REPORT : Hezbollah – Hamas – Strategie e resistenza armata

0
459

Dal momento che la cosiddetta primavera araba ha guadagnato slancio in tutto il Medio Oriente e il Nord Africa nel 2011, c’è stata una relazione più turbolenta tra due organizzazioni islamiste rivali che hanno allineato la loro storia: lo sciita libanese Hezbollah e il movimento sunnita palestinese di Hamas.
L’ascesa dei Fratelli Musulmani sotto l’ex presidente Mohamed Morsi in Egitto, che non durò a lungo, spinse Hamas a consolidare i suoi legami con il Cairo, provocando una crescente divergenza che causò una spaccatura tra Hamas da un lato e Hezbollah ei loro alleati tradizionalmente associati con Iran e Siria dall’altro.

Solo poco tempo fa, i due gruppi di resistenza islamica cominciarono a cercare un riavvicinamento.
Questo spostamento può essere attribuito all’aspirazione sia di Hezbollah sia di Hamas a mantenere le loro posizioni di influenza rispettivamente in Libano e nei territori palestinesi.

INTERPRETAZIONI FLESSIBILI DELLA RESISTENZA ISLAMICA
Hezbollah e Hamas sono emersi negli anni ’80, ognuno dei quali si considera un’organizzazione militante islamica, e sono da tempo alleati, ma differiscono nel loro orientamento religioso.
L’ideologia politica di Hezbollah è strettamente legata al concetto del mandato del giurista, lanciato dall’Ayatollah Ruhollah Khomeini in Iran.
Secondo questo concetto, un eminente giurisprudente islamico con autorità assoluta dovrebbe assumere la posizione di capo politico supremo dello stato islamico in attesa del ritorno del Dodicesimo Imam, che si ritiene sia stato presente in assenza sotto la dottrina del Dodicesimo Sciita.
Hamas è un’organizzazione sunnita la cui ideologia politica è basata sulle opinioni dei Fratelli Musulmani, che vedono l’Islam come la soluzione ai problemi politici e sociali.
Ciò è chiaramente dimostrato dallo slogan di base “L’Islam è la soluzione” che è stato più volte utilizzato dalla Fratellanza Musulmana egiziana nelle sue campagne.
Nonostante le loro differenze nelle opinioni religiose, Hamas e Hezbollah condividono certe convinzioni, vale a dire l’accettazione dell’ijtihad, un’interpretazione razionale delle fondamentali fonti islamiche che aiutano a rendere il loro pensiero politico adattabile.
Di conseguenza, né Hezbollah né Hamas accetteranno le fonti islamiche di base in modo letterale o coerente, ma saranno reinterpretate.
Inoltre, il concetto di resistenza è stato un elemento centrale nell’identità delle due organizzazioni sin dal loro inizio.
Tre fattori hanno giocato un ruolo cruciale nell’emergere di Hezbollah: in primo luogo, i musulmani sciiti in Libano sono stati emarginati economicamente e politicamente nel periodo post-indipendenza e hanno quindi risposto alle idee rivoluzionarie dell’islamismo sciita, che ha iniziato ad espandersi nel paese dagli anni ’70.
In secondo luogo, la rivoluzione iraniana nel 1979 ha avuto un effetto catalizzatore sullo sviluppo di Hezbollah, a cui Teheran ha fornito sostegno finanziario e militare sin dai suoi primi giorni.
Hezbollah, a sua volta, fu fondato nel 1987 durante la prima insurrezione palestinese e presto cominciò a presentarsi come una branca della Fratellanza Musulmana che aveva stabilito una vasta rete nei territori palestinesi Dagli anni ’40.
Il concetto di Hezbollah e Hamas si sovrappone alla resistenza in due modi:
le due organizzazioni collegano direttamente la resistenza alla lotta contro Israele, ed entrambe hanno un’ala militare che opera al di fuori dello stato libanese nel caso di Hezbollah e fuori dall’ANP nel caso di Hamas.
La resistenza militare è l’aspetto più importante dell’identità di resistenza di Hezbollah e Hamas.
Il possesso e il mantenimento di capacità militari indipendenti è un obiettivo fondamentale delle due organizzazioni, in quanto consente loro di mantenere le loro posizioni di influenza.
Inoltre, Hezbollah e Hamas sostengono di essere impegnati in una resistenza non militare, ponendoli nel contesto di una resistenza culturale o politica.
Nonostante le somiglianze tra i concetti di Hezbollah e Hamas sulla resistenza, ci sono differenze nell’interpretazione e nell’applicazione delle due organizzazioni a questo concetto.
Queste differenze non sono legate alle loro convinzioni politiche islamiche sciite o sunnite, rispettivamente, nella misura in cui sono collegate ai contesti in cui operano e agli interessi strategici che cercano.
Questa dinamica ha irradiato flessibilità nelle loro percezioni di resistenza, entrambe si sono adattate agli ambienti mutevoli mentre tentavano di legittimare le loro pratiche e mantenere una posizione indipendente nell’armamento.

HEZBOLLAH: REINTERPRETARE LA RESISTENZA PER MANTENERE L’INFLUENZA
Dalla sua fondazione, Hezbollah ha ridefinito il suo concetto di resistenza più volte.
Inizialmente, il partito descrisse l’obiettivo della resistenza come la liberazione del Libano meridionale dall’occupazione israeliana, che durò dal 1982 al 2000.
Quando Israele si ritirò unilateralmente nel maggio 2000, il partito considerò questa una vittoria per la resistenza e per il Libano nel suo complesso.
Tuttavia, il ritiro israeliano comportò anche il rischio di abbandonare la giustificazione originale che Hezbollah usava per mantenere le sue armi.
Di conseguenza, il partito ha insistito che Israele stava ancora occupando il territorio libanese, ma l’organizzazione sciita ha anche ampliato la sua definizione di resistenza per includere la deterrenza contro Israele, sostenendo che le sue armi avrebbero aiutato a proteggere il Libano dalla costante minaccia israeliana.
Hezbollah è persino riuscito a includere questo duplice concetto di resistenza, liberazione e deterrenza, nella dichiarazione ministeriale del governo libanese del 2005, il primo governo al quale il partito ha partecipato.
Nel 2013, Hezbollah ha di nuovo ampliato il suo concetto di resistenza tra ulteriori cambiamenti politici.
A quel tempo, il partito era ufficialmente coinvolto nel conflitto siriano a sostegno del presidente Bashar al-Assad, in una decisione contraria alla lunga affermazione del partito che stava combattendo per gli oppressi.
Il segretario generale di Hezbollah, Hassan Nasrallah, ha riformulato il concetto di resistenza dell’organizzazione, descrivendo le operazioni militari come una battaglia contro la minaccia rappresentata dai jihadisti salafiti .
Pertanto, ha affermato che l’interferenza del partito in Siria contribuirebbe alla stabilità del Libano.
Reinterpretando la resistenza in base alle mutevoli circostanze, Hezbollah è riuscito a mantenere un margine di manovra.
Adattarsi a nuove minacce per legittimare la sua agenda militare agli occhi della sua base popolare, così come agli occhi di altri gruppi in Libano, un passo importante in una società divisa.
Inoltre, reinterpretando le dinamiche della resistenza, Hezbollah è riuscito a mantenere la sua ala militare e, di conseguenza, la sua influenza in Libano.

HAMAS: RESISTENZA COME STRATEGIA PER LA GESTIONE DEI CONFLITTI
Hamas ha apportato pochi cambiamenti nel suo concetto base di resistenza sin dalla sua fondazione nel 1987.
Ma come Hezbollah, ha usato l’idea di resistenza in modo flessibile.
Si concentrava sulla resistenza, o sulla concentrazione sulla situazione, specialmente nelle delicate circostanze, come durante le elezioni palestinesi, quando Hamas ha assunto le responsabilità del governo, così come nei suoi tentativi di riconciliarsi con il suo rivale, il movimento secolare di Fatah.
(Fatah controlla l’Autorità Nazionale Palestinese in Cisgiordania e riconosce Israele nel 1993 nel contesto degli Accordi di Oslo).
Alcuni esempi specifici meritano di essere evidenziati.
I riferimenti alla resistenza hanno in gran parte mancato il programma politico di Hamas nelle elezioni legislative palestinesi del 2006.
Durante la campagna elettorale, Hamas ha cercato di attrarre un ampio segmento di elettori da vari campi politici nei territori palestinesi, che non sostengono la lotta militare contro Israele.
Al contrario, Hamas ha usato il concetto di resistenza in un modo molto diverso dopo aver preso il controllo militare di Gaza nel 2007.
Il movimento ha istituzionalizzato la resistenza nel quadro delle strutture del settore politico. La sua ala armata, le brigate di Izz al-Din al-Qassam, è diventata responsabile di assicurare la stabilità esterna del sistema politico a Gaza nei confronti sia di Israele che di Fatah, nonché della stabilità interna di fronte ai violenti gruppi salafiti.
Il governo di Hamas a Gaza riconosce la difficoltà di essere al governo e in un movimento di resistenza.
Su questa base, Hamas ha operato una distinzione tra resistenza tattica e resistenza strategica.
Mentre Hamas ha accettato tatticamente la premessa di uno stato palestinese basato sui confini del 1967, il movimento sta ancora cercando strategicamente la liberazione di tutta la Palestina in base ai confini precedenti al 1948. Questa distinzione tra tattica e strategia di Hamas consente di controllare gli spasmi che sono parte integrante del suo doppio ruolo a Gaza.
Nel contesto dell’adattamento del suo concetto di resistenza alle diverse situazioni, Hamas ha anche lanciato il concetto di resistenza popolare.
Questa idea è stata sollevata per la prima volta nel 2011, dopo i colloqui di riconciliazione con Fatah, e il suo unico leader è Khaled Meshaal, a capo dell’ufficio politico di Hamas.
Meshaal ha visto la resistenza popolare come una guerra civile non violenta rivolta a Israele, la dimensione popolare di questo approccio era legata alle manifestazioni che hanno colpito il mondo arabo in quel periodo.
Questa posizione aveva lo scopo di mostrare la volontà di Hamas di scendere a compromessi con Fatah, che ha intrapreso la strada della diplomazia piuttosto che della resistenza armata.
All’inizio del 2018, Hamas ha ravvivato l’idea di resistenza popolare, in coincidenza con il massiccio ritorno a Gaza, della Striscia di Gaza, avviato da attivisti della società civile palestinese.
I sostenitori di questa iniziativa hanno chiesto che i palestinesi ritornino nei territori del 1948.
Hamas ha fatto un notevole appello ai palestinesi affinché si uniscano pacificamente a queste mosse.
In contrasto con il concetto di resistenza popolare, il documento di principi e politiche lanciato da Hamas nel 2017 – il primo documento politico pubblicato dal movimento dalla sua lettera del 1988 – mette in luce il fatto che la resistenza armata rimane l’obiettivo principale del movimento.
Allo stesso tempo, il documento spiega che l’escalation o la riduzione della resistenza fa parte della strategia di gestione dei conflitti. È vero che la resistenza armata è l’elemento chiave nell’approccio di Hamas, tuttavia, quando altre forme di resistenza, come la resistenza popolare, contribuiscono a rafforzare la posizione del movimento all’interno o all’esterno dei territori palestinesi, Hamas si concentra deliberatamente su di esso anziché sulla resistenza armata.

UN’ALLEANZA TRANSITORIA DI SETTARISMO GIOVA ALLE PARTI
Hezbollah e Hamas sono da tempo stretti alleati.
Prima delle rivolte arabe nel 2011, le due parti stavano unendo cooperazione politica e militare e stretto allineamento con Iran e Siria.
Storicamente, Hezbollah ha avuto il sopravvento nella partnership, fornendo addestramento militare ai combattenti di Hamas, formulando raccomandazioni politiche al movimento e incoraggiando le sue piattaforme mediatiche a sostenere Hamas e la causa palestinese.
Il rapporto tra le due organizzazioni era così solido che molti alti funzionari di Hamas occuparono uffici e residenze nel sobborgo meridionale di Beirut, noto come roccaforte di Hezbollah.
L’influenza del partito su Hamas è stata fondamentalmente radicata nei suoi legami più stretti con l’Iran e nella sua capacità di formare un importante legame tra Hamas e Teheran.

Prima del 2011, Hezbollah e Hamas hanno anche collaborato a una più ampia alleanza con l’Iran e la Siria, che è il centro di resistenza o resistenza.
L’asse di resistenza non era basato su basi settarie, ma piuttosto sugli orientamenti dei suoi membri congiunti contro l’Occidente e Israele, e la loro critica all’allineamento amichevole che collega alcuni paesi arabi con gli Stati Uniti.
Tuttavia, i membri dell’asse della resistenza sono stati in grado di perseguire i loro obiettivi in modo indipendente, purché aderiscano al più ampio quadro e orientamento dell’Alleanza.

Sia Hezbollah che Hamas hanno ricevuto aiuti militari e finanziari dall’Iran.
Il sostegno iraniano ha assunto un significato speciale per Hamas in seguito all’embargo economico internazionale e all’isolamento politico imposto al movimento dopo aver vinto le elezioni legislative palestinesi nel 2006.
Questo sostegno è diventato più vitale quando Hamas ha conquistato militarmente Gaza nel 2007.

LA SEPARAZIONE DI HAMAS DALL’ASSE DELLA RESISTENZA
Dopo la rivolta siriana che è scoppiata nel marzo 2011 si è trasformata in una guerra su vasta scala tra i manifestanti e il regime, c’è stata una rottura tra Hamas da una parte e la leadership siriana e la resistenza dall’altra.
I primi segnali di questa divergenza sono emersi nella prima metà del 2012, quando Hamas ha iniziato a criticare pubblicamente il regime di Assad per il ricorso alla repressione militare contro l’opposizione siriana.
Quando il conflitto si intensificò, Hamas spostò il suo ufficio politico da Damasco (dove era stato fondato dal 1999) alla capitale del Qatar di Doha.
Queste decisioni hanno sollevato divergenze di opinioni all’interno del movimento.
Le brigate di Izz al-Din al-Qassam hanno espresso la loro particolare insoddisfazione per aver lasciato la Siria, perché la mossa ha causato un forte calo del sostegno finanziario e militare che l’Iran stava fornendo a Gaza, e in particolare all’ala militare.

Ma a parte la violenta risposta di Assad all’opposizione siriana, la decisione di Hamas di rompere con la Siria era fondamentalmente legata agli sviluppi regionali, in particolare in Egitto.
L’ascesa dell’ex presidente egiziano Mohamed Morsi e dei Fratelli musulmani alla fine ha portato il movimento di Hamas a recidere i suoi legami con la Siria e il resto della resistenza.
Va notato che la Fratellanza Musulmana in Egitto è l’organizzazione madre del movimento di Hamas, che è stato considerato di grande beneficio, politicamente ed economicamente, dall’arrivo del Fratello Musulmano al potere in Egitto e in altri paesi del Medio Oriente.
Hamas spera che una stretta alleanza con i Fratelli Musulmani rafforzerebbe la sua legittimità internazionale e metterà fine all’isolamento economico e politico di Gaza.
Si aspettava che i Fratelli musulmani in Egitto sostituissero i loro ex alleati, Iran, Siria e Hezbollah.
Dopo che Hamas si sganciò dall’asse della resistenza, la cooperazione tra esso e Hezbollah cadde nella gendarmeria inferiore.
Mentre i contatti continuarono a un livello basso, le due parti si scambiarono critiche pubbliche sulla secessione.
I membri di Hamas del Consiglio legislativo palestinese hanno sottolineato che il sostegno militare di Hezbollah al regime di Assad non ha nulla a che fare con la resistenza, avvertendo che il partito perderà la sua credibilità nel mondo arabo. 2
Al contrario, Hezbollah ha accusato Hamas di tradire la causa della resistenza contro Israele ed era molto vicino ai Fratelli Musulmani in Egitto. 3
Nonostante il deterioramento delle relazioni per un certo periodo, le relazioni tra Hezbollah e Hamas sono migliorate nella prima metà del 2017.
Da allora, sono stati rinnovati incontri tra alti funzionari di entrambe le parti, in particolare la riunione del 31 ottobre 2017, , Hassan Nasrallah, vice capo dell’ufficio politico di Hamas , Saleh al-Arouri, a Beirut.
Questa riconciliazione è arrivata sulla scia del riavvicinamento tra Hamas e l’Iran.
Il motivo principale alla base di questo cambiamento è stato il rovesciamento dell’ex presidente egiziano Morsi “in un colpo di stato militare” nel luglio 2013.
Dopo questo cambio di governo, è stato lanciato un giro di vite sui Fratelli Musulmani, e Hamas era in una posizione critica.
L’Egitto ha chiuso i suoi confini con Gaza, quindi è molto difficile per Hamas gestire il settore e soddisfare i bisogni dei palestinesi, nonostante abbia ricevuto un sostegno finanziario dal Qatar.
Indichiamo che i Qatar hanno sostenuto la Fratellanza Musulmana e Hamas e sono rimasti il secondo più importante sponsor di Hamas (dopo l’Iran) a Gaza dopo il 2006.

cambiamenti nella leadership politica di Hamas nel 2017 hanno permesso al movimento di rilanciare le sue relazioni con l’Iran.
Innanzitutto, nel febbraio 2017, Yahya al-Sunwar è stato eletto nuovo capo della leadership politica di Hamas a Gaza, il fondatore dell’ala militare del movimento, e ha un notevole sostegno tra le sue fila.
È anche considerato un intransigente e rifiuta una soluzione a due stati con Israele.
Ha trascorso più di 20 anni nelle carceri israeliane fino a quando è stato rilasciato con un accordo di scambio di prigionieri nel 2011.
Nel 2015, gli Stati Uniti lo hanno inserito nell’elenco dei terroristi globali .
A causa degli stretti legami con le brigate di Izz al-Din al-Qassam, Hamas ha trovato più facile normalizzare le sue relazioni con gli iraniani.

In secondo luogo, a maggio 2017, Ismail Haniyeh è stata eletto come nuovo capo dell’ufficio politico di Hamas.
Ha sostituito il leader veterano Khaled Meshaal, che era considerato moderato.
Dopo l’elezione di Haniyeh, l’Ufficio politico, tradizionalmente situato al di fuori dei territori palestinesi, fu trasferito dal Qatar a Gaza.
Nell’ottobre 2017, Saleh Aarouri, co-fondatore dell’ala militare di Hamas, è stato eletto vice capo dell’Ufficio politico.
Tutti questi cambiamenti, così come la delocalizzazione dell’Ufficio politico, hanno reso possibile la fazione di Hamas a Gaza, in particolare le brigate di Izz al-Din al-Qassam, per rafforzare la sua influenza all’interno del movimento, rendendo sempre più facile rinnovare le relazioni con l’Iran.
Teheran, da parte sua, aveva due difensori per ricostruire i suoi legami con Hamas.
Innanzitutto, l’Iran, attraverso il suo sostegno a Hamas, può rafforzare la sua influenza e influenza sui territori palestinesi, insieme a Israele, il suo nemico più acerrimo, il cui diritto di esistere è negato dall’Iran.
In secondo luogo, una relazione costruttiva con Hamas aiuterebbe Teheran a migliorare la sua influenza geopolitica contro l’Arabia Saudita su una scala più ampia in Medio Oriente.

Per la coincidenza di alcuni di questi cambiamenti di leadership, la crisi del Qatar è scoppiata il 5 giugno 2017.
Questo era un motivo in più per Hamas per cercare di colmare il divario con i suoi ex partner.
Sotto la pressione di smetterla di sostenere Hamas, il Qatar ha notevolmente ridotto i suoi aiuti finanziari al movimento, sapendo di non aver fermato completamente questo sostegno.
Questa battuta d’arresto ha dato slancio agli elementi di Hamas che hanno sempre difeso il mantenimento delle relazioni con l’Iran.
Alla fine di agosto 2017, al-Sunwar ha annunciato la ripresa della relazione tra l’ala militare di Hamas e l’Iran.
La visita di una delegazione ad alto livello di Hamas a Teheran, guidata dal neo-eletto Aarouri, il 20 ottobre 2017, ha segnato il gesto ufficiale di riconciliazione tra le due parti.

Il successo di Hamas nel rinnovare i legami con l’Iran ha avuto un impatto sulle sue relazioni con Hezbollah.
Sono stati rinnovati gli incontri tra i funzionari delle due organizzazioni, incluso l’incontro sopra menzionato tra Nasrallah e al-Aarouri a Beirut nell’ottobre 2017.
Il giorno seguente, Haniyeh ha preso parte alla seconda conferenza mondiale degli scienziati della resistenza tenutasi a Beirut.
Vi hanno partecipato oltre 200 persone provenienti da oltre 80 paesi, tra cui Nasrallah e il suo vice Naeem Kassem.

BENEFICI DELLA RICONCILIAZIONE
La riconciliazione tra Hezbollah e Hamas avvantaggia entrambe le organizzazioni, in particolare Hamas.
Le relazioni rinnovate gli hanno dato l’opportunità di limitare il suo isolamento e le conseguenze della sua decisione fatale di sostenere la Fratellanza Musulmana piuttosto che l’asse della resistenza.
La ripresa delle relazioni amichevoli potrebbe anche aiutare ad alleviare le terribili condizioni umanitarie ed economiche a Gaza.
Ma nonostante i vantaggi di questo riavvicinamento, Hamas ha imparato dai suoi errori del passato e ora sta cercando di evitare di andare troppo lontano affidandosi nuovamente a un partner.
Per questo motivo, nonostante il rilancio dei legami con l’Iran e Hezbollah, Hamas ha recentemente migliorato le sue relazioni con l’Egitto e gli Emirati Arabi Uniti.

Hezbollah ha anche riferito di riconciliazione con Hamas.
Negli ultimi anni, il partito ha perso la sua popolarità e legittimità nel mondo arabo.
Un sondaggio condotto dal Pew Research Center nel luglio 2014 ha rilevato che la percentuale di intervistati in tutta la regione che hanno espresso opinioni non favorevoli a Hezbollah ha registrato un notevole aumento tra il 2007 e il 2014 – dal 41 all’83% in Egitto, da 44 a 81 In Giordania, e dal 20 al 55 per cento nei territori palestinesi.
È interessante notare che l’intervento militare di Hezbollah in Siria probabilmente ebbe un ruolo nel declino della popolarità.
Il sondaggio ha mostrato che la popolarità di Hamas in Medio Oriente e Nord Africa è diminuita tra il 2013 e il 2014.
Nonostante queste potenziali complicazioni, Hezbollah spera che la riconciliazione con Hamas gli conferirà maggiore legittimità agli arabi al di fuori della comunità sciita libanese, dal momento che Hamas condivide le radici sunnite con la maggioranza degli arabi e che la causa palestinese continua a godere di un notevole sostegno in tutto il Medio Oriente.
Il gruppo islamista sciita, Hezbollah, dovrebbe aiutarlo ad avvicinarsi al movimento sunnita di Hamas per sbarazzarsi della stigmatizzazione settaria che è stata stigmatizzata da quando ha preso la sua decisione di fornire sostegno militare al regime di Assad al-Assad in Siria.

Ma è probabile che Hamas eviterà di avvicinarsi a Hezbollah e all’Iran com’era prima del 2011.
Nell’ultimo anno, in particolare, Hamas ha cercato di mantenere una maggiore indipendenza costruendo legami con, o mantenendo la rivalità con, paesi diversi (a volte in conflitto) , Tra cui Iran, Emirati Arabi Uniti, Egitto, Qatar, Algeria e Malesia.
È interessante notare che Yahya al-Sunwar, che è stato a lungo considerato pro-iraniano, ha lavorato pragmaticamente per rafforzare le relazioni con l’Egitto e gli Emirati Arabi Uniti.
Non c’è dubbio che il rapporto tra Hezbollah e Hamas continuerà ad essere importante per entrambe le parti, ma è probabile che Hamas cercherà al contempo di mantenere almeno un certo margine di manovra in qualche modo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.