Il paracetamolo ti aiuta ad affrontare il mal di testa ma ti rende più disposto a correre dei rischi

0
89

Mentre il paracetamolo ti aiuta ad affrontare il mal di testa, potrebbe anche renderti più disposto a correre dei rischi, lo suggerisce un nuovo studio.

I ricercatori hanno scoperto che le persone che hanno preso il paracetamolo hanno valutato attività come “bungee jumping da un ponte alto” e “parlare di un problema impopolare in una riunione di lavoro” come meno rischiose delle persone che hanno assunto un placebo.

L’uso del farmaco ha anche portato le persone a correre più rischi in un esperimento in cui potevano guadagnare ricompense gonfiando un palloncino virtuale su un computer: a volte sono andati troppo oltre e il palloncino è scoppiato.

“Il paracetamolo sembra far provare alle persone meno emozioni negative quando considerano attività rischiose – semplicemente non si sentono così spaventate”, ha detto Baldwin Way, coautore dello studio e professore associato di psicologia presso la Ohio State University.

“Con quasi il 25 per cento della popolazione negli Stati Uniti che assume paracetamolo ogni settimana, una ridotta percezione del rischio e una maggiore assunzione di rischi potrebbero avere effetti importanti sulla società”.

Lo studio estende una serie di studi condotti da Way che hanno dimostrato che il paracetamolo – l’ingrediente principale dell’antidolorifico Tylenol e di quasi 600 altri medicinali – ha effetti psicologici che la maggior parte delle persone non considera quando lo assume.

Precedenti ricerche di Way e dei suoi colleghi hanno dimostrato che il paracetamolo riduce le emozioni positive e negative, inclusi i sentimenti feriti, l’angoscia per la sofferenza di un altro e persino la tua stessa gioia.

Way ha condotto l’attuale studio con Alexis Keaveney, un ex studente di dottorato presso l’Ohio State, ed Ellen Peters, un ex professore presso l’Ohio State che ora è presso l’Università dell’Oregon. Lo studio è stato pubblicato online sulla rivista Social Cognitive and Affective Neuroscience.

In uno studio, 189 studenti universitari sono venuti in un laboratorio e hanno assunto 1.000 mg di paracetamolo (il dosaggio raccomandato per il mal di testa) o un placebo che sembrava lo stesso. Dopo aver atteso che il farmaco avesse effetto, i partecipanti hanno valutato su una scala da 1 a 7 quanto pensavano fossero rischiose le varie attività.

I risultati hanno mostrato che coloro che sono sotto l’influenza del paracetamolo hanno valutato attività come il bungee jumping, tornare a casa da soli di notte in una zona pericolosa della città, iniziare una nuova carriera a metà degli anni ’30 e frequentare un corso di paracadutismo come meno rischioso di quelli che hanno preso il placebo.

Gli effetti del paracetamolo sull’assunzione di rischi sono stati testati anche in tre studi sperimentali separati.

In questi studi, 545 studenti universitari hanno preso parte a un’attività sviluppata nel 2002 che viene spesso utilizzata dai ricercatori per misurare il comportamento a rischio.

Altri ricercatori hanno dimostrato che assumersi più rischi in questo compito prediceva comportamenti rischiosi al di fuori del laboratorio, incluso l’uso di alcol e droghe, la guida senza cintura di sicurezza e il furto.

Nell’attività, i partecipanti fanno clic su un pulsante sul computer per gonfiare un palloncino sullo schermo del computer.

Ogni volta che lo gonfiano ricevono denaro virtuale. Possono fermarsi in qualsiasi momento e aggiungere i soldi alla loro “banca” e passare al fumetto successivo. Ma c’è del rischio.

“Mentre stai pompando il pallone, diventa sempre più grande sullo schermo del tuo computer e stai guadagnando più soldi con ogni pompa”, ha detto Way.

“Ma man mano che diventa più grande, devi prendere questa decisione: devo continuare a pompare e vedere se posso fare più soldi, sapendo che se scoppia perdo i soldi che avevo fatto con quel pallone?”

Per coloro che hanno preso il paracetamolo, la risposta è stata: continua a pompare. I risultati hanno mostrato che quelli sul farmaco sono stati pompati più volte rispetto a quelli sul placebo e avevano più palloncini scoppiati.

“Se sei avverso al rischio, puoi pompare un paio di volte e poi decidere di incassare perché non vuoi che il pallone esploda e perda i tuoi soldi”, ha detto.

“Ma per coloro che prendono il paracetamolo, quando il palloncino diventa più grande, crediamo che abbiano meno ansia e meno emozioni negative riguardo a quanto grande sta diventando il palloncino e alla possibilità che esploda.”

I risultati hanno una serie di implicazioni nella vita reale, ha detto Way.

Ad esempio, il paracetamolo è il trattamento raccomandato dal CDC per i sintomi iniziali di COVID-19.

“Forse qualcuno con lievi sintomi di COVID-19 potrebbe non pensare che sia così rischioso lasciare la propria casa e incontrare persone se stanno assumendo paracetamolo”, ha detto Way.

Anche le attività quotidiane come la guida presentano alle persone decisioni costanti che implicano la percezione e la valutazione del rischio che potrebbero essere alterate dall’uso di antidolorifici.

“Abbiamo davvero bisogno di più ricerca sugli effetti del paracetamolo e di altri farmaci da banco sulle scelte e sui rischi che corriamo”, ha detto.


L’acetaminofene (cioè il paracetamolo, il principio attivo di Tylenol) è noto da tempo per essere un analgesico e antipiretico. Tuttavia, un numero crescente di lavori sta scoprendo che gli effetti del paracetamolo si estendono oltre il dolore fisico e la febbre fino ai processi psicologici.

È quindi naturale chiedersi se il paracetamolo possa influenzare il comportamento sociale delle persone. Questo è importante perché il paracetamolo è il farmaco antidolorifico più comunemente usato negli Stati Uniti con il 23% della popolazione che lo assume ogni settimana1. Se il paracetamolo influisce sul comportamento sociale, potrebbero esserci ampie implicazioni dal livello personale a quello sociale.

La fiducia è comunemente studiata in economia comportamentale perché è una componente fondamentale delle relazioni sociali2 ed è vitale per il funzionamento delle istituzioni che costituiscono la spina dorsale di società integrate su larga scala come governi, imprese e religioni3,4.

Il paracetamolo è interessante perché recentemente è stato scoperto che influenza i processi sociali e affettivi, sui quali si pensa che questi comportamenti si basino. Ad esempio, il paracetamolo ha ridotto i sentimenti feriti auto-riportati e le risposte neurali associate alle esperienze di dolore sociale5,6.

Ha anche ridotto il disagio per le disgrazie fisiche e sociali di un’altra persona7. Recentemente, è stato dimostrato che il paracetamolo riduce le risposte affettive alle immagini emotive sia negative che positive8. Sulla base di questi risultati, abbiamo cercato di esaminare se il paracetamolo avrebbe effetti sulla fiducia.

Qui indaghiamo gli effetti del paracetamolo sul comportamento fiducioso utilizzando una combinazione di dati di indagine sulla fiducia interpersonale e l’integrazione sociale, ed esperimenti di laboratorio utilizzando un gioco di preferenze sociali dall’economia sperimentale, il gioco della fiducia. Troviamo che l’uso di paracetamolo è associato a una ridotta fiducia nel vicinato e sentimenti di integrazione sociale.

In una serie di esperimenti di laboratorio, abbiamo scoperto che una dose acuta di paracetamolo riduce la correlazione tra le aspettative sul rimborso del trustee e gli investimenti nel gioco della fiducia. Sulla base di questo risultato del paracetamolo che riduce la corrispondenza tra aspettative e comportamento, abbiamo condotto esperimenti più ampi con un gioco di fiducia in cui abbiamo manipolato le aspettative sui fiduciari.

In questo contesto, abbiamo scoperto che il paracetamolo aumenta la fiducia comportamentale, indipendentemente dalle aspettative. I nostri risultati indicano i possibili effetti del paracetamolo sul comportamento correlato alla fiducia e sottolineano la probabile influenza importante di vari fattori contestuali e ambientali sugli effetti di questo farmaco.

Discussione
Attraverso un’analisi dei dati di un sondaggio nazionale e cinque esperimenti di laboratorio, abbiamo trovato prove suggestive che il paracetamolo può influenzare le percezioni e il comportamento della fiducia interpersonale.

In un campione nazionale, un maggiore utilizzo di paracetamolo è stato associato a una ridotta percezione di fiducia nel proprio vicinato e a una ridotta sensazione di integrazione sociale. Inoltre, in una serie di studi sperimentali, abbiamo trovato prove che il paracetamolo riduce l’influenza delle aspettative auto-generate sul comportamento del trustee sul comportamento di fiducia degli investitori in un gioco di fiducia.

In ampi esperimenti di follow-up che utilizzavano un gioco di fiducia in cui manipolavamo le aspettative sul comportamento del trustee, gli investitori sul paracetamolo si sono affidati maggiormente ai loro partner anonimi, indipendentemente dalle aspettative.

Il nostro lavoro è la prima dimostrazione che il paracetamolo, un farmaco da banco ampiamente utilizzato, può influenzare il processo sociale fondamentale della fiducia.

Pertanto, i risultati del nostro studio si aggiungono al corpo di lavoro emergente che mostra che il paracetamolo ha effetti psicologici e comportamentali. Sebbene un paio di studi precedenti abbiano rilevato effetti del paracetamolo sulle decisioni, i nostri risultati vanno oltre quanto dimostrato prima. DeWall e colleghi19 hanno suggerito che il paracetamolo può ridurre l’effetto di dotazione, ma l’effetto di dotazione non è tipicamente attribuito a fattori sociali nella misura in cui lo è il gioco della fiducia.

Al contrario, è generalmente attribuito a una diversa focalizzazione sugli attributi positivi rispetto a quelli negativi20. Un’altra serie di studi ha rilevato effetti del paracetamolo sulla gravità di ipotetiche punizioni in risposta a violazioni delle norme21. I nostri risultati sono in gran parte coerenti con questo lavoro, ma usiamo decisioni reali in compiti economici consolidati.

Nel complesso, i nostri risultati suggeriscono possibili effetti del paracetamolo sul comportamento correlato alla fiducia. Tuttavia, la complessità dei nostri risultati suggerisce che se il paracetamolo influenza effettivamente il comportamento di fiducia, è improbabile che i suoi effetti siano diretti e influenzati in modo critico da fattori situazionali. In quanto segue, discuteremo molti di questi potenziali fattori di moderazione.

Effetti psicologici del paracetamolo

Sebbene l’indagine sugli effetti psicologici del paracetamolo sia ancora agli inizi, un meccanismo che può spiegare molti dei risultati precedenti è che il paracetamolo riduce le estremità dell’affetto ei suoi effetti sul comportamento5,6,7,8,21.

Ad esempio, uno studio recente ha scoperto che il paracetamolo riduceva l’estremità delle valutazioni dei partecipanti sulle immagini emotive sia positive che negative8. 

Lo studio ha anche rilevato che il paracetamolo non ha avuto alcun effetto sull’estremità di un giudizio non valutativo (cioè la quantità di bluastro nelle immagini), indicando che l’effetto di smorzamento del paracetamolo può essere selettivo per l’affetto.

I nostri esperimenti hanno trovato un supporto misto per lo smorzamento affettivo. Mentre il paracetamolo ha ridotto la relazione tra aspettative e risposte affettive anticipate nell’esperimento 2, ha fatto il contrario nell’esperimento 3, il che ha portato a un risultato nullo nell’analisi combinata.

Presi insieme, questi risultati contrastanti suggeriscono che il paracetamolo può esercitare questi effetti da un processo affettivo non catturato dall’autovalutazione o da qualche processo non affettivo. Alcuni dei nostri altri risultati sono in linea con un meccanismo di smorzamento affettivo. Il paracetamolo ha ridotto il rapporto tra rendimenti controfattuali e senso di colpa nei fiduciari degli amministratori16.

Inoltre, il paracetamolo ha ridotto l’influenza delle fluttuazioni di equità da prova a prova sull’accettazione della proposta tra coloro che rispondono al gioco dell’ultimatum15. Il lavoro futuro dovrebbe cercare meccanismi alternativi o attingere alla letteratura in rapida crescita sugli affetti e sul processo decisionale per chiarire quando, se e come è probabile che l’attenuazione degli affetti da paracetamolo influenzi i processi decisionali economici interpersonali. 

Consultare queste linee di lavoro sarà particolarmente importante data la natura complessa degli effetti dell’affetto sulle decisioni22,23,24.

Un meccanismo psicologico attraverso il quale il paracetamolo può influenzare il comportamento di fiducia è la riduzione dei sentimenti di avversione al tradimento11,25. L’avversione smorzata al tradimento produrrebbe un aumento complessivo degli importi investiti e quindi potrebbe spiegare l’effetto del paracetamolo negli esperimenti 4 e 5.

Il lavoro di neuroimaging ha anche associato l’attività dell’insula anteriore con l’avversione al tradimento26 e il paracetamolo ha dimostrato di smorzare le risposte dell’insula anteriore legate al dolore sociale5, il che fornisce ulteriore supporto alla riduzione dell’avversione al tradimento come possibile meccanismo. 

Tuttavia, una ridotta avversione al tradimento non può spiegare tutti i nostri risultati. In particolare, non fornisce una spiegazione convincente per la ridotta corrispondenza tra aspettative e investimenti osservata negli esperimenti 1-3, perché l’avversione al tradimento è stata generalmente osservata durante il controllo delle aspettative negli studi precedenti27.

Una migliore comprensione degli effetti psicologici del paracetamolo aiuterebbe anche a migliorare la comprensione dei risultati dei dati dell’indagine. Un problema è che i dati dell’indagine sono correlati e quindi potrebbe essere che bassi livelli di fiducia nel vicinato portano a un maggiore dolore o malattia, il che porta a un maggiore consumo di paracetamolo.

Sebbene il periodo di tempo tra il momento in cui il partecipante ha assunto il farmaco e ha completato il sondaggio non è chiaro, il fatto che il paracetamolo abbia influenzato la fiducia comportamentale nei nostri esperimenti controllati con placebo rende plausibile che l’uso di paracetamolo possa influenzare la percezione della fiducia del vicinato. Tuttavia, se il paracetamolo sta effettivamente influenzando la percezione della fiducia nel vicinato, il meccanismo rimane poco chiaro.

Inoltre, non è chiaro il motivo per cui ci fosse una correlazione negativa tra l’uso di paracetamolo e la fiducia del vicinato, mentre una dose acuta di paracetamolo ha aumentato la fiducia comportamentale negli esperimenti 4 e 5. Un fattore rilevante potrebbe essere la differenza di età tra il campione utilizzato nell’indagine nazionale (mezza età e anziani) e i dati sperimentali (giovani adulti). L’infiammazione aumenta con l’età28 e poiché il paracetamolo inibisce gli effetti cerebrali dell’infiammazione29 può avere effetti dipendenti dall’età sulla fiducia.

Un’altra possibilità è che mentre i nostri esperimenti di laboratorio hanno utilizzato una dose acuta di paracetamolo, l’indagine ha misurato l’uso cronico. L’uso cronico di paracetamolo può produrre adattamenti neurali come alterazioni della densità dei recettori. Sono quindi questi cambiamenti del recettore che potrebbero essere responsabili della ridotta fiducia nel vicinato.

Una terza possibile spiegazione deriva dal fatto che i nostri risultati sperimentali hanno scoperto che il paracetamolo somministrato in modo acuto ha aumentato il comportamento di fiducia nei confronti dei partner che ci si aspettava esplicitamente di tradire tale fiducia.

Il consumo regolare di paracetamolo può quindi aumentare la frequenza con cui le persone ripongono la fiducia in altri che altrimenti eviterebbero.

L’aumento dei tassi di fiducia mal riposta aumenterebbe quindi anche le loro esperienze di tradimento, che alla fine potrebbero portare allo sviluppo di percezioni più diffidenti del mondo.

Un esperimento longitudinale che esamina gli effetti del consumo cronico di paracetamolo sul comportamento sociale e sulle percezioni sociali farebbe luce su queste e altre possibili spiegazioni.

Conoscenza reputazionale del partner e degli effetti differenziali del paracetamolo
Un risultato interessante di questi studi è che il paracetamolo ha effetti diversi a seconda dell’implementazione del TG-I. Mentre il paracetamolo ha aumentato il comportamento di fiducia in generale quando ai partecipanti sono state fornite aspettative per il comportamento del fiduciario, non ha avuto questo effetto quando ai partecipanti è stato richiesto di prendere le loro decisioni senza alcuna informazione sul loro partner.

Coerentemente con i diversi effetti farmacologici in queste diverse versioni del TG-I, i precedenti risultati di neuroimaging suggeriscono che i processi neurali coinvolti nel prendere decisioni sulla fiducia variano tra le istanze del TG-I. Ad esempio, uno studio fMRI ha rilevato che l’insula anteriore ha mostrato un maggiore coinvolgimento durante le decisioni sulla fiducia quando mancavano informazioni preliminari sulla reputazione di un trustee rispetto a quando le informazioni non erano state fornite30.

Ciò è in linea con una recente meta-analisi che ha riscontrato un maggiore coinvolgimento dell’insula anteriore durante i giochi TG-I one-shot, dove c’è una mancanza di conoscenza del partner, rispetto ai giochi di fiducia multiround, dove il fiduciario gioca con lo stesso partner su più prove 31.

Gli esperimenti 1-3 del presente studio sono stati decisioni a colpo singolo senza alcuna informazione sul comportamento passato. Al contrario, poiché gli investitori negli Esperimenti 4 e 5 formavano aspettative sulla reciprocità di ciascun trustee sulla base delle informazioni sul comportamento passato, questi esperimenti hanno una certa somiglianza con i giochi di fiducia multiround.

La stessa meta-analisi non ha trovato alcuna sovrapposizione nelle attivazioni neurali tra giochi di fiducia one-shot e multiround, indicando che è possibile che un farmaco come il paracetamolo abbia effetti differenziali in istanze separate del TG-I a causa del diverso neurale circuiti coinvolti.

Queste differenze neurali tra le istanze del TG-I suggeriscono che le decisioni sulla fiducia prese in contesti diversi possono fare affidamento su diversi processi psicologici che potrebbero essere influenzati in modo differenziale dal paracetamolo31.

Sebbene alcuni studi abbiano esaminato le differenze nel comportamento di fiducia tra le interazioni ripetute quando agli investitori sono state fornite aspettative o meno30,32, sono necessarie ulteriori ricerche per capire come le decisioni sulla fiducia differiscono psicologicamente quando le informazioni che prevedono la reciprocità sono o non sono disponibili.

Una possibile differenza è che quando ai partecipanti non vengono fornite aspettative, devono generarle da sole, presumibilmente attingendo alle esperienze passate con altre persone in situazioni simili. Questo processo probabilmente non è richiesto quando ai partecipanti vengono fornite aspettative.

In questo modo, i nostri due giochi di fiducia mettono in parallelo la distinzione tra il processo decisionale in condizioni di rischio e l’ambiguità, che hanno anche dimostrato di fare affidamento su diversi processi neurali33,34. Cioè, gli Esperimenti 1-3 riflettono le decisioni prese in condizioni di ambiguità sociale mentre gli Esperimenti 4 e 5 implicano decisioni prese in condizioni di rischio sociale.

In questo modo, ci si può aspettare che il paracetamolo interagisca con le aspettative per influire sulla fiducia in situazioni socialmente ambigue, ma per influenzare il comportamento di fiducia direttamente quando il rischio sociale è noto. Il lavoro futuro dovrebbe esaminare le decisioni sulla fiducia prese in diversi contesti e considerare i processi coinvolti al fine di fare previsioni sui tipi di effetti che il paracetamolo potrebbe avere.

Implicazioni più ampie
Sebbene gli effetti trovati nei nostri esperimenti di laboratorio fossero piccoli, un cambiamento relativamente minore nel comportamento di una persona può avere un impatto amplificato nel contesto di interazioni sociali più dinamiche e ripetute (ad esempio, vedere rif.35). 

Questo è particolarmente probabile che sia il caso delle alterazioni di un processo sociale fondamentale come la fiducia, che è importante in un’ampia gamma di contesti sociali36 ed è fondamentale per lo sviluppo e il mantenimento delle relazioni37,38.

Tuttavia, questi effetti farmacologici potrebbero anche avere implicazioni che si estendono oltre le relazioni interpersonali. Ad esempio, una minore fiducia è associata a scelte economiche miopi e il rafforzamento della fiducia a livello di comunità può ridurre lo sconto sui risultati economici futuri osservati tra le persone a basso reddito39.

A livello sociale, la quantità di fiducia interpersonale tra la popolazione di un paese è predittiva della futura crescita economica3 ed è associata a una maggiore partecipazione alle attività civiche e alla diminuzione della corruzione del governo4. Pertanto, le alterazioni farmacologiche della fiducia possono innescare riverberi che si avvertono in tutto il sistema sociale.

Riferimenti

  1. 1. Kaufman, DW, Kelly, JP, Rosenberg, L., Anderson, TE & Mitchell, AA Modelli recenti di utilizzo di farmaci nella popolazione adulta ambulatoriale degli Stati Uniti: sondaggio Slone. JAMA  287 , 337–344 (2002). Articolo  Google Scholar 
  2. 2.Fehr, E. & Schmidt, KM L’economia dell’equità, della reciprocità e dell’altruismo – Evidenze sperimentali e nuove teorie. In  Handbook of the Economics of Giving ,  Altruism ,  and Reciprocity  (eds Kolm, S.-C. & Ythier, JM) 615–691 (Elsevier, 2006).
  3. 3.Knack, S. & Keefer, P. Il capitale sociale ha un guadagno economico? Un’indagine che attraversa il paese. QJ Econ.  112 , 1251–1288 (1997). Articolo  Google Scholar 
  4. 4.La Porta, R., Lopez-de-Silanes, F., Shleifer, A. & Vishny, RW Trust in grandi organizzazioni. Am. Econ. Rev. Pap. Proc.  87 , 333–338 (1997). Google Scholar 
  5. 5.DeWall, CN  et al . L’acetaminofene riduce il dolore sociale: prove comportamentali e neurali. Psychol. Sci.  21 , 931–937 (2010). Articolo  Google Scholar 
  6. 6.Fung, K. & Alden, LE Una volta ferito, due volte timido: il dolore sociale contribuisce all’ansia sociale. Emotion  17 , 231–239 (2017). Articolo  Google Scholar 
  7. 7.Mischkowski, D., Crocker, J. & Way, BM Da antidolorifico a killer dell’empatia: l’acetaminofene (paracetamolo) riduce l’empatia per il dolore. Soc. Cogn. Influenzare. Neurosci.  11 , 1345–1353 (2016). Articolo  Google Scholar 
  8. 8.Durso, GRO, Luttrell, A. & Way, BM Sollievo da banco da dolori e piaceri allo stesso modo: l’acetaminofene attenua la sensibilità della valutazione agli stimoli sia negativi che positivi. Psychol. Sci.  26 , 750–758 (2015). Articolo  Google Scholar 
  9. 9.Keyes, CLM Benessere sociale. Soc. Psychol. Q.  61 , 121-140 (1998). Articolo  Google Scholar 
  10. 10.Berg, J., Dickhaut, J. & McCabe, K. Fiducia, reciprocità e storia sociale. Giochi Econ. Behav.  10 , 122–142 (1995). Articolo  Google Scholar 
  11. 11.Bohnet, I. & Zeckhauser, R. Fiducia, rischio e tradimento. J. Econ. Behav. Organo.  55 , 467–484 (2004). Articolo  Google Scholar 
  12. 12.Costa-Gomes, MA, Huck, S. & Weizsäcker, G. Credenze e azioni nel gioco della fiducia: creazione di variabili strumentali per stimare l’effetto causale. Giochi Econ. Behav.  88 , 298-309 (2014). MathSciNet  Article  Google Scholar 
  13. 13. Schimmack, U. L’effetto ironico di risultati significativi sulla credibilità di articoli con studi multipli. Psychol. Metodi  17 , 551-566 (2012). Articolo  Google Scholar 
  14. 14. Buchan, NR, Croson, RTA & Solnick, S. Fiducia e genere: un esame del comportamento e delle convinzioni nel gioco degli investimenti. J. Econ. Behav. Organo.  68 , 466–476 (2008). Articolo  Google Scholar 
  15. 15.Xiang, T., Lohrenz, T. & Montague, PR Substrati computazionali delle norme e loro violazioni durante lo scambio sociale. J. Neurosci.  33 , 1099–1108 (2013). Articolo  Google Scholar 
  16. 16.Chang, LJ, Smith, A., Dufwenberg, M. & Sanfey, AG Triangolazione delle basi neurali, psicologiche ed economiche dell’avversione alla colpa. Neuron  70 , 560–572 (2011). Articolo CAS  Google Scholar  
  17. 17.Keaveney, AA, Peters, E. & Way, BM Il paracetamolo aumenta il comportamento a rischio attraverso una ridotta sensibilità alla perdita. Psicosoma. Med.  78 , A27-A28 (2016). Google Scholar 
  18. 18 Singla, NK  et al . Parametri farmacocinetici del plasma e del liquido cerebrospinale dopo somministrazione di una singola dose di paracetamolo per via endovenosa, orale o rettale. Pain Pract.  12 , 523-532 (2012). Articolo  Google Scholar 
  19. 19.DeWall, CN, Chester, DS & White, DS Il paracetamolo può ridurre il dolore del processo decisionale? J. Exp. Soc. Psychol.  56 , 117–120 (2015). Articolo  Google Scholar 
  20. 20. Johnson, EJ, Häubl, G. & Keinan, A. Aspects of endowment: a query theory of value construction. J. Exp. Psychol. Imparare. Mem. Cogn.  33 , 461 (2007). Articolo  Google Scholar 
  21. 21.Randles, D., Heine, SJ & Santos, N. Il dolore comune del surrealismo e della morte: l’acetaminofene riduce l’affermazione compensatoria a seguito delle minacce di significato. Psychol . Sci . 24 , 966–973 (2013).
  22. 22.Lerner, JS, Li, Y., Valdesolo, P. & Kassam, KS Emotion e decision making. Annu. Rev. Psychol.  66 , 799–823 (2015). Articolo  Google Scholar 
  23. 23.Greifeneder, R., Bless, H. & Pham, MT Quando le persone fanno affidamento sui sentimenti affettivi e cognitivi nel giudizio? Una recensione. Personale. Soc. Psychol. Rev.  15 , 107–141 (2011). Articolo  Google Scholar 
  24. 24.Huntsinger, JR, Isbell, LM & Clore, GL Il controllo affettivo del pensiero: malleabile, non fisso. Psychol. Rev.  121 , 600–618 (2014). Articolo  Google Scholar 
  25. 25.Kosfeld, M., Heinrichs, M., Zak, PJ, Fischbacher, U. & Fehr, E. L’ossitocina aumenta la fiducia negli esseri umani. Nature  435 , 673–676 (2005). Articolo ADS  CAS  Google Scholar  
  26. 26.Aimone, JA, Houser, D. & Weber, B. Firme neurali dell’avversione al tradimento: uno studio fMRI sulla fiducia. Proc. R. Soc. B Biol. Sci.  281 , 20132127 (2014). Articolo  Google Scholar 
  27. 27.Aimone, JA & Houser, D. Ciò che non sai non ti farà male: un’analisi di laboratorio sull’avversione al tradimento. Exp. Econ.  15 , 571–588 (2012). Articolo  Google Scholar 
  28. 28.Bäck, M., Hlawaty, H., Labat, C., Michel, J.-B. & Brink, C. La cavità orale e l’età: un sito di infiammazione cronica? Plos One  2 , e1351 (2007). Articolo sugli annunci  Google Scholar  
  29. 29 Graham, GG, Davies, MJ, Day, RO, Mohamudally, A. & Scott, KF La moderna farmacologia del paracetamolo: azioni terapeutiche, meccanismo d’azione, metabolismo, tossicità e recenti scoperte farmacologiche. Inflammopharmacology  21 , 201–232 (2013). Articolo CAS  Google Scholar  
  30. 30. Fouragnan, E.  et al . I priori reputazionali amplificano le risposte striatali alle violazioni della fiducia. J. Neurosci.  33 , 3602–3611 (2013). Articolo CAS  Google Scholar  
  31. 31 Bellucci, G., Chernyak, SV, Goodyear, K., Eickhoff, SB & Krueger, F. Firme neurali di fiducia nella reciprocità: una meta-analisi basata su coordinate. Ronzio. Brain Mapp.  38 , 1233–1248 (2017). Articolo  Google Scholar 
  32. 32.Zarolia, P., Weisbuch, M. & McRae, K. Influenza delle informazioni indirette sulla fiducia interpersonale nonostante le informazioni dirette. J. Pers. Soc. Psychol.  112 , 39–57 (2017). Articolo  Google Scholar 
  33. 33 Levy, I., Snell, J., Nelson, AJ, Rustichini, A. & Glimcher, PW Rappresentazione neurale del valore soggettivo sotto rischio e ambiguità. J. Neurophysiol.  103 , 1036-1047 (2010). Articolo  Google Scholar 
  34. 34.Huettel, SA, Stowe, CJ, Gordon, EM, Warner, BT & Platt, ML Firme neurali delle preferenze economiche per il rischio e l’ambiguità. Neuron  49 , 765–775 (2006). Articolo CAS  Google Scholar  
  35. 35.Darley, JM & Fazio, RH Processi di conferma dell’aspettativa che sorgono nella sequenza dell’interazione sociale. Am. Psychol.  35 , 867–881 (1980). Articolo  Google Scholar 
  36. 36.Cottrell, CA, Neuberg, SL & Li, NP Cosa desiderano le persone negli altri? Una prospettiva sociofunzionale sull’importanza delle diverse caratteristiche valutate. J. Pers. Soc. Psychol.  92 , 208–231 (2007). Articolo  Google Scholar 
  37. 37 Simpson, JA Fondamenti psicologici della fiducia. Curr. Dir. Psychol. Sci.  16 , 264-268 (2007). Articolo  Google Scholar 
  38. 38 Campbell, L., Simpson, JA, Boldry, JG & Rubin, H. Trust, variabilità nelle valutazioni delle relazioni e processi relazionali. J. Pers. Soc. Psychol.  99 , 14–31 (2010). Articolo  Google Scholar 
  39. 39 Jachimowicz, JM, Chafik, S., Munrat, S., Prabhu, JC & Weber, EU Community Trust riduce le decisioni miopi degli individui a basso reddito. Proc. Natl. Acad. Sci.  114 , 5401–5406 (2017). Articolo CAS  Google Scholar  
  40. 40.Lang, PJ Trattamento comportamentale e valutazione bio-comportamentale: applicazioni informatiche. In  Technology in mental health care systems delivery systems  (eds Sidowski, J., Johnson, J. & Williams, T.) 119-137 (Ablex, 1980).
  41. 41.R Core Team. R: Un linguaggio e un ambiente per il calcolo statistico . (R Foundation for Statistical Computing, Vienna, Austria, 2015).
  42. 42 Bates, D., Maechler, M., Bolker, B. & Walker, S. Adattamento di modelli lineari a effetti misti utilizzando lme4. J. Stat. Softw.  67 , 1-48 (2015). Articolo  Google Scholar 
  43. 43.Kuznetsova, A., Brockhoff, PB & Christensen, RHB  lmerTest: test in modelli lineari a effetti misti s. (2015).

Ulteriori informazioni:  Alexis Keaveney et al. Effetti del paracetamolo sull’assunzione di rischi,  neuroscienze cognitive e affettive sociali  (2020). DOI: 10.1093 / scan / nsaa108

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.