USA : Piani per ridisegnare confini Europa

0
1500

In un’intervista esclusiva con Sputnik un politico serbo e esperto di geopolitica Dragana Trifkovic ha condiviso le sue impressioni  sua recente visita in Crimea di un membro della delegazione del blocco patriottico della Serbia e ha spiegato il motivo per cui il Kosovo non può diventare un membro dell’agenzia culturale delle Nazioni Unite (UNESCO).

Commentando la situazione politica nel corso Crimea Russa, l’esperto serbo di geopolitica e il direttore generale del Centro di geostrategici Studi di Belgrado Dragana Trifkovic ha illustrato le analogie geopolitiche tra Crimea e del Kosovo, sottolineando che dopo il crollo dell’URSS, Washington ei suoi alleati della NATO sono stati impegnati ridisegnare i confini dell’Europa a loro discrezione.

“Dal momento della disgregazione dell’Unione Sovietica, gli Stati Uniti hanno ridisegnando i confini in Europa in base alle loro esigenze, a partire dai Balcani. La Serbia è stata bombardata solo perché non ha acconsentito volontariamente l’occupazione americana”, ha detto Trifkovic Sputnik.

Al fine di mantenere il controllo sui Balcani, gli Stati Uniti hanno costruito Camp Bondsteel nel territorio serbo occupato- ha sottolineato l’esperto.
L’ironia della situazione è che Washington stava preparando i piani per creare un altra base militare in Crimea e aveva ripetutamente discusso la questione con le autorità ucraine.
“Non c’è dubbio che la Crimea era nei piani dei militari degli Stati Uniti come un punto ideale per il controllo del Mar Nero. Tutte le basi militari USA e NATO – vedrete che sono installate in modo che circondino la Russia. Il problema più grande per gli Stati Uniti è che sopravvalutano le proprie capacità e hanno iniziato le loro conquiste avendo ambizioni troppo grandi “, ha sottolineato l’esperto serbo.

“I politici americani sono riusciti a liberare la loro aggressività negli anni ’90 e disegnare nuove frontiere, ma questo è più che mai attuale. Sarà necessario correggere i loro errori in futuro”, ha aggiunto.

‘Crimea La gente vive in pace e armonia’

Circa una settimana fa, il direttore del Centro per gli Studi geostrategici ha visitato la Crimea insieme alla delegazione del blocco patriottico serbo e condiviso le sue impressioni di viaggio.
“La delegazione del Blocco della Serbia Patriottica , costituito dal Partito democratico della Serbia e del movimento serbo Dveri, era in visita ufficiale in Crimea. In questa occasione abbiamo incontrato  i vertici della Repubblica, nonché le autorità Simferopol e Yalta, “ha detto Trifkovic a Sputnik.
“Le impressioni sono molto positive”, ha sottolineato Dragana Trifkovic.
“Abbiamo avuto la possibilità di visitare i luoghi storici in Crimea, e chiunque abbia dei dubbi circa il fatto che Crimea è russa, dovrebbero visitare questi luoghi. Abbiamo anche parlato con i residenti di Crimea, le persone che vivono in pace e armonia, e fanno piani importanti per lo sviluppo della penisola che è stata stagnante negli ultimi 23 anni sotto il dominio ucraino “, ha sottolineato, aggiungendo che la gente che vive in Crimea è felice di cambiare le cose.

“Abbiamo visitato Crimea soprattutto al fine di dare il nostro sostegno al ritorno di questo territorio nella sua patria, ma anche per chiedere il sostegno della Russia sul referendum che vorremmo che si svolga in Serbia con la domanda:
” Siete favorevoli alla prosecuzione dell’integrazione europea della Serbia a spese del Kosovo? ”
Il referendum democratico in Crimea è un buon esempio di come si debba rispettare la volontà del popolo”, ha sottolineato Trifkovic.

L’esperto si è lamentato del fatto che il governo serbo non ha ancora riconosciuto la Crimea come una parte della Russia.

Il governo serbo  affermare di rispettare l’integrità territoriale dell’Ucraina, tra cui la Crimea”, ha osservato.
Si pone la questione, se le autorità serbe rispettano l’integrità territoriale della Federazione russa ?
Trifkovic ha elaborato che Belgrado persegue una politica indipendente essendo apparentemente controllata da Washington e Bruxelles.
Alla luce di queste decisioni, è chiaro che vengano fatte a spese degli interessi nazionali della Serbia.
“Popolo serbo sinceramente sostenere il ritorno della Crimea alla sua patria ed anche che rappresenta una speranza  che il Kosovo e Metohija ritornino a far parte della Serbia,” Dragana Trifkovic lo ha sottolineato, aggiungendo che la posizione assunta dal governo serbo non corrisponde con quella della maggioranza dei serbi.
Il popolo serbo apprezza soprattutto il sostegno della Russia alla Serbia nella disputa sul Kosovo e Metohija.

La Russia dà grande sostegno alla Serbia per quanto riguarda il Kosovo e Metohija, che è la questione chiave per noi, ma anche su altre questioni.
Siamo in grado di dare l’esempio per impedire l’adozione della risoluzione vergognosa su Srebrenica alle Nazioni Unite, suggerita dal Regno Unito con l’idea che la responsabilità per gli eventi bellici dovrebbe essere attribuita al popolo serbo.
Siamo sinceramente grati alla Russia per l’enorme supporto che riceviamo “, ha sottolineato Dragana Trifkovic.
A complicare ulteriormente le cose, la leadership serba è predisposta a condurre una politica a doppio standard verso Kosovo e Metohija, secondo l’esperto.

Sebbene la promessa elettorale dell’attuale governo è stata quella di fare ogni sforzo per mantenere il Kosovo e Metohija all’interno della Serbia, hanno apparentemente adottato una politica di pieno abbandono, ha osservato.
“Dal 2012, il Partito progressista serboha deciso il confine tra la Serbia centrale e la provincia meridionale serba del Kosovo e Metohija, firmando una serie di accordi con le autorità incostituzionali illegali di Pristina, che spengono tutte le istituzioni dello Stato della Serbia in Kosovo e praticamente  hanno consegnato il popolo serbo nelle mani dei terroristi albanesi ” – Trifkovic lo ha raccontato, aggiungendo che la chiave per un approccio di tale doppio standard sono gli accordi firmati tra Belgrado e Pristina a Bruxelles, cui entrambe le parti le interpretano in modo diverso.

Nel frattempo, il Kosovo non è riuscito a raccogliere la maggioranza dei voti necessari per aderire all’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura (UNESCO).
Il fallito tentativo UNESCO del Kosovo è stato qualificato come una “vittoria della giustizia e del diritto internazionale” – l’ambasciatore della Serbia in Russia Slavenko Terzic.
Perché è l’ammissione del Kosovo all’UNESCO è considerata inaccettabile dai serbi?
“L’ammissione dello Stato falso del Kosovo da parte dell’UNESCO è inaccettabile se si tiene conto che l’organizzazione si presenta come un’organizzazione educativa, scientifica e culturale, il cui scopo è quello di preservare il patrimonio culturale dei paesi di tutto il mondo,” – Dragana Trifkovic osservato .
“Il Kosovo e Metohija sono parte integrante della Repubblica di Serbia, in base alla risoluzione 1244.
Le autorità installatesi in Kosovo sono illegali e contro la legge, e con il sostegno degli Stati Uniti e l’Unione europea, si sono appropriate del territorio serbo, le sue risorse e le attività “, l’esperto ha sottolineato.
Ma non è tutto…

“Dal momento che l’ONU e la NATO hanno preso il controllo del Kosovo e Metohija, i terroristi albanesi hanno distrutto oltre 150 chiese e monasteri serbi, molti dei quali sono di epoca medievale, 12 ° secolo -15th.
Oltre ai monasteri i cimiteri serbi sono stati distrutti e profanati in quasi tutto il territorio della provincia “- lo ha affermato Trifkovic.
“E ora immaginate che qualcuno decida di mettere il patrimonio culturale della Serbia nelle mani di coloro che lo hanno distrutto e bruciato,” ha sottolineato.
“Da allora in poi, l’UNESCO deve anche accettare ISIL, che distrugge e brucia in Medio Oriente , come un membro a cui i monumenti bruciati sarebbero stati dati in custodia”, l’esperto ha osservato con una punta di amara ironia, aggiungendo che l’offerta del Kosovo era apparentemente sostenuta da Washington, che usa le istituzioni internazionali come strumento politico.

Lunedì, il ministero degli Esteri russo ha sottolineato che “il Kosovo, essendo ancora sotto amministrazione delle Nazioni Unite di transizione (UNMIK), non può essere considerata come uno stato dotato di personalità giuridica e, di conseguenza, non può lottare per l’appartenenza a qualsiasi organizzazione internazionale.”

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.