Israele tecnologia per proteggere i sistemi idrici di New York da attacchi informatici

0
1356
(L to R) Major General James A. Hayer, US Army; Zohar Yinon, CEO of Hagihon; Kevin Harry, US Army; Steve Levitz, DEP Director (Dima Kreminski)

New York- agenzia ambientale, Gerusalemme diventerà il fornitore di servizi per difendere le risorse infrastrutturali dal terrorismo.

New York City e Gerusalemme lavoreranno insieme per mantenere le rispettive forniture di acqua sicure, secondo un nuovo accordo firmato tra la New York Department of Environmental Protection (DEP) e Hagihon fornitore d’acqua di Gerusalemme.
Secondo l’accordo, le due agenzie svilupperanno le difese contro “terroristi” che prendono di mira le infrastrutture delle reti, al fine di interferire con la fornitura di acqua pulita e sicura per abitazioni e aziende.

Come la maggior parte delle infrastrutture – compresi i sistemi dell’elettricità e del gas – la depurazione delle acque e impianti di distribuzione, nonché di bonifica delle acque reflue e sistemi di smaltimento sono controllate oggi da computer, spesso utilizzando SCADA (controllo e acquisizione dati di tecnologia di controllo), un tipo di sistema informatico automatizzato che controlla macchine , sistemi di trasporto, stazioni di benzina, utenze e reti elettriche.
Ma i sistemi SCADA rappresentano una grande sfida della sicurezza informatica, ha dichiarato Eugene Kaspersky, Chairman e CEO di Kaspersky Lab.
Parlando in Israele in una conferenza cybersecurity nel mese di giugno, il guru della sicurezza informatica ha detto che mentre gli hacker stanno attualmente utilizzando i loro talenti per rubare i soldi, per la maggior parte, il sabotaggio delle infrastrutture – come reti elettriche e reti idriche – rappresenta una grave minaccia per i governi di tutto il mondo.

“C’è un esercito internazionale composto da decine di migliaia di ingegneri che stanno sviluppando sistemi per bloccare malware per proteggere i sistemi SCADA “, lo ha dichiarato Kaspersky.

Israele, nota per la sua tecnologia di sicurezza informatica, è il posto giusto per la ricerca di sistemi finalizzati alla difesa dagli attacchi alle infrastrutture, lo ha detto Zohar Yinon, CEO di Hagihon.

“Questo accordo ci aiuterà a stabilire i criteri necessari per difendere i sistemi contro attacchi informatici, e saprà anche dare un impulso alle imprese di sicurezza informatica israeliane, consentendo loro di implementare la loro tecnologia negli Stati Uniti.”
Questo non è il primo accordo di sicurezza informatica per le infrastrutture tra Israele e New York.
L’anno scorso, BIRD,  Israel-US Binational Industrial Research and Development Foundation, ha annunciato che stava fornendo una borsa di $ 900.000 per aiutare la New York Power Authority (NYPA) e mPrest di Israele a sviluppare un software che possa rilevare rapidamente malfunzionamenti ai trasformatori di potenza prima che possano causare grandi problemi sulla rete elettrica.
L’assistenza alla ricerca sarà fornita dalla Electric Power Research Institute (EPRI).

Con sede a Yokne’am, mPrest è stato uno dei principali progettisti del sistema Iron Dome, lo sviluppo delle formule matematiche e scientifiche che dirigono il sistema di difesa missilistico per mettere fuori i missili nemici.
L’anno scorso, mPrest ha utilizzato la stessa tecnologia per sviluppare un sistema per rilevare segnali di problematiche su una rete elettrica in modo da  spegnere automaticamente l’alimentazione o effettuare il reinstradamento per garantire che le forniture elettriche.

Quella tecnologia è stata implementata in Israele sotto forma di Electricity Information Grid, un sistema progettato per tenere d’occhio i flussi di dati sull’energia elettrica erogata e per assicurare che non c’è nulla di male nel modo in cui l’energia viene distribuita sulla rete elettrica.
La versione locale del progetto è stato avviata lo scorso novembre con la Israel Electric Corporation ed ora è pronta per essere esportata nella NYPA.
Steve Levitz, che è a capo DEP, ha detto che era “molto soddisfatto” con l’accordo, aggiungendo che si tratta di una necessità di regolamentazione.
“Dobbiamo fare in modo che siamo pronti ad affrontare la preoccupante tendenza di attacchi informatici che sono sempre più sofisticati”.
“Insieme”, ha aggiunto, “New York e Gerusalemme saranno in grado di trovare i sistemi di difesa per garantire che le loro popolazioni abbiano accesso ad acqua pulita e sicura.”

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.