Multi-Object Kill Vehicle (MOKV) comincia a prendere forma

0
1510

Ogni interceptor MOKV sarà dotato di un sensore avanzato, così come le tecnologie di deviazione, capacità di controllo e di comunicazione, per permettere ad ogni MOKV di seguire un target individuale.
In caso di successo, entro il 2030 potrebbe essere introdotto come un follow-on per il EKV corrente, consentendo un unico intercettore per distruggere diversi oggetti nello spazio.

The Multi-Object Kill Vehicle (MOKV) will destroy several objects in space by steering itself to the target and destroying it. Illustration: RaytheonThe Multi-Object Kill Vehicle (MOKV) will destroy several objects in space by steering itself to the target and destroying it. Illustration: Raytheon

L’Agenzia statunitense Missile Defense (MDA) e Raytheon hanno completato il primo step nella pianificazione del Programma sul futuro concetto di Multi-Object Kill Vehicle (MOKV), un passo fondamentale verso la definizione di aspetti critici del suo design.

Raytheon's Exoatomospheric Kill Vehicle (EKV) is the intercept component of the Ground Based Interceptor (GBI). Illustration: Raytheon
Questa pietra miliare assicura che il piano di sviluppo è in linea con le aspettative del MDA, e in pista per una prossima recensione concettuale nel mese di dicembre.

Ogni MOKV stesso si guiderà verso un target per distruggerlo.
Molteplici MOKVs verranno caricati su un missile di lancio, come la Terra-Based Interceptor (GBI).
Ogni intercettore sarà dotato di un sensore avanzato, così come le tecnologie dideviazione, capacità di controllo e di comunicazione, per permettere ad ogni MOKV di seguire un target individuale.
Sulla base di illustrazioni rilasciati dalla società, ogni missile intercettore porterà un unico montaggio di sei MOKVs, ognuno utilizzando un proprio sensore e deviando i propulsori autonomamente, consentendo in tal modo ad un unico intercettore di impegnarsi in bersagli multipli autoguidati ottenendo un’alta probabilità di successo.

Il lavoro di progettazione sul concetto di MOKV di Raytheon è stata condotta come parte della linea di prodotti avanzati – Missile Systems di Raytheon- , che ha già un impressionante arsenale di sistemi di missili di intercettazione, alcuni già operativi e altri, come il MOKV, ancora in varie fasi di sviluppo.

The Redesigned Kill Vehicle (RKV) will feature increased reliability, ease of assembly, enhanced performance and decreased cost. (Image depicts notional design.) Illustration: Raytheon

Il missile Interceptor Terra-Based (GBI) , ha tre stadi a propellente solido GBI, impiega attualmente una singola Exoatmospheric Kill Vehicle (EKV), in grado di intercettare un singolo bersaglio, come missili balistici.
Nel caso in cui viene identificato un missile minaccia, l’EKV può essere lanciato nello spazio.
Una volta fuori dell’atmosfera terrestre ai margini dello spazio a velocità ipersonica, il lavoro del EKV avrà inizio.

The SM-3’s exoatmospheric vehicle collides with its target to obliterate the threat without the need for explosives. The resulting impact is the equivalent to a 10-ton truck traveling at 600 mph. Illustration: Raytheon

The SM-3’s exoatmospheric vehicle collides with its target to obliterate the threat without the need for explosives. The resulting impact is the equivalent to a 10-ton truck traveling at 600 mph. Illustration: Raytheon

Questa è la terza generazione di EKV che Raytheon sta sviluppando per GBI. Il primo prototipo è stato lanciato nel 1998. Il programma evoluto con diverse varianti, sottoposti a 10 test di volo che hanno subito non pochi fallimenti fino a due voli di successo, nel 2013 e 2014, ha aperto la strada per un ulteriore sviluppo e l’ottimizzazione.
Attualmente in fase di aggiornamento con la variante KEV CE-II, la flotta di GBIs è pienamente operativo a Ft. Greely, Alaska.

La versione attualmente in fase di sviluppo è CE-II Block 1, progettato per incorporare molti miglioramenti  acquisiti dalle lezioni apprese dai fallimenti dei test precedenti.
Il primo test di volo di questo missile è prevista per il 2016.
In caso di successo, ci sarà la distribuzione operativa che avrà inizio l’anno successivo (installato sui prossimi 10 intercettori GBI in programma per la consegna entro la fine del 2017).

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.