Perchè le persone hanno reazioni diverse alle stesse diete ?

0
153

I ricercatori dell’Australian National Phenome Centre presso la Murdoch University e i partner dell’Imperial College di Londra hanno fatto un importante passo avanti nella comprensione di come gli individui possono avere reazioni diverse alla stessa dieta .

Per decenni, i nutrizionisti e gli scienziati hanno discusso se la perdita di peso è dovuta alla pura forza di volontà e alla salubrità della dieta o se mantenere un peso sano dipende dai tuoi geni.

In un articolo pubblicato oggi sulla rivista Nature Food , i ricercatori mostrano che le persone reagiscono in modo diverso a una dieta esattamente la stessa per un periodo di quattro giorni e che le loro urine contengono diversi schemi di sostanze chimiche che suggeriscono che ognuno di noi ha una risposta unica alla dieta.

Il direttore dell’ANPC e Pro Vice Cancelliere dell’Istituto di Futures sulla Salute della Murdoch University, il professor Jeremy Nicholson, ha affermato che sebbene tutti abbiano consumato la stessa quantità di calorie, alcune persone hanno “espulso” più calorie nelle urine di altre.

“L’interazione tra i nostri geni e l’ambiente è complessa e comprendere la relazione tra la nostra risposta metabolica alla dieta è la chiave per la prevenzione di condizioni croniche come l’obesità, le malattie cardiache e il diabete”, ha detto il professor Nicholson.

Come parte della ricerca, a un gruppo di individui sani sono state somministrate quattro diverse diete che vanno da una  dieta sana , contenente molta frutta, verdura e fibre, all’equivalente di una dieta fast food e il loro metabolismo è stato misurato utilizzando la tecnologia di profilatura molecolare.

“Alcuni individui erano più sensibili alla dieta rispetto ad altri , indipendentemente dal fatto che la dieta fosse sana o no”, ha detto il professor Nicholson. “I percorsi metabolici che sono stati attivati ​​dopo ogni dieta sono risultati diversi tra le persone, con queste differenze relative ai livelli di glucosio nel sangue.

Molte delle sostanze chimiche che sono cambiate nelle urine sono state generate dai batteri intestinali, il che è coerente con il fatto che le persone hanno diversi batteri intestinali e che questi batteri possono usare cibi diversi come combustibile ”.

Fellow di Premier e professore di medicina computazionale alla Murdoch University, la professoressa Elaine Holmes ha affermato che capire come i batteri sono influenzati dalla dieta a livello individuale aiuterà a sviluppare nuove strategie dietetiche per mantenere la salute.

“In base alla risposta metabolica alle quattro diverse diete, siamo stati in grado di creare un modello in grado di prevedere la salubrità della dieta di una persona ” , ha detto il professor Holmes. 

“Abbiamo testato il modello in due diverse popolazioni e confrontato i profili chimici con i registri dietetici.

Questo modello fornirà un quadro per lo sviluppo di programmi nutrizionali di precisione volti alla perdita di peso o al mantenimento in buona salute. “

La dott.ssa Isabel Garcia-Perez del Dipartimento di metabolismo, digestione e riproduzione dell’Imperial College di Londra ha dichiarato: “Stiamo implementando questo strumento nelle nostre cliniche dietiste per migliorare la gestione nutrizionale dei pazienti e crediamo che questo approccio personalizzato fare davvero la differenza per i pazienti. “

Il professor Gary Frost, responsabile della ricerca nutrizionale presso l’Imperial College, ha dichiarato: “Questo è un vero cambiamento di paradigma nella ricerca nutrizionale personalizzata – per la prima volta abbiamo strumenti in grado di valutare rapidamente le interazioni dieta-microbioma che influenzano le risposte individuali a schemi dietetici complessi in il vero legno. “

Il professor Nicholson ha affermato che, data l’importanza globale della sovra e della sottoalimentazione nella guida delle malattie croniche, qualsiasi nuovo metodo che aiuti a comprendere la risposta alla dieta a livello individuale o di popolazione potrebbe essere un valido strumento sanitario.

“Questa ricerca è in linea con l’iniziativa WA per la salute sostenibile recentemente annunciata che richiede la creazione di nuove metriche per entrambi gli strumenti di salute della popolazione applicabili alla prevenzione di condizioni legate all’alimentazione come le malattie cardiache e il diabete”, ha affermato il professor Nicholson.


Pensaci. Il tuo cervello è sempre “acceso”. Si prende cura dei tuoi pensieri e movimenti, della tua respirazione e del battito cardiaco, dei tuoi sensi – lavora duramente 24 ore su 24, 7 giorni su 7, anche mentre dormi. Ciò significa che il tuo cervello richiede un costante rifornimento di carburante.

Quel “carburante” proviene dagli alimenti che mangi – e ciò che contiene quel carburante fa la differenza. In parole povere, ciò che mangi influenza direttamente la struttura e la funzione del tuo cervello e, in definitiva, il tuo umore.

Come un’auto costosa, il tuo cervello funziona meglio quando riceve solo carburante premium. Mangiare cibi di alta qualità che contengono molte vitamine, minerali e antiossidanti nutre il cervello e lo protegge dallo stress ossidativo: i “rifiuti” (radicali liberi) prodotti quando il corpo usa ossigeno, che può danneggiare le cellule.

Sfortunatamente, proprio come un’auto costosa, il tuo cervello può essere danneggiato se ingerisci qualcosa di diverso dal carburante premium. Se le sostanze del carburante “a basso costo” (come ciò che si ottiene da alimenti trasformati o raffinati) arrivano al cervello, ha poca capacità di liberarsene. 

Le diete ricche di zuccheri raffinati, ad esempio, sono dannose per il cervello.

Oltre a peggiorare la regolazione insulinica del corpo, promuovono anche l’infiammazione e lo stress ossidativo. Diversi studi hanno trovato una correlazione tra una dieta ricca di zuccheri raffinati e funzionalità cerebrale compromessa – e persino un peggioramento dei sintomi di disturbi dell’umore, come la depressione.

Ha senso. Se il tuo cervello è privato di un’alimentazione di buona qualità, o se i radicali liberi o le cellule infiammatorie dannose circolano all’interno dello spazio chiuso del cervello, contribuendo ulteriormente alla lesione del tessuto cerebrale, sono prevedibili conseguenze. 

La cosa interessante è che per molti anni il settore medico non ha riconosciuto completamente la connessione tra umore e cibo.

Oggi, fortunatamente, il fiorente campo della psichiatria nutrizionale sta scoprendo che ci sono molte conseguenze e correlazioni tra non solo ciò che mangi, come ti senti e come alla fine ti comporti, ma anche i tipi di batteri che vivono nell’intestino.

In che modo i cibi che mangi influiscono su come ti senti

La serotonina è un neurotrasmettitore che aiuta a regolare il sonno e l’appetito, a mediare gli stati d’animo e ad inibire il dolore. Poiché circa il 95% della tua serotonina viene prodotta nel tratto gastrointestinale e il tuo tratto gastrointestinale è rivestito da un centinaio di milioni di cellule nervose o neuroni, ha senso che i meccanismi interni del tuo sistema digestivo non ti aiutano solo a digerire il cibo, ma guida anche le tue emozioni.

Inoltre, la funzione di questi neuroni – e la produzione di neurotrasmettitori come la serotonina – è fortemente influenzata dai miliardi di batteri “buoni” che compongono il microbioma intestinale. Questi batteri svolgono un ruolo essenziale nella tua salute.

Proteggono il rivestimento dell’intestino e assicurano una forte barriera contro le tossine e i batteri “cattivi”; limitano l’infiammazione; migliorano la capacità di assorbimento dei nutrienti dal cibo; e attivano percorsi neurali che viaggiano direttamente tra l’intestino e il cervello.

Gli studi hanno confrontato le diete “tradizionali”, come la dieta mediterranea e la tradizionale dieta giapponese, con una tipica dieta “occidentale” e hanno dimostrato che il rischio di depressione è inferiore del 25-35% in coloro che seguono una dieta tradizionale.

Gli scienziati spiegano questa differenza perché queste diete tradizionali tendono ad essere ricche di verdure, frutta, cereali non trasformati, pesce e frutti di mare e contenere solo modeste quantità di carni magre e latticini.

Sono inoltre privi di alimenti e zuccheri trasformati e raffinati, che sono elementi fondamentali del modello dietetico “occidentale”. Inoltre, molti di questi alimenti non trasformati sono fermentati e quindi agiscono come probiotici naturali.

Questo può sembrare non plausibile per te, ma l’idea che i batteri buoni non solo influenzano ciò che il tuo intestino digerisce e assorbe, ma che influenzano anche il grado di infiammazione in tutto il corpo, nonché il tuo umore e livello di energia, sta guadagnando trazione tra i ricercatori .

Psichiatria nutrizionale: cosa significa per te?

Inizia a prestare attenzione a come ti fa sentire mangiare cibi diversi, non solo nel momento, ma il giorno successivo. Prova a seguire una dieta “pulita” per due o tre settimane, ciò significa eliminare tutti gli alimenti e lo zucchero trasformati. Guarda come ti senti. Quindi reinserisci lentamente gli alimenti nella tua dieta, uno per uno, e vedi come ti senti.

Quando alcune persone “vanno pulite”, non riescono a credere quanto si sentano meglio sia fisicamente che emotivamente, e quanto peggio si sentano quando reintroducono gli alimenti che sono noti per migliorare l’infiammazione.

riferimento:

Nutritional psychiatry: Your brain on food – https://www.health.harvard.edu/blog/nutritional-psychiatry-your-brain-on-food-201511168626


More information: Isabel Garcia-Perez et al. Dietary metabotype modelling predicts individual responses to dietary interventions, Nature Food (2020). DOI: 10.1038/s43016-020-0092-z

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.