MASSIMA PRIVACY : Tor lancia servizio Messenger anti-censura

0
1688

Un nuovo strumento di chat è stato lanciato per migliorare la sicurezza della messaggistica on-line.
Tor Messenger consente agli utenti di chattare sulla rete Tor (The Onion Router) in modo da nasconde la posizione dei partecipanti.
Ciò significa che il contenuto dei messaggi saranno visibili solo ai partecipanti.
Il servizio funziona anche con piattaforme come Facebook, anche nei paesi in cui sono vietate.
Lo strumento è attualmente in beta e sarà oggetto di test di sicurezza.
Gli utenti che lo desiderano potranno rimanere anonimi client di chat od avere libero accesso nei paesi ove  sono stati bloccate le piattaforme di scambio messaggi – basta usare Tor Messenger per chattare tramite servizi come Facebook Chat, Google Talk, Twitter, Yahoo e Internet Relay Chat.
Il programma non comunica con quello che è spesso chiamato il “dark web”, una raccolta di siti web e servizi nascosti, ma piuttosto con l’invio di messaggi attraverso una serie di relè di internet (o router) in modo che la loro origine non possa essere rintracciato.
Questi relè sono chiamati “ponti”.
“Sono i computer gestiti da volontari e nelle zone censurate il computer si collegherà a queste” – lo ha spiegato Steven Murdoch, un ricercatore della sicurezza presso l’University College di Londra che ha lavorato su progetti di Tor.
“Questi servizi non sono elencati pubblicamente – non dovrebbero essere bloccati, anche se l’accesso alla rete Tor è bloccato.”
Inoltre, i messaggi possono essere crittografati per fornire ulteriore protezione. Questa funzione è attivata per impostazione predefinita, anche se entrambe le parti in una chat one-to-one dovrebbero avere settato su off- il-record di crittografia (OTR).
Ciò richiede che le due parti possano scambiare una chiave segreta che è necessaria per decodificare i messaggi che inviano reciprocamente.

“Molte persone hanno realmente bisogno di privacy e sicurezza quindi questo sarebbe importante per loro”, ha commentato Jim Killock, direttore esecutivo della Open Rights Group.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.