Uno studio nel Regno Unito descrive le complicanze neurologiche nei pazienti COVID-19

0
180

Uno studio su 153 pazienti trattati negli ospedali del Regno Unito durante la fase acuta della pandemia di COVID-19 descrive una serie di complicanze neurologiche e psichiatriche che possono essere collegate alla malattia ed è pubblicato oggi sulla rivista The Lancet Psychiatry.

Tutti i pazienti inclusi nello studio sono stati selezionati per l’inclusione da medici esperti e quindi rappresentano probabilmente i casi più gravi.

Non è possibile trarre conclusioni sulla percentuale totale di pazienti COVID-19 che potrebbero essere colpiti sulla base di questo studio e alla luce di questi risultati sono ora necessarie ulteriori ricerche, affermano gli autori.

I ricercatori affermano che il loro rapporto offre la prima istantanea dettagliata dell’ampiezza delle complicanze neurologiche nei pazienti COVID-19 e dovrebbe aiutare a dirigere la ricerca futura per stabilire i meccanismi di tali complicanze in modo che possano essere sviluppati potenziali trattamenti.

Il dott. Benedict Michael, autore principale dello studio, presso l’Università di Liverpool, ha dichiarato: “Sono stati segnalati casi crescenti di un’associazione tra infezione da COVID-19 e possibili complicanze neurologiche o psichiatriche, ma fino ad ora questi sono stati in genere limitati agli studi di dieci pazienti o meno.

Il nostro è il primo studio a livello nazionale di complicanze neurologiche associate a COVID-19, ma è importante notare che si concentra su casi abbastanza gravi da richiedere il ricovero in ospedale. “

Per studiare l’ ampiezza delle complicanze di COVID-19 che colpiscono il cervello, i ricercatori hanno creato una rete online sicura in tutto il Regno Unito per consentire ai medici specialisti di riportare i dettagli di casi specifici.

Questi portali sono stati ospitati da organismi professionali che rappresentano specialisti in neurologia, ictus, psichiatria e terapia intensiva. I dati sono stati raccolti tra il 2 aprile e il 26 aprile 2020, durante la fase esponenziale della pandemia.

La professoressa Sarah Pett, coautrice dello studio, presso l’University College di Londra, Regno Unito, ha dichiarato: “Questi dati rappresentano un’importante istantanea delle complicanze cerebrali legate alla COVID-19 nei pazienti ospedalizzati.

È di fondamentale importanza che continuiamo a raccogliere queste informazioni per comprendere appieno questo virus. Dobbiamo anche comprendere le complicazioni cerebrali nelle persone della comunità che hanno COVID-19 ma non erano abbastanza malate per essere ricoverate in ospedale.

Il nostro studio fornisce le basi per studi più grandi, ospedalieri e basati sulla comunità. Questi studi aiuteranno a informare sulla frequenza di queste complicanze cerebrali, su chi è maggiormente a rischio di ottenerle e, in definitiva, sul modo migliore di trattare. “

Sono stati segnalati circa 153 casi durante il periodo di studio, di cui erano disponibili dettagli clinici completi per 125 pazienti. Lo studio ha incluso pazienti con infezione COVID-19 confermata mediante test PCR (114 persone), probabile infezione come diagnosticata con radiografie del torace o scansioni TC (6 persone) e possibile infezione, in cui i pazienti presentavano sintomi coerenti con la malattia ma i test diagnostici erano negativo o non eseguito (5 persone).

La complicazione cerebrale più comune osservata è stata l’ictus, riportato in 77 su 125 pazienti. Di questi, 57 pazienti hanno avuto un ictus causato da un coagulo di sangue nel cervello, noto come ictus ischemico, nove pazienti hanno avuto un ictus causato da un’emorragia cerebrale e un paziente ha avuto un ictus causato da infiammazione nei vasi sanguigni del cervello . I dati sull’età erano disponibili per 74 dei pazienti che avevano avuto un ictus e la maggior parte aveva più di 60 anni (82%, 61/77).

39 pazienti hanno mostrato segni di confusione o cambiamenti nel comportamento che riflettono uno stato mentale alterato. Di questi, nove pazienti presentavano disfunzione cerebrale non specificata, nota come encefalopatia, e sette pazienti presentavano infiammazione del cervello, definita encefalite dal punto di vista medico. Sono necessari studi di follow-up a lungo termine per valutare la durata e la gravità di queste complicanze.

I rimanenti 23 pazienti con stato mentale alterato sono stati diagnosticati con condizioni psichiatriche, di cui la stragrande maggioranza è stata determinata come nuova diagnosi dallo psichiatra notificante (92%, 21/23).

Sebbene la maggior parte delle diagnosi psichiatriche siano state determinate come nuove dallo psichiatra o neuropsichiatra notificante, i ricercatori affermano di non poter escludere la possibilità che queste non fossero diagnosticate prima che il paziente sviluppasse COVID-19.

I 23 pazienti con diagnosi psichiatriche includevano dieci pazienti con psicosi di nuova insorgenza e sei pazienti con una sindrome simile alla demenza. Sette pazienti avevano segni di un disturbo dell’umore, tra cui depressione e ansia (7/23).

Le informazioni sull’età erano disponibili per 37 dei 39 pazienti con stato mentale alterato e di quelli, circa la metà aveva un’età inferiore ai 60 anni (49%, 18/37).

I ricercatori affermano che l’elevata percentuale di pazienti più giovani con diagnosi di condizioni psichiatriche dopo aver mostrato segni di uno stato mentale alterato potrebbe essere perché questi pazienti possono avere maggiori probabilità di essere indirizzati a uno psichiatra o ad un altro medico specialista, mentre i cambiamenti di confusione o comportamento nei pazienti più anziani possono avere maggiori probabilità di essere attribuito al delirio e non indagato ulteriormente.

Sono necessari studi dettagliati a lungo termine per confermare se esiste un legame tra l’infezione COVID-19 e l’insorgenza di complicanze psichiatriche o neuropsichiatriche nei pazienti più giovani.

Tali studi dovrebbero includere il confronto della risposta immunitaria nei pazienti affetti e in quelli non affetti, nonché l’indagine sui fattori genetici che potrebbero sostenere lo sviluppo della malattia, affermano i ricercatori.

Il dott. Benedict Michael, uno dei principali autori dello studio, dell’Università di Liverpool, ha dichiarato: “Il nostro studio è un importante primo passo verso la definizione delle complicanze neurologiche nei pazienti COVID-19, che aiuterà a pianificare le politiche sanitarie e a informare i prossimi passi immediati nella ricerca neuroscientifica COVID-19.

Ora abbiamo bisogno di studi dettagliati per comprendere i possibili meccanismi biologici alla base di queste complicazioni in modo da poter esplorare potenziali trattamenti. “


Meccanismo di invasione del SNC
Non sono disponibili dati sperimentali sufficienti per COVID-19, ma è considerata una mutazione del virus della sindrome respiratoria acuta grave e del virus della sindrome respiratoria mediorientale [14].

Pertanto, si prevede che si comporterà in modo simile [15]. I virus della corona non sono principalmente virus neurotropici e il loro obiettivo principale è l’epitelio respiratorio. Il recettore bersaglio per l’attacco alla cellula e la successiva interiorizzazione è attraverso il recettore dell’enzima-2 di conversione dell’angiotensina (ACE 2).

Dopo l’ingresso nella cellula, l’RNA del virus viene rilasciato nel citoplasma successivamente tradotto e replicato, dopo la formazione della proteina dell’involucro e l’incorporazione dell’RNA in esso, il virus viene rilasciato nella circolazione [16].

I recettori ACE 2 si trovano anche nelle cellule gliali dei neuroni cerebrali e spinali. Quindi può attaccare, moltiplicare e danneggiare il tessuto neuronale. Esistono prove da esperimenti su animali su topi che il coronavirus entra nel cervello attraverso un trasferimento retrogrado attraverso l’epitelio olfattivo o attraverso l’osso cribriforme e raggiunge il cervello in sette giorni.

In secondo luogo, durante la fase di viremia della malattia, l’interruzione della barriera emato-encefalica induce il virus ad entrare direttamente nel cervello. Un altro meccanismo postulato è l’invasione dei terminali dei nervi periferici da parte del CoV che quindi ottiene l’accesso al sistema nervoso centrale attraverso la via connessa alla sinapsi.

Poiché COVID-19 ha somiglianze con la sindrome respiratoria acuta grave (SARS Cov), quindi si può presumere che segua anche gli stessi percorsi per l’invasione del SNC di cui sopra. La discussione dettagliata sull’interazione tra host e virus va oltre lo scopo di questo articolo ed è stata pubblicata altrove [15], [16].

Il meccanismo neuropatologico del danno al SNC
COVID-19 provoca un danno neurologico probabilmente con due meccanismi; danno cerebrale ipossico e danno immunoso mediato al sistema nervoso centrale.

Lesione cerebrale
ipossica Una polmonite grave può causare ipossia sistemica che porta a danni cerebrali. I fattori che contribuiscono includono vasodilatazione periferica, ipercarbia, ipossia e metabolismo anaerobico con accumulo di composti tossici. Questi possono provocare gonfiore neuronale ed edema cerebrale che alla fine porta a danni neurologici [9].

Lesione
immunitaria mediata La lesione immunitaria mediata è dovuta principalmente alle tempeste di citochine con aumento dei livelli di citochine infiammatorie e attivazione di linfociti T, macrofagi e cellule endoteliali. L’ulteriore rilascio di Interleuchine 6 provoca perdite vascolari, attivazione della cascata di complemento e coagulazione, coagulazione intravascolare disseminata e danno agli organi terminali [17], [18].

Manifestazioni neurologiche di COVID-19
Le importanti manifestazioni e complicanze neurologiche di COVID-19 riportate finora in letteratura sono riassunte nella Tabella 1. Esistono 2 serie di casi che descrivono specificamente manifestazioni e complicanze neurologiche nei pazienti con COVID-19.

Il primo è una serie di casi retrospettivi sulla manifestazione neurologica dalla Cina di Mao et al. [11] Hanno riferito i pazienti in due gruppi. Il gruppo gravemente malato aveva 88 (41,1%) pazienti mentre c’erano 126 (58,9%) pazienti nel gruppo non gravemente malato. I pazienti nel gruppo gravemente malato erano significativamente più anziani (58,2 ± 15 anni vs. 48,9 ± 14,7 anni) con condizioni più comorbose, in particolare ipertensione (32 [36,4%] vs. 19 [15,1%]).

Sorprendentemente il gruppo gravemente malato presentava sintomi meno tipici di coronavirus come la febbre (40 [45,5%] vs. 92 [73%],) e tosse secca (30 [34,1%] vs. 77 [61,1%]). Tuttavia, i sintomi del sistema nervoso erano significativamente più comuni nei casi gravi rispetto ai casi non gravi (40 [45,5%] vs. 38 [30,2%]).

I sintomi più comuni del SNC segnalati sono stati capogiri (36 [16,8%] e mal di testa (28 [13,1%]).

Tabella 1

Confronto tra complicanze neurologiche e manifestazioni tra le serie di pazienti cinesi e francesi gravemente malati.

VariabileMao et al. [11]Helms et al. [12]
Progettazione dello studioRevisione del grafico retrospettivoStudio osservazionale
Numero totale di casi21458
Numero di pazienti gravemente malati8858
Età media (anni)58.763
Coinvolgimento neurologico45.5%84%
Vertigini19.3%NO
Mal di testa17.1%NO
Coscienza alterata14.8%NO
ipogeusia5.6%NO
iposmia5.1%NO
Lesione del muscolo scheletrico19.3%NO
Punteggio di fisiologia acuta semplificata IINO52
AgitazioneNO40 (69%)
Delirio come documentato da CAM-ICUNO26 (65%)
Segni del tratto corticospinaleNO39 (67%)
Sindrome disesecutiva alla dimissioneNO14 (36%)
Ictus ischemico5 (5.7%)3/13 (23%)
Ictus emorragico1 (1.13)zero
Miglioramento leptomingeo alla risonanza magneticaNO8/13 (62)
EEGNO1(8) diffuse bifrontal slowing

Note ai piedi. CAM-ICU; Metodo di valutazione della confusione in terapia intensiva, ELETTROENCEFALOGRAMMA; elettroencefalogramma, risonanza magnetica; Risonanza magnetica, NR; Non riportato.

Il secondo articolo è una serie di casi prospettici di 58 pazienti dalla Francia [12]. L’età media dei pazienti era di 63 anni e sono state osservate complicanze neurologiche in una percentuale più elevata di 49/58 (84%). Come valutato dal metodo di valutazione della confusione per la scala CAM-ICU dell’unità di terapia intensiva, l’agitazione era i sintomi più comuni 40/58 (69%) seguiti da confusione 26/40 (65%). In 39/58 erano presenti segni del tratto corticospinale ( 67%) e una sindrome disesecutiva al momento della dimissione è stata osservata in 14/39 (36%) La tabella 1 mostra il confronto tra le due coorti di studio.

Le manifestazioni e le complicanze neurologiche di COVID-19 possono essere divise in centrali e periferiche come discusso sotto la Tabella 2.

Tavolo 2

Complicanze neurologiche e manifestazioni di COVID-19.

PostoManifestazioni e complicazioni
Sistema nervoso centraleVertigini
Mal di testa
Malattia cerebrovascolare acuta
Coscienza alterata
Mielite trasversale
Encefalopatia necrotizzante emorragica acuta
encefalopatia
Encefalite
Epilessia
Atassia
Sistema nervoso perifericoipogeusia
iposmia,
Nevralgia
Guillian Barre syndrome
Lesione del muscolo scheletrico

Manifestazioni del sistema nervoso centrale
Encefalopatia

Mao et al. Hanno riportato mal di testa ed encefalopatia nel 40% dei pazienti nella loro coorte, ma i dettagli e i criteri diagnostici utilizzati non sono stati descritti [11]. Filatove et al. Hanno riportato un caso di un uomo di 74 anni con una storia medica passata di fibrillazione atriale, ictus, morbo di Parkinson, broncopneumopatia cronica ostruttiva e cellulite recente, che si sono presentati al pronto soccorso con febbre e tosse [19].

Il lavoro diagnostico iniziale non ha suggerito alcun problema serio ed è stato dimesso a casa. Ha riferito con sintomi peggioranti, tra cui mal di testa, stato mentale alterato, febbre e tosse. La radiografia del torace era indicativa di polmonite, mentre il cervello con TC era irrilevante ad eccezione dei segni di ictus precedente. Il test PCR del liquido cerebrospinale è risultato negativo per l’infezione.

È risultato positivo per COVID-19 ed è stato intubato dopo aver sviluppato insufficienza respiratoria. È stato iniziato con idrossiclorochina, lopinavir / ritonavir e ha continuato con antibiotici ad ampio spettro.

Chen et al. in uno studio retrospettivo sulle caratteristiche cliniche di 113 pazienti COVID-19 dalla Cina, ha documentato l’encefalopatia ipossica in 20 pazienti [20]. L’incidenza è stata significativamente più bassa nei pazienti che si erano ripresi.

Encefalopatia necrotizzante emorragica acuta (ANE)
Poyiadji e colleghi hanno riportato il primo caso di encefalopatia emorragica acuta associata a COVID-19 (ANE) dagli USA [21]. Una paziente di circa cinquant’anni presentava una storia di 3 giorni di tosse, febbre e stato mentale alterato. Il test di reazione a catena della polimerasi (PCR) è risultato positivo per COVID-19 e negativo per Herpes Simplex Virus 1 e 2, West Nile e Varicella Zoster Virus.

Immagini TC di testa senza contrasto hanno dimostrato ipoattenuazione simmetrica all’interno del talamo mediale bilaterale con un normale angiogramma TC e venogramma CT. Il cervello con risonanza magnetica ha dimostrato lesioni del bordo emorragico che migliorano le lesioni all’interno del talamo bilaterale, dei lobi temporali mediali e delle regioni subinsulari.

È stata iniziata l’immunoglobulina endovenosa (IVIG), ma il risultato non è stato menzionato. L’ANA è una rara complicazione di infezioni virali come l’influenza. Il meccanismo proposto è probabilmente dovuto alla tempesta di citochine che provoca l’interruzione della barriera emato-encefalica e danni al parenchima cerebrale.

Mielite acuta
Kang Zhao et al. Hanno riportato mielite acuta in una città maschile di Wuhan di 66 anni che presentava febbre e dolori muscolari [22]. Durante l’ammissione ha sviluppato una paralisi flaccida acuta degli arti inferiori bilaterali, livello sensoriale a T-10 con incontinenza urinaria e intestinale.

La TC del torace ha confermato la polmonite irregolare e la PCR per la secrezione rinofaringea è risultata positiva per l’infezione da COVID-19. La sua sierologia per tutti gli altri organismi era negativa.

È stato trattato empiricamente con IVIG, steroidi, antibiotici e antivirali. La risposta al trattamento è stata buona ed è stato dimesso in una struttura di isolamento per ulteriore riabilitazione.

Gli autori hanno attribuito la mielite acuta alla tempesta di citochine e la risposta infiammatoria iperattiva come evidenziato da alti livelli di ferritina sierica, proteina C-reattiva, livelli sierici di amiloide-A e interleuchina-6. Una grande limitazione di questo caso clinico è la mancanza di PCR CSF per coronavirus e imaging RM della colonna vertebrale a causa dell’epidemia nella città di Wuhan.

Incidente cerebrovascolare
Sharifi et al. Dall’Iran hanno riportato casi di sanguinamento intracranico con conseguente CVA in un maschio positivo di 79 anni COVID-19 [23]. È stato ammesso in caso di emergenza in uno stato semi-cosciente (Glasgow Coma Scale 7/15) con storia di febbre e tosse. All’esame si è verificata una risposta della piantatrice di estensori bilaterali con crepitazione grossolana nelle zone inferiori sinistra. Il test PCR dalla secrezione nasofaringea è risultato positivo per COVID-19.

Il torace TC ha mostrato un’opacità del vetro smerigliato che suggerisce una polmonite virale. Il cervello della TAC ha rivelato un sanguinamento massiccio nell’emisfero destro con estensione intraventricolare e subaracnoidea.

Questo signore non era né un ipertensivo noto né su alcun anticoagulante che avrebbe potuto causare questo evento. Le piastrine e PT / INR all’ammissione erano normali. Gli autori hanno ipotizzato che probabilmente la disregolazione dei recettori dell’ACE 2 porta all’autoregolazione cerebrale, al sistema simpatico-adreanl e al flusso sanguigno cerebrale che avrebbe potuto causare sanguinamento. Un altro aspetto che è difficile da spiegare è la pressione sanguigna quasi normale in questo caso al momento del ricovero.

Mao e colleghi hanno riportato sei casi di CVA nella loro coorte di 214 [11]. Ci sono stati cinque ischemici e un caso di ictus emorragico. La coorte francese ha avuto tre casi di ictus ischemico che sono stati rilevati in neuroimaging quando i pazienti sono stati sottoposti a imaging per enceflaofatia [12].

I pazienti non presentavano segni neurologici focali. Probabilmente i sintomi sono stati mascherati a causa della presenza di encefalopatia, ma sottolinea l’importanza del neuroimaging nella valutazione di tali casi. Tuttavia sono necessarie ulteriori prove per stabilire una relazione causale tra ictus e COVID-19.

L’encefalite
Moriguchi e tutti hanno riportato il primo caso confermato di encefalite virale associata al COVID-19 dal Giappone [24]. Un uomo di 24 anni presentato con febbre seguito da convulsioni e perdita di coscienza. Aveva rigidità del collo e si sottoponeva al cervello della TAC che era normale.

C’era polmonite irregolare sul torace CT. Il test PCR dal tampone rinofaringeo era negativo ma il campione CSF era positivo per COVID-19. Le immagini ponderate per diffusione (DWI) hanno mostrato iperintensità lungo la parete del corno inferiore del ventricolo laterale destro.

Le immagini di recupero dell’inversione fluido-attenuato (FLAIR) hanno mostrato variazioni del segnale iperintenso nel lobo temporale mesiale destro e nell’ippocampo con lieve atrofia ippocampale principalmente sul lobo mesiale destro e ippocampo. 

Non è stato apportato alcun miglioramento post Contrast. Gli autori hanno concluso che i risultati dell’imaging suggerivano ventricolite laterale destra ed encefalite. Questo caso e la presentazione dovrebbero allertare i medici in merito al potenziale neuro-invasivo di COVID-19 e alla presentazione simile all’encefalite.

Mal di testa e vertigini

Il mal di testa e le vertigini sono sintomi non specifici e lievi di molte malattie. Sono stati segnalati come sintomi minori associati alla presentazione di COVID-19 in diversi rapporti. L’incidenza infuria dal 3 al 12,1% [25], [26], [27]. Il meccanismo dettagliato e la fisiopatologia non sono stati discussi in nessuno di questi rapporti

Manifestazioni e complicanze del sistema nervoso periferico
Anosmia e disfunzione chemosensoriale
Yan et al. Dagli USA, hanno documentato disfunzione chemosensoriale in 59 pazienti COVID-19 positivi e 203 COVID-19 negativi da un singolo centro usando un sondaggio trasversale su Internet [28].

Hanno dimostrato che la disfunzione dell’olfatto e del gusto era maggiore nei casi positivi di COVID-19 rispetto ai casi negativi. (perdita dell’olfatto: 68% contro il 16% e perdita del gusto: 71% contro il 17%). La maggior parte dei pazienti in questo studio era ambulatoriale, non aveva bisogno di ricovero in ospedale e nessuno richiedeva ventilazione meccanica.

Hanno teorizzato che probabilmente nei pazienti ambulatoriali COVID-19 il virus si diffonde attraverso la via nasale rispetto ai pazienti gravemente malati in cui la diffusione è molto probabilmente polmonare. Bagheri et al. Hanno riportato i risultati di una grande coorte iraniana di 10.069 pazienti impiegando un sondaggio online basato su questionari [29].

I partecipanti sono stati casi con problemi di riduzione dell’olfatto di recente (nelle ultime 04 settimane dall’esordio di COVID-19 in Iran). Anosmia e iposmia sono state segnalate dal 48,23% degli intervistati mentre l’83,38% ha avuto anche una riduzione della sensazione gustativa. L’inizio dell’anosmia è stato improvviso nel 76,24%.

Altre caratteristiche cliniche segnalate dai partecipanti erano sintomi di influenza o raffreddore prima di anosmia (75,5%), mal di testa (48,6%), rigidità nasale (43,7%) e febbre (37,3%). Al contrario, lo studio di Mao et al. nella loro coorte di 214 pazienti cinesi hanno riportato alterazioni del gusto in 12 (5,6%) e alterazioni dell’olfatto in 11 (5,1%) pazienti. Anosmia e disfunzione del gusto non sono state riportate nella coorte francese di pazienti COVID-19.

Sindrome di Guillain Barre (GBS)
Finora sono stati segnalati otto casi di GBS associati a COVID-19 provenienti da Cina, Iran e Italia. Zhao et al. Hanno riportato il primo caso di GBS in una donna di 61 anni che aveva viaggiato nella città di Wuhan, in Cina [30]. Si è presentata con debolezza acuta in entrambe le gambe e grave affaticamento, progredendo entro 1 giorno.

Gli studi di conduzione nervosa (NCS) e l’elettromiografia (EMG) sono stati indicativi di polineuropatia demielinizzante. È stata trattata con IVIG e successivamente ha sviluppato sintomi respiratori. È risultata positiva per COVID-19. Ha infettato due dei suoi parenti e altre otto persone tra cui due neurologi e sei infermieri che erano isolati ma trovati negativi per COVID-19.

L’autore ha concluso che sulla base della storia del viaggio, linfopenia e trombocitopenia al momento del ricovero sono coerenti con un modello Para-infettivo di GBS a causa di COVID-19. Ha fatto un buon recupero motorio dopo l’isolamento e la somministrazione di anti-virali.

Sedaghat et al. Hanno riportato un maschio di 61 anni con diabete dall’Iran [31]. Ha avuto tosse, febbre e talvolta dispnea due settimane prima di presentare una paralisi ascendente che porta a quadriplegia e paralisi facciale bilaterale. L’NCS / EMG era indicativo di neuropatia sensoriaassonale motoria acuta.

È stato gestito con IVIG. Gli autori hanno suggerito che il GBS dovrebbe essere considerato come una complicazione neurologica del COVID-19 poiché il coinvolgimento respiratorio è comune nel COVID-19 e può essere un fattore di rischio per lo sviluppo del GBS. Virani e colleghi hanno riferito GBS in un maschio di 54 anni dagli USA [32].

Si presentò con una paralisi ascendente che progrediva rapidamente portando a difficoltà respiratorie. Non c’era disfunzione della vescica o dell’intestino. I riflessi erano assenti e la colonna vertebrale di risonanza magnetica era normale. Aveva una storia di diarrea che precede l’attacco acuto di debolezza. È risultato positivo per COVID-19. È stato gestito con IVIG e anti-malarico. Ha risposto bene ed è stato svegliato dal ventilatore. Fu dimesso in una struttura di riabilitazione per terapia fisica.

Toscano et al. Hanno riportato cinque pazienti con GBS dal Nord Italia [33]. La debolezza e la parestesia degli arti inferiori sono state le principali caratteristiche di presentazione in quattro pazienti, seguite da debolezza facciale, atassia e parestesia in un paziente. Quattro avevano una PCR positiva dal tampone rinofaringeo alla visita iniziale e la quinta era inizialmente negativa ma in seguito è diventata positiva.

Su NCS / EMG 02 i pazienti presentavano caratteristiche di polineuropatia demielinizzante mentre tre avevano polineuropatia assonale. Tutti i pazienti sono stati trattati con IVIG. È stato ripetuto in 02 pazienti e un paziente ha avuto uno scambio di plasma. Dopo una settimana, solo un paziente è stato in grado di deambulare in modo indipendente e dimesso dall’ospedale. Sono necessari ulteriori studi su larga scala per dimostrare questa relazione causale tra COVID-19 e GBS.

Danni muscolari scheletrici
Mao et al. Hanno riportato lesioni muscolari scheletriche in 17 pazienti [19,3%] nei pazienti gravemente ammalati e 6 pazienti [4,8%] nel gruppo non grave [11]. Hanno definito la lesione del muscolo scheletrico come paziente con mialgia e livelli elevati di creatina chinasi sierica superiori a 200 U / L.

Hanno concluso che non era chiaro se ciò fosse dovuto all’effetto diretto del virus sul tessuto muscolare. L’altro possibile meccanismo proposto era la risposta immunitaria mediata dall’infezione che causava elevate citochine proinfiammatorie nel siero con conseguente danno ai muscoli scheletrici.

Tuttavia, è importante notare che i pazienti nel gruppo gravemente malato, oltre ad aumentare gli enzimi muscolari, avevano anche elevati enzimi epatici e funzioni renali squilibrate che avrebbero potuto contribuire a questo quadro clinico. Inoltre, non è stato eseguito alcun workup diagnostico specifico per la conferma come NCS / EMG o istopatologia muscolare. Pertanto, è difficile escludere che questi pazienti possano presentare patologie critiche miopatia e neuropatia oltre al danno muscolare scheletrico.

Altre manifestazioni
Mao et al. Hanno anche riportato nevralgia in cinque pazienti e epilessia e atassia in una ciascuna, ma non sono stati menzionati ulteriori dettagli [11].

Riferimenti

1. Zhu Na, Zhang Dingyu, Wang Wenling, Li Xingwang, Yang Bo, Song Jingdong, Zhao Xiang, Huang Baoying, Shi Weifeng, Lu Roujian, Niu Peihua, Zhan Faxian, Ma Xuejun, Wang Dayan, Xu Wenbo, Wu Guizhen, Gao George F., Tan Wenjie. A novel coronavirus from patients with pneumonia in China, 2019. N Engl J Med. 2020;382(8):727–733. doi: 10.1056/NEJMoa2001017. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

2. Green A, Li Wenliang. Lancet Infect Dis. 2020. doi:10.1016/S0140-6736(20)30382-2

3. World Health Organization. Pneumonia of unknown cause – China. Disease outbreak news. 5 January 2020 Available at https://www.who.int/csr/don/05-january-2020-pneumonia-of-unkown-cause-china/en/ (accessed 22nd April 2020).

4. WHO Director-General’s opening remarks at the media briefing on COVID-19 – 11 March 2020. 11 March 2020. Available at https://www.who.int/dg/speeches/detail/who-director-general-s-opening-remarks-at-the-media-briefing-on-covid-19—11-march-2020 (accessed 22nd April 2020).

5. World Health Organization. Coronavirus disease 2019 (COVID-19) Situation Report – 92 https://www.who.int/docs/default-source/coronaviruse/situation-reports/20200421-sitrep-92-covid-19.pdf?sfvrsn=38e6b06d_4 (accessed 22nd April 2020).

6. World Health Organization. Global research on coronavirus disease (COVID-19) Available at https://www.who.int/emergencies/diseases/novel-coronavirus-2019/global-research-on-novel-coronavirus-2019-ncov (accessed 22nd April 2020).

7. Memon A.R., Rathore F.A. Publishing research during pandemics: are you vulnerable to the COVID-19 or predatory publishers? J Pak Med Assoc. 2020;70(S1) In press. [PubMed] [Google Scholar]

8. Di Gennaro F., Pizzol D., Marotta C., Antunes M., Racalbuto V., Veronese N., Smith L. Coronavirus diseases (COVID-19) current status and future perspectives: a narrative review. Int J Environ Res Public Health. 2020;17(8) doi: 10.3390/ijerph17082690. pii: E2690. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

9. Tu H., Tu S., Gao S., Shao A., Sheng J. The epidemiological and clinical features of COVID-19 and lessons from this global infectious public health event. J Infect. 2020 doi: 10.1016/j.jinf.2020.04.011. pii: S0163-4453(20)30222-X. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

10. Li Xiaowei, Geng Manman, Peng Yizhao, Meng Liesu, Lu Shemin. Molecular immune pathogenesis and diagnosis of COVID-19. J Pharm Anal. 2020;10(2):102–108. doi: 10.1016/j.jpha.2020.03.001. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

11. Mao L., Jin H., Wang M., Hu Y., Chen S., He Q., Chang J., Hong C., Zhou Y., Wang D., Miao X., Li Y., Hu B. Neurologic manifestations of hospitalized patients with coronavirus disease 2019 in Wuhan, China. JAMA Neurol. 2020 doi: 10.1001/jamaneurol.2020.1127. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

12. Helms J., Kremer S., Merdji H., Clere-Jehl R., Schenck M., Kummerlen C. Neurologic Features in Severe SARS-CoV-2 Infection. N Engl J Med. 2020 doi: 10.1056/NEJMc2008597. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

13. Lou J., Tian S.J., Niu S.M., Kang X.Q., Lian H.X., Zhang L.X. Coronavirus disease 2019: a bibliometric analysis and review. Eur Rev Med Pharmacol Sci. 2020;24(6):3411–3421. [PubMed] [Google Scholar]

14. Wu Yeshun, Xu Xiaolin, Chen Zijun, Duan Jiahao, Hashimoto Kenji, Yang Ling, Liu Cunming, Yang Chun. Nervous system involvement after infection with COVID-19 and other coronaviruses. Brain Behav Immun. 2020 doi: 10.1016/j.bbi.2020.03.031. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

15. Li Yan‐Chao, Bai Wan‐Zhu, Hashikawa Tsutomu. The neuroinvasive potential of SARS‐CoV2 may play a role in the respiratory failure of COVID‐19 patients. J Med Virol. 2020;92(6):552–555. doi: 10.1002/jmv.v92.6. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

16. Baig A.M., Khaleeq A., Ali U., Syeda H. Evidence of the COVID-19 virus targeting the CNS: tissue distribution, host virus interaction, and proposed neurotropic mechanisms. ACS Chem Neurosci. 2020 Apr 1;11(7):995–998. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]

17. Mehta P., McAuley D.F., Brown M., Sanchez E., Tattersall R.S., Manson J.J. HLH across speciality collaboration, UK. COVID-19: consider cytokine storm syndromes and immunosuppression. Lancet. 2020;395(10229):1033–1034. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]

18. Tveito K. Cytokine storms in COVID-19 cases? Tidsskr Nor Laegeforen. 2020 Mar;23:140. doi: 10.4045/tidsskr.20.0239. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

19. Filatov A., Sharma P., Hindi F. Neurological complications of coronavirus disease (COVID-19): encephalopathy. Cureus. 2020;12(3):e7352. doi: 10.7759/cureus.7352. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

20. Chen T., Wu D., Chen H., Yan W., Yang D., Chen G. Clinical characteristics of 113 deceased patients with coronavirus disease 2019: retrospective study. BMJ. 2020;368:m1091. doi: 10.1136/bmj.m1091. Erratum in: BMJ. 2020 Mar 31;368:m1295. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

21. Poyiadji N., Shahin G., Noujaim D., Stone M., Patel S., Griffith B. COVID-19-associated Acute Hemorrhagic Necrotizing Encephalopathy: CT and MRI Features. Radiology. 2020:201187. doi: 10.1148/radiol.2020201187. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

22. Zhao K., Huang J., Dai D., Feng Y., Liu L., Nie S. Acute myelitis after SARS-CoV-2 infection: a case report. medRxiv. 2020 [Google Scholar]

23. Sharifi-Razavi A., Karimi N., Rouhani N. COVID 19 and intra cerebral hemorrhage: causative or coincidental. New Microbes New Infect. 2020 Mar;27 [Google Scholar]

24. Moriguchi Takeshi, Harii Norikazu, Goto Junko, Harada Daiki, Sugawara Hisanori, Takamino Junichi, Ueno Masateru, Sakata Hiroki, Kondo Kengo, Myose Natsuhiko, Nakao Atsuhito, Takeda Masayuki, Haro Hirotaka, Inoue Osamu, Suzuki-Inoue Katsue, Kubokawa Kayo, Ogihara Shinji, Sasaki Tomoyuki, Kinouchi Hiroyuki, Kojin Hiroyuki, Ito Masami, Onishi Hiroshi, Shimizu Tatsuya, Sasaki Yu, Enomoto Nobuyuki, Ishihara Hiroshi, Furuya Shiomi, Yamamoto Tomoko, Shimada Shinji. A first case of meningitis/encephalitis associated with SARS-Coronavirus-2. Int. J. Infectious Dis. 2020;94:55–58. doi: 10.1016/j.ijid.2020.03.062. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

25. Huang Chaolin, Wang Yeming, Li Xingwang, Ren Lili, Zhao Jianping, Hu Yi, Zhang Li, Fan Guohui, Xu Jiuyang, Gu Xiaoying, Cheng Zhenshun, Yu Ting, Xia Jiaan, Wei Yuan, Wu Wenjuan, Xie Xuelei, Yin Wen, Li Hui, Liu Min, Xiao Yan, Gao Hong, Guo Li, Xie Jungang, Wang Guangfa, Jiang Rongmeng, Gao Zhancheng, Jin Qi, Wang Jianwei, Cao Bin. Clinical features of patients infected with 2019 novel coronavirus in Wuhan, China. Lancet. 2020;395(10223):497–506. doi: 10.1016/S0140-6736(20)30183-5. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

26. Deng Yan, Liu Wei, Liu Kui, Fang Yuan-Yuan, Shang Jin, zhou Ling, Wang Ke, Leng Fan, Wei Shuang, Chen Lei, Liu Hui-Guo. Clinical characteristics of fatal and recovered cases of coronavirus disease 2019 (COVID-19) in Wuhan, China: a retrospective study. Chin Med J. 2020:1. doi: 10.1097/CM9.0000000000000824. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

27. Li Long‐quan, Huang Tian, Wang Yong‐qing, Wang Zheng‐ping, Liang Yuan, Huang Tao‐bi, Zhang Hui‐yun, Sun Weiming, Wang Yuping. COVID‐19 patients’ clinical characteristics, discharge rate, and fatality rate of meta‐analysis. J Med Virol. 2020;92(6):577–583. doi: 10.1002/jmv.v92.6. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

28. Yan C.H., Faraji F., Prajapati D.P., Boone C.E., DeConde A.S. Association of chemosensory dysfunction and Covid-19 in patients presenting with influenza-like symptoms. Int Forum Allergy Rhinol. 2020 doi: 10.1002/alr.22579. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

29. Bagheri S.H., Asghari A.M., Farhadi M., Shamshiri A.R., Kabir A., Kamrava S.K. Coincidence of COVID-19 epidemic and olfactory dysfunction outbreak. medRxiv. 2020 [Google Scholar]

30. Zhao Hua, Shen Dingding, Zhou Haiyan, Liu Jun, Chen Sheng. Guillain-Barré syndrome associated with SARS-CoV-2 infection: causality or coincidence? Lancet Neurol. 2020;19(5):383–384. doi: 10.1016/S1474-4422(20)30109-5. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

31. Sedaghat Zahra, Karimi Narges. Guillain Barre syndrome associated with COVID-19 infection: a case report. J. Clin. Neurosci. 2020 doi: 10.1016/j.jocn.2020.04.062. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

32. Virani Ahmed, Rabold Erica, Hanson Taylor, Haag Aaron, Elrufay Rawiya, Cheema Tariq, Balaan Marvin, Bhanot Nitin. Guillain-Barré Syndrome associated with SARS-CoV-2 infection. IDCases. 2020;20:e00771. doi: 10.1016/j.idcr.2020.e00771. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

33. Toscano G., Palmerini F., Ravaglia S., Ruiz L., Invernizzi P., Cuzzoni M.G., Franciotta D., Baldanti F., Daturi R., Postorino P., Cavallini A., Micieli G. Guillain-Barré Syndrome Associated with SARS-CoV-2. N Engl J Med. 2020 doi: 10.1056/NEJMc2009191. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]


Source:
The Lancet

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.