Bahrain abusi sessuali detenuti, capitale della tortura, nonostante il sostegno del Regno Unito – HRW

0
1471

Bahrain ha torturato i detenuti con scariche elettriche ed abusi sessuali, Human Rights Watch lo ha pubblicato.
Nonostante il re del Bahrein  si è impegnato a porre fine a tale prassi, la tortura e le percosse rimangano comuni, un nuovo rapporto di Hrw, lo dice.
Gran Bretagna, uno stretto alleato della monarchia del Golfo, sta sostenendo che il Bahrain ha riformato le sue forze di sicurezza e sta seguendo le raccomandazioni della sua commissione d’inchiesta indipendente (BICI).
La politica del Regno Unito è “per sostenere il Bahrain nel suo ritorno a uno stato stabile e riformista con un buon record di diritti umani”, ha detto il ministero degli Esteri alla fine del mese scorso.

Tuttavia, HRW lo contesta , dicendo che le “autorità del Bahrein hanno omesso di attuare efficacemente le raccomandazioni BICI sulla lotta contro la tortura,  i nuovi uffici non sono riusciti a realizzare il loro mandato; e le forze di sicurezza del Bahrain continuano a torturare i detenuti con metodi identici a quelli documentati dalla investigazione BICI del 2011, e da Human Rights Watch nel 2010. ”

Un ex prigioniero in Bahrain che ha parlato di HRW ha ricordato come un interrogatore gli disse: “. Io faccio vedere perché Wifaq [partito sciita  di opposizione del Paese] chiama Bahrein la capitale della tortura”
Un altro detenuto ha detto a Human Rights Watch che un ufficiale del Bahrain della Criminal Investigations Direzione del Ministero degli Interni (CID) aveva qualcosa sul  naso e gli disse che era “il sangue delle persone che non collaborano”.

HRW ha intervistato 10 detenuti che hanno dichiarato di aver subito interrogatori coercitivi ripetutamente a CID e nelle stazioni di polizia dal 2012.
Quattro gli ex detenuti del carcere Jaw hanno detto al gruppo di essere stati aggrediti fisicamente all’inizio di quest’anno, a marzo.

Molti hanno detto che gli interrogatori CID si vantavano della loro reputazione per aver torturato i detenuti.
Scosse elettriche, sospensione in posizioni dolorose, compreso per i polsi mentre erano ammanettati, in piedi forzatamente, freddo estremo, e l’abusi di natura sessuale, secondo il rapporto.

Un detenuto, le società dei diritti umani sostengono Hussain Jawad, è stato arrestato nel febbraio del 2015. Ha detto a HRW che durante una sessione di interrogatori un ufficiale gli strinse i genitali, provocando un forte dolore, e gli ha infilato a forza una bottiglia nel suo ano.

Dopo questo, Jawad ha accettato di confessare il coinvolgimento in una protesta violenta presso l’Ufficio del pubblico ministero.
L’avvocato di Jawad non era presente a quella riunione, e Jawad ha detto a un pubblico ministero che egli era stato torturato.
Nonostante le sue affermazioni, il pubblico ministero ha ordinato il ritornò al CID. Jawad ha detto a HRW che gli agenti del CID lo hanno ripetutamente preso a pugni e  calci, gli ha mostrato le immagini del suo giovane figlio sui loro telefoni dicendogli che avrebbero violentato sua moglie, e lo hanno accusato di aver avuto rapporti omosessuali con altri attivisti.

Un altro uomo, Mohamed Bader, è stato arrestato al suo ritorno dalla Siria lo scorso febbraio, e portato alla CID.
Secondo Bader gli agenti lo hanno bendato, ammanettato con le mani dietro la schiena, e lo misero in una cella di isolamento.
Al suo primo giorno di interrogatorio, gli agenti CID lo hanno picchiato nella prigione di Al-Qala’a  lasciandolo privo di sensi, rendendo necessario dei raggi X alla testa .
Al successivo interrogatorio, gli agenti hanno cercato di convincerlo a confessare il coinvolgimento con Hezbollah.
Quando ha negato ogni coinvolgimento e ha rifiutato di fare una confessione, gli ufficiali lo hanno sottoposto a  scosse elettriche sulle ginocchio e le costole, lo ha detto Human Rights Watch.

Secondo il rapporto di 84 pagine di HRW, gli abusi che gli ex detenuti descrivono per lo più hanno seguito un modello generale, dal momento dell’arresto, attraverso la detenzione e gli interrogatori, che si concludonoi in un interrogatorio con un pubblico ministero.
Human Rights Watch ha detto che le tecniche utilizzate durante gli interrogatori “violano gli obblighi del Bahrain come uno Stato parte della Convenzione delle Nazioni Unite contro la tortura e altri trattamenti crudeli, inumani o degradanti  [Convenzione contro la tortura] e di altri trattati internazionali, ed in contrasto con il divieto di la tortura in Costituzione del Bahrain e il suo codice penale. ”

Governato da re Hamad bin Isa al-Khalifa, il regno è stato scosso da proteste anti-governative sciite condotte a partire dal 2011, con la richiesta di maggiori libertà nel paese sunnita.
Nel 2011 una rivolta in cui i manifestanti pacifici e disarmati hanno preso parte è stata brutalmente repressa con l’aiuto dell’Arabia Saudita, che ha inviato le sue truppe per sostenere il regime del Bahrain.

La popolazione sciita di maggioranza ha più volte lamentato le discriminazioni e la mancanza di democrazia nel regno ricco di petrolio.
La monarchia sunnita ha accusato l’Iran (un paese sciita di maggioranza) di istigare disordini in Bahrain.

Nel 2011, la Commissione  d’inchiesta indipendente del Bahrain (BICI), istituita dal Re Hamad per sondare le denunce di tortura, ha concluso nella sua relazione di 500 pagine che la National Security Agency e il Ministero dell’Interno hanno “seguito una pratica sistematica di maltrattamenti fisici e psicologici , che in molti casi è pari a torture, su un gran numero di detenuti in loro custodia. “

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.