Il miele è un trattamento migliore per le infezioni del tratto respiratorio superiore (URTI) rispetto ai rimedi tradizionali

0
71

Un trio di ricercatori dell’Università di Oxford ha scoperto che il miele è un trattamento migliore per le infezioni del tratto respiratorio superiore (URTI) rispetto ai rimedi tradizionali.

Nel loro articolo pubblicato su BMJ Evidence-based Medicine, Hibatullah Abuelgasim, Charlotte Albury e Joseph Lee descrivono il loro studio sui risultati di molteplici studi clinici che hanno coinvolto test di trattamenti per le infezioni del tratto respiratorio superiore (URTI) e cosa hanno appreso dai dati .

Negli ultimi anni, la comunità medica si è allarmata perché i batteri hanno sviluppato resistenza agli agenti antibatterici. Alcuni studi hanno scoperto che la prescrizione eccessiva di tali rimedi sta accelerando il ritmo.

Di particolare interesse sono le prescrizioni antibatteriche scritte per malattie che probabilmente non aiuteranno, semplicemente a causa delle richieste dei pazienti. Uno di questi casi è spesso l’URTI, la stragrande maggioranza dei quali è causata da virus, non da batteri.

A causa di questi casi, gli scienziati hanno cercato altri rimedi per queste infezioni e una terapia in particolare ha iniziato a emergere: il miele.

Prove aneddotiche hanno suggerito che il miele può essere usato per trattare il raffreddore in generale e la tosse in particolare – le persone lo usano come terapia da migliaia di anni.

In questo nuovo sforzo, i ricercatori hanno esaminato i risultati di molteplici studi clinici che testano l’efficacia delle terapie contro le URTI. In tutto, il team ha esaminato i dati di 14 studi clinici che hanno coinvolto 1.761 pazienti.

Nell’analizzare i dati di tutti gli studi combinati, i ricercatori hanno scoperto che gli studi avevano incluso studi di praticamente tutti i rimedi tradizionali come farmaci da banco per raffreddore e sinusite, antibiotici e miele.

Hanno scoperto che il miele si è rivelato la migliore terapia tra tutte quelle testate.

Oltre a dimostrarsi più efficace nel trattamento della tosse (36% migliore nel ridurre la quantità di tosse e 44% migliore nel ridurre la gravità della tosse), ha anche portato a una riduzione della durata media dell’infezione di due giorni.

I ricercatori osservano che il motivo per cui il miele funziona come trattamento per gli URTI è perché contiene perossido di idrogeno – un noto killer di batteri – che lo rende utile anche come trattamento topico per tagli e graffi.

Anche il miele ha la giusta consistenza: il suo spessore agisce per rivestire la bocca e la gola, lenendo l’irritazione.


Il miele è un prodotto naturale ampiamente utilizzato per i suoi effetti terapeutici. È stato segnalato che contiene circa 200 sostanze. Il miele è composto principalmente da fruttosio e glucosio, ma contiene anche frutto-oligosaccaridi (1) e molti aminoacidi, vitamine, minerali ed enzimi (2). 

La composizione del miele varia a seconda delle piante di cui si nutre l’ape. Tuttavia, quasi tutto il miele naturale contiene flavonoidi (come apigenina, pinocembrina, kaempferol, quercetina, galangina, crisina ed esperetina), acidi fenolici (come acidi ellagico, caffeico, p-cumarico e ferulico), acido ascorbico, tocoferoli, catalasi ( CAT), superossido dismutasi (SOD), glutatione ridotto (GSH), prodotti di reazione di Millard e peptidi. La maggior parte di questi composti lavora insieme per fornire un effetto antiossidante sinergico (3-7).

Il miele ha avuto un posto prezioso nella medicina tradizionale per secoli (8, 9). Tuttavia, ha un uso limitato nella medicina moderna a causa della mancanza di supporto scientifico (10). 

Da tempo è stato osservato che il miele può essere utilizzato per superare problemi epatici, cardiovascolari e gastrointestinali (11). Gli antichi egizi, assiri, cinesi, greci e romani usavano il miele per ferite e malattie dell’intestino (12). Da qualche decennio il miele è stato sottoposto a indagini di laboratorio e cliniche da diversi gruppi di ricerca.

 La scoperta più notevole è stata l’attività antibatterica del miele che è stata menzionata in numerosi studi (13, 14). Il miele naturale mostra attività battericida contro molti organismi tra cui Salmonella, Shigella, Escherichia coli (3, 15), Helicobacter pylori (9), ecc.

In un modello infiammatorio di colite, La ricerca ha anche indicato che il miele può possedere attività antinfiammatoria e stimolare le risposte immunitarie all’interno di una ferita (17, 18). Al-Waili e Boni (2003) hanno dimostrato gli effetti antinfiammatori del miele nell’uomo dopo l’ingestione di miele (19).

È interessante notare che il miele, in alcuni studi in vitro, ha dimostrato di prevenire l’ossidazione delle lipoproteine ​​a bassa densità (LDL) indotta dalle specie reattive dell’ossigeno (ROS), dimostrando così una protezione cardiovascolare benefica (20, 21). 

Il miele aveva anche attività antineoplastica in un cancro alla vescica sperimentale (22). Questo articolo ha esaminato importanti usi tradizionali e moderni del miele naturale nelle malattie umane. La ricerca ha anche indicato che il miele può possedere attività antinfiammatoria e stimolare le risposte immunitarie all’interno di una ferita (17, 18). 

Al-Waili e Boni (2003) hanno dimostrato gli effetti antinfiammatori del miele nell’uomo dopo l’ingestione di miele (19). Il miele, in modo interessante, ha dimostrato di prevenire l’ossidazione delle lipoproteine ​​a bassa densità (LDL) indotta da specie reattive dell’ossigeno (ROS) in alcuni studi in vitro, dimostrando così una protezione cardiovascolare benefica (20, 21).

 Il miele aveva anche attività antineoplastica in un cancro alla vescica sperimentale (22). Questo articolo ha esaminato importanti usi tradizionali e moderni del miele naturale nelle malattie umane. ha dimostrato di prevenire l’ossidazione delle lipoproteine ​​a bassa densità (LDL) indotta da specie reattive dell’ossigeno (ROS) in alcuni studi in vitro, dimostrando così una protezione cardiovascolare benefica (20, 21).

Il miele aveva anche attività antineoplastica in un cancro alla vescica sperimentale (22). Questo articolo ha esaminato importanti usi tradizionali e moderni del miele naturale nelle malattie umane. ha dimostrato di prevenire l’ossidazione delle lipoproteine ​​a bassa densità (LDL) indotta da specie reattive dell’ossigeno (ROS) in alcuni studi in vitro, dimostrando così una protezione cardiovascolare benefica (20, 21). 

Il miele aveva anche attività antineoplastica in un cancro alla vescica sperimentale (22). Questo articolo ha esaminato importanti usi tradizionali e moderni del miele naturale nelle malattie umane.

Composizione chimica del miele naturale

Il miele naturale contiene circa 200 sostanze, tra cui aminoacidi, vitamine, minerali ed enzimi, ma contiene principalmente zucchero e acqua. 

Lo zucchero rappresenta il 95-99% della sostanza secca del miele. I principali costituenti carboidrati del miele sono il fruttosio (dal 32,56 al 38,2%) e il glucosio (dal 28,54 al 31,3%), che rappresentano l’85-95% degli zuccheri totali che vengono prontamente assorbiti nel tratto gastrointestinale (23, 11).

Altri zuccheri includono disaccaridi come maltosio, saccarosio, isomaltosio turanosio, nigerosio, meli-biosio, panosio, maltotriosio, melezitosio. 

Sono presenti anche alcuni oligosaccaridi. Il miele contiene dal 4 al 5% di fruttooligosaccaridi, che fungono da agenti probiotici (1, 11). 

L’acqua è il secondo componente più importante del miele. Gli acidi organici costituiscono lo 0,57% del miele e includono l’acido gluconico che è un sottoprodotto della digestione enzimatica del glucosio. Gli acidi organici sono responsabili dell’acidità del miele e contribuiscono in gran parte al suo gusto caratteristico (24). 

La concentrazione di composti minerali varia dallo 0,1% all’1,0%. Il potassio è il metallo principale, seguito da calcio, magnesio, sodio, zolfo e fosforo. Gli oligoelementi includono ferro, rame, zinco e manganese (25-27).

Si trovano anche composti azotati, vitamine C, B1 (tiamina) e vitamine del complesso B2 come riboflavina, acido nicotinico, B6 e acido pantotenico (24). Il miele contiene proteine ​​solo in quantità minime, dallo 0,1 allo 0,5 percento (28, 29). Secondo un recente rapporto, le quantità di proteine ​​specifiche differiscono a seconda dell’origine delle api (30). La composizione media del miele è riportata nella tabella 1 (31).

Tabella 1

Composizione media del miele (31)

Miele (valore nutritivo per 100 g)
   ComponenteMedia
Carboidrati82,4 g
Fruttosio38,5 g
Glucosio31 gr
Saccarosio1 g
Altri zuccheri11,7 g
Fibra alimentare0,2 g
Grasso0 g
Proteina0,3 g
acqua17,1 g
Riboflavina (Vit. B 2 )0,038 mg
Niacina (Vit. B 3 )0,121 mg
Acido pantotenico (Vit. B 5 )0,068 mg
Piridossina (Vit. B 6 )0,024 mg
Folato (Vit. B 9 )0,002 mg
Vitamin C0,5 mg
Calcio6 mg
Ferro0,42 mg
Magnesio2 mg
Fosforo4 mg
Potassio52 mg
Sodio4 mg
Zinco0,22 mg

Nel miele sono presenti una varietà di enzimi come ossidasi, invertasi, amilasi, catalasi, ecc. Tuttavia, i principali enzimi nel miele sono l’invertasi (saccarasi), la diastasi (amilasi) e la glucosio ossidasi. Hanno un ruolo importante nella formazione del miele (24). 

L’enzima glucosio ossidasi produce perossido di idrogeno (che fornisce proprietà antimicrobiche) insieme all’acido gluconico dal glucosio che aiuta l’assorbimento del calcio. L’invertasi converte il saccarosio in fruttosio e glucosio. Destrina e maltosio sono prodotti da lunghe catene di amido dall’attività dell’enzima amilasi. La catalasi aiuta a produrre ossigeno e acqua dal perossido di idrogeno (32).

Proprietà fisiche del miele naturale

Il miele ha diverse qualità importanti oltre alla composizione e al gusto. Il miele appena estratto è un liquido viscoso. La sua viscosità dipende da una grande varietà di sostanze e quindi varia con la sua composizione e in particolare con il suo contenuto di acqua. 

L’igroscopicità è un’altra proprietà del miele e descrive la capacità del miele di assorbire e trattenere l’umidità dall’ambiente. Il miele normale con un contenuto d’acqua del 18,8% o inferiore assorbirà l’umidità dall’aria con un’umidità relativa superiore al 60%.

 La tensione superficiale del miele varia con l’origine del miele ed è probabilmente dovuta a sostanze colloidali. Insieme all’elevata viscosità, è responsabile delle caratteristiche di schiuma del miele (24).

Il colore del miele liquido varia da limpido e incolore (come l’acqua) ad ambra scuro o nero. I vari colori del miele sono sostanzialmente tutte sfumature di giallo e ambra. Il colore varia in base all’origine botanica, all’età e alle condizioni di conservazione, ma la trasparenza o la chiarezza dipendono dalla quantità di particelle sospese come il polline (24). 

I colori del miele meno comuni sono il giallo brillante (girasole), sfumature rossastre (castagna), grigiastro (eucalipto) e verdastro (melata). Una volta cristallizzato, il miele diventa di colore più chiaro perché i cristalli di glucosio sono bianchi. La cristallizzazione del miele deriva dalla formazione di cristalli di glucosio monoidrato, che variano in numero, forma, dimensione e qualità con la composizione del miele e le condizioni di conservazione. Più bassa è l’acqua e più alto è il contenuto di glucosio del miele, più veloce è la cristallizzazione (24).

Usi tradizionali del miele naturale

L’uso umano del miele viene fatto risalire a circa 8000 anni fa, come illustrato dai dipinti dell’età della pietra (32). Gli antichi egizi, assiri, cinesi, greci e romani usavano il miele per le ferite e le malattie dell’intestino (12). Vengono qui riassunti alcuni degli effetti benefici del miele che sono stati utilizzati dalle antiche razze.

Miele  nei  sistemi ndian di  un  yurveda

Ayurveda è una parola composta, cioè  âyus che  significa “vita” o “principio vitale”, e la parola  veda , che si riferisce a “un sistema di conoscenza”. Quindi “Ayurveda” si traduce approssimativamente come “conoscenza della vita” (33). L’antica  vedica  civiltà considerata miele quello della natura  s la maggior parte dei regali notevoli per l’umanità.

Tradizionalmente, secondo i testi dell’Ayurveda, il miele è un vantaggio per chi ha una digestione debole. Inoltre è stato sottolineato che l’uso del miele è altamente benefico nel trattamento della tosse irritante. Il miele è considerato dagli esperti ayurvedici, prezioso per mantenere sani denti e gengive (34).

È stato usato per secoli per il trattamento dell’insonnia perché ha un’azione ipnotica. Inoltre, gli esperti ayurvedici tradizionali raccomandano il miele per disturbi della pelle (come ferite e ustioni), dolore cardiaco e palpitazioni, tutti gli squilibri dei polmoni e l’anemia. Il miele ha una lunga storia di utilizzo ayurvedico per vari disturbi agli occhi. Applicato quotidianamente sugli occhi, migliora la vista. Inoltre, il miele è considerato utile nella prevenzione della cataratta (34).

Miele nell’antico Egitto

Il miele era la droga egiziana più popolare menzionata 500 volte in 900 rimedi (12). La sua prescrizione per un unguento per ferite standard scoperto nel papiro Smith (un testo egiziano risalente tra il 2600 e il 2200 a.C.) richiede una miscela di mrht (grasso), byt (miele) e ftt (lanugine / fibra) come traslitterato da simboli geroglifici (35). Quasi tutte le medicine egiziane contenevano miele insieme a vino e latte. Gli antichi egizi offrivano il miele alle loro divinità come sacrificio (36). Usavano anche il miele per imbalsamare i morti. Il miele è stato utilizzato per le sue proprietà antibatteriche che hanno aiutato a guarire le ferite infette. Inoltre, il miele è stato utilizzato come unguento topico (31).

Miele nell’antica Grecia

Oenomel è un’antica bevanda greca composta da miele e succo d’uva non fermentato. A volte è usato come rimedio popolare per la gotta e alcuni disturbi nervosi (31). Ippocrate, il grande scienziato greco, prescriveva una dieta semplice, privilegiando il miele dato come oxymel (aceto e miele) per il dolore, hydromel (acqua e miele) per la sete, e una miscela di miele, acqua e varie sostanze medicinali per le febbri acute (35 ). Inoltre ha utilizzato il miele per la calvizie, la contraccezione, la guarigione delle ferite, l’azione lassativa, la tosse e il mal di gola, le malattie degli occhi, l’antisepsi topica, la prevenzione e il trattamento delle cicatrici (32).

Miele in   medicina Slamic

Nel sistema medico islamico, il miele è considerato una bevanda salutare. Il sacro Corano illustra vividamente il potenziale valore terapeutico del miele: “E il tuo Signore insegnò all’ape a costruire le sue cellule sulle colline, sugli alberi e nelle abitazioni (degli uomini); Quindi mangiare di tutti i prodotti (della terra) e trovare con abilità gli ampi sentieri del suo Signore: da dentro i loro corpi esce una bevanda di vari colori, in cui è guarigione per gli uomini: in verità in questo è un segno per quelli chi pensa ”. Inoltre, il profeta musulmano Mohammad (SA) ha raccomandato l’uso del miele per il trattamento della diarrea (37). Avicenna, il grande scienziato e medico iraniano, quasi 1000 anni fa, aveva raccomandato il miele come uno dei migliori rimedi nel trattamento della tubercolosi (38).

Luogo del miele nella medicina moderna

Proprietà antimicrobiche del miele

Oltre all’importante ruolo del miele naturale nella medicina tradizionale, negli ultimi decenni è stato sottoposto a indagini di laboratorio e cliniche. L’attività antibatterica del miele è uno dei ritrovamenti più importanti che fu riconosciuto per la prima volta nel 1892; di van Ketel (39).

Patogeni trovati sensibili al miele

È stato segnalato che il miele ha un effetto inibitorio su circa 60 specie di batteri tra cui aerobi e anaerobi, gram-positivi e gram-negativi (24). Gli agenti patogeni che risultano essere sensibili alle proprietà antinfettive del miele sono molteplici (40). 

Diversi risultati sono a favore della sua attività contro  Bacillus anthracis,  Corynebacterium diptheriae, Haemophilus  influenzae, Klebsiella pneumoniae, Listeria  monocytogenes, Mycobacterium tuberculosis, Pasteurella multicoda,  Yersinia enterocolitica , specie Proteus, Pseudomonas aeruginosa ,  Acinetobacter spp ,  Salmonella diarrea ,  Sal. typhi ,  Serratia marcescens, dissenteria da Shigella , Staphylococcus aureus, Streptococcus  faecalis, Strep. mutans, Strep. pneumoniae, Strep. pyogenes e Vibrio  cholerae  (15, 38, 32).

In precedenza, un piccolo numero di studi di casi che esaminavano l’attività antimicrobica del miele contro lo stafilococco resistente alla  meticillina. aureus (MRSA) hanno  dimostrato che il miele naturale ha un’attività antimicrobica contro gli  organismi  MRSA associati alla  comunità in  condizioni in vitro (41-43). 

La MIC (concentrazione inibitoria minima) del miele è risultata compresa tra 1,8% e 10,8% (v / v), ovvero il miele aveva una potenza antibatterica sufficiente per essere ancora in grado di arrestare la crescita batterica se diluito almeno nove volte e fino 56 volte per  Staphylococcus aureus , il patogeno della ferita più comune (44).

 È stato indicato che il miele diluito trattava le infezioni del tratto urinario perché alcuni batteri che causavano infezioni del tratto urinario, ad es E. coli ,   specie Proteus e  Strep. faecalis , sono risultati sensibili all’attività antibatterica del miele (45).

Studi in vitro  su  isolati di  H. pylori che causano gastrite hanno dimostrato di essere inibiti da una soluzione al 20% di miele. Anche gli isolati che mostravano una resistenza ad altri agenti antimicrobici erano sensibili (10, 15). A differenza della maggior parte degli antibiotici convenzionali, è stato riportato che la dose di miele non porta allo sviluppo di batteri resistenti agli antibiotici e può essere utilizzata continuamente (14).

Il miele può agire sia come batteriostatico che battericida a seconda della concentrazione utilizzata. Il miele di pascolo (4-8%) e il 5-11% di miele di manuka erano batteriostatici mentre l’attività battericida è stata raggiunta rispettivamente a concentrazioni del 5-10% e dell’8-15% (v / v). Al contrario, il miele artificiale (soluzione zuccherina che imita la composizione del miele) era solo batteriostatico (al 20-30%) e non battericida (32).

Possibili meccanismi di attività antimicrobica del miele

I meccanismi dell’attività antimicrobica del miele sono diversi dagli antibiotici, che distruggono la parete cellulare dei batteri o inibiscono le vie metaboliche intracellulari. L’attività antibatterica è correlata a quattro proprietà del miele. In primo luogo, il miele attira l’umidità dall’ambiente e quindi disidrata i batteri. Il contenuto di zucchero del miele è anche abbastanza alto da ostacolare la crescita dei microbi, ma il contenuto di zucchero da solo non è l’unica ragione delle proprietà antibatteriche del miele (46).

In secondo luogo, il pH del miele è compreso tra 3,2 e 4,5 e questa acidità è sufficientemente bassa da inibire la crescita della maggior parte dei microrganismi. Il perossido di idrogeno prodotto dalla glucosio ossidasi è il terzo e probabilmente il più importante componente antibatterico, sebbene alcuni autori ritengano che l’attività non perossido sia più importante. Infine, nel miele sono stati identificati diversi fattori fitochimici per l’attività antibatterica (13, 14).

Il perossido di idrogeno, la glucosio ossidasi, la catalasi, i fattori fitochimici sono stati descritti come fattori antibatterici non perossidici (24). Inoltre i volatili, gli acidi organici, il lisozima, la cera d’api, il nettare, il polline e la propoli sono importanti fattori chimici che forniscono proprietà antibatteriche al miele (32, 47, 48).

Il miele contiene anche oligosaccaridi in piccole quantità. Shin e Ustunol (2005) hanno correlato la composizione zuccherina del miele proveniente da diverse fonti floreali all’inibizione della crescita di vari batteri intestinali (49, 50). Inoltre, è stato riferito che una parte dell’attività antibatterica potrebbe essere attribuita ai componenti di origine vegetale (47).

Tutti questi fattori fisici e chimici conferiscono al miele proprietà uniche come medicazione per ferite: ha una rapida eliminazione delle infezioni, rapido sbrigliamento delle ferite, rapida soppressione dell’infiammazione, riduzione al minimo delle cicatrici e stimolazione dell’angiogenesi, nonché granulazione dei tessuti e crescita dell’epitelio ( 50, 51).

La guarigione delle ferite

Uno degli usi più studiati ed efficaci del miele si trova nella guarigione delle ferite (17). I russi hanno usato il miele nella prima guerra mondiale per prevenire l’infezione delle ferite e per accelerare la guarigione delle ferite. I tedeschi combinavano olio di fegato di merluzzo e miele per curare ulcere, ustioni, fistole e foruncoli (32).

Quasi tutti i tipi di ferite come abrasione, ascesso, amputazione, piaghe da decubito / ulcere da decubito, ustioni, blains da freddo, ferita addominale esplosa, capezzoli screpolati, fistole, diabetici, maligni, lebbra, traumatiche, cervicali, varicose e ulcere falciformi, ferite settiche , ferite chirurgiche o ferite della parete addominale e del perineo risultano sensibili alla terapia con miele. 

L’applicazione del miele come medicazione per ferite stimola il processo di guarigione e elimina rapidamente l’infezione. Il miele ha un’azione detergente sulle ferite, stimola la rigenerazione dei tessuti e riduce l’infiammazione. Gli elettrodi impregnati di miele fungono da medicazione non adesiva del tessuto (32, 52, 53).

L’esatto meccanismo molecolare della guarigione delle ferite usando il miele deve ancora essere chiarito. Tuttavia, vengono fornite diverse raccomandazioni riguardo alla medicazione appropriata delle ferite con il miele. Il tipo di ferita e il grado di gravità influiranno sull’efficacia. Il miele selezionato deve essere utilizzato in quantità sufficienti in modo che rimanga lì se diluito con essudati della ferita. Dovrebbe coprire ed estendersi oltre i margini della ferita. Risultati migliori si ottengono se applicati sulla medicazione che sulla ferita.

Tutte le cavità devono essere adeguatamente riempite con miele e deve essere applicata una medicazione occlusiva per evitare che trasuda dalla ferita (32, 54, 55). Sulle ustioni ha un iniziale effetto lenitivo e successivamente una rapida guarigione. È stato utilizzato come barriera per ferite contro l’impianto di tumori nella chirurgia oncologica laparoscopica. Nessuna infezione è stata segnalata dall’applicazione del miele per aprire le ferite. Ha un potenziale ruolo terapeutico nel trattamento della gengivite e della malattia parodontale (56).

In uno dei casi di amputazione del ginocchio in un giovane ragazzo, gravemente infetto da  Pseudo.  e  Staph. aureus  e non rispondente al trattamento convenzionale, l’applicazione di tamponi sterilizzati per medicazione attiva al miele di manuka ha portato alla completa guarigione in dieci settimane (57). Risultati simili si trovano con le ustioni. La medicazione al miele accelera il processo di guarigione, sterilizza la ferita e riduce il dolore (58).

Gli studi sulla cancrena di Fournier hanno mostrato un rapido miglioramento con diminuzione dell’edema e della secrezione, rapida rigenerazione e poche o nessuna cicatrice, efficace sbrigliamento della ferita e diminuzione della mortalità (59).

Il miele viene utilizzato con successo nel trattamento delle ulcerazioni a seguito di interventi di chirurgia radicale per il carcinoma della mammella e delle vene varicose. Viene anche utilizzato dopo un intervento chirurgico radicale per il carcinoma della vulva con conseguente ferita priva di infezioni con sbrigliamento minimo della ferita e degenza ospedaliera (60).

Nei pazienti con infezioni postoperatorie della ferita a seguito di taglio cesareo o isterectomia, l’applicazione topica di miele provoca un’eradicazione più rapida delle infezioni batteriche, riduce l’uso di antibiotici e la degenza ospedaliera, accelera la guarigione della ferita e si traduce in una formazione minima di cicatrici (53). Un’efficacia simile si osserva nelle piaghe da decubito e nelle ulcere da decubito (61).

Vengono condotti studi clinici confrontando la medicazione al miele nelle ustioni con la medicazione con membrana amniotica; condimento di sulfadiazina d’argento e condimento di buccia di patate bollite. La medicazione al miele ha mostrato un miglioramento migliore in questi casi e ha mostrato una guarigione precoce con un minor grado di contrattura e cicatrici (32, 45).

È stata anche descritta una buona conservazione istologica degli innesti cutanei dopo il trattamento con miele (62). Motallebnejad et. al. (2008) hanno riportato che l’applicazione del miele naturale è efficace nella gestione della mucosite indotta da radiazioni (63).

Un’applicazione insolita del miele era il suo uso come mezzo per confermare la presenza del morbillo durante le sue prime fasi. Secondo quanto riferito, il miele viene massaggiato sulle eruzioni che poi, nel caso del morbillo, diventano più pronunciate il giorno successivo. Si continua ad applicare il miele fino alla scomparsa totale delle eruzioni (45).

Vantaggi del miele come medicazione per ferite

L’effetto notevolmente rapido del miele nella pulizia delle ferite è dovuto a una combinazione del deflusso osmotico e un effetto bioattivo del miele. L’enzima glucosio ossidasi del miele fornisce glucosio ai leucociti, che è essenziale per il burst respiratorio per produrre perossido di idrogeno che porta all’attività antibatterica dei macrofagi.

L’acidità del miele aiuta ulteriormente l’attività antibatterica (52). La presenza di un’ampia gamma di aminoacidi, vitamine e oligoelementi ha anche un effetto nutritivo diretto sui tessuti rigeneranti. Il deflusso osmotico dopo l’applicazione del miele aiuta a sollevare sporco e detriti dal letto della ferita.

La medicazione quindi non è appiccicosa e consente un cambio senza dolore. Alcune persone hanno tuttavia provato dolore o fastidio. Ciò può essere dovuto alle terminazioni nervose nude che vengono a contatto con l’acidità del miele (32). L’eliminazione dell’infezione osservata quando il miele viene applicato a una ferita può riflettere più delle semplici proprietà antibatteriche.

Recenti ricerche dimostrano che la proliferazione dei linfociti B e dei linfociti T del sangue periferico nella coltura cellulare è stimolata dal miele a concentrazioni fino allo 0,1%; ei fagociti sono attivati ​​dal miele a concentrazioni fino allo 0,1% (24).

In uno studio, il miele naturale ha aumentato significativamente il rilascio di fattore di necrosi tumorale-α (TNF-α), interleuchina (IL) -1β e IL-6 dalle cellule MonoMac-6 (e monociti umani) che attivano la risposta immunitaria alle infezioni.

Pertanto, è stato suggerito che l’effetto del miele sulla guarigione delle ferite possa essere in parte correlato alla stimolazione delle citochine infiammatorie dalle cellule monocitiche (18, 25, 64, 65). Inoltre, la medicazione al miele ha vantaggi economici per il paziente. La rapida guarigione riduce la degenza ospedaliera, il materiale per la medicazione ei costi chirurgici (35).

Malattie del tratto gastrointestinale

È stata segnalata la somministrazione orale di miele per trattare e proteggere da infezioni gastrointestinali come gastriti, duodeniti e ulcerazioni gastriche causate da batteri e rotavirus (66-70). L’attaccamento dei batteri alle cellule epiteliali della mucosa è considerato l’evento iniziale nello sviluppo di infezioni batteriche del tratto gastrointestinale.

Bloccare l’attaccamento di microrganismi patogeni all’epitelio intestinale rappresenta una potenziale strategia per la prevenzione delle malattie. Alnaqdy  et al  (2005) hanno dimostrato che la prevenzione dell’aderenza batterica causata dal miele era attraverso l’effetto sui batteri, piuttosto che sulle cellule epiteliali.

Ci sono diverse possibili spiegazioni per la prevenzione dell’aderenza batterica dimostrata dal miele: (a) inibizione meccanica non specifica forse attraverso il rivestimento dei batteri da parte del miele; (b) alcune delle frazioni, all’interno del miele, possono alterare la carica elettrostatica batterica o l’idrofobicità che sono stati segnalati come fattori importanti nell’interazione dei batteri con le cellule ospiti (70-72) o (c) l’uccisione dei batteri a causa del fattori antibatterici precedentemente menzionati nel miele (70).

La diarrea e la gastroenterite si risolvono rapidamente con il miele (32, 67, 73). Alla concentrazione del 5% (v / v), il miele ha diminuito la durata della diarrea nei casi di gastroenterite batterica rispetto al gruppo che utilizzava lo zucchero nel liquido di ricambio.

Nessun cambiamento è stato osservato nella gastroenterite virale. Nel fluido di reidratazione, il miele aggiunge potassio e acqua senza aumentare l’assorbimento di sodio. Aiuta anche a riparare la mucosa intestinale danneggiata, stimola la crescita di nuovi tessuti e agisce come un agente antinfiammatorio (32).

Nasutia  et al  (2006) hanno dimostrato che il pretrattamento orale del miele (2 g / kg) previene le lesioni gastriche indotte dall’indometacina, la permeabilità microvascolare e l’attività della mieloperossidasi dello stomaco (74). H. Pylori  risulta essere sensibile al miele con un livello mediano di attività antibatterica a causa della presenza di perossido di idrogeno ad una concentrazione del 20% (32, 68).

Per la valutazione delle proprietà citoprotettive gastriche del miele naturale, la perfusione dello stomaco con miele isotonico ha determinato una marcata riduzione dell’area delle lesioni causate dall’etanolo (75). Inoltre, è stato suggerito che il miele naturale abbia proprietà curative per la guarigione delle ulcere antrali e possa essere usato come il sucralfato nella gestione dell’ulcera peptica (76).

Infezioni fungine

È stato segnalato che il miele ha effetti inibitori sui funghi. Il miele puro inibisce la crescita dei funghi e il miele diluito sembra in grado di inibire la produzione di tossine (13). È stata inoltre osservata un’azione antimicotica per alcuni lieviti e specie di Aspergillus e Penicillium, oltre che per tutti i comuni  dermatofiti  (25, 77).

La candidosi, causata da  Candida albicans , può rispondere al miele (78, 32). Si è scoperto che le micosi cutanee e superficiali come la tigna e il piede d’atleta rispondono al miele. Questa reattività è in parte dovuta all’inibizione della crescita fungina e in parte all’inibizione dell’infezione batterica (32).

Inoltre, alcuni studi hanno riportato che l’applicazione topica del miele era efficace nel trattamento della dermatite seborroica e della forfora (53, 79).

Effetti antivirali del miele

Oltre agli effetti antibatterici e antimicotici, il miele naturale ha mostrato un effetto antivirale. Al-Waili (2004) ha studiato l’effetto dell’applicazione topica del miele sugli attacchi ricorrenti di lesioni da herpes e ha concluso che l’applicazione topica del miele era sicura ed efficace nella gestione dei segni e dei sintomi delle lesioni ricorrenti da herpes labiale e genitale rispetto all’aciclovir crema (80)  È stato anche segnalato che il miele ha effetti inibitori sull’attività del virus della rosolia (13).

Oftalmologia e miele

Il miele è utilizzato in tutto il mondo per il trattamento di varie condizioni oftalmologiche come blefarite, cheratite, congiuntivite, lesioni corneali, ustioni chimiche e termiche agli occhi (45, 81). In uno studio, con l’applicazione topica di miele come unguento, in 102 pazienti con disturbi oculari non responsivi, è stato osservato un miglioramento nell’85% dei pazienti e nel restante 15% non è stata osservata alcuna progressione della malattia. L’applicazione del miele nella congiuntivite infettiva ha ridotto arrossamento, gonfiore, secrezione di pus e tempo per l’eradicazione batterica (32, 78, 80).

Miele  come fonte di carboidrati

Il miele è una miscela naturale di fruttosio-glucosio insieme ad alcuni oligosaccaridi, proteine, vitamine e minerali. Alcuni studi hanno dimostrato che il miele è un’efficace fonte di carboidrati per gli atleti prima e dopo l’allenamento di resistenza e durante l’esercizio di resistenza (32).

Miele e diabete

L’uso del miele nel diabete di tipo I e di tipo II è stato associato a un indice glicemico significativamente inferiore rispetto al glucosio o al saccarosio nel diabete normale. Il miele rispetto al destrosio ha causato un aumento significativamente inferiore dei livelli di glucosio plasmatico nei soggetti diabetici.

Ha anche causato una riduzione dei lipidi nel sangue, dei livelli di omocisteina e della proteina C-reattiva (PCR) in soggetti normali e iperlipidemici (32, 40). In precedenti osservazioni, è stato scoperto che il miele stimola la secrezione di insulina, riduce i livelli di glucosio nel sangue, aumenta la concentrazione di emoglobina e migliora il profilo lipidico (13).

Miele come conservante alimentare e prebiotico

Si è scoperto che il perossido di idrogeno e i componenti non perossido come gli antiossidanti inibiscono la crescita di  Shigella, Listeria monocytogenes e  Staph. aureus  aiuta nella conservazione degli alimenti. Il Clostridium botulinum  tuttavia può essere presente in piccole quantità nel miele. Ha un buon potenziale per essere utilizzato come fonte naturale di antiossidanti per ridurre gli effetti negativi della doratura dei polifenoli ossidasi nella lavorazione di frutta e verdura (32, 82).

Un prebiotico è un integratore alimentare non digeribile che modifica l’equilibrio della microflora intestinale stimolando la crescita e l’attività degli organismi benefici e sopprimendo i batteri potenzialmente deleteri.

Il miele risulta essere un dolcificante adatto nei prodotti a base di latte fermentato senza inibire la crescita di batteri comuni come lo  streptococco.  thermophilus, Lactobacillus acidophilus,  Lacto. delbruekii e Bifidobacterium bifidum  che sono importanti per il mantenimento della salute del tratto gastrointestinale. Anche il miele è aumentato e ha sostenuto la crescita del  bifidobatterio  (32, 83), dovuto principalmente alla presenza di una varietà di oligosaccaridi (1, 11, 32).

Effetti antinfiammatori del miele

In una recente indagine, è stato riportato che il miele riduce le attività della cicloossigenasi-1 e della cicloossigenasi-2, mostrando così effetti antinfiammatori (84). Il miele mostra anche attività immunomodulatorie (85).

Inoltre, l’ingestione di miele naturale diluito ha mostrato un effetto di riduzione sulle concentrazioni di prostaglandine come PGE 2 , PGF   e trombossano B 2  nel plasma di individui normali (19)). Le lesioni trattate con miele mostrano meno edema, infiltrazione di meno cellule granulari e mononucleate, meno necrosi, migliore contrazione della ferita, migliore epitelizzazione e basse concentrazioni di glicosaminoglicani e proteoglicani.

Inoltre, riduce l’infiammazione e l’essudazione, favorisce la guarigione, riduce le dimensioni della cicatrice e stimola la rigenerazione dei tessuti (19). È stato anche segnalato che il miele cura l’eczema, la psoriasi e la forfora (19, 85). In un modello infiammatorio di colite, il miele era efficace quanto il trattamento con prednisolone (16).

I farmaci per il trattamento dell’infiammazione hanno gravi limitazioni: i corticosteroidi sopprimono la crescita dei tessuti e sopprimono la risposta immunitaria, e i farmaci antinfiammatori non steroidei sono dannosi per le cellule, specialmente nello stomaco.

Ma il miele ha un’azione antinfiammatoria priva di effetti collaterali negativi (44). I nostri dati di laboratorio generati di recente e non pubblicati suggeriscono che il miele è in grado di inibire i parametri infiammatori, l’angiogenesi, nonché di mostrare potenti attività inibitorie contro TNF-α e PGE 2  nel modello di infiammazione a sacca d’aria.

Attività antiossidante del miele

Oggi sappiamo bene che i radicali provocano trasformazioni molecolari e mutazioni geniche in molti tipi di organismi. È noto che lo stress ossidativo causa molte malattie (86) e gli scienziati di molte discipline diverse si sono interessati maggiormente alle fonti naturali che potrebbero fornire componenti attivi per prevenire o ridurre i suoi impatti sulle cellule (47, 87, 88).

Il miele naturale contiene molti flavonoidi (come apigenina, pinocembrina, kaempferol, quercetina, galangina, crisina ed esperetina), acidi fenolici (come acidi ellagico, caffeico, p-cumarico e ferulico), acido ascorbico, tocoferoli, catalasi, superossido dismutasi, glutatione ridotto, prodotti di reazione di Maillard e peptidi. La maggior parte dei composti di cui sopra lavorano insieme per fornire un effetto antiossidante sinergico (4 – 6). Quindi, è stato suggerito che il miele, come antiossidante naturale, possa servire come alternativa ad alcuni conservanti come il tripolifosfato di sodio nella conservazione degli alimenti per ritardare l’ossidazione dei lipidi (4).

L’origine botanica del miele ha la maggiore influenza sulla sua attività antiossidante, mentre la lavorazione, la manipolazione e la conservazione influiscono solo in misura minore sull’attività antiossidante del miele (7, 89-92). L’attività antiossidante è fortemente correlata al contenuto di fenoli totali (7, 45, 9, 92–94).

Inoltre, è stata trovata una forte correlazione tra l’attività antiossidante e il colore del miele. Molti ricercatori hanno scoperto che il miele scuro ha un contenuto fenolico totale più elevato e di conseguenza una maggiore capacità antiossidante (89, 92, 95).

Blasa  et al  (2007) hanno dimostrato che l’attività antiossidante si trovava sia nella frazione etere che in quella dell’acqua, indicando che i flavonoidi del miele possono essere disponibili in vari comparti del corpo umano dove possono esercitare diversi effetti fisiologici (96).

Proprietà dei composti fenolici del miele

I composti fenolici sono uno dei più importanti gruppi di composti presenti nelle piante, comprendenti almeno 8000 differenti strutture note (48, 97). È stato riferito che questi composti mostrano attività anticancerogene, antinfiammatorie, antiaterogene, antitrombotiche, immunomodulanti e analgesiche, tra le altre, ed esercitano queste funzioni come antiossidanti (48, 98).

I composti fenolici del miele sono acidi fenolici e flavonoidi, considerati potenziali marcatori dell’origine botanica del miele (7, 48, 99). Le attività antiossidanti dei fenoli sono correlate a una serie di meccanismi diversi, come l’eliminazione dei radicali liberi, la donazione di idrogeno, la tempra dell’ossigeno singoletto, la chelazione di ioni metallici e la funzione di substrato per radicali come il superossido e l’idrossile (47).

Malattia cardiovascolare

La cardiopatia ischemica (IHD) causa più decessi e disabilità e comporta costi economici maggiori rispetto a qualsiasi altra malattia nel mondo sviluppato (100). Le aritmie e l’infarto del miocardio (IM) sono manifestazioni gravi di IHD. Nel corso di cardiochirurgia e IM, le aritmie ventricolari come la tachicardia ventricolare e la fibrillazione ventricolare sono le cause più importanti di mortalità (100).

Nella gestione di tali condizioni, la terapia farmacologica (specialmente i farmaci antiaritmici) può salvare la vita. D’altra parte, i rischi dei farmaci antiaritmici (come le aritmie letali in alcuni pazienti) hanno portato a una limitazione della somministrazione di farmaci antiaritmici (101).

Quindi, c’è una tendenza a usare farmaci che hanno meno effetti negativi e più efficacia. Il miele naturale è stato applicato per scopi medicinali sin dall’antichità (102), tuttavia, nel caso di malattie cardiovascolari, la maggior parte degli studi precedenti sono stati condotti su animali e si sono concentrati principalmente sugli effetti del miele contro i fattori di rischio cardiovascolare come l’iperlipidemia e la produzione di radicali liberi (103-106).

Gli antiossidanti presenti nel miele includono vitamina C, monofenolici, flavonoidi e polifenoli. L’assunzione regolare di flavonoidi è associata a un ridotto rischio di malattie cardiovascolari. Una vasta gamma di composti fenolici è presente nel miele che ha effetti promettenti nel trattamento delle malattie cardiovascolari.

Nella malattia coronarica (CHD), gli effetti protettivi dei composti fenolici includono principalmente antitrombotici, anti-ischemici, antiossidanti e vasorilassanti. Si suggerisce che i flavonoidi riducano il rischio di malattia coronarica mediante tre azioni principali: migliorare la vasodilatazione coronarica, diminuire la capacità di coagulazione delle piastrine nel sangue e prevenire l’ossidazione delle LDL (107).

In 38 individui in sovrappeso, è stato studiato l’effetto del miele naturale su colesterolo totale, LDL-C, colesterolo lipoproteico ad alta densità (HDL-C), triacilglicerolo, proteina C-reattiva (CRP), glicemia a digiuno e peso corporeo. I risultati hanno mostrato che l’assunzione di 70 g di miele naturale per 30 giorni ha causato una riduzione del colesterolo totale, LDL-C, triacilglicerolo e CRP ( P <0,05).

Gli autori hanno concluso che il miele naturale riduce i fattori di rischio cardiovascolare, in particolare nei soggetti con fattori di rischio elevati, e non aumenta il peso corporeo nei soggetti in sovrappeso o obesi (106).

Gli effetti dell’ingestione di 75 g di miele naturale rispetto alla stessa quantità di miele artificiale (fruttosio più glucosio) sono stati studiati nell’uomo. L’aumento di insulina e PCR era significativamente più alto dopo l’assunzione di glucosio rispetto al consumo di miele.

Inoltre, il miele ha ridotto il colesterolo, il C-LDL e il TG e il C-HDL leggermente elevato. Nei pazienti con ipertrigliceridemia, il miele artificiale ha aumentato i TG, mentre il miele ha diminuito i TG. Nei pazienti con iperlipidemia, il miele artificiale ha aumentato il C-LDL, mentre il miele ha diminuito il C-LDL. Nei pazienti diabetici, il miele rispetto al destrosio ha causato un aumento significativamente inferiore del glucosio plasmatico.

Il miele può contenere metaboliti dell’ossido nitrico (NO) e livelli aumentati di NO nel miele potrebbero avere una funzione protettiva nelle malattie cardiovascolari (108).

Il miele ha anche diminuito la pressione sanguigna venosa, che può ridurre il precarico del cuore e di conseguenza può diminuire la congestione nel sistema venoso (6).

Najafi  et al  (2008) hanno dimostrato effetti profilattici del miele naturale come agente precondizionante farmacologico sulle lesioni indotte da ischemia / riperfusione (I / R), dove perfusione a breve termine della soluzione di Krebs arricchita con miele naturale per 10 minuti prima e 10 minuti dopo ischemia sono state perfuse nel cuore di ratto isolato (109).

I risultati di un altro   studio in vitro hanno mostrato che la somministrazione orale cronica di miele naturale (per 45 giorni) produce potenti effetti anti-aritmici e anti-infarto nel ratto (110). In uno studio, il pretrattamento di ratti normali o stressati anestetizzati con miele naturale (5 g / kg) per 1 ora prima dell’iniezione di adrenalina (100 mcg / kg) potrebbe proteggerli dalla disfunzione vasomotoria indotta dall’adrenalina e dai disturbi cardiaci e preservare l’inotropo positivo effetto dell’adrenalina.

Gli autori hanno concluso che il miele naturale potrebbe causare i suoi effetti cardioprotettivi e terapeutici contro la disfunzione cardiaca e vasomotoria indotta dall’adrenalina direttamente ( attraverso la  sua elevata capacità antiossidante totale e gli antiossidanti enzimatici e non enzimatici, oltre alle sue sostanziali quantità di elementi minerali come magnesio, sodio, e cloro) e / o indirettamente stimolando il rilascio di ossido nitrico dall’endotelio attraverso l’influenza della vitamina C (6).

Il miele ha anche inibito lo stress ossidativo che può essere in parte responsabile della sua attività neuroprotettiva contro   la morte cellulare in vitro e   l’ischemia cerebrale focale in vivo (111). Per quanto riguarda l’esistenza di molti composti organici con attività antiossidante e di lavaggio dei radicali nella composizione del miele, sembra che il miele abbia la potenziale capacità di servire come importante fonte di antiossidanti naturali nella nutrizione umana (112). Inoltre, per quanto riguarda l’effetto antinfiammatorio, il miele provoca una riduzione dei tessuti di necrosi (38, 113).

Altri effetti del miele

L’effetto positivo del miele come agente anticancerogeno è riportato in alcuni studi (32, 114, 115). Il miele ha mostrato attività antineoplastica nel cancro della vescica sperimentale (22). Il miele naturale può svolgere un ruolo importante nel trattamento del dolore al petto, della stanchezza e delle vertigini. Ciò è probabilmente dovuto all’elevato contenuto energetico nutrizionale del miele che fornisce calorie immediatamente disponibili dopo il consumo (45). I benefici del miele sono stati osservati anche nel dolore da estrazione dentale e nell’infezione o nella carie dovuta alla xerostomia indotta dalle radiazioni (32,114, 115).

È stato dimostrato che il miele è un agente molto efficace per fissazioni di innesti cutanei a spessore parziale e può essere facilmente utilizzato (14). In un’indagine condotta nel Burkina Faso centrale, è emerso che gli abitanti locali usano il miele a scopo terapeutico per il trattamento di disturbi respiratori, morbillo, dolori mestruali, disturbi postnatali, impotenza maschile e faringite a causa dei suoi effetti antibatterici e antinfiammatori (45) . È stato anche segnalato che il miele mostra effetti anti-leishmaniali  in vitro  (13).

In uno studio, il consumo giornaliero di miele ha mostrato una varietà di effetti benefici sugli indici ematologici, sui livelli ematici di minerali ed enzimi e sul sistema endocrino (85). In un altro studio, il miele orale ha stimolato la produzione di anticorpi durante le risposte immunitarie primarie e secondarie contro gli antigeni timo-dipendenti e indipendenti dal timo (13).

Secondo Guerrini  et al  (2009) il miele di api senza pungiglione agisce come un agente protettivo contro i danni al DNA e potrebbe rappresentare una prova interessante in relazione alla determinata capacità antiossidante (116).

Kilicoglu  et al  (2008) hanno esaminato gli effetti del miele sullo stress ossidativo e sull’apoptosi nell’ittero ostruttivo sperimentale e hanno scoperto che il miele diminuisce gli effetti negativi della legatura dei dotti biliari sull’ultrastruttura epatica. Questo effetto potrebbe essere dovuto alle sue attività antiossidanti e antinfiammatorie (117).

In un altro studio, la somministrazione di miele ha indagato sul  danno epatico da N- etilmaleimide (indotto da NEM) nei ratti. NEM è un bloccante sulfidrile che altera il sistema antiossidante dipendente dal sulfidrile (principalmente glutatione) nell’organismo.

I risultati implicano che l’esaurimento della concentrazione di glutatione gioca un ruolo causale nel danno epatico indotto da NEM e che l’effetto epatoprotettivo del miele può essere mediato attraverso processi sensibili ai solfidrilici (118).

Nel carcinoma epatocellulare il miele può essere considerato promettente con inibizione della proliferazione, dell’attività proteasica e dell’attività gelatinasi delle cellule HepG2 in modo indipendente (119).

Zaid  et al  (2010) hanno dimostrato che il miele ha effetti benefici sui ratti in menopausa prevenendo l’atrofia uterina, l’aumento della densità ossea e la soppressione dell’aumento del peso corporeo. Hanno concluso che il miele potrebbe essere un’alternativa alla terapia ormonale sostitutiva ( 120 ).

Effetti negativi del miele

Il miele è relativamente privo di effetti negativi. L’applicazione topica del miele può provocare una sensazione di bruciore transitoria. Altrimenti è descritto in diverse forme come lenitivo, allevia il dolore, non irritante e un cambio di medicazione indolore. L’allergia al miele è rara, ma potrebbe esserci una reazione allergica al polline o alle proteine ​​delle api nel miele.

Un’applicazione eccessiva di miele può portare alla disidratazione dei tessuti che può essere comunque ripristinata con impacchi salini. Il rischio teorico di aumento dei livelli di glucosio nel sangue può essere sempre presente quando applicato a ferite aperte di grandi dimensioni nei diabetici. Il rischio di botulismo della ferita, dovuto alla presenza di spore di  Clostridia , può essere ridotto al minimo mediante irradiazione gamma che ucciderà le spore di Clostridia senza alcuna perdita di attività antibatterica (32, 121).

Osservazioni conclusive

Ad oggi, i ricercatori prestano maggiore attenzione ai farmaci di origine naturale e ritengono che i prodotti naturali possano essere terapie efficaci rispetto alle droghe sintetiche. Uno dei prodotti naturali più importanti è il miele, che è stato utilizzato per diversi scopi medicinali fin dall’antichità.

Oltre al ruolo importante del miele nella medicina tradizionale, gli scienziati accettano anche il miele come una nuova medicina efficace per molti tipi di malattie.

L’effetto più noto del miele è l’attività antibatterica. È stato anche segnalato che il miele mostra un effetto inibitorio su lieviti, funghi, leishmaniosi e alcuni virus. L’applicazione topica del miele è stata efficacemente utilizzata su lesioni mucocutanee come lesioni genitali, ustioni cutanee superficiali e ferite post-operatorie.

Inoltre, il miele è stato utilizzato in alcuni stati gastrointestinali, cardiovascolari, infiammatori e neoplastici. La capacità antiossidante del miele che gioca un ruolo importante nei suoi effetti utili, legati a un’ampia gamma di composti tra cui fenolici, peptidi, acidi organici, enzimi e prodotti di reazione di Maillard.

Riferimenti

  1. Chow J. Probiotics and prebiotics: a brief overview. J Ren Nutr. 2002;12:76–86. [PubMed] [Google Scholar]
  2. White JW. Composition of honey. In: Crane E, editor. Honey: A Comprehensive Survey. London: Heinemann; 1979. pp. 157–192. [Google Scholar]
  3. Alvarez-Suarez JM, Tulipani S, Romandini S, Bertoli E, Battino M. Contribution of honey in nutrition and human health: a review. Mediterr J Nutr Metab. 2010;3:15–23. [Google Scholar]
  4. Johnston JE, Sepe HA, Miano CL, Brannan RG, Alderton AL. Honey inhibits lipid oxidation in ready-to-eat ground beef patties. Meat Sci. 2005;70:627–631. [PubMed] [Google Scholar]
  5. Turkmen N, Sari F, Poyrazoglu ES, Velioglu YS. Effects of prolonged heating on antioxidant activity and colour of honey. Food Chem. 2006;95:653–657. [Google Scholar]
  6. Rakha MK, Nabil ZI, Hussein AA. Cardioactive and vasoactive effects of natural wild honey against cardiac malperformance induced by hyperadrenergic activity. J Med Food. 2008;11:91–98. [PubMed] [Google Scholar]
  7. Al-Mamary M, Al-Meeri A, Al-Habori M. Antioxidant activities and total phenolics of different types of honey. Nutr Res. 2002;22:1041–1047. [Google Scholar]
  8. Zumla A, Lulat A. Honey: a remedy rediscovered. J R Soc Med. 1989;82:384–385. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]
  9. Chowdhury M. Honey: is it worth rubbing it in? J Rl Soc Med. 1999;92:663–664. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]
  10. Ali AT, Chowdhury MN, Al Humayyd MS. Inhibitory effect of natural honey on Helicobacter pylori. Trop Gastroenterol. 1991;12:139–143. [PubMed] [Google Scholar]
  11. Ezz El-Arab AM, Girgis SM, Hegazy ME, Abd El-Khalek AB. Effect of dietary honey on intestinal microflora and toxicity of mycotoxins in mice. BMC Complement Altern Med. 2006;6:1–13. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]
  12. Al-Jabri AA. Honey, milk and antibiotics. Afr J Biotechnol. 2005;4:1580–1587. [Google Scholar]
  13. Al-Waili NS, Haq A. Effect of honey on antibody production against thymus-dependent and thymus-independent antigens in primary and secondary immune responses. J Med Food. 2004;7:491–494. [PubMed] [Google Scholar]
  14. Emsen IM. A different and safe method of split thickness skin graft fixation: Medical honey application. Burns. 2007;33:782–787. [PubMed] [Google Scholar]
  15. Jeffrey AE, Echazarreta CM. Medical uses of honey. Rev Biomed. 1996;7:43–49. [Google Scholar]
  16. Bilsel Y, Bugra D, Yamaner S, Bulut T, Cevikbas U, Turkoglu U. Could honey have a place in colitis therapy? Effects of honey, prednisolone and disulfiram on inflammation, nitric oxide, and free radical formation. Dig Surg. 2002;19:306–311. [PubMed] [Google Scholar]
  17. Medhi B, Puri A, Upadhyay S, Kaman L. Topical application of honey in the treatment of wound healing: a meta analysis. JK Sci . 2008;10:166–169. [Google Scholar]
  18. Tonks AJ, Cooper RA, Jones KP, Blair S, Parton J, Tonks A. Honey stimulates inflammatory cytokine production from monocytes. Cytokine. 2003;21:242–247. [PubMed] [Google Scholar]
  19. Al-Waili NS, Boni NS. Natural honey lowers plasma prostaglandin concentrations in normal individuals. J Med Food. 2003;6:129–133. [PubMed] [Google Scholar]
  20. Ahmad A, Alam Khan R, Mesaik MA. Anti inflammatory effect of natural honey on bovine thrombin-induced oxidative burst in phagocytes. Phytother Res. 2009;23:801–808. [PubMed] [Google Scholar]
  21. Hegazi AG, Abd El-Hady FK. Influence of honey on the suppression of human low density lipoprotein (LDL) peroxidation (in vitro) Evid Based BMC Complement Altern Med. 2009;6:113–121. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]
  22. Sewllam T, Miyanaga N, Onozawa M, Hattori K, Kawari K, Shimazui T, Akaza H. Antineoplastic activity of honey in an experimental bladder cancer implantation model: in vivo and in vitro studies. Int J Urol. 2003;10:213–219. [PubMed] [Google Scholar]
  23. Moundoi MA, Padila-Zakour OI, Worobo RW. Antimicrobial activity of honey against food pathogens and food spoilage microorganisms. NYSAES. 2001;1:61–71. [Google Scholar]
  24. Olaitan PB, Adeleke EO, Ola OI. Honey: a reservoir for microorganisms and an inhibitory agent for microbes. Afr Health Sci. 2007;7:159–165. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]
  25. Sampath Kumar KP, Bhowmik D, Chiranjib , Biswajit , Chandira MR. Medicinal uses and health benefits of Honey: An overview. J Chem Pharm Res . 2010;2:385–395. [Google Scholar]
  26. Rashed MN, Soltan ME. Major and trace elements in different types of Egyptian mono-floral and non-floral bee honeys. J Food Compos Anal. 2004;17:725–735. [Google Scholar]
  27. Lachman J, Kolihová D, Miholová D, Košata J, Titěra D, Kult K. Analysis of minority honey components: Possible use for the evaluation of honey quality. Food Chem. 2007;101:973–979. [Google Scholar]
  28. Lee DC, Lee SY, Cha SH, Choi YS, Rhee HI. Discrimination of native bee-honey and foreign bee-honey by SDS–PAGE. Korean J Food Sci. 1998;30:1–5. [Google Scholar]
  29. Jagdish T, Joseph I. Quantification of saccharides in multiple floral honeys using fourier transform infrared microattenuated total reflectance spectroscopy. J Agri Food Chem. 2004;52:3237–3243. [PubMed] [Google Scholar]
  30. Won S-R, Li C-Y, Kim J-W, Rhee H-I. Immunological characterization of honey major protein and its application. Food Chem. 2009;113:1334–1338. [Google Scholar]
  31. Honey. [26 June 2012]. Available at: http://en.wikipedia.org/wiki/Honey.
  32. Bansal V, Medhi B, Pandhi P. Honey -A remedy rediscovered and its therapeutic utility. Kathmandu Univ Med J. 2005;3:305–309. [PubMed] [Google Scholar]
  33. Telles S, Puthige R, Visweswaraiah NK. An Ayurvedic basis for using honey to treat herpes. Med Sci Monit. 2007;13:LE17–17. [PubMed] [Google Scholar]
  34. Honey in history. [23 October 2008]. Available at: http://www.mapi.com/newsletters/maharishi_ayurveda/august_2008.
  35. Zumla A, Lulat A. Honey –a remedy rediscovered. J Royal Soc Med. 1989;82:384–385. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]
  36. Honey – Egypt. [26 June 2012]. Available at: http://www.honey-health.com/honey-34.shtml.
  37. Molan PC. Why honey is effective as a medicine. 1. Its use in modern medicine. Bee World. 1999;80:80–92. [Google Scholar]
  38. Asadi-Pooya A, Pnjehshahin MR, Beheshti S. The antimycobacterial effect of honey: an in vitro study. Riv Biol. 2003;96:491–496. [PubMed] [Google Scholar]
  39. Dustmann JH. Antibacterial effect of honey. Apiacta. 1979;14:7–11. [Google Scholar]
  40. Al-Waili NS. Natural honey lowers plasma glucose, c-reactive protein, homocysteine, and blood lipids in healthy, diabetic, and hyperlipidemic subjects: comparison with dextrose and sucrose. J Med Food. 2004;7:100–107. [PubMed] [Google Scholar]
  41. Natarajan S, Williamson D, Grey J, Harding KG, Cooper RA. Healing of an MRSA-colonized, hydroxyurea-induced leg ulcer with honey. J Dermatolog Treat . 2001;12:33–36. [PubMed] [Google Scholar]
  42. Chambers J. Topical manuka honey for MRSA-contaminated skin ulcers. Pal Med. 2006;20 [PubMed] [Google Scholar]
  43. Maeda Y, Loughrey A, Earle JAF, Millar BC, Rao J, Kearns A, et al. Antibacterial activity of honey against community-associated methicillin-resistant Staphylococcus aureus (CA-MRSA) Complement Ther Clin Pract. 2008;14:77–82. [PubMed] [Google Scholar]
  44. Molan PC. Why honey is effective as a medicine. 2. The scientific explanation of its effects. Bee World. 2001;82(1):22–40. [Google Scholar]
  45. Meda A, Lamien EC, Millogo J, Romito M, Nacoulma OG. Ethnopharmacological communication therapeutic uses of honey and honeybee larvae in central Burkina Faso. J Ethnopharmacol. 2004;95:103–107. [PubMed] [Google Scholar]
  46. Simon A, Traynor k, Santos k, Blaser G, Bode U, Molan P. Medical honey for wound care—still the ‘latest resort’? eCAM . 2007:1–9. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]
  47. Küçük M, Kolayl S, Karaoğlu Ş, Ulusoy E, Baltacı C, Candan F. Biological activities and chemical composition of three honeys of different types from Anatolia. Food Chem. 2007;100:526–534. [Google Scholar]
  48. Estevinho L, Pereira AP, Moreira L G. Dias L, Pereira E. Antioxidant and antimicrobial effects of phenolic compounds extracts of Northeast Portugal honey. Food Chem Toxicol. 2008;46:3774–3779. [PubMed] [Google Scholar]
  49. Shin H, Ustunol Z. Carbohydrate composition of honey from different floral sources and their influence on growth of selected intestinal bacteria. Food Res Inter. 2005;38:721–728. [Google Scholar]
  50. Basualdo C, Sgroy V S, Finola M M, Marioli J. Comparison of the antibacterial activity of honey from different provenance against bacteria usually isolated from skin wounds. Veter Microbiol. 2007;124:375–381. [PubMed] [Google Scholar]
  51. Molan PC. Not all honeys are the same for wound healing. Eur Tissue Repair Soc Bull. 2002;9:5–6. [Google Scholar]
  52. Efem SEE. Clinical observations on the wound healing properties of honey. Br J Surg. 1988;75:679–681. [PubMed] [Google Scholar]
  53. Al-Waili NS. Mixture of honey, bees wax and olive oil inhibits growth of staphylococcus aureus and candida albicans. Arch Med Res. 2005;36:10–13. [PubMed] [Google Scholar]
  54. Molan PC. A brief review of the use of honey as a clinical dressing. Primary Intention. 1998;6:148–158. [Google Scholar]
  55. Molan PC, Brett M. Honey has potential as a dressing for wounds infected with MRSA. The second Australian wound management association conference. Australia: Brisbane; 1998. [Google Scholar]
  56. Khan FR, Ul Abadin Z, Rauf N. Honey: nutritional and medicinal value. Inte J Clin Pract. 2007;61:1705–1707. [PubMed] [Google Scholar]
  57. Dunford C, Cooper R, Molan PC. Using honey as a dressing for infected skin lesions. Nurs Times. 2000;96:7–9. [PubMed] [Google Scholar]
  58. Subrahmanyam M. Topical application of honey in treatment of burns. Br J Surg. 1991;78:497–498. [PubMed] [Google Scholar]
  59. Gurdal M, Yucebas E, Tekin A, Beysel M, Aslan R, Sengor F. Predisposing factors and treatment outcome in Fournier’s gangrene. Analysis of 28 cases. Urol Int. 2003;70:286–290. [PubMed] [Google Scholar]
  60. Cavanagh D, Beazley J, Ostapowicz F. Radical operation for carcinoma of the vulva. A new approach to wound healing. J Obstet Gynaecol Br Commonw. 1970;77:1037–1040. [PubMed] [Google Scholar]
  61. Van der Weyden EA. The use of honey for the treatment of two patients with pressure ulcers. Br J Community Nurs . 2003;8:S14–20. [PubMed] [Google Scholar]
  62. Subrahmanyam M. Storage of skin grafts in honey. Lancet. 1993;341:63–64. [PubMed] [Google Scholar]
  63. Motallebnejad M, Akram S, Moghadamnia A, Moulana Z, Omodi S. The effect of topical application of pure honey on radiation-induced mucositis: A randomized clinical trial. J Contemp Dent Pract. 2008;9:1–9. [PubMed] [Google Scholar]
  64. Abuharfeil N, Al-Oran R, Abo-Shehada M. The effect of bee honey on the proliferative activity of human B- and T-lymphocytes and the activity of phagocytes. Food Agri Immun. 1999;11:169–177. [Google Scholar]
  65. Tonks A, Cooper RA, Price AJ, Molan PC, Jones KP. Stimulation of TNF-alpha release in monocytes by honey. Cytokine. 2001;14:240–242. [PubMed] [Google Scholar]
  66. Tallet S, Mackkenzie C, Middleton P, Kerzner B, Hamilton R. Clinical, laboratory and epidemiologic features of viral gastroenteritis in infants and children. Paediatrics. 1977;60:217–222. [PubMed] [Google Scholar]
  67. Haffejee I, Moosa AE. Honey in the treatment of infantile gastroenteritis. Br Med J. 1985;290:1866–1867. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]
  68. Somal N, Coley K, Molan P, Hancock B. Susceptibility of Helicobacter pylori to the antibacterial activity of Manuka honey. J Royal Soc Med. 1994;87:9–12. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]
  69. Topham J. Why do some cavity wounds treated with honey or sugar paste heal without scarring? J Wound Care . 2002;11:53–55. [PubMed] [Google Scholar]
  70. Alnaqdy A, Al-Jabri A, Al Mahrooqi Z, Nzeako B, Nsanze H. Inhibition effect of honey on the adherence of Salmonella to intestinal epithelial cells in vitro. Int J Food Microbiol. 2005;103:347–351. [PubMed] [Google Scholar]
  71. Edebo L, Kohlstrom E, Magnusson K, Stendahl O. The hydrophobic effect and charge effects in the adhesion of enterobacteria to animal cell surfaces and the influences of antibodies of different immunoglobulin classes. In: Curtis A, Pitts H, editors. Cell Adhesion and Motility. Cambridge: Cambridge University Press; pp. 65–101. [Google Scholar]
  72. Sakai D. Adhesion of Aeromonas salmonicida strains associated with net electrostatic changes of host tissue cells. Infect Immun. 1987;55:704–710. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]
  73. Obi CL, Ugoji EO, Edun SA, Lawal SF, Anyiwo CE. The antibacterial effect of honey on diarrhoea causing bacterial agents isolated in Lagos, Nigeria. Afr J Med Sci. 1994;23:257–260. [PubMed] [Google Scholar]
  74. Nasutia C, Gabbianellib R, Falcionib G, Cantalamessa F. Antioxidative and gastroprotective activities of anti-inflammatory formulations derived from chestnut honey in rats. Nut Res. 2006;26:130–137. [Google Scholar]
  75. Gharzouli K, Amira S, Gharzouli A, Khennouf S. Gastroprotective effects of honey and glucose-fructose-sucrose-maltose mixture against ethanol-, indomethacin-, and acidified aspirin-induced lesions in the rat. Exp Toxicol Pathol . 2002;54:217–221. [PubMed] [Google Scholar]
  76. Ali ATM. Natural honey accelerates healing of indomethacin-induced antral ulcers in rats. Saudi Med J . 1995;16:161–166. [Google Scholar]
  77. Brady NF, Molan PC, Harfoot CG. The sensitivity of dermatophytes to the antimicrobial activity of manuka honey and other honey. J Pharm Sci. 1997;2:1–3. [Google Scholar]
  78. Obaseiki-Ebor EE, Afonya TCA. In vitro evaluation of the anticandidiasis activity of honey distillate (HY-1) compared with that of some antimycotic agents. J Pharm Pharmacol. 1984;36:283–284. [PubMed] [Google Scholar]
  79. Al-Waili NS. Therapeutic and prophylactic effects of crude honey on chronic seborrheic dermatitis and dandruff. Eur J Med Res. 2001;6:306–308. [PubMed] [Google Scholar]
  80. Al-Waili NS. Investigating the antimicrobial activity of natural honey and its effects on the pathogenic bacterial infections of surgical wounds and conjunctiva. J Med Food . 2004;7:210–222. [PubMed] [Google Scholar]
  81. Shenoy R, Bialasiewicz A, Khandekar R, Al Barwani B, Al Belushi H. Traditional medicine in Oman: its role in ophthalmology. Middle East Afr J Ophthalmol. 2009;16:92–96. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]
  82. Chen L, Mehta A, Berenbaum M, Zangerl AR, Engeseth NJ. Honeys from different floral sources as inhibitors of enzymatic browning in fruit and vegetable homogenates. J Agri Food Chem. 2000;48:4997–5000. [PubMed] [Google Scholar]
  83. Sanz ML, Polemis N, Morales V, Corzo N, Drakoularakou A, Gibson GR, Rastall RA. In vitro investigation into the potential prebiotic activity of honey oligosaccharides. J Agri Food Chem. 2005;53:2914–2921. [PubMed] [Google Scholar]
  84. Markelov VV, Trushin MV. Bee venom therapy and low dose naltrexone for treatment of multiple sclerosis. Nepal J Neurosci . 2006;3:71–77. [Google Scholar]
  85. Al-Waili NS. Effects of daily consumption of honey solution on hematological indices and blood levels of minerals and enzymes in normal individuals. J Med Food . 2003;6:135–140. [PubMed] [Google Scholar]
  86. Storz G, Imlay JA. Oxidative stress. Cur Opin Microbiol. 1999;2:188–194. [PubMed] [Google Scholar]
  87. Ulubelen A, Topcu G, Tan N, Ölçal S, Johansson C, Üçer M. Biological activities of a Turkish medicinal plant, Prangos platychlaena. J. Ethnopharmacol. 1995;45:193–197. [PubMed] [Google Scholar]
  88. Yan X, Murphy BT, Hammond GB, Vinson JA, Neto CC. Antioxidant activities and antitumor screening of extracts from cranberry fruit (Vaccinium macrocarpon) J Agri Food Chem. 2002;50:5844–5849. [PubMed] [Google Scholar]
  89. Frankel S, Robinson GE, Berenbaum MR. Antioxidant capacity and correlated characteristics of 14 unifloral honeys. J Apicul Res. 1998;37:27–31. [Google Scholar]
  90. Gheldof N, Engeseth NJ. Antioxidant capacity of honeys from various floral sources based on the determination of oxygen radical absorbance capacity and inhibition of invitro lipoprotein oxidation in human serum samples. J Agri Food Chem. 2002;50:3050–3055. [PubMed] [Google Scholar]
  91. Gheldof N, Wang XH, Engeseth NJ. Identification and quantification of antioxidant components of honeys from various floral sources. J Agri Food Chem. 2002;50:5870–5877. [PubMed] [Google Scholar]
  92. Beretta G, Granata P, Ferrero M, Orioli M, Maffei Facino R. Standardization of antioxidant properties of honey by a combination of spectrophotometric/fluorimetric assays and chemometrics. Anal Chim Acta. 2005;533:185–191. [Google Scholar]
  93. Aljadi AM, Kamaruddin MY. Evaluation of the phenolic contents and antioxidant capacities of two Malaysian floral honeys. Food Chem. 2004;85:513–518. [Google Scholar]
  94. Blasa M, Candiracci M, Accorsi A, Piacentini MP, Albertini MC, Piatti E. Raw Millefiori honey is packed full of antioxidants. Food Chem. 2006;97:217–222. [Google Scholar]
  95. Bertoncelj J, Doberšek U, Jamnik M, Golob T. Evaluation of the phenolic content, antioxidant activity and color of Slovenian honey. Food Chem. 2007;105:822–828. [Google Scholar]
  96. Blasa M, Candiracci M, Accorsi A, Piacentini MP, Piatti E. Honey flavonoids as protection agents against oxidative damage to human red blood cells. Food Chem. 2007;104:1635–1640. [Google Scholar]
  97. Bravo L. Polyphenols: chemistry, dietary sources, metabolism and nutritional significance. Nut Rev. 1998;56:317–333. [PubMed] [Google Scholar]
  98. Vinson JA, Hao Y, Su X, Zubik L. Phenol antioxidant quantity and quality in foods: vegetables. J Agric Food Chem. 1998;46:3630–3634. [Google Scholar]
  99. Yao L, Datta N, Tomás-Barberán FA, Ferreres F, Martos I, Singanusong R. Flavonoids, phenolic acids and abscisic acid in Australian and New Zealand Leptospermum honeys. Food Chem. 2003;81:159–168. [Google Scholar]
  100. Selwyn AP, Braunwald E. Ischemic heart diseases. In: Kasper LD, Fauci SA, editors. Harrison’s Principles of Internal Medicine. 16th ed. New York: The McGraw-Hill companies; 2004. pp. 1434–1444. [Google Scholar]
  101. Hume JR, Grant AO. Agents used in cardiac arrhythmias. In: Katzung BG, editor. Basic and Clinical Pharmacology. 10th ed. San Francisco: The McGraw-Hill companies; 2007. pp. 211–216. [Google Scholar]
  102. Ahmed AK, Hoekstra MJ, Hage JJ, Karim RB. Honey-medicated dressing: transformation of an ancient remedy into modern therapy. Ann Plast Surg. 2003;50:143–147. [PubMed] [Google Scholar]
  103. Schramm DD, Karim M, Schrader HR, Holt RR, Cardetti M, Keen CL. Honey with high levels of antioxidants can provide protection to healthy human subjects. J Agric Food Chem. 2003;51:1732–1735. [PubMed] [Google Scholar]
  104. Chepulis LM. The effect of honey compared to sucrose, mixed sugars, and a sugar-free diet on weight gain in young rats. J Food Sci. 2007;72:S224–S229. [PubMed] [Google Scholar]
  105. Bahrami M, Ataie-Jafari A, Hosseini S, Forouzanfar M, Rahmani M, Pajouhi M. Effects of natural honey consumption in diabetic patients: an 8-week randomized clinical trial. Int J Food Sci Nutr . 2008;2:1–9. [PubMed] [Google Scholar]
  106. Yaghoobi N, Al-Waili N, Ghayour-Mobarhan M, Parizadeh SMR, Abasalti Z, Yaghoobi Z, et al. Natural honey and cardiovascular risk factors; effects on blood glucose, cholesterol, triacylglycerole, CRP and body weight compared with sucrose. Sci World J . 2008;8:463–469. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]
  107. Khalil MI, Sulaiman SA. The potential role of honey and its polyphenols in preventing heart diseases: a review. Afr J Tradit Complement Altern Med . 2010;7:315–321. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]
  108. Bogdanov S Jurendic T, Sieber R, Gallmann P. Honey for nutrition and health: A Review. J Am Coll Nutr . 2008;27:677–689. [PubMed] [Google Scholar]
  109. Najafi M, Eteraf-Oskouei T, Rafie F, Mahdizadeh-Aghdam E. Effects of pharmacologic preconditioning by natural honey on arrhythmias and infarct size in isolated heart. Pharm Sci J. 2008;4:1–11. [Google Scholar]
  110. Najafi M, Shaseb E, Ghaffary S, Fakhrju A, Eteraf-Oskouei T. Effects of chronic oral administration of natural honey on ischemia/reperfusion-induced arrhythmias in isolated rat heart. Iran J Basic Med Sci. 2011;14:75–81. [Google Scholar]
  111. Shimazawa M, Chikamatsu S, Morimoto N, Mishima S, Nagai H, Hara H. Neuroprotection by Brazilian green propolis against in vitro and in vivo ischemic neuronal damage. eCAM. 2005;2:201–7. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]
  112. Zalibera M, Stasko A, Slebodova A, Jancovicova V, Cermakova T, Brezova A. Antioxidant and radical-scavenging activities of Slovak honeys – An electron paramagnetic resonance study. Food Chem. 2008;110:512–521. [PubMed] [Google Scholar]
  113. Johnson DW, Eps CV, Mudge DW, Joan Wiggins K, Armstrong K, Hawley CM, et al. Randomized, controlled trial of topical exit-site application of honey versus mupirocin for the prevention of catheter-associated infections in hemodialysis patients. J Am Soc Nephr. 2005;16:1456–1462. [PubMed] [Google Scholar]
  114. Sela MO, Shapira L, Grizim I, Lewinstein I, Steinberg D, Gedalia I, Grobler SR. Effects of honey consumption on enamel microhardness in normal versus xerostomic patients. J Oral Rehabil. 1998;25:630–634. [PubMed] [Google Scholar]
  115. Molan PC. The potential of honey to promote oral wellness. Gen Dent . 2001;49:584–589. [PubMed] [Google Scholar]
  116. Guerrini A, Bruni R, Maietti S, Poli F, Rossi D, Paganetto G, et al. Ecuadorian stingless bee (Meliponinae) honey: A chemical and functional profile of an ancient health product. Food Chem. 2009;114:1413–1420. [Google Scholar]
  117. Kilicoglu B, Gencay C, Kismet K, Serin Kilicoglu S, Erguder I, Erel S, et al. The ultrastructural research of liver in experimental obstructive jaundice and effect of honey. Am J Surg. 2008;195:249–256. [PubMed] [Google Scholar]
  118. Korkmaz A, Kolankaya D. Anzer honey prevents N-ethylmaleimide-induced liver damage in rats. Exp Toxicol Pathol . 2009;61:333–337. [PubMed] [Google Scholar]
  119. Abdel Aziz A, Rady HM, Amer MA, Kiwan HS. Effect of Some honey bee extracts on the proliferation, proteolytic and gelatinolytic activities of the hepatocellular carcinoma Hepg2 cell line. Aus J Basic Appl Sci. 2009;3:2754–2769. [Google Scholar]
  120. Zaid SM, Sulaiman SA, Sirajudeen NM, Othman NH. The effects of tualang honey on female reproductive organs, tibia bone and hormonal profile in ovariectomised rats – animal model for menopause. BMC Complement Altenr Med. 2010;10 [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]
  121. Molan PC, Allen KL. The effect of gamma irradiation on the antibacterial activity of honey. J Pharm Pharmacol. 1996;48:1206–1209. [PubMed] [Google Scholar]

More information: Hibatullah Abuelgasim et al. Effectiveness of honey for symptomatic relief in upper respiratory tract infections: a systematic review and meta-analysis, BMJ Evidence-Based Medicine (2020). DOI: 10.1136/bmjebm-2020-111336

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.