Analisi: Il Terrorismo Palestinese può essere un Male – ISIS in Sinai è un nemico molto più pericoloso

0
1339

Dopo il coraggio di abbattere un aereo passeggeri russo, il “ramo del Sinai” dell’ ISIS ha guadagnato un pò di fiducia in se stessi.

Siamo arrivati al terzo mese di violenza israelo-palestinese e sta diventando evidente cheil conflitto non finirà presto.
Molti israeliani si chiedono se questo insieme di circostanze possa perdurare ancora tanto tempo, ed in molti credono che la risposta sia un secco SI.
Come due pugili che sono diventati troppo stanchi nel cercare di  sottomettersi l’un l’altro sul ring, gli israeliani ed i palestinesi sono di nuovo bloccati in un forte abbraccio, nella speranza che un arbitro interverrà e fermare la lotta.
Oggi, tuttavia, non c’è arbitro che voglia suonare la campana.
Ogni combattente lavora per conto suo.

Israele, come è sua abitudine, è alla ricerca di risposte, sotto forma di blocchi di cemento e posti di blocco.
D’altra parte, mentre l’Autorità palestinese agisce per prevenire scontri massicci con l’IDF, non sta facendo uno sforzo reale per attenuare l’incitamento alla violenza.

I cinici potrebbero sospettare che lo stato di conflitto è conveniente per entrambe le leadership e che nessuna delle due parti ha interesse a portare la violenza alla fine. Lo spargimento di sangue serve agli interessi palestinesi poiché porta il conflitto ad una maggiore consapevolezza tra il pubblico israeliano, così come in tutta la regione ed il mondo intero.

Alti funzionari dell’IDF si stanno lambiccando il cervello nel tentativo di trovare un nome adatto per questa nuova serie di circostanze, evitando assiduamente il termine “intifada”.

Non è un termine orecchiabile, ma è abbastanza vicino a descrivere ciò che sta avvenendo.
Anche senza dirlo esplicitamente, l’IDF si ricorda solo il tempo impiegato per spegnere le due precedenti intifada.
Nel momento in cui il genio palestinese è uscito dalla bottiglia, ci sono voluti cinque anni per rimetterlo dentro.
Con tutte le indicazioni, ora siamo all’inizio di un nuovo ciclo di cinque anni.

La tendenza attuale indica una diminuzione del numero di incidenti.
La polizia di Gerusalemme si sta impegnando assiduamente per  ridurre con successo  il livello di violenza.

Hebron ha preso il posto di Gerusalemme .
Sei su 10 terroristi sono originali di Hebron e dei suoi immediati dintorni.
Nei giorni scorsi la Samaria è diventata un nuovo punto focale di violenza.

L’IDF sta usando l’esperienza maturata durante la precedenti intifada.

La Route 60 è la strada che collega tutti i villaggi palestinesi a Gush Etzion – con checkpoint e blocchi stradali.
Unità dell’IDF operano all’interno dei villaggi palestinesi su base giornaliera al fine di provocare quelli che possiedono armi nella speranza che escano allo scoperto dal loro nascondiglio.
Questa è una tattica efficace contro coloro che stanno progettando di compiere attacchi e sono particolarmente pericolosi.
Dei 71 attacchi totali che hanno avuto luogo negli ultimi due mesi, sette di loro sono stati commessi da colpi di fucile.

Le operazioni dell’IDF non hanno fermato gli attacchi, ma ha reso necessario il collocamento obbligatorio di ostacoli fisici imposti in focolai di violenza, come Gush Etzion Junction e Tapuach Junction.

Dopo l’uccisione di Ziv Mizrahi in una stazione di benzina all’inizio di questa settimana, sembra che la maggior parte dei soldati abbia capito che hanno bisogno di evitare la possibilità di entrare in stretto contatto con i palestinesi.
Ciò significa mantenere una distanza di sicurezza da loro e non permettergli di avvicinarsi alle forze di sicurezza od ai civili per colpirli.

Un elemento sorprendente di questo ciclo di violenza è che dopo quasi tre mesi, nessuna delle organizzazioni palestinesi sia riuscita a cavalcare l’onda ed a prendere una posizione di leadership.
Qua e là abbiamo sentito parlare di terroristi affiliati ad un certo gruppo, ma nel complesso, al momento non è Hamas, Tanzim, o Al-Aqsa le Brigate dei Martiri che stanno iniziando questa catena di eventi.
Se c’è un soggetto che fornisce l’ispirazione, è lo Stato islamico, il fantasma che è in bilico sopra i palestinesi.

E ‘stato triste vedere due ragazze delle scuole superiori provenienti da Gerusalemme nei pressi delle stazioni di metropolitana leggera a Jaffa Street, cercando di pugnalare goffamente chiunque gli capiti a tiro.
Alla fine, hanno attaccato un uomo anziano palestinese di Betlemme.
Il giorno dopo, una ragazza di 13 anni, israeliana di Kfar Saba si è suicidata a causa della vergogna che provava per il fatto che la sua famiglia non aveva i mezzi finanziari per consentire a unirsi suoi compagni di classe nel suo viaggio annuale.

E ‘difficile non notare le somiglianze in gioco – la frustrazione che supera a volte questi adolescenti – così come le differenze.
La ragazza israeliana ha scelto di morire impiccandosi, e le altre due ragazze palestinesi ha scelto di morire durante il tentativo di uccidere gli altri.

Negli anni passati, il conflitto arabo-israeliano è stato il fattore determinante nel plasmare la regione e motivando i suoi attori.

Ora il ruolo è stato superato dall’ ISIS, un’organizzazione che sta riconfigurando l’equilibrio delle forze e ridefinire Medio Orientale e forse anche a livello mondiale con tutte le sue  alleanze.

Stiamo ancora assistendo alle conseguenze dell’abbattimento di un caccia russo da parte della Turchia.
In effetti, questo incidente potrebbe avere ripercussioni a livello globale.
Analisti del mondo e funzionari dell’intelligence hanno lavorato sodo questa settimana per cercare di capire ciò che ha motivato i turchi a fare una tale mossa in preda al panico.
Forse questo era un agguato ben pianificato e progettato per inviare un messaggio a Mosca?

Ad ogni modo, non abbiamo ancora sentito l’ultima parola da parte dei russi.
La Turchia non ha idea di quanto sia forte il prezzo che pagherà per il suo errore, perché il Cremlino non è uno che perdona e dimentica.
L’Occidente può anche rivalutare la sua posizione verso la Turchia, un alleato tranquilla ma fedele all’ISIS.
Continui attacchi della coalizione occidentale ed alle infrastrutture petrolifere dell’ISIS hanno già inflitto enormi danni allo ” Stato islamico” e il suo modello economico.

Al giorno d’oggi, ISIS riesce a vendere il petrolio incassando circa $ 20 milioni al mese.
Quel numero era molto più alto alcuni mesi fa.
Il gruppo islamico è riuscito a racimolare un po’ di reddito supplementare dai riscatti in cambio di ostaggi occidentali e asiatici, ma non è affatto sufficiente per sovvenzionare le operazioni dell’organizzazione e dei suoi disegni terroristici globali.

A terra, ha subito perdite dalle forze curde.
Qua e là ha subito battute d’arresto da gruppi ribelli in Siria.
Mentre l’ISIS  sta rallentando i suoi fratelli beduini nel Sinai hanno alzato le loro teste.
Dopo il coraggio di abbattere un aereo di passeggeri russo, il “ramo del Sinai” dell’ISIS ha guadagnato un pò nmdi fiducia in se stessi.

L’IDF sta guardando la  frontiera sud-occidentale come la prossima frontiera della battaglia.
Prima di questi eventi i combattenti ISIS in Sinai erano per lo più preoccupati a combattere l’esercito egiziano.
Ma l’esposizione mediatica che i palestinesi hanno ricevuto in tutto il mondo arabo, attaccando Israele, rischia di indurre jihadisti nel Sinai di fare lo stesso.

In un tempo relativamente breve, siamo responsabili di incontrare un nemico che è più determinato e più pericolosa – equipaggiato con le armi più micidiali – al confine con l’Egitto.

I residenti di Nitzana sono gli israeliani che vivono più vicino all’ISIS.

Non si può fare a meno di essere colpiti dall’ottimismo di questi pionieri che quotidianamente combattono la dure terre desertiche per fare fiorire il paesaggio.
Per chi vuole ottenere un senso di genuino, di vero il sionismo, mi sento di raccomandare una visita ai campi coltivati e fattorie in luoghi come Kadesh Barnea e Be’er Milka.

Alcuni di questi abitanti vivono non più di 50 metri dalla recinzione di confine, ma non hanno paura dell’ ISIS.
La loro più grave minaccia è lo Stato di Israele, che non gli da un vero aiuto o benessere perchè gli insediamenti del  Negev fanno una vita durissima e pericolosissima.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.