COVID-19 vs influenza stagionale A e B: confronto delle caratteristiche cliniche

0
148

Con l’avvicinarsi dell’autunno, gli ospedali pediatrici inizieranno a vedere i bambini con influenza stagionale A e B. Allo stesso tempo, COVID-19 circolerà nelle comunità con l’influenza e altri virus respiratori, rendendo più difficile identificare e prevenire il nuovo coronavirus.

Con pochi dati pubblicati che confrontano direttamente le caratteristiche cliniche dei bambini con COVID-19 a quelli con influenza stagionale, i ricercatori del Children’s National Hospital hanno deciso di condurre uno studio di coorte retrospettivo sui pazienti dei due gruppi.

I loro risultati – pubblicati l’8 settembre su JAMA Network Open – li hanno sorpresi.

Lo studio – dettagliato nell’articolo “Confronto delle caratteristiche cliniche dei bambini statunitensi con COVID-19 rispetto all’influenza stagionale A e B” – non ha mostrato differenze statisticamente significative nei tassi di ospedalizzazione, ammissione all’unità di terapia intensiva e uso di ventilatore meccanico tra due gruppi.

L’altra scoperta inaspettata è stata che più pazienti con COVID-19 rispetto a quelli con influenza stagionale hanno riportato febbre, tosse, diarrea o vomito, mal di testa, dolori muscolari o dolori al petto al momento della diagnosi, afferma Xiaoyan Song, Ph.D., M. Sc., MB, ricercatore principale dello studio.

“Non me l’aspettavo quando stavo pensando di fare lo studio”, dice il dottor Song, direttore del controllo delle infezioni ed epidemiologia al Children’s National dal 2007 e professore di pediatria presso la George Washington University School of Medicine and Health Sciences .

“Ci sono voluti diversi round di riflessione e analisi dei dati per convincermi che questa fosse la conclusione.”

Dato che molto rimane sconosciuto su COVID-19, la scoperta dei ricercatori che i bambini con la malattia presentano più sintomi al momento della diagnosi è preziosa.

“È un buon spunto dal punto di vista della prevenzione e della pianificazione”, afferma il dottor Song. “Sottolineiamo sempre il riconoscimento precoce e l’isolamento precoce con COVID. Avere in mente un quadro clinico aiuterà i medici a diagnosticare i pazienti con sintomi del coronavirus “.

Lo studio ha incluso 315 bambini a cui è stato diagnosticato un COVID-19 confermato in laboratorio tra il 25 marzo 2020 e il 15 maggio 2020 e 1.402 bambini a cui è stata diagnosticata un’influenza stagionale confermata in laboratorio tra il 1 ° ottobre 2019 e giugno. 6, 2020, al Children’s National.

I pazienti asintomatici risultati positivi per COVID-19 durante l’ammissione o lo screening pre-procedurale sono stati esclusi dallo studio.

Dei 315 pazienti risultati positivi per COVID-19, il 52% era di sesso maschile, con un’età media di 8,4 anni. Di questi pazienti, 54 (17,1%) sono stati ospedalizzati, di cui 18 (5,7%) ricoverati in unità di terapia intensiva (ICU) e 10 (3,2%) che hanno ricevuto un trattamento con ventilatore meccanico.

Tra i 1.402 pazienti risultati positivi per l’influenza A o B, il 52% era di sesso maschile, con un’età media di 3,9 anni e 291 (21,2%) sono stati ospedalizzati, inclusi 143 per l’influenza A e 148 per l’influenza B. Novantotto pazienti (7,0%) sono stati ammessi in terapia intensiva e 27 (1,9%) hanno ricevuto supporto da ventilatore meccanico.

Lo studio ha mostrato una leggera differenza nell’età dei bambini ricoverati con COVID-19 rispetto a quelli ricoverati con influenza stagionale. I pazienti ricoverati con COVID-19 avevano un’età media di 9,7 anni rispetto a quelli ricoverati con influenza stagionale che avevano un’età mediana di 4,2 anni.

In entrambi i gruppi, la febbre era il sintomo più spesso riportato al momento della diagnosi, seguito da tosse. Una percentuale maggiore di pazienti ospedalizzati con COVID-19 rispetto a quelli ospedalizzati con influenza stagionale ha riportato febbre (76% vs 55%), tosse (48% vs 31%), diarrea o vomito (26% vs 12%), mal di testa (11% contro 3%), dolori muscolari / mialgia (22% contro 7%) e dolore al petto (11% contro 3%).

Più pazienti ospedalizzati con COVID-19 rispetto a quelli con influenza stagionale hanno riportato mal di gola o congestione (22% contro 20%) e mancanza di respiro (30% contro 20%), ma le differenze non erano statisticamente significative.

Durante il periodo di studio, i ricercatori hanno notato un brusco calo dei casi di influenza al Children’s National dopo che le scuole locali hanno chiuso a metà marzo e gli ordini di soggiorno a casa sono stati implementati circa due settimane dopo per combattere la diffusione nella comunità di COVID-19. La dottoressa Song afferma che l’impatto della chiusura delle scuole sulla diffusione del COVID-19 tra i bambini è la prossima area di studio per il suo gruppo di ricerca.

“Vogliamo valutare l’impatto quantitativo della chiusura delle scuole in modo da poter determinare a che punto il costo della chiusura delle scuole e della permanenza a casa supera il vantaggio di ridurre la trasmissione di COVID-19 e gli oneri sul sistema sanitario”, afferma.

Il dottor Song esorta i membri della comunità “prima di tutto a rimanere calmi ed essere forti. Ogni giorno impariamo cose nuove e preziose su questo virus, che a sua volta migliora le cure.

La collisione di influenza e COVID-19 questo autunno potrebbe significare un aumento dei ricoveri pediatrici. Ecco perché è importante fare il vaccino antinfluenzale, perché può aiutare a togliere dalla circolazione almeno un virus respiratorio “.


Segni e sintomi

Analogie:

Sia COVID-19 che l’influenza  possono avere segni e sintomi di vario grado, che vanno da nessun sintomo (asintomatico) a sintomi gravi. I sintomi comuni che COVID-19 e l’influenza condividono includono:

  • Febbre o sensazione di febbre / brividi
  • Tosse
  • Mancanza di respiro o difficoltà a respirare
  • Affaticamento (stanchezza)
  • Gola infiammata
  • Naso che cola o chiuso
  • Dolore muscolare o dolori muscolari
  • Mal di testa
  • Alcune persone possono avere vomito e diarrea, anche se questo è più comune nei bambini rispetto agli adulti

Differenze:

Influenza

I virus influenzali possono causare malattie da lievi a gravi, compresi i segni e i sintomi comuni sopra elencati.

Sintomi influenzali

L’influenza (influenza) può causare malattie da lievi a gravi e, a volte, può portare alla morte. L’influenza è diversa da un raffreddore. L’influenza di solito si manifesta all’improvviso. Le persone che hanno l’influenza spesso avvertono alcuni o tutti questi sintomi:

  • febbre * o sensazione di febbre / brividi
  • tosse
  • gola infiammata
  • naso che cola o chiuso
  • dolori muscolari o muscolari
  • mal di testa
  • affaticamento (stanchezza)
  • alcune persone possono avere vomito e diarrea, sebbene questo sia più comune nei bambini che negli adulti.

* È importante notare che non tutti coloro che hanno l’influenza avranno la febbre

Questo video include segni e sintomi comuni dell’influenza.

Complicazioni influenzali

La maggior parte delle persone che contraggono l’influenza guarirà da pochi giorni a meno di due settimane, ma alcune persone svilupperanno complicazioni (come la polmonite) a causa dell’influenza, alcune delle quali possono essere pericolose per la vita e provocare la morte.

Le infezioni del seno e dell’orecchio sono esempi di complicazioni moderate dell’influenza, mentre la polmonite è una grave complicanza influenzale che può derivare dalla sola infezione da virus influenzale o dalla coinfezione di virus influenzali e batteri. Altre possibili complicanze gravi scatenate dall’influenza possono includere infiammazione dei tessuti del cuore (miocardite), del cervello (encefalite) o dei muscoli (miosite, rabdomiolisi) e insufficienza multiorgano (ad esempio, insufficienza respiratoria e renale).

L’infezione da virus influenzale delle vie respiratorie può innescare una risposta infiammatoria estrema nel corpo e può portare alla sepsi, la risposta pericolosa per la vita del corpo alle infezioni. L’influenza può anche peggiorare i problemi medici cronici.

Ad esempio, le persone con asma possono sperimentare attacchi di asma mentre hanno l’influenza e le persone con malattie cardiache croniche possono sperimentare un peggioramento di questa condizione innescato dall’influenza.

Persone ad alto rischio di influenza

Chiunque può ammalarsi di influenza (anche persone sane) e gravi problemi legati all’influenza possono verificarsi a qualsiasi età, ma  alcune persone sono ad alto rischio di sviluppare gravi complicazioni legate all’influenza  se si ammalano.

Questo include persone di età pari o superiore a 65 anni, persone di qualsiasi età con determinate condizioni mediche croniche (come asma, diabete o malattie cardiache), donne incinte e bambini di età inferiore ai 5 anni, ma soprattutto quelli di età inferiore ai 2 anni. segnali di allarme di emergenza di influenza?

Le persone che manifestano questi segni premonitori dovrebbero ottenere immediatamente assistenza medica.

Nei bambini

  • Respirazione veloce o difficoltà a respirare
  • Labbra o viso bluastre
  • Costole che si tirano dentro ad ogni respiro
  • Dolore al petto
  • Grave dolore muscolare (il bambino si rifiuta di camminare)
  • Disidratazione (niente urina per 8 ore, secchezza delle fauci, niente lacrime quando si piange)
  • Non allertare o interagire quando è sveglio
  • Convulsioni
  • Febbre superiore a 104 ° F.
  • Nei bambini di età inferiore a 12 settimane, qualsiasi febbre
  • Febbre o tosse che migliorano ma poi ritornano o peggiorano
  • Peggioramento delle condizioni mediche croniche

Negli adulti

  • Difficoltà a respirare o mancanza di respiro
  • Dolore o pressione persistenti al torace o all’addome
  • Vertigini persistenti, confusione, incapacità di svegliarsi
  • Convulsioni
  • Non urinare
  • Grave dolore muscolare
  • Grave debolezza o instabilità
  • Febbre o tosse che migliorano ma poi ritornano o peggiorano
  • Peggioramento delle condizioni mediche croniche

Questi elenchi non sono esaustivi. Si prega di consultare il proprio medico per qualsiasi altro sintomo grave o preoccupante.

Segni e sintomiFreddoInfluenza (influenza)
Esordio dei sintomiGradualeBrusco
FebbreRaroSolito; dura 3-4 giorni
DoloriLeggeroSolito; spesso grave
BrividiRaroAbbastanza comune
Stanchezza, debolezzaQualche voltaSolito
StarnutiComuneQualche volta
Fastidio al torace, tosseDa lieve a moderato; tosse violentaComune; può essere grave
Naso chiusoComuneQualche volta
Gola infiammataComuneQualche volta
Mal di testaRaroComune

Sintomi del Coronavirus

Cosa hai bisogno di sapere

  • Chiunque può avere sintomi da lievi a gravi.
  • Gli anziani e le persone che hanno gravi condizioni mediche di base  come malattie cardiache o polmonari o diabete sembrano essere a maggior rischio di sviluppare complicazioni più gravi dalla malattia COVID-19.

Controlla i sintomi

Le persone con COVID-19 hanno riportato una vasta gamma di sintomi, che vanno da sintomi lievi a malattie gravi. I sintomi possono comparire  2-14 giorni dopo l’esposizione  al virus.  Le persone con questi sintomi possono avere COVID-19:

  • Febbre o brividi
  • Tosse
  • Mancanza di respiro o difficoltà a respirare
  • Fatica
  • Dolori muscolari o muscolari
  • Mal di testa
  • Nuova perdita del gusto o dell’olfatto
  • Gola infiammata
  • Congestione o naso che cola
  • Nausea o vomito
  • Diarrea

Questo elenco non include tutti i possibili sintomi. CDC continuerà ad aggiornare questo elenco man mano che apprenderemo di più su COVID-19. Quando cercare assistenza medica di emergenza

Cerca  i segnali di avvertimento di emergenza *  per COVID-19. Se qualcuno mostra uno di questi segni,  cerca  immediatamente assistenza medica di emergenza :

  • Problemi di respirazione
  • Dolore o pressione persistenti al petto
  • Nuova confusione
  • Incapacità di svegliarsi o rimanere svegli
  • Labbra o viso bluastre

* Questo elenco non contiene tutti i possibili sintomi. Chiama il tuo medico per qualsiasi altro sintomo grave o che ti riguarda.

Chiama il 911 o chiama in anticipo il tuo centro di emergenza locale:  informa l’operatore che stai cercando assistenza per qualcuno che ha o potrebbe avere COVID-19.

In che modo COVID-19 e i virus dell’influenza sono simili?

In primo luogo, COVID-19 e virus influenzali hanno una presentazione simile della malattia. Cioè, entrambi causano malattie respiratorie, che si presentano come una vasta gamma di malattie da malattie asintomatiche o lievi fino a malattie gravi e morte.

In secondo luogo, entrambi i virus vengono trasmessi per contatto, goccioline e fomiti. Di conseguenza, le stesse misure di salute pubblica, come l’igiene delle mani e una buona etichetta respiratoria (tossire nel gomito o in un fazzoletto e smaltire immediatamente il tessuto), sono azioni importanti che tutti possono intraprendere per prevenire l’infezione. Quali sono le differenze tra COVID-19 e virus influenzali?

La velocità di trasmissione è un importante punto di differenza tra i due virus. L’influenza ha un periodo di incubazione mediano più breve (il tempo dall’infezione alla comparsa dei sintomi) e un intervallo seriale più breve (il tempo tra casi successivi) rispetto al virus COVID-19.

L’intervallo seriale per il virus COVID-19 è stimato in 5-6 giorni, mentre per il virus influenzale l’intervallo seriale è di 3 giorni. Ciò significa che l’influenza può diffondersi più velocemente di COVID-19. 

Inoltre, la trasmissione nei primi 3-5 giorni di malattia, o la trasmissione potenzialmente presintomatica – la trasmissione del virus prima della comparsa dei sintomi – è uno dei principali fattori di trasmissione dell’influenza. Al contrario, mentre stiamo imparando che ci sono persone che possono eliminare il virus COVID-19 24-48 ore prima della comparsa dei sintomi, al momento, questo non sembra essere un importante fattore di trasmissione. 

Il numero riproduttivo – il numero di infezioni secondarie generate da un individuo infetto – è compreso tra 2 e 2,5 per il virus COVID-19, superiore a quello dell’influenza. Tuttavia, le stime sia per COVID-19 che per i virus influenzali sono molto contestuali e temporali, rendendo più difficili i confronti diretti.  

I bambini sono importanti motori della trasmissione del virus dell’influenza nella comunità. Per il virus COVID-19, i dati iniziali indicano che i bambini sono meno colpiti degli adulti e che i tassi di attacco clinico nella fascia di età 0-19 anni sono bassi.

Ulteriori dati preliminari provenienti da studi sulla trasmissione domestica in Cina suggeriscono che i bambini vengono infettati dagli adulti, piuttosto che viceversa.

Mentre la gamma di sintomi per i due virus è simile, la frazione con malattia grave sembra essere diversa. Per COVID-19, i dati fino ad oggi suggeriscono che l’80% delle infezioni sono lievi o asintomatiche, il 15% sono infezioni gravi, che richiedono ossigeno e il 5% sono infezioni critiche, che richiedono ventilazione. Queste frazioni di infezione grave e critica sarebbero superiori a quanto osservato per l’infezione influenzale.

Quelli più a rischio di infezione da influenza grave sono i bambini, le donne incinte, gli anziani, quelli con patologie croniche sottostanti e coloro che sono immunodepressi. Per COVID-19, la nostra comprensione attuale è che l’età avanzata e le condizioni sottostanti aumentano il rischio di infezioni gravi.

La mortalità per COVID-19 sembra più alta che per l’influenza, specialmente l’influenza stagionale. Mentre la vera mortalità di COVID-19 richiederà del tempo per comprendere appieno, i dati che abbiamo finora indicano che il rapporto di mortalità grezzo (il numero di morti segnalate diviso per i casi segnalati) è compreso tra il 3-4%, la mortalità per infezione tasso (il numero di decessi segnalati diviso per il numero di infezioni) sarà inferiore. Per l’influenza stagionale, la mortalità è generalmente ben al di sotto dello 0,1%. Tuttavia, la mortalità è in larga misura determinata dall’accesso e dalla qualità dell’assistenza sanitaria. 


Maggiori informazioni:  JAMA Network Open  (2020). DOI: 10.1001 / jamanetworkopen.2020.20495

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.