I bambini possono dispensare SARS-CoV-2 anche se non sviluppano mai sintomi o per molto tempo dopo che i sintomi sono scomparsi

0
295

Una nuova ricerca suggerisce che i bambini possono eliminare SARS-CoV-2, il virus che causa COVID-19 , anche se non sviluppano mai sintomi o per molto tempo dopo che i sintomi sono scomparsi.

Ma rimangono molte domande sul significato della popolazione pediatrica come vettori di questa malattia a volte mortale, secondo un commento invitato dai medici del Children’s National Hospital che accompagna questo nuovo studio pubblicato online il 28 agosto 2020 su JAMA Pediatrics.

L’editoriale commissionato, scritto da Roberta L. DeBiasi, MD, MS, chief of the Division of Pediatric Diseases, e Meghan Delaney, DO, MPH, chief of the Division of Pathology and Lab Medicine, fornisce informazioni importanti sul ruolo che i bambini potrebbero svolgere nella diffusione di COVID-19 mentre le comunità continuano a sviluppare strategie di salute pubblica per regnare in questa malattia.

Lo studio che ha scatenato questo commento si è concentrato su 91 pazienti pediatrici seguiti in 22 ospedali in tutta la Corea del Sud.

“A differenza del sistema sanitario americano, coloro che risultano positivi al COVID-19 in Corea del Sud rimangono in ospedale fino a quando non risolvono le loro infezioni anche se non sono sintomatiche”, spiega il dott. DeBiasi.

I pazienti qui sono stati identificati per il test tramite tracciamento del contatto o lo sviluppo di sintomi.

Circa il 22% non ha mai sviluppato sintomi, il 20% inizialmente era asintomatico ma ha sviluppato i sintomi successivamente e il 58% era sintomatico al test iniziale. Nel corso dello studio, gli ospedali in cui sono rimasti questi bambini hanno continuato a testarli in media ogni tre giorni, fornendo un quadro di quanto tempo si protrae la diffusione virale nel tempo.

I risultati dello studio mostrano che la durata dei sintomi variava ampiamente, da tre giorni a quasi tre settimane.

C’è stata anche una significativa diffusione del tempo in cui i bambini hanno continuato a trasmettere il virus e potrebbero essere potenzialmente infettivi.

Mentre il virus è stato rilevabile per una media di circa due settimane e mezzo nell’intero gruppo, una parte significativa dei bambini – circa un quinto dei pazienti asintomatici e circa la metà di quelli sintomatici – stava ancora emettendo virus a il segno delle tre settimane.

Drs. DeBiasi e Delaney scrivono nel loro commento che lo studio sottolinea diversi punti importanti che si aggiungono alla base di conoscenza su COVID-19 nei bambini.

Uno di questi è il gran numero di pazienti asintomatici, circa un quinto del gruppo seguito in questo studio.

Un altro è che i bambini, un gruppo ampiamente pensato per sviluppare una malattia per lo più lieve che passa rapidamente, possono mantenere i sintomi per settimane.

Un terzo e importante punto, dicono, è la durata dello spargimento virale. Anche i bambini asintomatici hanno continuato a diffondere il virus per molto tempo dopo i test iniziali, rendendoli potenziali vettori chiave.

Tuttavia, affermano gli autori del commento, nonostante questi importanti risultati, lo studio solleva diverse domande.

Uno riguarda il collegamento tra test e trasmissione. Un “positivo” o un “negativo” qualitativo sulle piattaforme di test potrebbe non riflettere necessariamente l’infettività, con alcuni aspetti positivi che riflettono frammenti di materiale genetico che potrebbero non essere in grado di far ammalare qualcuno o negativi che riflettono bassi livelli di virus che possono ancora essere infettivi.

L’affidabilità dei test può essere ulteriormente limitata dagli stessi tester, con il campionamento lungo diverse porzioni del tratto respiratorio o anche da diversi membri del personale che porta a diversi risultati di laboratorio.

Non è anche noto se gli individui asintomatici stiano perdendo quantità diverse di virus rispetto a quelli con sintomi, uno svantaggio dei test qualitativi eseguiti dalla maggior parte dei laboratori. Inoltre, il test solo per il virus attivo invece degli anticorpi ignora il vasto numero di individui che potrebbero aver avuto e eliminato un’infezione asintomatica o lieve, un fattore importante per comprendere l’immunità della mandria.

Infine, Drs. DeBiasi e Delaney sottolineano che lo studio ha testato solo la diffusione virale dalle vie respiratorie anche se più studi hanno rilevato il virus in altri fluidi corporei, comprese le feci.

Non è noto quale ruolo queste altre fonti potrebbero svolgere nella diffusione di questa malattia.

Drs. DeBiasi e Delaney notano che ciascuno di questi risultati e ulteriori domande potrebbero influire sugli sforzi di salute pubblica che vengono continuamente sviluppati e perfezionati per portare COVID-19 sotto controllo negli Stati Uniti e in tutto il mondo.

Children’s National ha aggiunto la propria ricerca a questi sforzi, con studi in corso per valutare come procedono le infezioni da SARS-CoV-2 nei bambini, incluso il modo in cui gli anticorpi si sviluppano sia a livello individuale che di popolazione.

“Ciascuna di queste informazioni che noi, i nostri collaboratori e altri scienziati in tutto il mondo stiamo lavorando per raccogliere”, afferma il dott. DeBiasi, “è fondamentale per lo sviluppo di politiche che rallenteranno il tasso di trasmissione virale nella nostra comunità”.


Epidemiologia I
bambini e i giovani possono soffrire della malattia COVID-19?

La malattia COVID-19 è stata segnalata in bambini e giovani di tutte le età, anche subito dopo la nascita.1 2 3 Ci sono stati molti meno casi confermati di malattia COVID-19 nei bambini rispetto agli adulti (i bambini costituiscono costantemente l’1-5% numero totale di casi nei rapporti) 4 5 6 7 8 9 10 11

Non possiamo essere certi di quanti bambini nella comunità siano stati infettati da SARS-CoV-2 in assenza di studi diffusi e di alta qualità sulla sorveglianza del siero, ma sembra sempre più probabile che ci siano relativamente pochi bambini infettati da SARS-CoV-2 e soffrono quindi della malattia COVID-19 nella comunità.4 12 13 14

COVID-19 colpisce bambini e giovani allo stesso modo degli adulti?

L’infezione da SARS-CoV-2 sembra avere un decorso più lieve nei bambini rispetto agli adulti: la maggior parte dei bambini infetti presenta sintomi lievi o è asintomatica, 1 4 8 15 16 17 18 19 20 e pochissimi (circa l’1%) sviluppano sintomi gravi o malattie potenzialmente letali.9 21 22 23 In assenza di test sierologici o di comunità diffusi, non è chiaro quale sia la proporzione con i sintomi subclinici.

I decessi infantili dovuti al COVID-19 sono stati estremamente rari: la mortalità sembra essere costante intorno allo 0,01% (simile all’incidenza osservata ogni anno con l’influenza stagionale) .15 21

Trasmissione

È probabile che i bambini acquisiscano COVID-19 come gli adulti?

Evidenze emergenti suggeriscono che i bambini potrebbero avere meno probabilità di contrarre la malattia.4 12 13 21 24 25 26 27 28 29 30 31 32 Ciò è supportato nei paesi che hanno intrapreso test di comunità diffusi e dati di sierotrasmissione, dove numeri di casi significativamente più bassi nei bambini rispetto agli adulti.4 13 33

I bambini possono trasmettere il virus?

L’importanza dei bambini nella trasmissione del virus è difficile da stabilire, in particolare dato il numero di casi asintomatici34, ma vi sono alcune prove che il loro ruolo nella trasmissione del virus è limitato. Dettagli precisi sulla trasmissione pediatrica non possono essere confermati senza una diffusa sorveglianza sierologica, ma stanno emergendo tendenze.

Studi su più gruppi familiari hanno rivelato che era improbabile che i bambini fossero il caso indice, a Guangzhou, in Cina, in Israele e in altri paesi.30 35 36 37 38 39 40 Un bambino positivo alla SARS-CoV-2 in un gruppo nelle Alpi francesi no trasmettere il virus a chiunque altro, nonostante l’esposizione a più di 100 persone.41

Ci sono prove di trasmissione asintomatica dai bambini agli altri.12 30

Nei Paesi Bassi, dati separati dalle cure primarie e dagli studi sulle famiglie suggeriscono che la SARS-CoV-2 è diffusa principalmente tra gli adulti e dai membri adulti della famiglia ai bambini.14

Uno studio epidemiologico in cui sono stati esaminati 1155 contatti di sei casi positivi per COVID-19 in una scuola irlandese, non vi era evidenza di trasmissione secondaria di COVID-19 da bambini ad altri bambini o adulti.42

Questa è un’area in rapido sviluppo e gli attuali risultati pubblicati potrebbero non essere aggiornati. Lo aggiorneremo non appena saranno disponibili ulteriori informazioni.

Qual è la durata della diffusione virale nei tamponi nasofaringei o faringei?

La durata della diffusione virale (nei tamponi nasofaringei o faringei) è stata riportata nei bambini tra 6-22 giorni, 43 44 con una media riportata a 12 giorni43 rispetto alla mediana di otto giorni.44

I bambini possono trasmettere il virus attraverso le feci?

Diversi studi hanno ora dimostrato che SARS-CoV-2 può essere rilevato mediante PCR nelle feci dei bambini affetti per diverse settimane dopo la risoluzione dei sintomi; i tamponi fecali sono risultati positivi per una durata maggiore rispetto ai tamponi nasali, 44 45 46 con perdita di feci segnalata per più di 30 giorni.47 48

Ciò ha aumentato la possibilità di trasmissione fecale-orale. La ricerca dalla Germania non ha identificato alcun virus vivo e coltivabile nelle feci nonostante l’RNA virale sia rilevabile, suggerendo che questo rappresenta detriti virali piuttosto che virus attivo.49

Rapporti successivi, tuttavia, indicano che è stato identificato un virus infettivo nelle feci, 50 ma quanto e quanto contagioso non è ancora chiaro in quanto non è quantificato. Ciò suggerirebbe che la trasmissione fecale-orale è teoricamente possibile, ma avremmo bisogno di ulteriori prove per conoscerne veramente le ramificazioni. L’igiene delle mani rimane essenziale per ridurre la diffusione del virus da goccioline provenienti dal tratto respiratorio o gastrointestinale. Sono necessari ulteriori studi.

Caratteristiche cliniche e indagini
Quali sono i sintomi della malattia COVID-19?

La presentazione della malattia può variare da assenza di sintomi (asintomatica) a polmonite grave che richiede il ricovero dell’UIT.18 51 52 53 54 55 Quando ci sono caratteristiche cliniche, sono aspecifiche e simili ad altre infezioni respiratorie virali. Le caratteristiche di presentazione più comuni, presenti in più del 50% dei casi, sono la tosse e la febbre; i sintomi del tratto respiratorio superiore (come mal di gola e rinorrea) si verificano nel 30-40% dei pazienti; diarrea e vomito presenti in circa il 10% dei casi.1 5 23 43 44 48 49 51 54 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66

Ci sono segnalazioni di neonati che presentano febbre ma nessun sintomo respiratorio.67 I sintomi riportati meno comunemente includono dolori toracici, sonnolenza, convulsioni febbrili, dolori agli arti inferiori20 e manifestazioni oculari compatibili con congiuntivite virale. 68

Le differenze nelle risposte immunitarie possono avere un ruolo nell’influenzare la gravità dei sintomi.69

Per ulteriori informazioni sui sintomi della sindrome da risposta iperinfiammatoria, vedere “Può SARS-CoV-2 innescare una sindrome simile a Kawasaki” di seguito.

Ci sono segni che potrebbero aiutare a differenziare COVID-19 da altre infezioni virali respiratorie infantili?

Sembra che ci siano pochi segni clinici nei bambini per differenziare COVID-19 da altre infezioni da virus respiratorio infantile. Finora non ci sono state descrizioni certe del respiro sibilante con COVID-19 in letteratura.

Ci sono alcuni casi che indicano una possibile associazione con manifestazioni cutanee70 in pazienti con COVID-19 sospetto o confermato (ma si prega di notare che questa serie di casi non descrive l’età dei pazienti, quindi include gli adulti), che può persistere per qualche tempo una volta che gli altri sintomi si sono risolti e comprendono aree acrale di edema eritema con alcune vescicole o pustole, altre eruzioni vescicolari, lesioni orticarioidi, altre lesioni maculopapulari, livedo o necrosi.

Nei bambini sono stati riportati anche esantemi dermatologici, 71 lesioni papularmacolari72 e simili ai geloni associati a COVID-19.73 74 75 Il riscontro della presenza di SARS-CoV-2 nell’endotelio dei vasi dermici nelle biopsie cutanee di bambini e adolescenti con chillblains conferma che queste lesioni (chillblain) sono una manifestazione di COVID-19.76

Il SARS-CoV-2 può innescare una sindrome simile a Kawasaki?

Un fenomeno emergente di una sindrome da risposta iperinfiammatoria, simile allo shock Kawasaki, è stato segnalato in un caso di studio che descriveva un bambino di sei mesi che era stato trattato per Kawasaki e che successivamente è risultato positivo al test per SARS-CoV-2.77

Ulteriori studi sono stati segnalati nel Regno Unito, 78 79 inclusa una serie di casi che indicava che può simulare un’appendicite, con infiammazione dell’ileo terminale, 80 Italia81 82 e Francia, 83 nonché Stati Uniti65 84 85 86 87 88 e Lussemburgo.89

L’RCPCH ha prodotto una definizione di caso per questa sindrome multi infiammatoria pediatrica temporaneamente associata a SARS-CoV-2 (PIMS-TS) che può essere trovata qui. Il CDC ha successivamente denominato la stessa sindrome Sindrome infiammatoria multisistemica nei bambini (MIS-C) con una definizione di caso leggermente diversa.

I sintomi riportati includono dolore addominale, vomito e diarrea, con febbre di alto grado persistente e frequentemente progrediscono fino a shock con coinvolgimento cardiaco che richiedono il ricovero in terapia intensiva per supporto inotropo, ventilazione meccanica e, in un piccolo numero di pazienti, ECMO.90 91 92 93 I bambini tendono avere marcatori infiammatori elevati, coinvolgimento cardiaco, 94 ad esempio miocardite, 95 eruzioni papulari maculari e congiuntivite non suppurativa.93 96

Sono stati segnalati alcuni decessi.97

È stata ipotizzata una possibile associazione temporale con l’infezione da SARS-CoV-2 perché alcuni dei bambini testati per l’infezione da SARS-CoV-2 erano positivi alla PCR o alla sierologia. Il primo studio di sorveglianza epidemiologica del PIMS-TS in Francia supporta un collegamento casuale con COVID-19 dopo quattro-cinque settimane dalla malattia clinica.98

Uno dei rapporti più dettagliati di 58 bambini con diagnosi di PIMS-TS dimostra che può avere un ampio spettro di sintomi, segni e gravità e sovrapporsi con la malattia di Kawasaki (KD), la sindrome da shock KD (KDSS) e la sindrome da shock tossico (TSS) .

Le differenze nel profilo clinico e di laboratorio rispetto a KD, KDSS e TSS suggeriscono che PIMS-TS è un’entità unica, potenzialmente derivante da una risposta immunitaria acquisita disadattativa all’infezione SARS-CoV-2.93

Ulteriori informazioni possono essere trovate sulla gestione dei bambini che si presentano in questo modo. Il documento fornisce informazioni dettagliate su come includere i casi che potresti gestire in studi di ricerca, come lo studio DIAMONDS.

I bambini provenienti da un background BAME sono a più alto rischio di malattia grave da infezione acuta da COVID-19?

I bambini provenienti da un background BAME sembrano essere a più alto rischio di malattia grave da COVID-19,99 acuto, il che è coerente con la letteratura per adulti. I bambini BAME sono significativamente sovrarappresentati nei case report / serie di PIMS-TS.82 93

Quanto tempo dopo essere stato esposto a SARS-CoV-2 un bambino sviluppa sintomi?

Il periodo di incubazione ipotizzato (tempo dall’esposizione al caso indice allo sviluppo dei sintomi) varia in diversi studi: è stato riportato che è compreso tra 2-10 giorni, con mediana (e modalità) di sette giorni, 47 vs 24h – 28d, 63 rispetto alla media di 10 giorni (IQR 7,75 – 25,25) 62

Un bambino può essere asintomatico ma avere ancora COVID-19?

Sì, ci sono segnalazioni di casi asintomatici con COVID-19 positivo confermato in laboratorio. 15 23 35 57 100 101 In assenza di test sierologici o comunitari diffusi, non è chiaro quale percentuale di bambini non abbia sintomi o abbia sintomi sub-clinici. Il test su 120 pazienti affetti da cancro asintomatico in un centro oncologico degli Stati Uniti ha rivelato che il 2,5% è positivo (contro il 14,7% dei loro assistenti).

Quali sono le probabilità che gli esami del sangue e di imaging dei bambini con COVID-19 mostrino?

I risultati di laboratorio sono aspecifici e spesso normali. Possono includere marcatori infiammatori leggermente elevati, compresa la proteina c-reattiva, 23 e l’aumento delle transaminasi epatiche.43 57 Si osserva linfocitopenia, 3 63102 ma più bambini sembrano avere una conta linfocitaria aumentata o normale.36 43 53 54 57103104

Anche le indagini radiologiche nei bambini infetti sono spesso normali.43 61 64 Tuttavia, i risultati possono includere caratteristiche coerenti con la polmonite come le opacità del vetro smerigliato20 43 57102105106107108 o il consolidamento56 64 (comunemente bilaterale, ma con una predominanza periferica inferiore rispetto a quanto riferito negli adulti) e nei bambini positivi asintomatici sono state riscontrate alterazioni della TC.103

Sono stati segnalati diversi casi di coinfezione di SARS-CoV-2 e altri virus respiratori, il che dimostra che l’identificazione di un altro patogeno respiratorio non dovrebbe precludere il test SARS-CoV-2 nei bambini.

Se un tampone è negativo per l’infezione da COVID-19 è possibile che un bambino abbia l’infezione da COVID-19?

Sappiamo che praticamente nessun test è perfettamente sensibile (raccoglie correttamente tutte le persone con la malattia) o specifico (raccoglie correttamente tutte le persone che non hanno la malattia) e lo stesso vale per COVID-19. Il test utilizzato per confermare se qualcuno ha o meno un’infezione da COVID-19 utilizza tamponi dalla parte posteriore del naso e della gola.

Questi sono usati per cercare materiale genetico COVID-19 nelle cellule che sono state raccolte, utilizzando una tecnica chiamata reazione a catena della polimerasi della trascrittasi inversa (RT-PCR). È possibile avere ancora un’infezione da COVID-19 anche se la RT-PCR non rileva il materiale genetico COVID-19, in particolare all’inizio o molto tardi nella malattia.109

Non sappiamo ancora esattamente quanto sia sensibile o specifico il test RT-PCR nel rilevare COVID-19, ma se c’è un alto sospetto clinico di infezione se un secondo tampone migliora la sensibilità.

RT-PCR non ti dice se un bambino è stato infettato da COVID-19 in passato.

Sono in fase di sviluppo esami del sangue per rilevare se qualcuno ha o ha avuto un’infezione da COVID-19. Questi non sono stati ancora convalidati e non sono attualmente in uso nel Regno Unito. Una volta entrati nell’uso generale, forniranno maggiori informazioni sulla sensibilità e specificità dei tamponi e su quante persone hanno già avuto l’infezione da COVID-19.

Gruppi a rischio
Esistono gruppi a più alto rischio di sviluppare una grave malattia da COVID-19?

Ci sono alcune prove che riflettono un piccolo aumento del rischio di bambini con comorbidità che necessitano di ricovero ospedaliero o ricovero in terapia intensiva da COVID-19.110 I rapporti di bambini con immunosoppressione o terapia antitumorale non hanno dimostrato che sia un fattore di rischio significativo per la malattia grave 111 112 113 114 115 116 117

Il tracciamento dei contatti in un’unità di dialisi che ha avuto contatti con un membro del personale risultato positivo ha rilevato che tre bambini erano positivi, ma solo uno aveva sintomi.118 Un caso clinico di un bambino con fibrosi cistica che ha contratto COVID-19 da suo nonno, identificato sebbene il tracciamento dei contatti sia rimasto asintomatico.119

Esiste un caso clinico di polmonite COVID-19 che scatena la sindrome toracica acuta in un adolescente con anemia falciforme nota su idrossiurea quotidiana.120

Nello screening dei pazienti e degli operatori sanitari con cancro in uno dei più grandi centri oncologici pediatrici negli Stati Uniti, 20 dei 178 pazienti pediatrici sono risultati positivi. Solo uno (5%) ha richiesto il ricovero in ospedale per i sintomi di COVID-19, e nessuno ha richiesto cure critiche

I dati CDC dagli Stati Uniti riportano che un’alta percentuale di casi che necessitano di ricovero aveva almeno una comorbilità (più comunemente respiratoria) .5 Ulteriori dati dall’Italia18 e dagli Stati Uniti65 rilevano anche che i bambini con comorbilità sono sovrarappresentati tra quelli ammessi a ospedale, anche se la maggior parte di essi aveva una malattia lieve.

In particolare, non vi è alcuna apparente differenza di gravità in base all’età nei dati italiani, mentre i dati CDC5 hanno notato un aumento dell’ospedalizzazione nei neonati (sotto un anno di età) e Dong et al101 hanno notato tassi più elevati di neonati con malattie gravi o critiche al di sotto di un anno di età.

L’RCPCH ha fornito indicazioni per la necessità di schermatura in alcuni gruppi. Questa guida continua a essere rivista man mano che emergono nuove prove.

Quali sono le caratteristiche dei bambini ammessi in PICU?

La malattia grave è molto meno frequente nei bambini rispetto agli adulti, ma è ancora significativa in un numero molto limitato di bambini e giovani.121

I dati sui ricoveri in terapia intensiva in Italia hanno mostrato che una percentuale più alta di quelli ammessi in terapia intensiva ha avuto una comorbilità (3 bambini su 4 che necessitano di ricovero in terapia intensiva in questa serie di casi) .52

In uno studio trasversale su 46 PICU nordamericane, 122 48 bambini sono stati ammessi a 14 PICU, con un’età media di 13 anni (da 4,2 a 16,6). La maggior parte presentava sintomi respiratori, ma c’erano altre presentazioni, come crisi vaso-occlusiva (anemia falciforme) e chetoacidosi diabetica. Un totale di 40 bambini (83%) presentava almeno una condizione medica di base preesistente.

La comorbilità più comune era clinicamente complessa, definita come i bambini che avevano una dipendenza a lungo termine dal supporto tecnologico (inclusa la tracheotomia) associata a ritardo dello sviluppo e / o anomalie genetiche. Di questi, il 20% (di età pari o superiore a sei anni) aveva l’obesità, il 38% necessitava di ventilazione invasiva.

Per un paziente (2%) è stata richiesta l’ossigenazione extra corporea della membrana. Due bambini sono morti, quindi il tasso di mortalità globale in terapia intensiva è stato <5% (rispetto alle mortalità pubblicate del 50-62% negli adulti ammessi in terapia intensiva).

Per coloro che erano stati dimessi al momento della pubblicazione dell’articolo, la durata media (intervallo) della degenza in terapia intensiva era di cinque giorni (da tre a nove giorni) e la durata media della degenza in ospedale di sette giorni (da quattro a tredici giorni).

La Società Spagnola di Terapia Intensiva Pediatrica ha pubblicato i risultati di 50 bambini ricoverati in 47 PICU in Spagna (27 dei quali sospettati di PIMS-TS). Complessivamente, 12 (24%) avevano comorbidità e otto di questi richiedevano ventilazione meccanica (contro sei di coloro che non avevano comorbidità) .123

In sintesi, studi sui ricoveri in PICU negli Stati Uniti, in Italia e in Spagna hanno scoperto che quelli con comorbidità sono iper-rappresentati, più comunemente respiratori, neurodisabilità complessa – gruppi che sono altrimenti a maggior rischio di complicanze da tutti i virus respiratori. Non è chiaro se l’infezione da SARS-CoV-2 sia stata causale, contributiva o incidentale al ricovero in terapia intensiva (o addirittura acquisita dopo l’ammissione in terapia intensiva).

I tassi di complicanze dell’infezione da SARS-CoV-2 non sembrano sproporzionati rispetto a quelli di altri virus respiratori da questi primi dati.

Neonatale
I neonati sono a maggior rischio di malattie gravi?

Sono stati pubblicati molti casi clinici / serie che esaminano i risultati di madri incinte con COVID-19 e dei loro neonati. Le madri ei loro bambini in generale sembrano stare bene, con poche segnalazioni di neonati che richiedono il ricovero in terapia intensiva neonatale.124 125 In generale, i neonati senza comorbidità non sembrano essere a maggior rischio di malattia grave.126 127 128

Il COVID-19 può aumentare il rischio di parto pretermine, se la madre lo acquisisce alla fine del secondo o terzo trimestre?

C’è un piccolo aumento nei tassi di nascita pretermine e segnali di un aumento dei tassi di perdita fetale / parto morto.129 130 Tuttavia, la significatività statistica di questo non è chiara. Sebbene significativa, è probabile che l’entità dell’aumento non sia significativa.131

Il virus può essere trasmesso verticalmente?

Finora, il sangue del cordone ombelicale, il liquido amniotico e i tamponi placentari di madri positive al COVID-19 risultano costantemente negativi per SARS-CoV-2 e la stragrande maggioranza dei neonati non ha acquisito il COVID-19 o ha avuto esiti avversi. 112 113 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147

Ci sono alcuni casi di bambini partoriti da madri positive al COVID-19, che hanno un elevato livello di IgM SARS-CoV-2 dopo la nascita,

indicano la trasmissione intrauterina, ma ciò non è chiaro perché questi bambini sono risultati negativi alla PCR su tampone e falsi positivi con IgM non sono rari.148149 Ci sono stati anche casi di neonati e bambini molto piccoli risultati positivi subito dopo la nascita (inclusi diversi 129 150 ao prima delle 12 ore di età) 2 127 151 tuttavia non hanno sofferto di complicanze significative note della malattia e per lo più hanno richiesto un supporto respiratorio minimo.

Il virus può essere trasmesso o attraverso il latte materno?

Molte segnalazioni di latte materno da madri positive a COVID-19 hanno rilevato che il latte materno è risultato negativo per COVID-19. 3 113 128 144 152 153

Ci sono un piccolo numero di segnalazioni di RNA virale trovato nel latte materno, 154 155 ma non è chiaro se questo risultato positivo rifletta un virus infettivo vivo e se la fonte fosse la madre o il bambino che successivamente è risultato positivo al virus.

I dati successivi suggeriscono che la pastorizzazione elimina il virus dal latte materno e che il latte materno positivo alla PCR non sembra rappresentare un virus vivo e replicante.156 Sono necessari ulteriori studi su larga scala per trarre conclusioni definitive.

L’OMS continua a raccomandare l’allattamento al seno con adeguate precauzioni per le madri positive al COVID-19.

Avere COVID-19 in gravidanza causa problemi a lungo termine al bambino?

Al momento non disponiamo di prove sufficienti per trarre conclusioni al riguardo.

Terapie
Quali trattamenti sono disponibili per i bambini con COVID-19?

Per quelli senza malattie gravi, che saranno la maggior parte dei bambini, è appropriata una gestione di supporto (garantendo ossigenazione, idratazione e nutrizione). Per ulteriori informazioni, consultare la guida RCPCH sulla gestione clinica dei bambini ricoverati in ospedale con sospetto COVID-19.

Non ci sono farmaci benefici provati per COVID-19. Ci sono molti studi in corso: con il Regno Unito, c’è lo studio RECOVERY che ora sta reclutando neonati e bambini che sono gravemente malati di COVID-19.

Ci sono quattro “bracci” (idrossiclorochina, azitromicina, lopinavir-ritonavir e corticosteroide) per lo studio ei bambini potrebbero ricevere uno qualsiasi di questi trattamenti SE è adatto a loro (cioè il loro quadro clinico, altri farmaci ed eventuali comorbilità).

Ci sono alcune prove che Remdesivir, un altro trattamento antivirale, può aumentare il tempo necessario al miglioramento clinico negli adulti157 ed è disponibile per l’uso nei bambini (ma non fa parte dello studio RECOVERY).

Le strategie di trattamento per PIMS-TS sono attualmente in fase di revisione, ma le terapie che sono state impiegate fino ad oggi includono steroidi ad alto dosaggio, immunoglobuline per via endovenosa e terapie biologiche tra cui Anakinra e Tocilizumab.

Quali studi stanno attualmente iscrivendo bambini a sperimentazioni terapeutiche?

Per coloro che sviluppano malattie più gravi o critiche (criteri di trattamento RCPCH), per favore

prendere in considerazione l’arruolamento nello studio RECOVERY. Questo studio è aperto in molti siti, inclusi ospedali con e senza PICU in loco, e dall’11 maggio includerà i bambini fino a quelli appena nati. Include anche quelli con PIMS-TS.

Se stai pensando di iscrivere un bambino a RECOVERY, ti suggeriamo di verificare con il tuo team regionale di malattie infettive e guardare i video pertinenti e visualizzare le domande frequenti sul sito web dello studio.

Si prega di notare che sono disponibili video di formazione separati per bambini e neonati di età inferiore a 29 giorni.

Se sei ancora incerto sull’idoneità, c’è la possibilità per te di contattare un membro “di guardia” del team di studio per discutere ulteriormente, ma ti preghiamo di farlo solo se sei particolarmente incerto.

Se ritieni che sia indicato l’ingresso in RECOVERY, può avvenire nell’ospedale in cui il bambino è ricoverato – non devi aspettare che venga trasferito in un centro regionale.

È sicuro somministrare ibuprofene a un bambino che è risultato positivo al COVID-19 o è altamente probabile che sia positivo?

Non ci sono attualmente prove sufficienti per stabilire un legame tra l’uso di ibuprofene o altri farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) e la contrazione o il peggioramento del COVID-19. Sebbene un primo rapporto suggerisse che l’ibuprofene fosse associato a risultati peggiori, il lavoro successivo non lo ha supportato.

L’RCPCH ha rilasciato una dichiarazione sull’uso dell’ibuprofene in COVID-19 sospetto / confermato. Rimane un medicinale molto potente, sicuro ed efficace per ridurre la febbre e il dolore nei neonati, nei bambini, nei giovani e negli adulti.

Esiste un vaccino efficace?

Si spera che i vaccini forniscano protezione contro future epidemie di COVID-19, anche se questi sono ancora all’inizio della pipeline di sviluppo di farmaci e difficilmente saranno disponibili quest’anno.

Prognosi
Qual è la prognosi di un bambino che ha avuto COVID-19?

La prognosi a breve termine in coloro che guariscono sembra essere buona sia con i neonati158 che con i bambini che sembrano in gran parte guarire completamente.23 159

Ci sono complicazioni a lungo termine (in gruppi specifici) come ridotta tolleranza all’esercizio, ritardo dello sviluppo o peggioramento della funzione cardiaca?

Al momento non disponiamo di prove sufficienti per trarre conclusioni al riguardo.

Riassunto
Nei bambini, l’evidenza è ora chiara che COVID-19 è associato a un carico di morbilità e mortalità notevolmente inferiore rispetto a quello osservato negli anziani. Ci sono prove di malattie gravi e morte nei bambini, ma è raro.

Ci sono anche alcune prove che i bambini potrebbero avere meno probabilità di contrarre l’infezione. Il ruolo dei bambini nella trasmissione, una volta che hanno acquisito l’infezione, non è chiaro, sebbene non vi siano prove chiare che siano più contagiosi degli adulti.

I sintomi sono aspecifici e più comunemente tosse e febbre. Le indagini di laboratorio e radiologiche possono essere normali o leggermente alterate.

Ci sono alcune possibili prove di infezione nei neonati che potrebbero indicare una trasmissione verticale, ma non è chiaro se questa sia intrauterina o perinatale. Le prime prove suggeriscono che sia le madri infette che i neonati non sono particolarmente colpiti in modo più grave rispetto ad altri gruppi.

I bambini con comorbilità, in particolare la neurodisabilità respiratoria e complessa, sembrano avere maggiori probabilità di soffrire di complicazioni e necessitano di ricovero ospedaliero +/- PICU, ma ovviamente non più di quanto ci si aspetterebbe dall’infezione con altri virus respiratori.

In una serie di casi italiani160 e in un sondaggio istantaneo BPSU sono stati osservati ritardi nell’accesso alle cure e presentazioni tardive, a causa delle preoccupazioni per l’infezione da SARS-CoV-2.

LINK DI RIFERIMENTO: https://www.rcpch.ac.uk/sites/default/files/2020-07/covid-19_research-evidence-summaries_phase_1.pdf


Fornito da Children’s National Hospital

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.