniti e la proporzione di criticità pediatrica adattata.

Il numero previsto di bambini gravemente e gravemente malati con COVID-19 è stato derivato applicando le proporzioni di gravità e criticità adeguate ai dati della popolazione degli Stati Uniti, in diversi scenari di proporzione cumulativa di infezione pediatrica (CPIP).

risultati: 

Al 6 aprile 2020, c’erano 74 bambini che erano stati ammessi ai PICU in 19 stati, riflettendo una stima di 176 190 bambini a livello nazionale infettati con SARS-CoV-2 (52 381 neonati e bambini di età inferiore ai 2 anni, 42 857 bambini di età 2-11 anni e 80 952 bambini di età compresa tra 12 e 17 anni).

In uno scenario CPIP del 5%, ci sarebbero 3,7 milioni di bambini infetti da SARS-CoV-2, 9907 bambini gravemente malati che richiedono il ricovero in ospedale e 1086 bambini gravemente malati che richiedono il ricovero PICU.

In uno scenario CPIP del 50%, 10 865 bambini avrebbero richiesto l’ammissione PICU, 99 073 avrebbero richiesto il ricovero per polmonite grave e 37,0 milioni sarebbero stati infettati con SARS-CoV-2.


Fonte:
USF

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.