Israele : guerra informatica è esistenziale e prioritaria economicamente

0
1414

TEL AVIV – Le Forze di Difesa israeliane stanno rivolgendo la loro attenzione su un nuovo fronte: la guerra nel cyberspazio.
Nel tentativo di coordinare ciò che fino ad ora era stato svolto disgiuntamente dalle azioni dell’esercito, il capo dell’esercito israeliano ha recentemente annunciato la creazione di una speciale unità per la cyber guerra .

L’unità sarà simile ai comandi informatici stabiliti negli ultimi anni in altre strutture militari in tutto il mondo.
In Israele, questo è anche visto come un potenziale spinta per l’economia, come la formazione professionale di soldati delle unità operative, permettendogli di formarsi tecnicamente nel settore high-tech di Israele.
Il risultato potrebbe essere un boom di start-up israeliane.

Nella guerra cibernetica globale, i presidenti di Russia e della Corea del Nord sono i nemici.
L’estate scorsa una fonte di alto livellodella Corea del Sud ha dato la possibilità di dare uno sguardo alle intrigatissime attivita di cyber guerriglia e degli interessi che ci sono.
Le due Coree sono state impegnate in una cyber ostilità da diversi anni.
Gli hacker affiliati con la Corea del Nord attaccano le aziende della Corea del Sud e delle infrastrutture civili quali aeroporti e ministeri governativi.
Un grande offensiva di due anni fa ha visto attaccate le banche, gli sportelli bancomat e le emittenti televisive della Corea del Sud .

“Difendersi da tali attacchi passa attraverso i consueti canali diplomatici”, lo  ha detto la fonte sudcoreana.
“Ma molte volte ci troviamo ad affrontare situazioni in cui abbiamo bisogno di contare su una potenza straniera come la Cina o la Russia. Noi non sempre riceviamo l’assistenza che vorremmo. Spesso abbiamo bisogno di contare sulla loro buona volontà e fiducia .”

Combattere le unità di cyber hacker del presidente della Corea del Nord Kim Jong-un  richiede una sofisticata diplomazia, perché, come spiega la fonte, gli hacker sono in realtà basati in Cina e addestrati dalle unità di hacking cinesi e nordcoreani.

Per il presidente russo Vladimir Putin, lo scorso anno è stato particolarmente turbolento, con il crollo dei prezzi del petrolio, un tracollo economico e le sanzioni imposte alla Russia dopo l’annessione della Crimea.
Tuttavia, il supporto per Putin è in crescita, e la Russia è molto attiva in ambito informatico.
Gli attacchi russi hanno preso di mira gli Stati Uniti, comprese le strutture federali e grandi aziende, soprattutto nel settore finanziario.

Hacking per il riscatto

Gli hacker di oggi non sono più il mago del computer adolescente che ha trovato il modo di infiltrarsi nei computer di una società.
Il vasto spazio virtuale, a fianco la pletora di opportunità di business che offrono  generosi compensi, sta attirando una nuova generazione di hacker: professionisti di informatica con vasta conoscenza della programmazione e poco interesse per l’etica. In passato, gli hacker potrebbero essere stati lupi solitari che hanno collaborato in linea.
Oggi sono veri professionisti che vengono assunti da organizzazioni e governi.

Un’attività sempre più popolare tra questo corpo di soldati digitali è di hacking a scopo di estorsione.
Cioè, penetrare in organizzazioni, minacciando poi di rivelare informazioni a meno che non venga pagato un riscatto.
Hacker professionisti lavorano non solo per le aziende, ma anche offrire i propri servizi a chiunque sia disposto a pagare, compresi eserciti e governi.

Check Point, Impreva, Palo Alto, Trusteer, WatchDox.
Questo è solo un elenco parziale delle aziende con le quali l’imprenditore israeliano Shlomo Kramer è stato coinvolto.
Ha iniziato con l’industria a Check Point con Gil Shwed e Marius Nacht, e ora è considerato una figura di spicco in entrambi i settori informatici israeliani e Silicon Valley.

Kramer ha lasciato Check Point dopo varie dispute con Shwed sul modo in cui la società era  gestita.
Nel 2002, ha iniziato Impreva, una società che affronta l’abuso delle banche dati da utenti interni ed è ora è valutata $ 2 miliardi.
Kramer è sia il presidente della Impreva e CEO di Cato Networks, ed è anche un investitore attivo in molte aziende.
In realtà, egli è un hedge fund one-man.
Nella maggior parte dei casi, le società in cui investe  diventano popolari tra gli altri fondi e investitori.

Ventidue anni dopo che Check Point è stata fondata, fondatore e CEO (fino ai primi di settembre) Shwed può guardare indietro con orgoglio, ma anche con un po ‘di paranoia.

L’azienda che ha inventato la sicurezza dei dati vendendo il primo firewall si trova ora ad affrontare la concorrenza.

Rival Palo Alto Networks, fondata negli Stati Uniti da Check Point ed alunno di Nir Zuk, è stato dato a Shwed in un momento difficile come gli ultimi anni.
In termini di business, Check Point ha un vantaggio su Palo Alto, ma quest’anno il secondo ha anche mostrato una crescita impressionante in termini e valore, superando Check Point.
Le previsioni di Morgan Stanley per Check Point sono pessimistiche.

Il cambiamento nel mondo degli affari ha anche reso Shwed più vigile.
Il dirigente ha vinto la sua diffidenza di acquisizione e fusioni con aziende israeliane ed ha comprato Hyperwise e Lacoon.
Il primo che si basa su una tecnologia che protegge da malware, avrebbe dovuto essere la risposta di Shwed all’acquisizione di ditta israeliana Cyvera da Palo Alto. Ma il suo shopping non è finito e Check Point sta prendendo in considerazione più acquisti.

L’azienda non ha ancora soluzioni per la sicurezza virtuale, la sicurezza fisicae di infrastrutture adeguate ai pericolosi attacchi informatici coordinati.

Check Point ha sviluppato una tecnologia basata su firewall e protezione delle reti organizzative.
Nella sua seconda generazione, le aziende informatiche israeliane come Palo Alto Networks e CyberArk hanno sviluppato tecnologie che completano il firewall.
Bisogna notare che negli ultimi anni il cyberspazio sta affrontando nuove minacce e nuovi eroi cibernetici – questa è la terza generazione – che lavorano sullo sviluppo di tecnologie che vanno oltre gli attacchi .

La terza generazione è rappresentata da poche decine di aziende che hanno  raccolto milioni di dollari in investimenti.
Generano redditi di decine di milioni di dollari e servono le organizzazioni di difesa più sensibili del mondo.

Tra queste aziende sono Adallom, che è stato venduta il mese scorso alla Microsoft ad una valutazione di $ 250 milioni e si occupa di sicurezza dei dati delle applicazioni cloud-based; Cybereason, ha raccolto $ 30 milioni, con un valore di circa $ 100 milioni e si occupa di frenare e contenere gli attacchi informatici stile doom’s day;  Ensilo, che ha raccolto 13 milioni di $ e sviluppa una tecnologia per la prevenzione degli exfiltration.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.