COVID-19: nuovo vaccino nasale previene l’infezione sia nel tratto respiratorio superiore che in quello inferiore

0
241

Gli scienziati della Washington University School of Medicine di St.Louis hanno sviluppato un vaccino che prende di mira il virus SARS-CoV-2 e può essere somministrato in una dose per via nasale ed è efficace nel prevenire l’infezione nei topi sensibili al nuovo coronavirus.

I ricercatori hanno in programma di testare il vaccino su primati non umani e sull’uomo per vedere se è sicuro ed efficace nel prevenire l’ infezione da COVID-19.

Lo studio è disponibile online sulla rivista Cell.

A differenza di altri vaccini COVID-19 in fase di sviluppo, questo viene somministrato attraverso il naso, spesso il sito iniziale di infezione.

Nel nuovo studio, i ricercatori hanno scoperto che la via di somministrazione nasale creava una forte risposta immunitaria in tutto il corpo, ma era particolarmente efficace nel naso e nel tratto respiratorio, impedendo che l’infezione prendesse piede nel corpo.

“Siamo rimasti felicemente sorpresi di vedere una forte risposta immunitaria nelle cellule del rivestimento interno del naso e delle vie aeree superiori – e una profonda protezione dall’infezione da questo virus”, ha detto l’autore senior Michael S. Diamond, MD, Ph.D. , il professore di medicina Herbert S. Gasser e professore di microbiologia molecolare, patologia e immunologia.

“Questi topi erano ben protetti dalle malattie. E in alcuni dei topi, abbiamo visto prove di immunità sterilizzante, dove non vi è alcun segno di infezione di sorta dopo che il topo è stato contagiato dal virus “.

Per sviluppare il vaccino, i ricercatori hanno inserito la proteina spike del virus, che il coronavirus utilizza per invadere le cellule, all’interno di un altro virus – chiamato adenovirus – che causa il comune raffreddore. Ma gli scienziati hanno modificato l’adenovirus, rendendolo incapace di causare malattie.

L’innocuo adenovirus trasporta la proteina spike nel naso, consentendo al corpo di montare una difesa immunitaria contro il virus SARS-CoV-2 senza ammalarsi. In un’altra innovazione oltre alla somministrazione nasale, il nuovo vaccino incorpora due mutazioni nella proteina spike che la stabilizzano in una forma specifica che è più favorevole alla formazione di anticorpi contro di essa.

“Gli adenovirus sono la base per molti vaccini sperimentali per COVID-19 e altre malattie infettive, come il virus Ebola e la tubercolosi, e hanno buoni dati di sicurezza ed efficacia, ma non sono state fatte molte ricerche sulla somministrazione nasale di questi vaccini”, ha detto co-autore senior David T. Curiel, MD, Ph.D., Distinguished Professor of Radiation Oncology.

“Tutti gli altri vaccini contro l’adenovirus in fase di sviluppo per COVID-19 vengono somministrati mediante iniezione nel muscolo del braccio o della coscia. Il naso è un percorso nuovo, quindi i nostri risultati sono sorprendenti e promettenti.

È anche importante che una singola dose produca una risposta immunitaria così robusta. I vaccini che richiedono due dosi per una protezione completa sono meno efficaci perché alcune persone, per vari motivi, non ricevono mai la seconda dose “.

Sebbene esista un vaccino antinfluenzale chiamato FluMist che viene somministrato attraverso il naso, utilizza una forma indebolita del virus influenzale vivo e non può essere somministrato a determinati gruppi, compresi quelli il cui sistema immunitario è compromesso da malattie come cancro, HIV e diabete.

Al contrario, il nuovo vaccino intranasale COVID-19 in questo studio non utilizza un virus vivo in grado di riprodursi, presumibilmente rendendolo più sicuro.

I ricercatori hanno confrontato questo vaccino somministrato ai topi in due modi: nel naso e tramite iniezione intramuscolare. Mentre l’iniezione ha indotto una risposta immunitaria che ha prevenuto la polmonite, non ha prevenuto l’infezione nel naso e nei polmoni.

Un tale vaccino potrebbe ridurre la gravità del COVID-19, ma non bloccherebbe completamente l’infezione né impedirebbe agli individui infetti di diffondere il virus. Al contrario, la via di somministrazione nasale ha impedito l’infezione sia nel tratto respiratorio superiore che in quello inferiore – naso e polmoni – suggerendo che gli individui vaccinati non avrebbero diffuso il virus o sviluppato infezioni in altre parti del corpo.

I ricercatori hanno affermato che lo studio è promettente, ma hanno avvertito che il vaccino finora è stato studiato solo sui topi.

“Presto inizieremo uno studio per testare questo vaccino intranasale nei primati non umani con un piano per passare agli studi clinici sull’uomo il più rapidamente possibile”, ha detto Diamond.

“Siamo ottimisti, ma è necessario continuare a seguire le procedure di valutazione adeguate. In questi modelli murini, il vaccino è altamente protettivo. Non vediamo l’ora di iniziare il prossimo ciclo di studi e, infine, di testarlo sulle persone per vedere se siamo in grado di indurre il tipo di immunità protettiva che riteniamo non solo prevenga l’infezione, ma frena anche la trasmissione pandemica di questo virus “.


Strategie di vaccinazione
Molti sforzi sono stati diretti verso lo sviluppo di vaccini contro il COVID-19, per scongiurare la pandemia e la maggior parte dei candidati vaccini in via di sviluppo ha utilizzato la proteina S di SARS-CoV-2 (Dhama et al., 2020 ). A partire dal 2 luglio 2020, il panorama mondiale del vaccino SARS-CoV-2 comprende 158 vaccini candidati, di cui 135 sono nella fase preclinica o esplorativa del loro sviluppo.

Attualmente, mRNA-1273 (Moderna), Ad5-nCoV (CanSino Biologicals), INO-4800 (Inovio, Inc.), LV-SMENP-DC e aAPC specifico per i patogeni (ShinzenGeno-Immune Medical Institute) e ChAdOx1 (Università of Oxford) sono entrati negli studi clinici di fase I / II (WHO, 2020).

I vaccini che si trovano nel condotto sono basati su virus inattivati ​​o vivi attenuati, subunità proteica, particelle simili a virus (VLP), vettori virali (replicanti e non replicanti), DNA, RNA, nanoparticelle, ecc. (Ning et al., 2020).

Per migliorare l’immunogenicità, varie tecnologie adiuvanti come AS03 (GSK), MF-59 (Novartis), CpG 1018 (Dynavax), ecc. Sono ora accessibili ai ricercatori per lo sviluppo del vaccino (Le et al., 2020). L’approccio immuno-informatico viene utilizzato anche per l’identificazione degli epitopi per i candidati vaccini SARS-CoV-2.

Può essere utilizzato per identificare i significativi epitopi citotossici delle cellule T e delle cellule B nella proteina S virale (Baruah e Bose, 2020) Fig.1 Tabella 1.

Fig. 1
Fig.1
Grafico a torta che mostra le diverse categorie di vaccini SARS-CoV-2 oggetto di ricerca (Anon, 2020c)

Tabella 1 – Schema delle piattaforme di produzione di vaccini per SARS-CoV-2 e loro vantaggi e limiti

S.no.Piattaforma del vaccinoVantaggiLimitazioni
1Vaccino attenuato dal vivo (LAV) / l’intero virus• Ha la capacità intrinseca di stimolare il sistema immunitario inducendo i recettori toll-like (TLR) e cioè: TLR 3, TLR 7/8 e TLR 9 del sistema immunitario innato che coinvolge le cellule B, le cellule T CD4 e CD8. • Può essere derivato da ceppi virali “adattati al freddo”, riassortanti e genetica inversa.• LAV richiede un ampio test accessorio per stabilire sicurezza ed efficacia • Esiste una probabilità di sostituzione dei nucleotidi durante la replicazione virale, con conseguente creazione di ricombinanti post-vaccinazione.
2Vaccino virale inattivato• Stabile e più sicuro rispetto ai LAV. • Ha la tecnologia e le infrastrutture preesistenti necessarie per il suo sviluppo. • È già stato testato per SARS-CoV e varie altre malattie. • Può essere utilizzato insieme ad adiuvanti per aumentare la loro immunogenicità.• Richiedono i colpi di richiamo per mantenere l’immunità • Inoltre, è necessario gestire grandi quantità di virus e mantenere l’integrità delle particelle immunogeniche.
3Vaccino di sottounità• Non ha alcun componente vivo della particella virale • Quindi, è sicuro con meno effetti collaterali.• Indurre una risposta immunitaria • La memoria per le risposte future è dubbia.
4Vaccino virale basato su vettori• Mostra un rilascio genico altamente specifico nella cellula ospite con una risposta immunitaria vigorosa • Evita la manipolazione di qualsiasi particella infettiva ed è stato ampiamente utilizzato per MERS-CoV con risultati positivi dalle prove.• L’ospite può possedere immunità contro il vettore a causa della precedente esposizione, riducendone l’efficacia • Può portare al cancro a causa dell’integrazione del genoma virale nel genoma dell’ospite.
5DNA Vaccines• Il DNA sintetico è stabile alla temperatura e privo di catena del freddo • Può essere sviluppato a un ritmo accelerato • Non richiede la manipolazione della particella virale infettiva.• Sebbene susciti sia l’immunità citotossica che quella umorale, i titoli rimangono bassi • L’inserimento di DNA estraneo nel genoma dell’ospite può causare anomalie nella cellula • Può indurre la produzione di anticorpi contro se stesso.
6Vaccini a RNA• La traduzione dell’mRNA avviene nel citosol della cellula ospite scongiurando il rischio di qualsiasi tipo di integrazione nel genoma dell’ospite.• Problemi di sicurezza con reattogenicità segnalati per vari vaccini a base di RNA • Mostra anche instabilità.

Vaccino di subunità proteiche

Un vaccino a subunità è quello basato sui peptidi sintetici o proteine ​​antigeniche ricombinanti, necessarie per rinvigorire la risposta immunitaria protettiva e / o terapeutica di lunga durata (Ning et al., 2020).

Il vaccino della subunità, tuttavia, mostra una bassa immunogenicità e richiede il supporto ausiliario di un adiuvante per potenziare le risposte immunitarie indotte dal vaccino.

Un adiuvante può aumentare l’emivita biologica del materiale antigenico o può migliorare la risposta immunomodulante delle citochine. L’aggiunta di un adiuvante, quindi, aiuta a superare le carenze dei vaccini delle subunità proteiche (Cao et al., 2018).

La proteina S del SARS-CoV-2 è l’antigene più adatto per indurre gli anticorpi neutralizzanti contro il patogeno. La proteina S è composta da due subunità. La subunità S1 ha i domini NTD, RBD e RBM mentre la subunità S2 comprende FP, HR 1 e 2 (Ou et al., 2020).

Il virus entra nella cellula tramite endocitosi utilizzando il legame mediato dalla proteina S al recettore hACE2. Pertanto, la proteina S ei suoi frammenti antigenici sono i bersagli principali per l’istituzione del vaccino della subunità (Ning et al., 2020).

La glicoproteina S è una proteina dinamica, che possiede due stati conformazionali, ovvero lo stato di pre-fusione e quello di post-fusione. Pertanto, l’antigene deve mantenere la sua chimica di superficie e il profilo della proteina spike di pre-fusione originale per preservare gli epitopi per innescare risposte anticorpali di buona qualità (Graham, 2020). Inoltre, i mezzi per mirare all’RBM mascherato come antigene aumenteranno la risposta anticorpale neutralizzante e miglioreranno l’efficacia complessiva del vaccino.

NVX-CoV2373 (Novavax, Inc. | Emergent BioSolutions)
NVX-CoV2373 è un vaccino immunogenico basato su nanoparticelle che si basa sull’espressione ricombinante della pre-fusione stabile, coronavirus S-Protein (Coleman et al., 2020). La proteina è stata stabilmente espressa nel sistema Baculovirus (Tu et al., 2020).

L’azienda prevede di utilizzare l’adiuvante Matrix-M per migliorare la risposta immunitaria contro la proteina spike SARS-CoV-2 mediante l’induzione di alti livelli di anticorpi neutralizzanti. Nei modelli animali, una singola immunizzazione ha prodotto un alto livello di anticorpi anti-spike proteici che hanno bloccato l’attività del dominio di legame del recettore hACE2 e potrebbero suscitare anticorpi di neutralizzazione del virus di tipo selvaggio SARS-CoV-2 (Novavax covid 19 vaccine trial, 2020) .

Candidato vaccino proteico a punta stabilizzata con morsetto molecolare
È in fase di sviluppo presso l’Università del Queensland in collaborazione con GSK e Dynavax. L’Università avrà accesso alla tecnologia della piattaforma adiuvante del vaccino (sistema adiuvante AS03), che si ritiene rafforzi la risposta al vaccino e riduca al minimo la quantità di vaccino richiesta per dose (Lee, 2020).

L’Università sta sviluppando un vaccino di subunità proteico virale ricombinante pre-fusione stabilizzato basato sulla tecnologia Molecular Clamp. È stato dimostrato che questa tecnologia induce la produzione di anticorpi neutralizzanti (Tu et al., 2020)

PittCoVacc (University of Pittsburgh)
È un vaccino ricombinante SARS-CoV-2 basato su Micro-Needle Array (MNA) che prevede la somministrazione di rSARS-CoV-2 S1 e rSARS-CoV-2-S1fRS09 (immunogeni ricombinanti). Un aumento sostanziale degli anticorpi antigene specifici con significatività statistica è stato osservato negli studi pre-clinici alla fine di due settimane nei modelli di topo.

Inoltre, l’immunogenicità del vaccino è stata mantenuta dopo la sterilizzazione mediante radiazioni gamma. I titoli statisticamente significativi degli anticorpi nelle fasi iniziali e anche prima del potenziamento, supportano la fattibilità del vaccino MNA-SARS-CoV-2 (Kim et al., 2020).

Vaccino triplo antigene (Premas Biotech, India)

Si tratta di un prototipo di vaccino multi-antigenico VLP in cui il picco, la membrana e la proteina dell’involucro ricombinante di SARS-CoV-2 sono stati co-espressi in una piattaforma di espressione Saccharomyces cerevisiae (D-Crypt ™) ingegnerizzata. Le proteine ​​poi subiscono l’autoassemblaggio come VLP.

Il TEM e i dati analitici alleati hanno fornito simultaneamente la caratterizzazione biofisica del VLP. Questo prototipo ha il potenziale per entrare nelle sperimentazioni precliniche come candidato vaccino dopo ulteriori ricerche e sviluppo. Inoltre, si ritiene che sia sicuro e facile da produrre su larga scala, in modo conveniente (Arora e Rastogi, 2020).

Vaccini virali vettoriali

Un vaccino a base di vettori virali è la soluzione profilattica contro un patogeno, che agisce stimolando la risposta immunitaria umorale. Questi vaccini sono altamente specifici nel fornire i geni alle cellule bersaglio, altamente efficienti nella trasduzione genica e inducono efficacemente la risposta immunitaria, aumentando così l’immunità (Ura et al., 2014).

Offrono un lungo termine e un alto livello di espressione di proteine ​​antigeniche e quindi hanno un grande potenziale per l’uso profilattico poiché questi vaccini attivano e innescano le cellule T citotossiche (CTL) che alla fine porta all’eliminazione delle cellule infettate dal virus (Le et al., 2020).

Ad5-nCoV (CanSino Biologics Inc | Beijing Institute of Biotechnology)

È un vettore di adenovirus tipo 5 (Ad5) ricombinante con difetto di replicazione che esprime la proteina spike ricombinante di SARS-CoV-2. È stato preparato clonando un gene a lunghezza intera ottimizzato della proteina S insieme al gene del peptide segnale dell’attivatore del plasminogeno nel vettore Ad5 privo di geni E1 ed E3.

Il vaccino è stato costruito utilizzando il sistema Admax del Microbix Biosystem (Zhu et al., 2020). Gli studi clinici di fase I hanno stabilito una risposta anticorpale positiva o sieroconversione. Un aumento di quattro volte degli anticorpi neutralizzanti RBD e S proteina-specifica è stato notato entro 14 giorni dall’immunizzazione e ha raggiunto il picco al giorno 28, dopo la vaccinazione.

Inoltre, la risposta delle cellule T CD4 + e delle cellule T CD8 + ha raggiunto il picco al giorno 14 dopo la vaccinazione. Tuttavia, l’immunità anti-Ad5 preesistente limitava in parte sia la risposta anticorpale che quella delle cellule T (Zhu et al., 2020).

Lo studio valuterà ulteriormente la risposta anticorpale nei riceventi di età compresa tra 18 e 60 anni, che hanno ricevuto una delle tre dosi dello studio, con un follow-up a 3 e 6 mesi dopo la vaccinazione (Anon, 2020d).

Coroflu (University of Wisconsin-Madison | FluGen | Bharat Biotech)
M2SR, una versione autolimitante del virus dell’influenza, che viene modificata dall’inserimento della sequenza genica SARS-CoV-2 della proteina spike. Inoltre, il vaccino esprime la proteina emoagglutinina del virus dell’influenza, inducendo così una risposta immunitaria contro entrambi i virus.

Il M2SR è autolimitante e non subisce replicazione poiché manca del gene M2. È in grado di entrare nella cellula, inducendo così l’immunità contro il virus. Deve essere somministrato per via intra-nasale, imitando la via naturale dell’infezione virale. Questa via attiva diverse modalità del sistema immunitario e ha una maggiore immunogenicità rispetto alle iniezioni intramuscolari (Anon, 2020e).

LV-SMENP-DC (Shenzhen Geno-Immune Medical Institute)
Il vaccino LV-SMENP-DC viene preparato ingegnerizzando le cellule dendritiche (DC) con il vettore lentivirale che esprime i domini conservati delle proteine ​​strutturali SARS-CoV-2 e la proteasi utilizzando le minigene SMENP. L’inoculazione sottocutanea del vaccino presenta gli antigeni sulle cellule presentanti l’antigene (APC), che alla fine attivano le cellule T citotossiche e generano la risposta immunitaria (Le et al., 2020).

Il vaccino adenovirus ricombinante ChAdOx1 (Università di Oxford) ChAdOx1 è stato sviluppato mediante l’ottimizzazione del codone della glicoproteina S per la sua espressione nelle linee cellulari umane e sintetizzato con la sequenza leader dell’attivatore del plasminogeno tissutale (tPA) all’estremità 5 ‘. La sequenza della codifica SARS-CoV-2 per gli amminoacidi (da 2 a 1273) e il leader tPA è stata propagata nel plasmide navetta.

Questo plasmide navetta è responsabile della codifica dei principali geni precoci immediati del citomegalovirus umano (IE CMV) insieme ai siti dell’operatore della tetraciclina (TetO) e al segnale di poliadenilazione dall’ormone della crescita bovina (BGH) tra il sito di clonazione di ricombinazione Gateway®.

Il genoma del vettore dell’adenovirus è costruito nel cromosoma artificiale batterico inserendo il gene SARS-CoV-2 S nel locus E1 del genoma dell’adenovirus ChAdOx1. Il virus è stato quindi consentito di riprodursi nelle linee cellulari T-Rex 293 HEK (Human Embryonic Kidney 293) e purificato mediante ultracentrifugazione a gradiente CsCl.

L’assenza di qualsiasi RNA sub-genomico (sgRNA) negli animali vaccinati intramuscolari dagli studi preclinici è indicativa dell’escalation dell’immunità contro il virus (Doremalen et al., 2020). Gli studi precedenti hanno suggerito che un singolo colpo dovrebbe marcare la risposta immunitaria (Ou et al., 2020).

Il vaccino è entrato negli studi clinici di fase II, in cui il vaccino deve essere somministrato a un ampio campione della popolazione (Anon, 2020f).

mRNA Vaccine
mRNA è una piattaforma emergente, non infettiva e non integrativa con quasi nessun rischio potenziale di mutagenesi inserzionale. Attualmente, sono allo studio l’RNA non replicante e gli RNA autoreplicanti derivati ​​dal virus.

L’immunogenicità dell’mRNA può essere ridotta al minimo e possono essere apportate modifiche per aumentare la stabilità di questi vaccini.

Inoltre, l’immunità anti-vettore viene anche evitata poiché l’mRNA è il vettore genetico minimamente immunogenico, che consente la somministrazione ripetuta del vaccino (Cuiling et al., 2020).

Questa piattaforma ha potenziato il programma di sviluppo rapido del vaccino grazie alla sua flessibilità e capacità di imitare la struttura e l’espressione dell’antigene come si è visto nel corso di un’infezione naturale (Mulligan e Lyke, 2020).

mRNA-1273 (Moderna TX, Inc)
È un vaccino composto da mRNA sintetico incapsulato in nanoparticelle lipidiche (LNP) che codifica per la proteina spike stabilizzata pre-fusione a tutta lunghezza di SARS-CoV-2.

Ha il potenziale per suscitare una risposta antivirale altamente specifica per la proteina S.

Inoltre, è considerato relativamente sicuro in quanto non è costituito né dall’agente patogeno inattivato né dalle sottounità dell’agente patogeno vivo (Tu et al., 2020). Il vaccino ha ottenuto un’approvazione rapida da parte della FDA per condurre gli studi di Fase II (Anon, 2020g).

L’azienda ha rilasciato i dati sugli anticorpi di fase I ad interim di otto partecipanti che hanno ricevuto vari livelli di dose.

I partecipanti del braccio da 25 µg hanno fornito risultati paragonabili ai sieri di convalescenza. Considerando che, nei partecipanti che hanno ricevuto la dose di 100 µg, i livelli di nAb hanno sostanzialmente superato i livelli trovati nei sieri di convalescenza.

Il vaccino è risultato essere prevalentemente sicuro e ben tollerato nelle coorti di dosaggio da 25 µg e 100 µg, mentre tre partecipanti hanno manifestato sintomi sistemici di grado 3 dopo la somministrazione della seconda dose di livelli di dose di 250 µg (Anon, 2020h).

BNT162b1 (BioNTech | FosunPharma | Pfizer)
BNT162b1 è un vaccino mRNA ottimizzato per codoni che codifica per il SARS-CoV-2 RBD trimerizzato, un bersaglio critico del virus nAb. Il vaccino mostra un’aumentata immunogenicità dovuta all’aggiunta del dominio di trimerizzazione del foldon derivato dalla fibritina T4 all’antigene RBD.

L’mRNA è incapsulato in nanoparticelle lipidiche cationiche ionizzabili a 80 nm, che ne garantiscono la consegna efficiente. Gli studi clinici di fase 1/2 hanno rivelato livelli elevati di anticorpi IgG specifici per RBD con una concentrazione media geometrica da 8 a 46,3 volte i sieri del siero di convalescenza. Considerando che, i titoli medi geometrici degli anticorpi neutralizzanti SARS-CoV-2 sono risultati da 1,8 a 2,8 volte il pannello di siero di convalescenza.

Reazioni locali moderate e transitorie ed eventi sistemici sono stati osservati senza effetti avversi. Tuttavia, l’analisi dei dati non ha valutato la sicurezza e le risposte immunitarie oltre 2 settimane dopo la somministrazione della seconda dose (Mulligan e Lyke, 2020).

Vaccini a DNA
L’approccio più rivoluzionario alla vaccinazione è l’introduzione del vaccino a DNA che codifica per l’antigene e un adiuvante che induce la risposta immunitaria adattativa.

Le cellule trasfettate esprimono il transgene che fornisce un rifornimento costante delle proteine ​​specifiche del transgene che è abbastanza simile al virus vivo.

Inoltre, il materiale antigenico viene endocitato dalle cellule dendritiche immature che alla fine presentano l’antigene alle cellule T CD4 + e CD8 + in associazione con gli antigeni MHC 2 e MHC 1 sulla superficie cellulare, stimolando quindi risposte immunitarie umorali efficaci e cellulo-mediate (Hobernik e Bros, 2018).

INO-4800 (Inovio Pharmaceuticals)
È un vaccino a DNA profilattico contro SARS-CoV-2 (Anon, 2020i). Utilizza la sequenza della proteina S ottimizzata per il codone di SARS-CoV-2 a cui è fissata una sequenza leader di IgE. La sequenza di spike di IgE SARS-CoV-2 è stata sintetizzata e digerita utilizzando BamHI e XhoI.

Il DNA digerito è stato incorporato nel plasmide di espressione pGX0001 sotto il controllo di IE CMV e del segnale di poliadenilazione BGH. La presenza di anticorpi funzionali e la risposta delle cellule T negli studi preclinici suggeriscono che il vaccino può produrre una risposta immunitaria efficace entro 7 giorni dalla vaccinazione (Smith et al., 2020).

Il vaccino è entrato negli studi clinici di Fase I (Fase I: NCT04336410) e si stima che completerà questa fase degli studi clinici entro luglio, in cui i partecipanti hanno ricevuto 1,0 mg di INO-4800 mediante elettroporazione utilizzando il dispositivo CELLECTRA® 2000 per visita di dosaggio. Lo studio valuterà il profilo immunologico, la sicurezza e la tollerabilità del candidato vaccino dopo l’iniezione intradermica e l’elettroporazione in adulti umani sani (Anon, 2020i).

Vaccini attenuati dal vivo

DelNS1-SARS-CoV2-RBD (Università di Hong Kong)
Questo LAV è un ceppo vaccinale a base di influenza con una delezione nel gene NS1. Viene riorganizzato per esprimere il dominio RBD della proteina spike SARS-CoV-2 sulla sua superficie e viene coltivato nell’embrione di pollo e / o nelle cellule MDCK (Madin Darby Canine Kidney Cells). È potenzialmente più immunogeno del virus dell’influenza di tipo selvaggio e può essere somministrato come spray nasale (Anon, 2020j).

Altri

La rivelazione della struttura e del genoma del SARS-CoV-2 ha portato al rapido sviluppo di vari vaccini candidati con potenziale reattogenicità e immunogenicità. Il compito dello sviluppo del vaccino è lungo e macchinoso e richiede una valutazione in alcuni studi clinici di lunga durata.

Diverse iniziative biotecnologiche stanno utilizzando diverse tecnologie per lo sviluppo dei loro candidati vaccini; La British and American Tobacco Company (BAT) ha recentemente sviluppato il vaccino COVID-19 utilizzando la loro nuova tecnologia delle piante di tabacco in rapida crescita (Anon, 2020k), mentre l’Università di Tianjin ha sviluppato un vaccino orale che ha impiegato con successo Saccharomyces cerevisiae per trasportare l’S proteina. T

Lo stato GRAS (Generally Considered As Safe) del lievito fornisce un’elevata scalabilità, robustezza e una produzione conveniente dei dosaggi cosmici necessari per combattere questa pandemia (Zhai et al., 2020). Inoltre, studi in silico, utilizzando vari database come VaxiJen, hanno rivelato che le sequenze epitopiche WTAGAAAYY e YDPLQPEL possono essere impiegate per la formulazione di vaccini peptidici a base di epitopo (Garg et al., 2020).

Vaccino autoassemblante (HaloVax)

Il vaccino utilizza una proteina da shock termico (hsp) per attivare il sistema immunitario. È composto da una proteina di fusione inserita tra un hsp e Avidin. Peptidi immunogenici biotinilati sono anche incorporati per personalizzare il vaccino (Voltron Therapeutics, Inc., 2020) Tabella 2, Tabella 3.

Tavolo 2

Vaccini anti COVID-19 a rapida progressione. Questa tabella contiene solo le informazioni dei candidati vaccini in rapido sviluppo, l’elenco di tutti i candidati vaccini nella pipeline è accessibile da:  https://airtable.com/shrSAi6t5WFwqo3GM/tblEzPQS5fnc0FHYR/viweyymxOAtNvo7yH?blocks=bip

S.no.Tipo di vaccino / Piattaforma / Uso correlato / RifSviluppatoreFase di sperimentazione clinicaOsservazioni
Vaccini virali a vettori
1Vettore dell’adenovirus tipo 5 / Vaccino virale non replicante / Ebola / ( Anon, 2020A )CanSino Biological Inc./Beijing Institute of Bio-technologyFase 2 ChiCTR2000031781 Fase 1 ChiCTR2000030906
NCT:  NCT04313127
“Uno studio clinico di fase I / II randomizzato, in doppio cieco, controllato in parallelo con placebo per il nuovo vaccino inattivato contro la polmonite da coronavirus (cellule Vero)” ha stabilito una risposta anticorpale positiva o la sieroconversione insieme alla risposta delle cellule T CD4 + e CD8 +.
2Vaccino virale inattivato / Inattivato / – / ( Anon, 2020c )Istituto di prodotti biologici di Wuhan / SinopharmFase 1/2: ChiCTR2000031809I risultati delle prove sugli animali hanno suggerito che il vaccino protegge gli animali modello senza il potenziamento dipendente da anticorpi (ADE).
3Vaccino a cellule dendritiche minigene (DC) a base lentivirale e vaccino a cellule T (LV-SMENP-DC) / – / ( Anon, 2020l ;  Le et al., 2020 )Shenzhen Geno-Immune Medical InstituteFase 1:  NCT04276896Il vaccino LV-SMENP-DC è progettato alterando la DC con vettori di lentivirus per esprimere il “minigene SARS-CoV-2 SMENP e geni immunomodulatori”. LV-DC che presenta antigeni specifici per SARS-CoV-2 attiverà i CTL
4COVID-19 / aAPC: cellule presentanti l’antigene artificiale specifico del patogeno (aAPC) / – / ( Anon, 2020m )Shenzhen Geno-Immune Medical InstituteFase 1  NCT04299724Costruito attraverso modifiche del lentivirus includendo geni immunomodulatori insieme a minigeni virali e gli antigeni sono presentati su cellule presentanti l’antigene artificiale (aAPC).
5ChAdOx1/
Non-replicating viral vector/
MERS, influenza, TB, Chikungunya, Zika, MenB, plague/ (Anon, 2020fDoremalen et al., 2020)
Università di Oxford / AstraZenecaFase 3: ISRCTN89951424
Fase2b / 3:
NCT04324606
Uno studio multicentrico di fase I / II in singolo cieco, randomizzato, controllato con placebo è stato condotto per determinare l’efficacia, la sicurezza e l’immunogenicità di questo vaccino nel Regno Unito con volontari adulti sani di età compresa tra 18 e 55 anni. Sono in corso i follow-up post vaccinazione per i 1000 volontari. Nel frattempo portando il vaccino ai livelli più alti delle sperimentazioni cliniche.
6Inattivato (formaldeide inattivato + allume) / LAV / SARS / ( Anon, 2020n ;  Anon, 2020o )SinovacFase I / II:  NCT04352608
NCT04282574
Gli studi di fase I in doppio cieco, controllati con placebo, hanno mostrato che il tasso di sieroconversione di nAb raggiungeva il 90% in 143 adulti entro 14 giorni dall’immunizzazione.
7Gam-COVID-Vac basato su Adeno / Vettore virale non replicante / – / ( Anon, 2020p ;  Anon, 2020q )Istituto di ricerca GamaleyaFase I:
NCT04436471  NCT04437875
Due tipi di vaccini – a base fluida ea base di polvere per infusioni – verranno provati su due lotti di volontari, 38 individui ciascuno. I membri saranno isolati in due cliniche mediche di Mosca.
8Ad26 (da solo o con potenziamento
del virus del vaccino modificato Ankara {MVA}) Vaccino virale non replicante /
Ebola, HIV, RSV / ( Johnson & Johnson annuncia a Lead Vaccine Candidate for COVID-19, 2020 ;  Anon, 2020c )
Società farmaceutiche Janssen / Beth Israel Deaconess Medical CenterPre-Clinica (Fase 1 a settembre 2020)Per accelerare lo sviluppo del vaccino l’azienda utilizzerà le tecnologie AdVac® e PER.C6®.
9Vettore influenzale che esprime RBD: DelNS1-SARS-CoV2-RBD /
Replicating viral vector (LAV) / MERS / ( Anon, 2020j ;  Anon, 2020c )
Università di Hong KongPre-clinicoViene attenuato dalla delezione di un elemento virulento chiave e dell’antagonista immunitario, NS1, che è potenzialmente più immunogenico del virus dell’influenza wild-type.
10CoroFlu, virus influenzale autolimitante (M2SR)
Vettore virale non replicante / ( Anon, 2020e ;  Anon, 2020c )
Università del Wisconsin-Madison / FluGen / Bharat BiotechPre-clinicoIl M2SR è autolimitante perché non subisce replicazione virale a causa dell’assenza del gene M2. Sarà somministrato per via nasale.
11Vettore virale replicante / vettore del morbillo /
West Nile, CHIKV, Ebola, Lassa, Zika, MERS / ( Campbell, 2020 ;  Anon, 2020c )
L’Institut PasteurPre-clinicoLa tecnologia proprietaria del vettore del morbillo (MV) viene scelta per sviluppare il vaccino contro SARS-CoV-2 che è stato utilizzato nel candidato vaccino MV-SARS-CoV.
12Vaccino COVID-19 orale /
vettore
dell’adenovirus ricombinante di tipo 5 / CHIKV, LASV, NORV, EBOV, RVF, HBV, VEE / ( Anon, 2020r )
VaxartPre-clinicoSarà un vaccino orale che mira a indurre la risposta immunitaria della mucosa.
DNA vaccines
1DNA Plasmid Vaccine (INO-4800)/ Lassavirus, Nipah virus, HPV, HIV, Filovirus/ (Anon, 2020iAnon, 2020c)Inovio PharmaceuticalsFase 1  NCT04336410Studi preclinici rivelano l’induzione delle risposte delle cellule T antigene-specifiche e del nAb funzionale, creando così un ostacolo al legame della proteina S al recettore hACE2. Gli studi clinici di Fase I valuteranno la sicurezza, l’immunogenicità e la tollerabilità del vaccino.
2Vaccino a DNA lineare elettroporato / (  BROOK, STONY, 2020 )LineaRx | Takis BiotechPre-clinicoCi sono 4 candidati al vaccino a DNA lineare basato su proteine ​​S e alcuni epitopi selezionati.
3Vaccino a DNA elettroporato / ( Anon, 2020s ;  Anon, 2020c )ZydusCadilaPre-clinico
4DNA vaccine/ (Anon, 2020c)Istituto Karolinska / Cobra Biologics (Progetto OPENCORONA)Pre-clinicoUn vaccino a DNA, che verrà somministrato tramite iniezioni intramuscolari. Quindi formerà gli antigeni virali per indurre la risposta immunitaria.
5DNA Vaccine (GX-19)/ (Anon, 2020c)Consorzio GenexinePre-clinicoDovrebbe entrare presto nelle sperimentazioni cliniche con Kalbe Farma.
Vaccini a RNA
1LNP- Encapsulated mRNA (mRNA-1273) / Multiple Candidates / ( Anon, 2020c ;  Anon, 2020g )Moderna/NIAIDFase 2:  NCT04405076  Fase 1  NCT04283461Nelle prove di fase 1, la sieroconversione ha portato i livelli di nAb vicini o superiori a quelli dei sieri di convalescenza. Il vaccino è stato generalmente sicuro e ben tollerato.
2CureVac mRNA /
RABV, LASV, YFV, MERS, InfA, ZIKV, DengV, NIPV / ( Anon, 2020t ;  Anon, 2020c )
CureVacFase 1Viene utilizzato l’mRNA come supporto di dati per istruire il corpo umano a produrre le proprie proteine ​​in grado di combattere una vasta gamma di malattie.
3LNP-nCoVsaRNA / RNA / EBOV, LASV, YFV, MERS, InfA, ZIKV, DENV, NIPV / ( Anon, 2020t ;  Anon, 2020u )Imperial College di LondraFase 1: ISRCTN17072692È l’mRNA sintetico purificato che imita il gene del virus per una proteina spike sulla sua superficie.
4BNT162 / mRNA / ( Anon, 2020c ;  Anon, 2020t ;  Anon, 2020v )BioNTech | FosunPharma | PfizerFase 1/2:  NCT04380701Una risposta immunogenica robusta con la media geometrica dei titoli nAb pari a 1,8 e 2,8 volte i titoli nAb nel pannello di siero di convalescenza dopo la somministrazione della seconda dose.
4Cocktail di mRNA incapsulato con LNP che codifica per VLP / RNA / ( Anon, 2020c ;  Anon, 2020t )Fudan University/ Shanghai JiaoTong University/RNA Cure BiopharmaPre-clinico
5Cocktail di mRNA incapsulato con LNP che codifica per RBD / mRNA / ( Anon, 2020c ;  Anon, 2020t )Fudan University/ Shanghai JiaoTong University/RNA Cure BiopharmaPre-clinico
6mRNA onco-vaccine / (  Anon, wo )BIOCADPre-clinicoFunzionano introducendo sequenze di molecole progettate per far produrre alle cellule antigeni specifici per la malattia e innescare una risposta immunitaria regolare.
Vaccino della subunità proteica
1Sottounità ricombinante VLP, trimero / nanoparticella S a tutta lunghezza + Matrix M (NVX-CoV2373) / RSV, CCHF, HPV, VZV, EBOV / ( WHO, 2020 ;  Novavax covid 19 vaccine trial, 2020 ; Anon, 2020c ;  Anon, 2020x )Novavax | BioSolutions EmergentiFase 1:  NCT04368988In modelli animali, NVX-CoV2373 ha dimostrato un’elevata immunogenicità con la misurazione di anticorpi specifici per proteine ​​spike, che impediscono l’attaccamento della proteina spike al recettore, nonché anticorpi neutralizzanti virus wild-type.
2Proteina spike ricombinante stabilizzata con morsetto molecolare / subunità /
Nipah, influenza, Ebola, Lassa / ( Anon, 2020c ;  Anon, 2020t )
Università del Queensland | GSK | DynavaxPre-clinicoSi tratta di un vaccino di subunità proteico virale pre-fusione stabilizzato basato sulla tecnologia Molecular Clamp che utilizzerà il sistema adiuvante AS03 di GSK.
3S1 Microneedle array-based (PittCoVacc) /
Protein Subunit /
MERS / ( Kim et al., 2020 ) ( Anon, 2020c )
Università di PittsburghPre-clinicoL’erogazione basata su Micro-needle Array di SARS-CoV-2 S1 ricombinante (rSARS-CoV-2 S1) ha indotto una risposta anticorpale antigene-specifica statisticamente significativa entro 2 settimane dalla somministrazione nei modelli di topo.
4Recombinant protein Subunit vaccine/Influenza, SARS-CoV/ (Anon, 2020y) (Anon, 2020c) (Anon, 2020t)SanofiPre-clinicoÈ un vaccino ricombinante di proteine ​​SARS-CoV-2 non rivelate espresse nel sistema vettoriale del baculovirus.
5Protein Sub-unit, base gp-96 /
HIV, malaria, Zika / ( Heat Biologics ‘COVID-19 Vaccine Program, 2020 ;  Anon, 2020c )
Heat BiologicsProgramma annunciato a marzo 2020È una “proteina da shock termico gp96 complessata con uno o più peptidi SARS-CoV-2 non divulgati”. Questa tecnologia è in grado di generare risposte immunitarie a lungo termine e può conferire immunità a diversi coronavirus.
Vaccino Virus Like Particle (VLP) / (  Anon, 2020z )MedigacoPre-clinicoUna proteina SARS-CoV-2 ricombinante (non rivelata) VLP prodotta nel tabacco.
Vaccino attenuato dal vivo
1Virus vivo attenuato deottimizzato / HAV, InfA, ZIKV, FMD, SIV, RSV, DENV / ( Anon, 2020c ;  Anon, te )Codagenix / Serum Institute of IndiaPre-clinicoLa tecnologia di Codagenix consente la generazione rapida di più vaccini candidati contro virus emergenti, a partire dalla sola sequenza digitale del genoma virale.
2TNX-1800, virus Live Attenuated Horsepox / vaiolo, vaiolo delle scimmie / ( TNX-1800 (Coronavirus Vaccine), 2020 )Tonix PharmaceuticalsPre-INDSi ritiene che la scatola per cavalli abbia il potenziale per servire da vettore per i vaccini per la protezione da altri agenti infettivi.
3Virus vivo attenuato del morbillo ricombinante (rMV) / ( Anon, 2020s ;  Anon, cc ;  Anon, 2020t )ZydusCadilaPre-clinicoLe proteine ​​ottimizzate per i codoni del nuovo coronavirus, espresse dall’rMV generato, utilizzeranno la genetica inversa per stimolare gli anticorpi neutralizzanti a lungo termine che proteggono dall’infezione
Altri
1Vaccino autoassemblante / ( Voltron Therapeutics, Inc., 2020 )HaloVax (Voltron Therapeutics) | Il Vaccine & Immunotherapy Center presso il Massachusetts General HospitalPre-Clinica (ottobre 2020)La proteina di fusione immunogenica biotinilata è inserita tra la proteina da shock termico e l’avidina.

Legenda: CCHF: Febbre emorragica di Crimea-Congo; CHIKV: Chikungunya Virus; DengV: virus della dengue; FMD: afta epizootica; EBOV: virus Ebola; HAV: virus dell’epatite A; HBV: virus dell’epatite B; HIV: virus dell’immunodeficienza umana; HPV: virus del papilloma umano; Inf: influenza; LASV: virus della febbre di Lassa; MenB: Meningite B; NIPV: virus Nipah; NORV: Norovirus; RABV: virus della rabbia; RVF: Febbre della Rift Valley; SARS: sindrome respiratoria acuta grave; SIV: virus dell’immunodeficienza delle scimmie; TB: tubercolosi; VEE: equino venezuelano; Virus dell’encefalite; VZV: vaccino contro la varicella (varicella); YFV: virus della febbre gialla; ZIKV: Zika Virus.

Tabella 3

Ultimi sviluppi nello stato dei promettenti vaccini anti SARS-CoV-2

Vaccino | RifSviluppatoreOsservazioniFase di sperimentazione clinica
ChAdOx1 | ( Folegatti e Ewer, 2020 )Università di Oxford / AstraZenecaI rapporti preliminari degli studi clinici controllati randomizzati, in singolo cieco, di fase 1/2 del vaccino ChAdOx1 nCoV-19 hanno mostrato le risposte dei linfociti T specifiche degli spike insieme alla risposta IgG anti-spike nel 91% dei partecipanti secondo il micro- un test di neutralizzazione (MNA80) mentre un test di neutralizzazione della riduzione della placca (PRNT50) ha rappresentato una risposta del 100% dopo una singola dose. Tuttavia, la somministrazione della dose di richiamo ha mostrato la risposta neutralizzante in tutti i partecipanti che aveva una correlazione sostanziale con i titoli degli anticorpi neutralizzanti misurati mediante ELISA. I volontari hanno illustrato reazioni locali e sistemiche che sono state ridotte al minimo dalla somministrazione di paracetamolo. Pertanto, il candidato vaccino ha illustrato un profilo di sicurezza e immunogenicità adeguato negli studi clinici di fase 1/2.Fase 3: ISRCTN89951424
mRNA-1273 | (Jackson et al., 2020)Moderna/NIAIDLa media geometrica dei titoli anticorpali specifici RBD ha mostrato un rapido aumento in tutti i partecipanti. La sieroconversione è stata osservata dopo 15 giorni e l’entità mediana delle risposte anticorpali era simile all’entità nei sieri di convalescenza. Tuttavia, l’attività neutralizzante dello pseudovirus non era elevata prima della somministrazione della seconda dose, il che indica la necessità di un programma di vaccinazione a due dosi. Inoltre, l’attività neutralizzante del siero, un biomarcatore funzionale generalmente accettato della risposta umorale in vivo contro i virus respiratori, non è stata ancora determinata.Fase 3:  NCT04470427
PiCoVacc | ( Anon, 2020B )SinovacGli studi clinici di fase 1/2 del candidato al vaccino virale inattivato PiCoVacc hanno dimostrato che il vaccino induce anticorpi neutralizzanti con un tasso di sieroconversione del 90% in un programma di 0,14 giorni. I risultati preliminari hanno confermato l’assenza di eventi avversi sistemici o locali post-vaccinazione. Si prevede che le sperimentazioni cliniche di fase 2 si concluderanno entro la fine del 2020. La Società ha il permesso di condurre le sperimentazioni cliniche di fase 3 in Brasile in collaborazione con l’Instituto Butantan. Inoltre, si prevede di ottenere ulteriori approvazioni in Bangladesh per gli studi clinici di fase 3.Fase 3:  NCT04456595
BBV152 (A-C) | (Myupchar, 2020)Bharat Biotech / ICMR / NIVÈ l’intero vaccino sperimentale inattivato dal virione nell’ambito degli studi clinici di fase 1/2. Questi studi dovrebbero studiare la sicurezza e la reattogenicità, la tollerabilità e l’immunogenicità nei volontari sani. Il vaccino inattivato deve essere somministrato per via intramuscolare in due dosi al giorno 0 e al giorno 14 e i 1125 volontari devono essere osservati per i successivi sei mesi e saranno valutati per le risposte immunitarie post-vaccinazione. Il ceppo virale per lo sviluppo del vaccino è stato isolato dall’ICMR e trasferito a Bharat Biotech dove il processo di inattivazione è stato eseguito in una struttura BSL-3.Fase 1/2:  NCT04471519
Adenovirus Type5 Vector / Vaccino virale non replicante | ( Zhu e Guan, 2020 )CanSino Biological Inc./Beijing Institute of Bio-technologyGli studi clinici di fase 2 randomizzati, in doppio cieco, controllati con placebo del vaccino ricombinante con vettore Ad5 hanno rappresentato una risposta cellulare positiva a 5 × 1010 particelle virali insieme alla sieroconversione della risposta immunitaria umorale. Reazioni avverse gravi sono state riportate nel 9% degli individui nel gruppo con dose di particelle virali 1 × 1011 e l’1% di volontari ha mostrato queste reazioni avverse nel gruppo con dose di particelle virali 5 × 1010.Fase 2: ChiCTR2000031781
BNT162 | ( Anon, 2020e )BioNTech | FosunPharma | PfizerBNT162b1, il vaccino a base di mRNA ha indotto titoli di nAb elevati e dose-dipendenti insieme alle concentrazioni di IgG leganti RBD dopo la seconda dose. Questo è stato accompagnato dalle risposte delle cellule T CD4 + e CD8 +. La somministrazione del vaccino è stata accompagnata da alcuni sintomi avversi come affaticamento, febbre, brividi, dolori muscolari ecc. Tuttavia, i riceventi non hanno mostrato alcun sintomo grave.Fase 3:  NCT04368728
ZyCoV-D | (CTRI/2020/07/026352, 2020Myupchar, 2020)Zydus CadilaZyCoV-D è un vaccino a base di DNA plasmidico geneticamente modificato che codifica per le proteine ​​di membrana del virus. Gli studi clinici per studiare l’immunogenicità e la sicurezza del vaccino somministreranno tre dosi a un intervallo di 28 giorni in 1048 individui.Fase 1/2: CTRI / 202

Immunizzazione passiva / immunità adottiva

È l’uso di anticorpi preformati nella terapia di varie malattie. Può essere ottenuto utilizzando sieri di pazienti convalescenti, siero policlonale allevato in altri animali come il cavallo, anticorpi monoclonali neutralizzanti prodotti dalla tecnologia degli ibridomi o anticorpi umanizzati.

Plasma terapia convalescente

Ad oggi, nessun trattamento distinto si è dimostrato efficace contro il COVID-19. La terapia con plasma convalescente (CP) è stata approvata come trattamento empirico durante le epidemie ((OMS), Organizzazione mondiale della sanità, 2014).

È considerata l’archetipo dell’immunoterapia che è stata utilizzata in passato per il trattamento e la prevenzione di varie malattie virali come SARS, MERS, pandemia H1N1, morbillo, parotite, ecc. (Kai et al., 2020).

Una possibile spiegazione dell’efficacia di questa classica immunoterapia adottiva è che le immunoglobuline neutralizzanti da CP possono sconfiggere la viremia, bloccare nuove infezioni e accelerare la clearance delle cellule infette.

Vari studi condotti sul potenziale terapeutico della CP hanno dimostrato in modo convincente che la somministrazione di anticorpi neutralizzanti nei pazienti critici ha portato al miglioramento dello stato clinico in tutti i pazienti senza alcun decesso (Kai et al., 2020; Shen et al., 2020a; Ahn et al., 2020a; Anon, 2020C).

Il dosaggio prescritto per la terapia CP non è stato standardizzato in quanto alcuni gruppi hanno somministrato 200 ml di CP con un titolo anticorpale maggiore di 1: 640 mentre un altro paziente è stato somministrato con 2400 ml di CP (Zhang et al., 2020). Sono stati inclusi nello studio i pazienti che erano considerati gravemente malati con alcuni di loro affetti da co-morbilità come ipertensione, malattie cardiovascolari, malattie cerebrovascolari, insufficienza renale cronica, ecc. Sono stati tutti ricoverati in terapia intensiva e stavano ricevendo ventilazione meccanica, ossigenazione con cannula nasale ad alto flusso o

l’ossigenazione della cannula nasale a basso flusso. Tutti i pazienti in questi studi stavano ricevendo farmaci antivirali, antibatterici o antifungini per il trattamento della coinfezione (Kai et al., 2020). Rispetto al gruppo di controllo, il gruppo di trattamento CP non ha mostrato differenze notevoli nelle caratteristiche di base ma ha mostrato una differenza considerevole nei risultati clinici (cioè normalizzazione della temperatura corporea, assorbimento delle lesioni polmonari, risoluzione dell’ARDS, svezzamento dai ventilatori meccanici, ecc.) e il tasso di mortalità.

I pazienti sono stati testati negativi per la carica virale dopo 7-37 giorni di infusione in CP (Shen et al., 2020b). Una riduzione della quantità netta di biomarcatori infiammatori CRP, procalcitonina e interleuchina 6 (IL-6) nel gruppo di studio è stata osservata insieme a un aumento significativo dei titoli anticorpali (RBD specifici IgM e IgG) dopo la terapia plasmatica di convalescenza (Ahn et al., 2020b).

Tuttavia, questi studi non controllati e non randomizzati per la terapia CP impediscono ai ricercatori di giungere a una dichiarazione conclusiva sulla potenziale potenza di questo trattamento, e queste osservazioni richiedono un’ulteriore valutazione che è in corso negli studi clinici (Yan, 2020).

Anticorpo monoclonale

Gli anticorpi monoclonali (mAb) o anticorpi terapeutici, creati in laboratorio, sono i cloni di un unico genitore che possono legarsi a un singolo epitopo, cioè hanno un’affinità monovalente (Gelboin et al., 1999). L’uso di mAb nella prevenzione e nel trattamento delle malattie infettive può superare vari inconvenienti correlati alla terapia con plasma di convalescenza in termini di specificità, sicurezza, basso rischio di infezione per via ematica, purezza e altri fattori.

È già stata sviluppata un’ampia gamma di anticorpi monoclonali che vengono implementati nella terapia antitumorale, antipiastrinica o antivirale (Breedveld, 2000).

È stato scoperto che un mAb umano CR3022 specifico per SARS-CoV si lega con il RBD della proteina S di SARS-CoV-2, definendolo come agente terapeutico potenziale, che può essere utilizzato da solo o in terapia combinata per la gestione di COVID -19 (Tian et al., 2020).

Per ottenere una maggiore efficienza nella prevenzione e nel trattamento delle malattie, per la neutralizzazione del virus può essere preso in considerazione un effetto combinatorio di anticorpi monoclonali che riconoscono diversi epitopi della superficie virale in quanto potrebbe rivelarsi più efficace e prevenire la fuga virale (Tian et al. , 2020).

Ci sono oltre 61 brevetti che affermano di aver preparato gli anticorpi specifici per SARS, specifici per MERS e diagnostici. Un altro gruppo di 38 brevetti afferma di aver sviluppato gli anticorpi che prendono di mira le proteine ​​dell’ospite come IL-6 / IL-6R, TLR3, CD16, ITAM (motivo di attivazione basato sulla tirosina del recettore immunitario), DC-SIGN (intercellulare specifico delle cellule dendritiche non integrina che cattura la molecola di adesione), ICAM-3 (molecola di adesione intercellulare 3) o IP-10 / CXCL10 (proteina 10 inducibile dell’interferone γ).

Questi anticorpi possono essere utilizzati per contrastare la tempesta di citochine che è stata segnalata per armonizzarsi con l’infezione da SARS-CoV-2 (Liu et al., 2020). È probabile che tocilizumab, un anticorpo anti-recettore IL 6, controlli i sintomi polmonari iperinfiammatori che sono associati alla tempesta di citochine che coinvolge la disregolazione delle chemochine e varie interleuchine. È stato riportato che tocilizumab blocca l’asse delle citochine IL6, inibendo quindi la cascata infiammatoria.

Tuttavia, ulteriori studi clinici sono essenziali per stabilire l’efficacia del mAb (Michot et al., 2020). L’Israel Institute for Biological Research (IIBR) afferma di aver sviluppato con successo l’mAb contro SARS-CoV-2. L’istituto è in procinto di brevettarlo, che potrebbe presto essere commercializzato (Upadhyay, 2020).

Un gruppo guidato dal professor Vijay Chaudhary dell’Università di Delhi, Center for Innovation in Infectious Disease Research, Education and Training (UDSC-CIIDRET), sta isolando i geni che codificano gli anticorpi responsabili della neutralizzazione del SARS-CoV-2. Questi geni saranno impiegati per promuovere l’Ab ricombinante sfruttando la libreria anticorpale interna preesistente e una libreria fabbricata dalle cellule di pazienti COVID-19 convalescenti (PIB, Delhi, 2020).

link di riferimento: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7423510/


Maggiori informazioni:  Ahmed O. Hassan et al, Un vaccino ChAd intranasale monodose protegge le vie respiratorie superiori e inferiori contro SARS-CoV-2,  Cell  (2020). DOI: 10.1016 / j.cell.2020.08.026

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.