‘Nessuna Back Door’: Il CEO di Apple dice che la crittografia è ‘un must’ nel mondo di oggi

0
1125

Apple ha ribadito la sua promessa di non corrompere la crittografia delle “back doors” nei suoi prodotti.
La decisione segna una vittoria per i sostenitori della privacy e un rifiuto dell’obiettivo del governo di ottenere le chiavi di crittografia.
CEO Tim Cook ha dato l’annuncio davanti a un pubblico in WSJLive Lunedi, dicendo che la privacy dei dati è una grande preoccupazione per Apple, società di tecnologia più grande e più importante del mondo.
Cook è stato a lungo un avversario di programmi di monitoraggio dei clienti ed è stato prudente nel bilanciare le preoccupazioni delle forze dell’ordine e le preoccupazioni sulla privacy dei clienti, Edward Snowden ha rivelato i programmi di sorveglianza digitali della National Security Agency per il targeting americani di due anni fa.
I suoi commenti arrivano anche su come il governo degli Stati Uniti ha fatto aperture alle aziende della Silicon Valley, sperando di creare una politica della “back doors” che potrebbe sancire l’accesso delle forze dell’ordine ai dati sensibili degli utenti memorizzati sui propri server.

“Vogliamo che la nostra nazione sia sicuro?
Naturalmente “, ha detto Cook. ”
Nessuno dovrebbe decidere tra la privacy o sicurezza.
Dovremmo essere abbastanza intelligente per fare entrambe le cose.
Entrambe queste cose sono essenzialmente parte della Costituzione “.

Due settimane fa, il direttore dell’FBI James Comey ha annunciato nel corso di un’audizione al Senato che l’amministrazione Obama non avrebbe forzato la legislazione in cerca di backdoor,  ha invece dichiarato che le autorità avrebbero “continuare le conversazioni con l’industria.”
Cook ha riconosciuto che una “back door” non sarebbe così male se riferita solo a “persone cattive”, ma ha avvertito che “non si può avere una back door che è solo per i buoni.”

“Questo non è il mondo. E sono convinto che la cosa migliore nell’interesse di tutti è che ognuno sia bloccato “, ha aggiunto.

Fortune ha riferito che il governo americano chiede abitualmente alle grandi aziende come Apple i dati utente e la cooperazione nelle indagini di sicurezza nazionale. Molte aziende hanno già rafforzato la loro sicurezza per impedire lo spionaggio del governo.
Le aziende tecnologiche hanno denunciato richieste fatte dalle forze dell’ordine per rilasciare informazioni digitali dei loro utenti .
Google dice che le richieste sono più che triplicate negli ultimi cinque anni, mentre Twitter ha segnalato un salto di 52 per cento di richieste rispetto allo scorso anno.

“Stanno dicendo: ‘Sono buoni, quindi è bene per loro sapere,'” ha detto Cook, riferendosi all’argomento del governo.
«Ma non è la situazione attuale. Se qualcuno può ottenere in dati è soggetto a poter effettuare un grande abuso “.

Mentre le aziende tecnologiche continuano a capire come destreggiarsi tra le richieste del governo e impedire agli utenti defezione dei loro servizi, lo stato della California ha preso misure aggressive per sostenere protezioni costituzionali.
Il governatore della California Jerry Brown ha recentemente firmato un punto di riferimento per quanto riguarda la legge di tutela della privacy digitale, questo mese, richiedendo alla polizia di ottenere un mandato prima di poter accedere a qualsiasi tipo di dati digitali prodotti o contenuti all’interno di un dispositivo o di un servizio.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.