TURCHIA : CONTRASTI CON ALLEATI NATO

0
1371

La Turchia entra in contrasto con gli alleati della NATO sul ruolo dei curdi nella lotta contro ISIL

Il presidente turco Tayyip Erdogan Turchia è impegnato “a fare ciò che è necessario” per fermare curdi dal poter dichiarare l’autonomia nella città di confine di Tel Abyad, situata vicino al confine turco –  Tayyip Erdogan il presidente del paese lo ha detto ai media.
I progressi fatti dai curdi siriani per l’ottenimento dell’indipendenza, guidati dal Partito dell’Unione Democratica (PYD), hanno irritato Ankara che vede i loro piani come una minaccia per la sicurezza nazionale della Turchia, presupponendo che potrebbero rifornire il separatismo tra curdi turchi.

Aerei da combattimento turchi hanno attaccato i curdi siriani armati della People’s Protection Units (YPG) dopo che i curdi siriani hanno sfidato gli ordini di Ankara di non attraversare la zona occidentale del fiume Eufrate.
I combattenti YPG ei loro alleati peshmerga curdi nel nord dell’Iraq hanno svolto un ruolo chiave nella lotta contro ISIL.

Alla luce della sua incapacità di trovare partner in Siria per combattere ISIL, Al Nusra e altre organizzazioni terroristiche , gli Stati Uniti hanno cercato di collaborare con il YPG.

Il generale in pensione John Allen ha testimoniato davanti AL Washington’s Senate Foreign Relations Committee sulle strategie in  Medio Oriente,  ha detto che gli Stati Uniti erano in un ” processo diplomatico molto delicato”, nel tentativo di lavorare con la Turchia e la YPG allo stesso tempo.
Kurdistan Workers Party della Turchia (PKK), che è affiliato con il PYD e resta segnalato come un gruppo terroristico dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti.
Tuttavia, Erdogan ha accusato il PYD di attuare azioni di “pulizia etnica” nella zona, dicendo che il sostegno occidentale per le milizie curde siriane equivale a sostenere il terrorismo.

“Il PYD sta commettendo pulizia etnica di arabi e turcomanni.
Se i curdi si ritirano e non formano una unione, non c’è problema.
Erdogan ha detto che la Turchia è “determinata a combattere tutto ciò che ci minaccia lungo il confine siriano, dentro o fuori.”
Le sue osservazioni sono venute alla luce dopo che la Turchia ha lanciato una campagna militare su due fronti contro il gruppo Stato Islamico in Siria e il Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK) nel nord dell’Iraq.

La campagna militare turca contro le posizioni dello Stato islamico e del PKK si svolge in mezzo a un escalation della violenza, dopo un attentato suicida in Suruc una città di confine con la Turchia dove sono state uccise 32 persone, la maggior parte di loro curdi, ferite oltre 100 ed uccisi due agenti di polizia nella città meridionale di Ceylanpınar.
L’attentatore suicida in Suruc e stato attribuito ad affiliati con ISIL.
Il PKK ha rivendicato gli omicidi Ceylanpınar, dicendo che i poliziotti avevano appoggiato il gruppo Stato Islamico.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.