La perdita di odore e gusto sono convalidati come sintomi COVID-19

0
349

La perdita dell’olfatto e del gusto è stata aneddoticamente collegata alle infezioni COVID-19 . 

In uno studio pubblicato il 12 aprile 2020 sulla rivista  International Forum of Allergy & Rhinology , i ricercatori dell’UC San Diego Health riportano i primi risultati empirici che associano fortemente la perdita sensoriale al COVID-19 , la malattia respiratoria causata dal nuovo coronavirus.

“In base al nostro studio, se hai la perdita dell’olfatto e del gusto, hai più di 10 volte più probabilità di avere l’ infezione da COVID-19 rispetto ad altre cause di infezione.

Il primo segno più comune di infezione da COVID-19 rimane la febbre, ma la fatica e la perdita dell’olfatto e del gusto seguono altri sintomi iniziali molto comuni “, ha affermato Carol Yan, MD, otorinolaringoiatra e chirurgo della testa e del collo presso la UC San Diego Health.

” Sappiamo che COVID-19 è un virus estremamente contagioso . Questo studio sostiene la necessità di essere consapevoli della perdita del gusto e dell’olfatto come primi segni di COVID-19 “.

Yan e colleghi hanno intervistato 1.480 pazienti con sintomi simil-influenzali e preoccupati al riguardo della potenziale infezione da COVID-19 -sono stati poi sottoposti a test presso la UC San Diego Health dal 3 al 29 marzo 2020.

All’interno di quel totale, 102 pazienti sono risultati positivi al virus e 1.378 sono risultati negativi.

Lo studio ha incluso le risposte di 59 pazienti con COVID-19 positivi e 203 pazienti con COVID-19 negativi.

Yan ha affermato che lo studio ha dimostrato l’elevata prevalenza e la presentazione unica di alcune menomazioni sensoriali nei pazienti positivi con COVID-19.

Di coloro che hanno riportato perdita di olfatto e gusto, la perdita era generalmente profonda, non lieve. 

Ma in modo incoraggiante, il tasso di recupero dell’olfatto e del gusto era elevato e si verificava generalmente entro due o quattro settimane dall’infezione.

“Il nostro studio non solo ha dimostrato che l’elevata incidenza di odore e gusto è specifica dell’infezione da COVID-19, ma fortunatamente abbiamo anche scoperto che per la maggior parte delle persone il recupero sensoriale era generalmente rapido”, ha detto Yan.

“Tra i pazienti Covid-19 con perdita dell’olfatto, oltre il 70% aveva riportato un miglioramento dell’olfatto al momento del sondaggio e di quelli che non avevano riportato miglioramenti, molti erano stati diagnosticati solo di recente.”

Il ritorno sensoriale in genere corrispondeva ai tempi del recupero della malattia.

È interessante notare che i ricercatori hanno scoperto che le persone che hanno riferito di avere mal di gola più spesso sono risultate negative per COVID-19.

Nel tentativo di ridurre il rischio di trasmissione del virus, UC San Diego Health ora include la perdita dell’olfatto e del gusto come requisito di screening per visitatori e personale, nonché un marker per testare i pazienti che potrebbero essere positivi per il virus.

Altri sintomi noti di COVID-19 includono febbre, affaticamento, tosse e difficoltà respiratorie. Gli intervistati nello studio di Yan erano spesso persone con forme più lievi di infezione da COVID-19 che non richiedevano il ricovero o l’intubazione.

I risultati, ha affermato, sottolineano l’importanza di identificare i sintomi precoci o sottili dell’infezione da COVID-19 in persone che potrebbero essere a rischio di trasmissione della malattia mentre si riprendono all’interno della comunità.

“La nostra speranza è che con queste scoperte altre istituzioni seguano l’esempio e non solo elencino l’odore e la perdita del gusto come sintomo di COVID-19, ma lo utilizzino come misura di screening per il virus in tutto il mondo”, ha detto Yan.

I coautori includono: Farhoud Faraji, Divya P. Prajapti, Christine E. Boone e Adam S. DeConde, tutti alla UC San Diego.


Esiti olfattivi e gustativi

La comparsa di anosmia o iposmia è stata identificata nel questionario. L’impatto della disfunzione olfattiva sulla qualità della vita (QoL) dei pazienti è stato valutato mediante sQOD-NS validato (Appendice 1) [9].

Questo è un questionario sugli esiti riportato dai pazienti in sette articoli che include domande sociali, alimentari, fastidio e ansia. Ogni oggetto è valutato su una scala da 0 a 3, con punteggi più alti che riflettono una migliore qualità olfattiva specifica. Il punteggio totale varia da 0 (impatto grave su QoL) a 21 (nessun impatto su QoL) [9].

Il resto delle domande olfattive e gustative erano basate sulla componente olfattiva e gustativa del National Health and Nutrition Examination Survey [10].

Questo sondaggio sulla popolazione è stato implementato dai Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie per monitorare costantemente la salute dei cittadini adulti negli Stati Uniti attraverso un campione rappresentativo a livello nazionale di 5000 persone all’anno [10].

Le domande sono state scelte per caratterizzare la variazione, i tempi e i sintomi associati delle disfunzioni olfattive e gustative e, quindi, suggeriscono una potenziale eziologia. Si noti che abbiamo valutato il tempo medio di recupero dell’olfatto attraverso quattro proposizioni definite: 1–4 giorni; 5-8 giorni; 9-14 giorni; e> 15 giorni.

Facendo riferimento agli studi che hanno dimostrato che la carica virale era significativamente diminuita dopo 14 giorni [11], abbiamo valutato il tasso di non recupero dell’olfatto a breve termine su pazienti che presentavano doppi criteri: un inizio dell’infezione> 14 giorni prima della valutazione e la mancanza di sintomi generali al momento della valutazione.

Esiti olfattivi

Un totale di 357 pazienti (85,6%) presentavano disfunzione olfattiva correlata all’infezione. Tra questi, 284 (79,6%) pazienti erano anosmici e 73 (20,4%) erano iposmici. La fantosmia e la parosmia riguardavano rispettivamente il 12,6% e il 32,4% dei pazienti durante il decorso della malattia.

La disfunzione olfattiva è apparsa prima (11,8%), dopo (65,4%) o contemporaneamente alla comparsa di sintomi generali o ENT (22,8%). Si noti che il 9,4% dei pazienti non ha ricordato il momento dell’insorgenza della disfunzione olfattiva e, pertanto, non è stato preso in considerazione per la valutazione percentuale.

Considerando i 247 pazienti con un’infezione clinicamente risolta (assenza di sintomi generali ed ENT), la disfunzione olfattiva è persistita dopo la risoluzione di altri sintomi nel 63,0% dei casi. Il tempo medio tra l’inizio della malattia e la valutazione di questo gruppo di pazienti è stato di 9,77 ± 5,68 giorni.

Il tasso di recupero dell’olfatto a breve termine, che è stato valutato in 59 pazienti clinicamente curati, è stato del 44,0%. I diversi tempi di recupero della funzione olfattiva dei pazienti che hanno riportato un recupero della funzione olfattiva sono disponibili in Fig. 3.

In totale, il 72,6% di questi pazienti ha recuperato la funzione olfattiva nei primi 8 giorni successivi alla risoluzione della malattia. Tra i pazienti che hanno riportato anosmia, quindi, esclusi i pazienti iposmici, la funzione olfattiva si è ripresa negli 8 primi giorni successivi alla risoluzione della malattia nel 67,8% dei casi (Fig. 3).

Figura 3

Esiti gustativi

Un totale di 342 pazienti (88,8%) hanno riportato disturbi gustativi, che erano caratterizzati da una compromissione delle seguenti quattro modalità di gusto: salato, dolce, amaro e acido.

Si noti che 32 pazienti non hanno ricordato se avevano disfunzione gustativa e, pertanto, non sono stati considerati per la valutazione della prevalenza del disturbo gustativo.

La disfunzione gustativa consisteva in una capacità ridotta / interrotta o distorta di assaggiare sapori nel 78,9% e nel 21,1% dei pazienti, rispettivamente.

Tra i 43 pazienti senza disfunzione gustativa, 19 (44,2%) non hanno disfunzione olfattiva, mentre 16 (37,2%) e 4 (9,3%) hanno avuto anosmia o iposmia.

I disturbi olfattivi e gustativi erano costanti e invariati nel corso dei giorni nel 72,8% dei pazienti, mentre fluttuavano nel 23,4% dei pazienti. Tra i pazienti che hanno riportato disturbi gustativi ed olfattivi, il 3,8% ha rivelato che questi disturbi si sono verificati durante la rinorrea o episodi di ostruzione nasale.

Tra i pazienti guariti che presentavano disfunzione olfattiva e / o gustativa residua, il 53,9% aveva una disfunzione olfattiva isolata, il 22,5% aveva una disfunzione gustativa isolata e il 23,6% aveva disfunzioni olfattive e gustative.

Associazioni con esiti olfattivi e gustativi
Non vi era alcuna associazione significativa tra comorbidità e sviluppo di disfunzioni olfattive o gustative.

La disfunzione olfattiva non era significativamente associata a rinorrea o ostruzione nasale. C’è stata una significativa associazione positiva tra disfunzioni olfattive e gustative (p <0,001).

L’analisi statistica ha identificato un’associazione significativa tra la febbre e l’anosmia (p = 0,014). Le femmine sarebbero proporzionalmente più colpite da iposmia o anosmia rispetto ai maschi (p <0,001). Risultati simili sono stati trovati per la disfunzione gustativa (p = 0,001, test U di Mann – Whitney).


Fonte:
UCSD

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.