Un prodotto alla menta che contiene acidi ginnici riduce significativamente l’assunzione di cibi ricchi di zuccheri

0
101

Con milioni di persone in tutto il mondo ancora confinate nelle loro case a causa delle restrizioni di blocco di COVID-19, molti hanno riferito di indulgere eccessivamente nella cottura a casa, negli snack e nelle prelibatezze zuccherate, potenzialmente portando ad un aumento del peso corporeo.

Ma i ricercatori della Massey University potrebbero aver trovato una soluzione studiando un composto vegetale che ha mostrato una riduzione statisticamente significativa delle voglie di zucchero.

Il professore associato Ajmol Ali della School of Sport, Exercise and Nutrition è stato avvicinato da Harley Pasternak, un personal trainer di celebrità negli Stati Uniti e co-fondatore della società Sweet Kick, per commissionare uno studio sull’efficacia del prodotto Sweet Kick.

Sweet Kick ha sviluppato un prodotto alla menta contenente acidi ginnemici dalla pianta gymnema sylvestre, una vite legnosa perenne originaria dell’Asia tropicale, della Cina, della penisola arabica, dell’Africa e dell’Australia.

È stato tradizionalmente usato nella medicina ayurvedica e il suo nome in hindi è ” distruttore di zucchero ” per la sua capacità di sopprimere le risposte gustative ai composti dolci.

Lo studio mirava a studiare l’impatto dell’assunzione della menta, che contiene gymnema sylvestre, sul desiderio e il consumo di cibi dolci ricchi di zuccheri , nonché valutazioni sulla fame e la piacevolezza di mangiare più cibi dolci ricchi di zuccheri.

I cibi dolci contengono molte calorie, hanno un buon sapore e potrebbe essere difficile smettere di mangiare una volta che hai iniziato, secondo il professor Ali.

“Il consumo a lungo termine e insensato di cibi dolci ricchi di zuccheri può portare all’obesità o allo sviluppo del diabete di tipo 2″.

La scoperta chiave è stata che i partecipanti alla sperimentazione che hanno consumato la menta gynemna sylvestre hanno mostrato un’assunzione significativamente ridotta di cibi dolci ricchi di zuccheri rispetto al placebo, poiché la menta ha comportato una diminuzione del grado di piacevolezza e desiderabilità di mangiare cibi dolci ricchi di zuccheri.

Un’altra scoperta chiave è stata che avere un goloso (rispetto a un non goloso) ha comportato una significativa riduzione della piacevolezza e del desiderio di mangiare più cibi dolci ricchi di zuccheri dopo aver preso la menta di Sweet Kick, rispetto alla menta di placebo.

Il professor Ali afferma che la menta funziona “sopprimendo elettivamente le risposte gustative ai composti dolci senza influenzare la percezione di altri elementi gustativi, essenzialmente attenuando i recettori dello zucchero nella lingua.

Gymnema Sylvestre rimuove la dolcezza – quindi se mangi cioccolato, otterrai solo amarezza. ”

Il professor Ali afferma che i risultati dimostrano che il consumo della menta Sylvestre Gymnema ha il potenziale per aiutare le persone a ridurre il consumo di zucchero. “L’effetto della menta in genere dura 30-60 minuti e, ad esempio, se assaggi un biscotto in quel momento, potrebbe avere il sapore del cartone!

Il punto è che è come una barriera o un modo per compensare la brama di zucchero e aiutare le persone a ridurre l’assunzione di zucchero.

“Stiamo mangiando più zuccheri aggiunti che mai, quindi questo composto ha un grande potenziale per aiutare le persone a ridurre il loro alto consumo di cibi e bevande zuccherate e passare a opzioni più sane. Quando le prelibatezze hanno smesso di avere un buon sapore, le persone hanno mangiato meno ”.

Lo studio ha coinvolto 58 partecipanti della regione di Auckland e i ricercatori stanno lavorando a un secondo studio, esaminando come funziona in un periodo di 14 giorni.


L’assunzione di zucchero sta aumentando a livello globale a causa del cambiamento delle diete, come una maggiore disponibilità di alimenti dolci e trasformati [1]. Una revisione di sondaggi rappresentativi a livello nazionale di 16 paesi ha rilevato che gli adulti hanno consumato il 13,5% –24,6% della loro energia totale dallo zucchero aggiunto, che è di gran lunga superiore al livello di assunzione di zucchero raccomandato dall’OMS del 5% –10% di apporto energetico (circa 12 cucchiaini da tè) per giorno [2,3].

Una revisione sistematica condotta da Te Morenga et al. [4] hanno riferito che un aumento del peso corporeo è associato ad un aumento del consumo di zuccheri liberi, con collegamenti particolarmente forti con il consumo di bevande zuccherate con zucchero.

L’aumento dello zucchero aggiunto nelle diete è un fattore associato ad un corrispondente aumento del peso corporeo negli adulti [4]. Entro il 2025, il 18% degli uomini adulti e il 21% delle donne adulte in tutto il mondo dovrebbero essere obesi (hanno un indice di massa corporea (BMI) maggiore di 30,0 kg · m-2) [5].

Inoltre, l’impatto economico è significativo in quanto i costi medici negli Stati Uniti sono stati del 36% -100% superiori per le popolazioni obese rispetto a quelli con BMI nell’intervallo di salute [6]. L’eccessivo consumo di zucchero è una delle questioni di salute pubblica che deve essere affrontata attraverso una serie di misure diverse.

Nella medicina ayurvedica (un sistema sanitario tradizionale indiano), le foglie di una grande vite, la gymnema silvestre, sono usate per trattare il diabete e la carie dentale, riducendo l’obesità e l’infiammazione [7].

È stato segnalato che Gymnema Sylvestre esibisce proprietà antidiabetiche in quanto diversi costituenti (acidi ginnemici, gurmarina e gymnemasaponina V) agiscono insieme per normalizzare i livelli di zucchero nel sangue diminuendo il glucosio plasmatico e aumentando la secrezione di insulina da parte del pancreas e la rigenerazione delle cellule di isole pancreatiche [7, 8].

È stato scoperto che masticare le foglie o prepararle come tè si traduce in un inibitore della dolcezza temporaneo e reversibile [9,10]. Questa modulazione del gusto ha conferito alla Gymnema Sylvestre la reputazione di “distruttore di zucchero” o “gurmar” in Hindi [7,11].

Più recentemente, i componenti attivi di Gymnema Sylvestre sono stati identificati e purificati. L’analisi di questi componenti ha rilevato che l’attività di soppressione della dolcezza nell’uomo era influenzata da un gruppo di saponine triterpeniche chiamate acidi ginnemici [12,13,14].

Nell’uomo, gli acidi ginnemici sopprimono selettivamente le risposte gustative ai composti dolci senza influenzare la percezione di altri elementi gustativi (salato, acido, amaro e umami) [14].

I sapori dolci vengono rilevati dai T1R (recettori del gusto di tipo 1), un gruppo di recettori proteici accoppiati a G che si trovano nelle cellule delle papille gustative e in parti del tratto gastrointestinale periferico [15].

Gli acidi ginnemici sono strutturalmente simili alle molecole di glucosio e, grazie alle loro proprietà anti-dolcezza, agiscono come antagonista e inibitore dell’unità T1R per produrre la soppressione temporanea della percezione del gusto dolce [10,16]. Sono chiaramente necessarie ulteriori ricerche per comprendere gli effetti della gymnema silvestre e per considerarne l’efficacia come un potenziale strumento contro l’elevato consumo globale di zucchero aggiunto e i suoi effetti.

Il gymnema è stato tradizionalmente preparato come bevanda per il tè da bere o da usare come collutorio [10,17]. In precedenza erano state sollevate domande sulla persistenza degli effetti di soppressione del glucosio dopo che le foglie erano state sottoposte a trasformazione alimentare [9]; tuttavia, i progressi nella trasformazione degli alimenti hanno portato allo sviluppo di numerosi prodotti alimentari contenenti gymnema, tra cui salse e zecche [18,19].

Recenti studi condotti utilizzando prodotti formulati contenenti gymnema come una compressa disciolta o una “losanga” hanno scoperto che il consumo di gymnema in questa forma riduce sia l’assunzione che la piacevolezza dei dolciumi [20,21].

In uno studio crossover in doppio cieco, il consumo di una “losanga” contenente ginnastica ha ridotto il desiderio di ulteriori porzioni di dolciumi, nei due minuti prima di mangiare la successiva porzione di dolciumi [20].

Ciò ha sostenuto l’ipotesi che il desiderio di consumare più alimenti ricchi di zuccheri non dipendesse interamente dalla riduzione della piacevolezza sperimentata a causa dei cambiamenti del gusto a seguito del consumo della menta gymnema, ma piuttosto la riduzione del desiderio era il risultato di un ridotto feedback neurale alla ricompensa regione di risposta del cervello [20,21].

Dalle prove attuali non è chiaro se alcuni particolari sottogruppi di popolazione trarrebbero beneficio dagli effetti anti-dolcezza della ginnastica più di altri. Ad esempio, se l’effetto del gymnema può essere più pronunciato nei consumatori di zucchero raffinato più elevato o in quelli che sono stati identificati come supertaster.

Supertaster (coloro che hanno una forte reazione al composto amaro 6-n-propiltiouracile (PROP)) hanno dimostrato di sperimentare cibi dolci più intensamente di quelli che hanno assaggiato PROP come meno amaro (non assaggiatori o assaggiatori medi) [22].

I supereroi tendono quindi a preferire alimenti meno dolci [23], mentre i non assaggiatori o gli assaggiatori medi hanno riportato una minore intensità dell’intensità della dolcezza sia per il saccarosio che per gli zuccheri aggiunti e hanno una maggiore preferenza per gli alimenti dal sapore dolce e un maggiore apporto di zucchero aggiunto [24].

Poiché l’intensità del gusto dolce è stata collegata all’aumento del consumo di questi alimenti [25], i non assaggiatori PROP o gli assaggiatori medi possono trarre maggiori benefici dall’uso di un prodotto che inibisce la percezione del gusto dolce per ridurne l’assunzione.

L’alto indice di massa corporea è associato ad un aumentato consumo di zuccheri liberi, nonché a una ridotta percezione del gusto dolce e ad un aumento della simpatia dichiarata per i cibi dolci ricchi di zuccheri [4,26,27]. Ad oggi, tuttavia, non sono state condotte ricerche sulla relazione tra BMI e frequenza dell’assunzione di alimenti a base di zucchero a seguito del consumo di gymnema sylvestre.

Numerosi studi sensoriali hanno suggerito che gli uomini preferiscono cibi più intensi dal sapore dolce rispetto alle donne [28,29] e hanno un grado di gradimento più elevato quando consumano cibi dolci [26]. Al contrario, altri studi hanno dimostrato che le donne hanno maggiori probabilità rispetto agli uomini di scegliere spuntini ricchi di zucchero come caramelle o cioccolato per fornire conforto psicologico e fisiologico [30]. Non ci sono, ad oggi, studi noti che abbiano esplorato le differenze di genere nel consumo di cibi dolci ricchi di zuccheri dopo la modulazione del gusto dolce.

Lo scopo del presente studio era di esaminare l’effetto di uno strumento di riduzione dello zucchero (gymnema sylvestre) sul desiderio di assunzione di cibi dolci ricchi di zuccheri in diversi sottogruppi (genere, preferenza del gusto dolce auto-identificato, stato di supertaster e / o corpo variabile composizione). L’identificazione di sottogruppi che possono trarre vantaggio da un prodotto che crea avversione ai prodotti zuccherati riducendo il desiderio e comprendendo i modi unici in cui questi gruppi rispondono alla piacevolezza, è importante per capire chi può beneficiare di questo strumento.

Discussione
Il risultato principale di questo studio è stato che le zecche contenenti acido di gymnema hanno ridotto l’assunzione di cibi zuccherati con zucchero. Abbiamo scoperto che i partecipanti hanno mangiato 0,48 (21,3%) in meno porzioni del loro cioccolato preferito dopo aver consumato una menta contenente GS rispetto al placebo.

Il consumo della zecca GS ha comportato anche una diminuzione del 22,7% del desiderio di mangiare cibi dolci ricchi di zuccheri e il 31,0% ha ridotto la piacevolezza dei cibi dolci ricchi di zuccheri consumati ma non ha influenzato la fame. Inoltre, coloro che si sono auto identificati come “golosi” hanno avuto una maggiore riduzione sia della piacevolezza di mangiare cibi dolci ricchi di zuccheri sia del desiderio di mangiare di più dopo aver consumato la menta GS rispetto a quelli che non lo fanno. Non ci sono state differenze significative nella quantità di alimenti dolci ricchi di zuccheri consumati dai gruppi BMI, genere o stato dell’assaggiatore PROP.

Effetto sui recettori del gusto
La significativa riduzione della quantità di alimenti dolci ricchi di zuccheri consumati e la piacevolezza segnalata sperimentata con il cibo indicano che la menta GS è stata efficace nell’inibire l’eterodimero T1R2 + T1R3 che rileva il sapore dolce della lingua [33]. Questi recettori sono attivati ​​dal saccarosio ma anche da altri mono e di-saccaridi, alcoli di zucchero e altri dolcificanti a piccole molecole [16].

Poiché le altre dimensioni del gusto non sono influenzate; in seguito alla soppressione dei T1R, i partecipanti hanno assaggiato principalmente gli altri componenti dei cibi dolci ricchi di zuccheri, vale a dire l’elevato contenuto di cacao nel cioccolato fondente che accentua il sapore amaro.

Questa disgiunzione tra l’aspettativa della barretta di cioccolato basata sull’etichetta, il marchio e la conoscenza precedente di come il prodotto dovrebbe assaggiare non si allinea alla realtà dell’esperienza dei cibi dolci ad alto contenuto di zucchero che stanno mangiando e di per sé può ridurre la piacevolezza e godimento del prodotto [34], ed è supportato dai nostri dati.

GS Mint riduce il consumo acuto di
cibi dolci ricchi di zuccheri (consumo acuto vs cronico) Il consumo ridotto di cibi dolci ricchi di zuccheri dopo l’assunzione di menta GS è coerente con i risultati precedenti [20,21]. Inoltre, una significativa riduzione della piacevolezza dei cibi dolci ricchi di zuccheri e del desiderio di consumare di più è stata riscontrata dopo aver consumato la zecca GS sia nella presente inchiesta che in Nobel et al. [20].

I cambiamenti di gusto che ne derivano negli alimenti dolci ricchi di zuccheri, che si verificano dopo aver consumato un prodotto contenente palestra, non sono l’unico fattore che contribuisce a questa riduzione della piacevolezza e del desiderio, poiché è stato riportato che anche prima di mangiare cibi dolci ricchi di zuccheri è diminuita attività nella regione di risposta alla ricompensa del cervello a seguito del consumo di ginnastica [35].

L’imaging con fMRI ha dimostrato che a seguito del consumo di un prodotto contenente palestra è stato ridotto il reclutamento neurale nelle aree del cervello associate alla risposta alla ricompensa (nucleo accumbens, precuneus, OFC, insula e caudate) [35].

In pratica ciò può significare che il consumo di una zecca GS può ridurre l’assunzione ad libitum di altri prodotti ad alto contenuto di zucchero anche prima del consumo di questi prodotti (diminuzione del desiderio) e se vengono consumati, non saranno così piacevoli (riduzione della piacevolezza) da consumare a causa degli effetti di soppressione dello zucchero. In altre parole, poiché i consumatori “sapranno” che la menta GS non farà in modo che il cibo ad alto contenuto di zuccheri abbia un sapore che non avrebbe normalmente, ridurrà il loro desiderio per il prodotto (simile agli effetti di apprendimento) e quindi potrebbe ridurre il loro assunzione di cibi dolci ricchi di zuccheri (a lungo termine).

Aspetti comportamentali del consumo di zecche GS Il
consumo di prodotti GS comporta un notevole cambiamento nel modo in cui il cibo ha un sapore e può comportare la percezione che gli altri elementi gustativi (ad es. L’amaro) siano intensificati [9]. Ciò ha un impatto sul godimento dei cibi dolci ricchi di zuccheri consumati poiché i partecipanti hanno riportato una riduzione significativa (49 ± 2,9 mm contro 67 ± 2,3 mm; Figura 2) della piacevolezza percepita del consumo di cibi dolci ricchi di zuccheri dopo il consumo della zecca GS; coerentemente con i risultati precedenti in cui il grado di piacevolezza era inferiore di 22,2 / 100 mm dopo aver consumato il prodotto contenente palestra [20].

Pertanto, il consumo di alimenti dal sapore dolce può essere influenzato dall’uso di un prodotto contenente GS. Tuttavia, affinché questo approccio abbia successo, i consumatori devono avere una motivazione sufficiente per ingerire la zecca GS, sapendo che ciò impedirà il loro godimento di cibi dolci ricchi di zuccheri.

I consumatori che mirano a ridurre l’assunzione di zucchero che hanno raggiunto le fasi di “preparazione” o di “azione” del modello transistorico (fasi di cambiamento) possono trovare maggiore successo con un simile approccio per limitare il consumo di zucchero [36]. Se, tuttavia, non hanno raggiunto questi stadi, potrebbero non avere una motivazione sufficiente per assumere volontariamente prodotti di modulazione del sapore (ad esempio, GS mint) [36].

Questo è il caso di altri comportamenti sanitari come il fumo che richiedono anche un elevato livello di motivazione per promuovere il cambiamento, in particolare quando si utilizzano interventi che riducono temporaneamente la piacevolezza e il benessere soggettivo per un miglioramento a lungo termine [37].

Ulteriori ricerche devono essere condotte per esplorare la relazione tra livello di motivazione e successo a lungo termine nel ridurre il consumo di cibi dolci ricchi di zuccheri usando le mentine GS.

Effetto della zecca GS su quelli con un “dente dolce”
Questo studio ha scoperto che l’effetto della zecca GS era più pronunciato in coloro che si identificavano con un “dente dolce” rispetto a quelli che non lo avevano; vale a dire, l’assunzione di menta GS ha portato a maggiori riduzioni della gradevolezza e del grado di desiderio di cibi dolci ricchi di zuccheri in quelli con un debole per i dolci.

Reed [38] descrive un “goloso” come qualcuno che preferisce i cibi dolci, tuttavia la preferenza per i cibi dolci può variare nel tempo a seconda di una serie di modificatori tra cui età, cultura, umore e accessibilità.

Il presente studio ha osservato che coloro che hanno un debole per i dolci hanno tratto più piacere dal consumo di cibi dolci rispetto a quelli che non lo fanno (Figura 3). Il cervello ha una forte risposta di piacere al gusto dolce, quindi la ricerca del piacere e le preferenze del gusto sono i principali motori del consumo di zucchero [39,40].

Pertanto, la zecca GS può essere più efficace nel ridurre l’assunzione di zucchero in quelli con un dente dolce autoproclamato; tuttavia, saranno necessarie ulteriori ricerche, utilizzando un periodo di intervento più lungo, per indagare su questa affermazione.

Relazione tra la menta e il genere GS
In questo studio abbiamo scoperto che il genere non ha avuto alcun effetto sulla quantità di alimenti dolci ricchi di zuccheri consumati a seguito del consumo di una zecca GS. Una possibile spiegazione potrebbe essere un’interazione dei due fattori in competizione che le donne hanno maggiori probabilità di scegliere cibi ricchi di zuccheri come fonte di conforto [30], e quindi, in media, consumano maggiori quantità di zucchero, mentre gli uomini preferiscono una dolcezza più intensa rispetto alle donne [28,29].

Gli uomini hanno riportato valutazioni medie non significative più elevate per piacevolezza dopo il consumo della zecca GS o del placebo rispetto alle donne (p = 0,059). Ciò è coerente con i risultati secondo cui gli uomini dichiarano che gli alimenti dolci ricchi di zuccheri sono più piacevoli delle donne [26].

È importante interpretarlo con cautela poiché in questo studio c’erano meno uomini (35,7% dei partecipanti) e gli uomini sono stati sottorappresentati in alcune [9,21,35] ma non in tutte [20] precedenti indagini sugli effetti soppressivi dello zucchero di gymnema. La sovrarappresentanza delle donne in questi studi può riflettere l’interesse dei consumatori.

Relazione tra GS Mint Consumption e BMI
Questo esperimento non ha mostrato una relazione tra il consumo dei gruppi GS mint e BMI. Precedenti risultati hanno dimostrato che un aumento dell’IMC era associato a una ridotta percezione del gusto dolce [41] e ad una maggiore simpatia per i cibi dolci ricchi di zuccheri [9]; pertanto, suggerendo che le persone obese consumerebbero più cibi dolci ricchi di zuccheri dopo aver consumato la menta GS.

In questo studio non sono state riscontrate differenze nel consumo di cioccolato, nel desiderio o nella piacevolezza tra partecipanti sovrappeso / obesi e partecipanti con peso normale. Altri hanno suggerito che il consumo di grassi, piuttosto che lo zucchero, potrebbe svolgere un ruolo maggiore nell’obesità [26]. Ciò indicherebbe che il consumo di prodotti contenenti palestra è utile per coloro che hanno difficoltà a limitare l’assunzione di zucchero, piuttosto che un gruppo specifico di BMI, ma sono necessari ulteriori studi.

Relazione tra GS Mint Consumption e PROP Taster Status
La ricerca attuale suggerisce che gli assaggiatori PROP (assaggiatori medi e supertaster) percepiscono i composti amari e dal sapore più dolce rispetto ad altri non assaggiatori e quindi hanno meno probabilità di gustare cibi molto dolci rispetto ai non assaggiatori [ 28,42].

Tuttavia, altri studi hanno contestato questa connessione tra lo stato dell’assaggiatore PROP e la preferenza di cibi dolci [43,44]. Questo studio è stato coerente con la conclusione di quest’ultimo, non trovando alcuna relazione significativa tra lo stato dell’assaggiatore PROP o la quantità di cibo dolce ad alto contenuto di zucchero consumato, la piacevolezza del cibo dolce ad alto contenuto di zucchero né il desiderio di più.

Nonostante la differenza nell’intensità di dolcezza preferita, i nostri risultati suggeriscono che questo strumento di riduzione dello zucchero non è influenzato dallo stato del gusto PROP, vale a dire, nessun effetto dello stato di “supertaster”. Tuttavia, aneddoticamente, alcuni partecipanti hanno riferito che la zecca GS aveva un sapore amaro, che potrebbe essere correlato al loro stato di assaggiatore PROP, quindi l’appetibilità della zecca potrebbe essere più elevata tra gli assaggiatori PROP non e medi.

Ci sono stati più supertaster in questo studio rispetto al 30% di non assaggiatori, al 50% di assaggiatori e al 20% di distribuzione di superassaggiatori nella popolazione [45]. Ma questa distribuzione può variare in base al genere [46,47] (le donne tendono ad essere supertaster e frequentemente giudicano l’amarezza del PROP più intensamente rispetto ai maschi) e l’etnia [48]. Nell’attuale studio c’erano più donne e asiatici, e questo potrebbe aver contribuito alla distribuzione dello stato degli assaggiatori osservata.

Limitazioni dello studio e direzioni future
Una scoperta sorprendente è stata che diversi partecipanti non hanno seguito la tendenza attesa di un ridotto consumo di cibi dolci ricchi di zuccheri dopo il consumo della zecca GS, e in effetti hanno mangiato più porzioni nonostante gli stessi partecipanti offrissero il dolce alto contenuto di zuccheri classificazioni a bassa gradazione del cibo.

Stiamo ipotizzando che ciò potrebbe essere dovuto a un “fattore di curiosità” poiché i partecipanti non avevano familiarità con l’effetto di soppressione dello zucchero del gymnema e volevano sperimentare l’effetto. Ipotizziamo che la ripetuta esposizione a questo prodotto eliminerebbe questo “fattore di curiosità” quando i partecipanti si abitueranno alla modulazione del gusto.

Questo studio è stato limitato dall’approccio in cieco. I partecipanti hanno ricevuto il placebo alla prima visita e GS mint alla seconda.

Ai partecipanti è stato detto che avrebbero ricevuto due prodotti diversi e gli è stato chiesto di non discutere i prodotti con altri partecipanti a causa di lievi differenze di colore e gusto del placebo rispetto alla zecca GS. A causa del profilo di gusto distinto e della differenza di aspetto, è stata presa una decisione consapevole di fornire il noto prima dell’ignoto.

Come negli studi precedenti, gli uomini erano sottorappresentati in questo studio. Ulteriori lavori in questo settore dovrebbero mirare al reclutamento di uomini per esplorare eventuali differenze di genere nel consumo di cibi dolci dopo l’assunzione della zecca GS.

Per quanto ne sappiamo, non esistono prove sugli effetti dell’assunzione (cronica) a lungo termine di prodotti per la ginnastica per i suoi effetti anti-dolcezza. La durata prevista della soppressione del gusto dolce per una zecca GS è compresa tra 30 e 60 minuti (in base alle linee guida del produttore).

La ricerca futura dovrebbe esplorare gli effetti del consumo cronico di prodotti Gymnema Sylvestre e l’impatto del consumo sugli adulti non diabetici, che vivono in libertà, compreso se la menta GS sarebbe efficace nel modificare le abitudini di consumo dello zucchero se usata pur avendo un desiderio di zucchero, simile all’uso della terapia sostitutiva della nicotina per superare il desiderio di una sigaretta.

Indagini future potrebbero anche fornire maggiori spunti sull’effetto della zecca GS su coloro che hanno un “debole per i denti”.

I primi risultati di questo studio dimostrano che questo gruppo può trarre maggiori benefici dalla zecca GS per controllare l’assunzione di zucchero in quanto vi è stata una maggiore riduzione del grado di piacevolezza a seguito del consumo. Gli studi dovrebbero selezionare per coloro che hanno un debole per i dolci in una coorte più grande.

È importante tenere presente l’applicabilità del mondo reale di questi prodotti. Le persone consumano generalmente una vasta gamma di cibi dolci, non solo cioccolato. Sono necessarie ricerche future per determinare l’impatto che i prodotti contenenti palestra possono avere sugli alimenti dolci consumati al di fuori di un ambiente di laboratorio, poiché le abitudini alimentari dei consumatori variano in modo significativo e generalmente non consumano solo un tipo di cibo dolce, quindi l’accesso a una più ampia varietà di cibi dolci può alterare la loro piacevolezza percepita e il desiderio di cibi più dolci.

Condurre una ricerca qualitativa per comprendere le esperienze dei partecipanti con prodotti contenenti palestra è possibile comprendere come questi risultati di laboratorio possano tradursi nella vita di tutti i giorni e identificare eventuali problemi riguardanti il ​​gusto, la conformità e il consumo di cibi dolci non ricchi di nutrienti.


Fonte:
Massey University

Riferimenti


1. Popkin B.M., Hawkes C. Sweetening of the global diet, particularly beverages: Patterns, trends, and policy responses. Lancet Diabetes Endocrinol. 2016;4:174–186. doi: 10.1016/S2213-8587(15)00419-2. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

2. World Health Organization . Guideline: Sugars Intake for Adults and Children. WHO; Geneva, Switzerland: 2015. [Google Scholar]

3. Newens K.J., Walton J. A review of sugar consumption from nationally representative dietary surveys across the world. J. Hum. Nutr. Diet. 2016;29:225–240. doi: 10.1111/jhn.12338. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

4. Te Morenga L., Mallard S., Mann J. Dietary sugars and body weight: Systematic review and meta-analyses of randomised controlled trials and cohort studies. Br. Med J. 2013;346:e7492. doi: 10.1136/bmj.e7492. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

5. NCD Risk Factor Collaboration Trends in adult body-mass index in 200 countries from 1975 to 2014: A pooled analysis of 1698 population-based measurement studies with 19.2 million participants. Lancet. 2016;387:1377–1396. doi: 10.1016/S0140-6736(16)30054-X. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

6. Bartoshuk L.M. Comparing Sensory Experiences Across Individuals: Recent Psychophysical Advances Illuminate Genetic Variation in Taste Perception. Chem. Senses. 2000;25:447–460. doi: 10.1093/chemse/25.4.447. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

7. Tiwari P., Mishra B.N., Sangwan N.S. Phytochemical and Pharmacological Properties of Gymnema sylvestre: An Important Medicinal Plant. BioMed Res. Int. 2014;2014:1–18. doi: 10.1155/2014/830285. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

8. Pothuraju R., Sharma R.K., Chagalamarri J., Jangra S., Kumar Kavadi P. A systematic review of Gymnema sylvestre in obesity and diabetes management. J. Sci. Food Agric. 2014;94:834–840. doi: 10.1002/jsfa.6458. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

9. Schroeder J.A., Flannery-Schroeder E. Use of the herb Gymnema sylvestre to illustrate the principles of gustatory sensation: An undergraduate neuroscience laboratory exercise. J. Undergrad. Neurosci. Educ. 2005;3:59–62. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]

10. Noel C.A., Sugrue M., Dando R. Participants with pharmacologically impaired taste function seek out more intense, higher calorie stimuli. Appetite. 2017;117:74–81. doi: 10.1016/j.appet.2017.06.006. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

11. Thakur G.S., Sharma R., Sanodiya B.S., Pandey M., Prasad G.B.K.S., Bisen P.S. Gymnema sylvestre: An Alternative Therapeutic Agent for Management of Diabetes. J. Appl. Pharm. Sci. 2012;2:001–006. doi: 10.7324/japs.2012.21201. [CrossRef] [Google Scholar]

12. Kurihara Y. Characteristics of antisweet substances, sweet proteins, and sweetness—Inducing proteins. Crit. Rev. Food Sci. Nutr. 1992;32:231–252. doi: 10.1080/10408399209527598. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

13. Sugihara Y., Nojima H., Matsuda H., Murakami T., Yoshikawa M., Kimura I. Antihyperglycemic Effects of Gymnemic Acid IV, a Compound Derived from Gymnema sylvestre Leaves in Streptozotocin-Diabetic Mice. J. Asian Nat. Prod. Res. 2000;2:321–327. doi: 10.1080/10286020008041372. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

14. Warren R.M., Pfaffmann C. Suppression of sweet sensitivity by potassium gymenmate. J. Appl. Physiol. 1959;14:40–42. doi: 10.1152/jappl.1959.14.1.40. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

15. Treesukosol Y., Smith K.R., Spector A.C. The functional role of the T1R family of receptors in sweet taste and feeding. Physiol. Behav. 2011;105:14–26. doi: 10.1016/j.physbeh.2011.02.030. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

16. Sanematsu K., Kusakabe Y., Shigemura N., Hirokawa T., Nakamura S., Imoto T., Ninomiya Y. Molecular Mechanisms for Sweet-suppressing Effect of Gymnemic Acids. J. Biol. Chem. 2014;289:25711–25720. doi: 10.1074/jbc.M114.560409. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

17. Hudson S.D., Sims C.A., Odabasi A.Z., Colquhoun T.A., Snyder D.J., Stamps J.J., Dotson S.C., Puentes L., Bartoshuk L.M. Flavor Alterations Associated with Miracle Fruit and Gymnema sylvestre. Chem. Senses. 2018;43:481–488. doi: 10.1093/chemse/bjy032. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

18. Perera O.D.A.N., Pavitha P. Development of a sauce using Gymnema sylvestre leaves. Sri Lanka J. Food Agric. 2017;3:29–36. doi: 10.4038/sljfa.v3i1.40. [CrossRef] [Google Scholar]

19. Devi K., Jain N. Clinical evaluation of the anti-sweet effects of Gymnema sylvestre extract developed into a dispersable oral tablet. J. Herb. Med. 2015;5:184–189. doi: 10.1016/j.hermed.2015.09.005. [CrossRef] [Google Scholar]

20. Nobel S., Baker C., Loullis C. Crave Crush lozenge containing gymnemic acids reduce consumption of high sugar foods. Adv. Med. Plant Res. 2017;5:63–67. doi: 10.30918/AMPR.54.17.025. [CrossRef] [Google Scholar]

21. Stice E., Yokum S., Gau J.M. Gymnemic acids lozenge reduces short-term consumption of high-sugar food: A placebo controlled experiment. J. Psychopharmacol. 2017;31:1496–1502. doi: 10.1177/0269881117728541. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

22. Hayes J.E., Duffy V.B. Oral sensory phenotype identifies level of sugar and fat required for maximal liking. Physiol. Behav. 2008;95:77–87. doi: 10.1016/j.physbeh.2008.04.023. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

23. Duffy V.B. Associations between oral sensation, dietary behaviors and risk of cardiovascular disease (CVD) Appetite. 2004;43:5–9. doi: 10.1016/j.appet.2004.02.007. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

24. Duffy V.B., Peterson J.M., Dinehart M.E., Bartoshuk L.M. Genetic and Environmental Variation in Taste: Associations with Sweet Intensity, Preference, and Intake. Top. Clin. Nutr. 2003;18:209–220. doi: 10.1097/00008486-200310000-00002. [CrossRef] [Google Scholar]

25. Holt S.H.A., Cobiac L., Beaumont-Smith N.E., Easton K., Best D.J. Dietary habits and the perception and liking of sweetness among Australian and Malaysian students: A cross-cultural study. Food Qual. Prefer. 2000;11:299–312. doi: 10.1016/S0950-3293(99)00076-2. [CrossRef] [Google Scholar]

26. Bartoshuk L.M., Duffy V.B., Hayes J.E., Moskowitz H.R., Snyder D.J. Psychophysics of sweet and fat perception in obesity: Problems, solutions and new perspectives. Philos. Trans. R. Soc. Lond. B Biol. Sci. 2006;361:1137–1148. doi: 10.1098/rstb.2006.1853. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

27. Sartor F., Donaldson L.F., Markland D.A., Loveday H., Jackson M.J., Kubis H.-P. Taste perception and implicit attitude toward sweet related to body mass index and soft drink supplementation. Appetite. 2011;57:237–246. doi: 10.1016/j.appet.2011.05.107. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

28. Dinehart M.E., Hayes J.E., Bartoshuk L.M., Lanier S.L., Duffy V.B. Bitter taste markers explain variability in vegetable sweetness, bitterness, and intake. Physiol. Behav. 2006;87:304–313. doi: 10.1016/j.physbeh.2005.10.018. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

29. Monneuse M.-O., Bellisle F., Louis-Sylvestre J. Impact of sex and age on sensory evaluation of sugar and fat in dairy products. Physiol. Behav. 1991;50:1111–1117. doi: 10.1016/0031-9384(91)90569-A. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

30. Wansink B., Cheney M.M., Chan N. Exploring comfort food preferences across age and gender. Physiol. Behav. 2003;79:739–747. doi: 10.1016/S0031-9384(03)00203-8. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

31. Green B.G., Shaffer G.S., Gilmore M.M. Derivation and evaluation of a semantic scale of oral sensation magnitude with apparent ratio properties. Chem. Senses. 1993;18:683–702. doi: 10.1093/chemse/18.6.683. [CrossRef] [Google Scholar]

32. Cohen J. Statistical Power Analysis for the Behavioral Sciences. 2nd ed. Lawrence Erlbaum Associates; Hillsdale, NJ, USA: 1988. [Google Scholar]

33. Sanematsu K., Shigemura N., Ninomiya Y. Binding properties between human sweet receptor and sweet-inhibitor, gymnemic acids. J. Oral Biosci. 2017;59:127–130. doi: 10.1016/j.job.2017.05.004. [CrossRef] [Google Scholar]

34. Ng M., Chaya C., Hort J. The influence of sensory and packaging cues on both liking and emotional, abstract and functional conceptualisations. Food Qual. Prefer. 2013;29:146–156. doi: 10.1016/j.foodqual.2013.03.006. [CrossRef] [Google Scholar]

35. Stice E., Yokum S. Effects of gymnemic acids lozenge on reward region response to receipt and anticipated receipt of high-sugar food. Physiol. Behav. 2018;194:568–576. doi: 10.1016/j.physbeh.2018.07.012. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

36. Prochaska J.O., Velicer W.F. The transtheoretical model of health behaviour change. Am. J. Health Promot. 1997;12:38–48. doi: 10.4278/0890-1171-12.1.38. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

37. Weinhold D., Chaloupka F.J. Smoking status and subjective well-being. Tob. Control. 2017;26:195–201. doi: 10.1136/tobaccocontrol-2015-052601. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

38. Reed D.R., McDaniel A.H. The human sweet tooth. BMC Oral Health. 2006;6(Suppl. S1) doi: 10.1186/1472-6831-6-S1-S17. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

39. Drewnowski A. Taste preferences and food intake. Annu. Rev. Nutr. 1997;17:237–253. doi: 10.1146/annurev.nutr.17.1.237. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

40. Drewnowski A., Mennella J.A., Johnson S.L., Bellisle F. Sweetness and food preference. J. Nutr. 2012;142:1142S–1148S. doi: 10.3945/jn.111.149575. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

41. Vignini A., Borroni F., Sabbatinelli J., Pugnaloni S., Alia S., Taus M., Ferrante L., Mazzanti L., Fabri M. General Decrease of Taste Sensitivity Is Related to Increase of BMI: A Simple Method to Monitor Eating Behavior. Dis. Markers. 2019;2019:8. doi: 10.1155/2019/2978026. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

42. Gent J.F., Bartoshuk L.M. Sweetness of sucrose, neohesperidin dihydrochalcone, and saccharin is related to genetic ability to taste the bitter substance 6- n -propylthiouracil. Chem. Senses. 1983;7:265–272. doi: 10.1093/chemse/7.3-4.265. [CrossRef] [Google Scholar]

43. Deshaware S., Singhal R. Genetic variation in bitter taste receptor gene TAS2R38, PROP taster status and their association with body mass index and food preferences in Indian population. Gene. 2017;627:363–368. doi: 10.1016/j.gene.2017.06.047. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

44. Drewnowski A., Henderson S.A., Shore A.B., Barratt-Fornell A. Nontasters, tasters, and supertaster of 6-n-Propylthiouracil (PROP) and hedonic response to sweet. Physiol. Behav. 1997;62:649–655. doi: 10.1016/S0031-9384(97)00193-5. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

45. Tepper J.B., White E.A., Koelliker Y., Lanzara C., d’Adamo P., Gasparini P. International Symposium on Olfaction and Taste. Ann. N. Y. Acad. Sci. 2009;1170:126–139. doi: 10.1111/j.1749-6632.2009.03916.x. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

46. Bartoshuk L.M., Duffy V.B., Miller I.J. PTC/PROP Tasting: Anatomy, Psychophysics, and Sex Effects. Physiol. Behav. 1994;56:1165–1171. doi: 10.1016/0031-9384(94)90361-1. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

47. McAnally H.M., Poulton R., Hancox R.J., Prescott J., Welch D. Psychosocial correlates of 6-n-propylthiouracil (PROP) ratings in a birth cohort. Appetite. 2007;49:700–703. doi: 10.1016/j.appet.2007.07.005. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

48. Guo S.W., Reed D.R. The genetics of phenylthiocarbamide perception. Ann. Hum. Biol. 2001;28:111–142. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.