Gli individui di mezza età possono essere in uno stato perpetuo di suscettibilità al virus dell’influenza H3N2

0
55

I ricercatori della Penn Medicine hanno scoperto che gli individui di mezza età – quelli nati alla fine degli anni ’60 e ’70 – possono essere in uno stato perpetuo di suscettibilità al virus dell’influenza H3N2 perché i loro anticorpi si legano ai virus H3N2 ma non riescono a prevenire le infezioni, secondo un nuovo studio guidato da Scott Hensley, Ph.D., professore associato di microbiologia presso la Perelman School of Medicine presso l’Università della Pennsylvania.

Il documento è stato pubblicato oggi su Nature Communications.

“Abbiamo scoperto che individui di età diversa hanno diverse specificità anticorpali contro il virus dell’influenza H3N2″, ha detto Hensley. “I nostri studi dimostrano che le infezioni della prima infanzia possono lasciare impronte immunologiche per tutta la vita che influenzano il modo in cui gli individui rispondono a ceppi virali antigenicamente distinti più avanti nella vita”.

La maggior parte degli esseri umani viene infettata da virus influenzali dai tre ai quattro anni di età e queste infezioni iniziali dell’infanzia possono suscitare risposte immunitarie della memoria forti e durature.

I virus dell’influenza H3N2 hanno iniziato a circolare negli esseri umani nel 1968 e si sono evoluti sostanzialmente negli ultimi 51 anni.

Pertanto, l’anno di nascita di un individuo predice in gran parte quale tipo specifico di virus H3N2 ha incontrato per la prima volta durante l’infanzia.

I ricercatori hanno completato un’indagine sierologica, un esame del sangue che misura i livelli di anticorpi, utilizzando campioni di siero raccolti nei mesi estivi prima della stagione 2017-2018 da 140 bambini (da uno a 17 anni) e 212 adulti (da 18 a 90 anni).

Hanno prima misurato le differenze nella reattività degli anticorpi a vari ceppi di H3N2 , quindi hanno misurato gli anticorpi neutralizzanti e non neutralizzanti.

Gli anticorpi neutralizzanti possono prevenire le infezioni virali, mentre gli anticorpi non neutralizzanti possono aiutare solo dopo che si è verificata un’infezione.

I campioni di bambini di età compresa tra tre e dieci anni avevano i livelli più alti di anticorpi neutralizzanti contro i virus H3N2 contemporanei, mentre la maggior parte dei campioni di mezza età aveva anticorpi che potevano legarsi a questi virus ma questi anticorpi non potevano prevenire le infezioni virali.

Hensley ha detto che i risultati del suo team sono coerenti con un concetto noto come “peccato antigenico originale” (OAS), originariamente proposto da Tom Francis, Jr. nel 1960.

“La maggior parte delle persone nate alla fine degli anni ’60 e ’70 presentavano l’ impronta immunologica di virus H3N2 che sono molto diversi rispetto ai virus H3N2 contemporanei.

Dopo l’infezione da virus H3N2 recenti, questi individui tendono a produrre anticorpi contro le regioni che sono conservate con ceppi H3N2 più vecchi e questi tipi di anticorpi in genere non prevengono le infezioni virali “.

Secondo il team di ricerca, è possibile che la presenza di alti livelli di anticorpi non neutralizzanti negli adulti di mezza età abbia contribuito alla continua persistenza dei virus H3N2 nella popolazione umana.

I loro risultati potrebbero anche riguardare l’insolita distribuzione dell’età delle infezioni da H3N2 durante la stagione 2017-2018, in cui l’attività di H3N2 negli adulti di mezza età e negli anziani ha raggiunto il picco prima rispetto ai bambini e ai giovani adulti.

I ricercatori affermano che sarà importante completare continuamente ampie indagini sierologiche in individui di età diversa, inclusi donatori di popolazioni con tassi di vaccinazione diversi. Una migliore comprensione dell’immunità all’interno della popolazione e degli individui porterà probabilmente a modelli migliori che sono più in grado di prevedere le traiettorie evolutive di diversi ceppi di virus influenzali.

“Ampi studi sierologici possono far luce sul motivo per cui l’efficacia dei vaccini antinfluenzali varia in individui con storie immunitarie diverse, identificando anche le barriere che devono essere superate per progettare vaccini migliori che siano in grado di suscitare risposte protettive in tutte le fasce d’età”, ha detto Sigrid Gouma, Ph.D., ricercatore post-dottorato di microbiologia e primo autore dell’articolo.


L’esposizione all’influenza infantile lascia un’impronta immunologica, che ha impatti riverberanti e per tutta la vita sulla memoria immunitaria. Il lavoro fondamentale sul peccato antigenico originale [1] e sull’anzianità antigenica [2] mostra che gli individui mantengono i titoli anticorpali più elevati contro i ceppi influenzali incontrati durante l’infanzia.

Ma il modo in cui questi schemi sierologici si associano alla protezione immunitaria funzionale e modellano il rischio specifico dell’anno di nascita durante le epidemie, rimane un’area di indagine attiva. Una domanda aperta è l’ampiezza della protezione incrociata fornita dalla memoria immunitaria impressa nell’infanzia.

Definiamo l’imprinting immunitario come un pregiudizio permanente nella memoria immunitaria e nella protezione contro i ceppi incontrati durante l’infanzia. Tali pregiudizi molto probabilmente si radicano man mano che esposizioni successive aumentano le risposte di memoria esistenti, piuttosto che stimolare risposte de novo [3].

Fornendo una protezione particolarmente robusta contro alcuni sottotipi antigenici, o cladi, l’imprinting può fornire benefici immunologici, ma forse al prezzo di una protezione altrettanto forte contro le varianti incontrate più tardi nella vita. Ad esempio, ogni pandemia influenzale moderna ha risparmiato alcune coorti di nascita, presumibilmente a causa della memoria di protezione incrociata innescata nell’infanzia [4-10].

Recentemente, abbiamo dimostrato che l’imprinting protegge anche dai nuovi virus emergenti dell’influenza aviaria dello stesso gruppo filogenetico dell’emoagglutinina (HA) della prima esposizione infantile [9,11]. L’imprinting può inoltre modellare il rischio specifico dell’anno di nascita dall’influenza stagionale [12-14], ma l’importanza dell’immunità protettiva in generale in questo contesto è ancora in fase di valutazione [15-17].

Fino a poco tempo, la stretta immunità di protezione crociata specifica per le varianti di un singolo sottotipo di HA è stata considerata la principale modalità di difesa contro l’influenza stagionale.

La memoria linfocitaria di epitopi variabili sulla testa dell’HA (cioè siti in cui gli antigeni dell’emoagglutinina di diversi sottotipi mostrano un’omologia limitata) guida questa stretta protezione entro sottotipo, che è il meccanismo principale di protezione dal vaccino influenzale inattivato.

Ma un numero crescente di prove mostra che la protezione può anche essere guidata dalla memoria di altri antigeni influenzali (ad es. Neuraminidasi, NA) [18-20], o dalla risposta immunitaria agli epitopi conservati, molti dei quali si trovano sul gambo dell’HA [11, 15,21–23].

Gli anticorpi che prendono di mira gli epitopi di HA conservati possono fornire un’ampia protezione tra più sottotipi di HA nello stesso gruppo filogenetico [21,23,24], dove il gruppo HA 1 contiene i sottotipi di emoagglutinina H1 e H2, mentre il gruppo 2 contiene H3. Solo tre sottotipi di HA sono circolati stagionalmente negli esseri umani dal 1918, H1, H2 e H3; H1 e H2 appartengono al gruppo filogenetico 1, mentre H3 appartiene al gruppo 2 [11,22,25].

Il pensiero corrente afferma che all’interno di un singolo ospite, l’imprinting induce probabilmente più livelli di bias nella memoria immunitaria, sia a siti conservati (ampiamente protettivi) che variabili (strettamente protettivi) su vari antigeni influenzali.

Il ruolo funzionale di ogni singolo strato di memoria immunitaria impressa dipende sia dalle gerarchie di immunodominanza che dal contesto epidemico. Qui, esaminiamo quali strati di memoria impressa influiscono sul rischio di influenza stagionale.

Ci si aspetta che diversi livelli di immunità agiscano in modo diverso sull’epidemiologia dell’influenza. È noto che l’immunità entro sottotipo all’HA determina l’epidemiologia e l’evoluzione dell’influenza stagionale [26], ma a causa del rapido decadimento di fronte alla deriva antigenica, non ci si aspetterebbe che modifichi la protezione dell’imprinting specifica della coorte per tutta la vita umana [27] , 28].

Al contrario, un’ampia memoria immunitaria a livello di gruppo HA si manifesta quando i linfociti prendono di mira epitopi di HA conservati. Le risposte a questi epitopi conservati dovrebbero essere più stabili nel tempo e possono svolgere un ruolo importante nella difesa contro ceppi influenzali sconosciuti (ad es. Sottotipi nuovi, aviari o pandemici [11,21,23,24,29,30], ma non lo sono tradizionalmente sebbene agisca con forza contro i sottotipi familiari di influenza stagionale.

Tuttavia, le risposte allo stelo di HA conservato sono state recentemente identificate come un correlato indipendente della protezione contro l’influenza stagionale [15], e potrebbero giocare un ruolo particolarmente forte contro i ceppi stagionali alla deriva i cui epitopi variabili di HA sono diventati irriconoscibili.

Pertanto, l’imprinting immunitario infantile può determinare quali coorti di nascita sono preparate per una difesa efficace contro i ceppi stagionali con epitopi di HA conservati caratteristici del gruppo 1 o gruppo 2, o con epitopi di HA variabili caratteristici di un particolare sottotipo (H1, H2, ecc.). Un ragionamento simile può essere applicato all’immunità contro NA, sebbene molta meno attenzione sia stata prestata a questo antigene.

Dal 1977, due distinti sottotipi di influenza A, H1N1 e H3N2, hanno circolato stagionalmente negli esseri umani, con differenze sorprendenti ma scarsamente comprese nel loro impatto specifico per età [9,12-14,31]. Queste differenze potrebbero essere associate all’imprinting infantile: le coorti più anziane erano quasi certamente esposte all’H1N1 durante l’infanzia (poiché era l’unico sottotipo circolante negli esseri umani dal 1918 al 1957), e ora sembrano essere protette preferenzialmente contro le moderne varianti stagionali dell’H1N1 [9, 12-14].

Allo stesso modo, i giovani adulti hanno le più alte probabilità di imprinting infantile a H3N2 (Fig 1), che è coerente con un numero relativamente basso di casi di H3N2 clinicamente assistiti in queste coorti. In alternativa, le differenze nelle dinamiche evolutive di H1N1 e H3N2 potrebbero spiegare i profili di età osservati.

Il sottotipo H3N2 mostra una deriva leggermente più rapida nel suo fenotipo antigenico rispetto a H1N1 e, di conseguenza, H3N2 può essere più in grado di sfuggire all’immunità preesistente in adulti con esperienza immunologica, mentre H1N1 può essere relativamente limitato a causare malattie in bambini immunologicamente inesperti [32] .

Un file esterno che contiene un'immagine, un'illustrazione, ecc. Il nome dell'oggetto è ppat.1008109.g001.jpg
Fig 1
Modello e aspettative sotto diverse ipotesi di imprinting.
(A) Probabilità di imprinting ricostruite, specifiche per anno di nascita (esempio rappresentativo specifico per i casi osservati nel 2015). In tutto il manoscritto, i sottotipi di HA del gruppo 1 sono rappresentati in blu e i sottotipi del gruppo 2 in rosso. (B) Protezione prevista per l’imprinting contro H1N1 o H3N2 per i tre modelli testati. (C) Fumetto della distribuzione prevista per età di qualsiasi caso di influenza, prima di controllare l’imprinting specifico del sottotipo. La forma di questa curva è puramente ipotetica, ma ciascuno dei nostri modelli testati ha combinato la distribuzione dell’età demografica con una funzione di gradino di rischio specifica per età per generare curve simili basate sui dati. (DF) La frazione di ogni anno di nascita non protetto dall’imprinting infantile (da A) determina la forma del rischio specifico dell’anno di nascita. (GI) Una combinazione lineare di demografia più rischio specifico per età (come in C),

Abbiamo analizzato un ampio set di dati di sorveglianza di casi di influenza relativamente gravi e assistiti clinicamente per verificare se gli effetti di coorte dell’imprinting infantile agiscono principalmente contro epitopi variabili, fornendo solo una stretta protezione incrociata contro varianti HA o NA strettamente correlate dello stesso sottotipo, o contro più epitopi conservati, fornendo un’ampia protezione incrociata tra i sottotipi di HA nello stesso gruppo filogenetico (Fig 1A e 1B).

Abbiamo adattato una suite di modelli ai dati utilizzando la massima verosimiglianza e confrontato modelli utilizzando AIC. In un’analisi separata, abbiamo considerato l’ipotesi che le differenze nel tasso evolutivo di H1N1 e H3N2, piuttosto che gli effetti dell’imprinting, modellino le differenze nella distribuzione per età. I nostri risultati hanno implicazioni per le proiezioni a lungo termine del rischio di influenza stagionale in coorti di anziani [13], che soffrono i pesi più pesanti di morbilità e mortalità legate all’influenza e il cui stato di imprinting cambierà nel tempo come coorti nate durante diverse epoche interpandemiche invecchiare.

Discussione
Abbiamo analizzato un ampio set di dati di sorveglianza epidemiologica e abbiamo scoperto che i sottotipi di influenza stagionale H1N1 e H3N2 causano diverse distribuzioni per età di casi relativamente gravi e assistiti clinicamente, confermando i modelli precedentemente riportati [12-14].

Abbiamo analizzato sistematicamente diversi possibili driver di queste differenze e abbiamo trovato il massimo supporto per l’imprinting della protezione contro i virus dell’influenza stagionale dello stesso sottotipo NA o HA del primo ceppo influenzale incontrato durante l’infanzia [12,13].

I dati non supportano forti effetti dall’imprinting a livello di gruppo HA più ampio, come recentemente rilevato per nuovi virus zoonotici o pandemici [9,11], o dalle differenze nei tassi di evoluzione antigenica [32].

I nostri risultati suggeriscono che gli individui mantengono un pregiudizio permanente nella memoria immunitaria e che questa impronta non viene cancellata anche dopo decenni di esposizione o vaccinazione contro sottotipi di influenza dissimili.

Le prove esterne confermano l’idea che l’anno di nascita, piuttosto che l’età, determina differenze specifiche del sottotipo nel rischio di influenza stagionale. Quando l’H3N2 è emerso per la prima volta nel 1968, ha causato una mortalità in eccesso minima o nulla negli anziani, che erano stati presumibilmente esposti, da bambini o giovani adulti, a un virus H3 che era circolato alla fine del 1800 [7,9].

Nel frattempo, le coorti con impronta H1N1 (quelle di età compresa tra i 10 ei 50 anni all’epoca) sperimentarono un considerevole eccesso di mortalità nella pandemia del 1968 [7]. Ora, cinquant’anni dopo, le stesse coorti con impronta H1N1 continuano a sperimentare un’eccessiva morbilità e mortalità da H3N2 come adulti [12-14,31] (Fig. 2).

Nel confronto dei modelli, i dati hanno supportato l’imprinting infantile su NA a livello di sottotipo. Sebbene la NA non sia studiata così intensamente come HA, questi risultati sottolineano l’importanza sempre più riconosciuta di entrambi gli antigeni come fattori di protezione contro l’influenza stagionale [18-20].

Realisticamente, una combinazione di effetti sia dell’imprinting a livello di sottotipo HA che NA probabilmente forma il rischio di influenza stagionale; entrambi i modelli di imprinting hanno prodotto adattamenti simili ai dati e hanno superato di gran lunga gli altri modelli in termini di AIC (Fig 3).

Sfortunatamente, a causa della limitata diversità dei sottotipi di influenza stagionale che sono circolati negli esseri umani nel secolo scorso, le collinearità anche tra i modelli relativamente semplici testati qui ci hanno impedito di testare modelli più complicati di effetti combinati dall’imprinting a più antigeni.

È molto probabile che approfondimenti sui rispettivi ruoli di HA e NA provengano da studi di coorte immunologici mirati, in cui sono registrate storie individuali di infezione influenzale e possono essere studiate insieme a cambiamenti nella sierologia, PBMC e / o nel repertorio delle cellule B [ 35].

In alternativa, lo sviluppo di biomarcatori immunologici per la diagnosi dello stato di imprinting nei singoli pazienti potrebbe aumentare sostanzialmente il potere dell’inferenza epidemiologica.

Non abbiamo rilevato una relazione chiara tra l’avanzamento antigenico annuale e la distribuzione per età epidemica, sebbene campioni di piccole dimensioni possano aver limitato il nostro potere statistico. Abbiamo rilevato una tendenza debole, coerente con l’idea che i casi di influenza sono più limitati ai bambini immunologicamente inesperti nelle stagioni di scarso anticipo antigenico, come precedentemente proposto [32].

Ma i dati non hanno rivelato una chiara relazione tra l’avanzamento antigenico e la frazione di casi che si verificano in gruppi di età adulta, in cui i dati epidemiologici rivelano differenze di impatto specifiche per sottotipo.

Forse il progresso antigenico determina il modo in cui i casi vengono distribuiti tra bambini e adulti, ma ha impatti piccoli o incoerenti all’interno della popolazione adulta. Si ipotizza che relazioni più chiare tra l’avanzamento antigenico e la distribuzione dell’età epidemica potrebbero emergere se i metodi per stimare la distanza antigenica fossero in grado di incorporare effetti come la storia immunitaria [42], la glicosilazione [42,43] e l’immunità ad antigeni diversi dall’HA [19, 20,44].

Gli esatti driver immunologici della protezione dell’imprinting contro l’influenza stagionale rimangono poco chiari, ma i nostri risultati forniscono alcuni nuovi indizi. Tradizionalmente, si pensa che la protezione incrociata all’interno del sottotipo decada rapidamente con la deriva antigenica.

I ceppi che circolavano a più di 14 anni di distanza l’uno dall’altro mostrano raramente titoli di protezione crociata misurabili mediante il test di inibizione dell’emoagglutinazione (HI) [40].

Il breve lasso di tempo della memoria immunitaria per epitopi della testa HA variabili è in contrasto con i modelli osservati nel nostro studio e in altri [12-14], dove la memoria immunitaria entro sottotipo impressa nell’infanzia sembra persistere per un’intera vita umana, rimanendo evidente anche in le coorti più anziane.

Si ipotizza che la protezione dell’imprinting entro sottotipo possa coinvolgere epitopi più conservati e stabili nel tempo rispetto a quelli misurati tipicamente nei saggi HI.

Questi informano la maggior parte delle stime esistenti della distanza antigenica, ma misurano in modo sproporzionato gli anticorpi contro epitopi immunodominanti variabili sulla testa dell’HA [15,24].

Nel corso di una vita di esposizioni a diverse varianti H1N1 e H3N2, il ripetuto back-boosting di anticorpi a siti conservati in modo intermedio su HA o NA (cioè siti conservati all’interno ma non tra i sottotipi HA e NA), potrebbe spiegare la longevità della protezione dell’imprinting a livello di sottotipo . Ciò è coerente con le prove recenti che il repertorio immunitario si sposta per concentrarsi su epitopi influenzali più conservati con l’avanzare dell’età [27,28].

Un’altra possibilità è che i cloni di cellule B della memoria sviluppati durante la prima infezione influenzale infantile possano successivamente adattarsi tramite ipermutazione somatica per seguire bersagli antigenici mentre si spostano nel tempo. Tuttavia, ciò sarebbe incoerente con le nuove prove che suggeriscono che le cellule B della memoria sono relativamente fisse nel fenotipo e hanno un piccolo potenziale per la maturazione dell’affinità in corso [45,46], o che l’ipermutazione somatica diminuisce con l’età [27].

Infine, il ruolo delle cellule T CD4 + nell’imprinting non è chiaro, ma la memoria delle cellule T e le cellule T aiutano le cellule B all’interno dei centri germinali, entrambe giocano almeno un ruolo nello sviluppo del repertorio immunitario [47].

I segnali di protezione dall’imprinting sono eccezionalmente forti nell’attuale coorte di adulti anziani, come riflesso da stime più elevate di protezione dall’imprinting a H1N1 rispetto a H3N2. I soggetti più anziani nei nostri dati, nati poco dopo il 1918, non avrebbero incontrato un virus influenzale di alcun sottotipo diverso da H1N1 fino all’età di circa 30 anni.

Ripetute esposizioni nelle prime fasi della vita a diverse varianti di H1N1 possono aver rafforzato e ampliato l’ampiezza della memoria immunitaria specifica per H1N1 [5,48]. Ma questa forte protezione H1N1 sembra avere un costo; anche dopo decenni di esposizione stagionale all’H3N2 e vaccinazione, le coorti più anziane evidentemente non sono riuscite a sviluppare una protezione altrettanto forte contro l’H3N2.

Gli antigeni del gruppo HA 1 (es. H1) sembrano indurre risposte immunitarie più ristrette e una minore protezione tra i gruppi rispetto agli antigeni del gruppo HA 2 strutturalmente distinti (es. H3) [25].

Forse le coorti anziane impresse agli antigeni del gruppo 1 sono state intrappolate in risposte più ristrette che offrono una protezione eccezionale contro ceppi simili a quella della prima esposizione ma relativamente scarsa adattabilità ad altri sottotipi.

Noi ipotizziamo che la protezione dell’imprinting, che attualmente limita il numero di casi gravi di H1N1 assistiti clinicamente negli anziani, limiti anche l’impatto sulla mortalità dei virus H1N1. Sebbene i lignaggi H1N1 pre e post 2009 abbiano causato profili leggermente diversi di mortalità specifica per età [13], nessuno dei due lignaggi H1N1 causa quasi tanti decessi quanti l’H3N2 nelle coorti di anziani ad alto rischio [13,31,49].

Da un lato, se nelle future coorti di anziani adulti permangono forti pregiudizi specifici del sottotipo derivanti dall’imprinting, i nostri risultati corroborerebbero l’idea che la mortalità da H1N1 possa aumentare quando la protezione negli anziani si sposta da H1N1 verso altri sottotipi [9,13].

D’altra parte, dato che le coorti nate dopo il 1968 hanno avuto esposizioni nei primi anni di vita molto più varie sia a H1N1 che a H3N2, queste coorti possono mostrare una maggiore capacità di agire come generalisti immunologici quando diventano anziani, in grado di difendersi efficacemente contro più sottotipi.

Il nostro studio ha diversi limiti. I casi relativamente gravi e assistiti clinicamente hanno molte più probabilità di essere rilevati, confermati per sottotipo e inclusi nei nostri dati rispetto ai casi lievi. Pertanto, mentre i nostri risultati mostrano una chiara relazione tra l’imprinting a livello di sottotipo e il rischio di influenza clinica relativamente grave, la relazione tra l’imprinting e casi lievi o asintomatici non può essere determinata dai dati disponibili.

Dato il numero limitato di variabili registrate nei dati, non è stato possibile modellare esplicitamente l’impatto dei singoli fattori di rischio come la presenza di comorbidità, il sesso del paziente o lo stato di vaccinazione. Tutti questi fattori sono noti per modellare l’immunità e il rischio di influenza [50] e tutti possono far sì che i risultati dell’imprinting individuale differiscano dalla media, tendenze della popolazione misurate dal nostro studio.

Comprendere come queste covariate a livello di paziente modulano l’imprinting e altri aspetti dell’immunità è la prossima frontiera in questa linea di ricerca. Per ora, lavorando entro i limiti dei dati disponibili, abbiamo progettato la componente di rischio specifica per età del modello per catturare empiricamente gli effetti combinati di diversi fattori di rischio che non potevano essere modellati individualmente.

Inoltre, abbiamo analizzato il conteggio relativo dei casi da H1N1 a H3N2 entro ogni singolo anno di nascita, non l’incidenza assoluta, per controllare i bias minori specifici per età nel campionamento, che sono quasi inevitabilmente presenti in qualsiasi ampio set di dati di sorveglianza.

Un’altra limitazione era il basso numero di casi confermati disponibili nell’era precedente al 2009. Set di dati ampi e dettagliati raccolti continuamente per decenni forniscono il massimo potere di separare gli effetti dell’età dall’anno di nascita. Facciamo eco con enfasi alle precedenti richieste [51] per una condivisione più sistematica dei dati di sorveglianza dell’influenza di un solo anno di età, la standardizzazione dello sforzo di campionamento e la segnalazione dei denominatori specifici dell’età, che potrebbero aumentare sostanzialmente la capacità della comunità scientifica di collegare i fattori genetici e antigenici dell’influenza. proprietà con esiti epidemiologici. Inoltre, la raccolta e la segnalazione di covariate come sesso, stato vaccinale e presenza di comorbidità nei dati di sorveglianza ci aiuterebbe a capire come le variabili a livello di paziente modulano l’imprinting e l’immunità in generale [52,53].

Nel complesso, questa analisi conferma che il carico epidemiologico di H1N1 e H3N2 è modellato da differenze specifiche della coorte nell’imprinting infantile [9,12,13,16,54] e che questo imprinting agisce a livello del sottotipo HA o NA contro l’influenza stagionale [16,17].

La mancanza di supporto per effetti di imprinting a livello di gruppo HA più ampi enfatizza le conseguenze dell’immunodominanza degli epitopi più variabili dell’influenza e la difficoltà di distribuire risposte delle cellule B della memoria ampiamente protettive contro ceppi stagionali familiari. Nel complesso, questi risultati migliorano la nostra comprensione di come l’anzianità antigenica modella il rischio specifico della coorte durante le epidemie.

Il fatto che le coorti anziane mostrino una protezione immunitaria relativamente debole contro H3N2, anche dopo aver vissuto decenni di esposizione stagionale o vaccinazione contro H3N2, suggerisce che le risposte anticorpali acquisite in età adulta non forniscono la stessa forza o durata della protezione immunitaria delle risposte innescate durante l’infanzia .

Esperimenti immunologici che considerano esposizioni virali multiple e studi di coorte in cui le storie individuali di infezione influenzale vengono monitorate dalla nascita, promettono di chiarire come la memoria dei linfociti B e dei linfociti T si sviluppa attraverso una serie di esposizioni nei primi anni di vita. In particolare, questi studi possono fornire intuizioni più chiare rispetto ai dati epidemiologici in cui gli antigeni dell’influenza, gli epitopi e gli effettori immunitari svolgono il ruolo più importante nell’imprinting immunitario e quanto velocemente i pregiudizi specifici del sottotipo si radicano nelle prime o nelle prime esposizioni.

link di riferimento: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6922319/


Ulteriori informazioni:  Sigrid Gouma et al, Gli individui di mezza età possono essere in uno stato perpetuo di suscettibilità al virus dell’influenza H3N2,  Nature Communications  (2020). DOI: 10.1038 / s41467-020-18465-x

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.