E’ caldo all’esterno. Questa macchina potrebbe essere la risposta al riscaldamento globale

0
1381

Il Professore Weizmann ed un imprenditore hanno brevettato un dispositivo che estrae il biossido di carbonio dall’atmosfera e lo trasforma in combustibile. Dicono che ha il potenziale per salvare la vita sul nostro pianeta.

Se l’estate scorsa sentivate caldo, non è la vostra immaginazione.
I meteorologi prevedono che il 2015 finirà per essere l’anno più caldo mai registrato. Vi è consenso scientifico che il colpevole è il riscaldamento globale, causato dalle emissioni di anidride carbonica.

Tuttavia, il riscaldamento globale è un problema che fa drizzare i capelli e questo perché la combustione, la reazione chimica responsabile per l’industria moderna, produce anidride carbonica (CO2) e l’anidride carbonica produce il riscaldamento globale.
E ‘un fatto naturale che non possiamo sperare che scompaia, finora non siamo disposti a  rinunciare ai comfort moderni di elettricità, automobili, grattacieli e tecnologia avanzata.
L’umanità è intrappolata nella tragedia della propria creazione – i nostri più grandi successi potrebbero presto portare alla nostra estinzione biologica.

O forse no.

Se solo potessimo sbarazzarsi di tutta l’anidride carbonica nell’atmosfera convertendolo di nuovo in idrocarburi e ossigeno – una specie di combustione inverso – la terra potrebbe essere salvato. Naturalmente questo richiede energia, che è Il motivo che abbiamo del combustibile bruciato in primis. E ‘possibile piegare le leggi della natura e ottenere qualcosa per niente?

Questo è esattamente ciò che una società israeliana, New CO2 Fuels , si propone di fare. Basato su una ricerca sviluppata dal Weizmann Institute di Scienze della Terra professor Jacob Karni, l’azienda prende CO2 catturato e utilizza energia rinnovabile per riconvertirlo in carburante, riducendo la necessità di estrazione di combustibili fossili e ridurre le emissioni di CO2. Non solo, ma il processo è vantaggioso.

Come  il motore a combustione interna sconvolgere l’equilibrio della Terra

David Banitt, amministratore delegato e co-fondatore, spiega che tutti i nostri problemi climatici è iniziato con il motore a combustione interna. Fino a 150 anni fa, spiega, la terra esisteva in una sorta di armonia.

David Bannit (Courtesy)David Bannit (Courtesy)

“I nostri corpi assorbono ossigeno e si combinano con il cibo che mangiamo per produrre energia. Emettiamo anidride carbonica quando respiriamo. Ma l’anidride carbonica espirata dagli animali viene assorbita dalle piante e alberi che utilizzando l’energia del sole, trasformano nuovamente in carbonio (carboidrati) che crea il loro tronco e rami ed emettendo ossigeno nell’atmosfera. ”
Questo equilibrio naturale, dice Banitt, fu turbato quando i nostri antenati umani quando crearono il fuoco, combinando il carbone in legna da ardere con l’ossigeno dell’aria per produrre energia e CO2. Ma la quantità di CO2 in eccesso erano molto piccole e la natura stessa riusciva a regolarla. Una volta che abbiamo iniziato a bruciare carbone e olio combustibile, tuttavia, non c’erano abbastanza piante per assorbire tutti gli eccessi di CO2.

“I quantitativi sono immensi. Al momento l’umanità sta emettendo 40 miliardi di tonnellate di CO2 l’anno al di sopra dell’equilibrio naturale. Il problema è che il gas CO2 emessa in atmosfera crea una sorta di coperta che impedisce al calore di lasciare l’atmosfera per andare nello spazio, e questo sta causando le temperature a salire lentamente, che è il cambiamento climatico “.

Una ventina di anni fa, dice Banitt, gli scienziati hanno sviluppato tecnologie per catturare fino al 90 per cento delle emissioni di CO2 prima che colpiscano l’atmosfera.

“Ma la tecnologia è costosa, e poi ci sono 40 miliardi di tonnellate di anidride carbonica ogni anno. Che cosa fare con tanta CO2 ?
L’idea originale era di seppellirlo in formazioni geologiche, ma è come impostare una bomba che detonerà tra 200 anni da oggi. ”

In effetti, alcuni scienziati sostengono che seppellire l’anidride carbonica può innescare terremoti e che anche un piccolo terremoto può causare perdite in grado di sconfiggere lo scopo della sepoltura.
Secondo Banitt, ci sono una manciata di aziende in tutto il mondo che ti permettono di fare qualcosa di utile con l’anidride carbonica volta catturato.
New CO2 Fuels consente di sbarazzarsi di biossido di carbonio e fare soldi nel processo.
“Abbiamo praticamente riciclare l’anidride carbonica.”
New CO2 Fuels fa è invertire il processo di combustione.
Prende CO2 ed estrae l’ossigeno iniettando energia in esso.

“Abbiamo estratto l’ossigeno – che è un buon prodotto a sé stante. Abbiamo ora il monossido di carbonio (CO) e l’idrogeno. Questo è un gas noto come syngas (gas di sintesi) e ci sono un sacco di persone in tutto il mondo che sanno come convertire in metanolo, etanolo, benzina, cherosene ammoniaca, urea, plastica,r tutto quello che altro vogliono “.
Da dove prendere l’energia per fare questo?
“Siamo in grado di prenderla da sole. E ci sono molte industrie che producono un sacco di calore che viene sprecato. Per esempio, acciaierie bruciano un sacco di carbone e gas per fondere il minerale. E ‘lo stesso con il vetro, cemento e altri metalli. ”

One of two prototypes of the machine that converts heat and carbon dioxide into oxygen and fuel. (Courtesy)One of two prototypes of the machine that converts heat and carbon dioxide into oxygen and fuel. (Courtesy)

Bannit dice che è un gioco da ragazzi per un’acciaieria di utilizzare la sua tecnologia. “Hai un sacco di calore che si sta sprecando. Hai un sacco di CO2 che il devi ridurre . Invece di sprecare entrambi, mettili nel nostro sistema per generare carburante, plastica o fertilizzanti. ”
Sì, ma se la gente va fuori e bruciare i combustibili come stai riducendo le emissioni di CO2?
“Immaginate un impianto siderurgico che emette 10 milioni di tonnellate di CO2 l’anno.
L’impianto si trova accanto a una città con 20.000 vetture che emettono un altro milione di tonnellate di CO2 all’anno.
Invece di acquistare olio dalla compagnia petrolifera, la città può acquistare il carburante dal acciaieria, che ha generato con il suo calore e CO2.
In precedenza, era di 11 milioni di tonnellate di emissioni di anidride carbonica.
Ora si prende un milione di tonnellate di CO2 l’acciaieria e converte di nuovo a combustibile.
In modo da avere solo 10 milioni di tonnellate di emissioni. ”

Il dono della fotosintesi

In altre parole, il processo di New CO2 Fuels è una sorta di fotosintesi artificiale.
Così come le piante assorbono anidride carbonica e calore dal sole e li trasformano in ossigeno e energia immagazzinata, New CO2 Fuels  fa lo stesso, ma ad un tasso molto più veloce rispetto alla natura.

Secondo Bannit un’acciaieria “standard”  che produce 5 milioni di tonnellate di acciaio all’anno produce rifiuti per 500 MW di calore ed emette circa 9 milioni di tonnellate di CO2 (o quasi il doppio della quantità di CO2 rispetto all’acciaio).

“Se tutto il calore fosse reso disponibile per il nostro sistema e nel caso producessimo  metanolo (il che significa che parte dell’energia viene utilizzata per dissociare l’acqua) allora processeremo il 5% delle emissioni di CO2.
Tuttavia, se il sistema è utilizzato per dissociare solo CO2 allora sarebbe il 15%.
Questi sono numeri molto grandi.
I produttori di acciaio hanno cifre molto più modeste, come il 2% e sono estremamente felice.
L’obiettivo per i produttori di acciaio in Corea è di ridurre le loro emissioni del 6% entro il 2020.
Bannit dice che il suo sistema può utilizzare sia i rifiuti di calore che di energia elettrica da fonti rinnovabili, ed ottenere il massimo della resa di riciclaggio tramite l’utilizzo di energia elettrica da fotovoltaico o vento quindi in teoria si potrebbe convertire tutte le emissioni di un impianto.
New CO2 Fuels  ha una manciata di concorrenti, tra cui CRI in Islanda, che sfrutta l’energia geotermica per la produzione di metanolo, e Liquid Light statunitense. Bannit dice che tecnologia brevettata del professor Jacob Karni permette NCF per convertire CO2 in carburante è il modo più efficiente con i costi inferiori rispetto agli altri.

Nel 2014, New CO2 Fuels ha vinto il prestigioso World Technology Award, presentato alle Nazioni Unite, per la categoria energia aziendale.
L’azienda ha ricevuto borse di studio dal governo israeliano per i l’Amministrazione dei Combustibili Alternativi .
Finora, hanno due prototipi funzionanti e sono impostati per essere installati entro un anno e mezzo in due impianti industriali in Europa e in Israele .
Bannit ha dichiarato : “Abbiamo avuto $ 12 milioni di finanziamenti e siamo alla ricerca di più finanziamenti”.
“I prototipi sono costosi e la prova è costosa. Siamo alla ricerca di altri $ 10 milioni, e $ 6 milioni, dopo questo “.

Un futuro di combustibili rinnovabili

“In questo momento siamo targeting per acciaierie”, dice Bannit “, ma in futuro immaginiamo le nostre unità di lavoro nel deserto, con solo il sole come fonte di energia e CO2 dall’atmosfera comune. Possiamo generare combustibile. E ‘un circuito chiuso. ”

Perché non utilizzare le energie rinnovabili per cominciare?

“L’umanità non si arrenderà a combustibile; non può. Il sole e vento non sono sempre lì quando ne avete bisogno. Ma se siamo in grado di farlo da fonti totalmente rinnovabili e CO2 dall’atmosfera, allora invece di combustione del carburante, saremo riciclare tutto da energia rinnovabile. “

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.