Medio Oriente : boom dell’e-commerce

0
1102
Il mondo dell’e-commerce mediorientale sta emergendo e inizia a giocare un ruolo più che eccezionale sul mercato globale

 

Si sa che la regione MENA (Medio Oriente e Nord Africa) ha avuto una crescita più in lenta in termini dell’attività commerciale online rispetto ai Paesi occidentali, come il Regno Unito o gli USA. Come mai?

È una questione di sviluppo tecnologico, oppure è dovuto al fatto che la maggior parte della popolazione araba considera l’e-commerce un processo troppo difficile?

La seconda opzione appare più veritiera, dal momento che gli arabi hanno abbracciato molto più tardi questo mondo digitale, dove con pochi click si può comprare ormai letteralmente di tutto.

Rispetto al Medio Oriente, l’e-commerce straniero è certamente più rilevante sul mercato mondiale.

Tutto ebbe inizio nel 1979, negli Stati Uniti, quando Michael Aldrich inventò il teleshopping.

Più tardi, nel 1991, la nascita di internet ha permesso la diffusione dello shopping online, con la creazione di piattaforme quali Amazon e Ebay nel 1995.

Subito dopo, sono intervenuti Google e Yahoo e facilitare l’accesso a questi nuovi mercati.

La crescente popolarità dello shopping online ha spalancato le porte al sistema di pagamento Paypal, ennesimo comfort per chi vuole acquistare comodamente dalla propria scrivania.

Mentre l’Occidente continuava a sfornare iniziative per l’e-commerce, la regione MENA continuava a inciampare in mille ostacoli. I metodi di pagamento online sono stati resi disponibili solo molto più tardi per la maggior parte dei Paesi dell’area.

Quanto ai compratori stessi, hanno combattuto duramente contro il fenomeno, per vari motivi: il timore di essere truffati, la mancanza dell’interazione faccia-a-faccia, la paura di ricevere merce scadente e, soprattutto, su come riceverla.

Tuttavia, nonostante questi ostacoli, il traffico dello shopping online di recente ha vissuto un vero e proprio boom in Medio Oriente, grazie ad un aumento degli utenti di internet, soprattutto attraverso l’uso di smartphone.

Una nuova economia digitale è nata nella regione, dove gli utenti acquistano più facilmente tramite i cellulari, spingendo i venditori a partecipare sempre più nel mercato dell’e-commerce.

Secondo uno studio, i 2/3 degli utenti online dell’Arabia Saudita ha effettuato acquisti tramite smartphone; In Kuwait, il 95% dei consumatori effettua acquisti online.

Il mondo dell’e-commerce mediorientale sta emergendo e inizia a giocare un ruolo più che eccezionale sul mercato globale.

Secondo una stima di ArabNet, network di professionisti delle tecnologie digitali, i compratori sul web mediorientali sono 30 milioni, per lo più localizzati negli  Emirati Arabi e in Arabia Saudita.

La vendita online ha un potenziale enorme in quest’area, basti pensare che si prevede un fatturato di 4.5 milioni di dollari entro il 2015. Una stima curiosa se si pensa che, nonostante siano 90milioni le persone che utilizzano internet in quest’area, solo il 15% delle aziende è presente sul web.

Lo sviluppo del mercato online lo si deve principalmente a due giovani imprenditori giordani, Samih Toukan e Houssam Khouiri  che, dopo aver fondato nel 2000 il primo provider di servizi mail in arabo, hanno  successivamente dato vita a Jabbar Internet Group, azienda leader delle start up digitali.

Grazie a questa società è stata possibile la nascita dei primi siti di e-commerce di successo del mondo arabo.

Primo tra tutti www.Souq.com, il più importante sito e-commerce arabo dove si può comprare di tutto, dalle automobili ai passeggini, da prodotti tecnologici a gioielli e abiti.

Altri e-commerce popolari nel mondo arabo sono il sito www.Sukkar.com, specializzato nel fashion griffato internazionale, www.Cobone.com l’equivalente dell’europeo Groupon, www.bikam.com dove è possibile confrontare i prezzi e www.bikam.com leader del mercato di giochi online.

Ma chi è l’e- shopper arabo?

Ecco le principali caratteristiche:

  •   è in prevalenza maschio e ha più di 35 anni (53%)
  •  acquista soprattutto prodotti elettronici quali giochi online e software, vestiti e accessori, riviste o libri, elettrodomestici, cosmetici ed infine cibo e bevande
  •   per i pagamenti utilizza per lo più carte prepagate, a seguire carte di credito, addebiti bancari o contanti alla consegna
  •   utilizza internet per i propri acquisti perché può confrontare i prezzi e trovare l’offerta migliore, avere opinioni di altri utenti e avere una più ampia gamma di prodotti a disposizione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.