COVID-19: Cosa fa sì che alcune persone si attengano alle loro convinzioni e agiscano con scetticismo nonostante le prove?

0
236

Nelle ultime settimane, diverse personalità dei media conservatori, leader politici e commerciali e altri influenzatori hanno scrollato pubblicamente gli avvertimenti sui pericoli del nuovo coronavirus, definendolo non più mortale dell’influenza.

Mentre alcuni di loro hanno ripercorso i loro commenti di fronte a casi e morti globali e statunitensi di COVID-19 , molti dei loro fan continuano a sottoscrivere l’ideologia secondo cui il contagio è “falso” o esagerato. Nel frattempo, molti giovani adulti stanno sfidando le regole di allontanamento sociale a 6 piedi di distanza.

Un gruppo nel Kentucky ha persino organizzato una festa per coronavirus, che ha contribuito a diffondere il virus.

Cosa fa sì che alcune persone si attengano alle loro convinzioni e agiscano con scetticismo nonostante prove schiaccianti schiaccianti? 

Berkeley News ha chiesto a Celeste Kidd, una scienziata cognitiva computazionale della UC Berkeley che studia false credenze, curiosità e apprendimento. Ecco cosa ha da dire Kidd:

Berkeley News: Quindi, perché alcune persone ignorano le prove scientifiche o di altro tipo per seguire l’ideologia autoritaria o confermare i propri pregiudizi?

Celeste Kidd:  Come umani, facciamo affidamento su altre persone per informare le nostre opinioni. È la forza della nostra specie e il motivo per cui disponiamo di medicine e tecnologie moderne come smartphone e Internet, robot e vaccini.

Prestiamo particolare attenzione alle figure di autorità e alle opinioni della maggioranza. Prestiamo inoltre maggiore attenzione alle credenze di coloro che ci piacciono rispetto a quelli che non ci piacciono.

Le persone in posizioni di autorità hanno il dovere speciale di stare attente alle loro parole per questo motivo. Le loro parole, per natura della loro posizione e statura, hanno maggiori probabilità di essere adottate come credenze dalle persone, e su scala più ampia, rispetto alle parole di tutti gli altri.

Possono usare quel potere per fare molto bene se stanno attenti o fare molto danno se non lo sono.

Ad esempio, di recente, il presidente Trump ha ripetutamente e con fiducia suggerito che un vecchio trattamento per la malaria, la clorochina, potrebbe trattare il coronavirus, in assenza di prove scientifiche a sostegno di tale affermazione.

Ha detto che era “sicuro”, che aveva un “buon feeling” al riguardo e che poteva essere “uno dei più grandi cambi di gioco nella storia della medicina”, anche dopo il Dr. Anthony Fauci, direttore del National Institute of L’allergia e le malattie infettive lo hanno corretto.

Un uomo dell’Arizona, seguendo il consiglio di Trump, ingerì un detergente per acquari che conteneva un ingrediente chiamato clorochina e morì. Le parole di figure autoritarie, come i capi di stato, hanno un peso particolare nell’influenzare le credenze delle persone e possono essere mortali.

Perché scegliamo di credere ad alcune cose e non ad altre?

Alla maggior parte di noi piace pensare a noi stessi come agenti razionali che possono prendere decisioni e formare convinzioni sensate. Ma il mondo è troppo grande e complesso per noi per avere il tempo o la larghezza di banda dell’attenzione per sapere tutto, quindi dobbiamo scegliere.

Il nome scientifico per questo è “campionamento”, e funziona bene in un mondo dinamico in cui la verità approssimativa è generalmente abbastanza buona per prendere decisioni quotidiane.

Siamo inoltre progettati per favorire lo studio delle cose di cui non siamo sicuri. Questa tendenza ci spinge ad espandere e aggiornare la nostra base di conoscenze. Una volta che sentiamo di sapere tutto, ci liberiamo e passiamo alla cosa successiva. Questo ci impedisce di perdere tempo su ciò che già sappiamo in modo da poter imparare qualcosa di nuovo.

Il problema sorge quando crediamo di sapere tutto quello che c’è da sapere, ma abbiamo torto.

Quando ciò accade, siamo meno disponibili a cambiare idea sulla base di nuove informazioni perché non cerchiamo nuove informazioni e siamo più propensi a ignorarle quando le incontriamo.

In definitiva, chi e cosa influenza le nostre credenze?

Se tutti intorno a noi sembrano credere a qualcosa, è più probabile che ci crediamo. E quel circuito di feedback è importante, soprattutto all’inizio. Ad esempio, se stiamo formando un’opinione su qualcosa di cui non siamo completamente sicuri, è più probabile che decidiamo sulla base delle prime prove che vediamo. Tutto ciò è inconscio ed è così che funzionano i sistemi di apprendimento.

Diciamo che la tua vicina menziona che sta seguendo una nuova dieta a carbone attivo per liberare il suo corpo dalle tossine. Forse lasci quella conversazione incerta sul fatto che quella dieta sia legittima e speri online per fare qualche scherzo.

Se cerchi la frase “carbone attivo”, probabilmente vedrai un mucchio di contenuti pseudoscientifici di salute e benessere su come il carbone attivo è meraviglioso per tutti i tipi di cose: schiarire la pelle, curare i postumi di una sbornia, calmare l’indigestione.

Se le prime due cose che vedi fanno eco a quel punto di vista, tendi ad adottare rapidamente quella convinzione con alta certezza. Nel caso della dieta a carbone attivo, ciò potrebbe non essere prudente.

Non ci sono prove che il carbone attivo possa fare una di queste cose. E credere che possa, nella migliore delle ipotesi, privarti dell’opportunità di scoprire altri metodi basati sull’evidenza che potrebbero effettivamente aiutare. Nel peggiore dei casi, può essere pericoloso.

Alcuni tipi di personalità sono più inclini di altri ad attenersi alle credenze nonostante prove contraddittorie?

Tutti noi seguiamo le credenze di fronte a prove contraddittorie. Tutti noi abbiamo credenze che non corrispondono alla realtà. È inevitabile Ma è possibile che alcune persone siano migliori o peggiori di altre nel mantenere una mente aperta.

La nostra ricerca precedente suggerisce che l’incertezza rende le persone più disposte a cambiare idea. Il rovescio della medaglia è che la costante incertezza può renderci meno disposti a prendere decisioni e agire, il che renderebbe difficile navigare nella vita.

Quello che sappiamo dal lavoro nel nostro laboratorio è che il modo in cui ti senti certo non è un buon indicatore di quanto dovresti sentirti in base alla forza delle prove.

La ricerca condotta da Louis Martí nel nostro laboratorio ha misurato la fiducia e l’accuratezza delle persone mentre stavano imparando un nuovo concetto. Ciò che abbiamo scoperto è che la certezza della gente non era prevista dalla forza delle prove.

Invece, è stato previsto dal feedback. Se le persone hanno indovinato la risposta a una domanda e l’hanno trovata nel modo giusto con un colpo di fortuna, la loro fiducia è rimasta elevata anche quando hanno avuto risposte successive sbagliate. Quel primo feedback positivo ha creato un’elevata certezza che non poteva essere scossa.

Diciamo che senti che la luce del sole guarisce le persone malate, e quindi trascorri un po ‘di tempo fuori la prossima volta che hai un raffreddore, o apri le persiane della camera da letto e sembra che tu guarisca più velocemente.

Dillo al tuo amico, ci prova, dice che è migliorato anche più velocemente. Ora sei sicuro che la luce del sole cura la malattia. Ma forse la luce del sole ti ha reso meno attento ai tuoi sintomi, o forse hai avuto un lieve raffreddore che ha fatto il suo corso.

Ma poiché sei sicuro dei poteri curativi della luce solare, non sei aperto ai dati successivi. Quindi, se qualcuno suggerisce che forse la luce del sole non cura le malattie, non sei veramente interessato. Perché dovresti essere? L’hai capito.

Che tipo di leadership è necessaria in questo momento, dati i nostri sistemi di credenze e ciò che è in gioco?

Tutti abbiamo bisogno di essere più intellettualmente umili. Dobbiamo tutti riconoscere che quanto ci sentiamo certi è irrilevante per quanto dovremmo essere certi. Dobbiamo riconoscere che ci sono scienziati ed esperti medici là fuori che hanno le conoscenze e le competenze di cui abbiamo bisogno per prendere decisioni intelligenti e che sono disposti e in grado di condividere tali informazioni con noi.

Cosa fa sì che alcune persone si attengano alle loro convinzioni e agiscano con scetticismo nonostante prove schiaccianti schiaccianti?

Abbiamo bisogno soprattutto dei nostri leader in questo momento per capire il ruolo che svolgono in tutto questo. Le parole non sono solo parole. Le parole sono la base delle credenze e le credenze guidano il nostro comportamento. Le persone che non credono che la pandemia sia reale o che si diffonderà mettono se stessi e tutti gli altri a rischio non facendo ciò che deve essere fatto per fermarlo.

Anche i media e le piattaforme online che diffondono informazioni svolgono un ruolo fondamentale. Molti siti online ripubblicano e riciclano i contenuti, il che potrebbe falsare artificialmente l’apparente livello di accordo o disaccordo esistente nella popolazione.

È importante che le persone che creano e curano queste informazioni e gestiscono le piattaforme di consegna, riconoscano il profondo ruolo che svolgono nel modellare le credenze e nel cambiare le menti. Devono essere consapevoli della responsabilità che hanno nei momenti di crisi.

Alle persone può essere insegnato ad avere una mentalità più aperta?

È possibile. Le credenze non sono stabili, cose finite perché stiamo costantemente prendendo nuovi dati e aggiornamenti. Può sembrare scoraggiante che le persone chiudano quando diventano certe. 

Ma vedo la speranza nel fatto che le persone sono fondamentalmente sociali e che cercano di interagire tra loro. 

Le persone sono sensibili alle credenze di coloro che le circondano. Quando queste credenze cambiano, le persone possono riconsiderare le loro posizioni. Ecco perché è importante parlare di ciò che sta accadendo e le persone informate che sanno di più dovrebbero parlare il più forte.

Per quanto riguarda gli scienziati comportamentali e cognitivi, non sappiamo ancora se la tendenza a mantenere credenze dubbie possa essere allenata dalle persone. io

È qualcosa a cui molti ricercatori, incluso noi, sono interessati in questo momento. Se le persone sono consapevoli della loro fallibilità, potrebbe essere loro insegnato a moderare il loro comportamento di conseguenza. Stiamo studiando la fattibilità di quell’idea. Lo testeremo e vedremo, perché è così che funziona la scienza.


La scorsa settimana l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha annunciato un importante studio per confrontare le strategie terapeutiche in un progetto di sperimentazione clinica semplificato a cui i medici di tutto il mondo possono aderire.

Altre prove sono anche in corso; tutto sommato, sono in fase di sperimentazione almeno 12 potenziali trattamenti COVID-19 , inclusi farmaci già in uso per l’HIV e la malaria, composti sperimentali che lavorano contro una serie di virus negli esperimenti sugli animali e plasma ricco di anticorpi da persone che si sono riprese da COVID -19.

Più di una strategia può dimostrare il suo valore e trattamenti efficaci possono funzionare in diverse fasi dell’infezione, afferma Thomas Gallagher, ricercatore di coronavirus presso il Campus di scienze della salute della Loyola University di Chicago. “La grande sfida potrebbe essere alla fine clinica determinare quando usare i farmaci”.

I ricercatori vogliono evitare di ripetere gli errori dell’epidemia di ebola dell’Africa occidentale 2014-2016, in cui gli esperimenti volenti o nolenti sono proliferati ma sono stati avviati studi clinici randomizzati così tardi che molti hanno finito per non reclutare abbastanza pazienti.

“La lezione è che ora inizi le prove”, afferma Arthur Caplan, un bioeticista presso il Langone Medical Center della New York University. “Renderlo parte di ciò che stai facendo in modo che tu possa muoverti rapidamente per avere gli interventi più efficaci in primo piano.”

A tal fine, l’OMS il 20 marzo ha annunciato il lancio di SOLIDARITY, una spinta coordinata senza precedenti per raccogliere rapidamente dati scientifici affidabili durante una pandemia. Lo studio, che potrebbe includere molte migliaia di pazienti in decine di paesi, ha sottolineato la semplicità in modo che anche gli ospedali sopraffatti da un assalto di pazienti COVID-19 possano partecipare.

Il sito Web dell’OMS randomizzerà i pazienti in cure standard locali o in uno dei quattro regimi farmacologici, utilizzando solo quelli disponibili presso l’ospedale del paziente. I medici registreranno semplicemente il giorno in cui il paziente ha lasciato l’ospedale o è morto, la durata della degenza ospedaliera e se il paziente ha richiesto ossigeno o ventilazione.

“Questo è tutto”, afferma Ana Maria Henao Restrepo, un ufficiale medico presso il Dipartimento di vaccini e biologici dell’immunizzazione dell’OMS.

Il progetto non è accecato: i pazienti sapranno di aver ricevuto un candidato al farmaco e questo potrebbe causare un effetto placebo, ammette Henao Restrepo. Ma è nell’interesse della velocità, dice. “Lo stiamo facendo a tempo di record.” L’agenzia spera di iniziare ad arruolare pazienti questa settimana.

Piuttosto che impiegare anni per sviluppare e testare i composti da zero, l’OMS e altri vogliono riproporre farmaci già approvati per altre malattie e con profili di sicurezza accettabili.

Stanno anche esaminando farmaci sperimentali che hanno funzionato bene negli studi sugli animali contro gli altri due coronavirus mortali, che causano la SARS e la sindrome respiratoria del Medio Oriente (MERS). E si stanno concentrando su composti abbastanza abbondanti da trattare un numero considerevole di pazienti.

Per il suo studio, l’OMS ha scelto un antivirale sperimentale chiamato remdesivir; il farmaco contro la malaria clorochina (o sua cugina chimica idrossiclorochina); una combinazione dei farmaci per l’HIV lopinavir e ritonavir; e quella combinazione più l’interferone beta, un messaggero del sistema immunitario che può aiutare a paralizzare i virus. I trattamenti fermerebbero il virus con meccanismi diversi, ma ognuno ha degli svantaggi.

Remdesivir , sviluppato da Gilead Sciences per combattere l’Ebola e i relativi virus, interrompe la replicazione virale inibendo un enzima virale chiave, l’RNA polimerasi. Non ha aiutato i pazienti con Ebola in un test durante l’epidemia del 2019 nella Repubblica Democratica del Congo. Ma nel 2017, i ricercatori hanno dimostrato in provette e studi su animali che il farmaco può inibire i virus SARS e MERS.

Il farmaco, che viene somministrato per via endovenosa, è stato utilizzato in centinaia di pazienti COVID-19 negli Stati Uniti e in Europa sotto quello che è noto come uso compassionevole, che ha richiesto a Gilead di rivedere i dati dei pazienti; alcuni medici hanno riportato prove aneddotiche di beneficio, ma nessun dato concreto.

Gilead afferma che ora sta iniziando a fornire remdesivir con una semplice denominazione di “uso esteso”. Altri cinque studi clinici in corso in Cina e negli Stati Uniti lo stanno testando e potrebbero avere presto risultati preliminari. Dei farmaci nello studio SOLIDARITY, “remdesivir ha il miglior potenziale”, afferma Shibo Jiang dell’Università di Fudan, che lavora sulla terapia con coronavirus.

Come la maggior parte dei farmaci per le infezioni acute, il remdesivir può essere molto più potente se somministrato in anticipo, afferma Stanley Perlman, un ricercatore di coronavirus dell’Università dello Iowa, e potrebbe essere una sfida.

“Quello che vuoi davvero fare è dare un farmaco del genere a persone che entrano con sintomi lievi”, dice. “E non puoi farlo perché è un farmaco [endovenoso], è costoso e 85 persone su 100 non ne hanno bisogno” perché non svilupperanno gravi malattie.

La clorochina e l’ idrossiclorochina hanno ricevuto un’attenzione intensa a causa dei risultati positivi di piccoli studi e dell’approvazione del presidente Donald Trump, che ha dichiarato: “Mi sento bene al riguardo”.

I farmaci riducono l’acidità negli endosomi, i compartimenti che le cellule usano per ingerire materiale esterno e che alcuni virus cooptano durante l’infezione. Ma l’ingresso principale di SARS-CoV-2 è diverso: usa la sua cosiddetta proteina spike per attaccarsi a un recettore sulla superficie delle cellule umane.

Gli studi sulla coltura cellulare hanno suggerito che la clorochina può paralizzare il virus, ma le dosi necessarie sono generalmente elevate e potrebbero causare una grave tossicità.

“I ricercatori hanno provato questo farmaco su virus dopo virus e non funziona mai nell’uomo”, afferma Susanne Herold, esperta di infezioni polmonari all’Università di Giessen.

I risultati dei pazienti COVID-19 sono oscuri. Ricercatori cinesi che hanno trattato oltre 100 pazienti hanno pubblicizzato i benefici della clorochina in una lettera su  BioScience , ma non hanno pubblicato dati. E l’OMS afferma che “nessun dato è stato condiviso” da oltre 20 altri studi COVID-19 in Cina che utilizzano clorochina o idrossiclorochina.

Il microbiologo francese Didier Raoult e colleghi hanno pubblicato uno studio sull’idrossiclorochina in 20 pazienti COVID-19 che ha concluso che il farmaco aveva ridotto la carica virale nei tamponi nasali. (Sembrava funzionare ancora meglio con l’azitromicina antibiotica.)

Ma lo studio, riportato  sull’International Journal of Antimicrobial Agents , non è stato randomizzato e non ha riportato esiti clinici come i decessi.

L’idrossiclorochina potrebbe effettivamente causare più danni che benefici. Ha molti effetti collaterali e, in rari casi, può danneggiare il cuore e le persone con patologie cardiache sono maggiormente esposte al rischio di COVID-19 grave, afferma David Smith, un medico di malattie infettive dell’Università della California, San Diego.

“Questo è un segnale di avvertimento, ma dobbiamo ancora fare il processo”, dice. Ci sono state anche segnalazioni di avvelenamento da clorochina nelle persone che si sono auto-medicate.

Molti ricercatori di coronavirus sono allo stesso modo scettici sulla combinazione lopinavir-ritonavir. Abbott Laboratories ha sviluppato i farmaci per inibire la proteasi dell’HIV, un enzima che spezza una lunga catena proteica durante l’assemblaggio di nuovi virus.

La combinazione ha funzionato in marmoset infetti dal virus MERS ed è stata testata anche in pazienti con SARS e MERS, sebbene questi risultati siano ambigui. Ma il primo processo con COVID-19 non è stato incoraggiante.

Quando i medici di Wuhan, in Cina, hanno prestato cure standard a 199 pazienti con o senza lopinavir-ritonavir, i risultati non differivano significativamente, hanno riportato  il New England Journal of Medicine  il 15 marzo. Gli autori affermano che i pazienti erano molto malati e che il trattamento potrebbe essere iniziato troppo tardi.

Il quarto braccio di SOLIDARITY combina questi due antivirali con l’interferone beta, una molecola coinvolta nella regolazione dell’infiammazione che ha ridotto la gravità della malattia in marmoset infetti da MERS. Ma l’interferone beta potrebbe essere rischioso per i pazienti con COVID-19 grave, afferma Herold. “Se somministrato in ritardo nella malattia, potrebbe facilmente portare a un danno tissutale peggiore, anziché aiutare i pazienti”, avverte.

SOLIDARITY è progettato per fornire un verdetto rapido e utile, basato sui risultati più rilevanti per la salute pubblica, afferma il virologo Christian Drosten dell’ospedale universitario Charité di Berlino. Dati più dettagliati potrebbero provenire da una sperimentazione aggiuntiva in Europa, annunciata il 23 marzo dall’agenzia francese di ricerca biomedica INSERM. Per includere 3200 pazienti, testerà gli stessi farmaci, compresa l’idrossiclorochina ma non la clorochina, e raccoglierà dati aggiuntivi come i livelli di gas nel sangue o l’imaging polmonare.

Altri trattamenti approvati e sperimentali sono in fase di sperimentazione contro il coronavirus o probabilmente lo saranno presto. Includono farmaci che possono ridurre l’infiammazione, come corticosteroidi e baricitinib, un trattamento per l’artrite reumatoide. Alcuni ricercatori hanno grandi speranze per il camostat mesilato, un farmaco autorizzato in Giappone per la pancreatite, che inibisce una proteina umana coinvolta nell’infezione.

Altri antivirali avranno anche una possibilità, tra cui il farmaco antinfluenzale favipiravir e altri antiretrovirali per l’HIV. I ricercatori hanno anche in programma di provare a rafforzare l’immunità con plasma “convalescente” da pazienti con COVID-19 recuperati o anticorpi monoclonali diretti a SARS-CoV-2.

Perlman afferma che il modo più intelligente per testare i farmaci è nelle persone nelle prime fasi della malattia che i medici pensano che molto probabilmente peggioreranno molto. Come lo determineresti? “Questa è la domanda chiave”, afferma. I ricercatori potrebbero trovare un biomarcatore nel sangue che li aiuti a prevedere il decorso della malattia.

Fondamentalmente, medici e ricercatori in tutto il mondo stanno affrontando il problema con urgenza, afferma Henao Restrepo. “Questa è una crisi come nessun altra e dovremo lavorare insieme”, afferma. “Questo è l’unico modo forse troveremo una soluzione.”


Fonte:
UC Berkeley

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.