Anziani: una maggiore capacità di elaborare le sensazioni può indicare una minore probabilità di demenza

0
66

Gli anziani in grado di identificare odori come rose, trementina, diluente e limoni e che hanno conservato i loro sensi di udito, visione e tatto, possono avere la metà del rischio di sviluppare demenza rispetto ai loro coetanei con marcato declino sensoriale.

In uno studio dell’UC San Francisco, i ricercatori hanno monitorato circa 1.800 partecipanti nei loro anni settanta per un periodo fino a 10 anni per vedere se il loro funzionamento sensoriale fosse correlato allo sviluppo della demenza.

Al momento dell’iscrizione, tutti i partecipanti erano privi di demenza, ma 328 partecipanti (18 percento) hanno sviluppato la condizione nel corso dello studio.

Tra quelli i cui livelli sensoriali si collocano nella fascia media, 141 dei 328 (19 percento) hanno sviluppato demenza.

Questo si confronta con 83 nella buona gamma (12 per cento) e 104 (27 per cento) nella scarsa gamma, secondo lo studio, che pubblica su Alzheimer e demenza: The Journal of the Alzheimer’s Association il 20 luglio 2020.

La ricerca precedente era incentrata sul legame tra demenza e singoli sensi , ma l’attenzione dei ricercatori dell’UCSF era sugli effetti additivi di molteplici menomazioni nella funzione sensoriale, che le prove emergenti mostrano come un indicatore più forte del declino della cognizione.

“Le menomazioni sensoriali potrebbero essere dovute alla neurodegenerazione sottostante o agli stessi processi patologici di quelli che colpiscono la cognizione, come l’ictus”, ha affermato il primo autore Willa Brenowitz, PhD, del Dipartimento di Psichiatria e Scienze comportamentali dell’UCSF e Weill Institute for Neurosciences.

“In alternativa, le disabilità sensoriali, in particolare l’udito e la vista, possono accelerare il declino cognitivo, influenzando direttamente la cognizione o indirettamente aumentando l’isolamento sociale, la scarsa mobilità e la salute mentale avversa.”

Mentre le disabilità multiple erano fondamentali per il lavoro dei ricercatori, gli autori hanno riconosciuto che un acuto senso dell’olfatto, o olfatto, ha un’associazione più forte contro la demenza rispetto al tatto, all’udito o alla visione.

I partecipanti il ​​cui odore è diminuito del 10 percento avevano una probabilità maggiore di demenza del 19 percento , rispetto a un aumento dell’1-3% del rischio di corrispondenti declino della vista, dell’udito e del tatto.

“Il bulbo olfattivo, che è fondamentale per l’olfatto, è interessato abbastanza presto nel corso della malattia”, ha detto Brenowitz. “Si ritiene che l’odore possa essere un indicatore preclinico della demenza, mentre l’udito e la visione possono avere un ruolo maggiore nella promozione della demenza”.

I 1.794 partecipanti sono stati reclutati da un campione casuale di adulti idonei a Medicare nello studio sulla salute, l’invecchiamento e la composizione corporea.

I test cognitivi sono stati eseguiti all’inizio dello studio e ripetuti ogni due anni. La demenza è stata definita da test che hanno mostrato un calo significativo rispetto ai punteggi basali, l’uso documentato di un farmaco per la demenza o il ricovero in ospedale per la demenza come diagnosi primaria o secondaria.

Il test multisensoriale è stato eseguito nel terzo-al quinto anno e includeva l’udito (non erano ammessi apparecchi acustici), test di sensibilità al contrasto per la visione (erano consentiti gli occhiali), test del tocco in cui venivano misurate le vibrazioni nell’alluce e odore, implica l’identificazione di odori distintivi come diluenti, rose, limoni, cipolle e trementina.

I ricercatori hanno scoperto che i partecipanti che erano rimasti liberi dalla demenza avevano generalmente una maggiore cognizione al momento dell’arruolamento e tendevano a non avere deficit sensoriali.

Quelli nella fascia media tendevano ad avere alterazioni lievi multiple o una singola compromissione da moderata a grave. 

I partecipanti a rischio più elevato presentavano più menomazioni da moderate a gravi.

“Abbiamo scoperto che con il deterioramento del funzionamento multisensoriale, il rischio di declino cognitivo è aumentato in modo dose-risposta”, ha affermato l’autore senior Kristine Yaffe, MD, dei dipartimenti UCSF di Psichiatria e Scienze comportamentali, Epidemiologia e Biostatistica e Neurologia, nonché come sistema sanitario San Francisco VA.

Perfino menomazioni sensoriali lievi o moderate in più domini sono state associate ad un aumentato rischio di demenza, indicando che le persone con scarsa funzione multisensoriale sono una popolazione ad alto rischio che potrebbe essere presa di mira prima dell’inizio della demenza per intervento.”

I 780 partecipanti con una buona funzione multisensoriale avevano maggiori probabilità di essere più sani rispetto ai 499 partecipanti con una scarsa funzione multisensoriale, suggerendo che alcune abitudini di vita possono svolgere un ruolo nel ridurre i rischi di demenza.

Il primo gruppo aveva maggiori probabilità di aver completato il liceo (85 percento contro il 72,1 percento), aveva meno diabete (16,9 percento contro 27,9 percento) ed aveva marginalmente meno probabilità di avere malattie cardiovascolari, ipertensione e ictus.


È noto che si verifica una compromissione olfattiva (OI) durante il processo di invecchiamento (odds ratio [OR] = 1,55 per ogni aumento di 5 anni nell’età) (Schubert et al., 2012). 

Si stima che oltre il 50% della popolazione di età compresa tra i 65 e gli 80 anni presenti OI, aumentando al 75% sopra gli 80 anni (Doty e Kamath, 2014).

 Diverse ipotesi sono proposte per spiegare questo declino dell’olfatto legato all’età.

Innanzitutto, il nervo olfattivo, originato dalla fossa nasale, è l’unico nervo cranico direttamente esposto all’ambiente, che lo rende vulnerabile all’esposizione a tossine, infezioni, traumi e inquinanti presenti nell’aria (Huart et al., 2013a, b; Ajmani et al., 2016a, b).

In secondo luogo, l’alterazione legata all’età dei processi fisiologici e dei cambiamenti strutturali all’interno del naso, dell’epitelio olfattivo, del bulbo olfattivo e delle regioni cerebrali superiori sembrano contribuire notevolmente a questo deterioramento (Cerf-Ducastel e Murphy, 2009; Doty e Kamath, 2014; Attems et al ., 2015; Gunzer, 2017; Doty, 2018; Marin et al., 2018).

In terzo luogo, l’invecchiamento cerebrale o l’esposizione ambientale potrebbero ridurre la rigenerazione cellulare riscontrata ai diversi livelli del sistema olfattivo (Huart et al., 2019).

In quarto luogo, potrebbero essere coinvolti anche fattori genetici. Ad esempio, è stato dimostrato che i portatori di val / val genotype del polimero val66met derivato dal cervello fattore neurotrofico (BDNF) presentano un marcato declino associato all’invecchiamento della funzione olfattiva (Hedner et al., 2010).

I portatori di alleli ε4 dell’apolipoproteina E (ApoE) sembrano sperimentare un declino olfattivo maggiore rispetto ai non portatori (Wang et al., 2002). 

ApoE può anche contribuire ai processi rigenerativi neuronali e allo sviluppo di malattie neurodegenerative.

È interessante notare che la combinazione di allele ApoE ε4 e OI in una popolazione anziana non demente predice un maggiore declino della funzione cognitiva globale (Borenstein Graves et al., 1999; Olofsson et al., 2009).

Per quanto riguarda gli individui con deficit cognitivi, i portatori di alleli ApoE ε4 mostrano anche un declino più significativo delle capacità cognitive e dell’identificazione degli odori (Wang et al., 2002). Tuttavia, uno studio gemello suggerisce bassi coefficienti di ereditarietà per quanto riguarda la funzione olfattiva (Doty et al., 2011).

In quinto luogo, l’IO correlata all’età potrebbe riflettere il coinvolgimento precoce delle aree cerebrali correlate all’olfatto da parte dei processi neuropatologici associati alle malattie neurodegenerative, come il morbo di Alzheimer (AD) e il morbo di Parkinson (PD).

Anche se gli esatti meccanismi alla base dell’OI in AD e PD non sono completamente compresi, le strutture cerebrali olfattive sono colpite all’inizio del loro corso (Braak e Del Tredici, 2017; Marin et al., 2018) e OI precede la diagnosi clinica.

Per quanto riguarda l’AD, l’OI potrebbe già essere presente in pazienti con lieve deficit cognitivo (MCI, disfunzione cognitiva che supera il normale declino “legato all’età”, ma non soddisfa i criteri per la demenza) (Sanford, 2017).

È noto che circa il 70% dei pazienti con MCI alla fine si convertirà in AD (Gauthier et al., 2006). Tuttavia, i dati recenti convergono verso l’idea che i pazienti con MCI con compromissione olfattiva sono più inclini a sviluppare l’AD rispetto a quelli senza OI (Conti et al., 2013; Devanand, 2016; Adams et al., 2018; Jung et al., 2019) .

Nel complesso, questi risultati rendono OI un potenziale predittore iniziale per lo sviluppo di AD. La PD è anche contrassegnata dalla prima OI, che in genere precede i sintomi motori di almeno 5 anni e quindi può essere utilizzata come biomarcatore per la diagnosi di PD (Berardelli et al., 2013; Marin et al., 2018; Haehner et al. , 2019).

Inoltre, uno studio prospettico di 7 anni condotto su pazienti con PD di nuova diagnosi ha riferito che l’iposmia alla diagnosi di PD è associata a un ulteriore sviluppo di deficit cognitivi, rendendo OI un predittore di demenza in questo contesto (Gjerde et al., 2018).

In sesto luogo, OI ha dimostrato di accompagnare una varietà di malattie. Oltre al collegamento con le malattie neurodegenerative, è stato riportato che OI si verifica in schizofrenia, epilessia, malattie sistemiche ed endocrine (p. Es., Ipotiroidismo, diabete mellito di tipo 2), insufficienza renale o epatica cronica (Landis et al., 2004; Hummel et al., 2011; Huart et al., 2013a).

Da notare che un recente studio condotto su pazienti diabetici di tipo 2 ha dimostrato non solo un aumento dell’OI in questa popolazione rispetto ai controlli, ma anche una riduzione delle capacità in specifici test cognitivi. Inoltre, ancora una volta, hanno trovato una forte associazione tra OI e specifici disturbi della memoria in questa popolazione (Yulug et al., 2019).

Per quanto riguarda il fumo, che è noto per interferire con le prestazioni olfattive, l’effetto è equivoco o debole e si riscontra soprattutto nei fumatori di lunga data (Mackay-Sim et al., 2006). Gli effetti negativi dell’abuso di alcol sull’olfatto potrebbero essere correlati ad alterazioni nelle aree cerebrali coinvolte nell’elaborazione olfattiva (Schubert et al., 2012).

Una maggiore probabilità di comorbilità con l’età si accompagna alla polifarmacia associata. Nonostante i pochi dati basati sull’evidenza, si pensa comunemente che i farmaci possano influenzare le funzioni del gusto e dell’olfatto (Hummel et al., 2011).

Si pensa che i farmaci interagiscano con molti diversi target molecolari del percorso olfattivo dai recettori olfattivi ai processi centrali (Lötsch et al., 2012, 2015a, b).

Un lungo elenco di farmaci potrebbe essere coinvolto nella perdita dell’olfatto, inclusi antibiotici, farmaci antidepressivi e antipsicotici, farmaci antiipertensivi (ad esempio bloccanti dei canali del calcio), oppioidi, sildenafil (Doty e Bromley, 2004; Hummel et al., 2011).

Tuttavia, è difficile distinguere l’OI indotto dal farmaco dall’effetto del problema medico di base per il quale viene assunto il farmaco. Landis et al. (2004) non ha trovato una correlazione tra la funzione olfattiva e il numero di farmaci assunti.

Tuttavia, uno studio recente ha mostrato una correlazione significativa tra il numero di farmaci assunti e la funzione della soglia olfattiva peggiore e, cosa interessante, punteggi MMSE peggiori (Ottaviano et al., 2018).

Gli autori hanno giustificato questo risultato dal fatto che questi parametri sono generalmente legati all’età. Tuttavia, non controllavano le comorbilità, che in realtà avrebbero potuto spiegare in parte questi risultati.

Malattie neurodegenerative associate
Allo stato attuale, l’OI è diventato un noto biomarcatore iniziale per un ampio spettro di malattie neurodegenerative. Pertanto, non sorprende che le malattie neurodegenerative siano state studiate come possibile mediatore nella relazione tra OI e mortalità.

Nonostante alcuni risultati contrastanti, l’evidenza sta progressivamente aumentando il fatto che le malattie neurodegenerative potrebbero in parte spiegare questa relazione.

La maggior parte degli studi esaminati includeva la funzione cognitiva al basale come covariata. In tre studi, il controllo delle prestazioni cognitive al basale non ha modificato i risultati. T

uttavia, Wilson et al. (2011) hanno escluso i pazienti con diagnosi di demenza o PD al basale e hanno utilizzato una misura della frequenza dell’attività cognitiva nel tempo libero, che sembra riflettere debolmente la funzione cognitiva.

Schubert et al. (2016) non ha regolato i risultati esclusivamente per la funzione cognitiva, ma ha piuttosto incluso ulteriori covariate per la regolazione, in modo che l’impatto preciso della funzione cognitiva rimanga sconosciuto.

Inoltre, Ekström et al. (2017) ha anche affrontato in modo specifico la questione della conversione della demenza e ha scoperto che la relazione OI-mortalità era indipendente da essa. 

Al contrario, altri tre studi hanno mostrato un potenziale effetto mediatore della funzione cognitiva sulla mortalità (Pinto et al., 2014; Devanand et al., 2015; Liu et al., 2019).

Due hanno scoperto che l’associazione tra OI e mortalità era ridotta quando si controllava la demenza, rimanendo statisticamente significativa. 

Da notare, OI ha dimostrato di essere associato con il futuro declino cognitivo in soggetti cognitivamente intatti (Devanand, 2016).

Inoltre, ci sono prove di marcatori post mortem esistenti della malattia neurodegenerativa nel cervello di soggetti senza precedenti segni clinici di MCI o AD (Wilson et al., 2009).

Pertanto, una spiegazione ipotetica dell’assenza o del debole effetto di mediazione della funzione cognitiva sulla mortalità potrebbe essere che l’olfatto è alterato mentre la funzione cognitiva clinica non è ancora influenzata e quindi non diagnosticata. 

Solo Gopinath et al. (2012) hanno raggiunto un’associazione non significativa tra OI e rischio di mortalità dopo aggiustamento per compromissione cognitiva.

Ciò suggerirebbe un ruolo di mediazione della funzione cognitiva, sebbene gli autori affermino chiaramente che questa scoperta potrebbe essere dovuta a un debole potere statistico. Ancora più interessante, l’unica analisi della mortalità specifica per causa ha mostrato che l’associazione causale più forte trovata era tra OI e morte associata a demenza o PD (Liu et al., 2019).

In effetti, la loro analisi di mediazione ha mostrato che la demenza o la malattia di Parkinson potrebbero rappresentare il 22% della mortalità a 10 anni più alta legata alla scarsa olfatto. Infine, Devanand et al. (2015) mette in dubbio il fatto che i disturbi neurodegenerativi portano a un eccesso di mortalità.

Tuttavia, recenti prove suggeriscono il contrario. Nel 2014, l’AD è stata la sesta causa di morte negli Stati Uniti, rappresentando il 3,6% della mortalità totale con un tasso di mortalità aggiustato per età del 25,4 per 100.000 cittadini (Taylor et al., 2017). 

Per quanto riguarda la PD, una meta-analisi ha mostrato un rapporto di mortalità aggregato di circa 1,5 rispetto ai controlli (Macleod et al., 2014). Inoltre, la durata media fino alla morte varia da 6,9 a 14,3 anni.

Ciò potrebbe anche parzialmente spiegare perché la conversione della demenza non sembra mediare il legame OI-mortalità nonostante un follow-up di 10 anni (Ekström et al., 2017), poiché la morte associata a PD può verificarsi dopo più di 10 anni. 

La mortalità correlata alla PD ha mostrato di essere significativamente aumentata dalla presenza di MCI al basale (Hoogland et al., 2019). Questa scoperta supporta l’idea di una correlazione tra OI, PD e rischio di mortalità.

Infine, l’aggiustamento per il genotipo ApoE ε4, associato al declino cognitivo e all’OI (Wang et al., 2002), non ha attenuato l’associazione tra OI e mortalità (Devanand et al., 2015; Ekström et al., 2017).

In conclusione, anche se i dati disponibili rimangono controversi, sembrano esserci prove crescenti che le malattie neurodegenerative, attraverso la disfunzione cognitiva, possano essere un potenziale mediatore nella relazione che collega l’OI al rischio di mortalità.

Invecchiamento cerebrale accelerato
Una delle caratteristiche speciali del sistema olfattivo è la sua straordinaria plasticità e la sua continua neurogenesi attraverso l’età adulta, almeno a livello dell’epitelio olfattivo (per la recente recensione vedi Huart et al., 2019).

I meccanismi alla base di queste abilità neurali sono stati ampiamente studiati principalmente nei roditori; in effetti, la scarsità di dati umani rimane controversa. Si pensa che la neurogenesi adulta si verifichi sia a livello periferico che centrale, in tre diverse posizioni.

In primo luogo, le cellule staminali proliferanti, situate all’interno dell’epitelio olfattivo si differenziano in neuroni del recettore olfattivo. In secondo luogo, le cellule staminali neurali provenienti dalle pareti del ventricolo laterale potrebbero migrare seguendo il flusso migratorio rostrale verso il bulbo olfattivo (OB) per dare origine a interneuroni olfattivi (Curtis et al., 2007).

In terzo luogo, alcuni dati sugli animali suggeriscono la presenza di cellule progenitrici che giacciono direttamente all’interno dell’OB (Huart et al., 2019). Per ora, tuttavia, tutto ciò rimane piuttosto ipotetico nel cervello umano adulto. Tuttavia, i risultati clinici supportano l’idea di elevata plasticità del sistema olfattivo.

Ad esempio, è ampiamente riconosciuto che l’OB è soggetto a significative variazioni di volume, in funzione delle prestazioni olfattive. Infatti, l’OI è associato a un volume OB ridotto, mentre il recupero della funzione olfattiva è correlato al volume OB (Rombaux et al., 2006a, b; Hummel et al., 2013; Yaldizi et al., 2016; Rottstädt et al., 2018) .

Queste fluttuazioni di volume dipendono probabilmente dai processi bottom-up (Negoias et al., 2017) e top-down (Cavazzana et al., 2018). Inoltre, potrebbero verificarsi anche modifiche strutturali del cervello oltre l’OB (Reichert e Schöpf, 2018).

Infine, la plasticità olfattiva è stata recentemente evidenziata dall’allenamento olfattivo, che è stato scoperto per migliorare significativamente le capacità olfattive indipendentemente dalla funzione olfattiva di base (Sorokowska et al., 2017) e portare ad un aumento dello spessore corticale di alcune aree cerebrali (Al Aïn et al ., 2019).

 È interessante notare che la formazione olfattiva ha anche dimostrato di migliorare la funzione verbale e il benessere soggettivo negli anziani (Wegener et al., 2018).

È importante sottolineare che la vista e l’udito non erano associati alla mortalità né alteravano la relazione OI-mortalità, suggerendo che la morte non poteva essere spiegata in modo più ampio dalla perdita sensoriale (Devanand et al., 2015; Schubert et al., 2016).

Tuttavia, alcuni studi precedenti hanno mostrato un possibile legame tra visione e / o compromissione dell’udito e mortalità, mentre le prove dell’impatto del danno visivo solo rimangono più deboli (Fisher et al., 2014; Schubert et al., 2016; Lin et al., 2019).

È anche importante sottolineare il fatto che tutti gli esseri umani non invecchiano allo stesso modo. Ecco perché l’età fisiologica potrebbe essere più rilevante dell’età cronologica. Si può ipotizzare che il declino della funzione olfattiva potrebbe indicare un’età fisiologica più avanzata.

In effetti, è stato scoperto che il declino idiopatico legato all’età nella funzione olfattiva era molto più piccolo nella popolazione sana, non curata, non fumatori (Mackay-Sim et al., 2006).

Al contrario, è stato dimostrato che i disturbi del gusto e dell’olfatto erano associati ad un aumentato rischio di fragilità nella popolazione anziana (Somekawa et al., 2017; Harita et al., 2019).

Tra gli studi sulla mortalità, il controllo delle prestazioni nelle attività della vita quotidiana o del punteggio di fragilità non ha attenuato l’effetto (Pinto et al., 2014; Schubert et al., 2016).

 La compromissione sensoriale globale (inclusi i cinque sensi classici: olfatto, gusto, udito, visione e tatto) prevede la mortalità a 5 anni, ma anche i principali componenti della fragilità fisica (es. Andatura lenta, perdita di peso, bassa attività) (Pinto et al. , 2017). 

Gli stessi autori hanno sviluppato il concetto secondo cui la perdita multisensoriale di funzione potrebbe riflettere un processo di invecchiamento sottostante comune (Correia et al., 2016).

Per riassumere, ipotizziamo che l’OI rifletta un declino della plasticità cerebrale e possa essere visto più a livello globale come un indicatore della ridotta funzione di riparazione fisiologica. Ciò potrebbe spiegare, almeno in parte, il percorso verso l’aumento della mortalità.

L’invecchiamento del cervello potrebbe rendere il sistema olfattivo e altre strutture cerebrali più vulnerabili e meno capaci di riprendersi dagli insulti. Ciò evidenzia l’attuale necessità di pensare in termini di età fisiologica e stato di fragilità. Se la fragilità media la relazione tra OI e mortalità richiede ancora più prove.

Riflessione sulla cattiva salute generale
È noto che la compromissione olfattiva è associata a una vasta gamma di malattie e si ritiene che sia un indicatore di cattiva salute. Landis et al. (2004) hanno mostrato una correlazione negativa tra la funzione olfattiva e il numero di condizioni di comorbidità. Lo stato di salute mediocre riferito da sé è stato associato all’OI in uno studio (Liu et al., 2019).

Tuttavia, l’associazione tra OI e rischio di mortalità è stata per lo più guidata da soggetti con un livello di base eccellente per una buona salute, il che potrebbe mettere in dubbio l’idea che l’OI sia semplicemente un indicatore di cattiva salute.

Gli autori hanno ipotizzato che l’OI nelle persone anziane sane potrebbe nascondere una condizione pericolosa per la vita o che l’effetto cumulativo di più condizioni di comorbidità potrebbe superare l’effetto dell’OI sulla morte.

Inoltre, la metà degli studi analizzati ha adeguato i risultati per le condizioni di comorbilità, con effetti scarsi o nulli sul legame OI-mortalità (Pinto et al., 2014; Devanand et al., 2015; Schubert et al., 2016; Ekström et al., 2017). Il controllo del fumo o dell’abuso di alcol non ha attenuato il legame tra OI e mortalità (Pinto et al., 2014; Devanand et al., 2015).

Alcuni autori hanno anche suggerito che alti livelli di marker infiammatori (interleuchina-6, proteina C reattiva) potrebbero essere associati a fragilità, aterosclerosi e anche a OI (Schubert et al., 2011; Henkin et al., 2013; Laudisio et al. , 2019). 

Tuttavia, l’aggiustamento per queste variabili non ha attenuato il legame tra OI e mortalità (Schubert et al., 2016). Quindi, se OI è un indicatore di cattiva salute rimane incerto. 

L’unica affermazione che può essere fatta è che l’OI è un fattore di rischio forte e indipendente per la morte, indipendentemente dallo stato di salute.

Poiché il controllo delle condizioni di comorbilità ha avuto un effetto scarso o nullo sul legame OI-mortalità, ciò suggerirebbe quindi un debole impatto delle malattie cardiovascolari o dei disordini metabolici (che fanno parte degli indici di comorbidità utilizzati negli studi).

Tuttavia, l’analisi della mortalità specifica per causa ha rivelato che l’OI era modestamente associato alla morte per malattie cardiovascolari, ma non per cancro o malattie respiratorie (Liu et al., 2019). 

Inoltre, l’associazione tra OI e mortalità non è rimasta significativa dopo l’aggiustamento per il colesterolo sierico totale, sebbene potenzialmente spiegato da un ridotto potere statistico (Gopinath et al., 2012).

È stato riscontrato che l’esercizio fisico e l’uso di statine riducono l’incidenza di OI (Schubert et al., 2011). In effetti, entrambi sono noti per migliorare la salute cardiovascolare e ridurre il rischio di aterosclerosi, che è il segno distintivo delle malattie cardiovascolari. 

Inoltre, le statine possono anche fornire direttamente al cervello (e quindi al sistema olfattivo) i loro effetti pleiotropici positivi sulla funzione endoteliale, sullo stress ossidativo e sull’infiammazione vascolare.

Ciò sarebbe coerente con il ridotto rischio che l’OI fosse specifico per le statine che attraversano bene la barriera emato-encefalica nello studio di Schubert et al. (2011). 

Tuttavia, in un modello murino, la somministrazione di atorvastatina (classificata come non attraversante la barriera emato-encefalica) potrebbe ancora migliorare il recupero della funzione olfattiva, probabilmente attraverso la promozione della proliferazione cellulare e della rigenerazione neurale dell’epitelio olfattivo (Kim et al., 2010, 2012).

Lo spessore dell’intima media dell’arteria carotidea (IMT), un biomarcatore di aterosclerosi generalizzata, si è dimostrato associato a un declino delle prestazioni di identificazione degli odori a 5 anni, ma solo prima dei 60 anni (Schubert et al., 2015a, b).

Tuttavia, l’associazione tra OI e mortalità è rimasta statisticamente significativa dopo l’aggiustamento per IMT (Schubert et al., 2016). Inoltre, l’OI potrebbe essere associato all’assunzione di farmaci antiipertensivi (Doty e Bromley, 2004). 

Pertanto, le malattie cardiovascolari potrebbero in qualche modo essere collegate all’OI. Tuttavia, l’evidenza rimane scarsa e sono necessari ulteriori studi.

L’obesità, l’insulino-resistenza e il diabete mellito di tipo 2 costituiscono un continuum ben noto che rappresenta un grave onere in termini di salute pubblica e mortalità. Nei modelli di obesità dei roditori, il bulbo olfattivo ha sviluppato una resistenza all’insulina che potrebbe quindi essere responsabile dell’interruzione della funzione olfattiva (Palouzier-Paulignan et al., 2012).

I dati umani supportano anche il fatto che la resistenza all’insulina potrebbe influire negativamente sulla funzione olfattiva. In effetti, uno studio recente ha scoperto che gli adulti più anziani con elevata insulino-resistenza (quantificati dal test HOMA-IR) avevano una probabilità di OI circa 2 volte maggiore rispetto ai soggetti con insulino-resistenza (Min e Min, 2018).

Ciò potrebbe spiegare, almeno in parte, l’associazione indipendente trovata tra diabete mellito di tipo 2 (in cui l’insulino-resistenza rappresenta il meccanismo chiave) e OI (Gopinath et al., 2012; Gouveri et al., 2014; Yulug et al., 2019). 

L’OI nel diabete mellito di tipo 2 potrebbe anche essere dovuto a lesioni microvascolari poiché l’OI è stato trovato principalmente in pazienti diabetici già affetti da complicanze microvascolari di questa malattia (Gouveri et al., 2014).

Per quanto riguarda gli studi sulla mortalità, il diabete mellito è stato associato all’OI in uno studio (Gopinath et al., 2012) ma non in un altro più recente (Liu et al., 2019). Tre studi hanno incluso il diabete mellito nelle loro variabili controllate, ma la correlazione tra OI e mortalità è rimasta invariata, suggerendo quindi anche un debole impatto del diabete mellito. Per quanto riguarda il legame tra obesità, insulino-resistenza e diabete mellito di tipo 2 con OI, permangono controversie su molti punti.

Infine, grazie al suo contatto diretto con l’esterno, il sistema olfattivo può essere un bersaglio facile per insulti ambientali. In effetti, l’olfatto è alterato dagli inquinanti atmosferici e dall’esposizione a una varietà di agenti tossici (ad esempio composti metallici) (Ajmani et al., 2016a, b; Genter e Doty, 2019).

I tossici presenti nell’aria possono anche dirigersi verso il cervello direttamente attraverso il percorso olfattivo, portando a danni neuronali. Da notare che è stato dimostrato che alti livelli di inquinamento atmosferico potrebbero causare patologie neurodegenerative legate al bulbo olfattivo (Calderon-Garciduenas et al., 2018).

L’inquinamento e l’esposizione tossica sono stati collegati a cattive condizioni di salute e potrebbero quindi costituire un potenziale mediatore nella relazione tra OI e mortalità (Fuller-Thomson e Fuller-Thomson, 2019).


Fonte:
UCSF

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.