La supplementazione di vitamina D due volte al giorno riduce i sintomi delle vertigini per chi soffre di BPPV

0
100

Secondo uno studio pubblicato nel numero online di Neurology del 5 agosto 2020, assumere vitamina D e calcio due volte al giorno può ridurre le possibilità di contrarre nuovamente le vertigini  .

“Il nostro studio suggerisce che per le persone con vertigine posizionale parossistica benigna, assumere un integratore di vitamina D e calcio è un modo semplice ed a basso rischio per prevenire il ripetersi delle vertigini”, ha detto Ji-Soo Kim, MD, Ph.D., di Seoul National University College of Medicine in Corea.

“È particolarmente efficace se si hanno bassi livelli di vitamina D per cominciare.”

La vertigine posizionale parossistica benigna si verifica quando un cambiamento nella posizione della testa ti dà un’improvvisa sensazione di giramento.

È uno dei tipi più comuni di vertigini.

Il trattamento include un medico che esegue una serie di movimenti della testa che spostano le particelle nelle orecchie che causano le vertigini, ma la condizione tende a ripresentarsi frequentemente.

Circa l’86% delle persone con questa forma di vertigine scopre che interrompe la loro vita quotidiana o fa perdere giorni al lavoro.

Lo studio ha esaminato 957 persone in Corea con vertigine parossistica posizionale benigna che sono state trattate con successo con i movimenti della testa.

I partecipanti sono stati separati in due gruppi, intervento e osservazione.

Alle 445 persone nel gruppo di intervento sono stati rilevati i livelli di vitamina D all’inizio dello studio. Le 348 persone con livelli di vitamina D inferiori a 20 nanogrammi per millilitro (ng / mL) hanno iniziato con integratori con 400 unità internazionali di vitamina D e 500 milligrammi di calcio due volte al giorno, mentre quelle con livelli di vitamina D uguali o superiori a 20 ng / ml non sono stati dati integratori.

Le 512 persone nel gruppo di osservazione non hanno monitorato i livelli di vitamina D e non hanno ricevuto integratori.

Quelli nel gruppo di intervento che hanno assunto gli integratori hanno avuto un tasso di recidiva inferiore per episodi di vertigini dopo una media di un anno rispetto a quelli del gruppo di osservazione.

Le persone che assumevano integratori avevano un tasso di recidiva medio di 0,83 volte per persona-anno, rispetto a 1,10 volte per persona-anno per quelli nel gruppo di osservazione, o una riduzione del 24% del tasso di recidiva annuale.

Sembrava esserci un beneficio maggiore per coloro che erano più carenti di vitamina D all’inizio dello studio.

Coloro che hanno iniziato con livelli di vitamina D inferiori a 10 ng / ml hanno visto una riduzione del 45% del tasso di recidiva annuale, mentre quelli che hanno iniziato con livelli di vitamina D da 10 a 20 ng / ml hanno visto solo una riduzione del 14%.

Un totale del 38% delle persone nel gruppo interventistico ha avuto un altro episodio di vertigini, rispetto al 47% di quelle nel gruppo di osservazione.

“I nostri risultati sono entusiasmanti perché finora, andare dal medico per fargli eseguire i movimenti della testa è stato il modo principale in cui trattiamo la vertigine posizionale parossistica benigna”, ha detto Kim.

“Il nostro studio suggerisce che un trattamento poco costoso e a basso rischio come la vitamina D e le compresse di calcio può essere efficace nel prevenire questo disturbo comune e comunemente ricorrente”.

Una limitazione dello studio è che un gran numero di partecipanti non ha completato l’intero studio, con più persone assegnate a prendere gli integratori che abbandonano lo studio rispetto al gruppo di osservazione.


La vertigine parossistica posizionale benigna (VPPB) è il disturbo neuro-otologico più comune [1]. Oggi è accettato che sia causato da otoconia staccata, che cade dalla macula utricolare e galleggia nei canali semicricolari rendendoli così sensibili alla gravità [2].

I cristalli di Otoconia hanno nuclei centrali distinti e zone periferiche (per la revisione vedere [3]). Il nucleo è prevalentemente organico con un livello inferiore di Ca2 +, e la periferia è in gran parte inorganica con un livello più alto di Ca2 + [4].

Il nucleo, la periferia e la superficie esterna dei cristalli hanno tutti materiale fibroso interconnesso con vari diametri e organizzazione. Il principale componente minerale inorganico è quasi esclusivamente un polimorfo di carbonato di calcio (CaCO3).

La componente organica è solitamente una glicoproteina predominante. I cristalli di Otoconia sono parzialmente incorporati in una matrice membranosa / fibrosa e sono legati da filamenti proteici al cinocilio delle cellule ciliate sottostanti.

La formazione di otoconia circondata da endolinfa a basso contenuto di calcio è un processo attivo completamente controllato [3].

È stato dimostrato che le persone anziane possono soffrire di BPPV cronica non riconosciuta. Nel 2000 è stato pubblicato uno studio trasversale ampiamente citato, che ha determinato la prevalenza di vertigine parossistica posizionale benigna non riconosciuta (BPPV) in una popolazione geriatrica del centro città [5].

Il capogiro è stato riscontrato nel 61% dei pazienti. È stato riscontrato che il nove percento aveva BPPV non riconosciuto. I pazienti con BPPV non riconosciuto avevano maggiori probabilità di avere attività ridotte dei punteggi della vita quotidiana, di aver subito un calo nei 3 mesi precedenti e di soffrire di depressione.

Questi dati hanno indicato che la BPPV non riconosciuta è comune nella popolazione anziana e ha una morbilità associata.

A parte la BPPV classica con nistagmo, la BPPV cronica soggettiva senza nistagmo può anche essere comune, recentemente è stato suggerito un meccanismo per questo [6].

Osteoporosi e BPPV

Già nel 2003 Vibert et al suggerirono una connessione tra BPPV, osteoporosi e osteopenia [7].

Da allora un altro gruppo indipendente ha anche dimostrato che il metabolismo osseo ha una connessione con BPPV [8]. Recenti studi nel laboratorio del Dr. Lundberg mostrano caratteristiche comuni tra la biomineralizzazione ossea e otoconia.

Ad esempio, l’organizzazione della matrice è simile tra i due tessuti e la maggior parte dei costituenti proteici sono presenti in entrambi i tessuti.

Simile a quella di ossa e denti, la biomineralizzazione in otoconia implica una stretta regolazione della formazione di una matrice organica in siti specifici e la deposizione di cristalliti minerali in modo ordinato [9-11, Lundberg, dati non pubblicati].

Negli esperimenti sugli animali è stato dimostrato che questo processo è disfunzionale nell’osteoporosi [12]. Anche un effetto terapeutico benefico potrebbe essere osservato tra BPPV e osteoporosi quando trattate con bifosfonati nelle donne [13].

Osteoporosi e vitamina D

L’effetto della vitamina D sull’osteoporosi è stato stabilito in letteratura (per la revisione vedi [14]). Il calcio e la vitamina D svolgono un ruolo importante nel migliorare la densità minerale ossea e ridurre il rischio di fratture [15].

È anche noto che l’integrazione di vitamina D riduce i rischi di cadute e fratture negli anziani [16]. Secondo questi autori ciò potrebbe essere dovuto all’effetto della vitamina D migliorando la funzione neuromuscolare.

Conseguenze dell’ipotesi e della discussione

Abbiamo scoperto che i nostri pazienti con BPPV idiopatica avevano livelli sierici medi di vitamina D bassi (23 ng / mL). Questo è simile a quello della popolazione generale austriaca (in media 20,9 mg / ml [20]), che ha un’alta prevalenza di ipovitaminosi da vitamina D.

Abbiamo identificato 4 pazienti che avevano avuto episodi ricorrenti di BPPV per un periodo più lungo prima dell’esame con una frequenza di 4-6 recidive / anno per diversi anni.

Questi pazienti come sottogruppo avevano un livello sierico medio significativamente più basso di 25 (OH) D rispetto ai pazienti nel sottogruppo in cui con un primo episodio.

Dopo essere stati integrati con vitamina D, i pazienti con BPPV non hanno avuto recidive nel periodo di follow-up di almeno 8 mesi.

Sebbene alcuni casi di BPPV siano benigni, la maggior parte dei casi si ripresenta. In un recente studio il tasso di recidiva di BPPV era del 27% e la ricaduta si è verificata in gran parte nei primi 6 mesi ([21]).

Al momento, il tasso di recidiva generalmente accettato di BPPV dopo un trattamento di successo è del 40-50% a 5 anni di follow-up medio.

Un sottoinsieme di individui sembra incline a recidive multiple [21, 22]. Nel nostro studio in 4 casi con episodi di BPPV grave cronicamente ricorrenti, è stato possibile misurare bassi livelli di 25 (OH) D sierico e, BPPV non si è ripresentato dopo l’integrazione con vitamina D.

Questi risultati preliminari mostrano che un’ipotesi che colleghi vitamina D e BPPV può essere valida. Sebbene al momento non possiamo escludere una coincidenza, dati i molteplici benefici della vitamina D, raccomandiamo l’integrazione nei casi di BPPV.

I cosiddetti effetti classici della vitamina D sono quelli sulla densità ossea, sulla qualità ossea e sulle prestazioni muscolari. In questo contesto, è elencato tra gli effetti classici che la caduta delle persone anziane è stata significativamente ridotta negli individui trattati con vitamina D rispetto a quelli che ricevevano calcio e placebo [23, 24].

Teoricamente potrebbe anche essere possibile che l’integrazione con vitamina D determini una diminuzione delle cadute diminuendo la frequenza di BPPV non riconosciuta. Anche se così non fosse, è facile vedere che forse una relazione sinergica può essere influenzata dalla correzione di livelli di vitamina D anormalmente bassi.

In letteratura è stata anche descritta la possibilità di numerosi altri effetti cosiddetti non classici (cardiovascolare, diabete mellito, cancro, sclerosi multipla, allergia, asma (vedi Review [19]).

Questi autori hanno anche classificato lo stato della vitamina D in base alla concentrazione misurata di 25 (OH) D: inferiore a 10 ng / mL: carente; tra 11 e 20: insufficiente; superiore a 20 ng / ml: ottimale.

Recentemente un panel internazionale ha raggiunto un accordo sulla necessità di integrazione di vitamina D in gruppi specifici di pazienti in queste aree cliniche e sulla necessità di valutare i loro livelli sierici di 25-idrossivitamina D (25 (OH) D) per un’assistenza clinica ottimale.

È stato raccomandato un intervallo target di almeno 30-40 ng / mL ([17]). Il meccanismo dell’effetto benefico della vitamina D può comportare un miglioramento della biomineralizzazione patologica dell’otoconia simile a quella delle ossa e dei denti.

Abbiamo deciso di pubblicare la nostra ipotesi per i seguenti motivi:

  • Secondo considerazioni teoriche l’esistenza di un legame tra disturbi otolitici e carenza di vitamina D è altamente probabile
  • Data la prevalenza della carenza di vitamina D e la semplicità della procedura (misurazione dei livelli di vitamina D e integrazione se necessario), la correzione consigliata deve essere eseguita comunque
  • La BPPV è così comune che, anche se l’integrazione di vitamina D inibisce le recidive solo in una piccola percentuale di casi, ciò significa un gran numero di casi con miglioramento

Suggeriamo ulteriori indagini epidemiologiche statistiche per determinare i livelli sierici medi di 25 (OH) D in pazienti con BPPV e l’effetto di correggere la carenza di vitamina D sulla recidiva di BPPV.

Anche fino a quando questi risultati non saranno disponibili, dati gli altri benefici noti della vitamina D, si consiglia la misurazione di 25 (OH) D e l’integrazione se necessario.

Un file esterno che contiene un'immagine, un'illustrazione, ecc. Il nome dell'oggetto è nihms478786f1.jpg
Figura 1
La nostra ipotesi stabilisce la connessione tra vitamina D e BPPV. Le frecce mostrano le connessioni finora stabilite in letteratura, il punto interrogativo designa la connessione ipotetica

Riferimenti

1. von Brevern M, Radtke A, Lezius F, et al. Epidemiology of benign paroxysmal positional vertigo: a population based study. J Neurol Neurosurg Psychiatry. 2007;78:710–715. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]

2. Parnes LS, Agrawal SK, Atlas J. Diagnosis and management of benign paroxysmal positional vertigo (BPPV) CMAJ. 2003;169:681–693. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]

3. Lundberg YW, Zhao X, Yamoah EN. Assembly of the otoconia complex to the macular sensory epithelium of the vestibule. Brain Res. 2006;1091:47–57. [PubMed] [Google Scholar]

4. Lins U, Farina M, Kurc M, et al. The otoconia of the guinea pig utricle: internal structure, surface exposure, and interactions with the filament matrix. J Struct Biol. 2000;131:67–78. [PubMed] [Google Scholar]

5. Oghalai JS, Manolidis S, Barth JL, Stewart MG, Jenkins HA. Unrecognized benign paroxysmal positional vertigo in elderly patients. Otolaryngol Head Neck Surg. 2000;122:630–634. [PubMed] [Google Scholar]

6. Buki B, Simon L, Garab S, Lundberg YW, Jünger H, Straumann D. Sitting-up vertigo and trunk retropulsion in patients with benign positional vertigo but without positional nystagmus. J Neurol Neurosurg Psychiatry. 2011;82:98–104. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]

7. Vibert D, Kompis M, Hausler R. Benign paroxysmal positional vertigo in older women may be related to osteoporosis and osteopenia. Ann Otol Rhinol Laryngol. 2003;112:885–889. [PubMed] [Google Scholar]

8. Jeong SH, Choi SH, Kim JY, Koo JW, Kim HJ, Kim JS. Osteopenia and osteoporosis in idiopathic benign positional vertigo. Neurology. 2009;72:1069–1076. [PubMed] [Google Scholar]

9. Zhao X, Yang H, Yamoah EN, Lundberg YW. Gene targeting reveals the role of Oc90 as the essential organizer of the otoconial organic matrix. Dev Biol. 2007;304:508–524. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]

10. Xu Y, Zhang H, Yang H, Zhao X, Lovas S, Lundberg YW. Expression, functional, and structural analysis of proteins critical for otoconia development. Dev Dyn. 2010;239:2659–2673. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]

11. Yang H, Zhao X, Xu Y, Wang L, He Q, Lundberg YW. Matrix recruitment and calcium sequestration for spatial specific otoconia development. PLoS One. 2011;6:e20498. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]

12. Vibert D, Sans A, Kompis M, et al. Ultrastructural changes in otoconia of osteoporotic rats. Audiol Neurootol. 2008;13:293–301. [PubMed] [Google Scholar]

13. Mikulec AA, Kowalczyk KA, Pfitzinger ME, Harris DA, Jackson LE. Negative association between treated osteoporosis and benign paroxysmal positional vertigo in women. J Laryngol Otol. 2010;124:374–376. [PubMed] [Google Scholar]

14. Lips P, van Schoor NM. The effect of vitamin D on bone and osteoporosis. Best Pract Res Clin Endocrinol Metab. 2011;25:585–591. [PubMed] [Google Scholar]

15. Ahmadieh H, Arabi A. Vitamins and bone health: beyond calcium and vitamin D. Nutr Rev. 2011;69:584–598. [PubMed] [Google Scholar]

16. Dhesi JK, Jackson SH, Bearne LM, et al. Vitamin D supplementation improves neuromuscular function in older people who fall. Age Ageing. 2004;33:589–595. [PubMed] [Google Scholar]

17. Souberbielle JC, Body JJ, Lappe JM, et al. Vitamin D and musculoskeletal health, cardiovascular disease, autoimmunity and cancer: Recommendations for clinical practice. Autoimmun Rev. 2010;9:709–715. [PubMed] [Google Scholar]

18. Epley JM. Canalith repositioning maneuver. Otolaryngol Head Neck Surg. 1994;111:688–690. [PubMed] [Google Scholar]

19. Thacher TD, Clarke BL. Vitamin D insufficiency. Mayo Clin Proc. 2011;86:50–60. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]

20. Kudlacek S, Schneider B, Peterlik M, et al. Assessment of vitamin D and calcium status in healthy adult Austrians. Eur J Clin Invest. 2003;33:323–331. [PubMed] [Google Scholar]

21. Perez P, Franco V, Cuesta P, Aldama P, Alvarez MJ, Méndez JC. Recurrence of benign paroxysmal positional vertigo. Otol Neurotol. 2012;33:437–443. [PubMed] [Google Scholar]

22. Fife TD. Benign paroxysmal positional vertigo. Semin Neurol. 2009;29:500–508. [PubMed] [Google Scholar]

23. Bischoff-Ferrari HA, Dawson-Hughes B, Staehelin HB, et al. Fall prevention with supplemental and active forms of vitamin D: a meta-analysis of randomised controlled trials. BMJ. 2009;339:b3692. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]

24. Annweiler C, Montero-Odasso M, Schott AM, Berrut G, Fantino B, Beauchet O. Fall prevention and vitamin D in the elderly: an overview of the key role of the non-bone effects. J Neuroeng Rehabil. 2010;7:50–63. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]


Source:
AAN

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.