Il parlamento giordano accusa ‘il nemico israeliano’ di terrorismo di stato

0
1215

I legislatori di Amman condannano ‘i crimini barbarici “commessi contro i palestinesi in Cisgiordania, a Gaza
MAN, Giordania – Il parlamento giordano Sabato ha accusato Israele di “terrorismo di Stato” contro il popolo palestinese dopo che le forze israeliane hanno ucciso sette abitanti di Gaza e il ferimento di altri più di 140 negli scontri di frontiera nella fascia costiera.

“Il nemico israeliano, minando i diritti dei palestinesi e delle loro terre … e sui loro luoghi sacri, sta esercitando il terrorismo di stato sotto gli occhi di tutto il mondo,” il parlamento lo ha dichiarato tramite l’agenzia di stampa statale Petra.

I legislatori in Giordania, uno dei due soli paesi arabi insieme con l’Egitto ad avere un trattato di pace con Israele, ha condannato “i crimini commessi dalle forze israeliane in Cisgiordania ed a Gaza.”

Dopo diversi giorni di scontri mortali in Cisgiordania e in Israele, la violenza si è diffusa Venerdì alla Striscia di Gaza.

Le vittime palestinesi sono il risultato di azioni militari israeliani “barbariche e razziste” violando le leggi internazionali e umanitarie.

Hanno accusato la comunità internazionale di “non muovere un dito per fermare queste politiche razziste e detestabili che stanno spingendo la regione ed il mondo verso una maggiore violenza e instabilità”.

Della Giordania il ministro dell’Informazione Mohammed Momani, da parte sua, ha avvertito che le azioni israeliane potrebbero “distruggere tutti gli sforzi di pace nella regione.”

L’esercito israeliano ha detto che disordini scoppiati Venerdì est di Gaza City e Khan Yunis.
C’era stato “più tentativi violenti di prendere d’assalto la recinzione di confine” e “1.000 rivoltosi si  sono infiltrati nella zona cuscinetto”, lanciando una granata “, rocce,  copertoni in fiamme” contro i soldati.

“Dopo ldiversi colpi di avvertimento, le forze sul posto hanno risposto con il fuoco verso gli istigatori principali al fine di prevenire la loro avanzata e disperdere la rivolta”.

Più tardi un razzo sparato in Israele è esploso nella regione di Eshkol, causando feriti.
Israele ha detto Sabato che aveva schierato le batterie anti missile Iron Dome nelle città meridionali di Beersheba e Ofakim, in aggiunta a quelle già dislocate a Sderot e Netivot, per quanto riguarda la crescita di una escalation del fuoco di razzi.

Venerdì è stato il giorno peggiore della violenza nell’enclave palestinese dopo la guerra della scorsa estate tra Hamas e Israele.

Fino a Venerdì, l’agitazione è stata limitata per lo più in Cisgiordania e in Israele. Un’ondata di attacchi contro gli israeliani è iniziata a Gerusalemme settimane fa su quello che Israele sostiene siano infondate voci palestinesi che affermavano l’espansione israeliana su l Monte del Tempio, sacro per entrambi i musulmani ed ebrei.
Da allora i disordini si sono diffusi al resto del paese.

Gli ultimi giorni hanno visto avverarsi una serie di attacchi terroristici da parte di giovani palestinesi armati di articoli per la casa, come coltelli da cucina, cacciaviti e anche un pelapatate.
I giovani non avevano ‘formalmente’ legami con gruppi armati e hanno preso di mira soldati e civili israeliani a caso, complicando gli sforzi di sicurezza per prevedere o prevenire gli attacchi.

L’imprevedibilità e la brutalità degli assalti, insieme alla giovane età di alcuni degli aggressori, hanno scioccato gli israeliani e sollevato i timori che una nuova Intifada palestinese – o rivolta – potrebbero essere in corso.

I leader di entrambe le parti hanno chiesto alla popolazione il ripristino della calma.
Netanyahu ha vietato ai  ministri del Governo e parlamentari di visitare i siti sensibili in Gerusalemme, temendo eventuali ulteriori  tensioni.

Il presidente dell’Autorità palestinese Mahmoud Abbas ha detto al suo popolo che non avevano alcun interesse a ulteriori violenze e si è impegnato a “pacificare la resistenza popolare”.
Tuttavia, ha espresso sostegno per i manifestanti che si sono scontrati con la polizia israeliana di al-Aqsa nel lancio di pietre, bombe incendiarie e fuochi d’artificio.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.