Le persone tendono ad essere suscettibili ad avere falsi ricordi

0
181

Le persone non sono in grado di identificare quando qualcun altro sta raccontando una memoria falsa o reale di un crimine , secondo un nuovo studio dell’UCL.

Le scoperte, pubblicate su  Frontiers in Psychology , si basano su uno studio precedente che è stato il primo a impiantare con successo falsi ricordi di aver commesso un crimine – prendendo in oggetto un attacco o un assalto con un’arma – secondo le indagini della polizia.

Definizioni di falsa memoria

In che modo gli psicologi definiscono la falsa memoria? 

Come lo distinguono dalle altre forme di fallibilità della memoria? 

Alcuni elementi comuni di falsa memoria includono:

  • I falsi ricordi sono esperienze mentali che le persone credono siano rappresentazioni accurate di eventi passati.
  • I falsi ricordi spesso ruotano attorno a dettagli banali (credendo di aver messo le chiavi sul tavolo quando sei tornato a casa) a molto più gravi (credendo di aver visto qualcuno sulla scena di un crimine).
  • La falsa memoria differisce da semplici errori di memoria. Mentre siamo tutti inclini alla fallibilità della memoria, la falsa memoria è più di un semplice errore; implica un livello di certezza nella validità della memoria.

Mentre tutti noi sperimentiamo periodicamente guasti alla memoria, i falsi ricordi sono unici in quanto rappresentano un ricordo distinto di qualcosa che in realtà non è accaduto. Non si tratta di dimenticare o confondere i dettagli delle cose che abbiamo vissuto; si tratta di ricordare cose che non abbiamo mai sperimentato in primo luogo.

L’autrice dello studio Dr Julia Shaw (UCL Psychology & Language Sciences) ha dichiarato: “Tutti pensano che non potrebbero essere indotti a credere di aver fatto qualcosa che non hanno mai fatto e che se qualcuno dicesse loro di avere un falso ricordo , sarebbero in grado per individuarlo.

Ma abbiamo scoperto che in realtà le persone tendono ad essere abbastanza suscettibili di avere falsi ricordi , e suonano proprio come veri ricordi ”.

Per lo studio precedente, pubblicato nel 2015, il dott. Shaw e un collega hanno invitato i giovani adulti a uno studio sui ricordi emotivi e hanno anche parlato con un membro della loro famiglia per conoscere gli eventi della prima adolescenza dei partecipanti, nel modo più dettagliato possibile .

I ricercatori hanno parlato con i partecipanti del loro passato e hanno utilizzato domande chiave e tattiche suggestive, nonché tecniche di visualizzazione per convincere i partecipanti che li stavano aiutando a recuperare un ricordo dimenticato – mentre in realtà stavano impiantando un falso ricordo che il partecipante aveva commesso un crimine quando erano giovani, come furto o aggressione.

“In sostanza, stavamo facendo esattamente” cosa non fare “quando abbiamo condotto un colloquio di polizia”, ​​ha spiegato il dott. Shaw.

Lo studio del 2015 ha riferito che la maggior parte dei partecipanti ha sviluppato un falso ricordo di aver commesso un crimine e i partecipanti hanno costantemente riferito che i falsi ricordi si sono rivelati incredibilmente reali.

La ricerca attuale prevede due studi che hanno utilizzato video dello studio del 2015, dei partecipanti allo studio che raccontano i loro falsi ricordi di un crimine, che ritenevano reali.

I nuovi partecipanti hanno guardato quei video e gli è stato chiesto se la persona stesse descrivendo un evento realmente accaduto o meno.

I partecipanti erano accurati solo al 53% (non meglio del caso) nell’identificare falsi ricordi di aver commesso un crimine . Questi risultati sono stati replicati nel secondo studio.

Anche quando ai partecipanti è stato esplicitamente detto che uno dei ricordi che hanno visto era falso, il loro giudizio non era meglio del lancio di una moneta.

Oltre a credere erroneamente che i falsi ricordi fossero veri, i partecipanti avevano la stessa probabilità di guardare qualcuno raccontare un ricordo genuino, e quindi identificarlo erroneamente come falso – il team di ricerca ha quindi detto loro che alcuni dei video presentavano falsi ricordi.

In altre parole, molti veri ricordi sembravano falsi ricordi.

“I professionisti legali e gli agenti di polizia devono rendersi conto di quanto sia facile manipolare i ricordi di qualcuno.

I giudici, in particolare, non dovrebbero mai presumere di poter dire quando qualcuno ha una falsa memoria e dovrebbero considerare l’intero processo per vedere se c’era il rischio di contaminazione di un difensore o dei ricordi dei testimoni ”, ha affermato il dott. Shaw.

“I risultati evidenziano davvero quanto sia importante garantire che i procedimenti penali siano eseguiti correttamente.

Il processo di interrogatorio dovrebbe essere basato sull’evidenza, per ridurre il rischio di impiantare falsi ricordi nelle persone interrogate dalla polizia. “


Come si formano i falsi ricordi

Nello studio “Lost in the Mall”, l’impianto di falsi ricordi si è verificato quando un’altra persona, di solito un membro della famiglia, ha affermato che l’incidente è avvenuto.

La conferma di un evento da parte di un’altra persona può essere una tecnica potente per instillare un falso ricordo. In realtà, il semplice fatto di aver visto una persona fare qualcosa può portarla a fare una falsa confessione di illeciti.

Questo effetto è stato dimostrato in uno studio di Saul M. Kassin e dei suoi colleghi del Williams College, che ha indagato sulle reazioni di persone accusate erroneamente di aver danneggiato un computer premendo il tasto sbagliato.

Inizialmente gli innocenti partecipanti hanno negato l’accusa, ma quando un confederato ha dichiarato di averli visti compiere l’azione, molti partecipanti hanno firmato una confessione, hanno interiorizzato il senso di colpa per l’atto e hanno continuato a confabulare dettagli coerenti con prove incriminanti che possono indurre le persone ad accettare senso di colpa per un crimine che non hanno commesso e persino di sviluppare memorie per sostenere i loro sentimenti di colpa.

La ricerca sta iniziando a darci una comprensione di come vengono creati falsi ricordi di esperienze complete, emotive e auto-partecipative negli adulti.

In primo luogo, ci sono esigenze sociali da ricordare per gli individui; ad esempio, i ricercatori esercitano una certa pressione sui partecipanti a uno studio per inventare ricordi. In secondo luogo, la costruzione della memoria immaginando eventi può essere esplicitamente incoraggiata quando le persone hanno difficoltà a ricordare.

E, infine, le persone possono essere incoraggiate a non pensare se le loro costruzioni sono reali o meno. È più probabile che si verifichino falsi ricordi quando sono presenti questi fattori esterni, sia in ambito sperimentale, sia terapeutico o durante le attività quotidiane.

I falsi ricordi sono costruiti combinando i ricordi reali con il contenuto dei suggerimenti ricevuti dagli altri. Durante il processo, le persone potrebbero dimenticare la fonte delle informazioni. Questo è un classico esempio di confusione della fonte, in cui il contenuto e la fonte si dissociano.

Naturalmente, poiché in alcuni individui possiamo impiantare falsi ricordi d’infanzia non implica in alcun modo che tutti i ricordi che sorgono dopo il suggerimento siano necessariamente falsi.

Detto in altro modo, sebbene il lavoro sperimentale sulla creazione della validità di memorie sepolte a lungo, come un trauma ripetuto, non le smentisce in alcun modo.

Senza conferma, c’è poco che si può fare per aiutare anche il valutatore più esperto a differenziare i ricordi veri da quelli che sono stati piantati in modo suggestivo.

I meccanismi precisi con cui sono costruiti tali falsi ricordi attendono ulteriori ricerche. Abbiamo ancora molto da imparare sul grado di fiducia e sulle caratteristiche dei falsi ricordi creati in questi modi, e dobbiamo scoprire quali tipi di individui sono particolarmente sensibili a queste forme di suggestione e chi è resistente.

Mentre continuiamo questo lavoro, è importante prestare attenzione al racconto cautelativo nei dati che abbiamo già ottenuto: i professionisti della salute mentale e gli altri devono essere consapevoli di quanto possano influenzare il ricordo degli eventi e l’urgente necessità di mantenere la moderazione nelle situazioni in cui l’immaginazione viene utilizzata come aiuto nel recupero di ricordi presumibilmente persi.


Fonte:
UCL

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.