I bambini COVID-19 lieve hanno livelli molto più alti di carica virale nel naso rispetto ai bambini più grandi ed adulti

0
179

Uno studio dell’ospedale pediatrico Ann & Robert H. Lurie di Chicago ha scoperto che i bambini di età inferiore ai 5 anni con COVID-19 da lieve a moderato hanno livelli molto più alti di materiale genetico virale nel naso rispetto ai bambini più grandi ed adulti.

I risultati, pubblicati su  JAMA Pediatrics , indicano la possibilità che i bambini più piccoli trasmettano il virus tanto quanto le altre fasce di età.

La capacità dei bambini più piccoli di diffondere COVID-19 potrebbe essere stata sottovalutata a causa della chiusura rapida e sostenuta delle scuole e dell’asilo durante la pandemia.

“Abbiamo scoperto che i bambini sotto i 5 anni con COVID-19 hanno una carica virale maggiore rispetto ai bambini più grandi e agli adulti, il che può suggerire una maggiore trasmissione, come vediamo con il virus respiratorio sinciziale, noto anche come RSV”, afferma l’autore principale Taylor Heald-Sargent, MD, PhD, specialista in malattie infettive pediatriche presso Lurie Children’s e Assistant Professor of Pediatrics presso la Northwestern University Feinberg School of Medicine.

“Ciò ha importanti implicazioni per la salute pubblica, in particolare durante le discussioni sulla sicurezza della riapertura delle scuole e dell’asilo.”

Il Dr. Heald-Sargent e colleghi hanno analizzato 145 casi di malattia da COVID-19 da lieve a moderata entro la prima settimana dall’esordio dei sintomi. 

Hanno confrontato la carica virale in tre gruppi di età: bambini di età inferiore ai 5 anni, bambini di età compresa tra 5 e 17 anni e adulti di età compresa tra 18 e 65 anni.

“Il nostro studio non è stato progettato per dimostrare che i bambini più piccoli diffondono COVID-19 tanto quanto gli adulti, ma è una possibilità”, afferma il Dr. Heald-Sargent. “Dobbiamo tenerne conto negli sforzi per ridurre la trasmissione mentre continuiamo a saperne di più su questo virus”.


COVID-19 ha gravemente colpito le case di cura per anziani in Italia e in particolare nella regione Lombardia, causando morti non numerabili.

Dal momento in cui la pandemia si è lentamente affievolita, c’è stato un urgente bisogno scientifico e sociale di definire un limite di tempo e di carica virale oltre il quale la positività della RT-PCR perde il suo significato, per ridurre l’isolamento dei soggetti nelle case di cura oltre l’utilità clinica e di salute pubblica.

Mentre il declino dell’infettività virale sembra diminuire in una o due settimane dall’esordio dei sintomi1, 2 la positività RT-PCR può persistere per diverse settimane dopo la risoluzione dei sintomi3, 4, 5, 6.

Poiché esiste un rischio minimo per i pazienti guariti persistentemente positivi di eliminare il virus infettivo, molti di loro rimangono ricoverati in ospedale o al riparo sul posto, per un tempo molto più lungo del necessario, con significative difficoltà sociali e impegno economico.

Finora sono disponibili pochi dati in case di cura per bambini e adolescenti riguardanti RT-PCR quantitativa (qRT-PCR) registrata durante la pandemia di COVID-19.

Cinquantadue bambini e adolescenti (41 maschi e 11 femmine: età media 14,8, intervallo 6-18 anni) affetti da disturbi neuropsichiatrici e residenti nell’Istituto di riabilitazione di Villa Santa Maria, una nota casa di cura in Lombardia, hanno subito una serie di qRT -PCR su tamponi naso-faringei dal 27 aprile al 4 luglio 2020.

Trentadue soggetti presentavano sintomi indicativi di infezione da COVID-19, come febbre, tosse e o diarrea mentre 20 erano asintomatici. 

Il sessantadue percento dei soggetti sintomatici e il 50% dei soggetti asintomatici sono risultati positivi a COVID-19 con un totale di 30 casi positivi (25 maschi – 5 femmine; età media 14,1 anni).

I soggetti che hanno mostrato positività al test sono stati monitorati durante tutto con test ripetuti su una base di 1-2 settimane fino all’ottenimento di due test negativi consecutivi. Abbiamo dovuto aspettare fino al 4 luglio per certificare la svolta negativa di tutte le materie.

Sono stati osservati dettagli interessanti della carica virale nei 30 soggetti positivi alla RT-PCR in base alle diverse caratteristiche del sottogruppo.

La carica virale iniziale di 25 maschi era significativamente più alta di 5 femmine (maschi mediani [IQR]: 19 [14 – 23,5] contro 27 [24–29], rispettivamente; p = 0,01 dal test di Mann-Whitney).

La carica virale iniziale osservata in 21 soggetti sintomatici è risultata sostanzialmente più elevata rispetto a 9 soggetti asintomatici (mediana [IQR] con sintomi: 20 [15 –27] vs. 22 [16,5–25], rispettivamente; la differenza è risultata statisticamente non significativa ( p = 0,8 test di Mann – Whitney).

La carica virale al primo tampone in 16 soggetti che sono rimasti ancora positivi al secondo tampone era maggiore rispetto a 14 soggetti che risultavano negativi al secondo tampone. 

Anche in questo caso la differenza è risultata statisticamente non significativa (CT mediana [IQR] ancora positiva: 19,5 [14,5 –23,7] vs. 22 [17,7–27], rispettivamente (p = 0,4 test Mann-Whitney).

Venti soggetti sono stati sottoposti a più di due test RT-PCR fino alla svolta negativa permanente.

La Fig. 1 mostra l’oscillazione della carica virale nei successivi 97 tamponi, eseguita lungo 12 settimane dopo il primo tampone. 

È stata osservata una marcata oscillazione del valore della carica virale, anche con i tamponi negativi che diventano positivi.

Fig. 1
Fig. 1
Oscillazione dei valori delle soglie di ciclo (CT) in 20 soggetti sottoposti a ripetuti test COVID-19 RT-PCR (valori superiori a 40 sono considerati negativi).

Questo studio dimostra che nei bambini e negli adolescenti risultati positivi alla COVID-19 RT-PCR residente in una casa di cura il tempo necessario per una scomparsa definitiva del virus dal tampone naso-faringeo può superare due mesi.

 Durante questo periodo è possibile osservare l’esistenza di oscillazioni discrete nel conteggio della carica virale COVID-19 in linea con i risultati di un recente studio italiano7. 

Alla luce di questi risultati, la risoluzione dell’OMS per il rilascio dei pazienti COVID-19 dall’isolamento sembra ragionevole per evitare inutili oneri sociali8.

Riferimenti

1. Wolfel R., Corman V.M., Guggemos W., Seilmaier M., Zange S., Muller M.A. Virological assessment of hospitalized patients with COVID-2019. Nature. 2020;581(7809):465–469. , PubMed PMID: 32235945. [Abstract] [Google Scholar]

2. Bullard J., Dust K., Funk D., Strong J.E., Alexander D., Garnett L. Predicting infectious SARS-CoV-2 from diagnostic samples. Clin Infect Dis. 2020:ciaa638,. PubMed PMID: 32442256. [Europe PMC free article] [Abstract] [Google Scholar]

3. Peng J., Wang M., Zhang G., Lu E. Seven discharged patients turning positive again for SARS-CoV-2 on quantitative RT-PCR. Am J Infect Control. 2020;48(6):725–726. , PubMed PMID: 32317126. Pubmed Central PMCID: 7151314. [Europe PMC free article] [Abstract] [Google Scholar]

4. Fu W., Chen Q., Wang T. Letter to the Editor: three cases of re-detectable positive SARS-CoV-2 RNA in recovered COVID-19 patients with antibodies. J Med Virol. 2020 doi: 10.1002/jmv.25968. , PubMed PMID: 32369214. [CrossRef] [Google Scholar]

5. Woodruff A. COVID-19 Follow up Testing. J Infect. 2020, PubMed PMID: 32407758. Pubmed Central PMCID: 7212964.

6. Liu W.D., Chang S.Y., Wang J.T., Tsai M.J., Hung C.C., Hsu C.L. Prolonged virus shedding even after seroconversion in a patient with COVID-19. J Infect. 2020 , PubMed PMID: 32283147. Pubmed Central PMCID: 7151379. [Google Scholar]

7. Cento V., Colagrossi L., Nava A., Lamberti A., Senatore S., Travi G. Persistent positivity and fluctuations of SARS-CoV-2 RNA in clinically-recovered COVID-19 patients. J Infect. 2020 doi: 10.1016/j.jinf.2020.06.024. , S0163-4453(20)30405-9. Epub ahead of print. PMID: 32574567. [CrossRef] [Google Scholar]

8. World Health Organization. Criteria for releasing COVID-19 patients from isolation. Scientific brief 2020.


Source:
Ann & Robert H. Lurie Children’s Hospital of Chicago

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.