I tatuaggi compromettono la sudorazione aumentando il rischio di lesioni legate al calore

0
65

Una nuova ricerca rileva che la pelle tatuata non suda tanto quanto le aree del corpo non inchiostrate, il che potrebbe avere implicazioni per la capacità del corpo di raffreddarsi nelle persone con tatuaggi estesi.

Il primo studio nel suo genere è pubblicato prima della stampa nel Journal of Applied Physiology.

La normale sudorazione aiuta a regolare la temperatura corporea. Le ghiandole sudoripare eccentriche, presenti in tutto il corpo, producono un sudore principalmente a base di acqua per raffreddare il corpo.

I danni alle ghiandole eccrine possono compromettere la risposta alla sudorazione, che a sua volta può aumentare il rischio di surriscaldamento.

Studi precedenti hanno scoperto che la pelle tatuata aveva una maggiore concentrazione di sodio nel sudore, il che suggerisce una ridotta funzionalità dei dotti sudoripare eccrini.

Il processo di applicazione di un tatuaggio richiede fino a 3.000 punture cutanee al minuto , il che potrebbe causare danni alle ghiandole sudoripare.

I ricercatori hanno studiato volontari con tatuaggi sulla parte superiore o inferiore delle braccia che misurano almeno 5,6 centimetri quadrati e aree adiacenti di pelle non tatuata.

Per promuovere una risposta alla sudorazione di tutto il corpo, i volontari indossavano una tuta di perfusione che faceva circolare acqua calda verso l’alto di 120 gradi F per 30 minuti o più.

Il team di ricerca ha misurato la temperatura corporea interna dei partecipanti e il tasso di sudorazione e la temperatura della pelle su entrambe le aree della pelle tatuate e non tatuate sullo stesso braccio.

I ricercatori hanno anche utilizzato tecniche laser per misurare il flusso sanguigno nella pelle.

Tuttavia, le misurazioni del flusso sanguigno erano inaffidabili, probabilmente a causa delle proprietà riflettenti o assorbenti degli inchiostri utilizzati nei tatuaggi dei partecipanti.

Il team di ricerca ha scoperto che le aree tatuate e non tatuate hanno iniziato a sudare più o meno nello stesso momento in risposta al calore, il che suggerisce che i segnali nervosi alle ghiandole sudoripare funzionano normalmente nella pelle tatuata.

Tuttavia, la riduzione del sudore prodotto può indicare che si è verificato un danno ghiandolare durante la puntura ripetitiva della pelle quando viene applicato un tatuaggio. Sebbene i piccoli tatuaggi abbiano meno probabilità di interferire con la regolazione della temperatura corporea generale, la diminuzione della sudorazione nella pelle tatuata “potrebbe influire sulla dissipazione del calore, specialmente quando il tatuaggio copre una percentuale più alta della superficie corporea”, hanno scritto i ricercatori.

“La nuova scoperta principale in questo studio è che la pelle periferica [contenente follicolo pilifero] del braccio contenente i tatuaggi ha tassi di sudorazione ridotti, e quindi la potenziale capacità di perdita di calore, durante [il riscaldamento di tutto il corpo] rispetto alla pelle adiacente senza tatuaggi, “Hanno scritto i ricercatori.

“Questi dati indicano che gli effetti collaterali del processo di tatuaggio hanno un impatto negativo sulla funzione delle ghiandole sudoripare eccrine e potrebbero essere considerati una potenziale complicanza a lungo termine o un effetto collaterale di questa procedura cosmetica”, hanno aggiunto.

“Il tatuaggio della pelle altera la sudorazione durante il riscaldamento passivo di tutto il corpo” è stato pubblicato prima della stampa nel Journal of Applied Physiology.


L’arte figurativa è un’espressione intrinseca della cultura umana e l’arte del tatuaggio del corpo è stata presente nell’umanità almeno dal tardo periodo neolitico, con esemplari trovati già nel 3300-3200 a.C.

In Europa e negli Stati Uniti, il tatuaggio era in precedenza una moda marginale, ma questo segno tribale un tempo ribelle per marinai, soldati e anticonformisti si è trasformato in un popolare accessorio mainstream, simile a piercing o gioielli (appendice).

Oggi molte persone ricevono il loro primo tatuaggio all’età di 16-20 anni e, poiché fino al 36% delle persone di età inferiore ai 40 anni ha almeno un tatuaggio, è necessaria una rivalutazione del tatuaggio da una prospettiva tossicologica.1,2

I principali rischi associati al tatuaggio erano in precedenza uno scarso standard di igiene e rischi associati di infezione.

L’introduzione di rigorosi standard di salute e sicurezza lo ha reso perlopiù una minaccia per il passato.3,4 In combinazione con una crescente esposizione pubblica di tatuaggi da parte di modelli di ruolo, la percezione diffusa è che il tatuaggio sia abbastanza sicuro.

Tuttavia, a parte il rischio di gravi complicazioni dermatologiche, gli inchiostri usati oggi hanno poco in comune con i coloranti classici e nessuno è stato valutato tossicologicamente per il loro utilizzo nei tatuaggi (ad esempio, applicazione intradermica).

Inoltre, fino al 50% delle persone tatuate si rammarica della propria decisione di farsi un tatuaggio prima o poi. Sebbene la moderna rimozione del tatuaggio laser non sia così spiacevole come la bruciatura descritta da Mark Twain, 5 presenta ancora il rischio di cicatrici post-trattamento. Inoltre, sappiamo poco sul destino fisiologico o tossicologico dei pigmenti del tatuaggio dopo la fotolisi indotta dal laser.6-9

Nel tentativo di colmare alcune di queste lacune di conoscenza, l’Istituto federale tedesco per la valutazione dei rischi (BfR) ha organizzato una conferenza sulla sicurezza dei tatuaggi, che si è tenuta a Berlino, in Germania, dal 6 al 7 giugno 2013. Questa recensione è il risultato di questo workshop e qui affrontiamo la composizione e l’applicazione degli inchiostri per tatuaggi, gli aspetti tossicologici, la rimozione del tatuaggio, il destino dei pigmenti e gli aspetti normativi.

Aspetti tecnologici

I coloranti sono i componenti definitivi e quindi più evidenti degli inchiostri per tatuaggi. La maggior parte degli inchiostri è costituita da pigmenti quasi insolubili dispersi in acqua più additivi come formulanti, disperdenti e conservanti.

Alcuni prodotti contengono anche fragranze. La maggior parte dei tatuaggi sono neri e gli inchiostri in questione sono composti da composti legati alla fuliggine (p. Es., Nerofumo) con additivi per ombreggiatura come biossido di titanio o ossidi di ferro o le suddette sostanze ausiliarie.10-12

In media, viene iniettato circa 1 mg di inchiostro per cm² di tatuaggio. Quindi, grandi quantità di nerofumo e composti associati, come idrocarburi policiclici aromatici (IPA) potenzialmente genotossici, possono essere trovati in campioni di pelle tatuata e linfonodi regionali anche anni dopo il tatuaggio.

Lo stesso è prevedibile per i composti azoici o policiclici in molti tatuaggi colorati. I rispettivi pigmenti sono stati progettati per uso principalmente industriale, non per l’applicazione sulle persone.

Con il progredire della chimica, i coloranti organici divennero sempre più utilizzati negli inchiostri per tatuaggi (appendice).

I pigmenti sono stati generalmente sviluppati per l’uso in lacche, inchiostri o materie plastiche e sono di purezza variabile o contengono altre sostanze (ad esempio, coadiuvanti di cristallizzazione, agenti disperdenti).

Dal 2008 al 2013 le autorità sanitarie svizzere hanno analizzato 416 campioni di 73 diversi marchi di inchiostri per tatuaggi.13 

Hanno identificato 39 coloranti organici, nessuno dei quali è stato mai testato per l’uso a contatto con il corpo umano, e hanno scoperto che il loro uso era aumentato dal 39% al 56% tra il 2009 e il 2011.

Sebbene gli inchiostri per tatuaggi moderni contengano principalmente pigmenti organici, i metalli pesanti sono ancora in primo piano, sia come cromofori (appendice), additivi per ombreggiatura o contaminanti. L’analisi degli inchiostri commerciali mostra che titanio, bario, alluminio e rame sono prevalentemente usati come coloranti, mentre l’antimonio, l’arsenico, il cadmio, il cromo, il cobalto, il piombo e il nichel tendono ad essere contaminanti.14,15

Le rispettive dimensioni delle particelle si trovano nell’intervallo submicrometrico o possono essere vere nanoparticelle (particelle più piccole di 100 nm). Alcuni ossidi metallici (ad es. Ossido di alluminio, ossido di titanio) vengono aggiunti intenzionalmente come nanoparticelle per creare e ff etti speciali, il cui destino ed e ff etti nel corpo umano rimangono incerti. Tuttavia, la maggior parte delle particelle forma aggregati visibili ad occhio nudo nei campioni bioptici.

Le analisi hanno mostrato una tendenza alla riduzione e alla sostituzione di noti colpevoli del passato (es. Sali di mercurio e cadmio o ossidi di cromo e cobalto), sebbene queste sostanze siano ancora rilevabili in concentrazioni che vanno da μg / kg a mg / kg di inchiostro .14

Nel frattempo metalli come titanio, rame e alluminio si trovano nell’inchiostro in concentrazioni fino a 180,9 g / kg, 31,3 g / kg e 5,9 g / kg, rispettivamente (Boccha B, non pubblicato), e un sondaggio condotto dalla Danimarca16 ha riportato alte concentrazioni di metalli tossici come cromo (31 mg / kg), nichel (18 mg / kg) e piombo (10 mg / kg).

A causa delle loro alte concentrazioni negli inchiostri per tatuaggi, i coloranti dominano il focus analitico e i conservanti e le impurità sembrano essere considerati un problema minore. Tuttavia, in Svizzera i conservanti vietati per l’uso nei cosmetici sono stati trovati fino al 14% dei circa 416 campioni testati (Hauri U, non pubblicato). Tra queste sostanze vietate c’erano 1,2-benzisotiazol- 3 [2 H ] -one (benzisotiazolinone; 56 campioni, 0,4-245 mg / kg), 2-ottil-4-isotiazolin-3-one (ottilinone; 15 campioni , 40–450 mg / kg), fenolo (12 campioni, 40–4300 mg / kg), formaldeide (55 campioni, 0,04–0,23%) e i noti forti sensibilizzanti metilisotiazolinone / metilcloroisotiazolinone (21 campioni, 0 · 5–82 mg / kg).

Altre sostanze includevano N- nitrosammine come   N- nitrosodietanolamina (56 campioni, fino a 24 mg / kg), N- nitrosomorfolina (nove campioni, fino a 625 μg / kg), N- nitrosodibutilammina (due campioni, fino a 93 μg / kg) e N- nitrosodimetilammina (un campione, 17 μg / kg).

I campioni contenevano anche altri ingredienti non divulgati, ad esempio β-naftolo etossilato (15 campioni), nonilfenolo etossilato (sette campioni) o ottilfenolo etossilato (otto campioni). Allo stesso modo, prove aneddotiche dagli Stati Uniti suggeriscono che i problemi di conservazione e le impurità causano alcune delle reazioni avverse al tatuaggio segnalate.

Complicazioni associate al tatuaggio

Da un punto di vista medico, il tatuaggio implica il superamento della barriera cutanea e quindi comporta un certo rischio di infezione perché la superficie della pelle non è sterile. Circa l’1–5% delle persone tatuate soffre di infezioni batteriche correlate al tatuaggio dopo aver ricevuto un tatuaggio.

Queste infezioni possono essere infezioni cutanee locali superficiali o casi sistemici più gravi, con agenti patogeni che comprendono ceppi batterici specifici, nonché comunità multibatteriche, funghi o virus trasmessi dal sangue come l’epatite C o B o l’HIV.2,4,17,18

Sebbene di ffi cile da trattare, le infezioni da funghi e virus sono rare.2,3,19 Le infezioni batteriche sono molto più evidenti e le colpevoli sono, tra gli altri, Staphylococci spp di gruppo A (p. Es., Staphyloccus aureus ), Streptococci spp (p. Es., Streptococcus pyogenes ), micobatteri (non tubercolari e tubercolari) e pseudomonadi.4,20-23

Il rischio di infezione dipende principalmente dalle condizioni in cui viene eseguito il tatuaggio e pratiche antigieniche come l’inumidimento dell’ago con la saliva sono state tradizionalmente una delle principali fonti di agenti patogeni.

A causa di una maggiore consapevolezza dell’igiene, le infezioni sono ora causate principalmente da agenti patogeni opportunistici e microrganismi cutanei commensali.21 In casi eccezionali, i risultati possono essere gravi quanto l’infezione piogenica con formazione di ascessi, erisipela, cellulite, fascite e cancrena e possono includere infezioni sistemiche e pericolose per la vita, in particolare sepsi ed endocardite.

Inoltre, gli inchiostri sono stati sottovalutati come fonte di contaminazione batterica.24 Gli investigatori hanno riferito25,26 che fino al 20% degli inchiostri campionati sono contaminati, con conte batteriche fino a 10⁸ unità formanti colonie per mL, compresi gli inchiostri etichettati come sterili.

Le contaminazioni possono derivare da cattive pratiche di produzione o essere il risultato dell’uso di acqua di rubinetto come diluente non sterile.3,23,27

Di particolare interesse è il Mycobacterium chelonae , un patogeno ambientale, che è stato identificato come l’agente eziologico di molte infezioni correlate ai tatuaggi.23,26-28

In un sondaggio tedesco del 2010, 2 circa il 68% delle persone tatuate ha riportato complicazioni a seguito della procedura, con i tatuaggi colorati segnalati come la principale preoccupazione.19

Dei problemi segnalati, il 7% erano sistemici e il 6% persistenti. Tuttavia, di solito solo le persone con casi gravi cercheranno cure mediche. Le esperienze in Danimarca mostrano che gli eventi avversi cronici sono dominati da reazioni di natura allergica, con il rosso che rimane il colore più problematico (Serup J, non pubblicato) .16

Le reazioni possono comparire mesi o anni dopo che il tatuaggio è stato fatto. Questo è un periodo notevolmente lungo di induzione della sensibilizzazione e, sebbene le ragioni esatte non siano state ancora chiarite, questa complicanza ritardata è un esempio del problema molto più ampio: il deposito intradermico dei pigmenti del tatuaggio si traduce in un’esposizione per tutta la vita. La maggior parte delle reazioni sono infiammatorie e possono

vanno dall’ulcerazione nell’allergia grave all’iperplasia epidermica eccessiva o anche all’uveite congiunturale.4,22,29-32 I segni istologici infiammatori sottostanti sono la dermatite interfase e l’infiltrazione dei linfociti dei linfociti T.33-35 Questa serie di eventi è stata dimostrata anche per un reazione allergica contro un inchiostro rosso per tatuaggi.36

Nel frattempo, il patch test sembra inadatto per identificare i corrispondenti coloranti per tatuaggi come allergeni. La clinica per tatuaggi dell’Ospedale universitario Bispebjerg (Copenaghen, Danimarca) ha testato un set di 43 allergeni standard, 32 coloranti tessili e una batteria di otto inchiostri per tatuaggi in uno studio su 90 pazienti che erano stati precedentemente risultati positivi per reazioni allergiche ai tatuaggi.37 I risultati più positivi si sono riferiti al nichel come allergene primario (n = 16), e solo due pazienti hanno reagito ai coloranti tessili e quattro agli inchiostri per tatuaggi. Allo stesso tempo, i singoli patch test contro specifici coloranti colpevoli erano per lo più negativi. Lo studio ha concluso che le reazioni allergiche ai tatuaggi si sviluppano lentamente ed è improbabile che siano causate da un allergene presente direttamente nell’inchiostro del tatuaggio. In accordo con l’impressione clinica generale, le reazioni nei tatuaggi rossi erano predominanti. A parte il nichel come contaminante, il rosso è tra i pochi colori che sono risultati frequentemente positivi, 19,38,39 anche se gli inchiostri moderni cercano di evitare l’uso del solfuro di mercurio (cinabro), che un caso storico ha identificato come uno dei principali allergeni.40 , 41 Il rosso rimane il colore più usato nei tatuaggi, quindi il potenziale allergenico registrato è molto rilevante, ma il motivo per cui rimane un problema del genere non è noto.2,42 Per alcuni pigmenti più vecchi il potenziale fotosensibilizzante del cadmio è stato suggerito come uno reason.43 Un’altra possibilità sarebbe una reazione contro specifiche ammine aromatiche primarie (PAA), che sono prodotti di scissione di pigmenti azoici organici. Tuttavia, i tentativi di confermare questa possibilità mediante spettroscopia Raman in campioni bioptici da reazioni di tatuaggi rossi sono falliti, così come gli studi sull’allergia ai tessuti e sui coloranti azoici (Serup J, inedito). Insieme, questi risultati supportano l’ipotesi che l’allergene si sia formato all’interno della pelle, probabilmente attraverso il metabolismo, l’aptenizzazione o entrambi. È improbabile che l’epitopo sia un PAA definito o di origine azoica, come indicato dall’esito negativo del patch test PAA su pazienti con allergie ai coloranti tessili.

L’assenza di un test allergologico affidabile per i colori dei tatuaggi rimane un problema urgente. Tanto più perché queste allergie causano non solo gravi complicazioni ma anche sensibilizzazione nei confronti dei coloranti tessili.40 La soluzione potrebbe essere l’uso di saggi competenti per l’aptenizzazione. Dopo la modi fi ca del saggio sui linfonodi locali, molti inchiostri hanno indotto una risposta di proliferazione misurabile nei linfonodi regionali, confermando ancora una volta l’immunogenicità di molti inchiostri per tatuaggi (Howard PC, non pubblicato).

Tossicologia

igura: Sfide della valutazione tossicologica legate ai
tatuaggi La maggior parte dei coloranti per tatuaggi derivano da pigmenti usati per colorare alimenti e prodotti di consumo. I test tossicologici per quest’ultimo affronteranno abitualmente la tossicità orale, nonché i problemi di tossicità e sensibilizzazione extradermica, ma non considereranno le potenziali conseguenze di un deposito intradermico per tutta la vita. Legislazione REACH = registrazione, valutazione, autorizzazione e restrizione delle sostanze chimiche (in Europa).

Uno dei problemi principali per la valutazione tossicologica degli inchiostri per tatuaggi è l’assenza di dati appropriati per la composizione dell’inchiostro e la tossicologia.

I cromofori negli inchiostri per tatuaggi sono costituiti da coloranti organici e un’ampia gamma di sali metallici.19,44,45 I sali metallici erano usati preferenzialmente nelle formulazioni e miscele precedenti. Come tendenza generale, l’alluminio, il bario, il rame, il ferro e lo stronzio sono spesso i principali componenti metallici.14,16

Tuttavia, metalli tossici come manganese, piombo e vanadio sono stati segnalati anche in concentrazioni fino a diversi μg / g di inchiostro.14

L’individuo tatuato medio ha 100-300 cm² di superficie della pelle tatuata e le prove con la pelle di maiale mostrano che le concentrazioni di pigmento possono variare da 0,6 mg / cm² a 9,42 mg / cm².2,46

Questa concentrazione è piuttosto elevata considerando che gli inchiostri per tatuaggi sono miscele tossicologicamente indefinite con purezza dei pigmenti inferiore all’80% .46

A causa della scarsità di dati sul prodotto e dell’elevato numero di formulazioni disponibili, qualsiasi valutazione della sicurezza chimica deve rimanere incompleta.

Una valutazione canadese del pigmento giallo 83 e 12,47, due componenti frequenti degli inchiostri gialli per tatuaggi, ha stimato un’esposizione sistemica giornaliera limite superiore di 0,12-1,1 mg / kg di peso corporeo al giorno, ma non ha potuto trarre ulteriori conclusioni perché non disponeva di dati sufficienti per la tossicità intradermica e il metabolismo.

In Europa la legislazione REACH (registrazione, valutazione, autorizzazione e restrizione delle sostanze chimiche) richiede test per tutte le sostanze chimiche commercializzate nell’Unione europea. L’entità del test dipende dal volume registrato e coprirà la tossicità acuta, la genotossicità, la tossicità riproduttiva, la cancerogenicità e gli studi a dosi ripetute.48

I dati per la tossicità cutanea copriranno l’irritazione locale, la corrosività e il potenziale di sensibilizzazione, ma non l’applicazione di depositi cutanei intradermici (figura).

Pertanto i produttori delle rispettive materie prime non possono supportare l’uso dei loro pigmenti per il tatuaggio. Inoltre, le valutazioni ai sensi del REACH si riferiscono ai soli pigmenti. Non sono applicabili alle formulazioni pronte all’uso, né includono dati su eventuali impurità.

Inoltre, i pigmenti possono essere suscettibili alla scissione, come nel caso della dissociazione catalizzata da acido del pigmento rosso 57: 1,49 Inoltre, molti coloranti contengono sostanze intrinsecamente problematiche come PAA, nitrosammine, pigmenti metallici o vari IPA (compreso il benzo [ a ] pirene) e le formulazioni utilizzate per i tatuaggi potrebbero contenere anche fenoli, formaldeide o ftalati.50

Alcuni inchiostri, come il rosso biolip 27, hanno dimostrato di avere un forte potenziale citotossico

I cromofori aromatici nei tatuaggi sono soggetti a fotodecomposizione.9,30,52 A parte l’effetto puramente cosmetico dello sbiadimento del colore, alcuni dei prodotti di decomposizione sono sospetti o noti cancerogeni nell’uomo. Gli esempi includono la scissione del pigmento giallo 74 in varie ammine primarie o la fotodecomposizione del pigmento arancione 13 in sostanze come 3,3ʹ-dicloro-4- amminobifenile o 3,3ʹ-diclorobenzidina (Howard PC, non pubblicato) .9 Analogamente, studi hanno mostrato che il pigmento rosso 22 è fotoclivabile. 8,30,44 Generalmente, i coloranti azo o bisazo hanno la tendenza a decomporsi nel gruppo azoico,

formazione di ammine aromatiche potenzialmente tossiche.46 Sebbene questo processo sia stato stabilito in soluzioni in vitro prive di cellule, è necessario affrontare la rilevanza in vivo. Più acutamente, la fotodermatosi potrebbe essere indotta da pigmenti contenenti solfuro di cadmio e, inoltre, sono stati descritti rari casi di disturbi simili al lupus eritematoso discoide da reazioni indotte dalla luce associate ai pigmenti contenuti nell’inchiostro rosso.53-56

Gli IPA e altri componenti dell’inchiostro possono assorbire la radiazione ultravioletta (UV), generando specie reattive dell’ossigeno.50,57 UVA ha una profondità di penetrazione di 1 · 5 mm nella pelle, che è abbastanza profonda da raggiungere le particelle di inchiostro nero depositate nella derma. Nel frattempo, la formazione di ossigeno singoletto indotta dalla luce, con conseguente citotossicità, può iniziare a dosi radianti di 4 J per cm² di pelle, una dose di gran lunga inferiore a quella della luce solare naturale.50

Metabolismo e cancerogenicità

Dopo la loro deposizione intradermica, i pigmenti del tatuaggio possono reagire con il tessuto circostante ed essere soggetti ad assorbimento intracellulare.33,58-61 Tuttavia, la questione del metabolismo è controversa. Alcuni hanno sostenuto che la bassa solubilità rende i rispettivi pigmenti biologicamente non disponibili; rendendoli sostanzialmente inerti.61 In effetti, la persistenza della colorazione del tatuaggio lo indica

eventuali processi metabolici sono lenti. Tuttavia, la bassa solubilità non è una caratteristica di tutti i coloranti e dei componenti dell’inchiostro e, con un deposito permanente, anche il metabolismo lento è rilevante. Inoltre, alcuni pigmenti contengono nanoparticelle, che hanno una biocinetica diversa (cioè distribuzione, metabolismo ed escrezione) .62

Il pigmento giallo 74 viene ossidato da monoossigenasi (CYP) dipendenti dal citocromo P450, determinando un’idrossilazione in posizione 4ʹ, seguita da O- demetilazione. I CYP implicati (p. Es., CYP1A1, 1A2, 1B1 e 3A4) sono molecole chiave nel metabolismo eucariotico di fase uno.7

Allo stesso modo, il gruppo nitro del pigmento giallo 74 viene ridotto dalle nitroreduttasi, determinando la formazione di derivati ​​aril nitroso e idrossilammina, che sono reattivi al DNA e ad altri nucleofili.7

Inoltre, i tatuaggi fanno parte della pulizia naturale della pelle. Nel topo tatuato SKH-1, fino al 32% del pigmento rosso 22 iniettato viene eliminato dopo la sua applicazione e uno studio iniziale su persone ha stimato che la clearance del pigmento sia dell’87-99% .60,63

A causa della bassa solubilità e dell’assenza della clearance della fase due, i rispettivi pigmenti rimangono potenzialmente disponibili a livello sistemico. Insieme, le prove indicano che i coloranti per tatuaggi sono soggetti al metabolismo di fase uno. Non è noto in che misura e quali organi oltre alla pelle possano essere interessati.

Allo stesso modo, i potenziali effetti cancerogeni locali e sistemici dei tatuaggi e degli inchiostri per tatuaggi non sono chiari (figura). La scoperta che gli inchiostri commerciali possono contenere IPA potenzialmente cancerogeni in concentrazioni di 0,14–201 μg / g ha già portato a ripetuti richiami alla cautela.50 Sebbene i rispettivi IPA rimarranno in parte nel sito di iniezione, concentrazioni fino a 11 · Sono stati riportati 8 μg / g di tessuto nei linfonodi locali

Inoltre, i rispettivi inchiostri possono contenere potenziali cancerogeni come coloranti azoici, alcune ammine aromatiche, fenolo, esacloro- 1,3-butadiene, metilene ammina, dibenzofurano, benzofenone e 9-fluorenone.65 Tuttavia, senza un affidabile in-vivo. studi, la questione rimane ferocemente dibattuta.

La questione è ulteriormente complicata dalla fotolisi e dal metabolismo speci fi co della specie. Altri fattori da considerare sono il trauma iniziale del tatuaggio sulla pelle e la successiva reazione infiammatoria che può verificarsi nel corso della vita.66 I dati epidemiologici disponibili sono scarsi e hanno molti fattori sociali e ambientali confondenti.

Un altro limite è il fatto che la lunga latenza del cancro richiederebbe una coorte sufficientemente ampia per rilevare lo sviluppo.19,66 Un’ampia revisione della letteratura scientifica ha riportato un numero apparentemente basso di circa 50 casi di cancro della pelle che erano probabilmente correlati ai tatuaggi. 66 Pertanto, finora, qualsiasi associazione deve essere considerata casuale.4,66

Rimozione di tatuaggi e prospettive tecniche

I sondaggi dei professionisti indicano che fino al 50% dei destinatari di tatuaggi ha, a un certo punto, avuto dei ripensamenti sulla propria decisione.67 Tuttavia, solo pochi perseguono la rimozione a causa del costo elevato e del rischio di cicatrici.

Le tecniche storiche elencate nel lavoro pubblicato includono l’abrasione della pelle con sali, la cauterizzazione chimica o l’uso di spazzole metalliche per rimuovere la pelle.68,69 Altre tecniche cercano di indurre una risposta infiammatoria cutanea (p. Es., Con acido tricloroacetico o acido lattico) .

Tuttavia, non esistono quasi studi controllati sull’efficacia della rimozione. Inoltre, tali procedure comportano il rischio di cicatrici e dispigmentazione.68,70 In caso di reazioni allergiche, l’asportazione chirurgica o la rasatura del dermatomo sembrano un’opzione preferibile poiché non rimangono residui di pigmento o prodotti di degradazione nella pelle.71

La rimozione laser è meno estrema e di routine preferita in assenza di reazioni allergiche. La corrispondente termofotolisi indotta dalla lunghezza d’onda consente il targeting selettivo dei coloranti senza distruggere la pelle.

I tre tipi preferiti di laser sono le versioni Q-Switched del laser a rubino (λ = 694 nm; e ff ettivo contro nero, blu e verde), il laser Nd: YAG (λ = 1064 nm e 532 nm; e ff ettivo contro nero e scuro blu o rosso arancio e alcuni gialli) e il laser ad alessandrite (λ = 755 nm; e ff cace contro nero, blu e verde) .68,72

Sono necessarie da quattro a più di dieci sedute di trattamento per liberare un individuo dal suo tatuaggio indesiderato. In alcuni casi, la rimozione completa non viene mai ottenuta (p. Es., In particolare per i tatuaggi multicolori), che è spesso causata da pigmenti inorganici come ossidi di ferro, zinco e titanio. Inoltre i prodotti di degradazione dei coloranti tagliati al laser possono portare a reazioni immunitarie impreviste.

Un recente caso clinico descrive la linfoadenopatia regionale in due individui dopo il trattamento laser di tatuaggi neri e blu-verdi.73 Un altro rischio è una reazione allergica locale al tatuaggio originale dopo il trattamento laser.74

Il trattamento laser ablativo di resurfacing frazionato è stato discusso come metodo per la rimozione completa del tessuto in individui che hanno avuto una reazione allergica, sebbene sia stato segnalato un caso di reazione sistemica dopo tale trattamento.74

Gli impulsi dei laser nella gamma dei picosecondi potrebbero aumentare l’efficacia di rimozione e sembrare utili quando si tratta di mirare a particelle di pigmento molto piccole.75,76 Altri progressi includono l’uso di composti di corrispondenza dell’indice e l’applicazione di diversi passaggi di laser Q-Switch.77 , 78

L’applicazione topica del per fl uorodecalin riduce l’effetto dello sbiancamento indotto dal laser, consentendo sequenze più veloci di passaggi laser per sessione.79 Sebbene questa diversità di nuovi metodi laser sia una buona notizia per i pazienti che stanno valutando la rimozione del tatuaggio, la sicurezza tossicologica di questi metodi resta da stabilire .

La microincapsulazione viene discussa come un’opzione per fornire coloranti e pigmenti con proprietà tossicologiche definite e biocinetica prevedibile.80 Nel caso dei tatuaggi, i coloranti solubili incapsulati porterebbero alla stabilità del colorante e ad una clearance senza problemi dopo il trattamento laser. Il gruppo di Bruce Klitzman81 della Duke University (NC, USA) ha sviluppato inchiostri per tatuaggi incapsulati con una capsula che potrebbe essere interrotta mediante l’applicazione di uno specifico impulso di energia esogena. La motivazione

originato dalla necessità occasionale di correggere la posizione dei tatuaggi medici sui capezzoli durante il corso della ricostruzione del seno.82 Dimostrando il principio, il gruppo ha dimostrato che l’80% del rispettivo colorante potrebbe essere rimosso dopo un trattamento laser di ratti e porcellini d’India senza peli tatuati, rispetto con il 20% di colorante in inchiostro convenzionale nel gruppo di controllo.

Aspetti normativi

Il numero di persone con uno o più tatuaggi è in costante aumento e le tinture ei pigmenti utilizzati tradizionalmente vengono sostituiti da coloranti che non sono mai stati utilizzati prima. Questo sviluppo coincide con un aumento delle segnalazioni di reazioni avverse e rappresenta quindi una sfida per la regolamentazione e la valutazione del rischio degli inchiostri per tatuaggi in tutto il mondo.

Negli Stati Uniti, gli inchiostri per tatuaggi sono regolamentati come cosmetici ai sensi delle sezioni 601 e 602 del Federal Food, Drug and Cosmetic Act ei pigmenti utilizzati negli inchiostri sono regolamentati come additivi coloranti, che rientrano in una sezione diversa della legge, sezione 721.

La pratica del tatuaggio potrebbe o non potrebbe essere regolata da giurisdizioni statali o locali: ciascuna giurisdizione ha requisiti diversi nella legislazione, nelle autorità giurisdizionali e nelle certificazioni professionali. Poiché sono trattati come cosmetici, l’atto non richiede la revisione pre-commercializzazione o l’approvazione degli inchiostri per tatuaggi.

Tuttavia, per essere commercializzati, non devono essere adulterati, né etichettati in modo errato e devono essere conformi al Poison Prevention Packaging Act del 1970. Al contrario, gli additivi colorati, ad eccezione delle tinture per capelli al catrame di carbone, richiedono la presentazione di una petizione per stabilire la sicurezza.

Quando un additivo colorante è destinato all’iniezione, come nel caso degli inchiostri per tatuaggi e del trucco permanente, un additivo colorante deve specificatamente prevedere tale uso (Code of Federal Regulations 21:70 · 5 (b); safe de fi esistono prove convincenti che stabiliscono con ragionevole certezza che nessun danno risulterà dall’uso previsto dell’additivo colorante ”).

Tuttavia, nessun additivo colorante è stato ancora elencato per l’uso in iniezione; di conseguenza, gli inchiostri per tatuaggi (compreso il trucco permanente) sono additivi colorati non approvati.

Finora la Food and Drug Administration (FDA) statunitense non ha esercitato la propria autorità di regolamentazione per gli additivi colorati su inchiostri per tatuaggi o pigmenti per tatuaggi a causa del loro uso storico e del basso numero di eventi avversi segnalati.

A causa del recente aumento delle segnalazioni di eventi avversi, dell’implicazione degli inchiostri sigillati fabbricati come fonte di contaminazione 27 e di altre informazioni ricevute sulle reazioni relative agli inchiostri per tatuaggi 21, la FDA sta riconsiderando il suo approccio. Nel frattempo, la FDA sta esaminando le segnalazioni di eventi avversi, intraprendendo azioni appropriate quando i problemi vengono identificati e sta istruendo i consumatori, l’industria e gli operatori sanitari sulle fonti e sui problemi associati agli inchiostri per tatuaggi e al trucco permanente.

Allo stesso modo, la regolamentazione europea del tatuaggio è ancora in fase di elaborazione. Invece di un regolamento comune ci sono diversi regolamenti nazionali, che si basano principalmente sulla risoluzione ResAP (2008) 1.83,84 Comunemente questi regolamenti forniscono istruzioni generali sulla composizione e l’etichettatura, nonché elenchi negativi di sostanze chimiche pericolose che non dovrebbero essere presenti negli inchiostri per tatuaggi .

Anche con le normative sui tatuaggi, la sorveglianza del mercato è una grande sfida. La Svizzera ha imposto restrizioni legali per gli inchiostri utilizzati per tatuaggi e trucco permanente dal 2006.85 Tuttavia, un’indagine nazionale del 201186 ha mostrato che il 37% di 167 inchiostri e il 9% di 23 prodotti per il trucco permanente non erano conformi alle normative vigenti.

I tentativi di una regolamentazione equilibrata sono ulteriormente complicati nei paesi in cui il tatuaggio ha un forte background tradizionale come in Nuova Zelanda. I tatuaggi tradizionali ( moko, pe`a ) sono un taonga (tesoro), protetto dal Trattato di Waitangi.87 Significano collegamenti con la famiglia, la cultura e le conquiste della vita. Tuttavia, i problemi con gli inchiostri per tatuaggi in Nuova Zelanda sono notevolmente simili a quelli di altri paesi e sono state sollevate preoccupazioni contro gli inchiostri con ingredienti incerti e sterilità, molti dei quali vengono importati via Internet senza restrizioni.

Le infezioni rimangono uno dei maggiori problemi con le tecniche di tatuaggio tradizionali. Poiché si tratta di una situazione speciale, le autorità in Nuova Zelanda favoriscono un approccio di regolamentazione morbida e nessuna regolamentazione specifica del tatuaggio è presente nella legislazione primaria.

Invece, il Ministero della Salute, l’Autorità per la Protezione Ambientale e le autorità governative locali hanno implementato linee guida, standard e regolamenti nazionali per gestire i rischi associati ai tatuaggi. Queste misure includono consigli pratici sulla sterilità e sulla gestione di infortuni e sanguinamenti, gestione dei rifiuti biologici e problemi di informazione e documentazione. Inoltre, l’Autorità per la protezione dell’ambiente della Nuova Zelanda ha introdotto standard per la sicurezza chimica degli inchiostri per tatuaggi (Tattoo and Permanent Makeup Substances Group Standard 2011), che sono in parte simili alla risoluzione ResAP (2008) 1.83,88 del Consiglio d’Europa.

Conclusioni

Occorrono urgentemente misure internazionali per la protezione dei consumatori. In Europa, 100 milioni di persone hanno uno o più tatuaggi. Sebbene l’industria debba rispettare le normative esistenti e assumere una posizione più proattiva sulla sicurezza dei tatuaggi, le autorità di regolamentazione e gli scienziati hanno la responsabilità di affrontare i potenziali rischi dei tatuaggi. Gli scenari armonizzati per la valutazione del rischio degli inchiostri per tatuaggi sono una necessità urgente.

Idealmente queste valutazioni dovrebbero portare all’approvazione di sostanze che sono sicure per l’applicazione intradermica fino a una dose definita. Tuttavia, a causa delle incertezze su argomenti come la biocinetica dei pigmenti e il metabolismo, probabilmente non saranno possibili elenchi positivi a breve termine. Anche l’approccio regolamentare apparentemente più fattibile delle liste negative sarà soggetto a limitazioni come esemplificato dal caso di

allergie agli inchiostri per tatuaggi rossi. Senza che si conoscano il meccanismo e la natura degli agenti causali, vietare determinati ingredienti avrà scarso effetto. Ciò che è quindi urgentemente necessario è la creazione di un quadro giuridico che consideri il tatuaggio come uno scenario applicativo unico.

Per il periodo fino al raggiungimento di un’adeguata valutazione del rischio, l’esclusione o la limitazione graduale delle sostanze per le quali esistono prove di effetti nocivi sulla salute potrebbe aumentare notevolmente il livello di sicurezza dei consumatori. Le informazioni sulla body art esistente dovrebbero essere incluse come routine nei questionari sullo stato di salute per aiutare l’identificazione delle conseguenze del tatuaggio.

Anche gli studi prospettici epidemiologici sul potenziale effetto degli inchiostri per tatuaggi sulla salute aiuterebbero questo obiettivo. Accanto alla regolamentazione, la standardizzazione è un elemento importante per l’implementazione di requisiti di alta qualità per gli inchiostri e i tatuaggi. La normalizzazione degli approcci alla standardizzazione a livello nazionale e internazionale potrebbe quindi aiutare a implementare la qualità e la sicurezza pubblica più rapidamente di quanto farebbe la sola regolamentazione.

Infine, nei tatuatori e nelle persone che si fanno tatuare dovrebbe essere aumentata la consapevolezza che un tatuaggio, oltre ad essere un aspetto dell’arte, comporta un’esposizione interna per tutta la vita a una miscela di ingredienti che non sono stati caratterizzati per quanto riguarda i possibili effetti negativi sulla salute.

Riferimenti

  1. Laumann AE, Derick AJ. Tattoos and body piercings in the United States: a national data set. J Am Acad Dermatol 2006; 55: 413–21.
  2. Klügl I, Hiller KA, Landthaler M, Bäumler W. Incidence of health problems associated with tattooed skin: a nation-wide survey in German-speaking countries. Dermatology 2010; 221: 43–50.
  3. Conaglen PD, Laurenson IF, Sergeant A, Thorn SN, Rayner A, Stevenson J. Systematic review of tattoo-associated skin infection with rapidly growing mycobacteria and public health investigation of a cluster in Scotland, 2010. Euro Surveill 2013; 18: 20553.
  4. Kaatz M, Elsner P, Bauer A. Body-modifying concepts and dermatologic problems: tattooing and piercing. Clin Dermatol 2008; 26: 35–44.
  5. Twain M. How to remove warts and tattoo marks. The Sun (New York), 1889: 4.
  6. Ortiz AE, Avram MM. Redistribution of ink after laser tattoo removal. Dermatol Surg 2012; 38: 1730–31.
  7. Cui Y, Churchwell MI, Couch LH, Doerge DR, Howard PC. Metabolism of pigment yellow 74 by rat and human microsomal proteins. Drug Metab Dispos 2005; 33: 1459–65.
  8. Vasold R, Naarmann N, Ulrich H, et al. Tattoo pigments are cleaved by laser light—the chemical analysis in vitro provide evidence for hazardous compounds. Photochem Photobiol 2004; 80: 185–90.
  9. Cui Y, Spann AP, Couch LH, et al. Photodecomposition of Pigment Yellow 74, a pigment used in tattoo inks. Photochem Photobiol 2004; 80: 175–84.
  10. Beute TC, Miller CH, Timko AL, Ross EV. In vitro spectral analysis of tattoo pigments. Dermatol Surg 2008; 34: 508–15.
  11. Humphries A, Lister TS, Wright PA, Hughes MP. Determination of the thermal and physical properties of black tattoo ink using compound analysis. Lasers Med Sci 2013; 28: 1107–12.
  12. Kim JW, Lee JW, Won YH, Kim JH, Lee SC. Titanium, a major constituent of blue ink, causes resistance to Nd-YAG (1064 nm) laser: results of animal experiments. Acta Derm Venereol 2006; 86: 110–13.
  13. Amberg J, Baumgartner A, Brüschweiler B, Lüthi K-W, Gautsch S, Hauri U. Konformität von Tätowier- und Permanent-Make-up Farben nicht zufriedenstellend. BAG Bulletin 2009; 29: 535–41.
  14. Forte G, Petrucci F, Cristaudo A, Bocca B. Market survey on toxic metals contained in tattoo inks. Sci Total Environ 2009;407: 5997–6002.
  15. Forte G, Petrucci F, Cristaudo A, Bocca B. Quantification of sensitizing metals in tattooing pigments by SF-ICP-MS technique. Open Chem Biomed Meth J 2009; 2: 42–47.
  16. Jacobsen E, Tønning K, Pedersen E, et al. Chemical substances in tattoo ink. Copenhagen: Danish Environmental Protection Agency, 2012.
  17. Jafari S, Buxton JA, Afshar K, Copes R, Baharlou S. Tattooing and risk of hepatitis B: a systematic review and meta-analysis.Can J Public Health 2012; 103: 207–12.
  18. Tohme RA, Holmberg SD. Transmission of hepatitis C virus infection through tattooing and piercing: a critical review. Clin Infect Dis 2012; 54: 1167–78.
  19. Wenzel SM, Rittmann I, Landthaler M, Bäumler W. Adverse reactions after tattooing: review of the literature and comparison to results of a survey. Dermatology 2013; 226: 138–47.
  20. Centers for Disease Control and Prevention (CDC). Tattoo- associated nontuberculous mycobacterial skin infections–multiple states, 2011–2012. MMWR Morb Mortal Wkly Rep 2012; 61: 653–56.
  21. Centers for Disease Control and Prevention (CDC). Methicillin-resistant Staphylococcus aureus skin infections among tattoo recipients–Ohio, Kentucky, and Vermont, 2004–2005.MMWR Morb Mortal Wkly Rep 2006; 55: 677–79.
  22. Kazandjieva J, Tsankov N. Tattoos: dermatological complications.Clin Dermatol 2007; 25: 375–82.
  23. Rodríguez-Blanco I, Fernández LC, Suárez-Peñaranda JM, Pérez del Molino ML, Esteban J, Almagro M. Mycobacterium chelonae infection associated with tattoos. Acta Derm Venereol 2011; 91: 61–62.
  24. Charnock C. Biocidal activity of a bioactive glass-protected, preservative-free tattooing solution. Am J Infect Control 2006; 34: 290–95.
  25. Baumgartner A, Gautsch S. Hygienic-microbiological quality of tattoo- and permanent make-up colours. Verbrauch Lebensm 2010; 6: 319–25.
  26. Høgsberg T, Saunte DM, Frimodt-Møller N, Serup J. Microbial status and product labelling of 58 original tattoo inks.J Eur Acad Dermatol Venereol 2013; 27: 73–80.
  27. Kennedy BS, Bedard B, Younge M, et al. Outbreak of Mycobacterium chelonae infection associated with tattoo ink. N Engl J Med 2012; 367: 1020–24.
  28. Drage LA, Ecker PM, Orenstein R, Phillips PK, Edson RS.  An outbreak of Mycobacterium chelonae infections in tattoos. J Am Acad Dermatol 2010; 62: 501–06.
  29. Ostheimer TA, Burkholder BM, Leung TG, Butler NJ, Dunn JP, Thorne JE. Tattoo-associated uveitis. Am J Ophthalmol 2014; 158: 637–43, e1.
  30. Hutton Carlsen K, Serup J. Photosensitivity and photodynamic events in black, red and blue tattoos are common: a ‘Beach Study’. J Eur Acad Dermatol Venereol 2014; 28: 231–37.
  31. Høgsberg T, Hutton Carlsen K, Serup J. High prevalence of minor symptoms in tattoos among a young population tattooed with carbon black and organic pigments. J Eur Acad Dermatol Venereol 2013; 27: 846–52.
  32. Wenzel SM, Welzel J, Hafner C, Landthaler M, Bäumler W. Permanent make-up colorants may cause severe skin reactions. Contact Dermatitis 2010; 63: 223–27.
  33. Kaur RR, Kirby W, Maibach H. Cutaneous allergic reactions to tattoo ink. J Cosmet Dermatol 2009; 8: 295–300.
  34. Garcovich S, Carbone T, Avitabile S, Nasorri F, Fucci N, Cavani A. Lichenoid red tattoo reaction: histological and immunological perspectives. Eur J Dermatol 2012; 22: 93–96.
  35. Thum CK, Biswas A. Inflammatory complications related to tattooing: a histopathological approach based on pattern analysis. Am J Dermatopathol 2015; 37: 54–66.
  36. Høgsberg T, Thomsen BM, Serup J. Histopathology and immune histochemistry of red tattoo reactions. Skin Res Technol 2015; published online May 29. DOI:10.1111/srt.12213.
  37. Serup J, Hutton Carlsen K. Patch test study of 90 patients with tattoo reactions. Negative outcome of allergy patch test to standard batteries and culprit inks suggests allergen(s) are generated in the skin through haptenization. Contact Dermatitis 2014; 71: 255–63.
  38. Sowden JM, Byrne JP, Smith AG, et al. Red tattoo reactions: X-ray microanalysis and patch-test studies. Br J Dermatol 1991; 124: 576–80.
  39. Fors R, Persson M, Bergström E, Stenlund H, Stymne B, Stenberg B. Lifestyle and nickel allergy in a Swedish adolescent population: effects of piercing, tattooing and orthodontic appliances. Acta Derm Venereol 2012; 92: 664–68.
  40. Bhardwaj SS, Brodell RT, Taylor JS. Red tattoo reactions.Contact Dermatitis 2003; 48: 236–37.
  41. Taaffe A, Knight AG, Marks R. Lichenoid tattoo hypersensitivity.BMJ 1978; 1: 616–18.
  42. Mortimer NJ, Chave TA, Johnston GA. Red tattoo reactions.Clin Exp Dermatol 2003; 28: 508–10.
  43. Yazdian-Tehrani H, Shibu MM, Carver NC. Reaction in a red tattoo in the absence of mercury. Br J Plast Surg 2001; 54: 555–56.
  44. Bäumler W, Eibler ET, Hohenleutner U, Sens B, Sauer J, Landthaler M. Q-switch laser and tattoo pigments: first results of the chemical and photophysical analysis of 41 compounds. Lasers Surg Med 2000; 26: 13–21.
  45. Vasold R, Engel E, König B, Landthaler M, Bäumler W. Health risks of tattoo colors. Anal Bioanal Chem 2008; 391: 9–13.
  46. Engel E, Santarelli F, Vasold R, et al. Modern tattoos cause high concentrations of hazardous pigments in skin. Contact Dermatitis 2008; 58: 228–33.
  47. Canadian Ministry of Environment, Canadian Ministry of Health. Draft screening assessment aromatic azo and benzidine-based substance grouping, five diarylide yellow pigments. Gatineau: Environment Canada, 2013: 1–90.
  48. European Commission. European Parliament and Council Regulation (EC) No. 1907/2006 concerning the Registration, Evaluation, Authorisation and Restriction of Chemials. OJEU 2006; L396: 1–849.
  49. Carson S. Skin Painting Studies in Mice with 14 FD&C and D&C Colors: FD&C Blue no. 1, Red No. 3, and Yellow No. 5, D&C Red No. 7, Red No. 9, Red No. 10, Red No. 19, Red No. 21, Red No. 27, Red No. 31, Red No. 36, Orange No. 5, Orange No. 10, and Orange No. 17. J Toxicol Cutaneous Ocul Toxicol 1984; 3: 357–70.
  50. Regensburger J, Lehner K, Maisch T, et al. Tattoo inks contain polycyclic aromatic hydrocarbons that additionally generate deleterious singlet oxygen. Exp Dermatol 2010; 19: e275–81.
  51. Falconi M, Teti G, Zago M, et al. Influence of a commercial tattoo ink on protein production in human fibroblasts.Arch Dermatol Res 2009; 301: 539–47.
  52. De Cuyper C. Permanent makeup: indications and complications.Clin Dermatol 2008; 26: 30–34.
  53. Hall AF. Lupus erythematosus in red part of tattooed area.Arch Dermatol 1943; 47: 610–11.
  54. Madden JF. Reactions in tattoos, chronic discoid lupus erythematosus. Arch Derm Syphilol 1949; 60: 789–93.
  55. Rook AJ, Thomas PJ. Social and medical aspects of tattooing.Practitioner 1952; 168: 60–66.
  56. Bjornberg A. Reactions to light in yellow tattoos from cadmium sulfide. Arch Dermatol 1963; 88: 267–71.
  57. Høgsberg T, Jacobsen NR, Clausen PA, Serup J. Black tattoo inks induce reactive oxygen species production correlating with aggregation of pigment nanoparticles and product brand but not with the polycyclic aromatic hydrocarbon content.Exp Dermatol 2013; 22: 464–69.
  58. Mann R, Klingmüller G. Electron-microscopic investigation of tattoos in rabbit skin. Arch Dermatol Res 1981; 271: 367–72.
  59. Fujita H, Nishii Y, Yamashita K, Kawamata S, Yoshikawa K. The uptake and long-term storage of India ink particles and latex beads by fibroblasts in the dermis and subcutis of mice, with special regard to the non-inflammatory defense reaction by fibroblasts. Arch Histol Cytol 1988; 51: 285–94.
  60. Gopee NV, Cui Y, Olson G, et al. Response of mouse skin to tattooing: use of SKH-1 mice as a surrogate model for human tattooing. Toxicol Appl Pharmacol 2005; 209: 145–58.
  61. Engel E, Santarelli F, Vasold R, et al. Establishment of an extraction method for the recovery of tattoo pigments from human skin using HPLC diode array detector technology. Anal Chem 2006; 78: 6440–47.
  62. Høgsberg T, Loeschner K, Löf D, Serup J. Tattoo inks in general usage contain nanoparticles. Br J Dermatol 2011; 165: 1210–18.
  63. Lehner K, Santarelli F, Penning R, et al. The decrease of pigment concentration in red tattooed skin years after tattooing.J Eur Acad Dermatol Venereol 2011; 25: 1340–45.
  64. Lehner K, Santarelli F, Vasold R, et al. Black tattoos entail substantial uptake of genotoxicpolycyclic aromatic hydrocarbons (PAH) in human skin and regional lymph nodes. PLoS One 2014; 9: e92787.
  65. Lehner K, Santarelli F, Vasold R, König B, Landthaler M, Bäumler W. Black tattoo inks are a source of problematic substances such as dibutyl phthalate. Contact Dermatitis 2011; 65: 231–38.
  66. Kluger N, Koljonen V. Tattoos, inks, and cancer. Lancet Oncol 2012;13: e161–68.
  67. Klitzman B. Development of permanent but removable tattoos. German Federal Institute for Risk Assessment (BfR) conference on tattoo safety; Berlin, Germany; June 6–7, 2013. http://www.bfr.bund. de/cm/343/development-of-permanent-but-removable-tattoos.pdf (accessed June 11, 2015).
  68. Bernstein EF. Laser tattoo removal. Semin Plast Surg 2007; 21: 175–92.
  69. Kent KM, Graber EM. Laser tattoo removal: a review.Dermatol Surg 2012; 38: 1–13.
  70. BfR. Tattoo removal: use of aqueous lactic acid with health risks associated (BfR), 2011 (in German). http://www.bfr.bund.de/ cm/343/tattoo_entfernung_einsatz_waessriger_milchsaeure_ist_ mit_gesundheitlichen_risiken_verbunden.pdf (accessed June 11, 2015).
  71. Sepehri M, Jørgensen B, Serup J. Dermatome shaving of tattoo reactions, medical follow up including patient’s satisfaction. European Congress on Tattoo and Pigment Research 2013; Copenhagen, Denmark; Nov 13–14, 2013. Abstract 21.
  72. Kilmer SL, Anderson RR. Clinical use of the Q-switched ruby and the Q-switched Nd:YAG (1064 nm and 532 nm) lasers for treatment of tattoos. J Dermatol Surg Oncol 1993; 19: 330–38.
  73. Izikson L, Avram M, Anderson RR. Transient immunoreactivity after laser tattoo removal: report of two cases. Lasers Surg Med 2008; 40: 231–32.
  74. Zemtsov A, Wilson L. CO2 laser treatment causes local tattoo allergic reaction to become generalized. Acta Derm Venereol 1997; 77: 497.
  75. Ross V, Naseef G, Lin G, et al. Comparison of responses of tattoos to picosecond and nanosecond Q-switched neodymium: YAG lasers. Arch Dermatol 1998; 134: 167–71.
  76. Ibrahimi OA, Sakamoto FH, Anderson RR. Picosecond laser pulses for tattoo removal: a good, old idea. JAMA Dermatol 2013; 149: 241.
  77. McNichols RJ, Fox MA, Gowda A, Tuya S, Bell B, Motamedi M. Temporary dermal scatter reduction: quantitative assessment and implications for improved laser tattoo removal.Lasers Surg Med 2005; 36: 289–96.
  78. Kossida T, Rigopoulos D, Katsambas A, Anderson RR. Optimal tattoo removal in a single laser session based on the method of repeated exposures. J Am Acad Dermatol 2012; 66: 271–77.
  79. Reddy KK, Brauer JA, Anolik R, et al. Topical perfluorodecalin resolves immediate whitening reactions and allows rapid effective multiple pass treatment of tattoos. Lasers Surg Med 2013; 45: 76–80.
  80. Patzelt A, Richter H, Dähne L, et al. Influence of the vehicle on the penetration of particles into hair follicles. Pharmaceutics 2011;3: 307–14.
  81. Klitzman B, Koger KE, inventors; Option Technologies (Durham, NC), assignee. Tattoo inks. USA patent 6,013,122. Jan 11, 2000.
  82. Hanafiah M, Alhabshi SM, Mahin AH. Changes following nipple areolar complex reconstruction and tattooing resembling a recurrent Paget’s disease of the breast.BMJ Case Rep 2013; bcr-2013-201281.
  83. European Council. Resolution ResAP(2008)1 on requirements an criteria for the safety of tattoos and permanent make-up. In: Products CoEoC, ed; 2008.
  84. European Council. Council directive 76/768/EEC on the approximation of the law as of the member states relating to cosmetic produtcs. OJEU 1976; L262: 1–169.
  85. Das Eidgenössische Departement des Innern (EDI). Verordnung über Gegenstände für den Schleimhaut-, Haut- und Haarkontakt sowie über Kerzen, Streichhölzer, Feuerzeuge und Scherzartikel (Verordnung über Gegenstände für den Humankontakt). Bern: Swiss Government, 2005: 1–26.
  86. Hauri U. Inks for tattoos and PMU (permanent make-up): organic pigments, preservatives and impurities such as primary aromatic amines and nitrosamines. Basel: Kantonales LaboratoriumBasel-Stadt, 2011.
  87. New Zealand. Treaty of Waitangi. February 6, 1840. http://archives. govt.nz/exhibitions/treaty (accessed June 12, 2015).
  88. New Zealand Environmental Protection Agency. Tattoo and permanent makeup substances group standard. 2011.

More information: Maurie J. Luetkemeier et al. Skin tattooing impairs sweating during passive whole-body heating, Journal of Applied Physiology (2020). DOI: 10.1152/japplphysiol.00427.2019

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.