Effetto dell’ozono terapia e dei bagni di Nauheim su pazienti con malattie cardiovascolari

0
89

La protezione e la promozione della salute è uno dei compiti prioritari del sistema sanitario governativo, in base al quale si sta sviluppando una direzione di attività fondamentalmente nuova: il passaggio da un sistema incentrato sulla cura dei pazienti e sulla riabilitazione delle persone disabili sistema basato sulla priorità di formare una cultura della salute e finalizzato alla prevenzione delle malattie. [1]. 

Lavoro ad alta intensità, stress psicologico prolungato, impatto di fattori ambientali sfavorevoli, stress cronico, crescita di disturbi psico-emotivi, nevrosi, depressione, aumento dell’irritabilità, diminuzione delle prestazioni, cambiamenti causati da disfunzioni somatoforme del sistema nervoso autonomo portano alla crescita e

“Ringiovanimento” della cardiopatia ipertensiva e ischemica, cronicità di numerose malattie [2].

I problemi di correzione delle condizioni prenosologiche richiedono un nuovo approccio per risolvere questo problema [3]. Pertanto, diventa rilevante il tema della terapia preventiva degli stati borderline del corpo. 

Lo stato borderline secondo Galeno e Avicenna non è la salute e non una malattia, ma il terzo stato funzionale del corpo tra norma e patologia. 

Il passaggio dalla salute alla malattia è associato a una diminuzione delle capacità adattive del corpo, con una diminuzione della capacità di rispondere adeguatamente a vari tipi di stress. Allo stesso tempo, al confine tra salute e malattia, compaiono una serie di stati di transizione, chiamati prenosologici [4]. 

Numero di persone in “terzo stato” anche nei paesi economicamente sviluppati in cui l’assistenza sanitaria è in condizioni prioritarie, pari al 50-80% della popolazione totale [5]. Attualmente si è diffusa la seguente classificazione degli stati funzionali del corpo [6]:

Lo stato della norma fisiologica. È caratterizzato da un adattamento soddisfacente alle condizioni ambientali. Ci sono capacità funzionali sufficienti dell’organismo. L’omeostasi viene mantenuta con una tensione minima dei sistemi di regolazione.

Condizioni pre-nosologiche. Con loro, per mantenere l’equilibrio del corpo con l’ambiente, è necessario mobilitare risorse funzionali, che richiedono la tensione dei sistemi di regolazione. Si sviluppano vari gradi di tensione di meccanismi di adattamento. 

Le capacità di adattamento del corpo in condizioni di riposo non sono ridotte, ma la capacità di adattarsi allo stress è ridotta. L’omeostasi viene mantenuta solo a causa di una certa tensione dei sistemi regolatori.

Condizioni premorbose. Lo stato di adattamento insoddisfacente alle condizioni ambientali. Le capacità funzionali del corpo sono ridotte. L’omeostasi viene preservata solo a causa di una significativa tensione nei sistemi di regolamentazione o per l’inclusione di capacità di riserva aggiuntive.

Interruzione dei meccanismi di adattamento. Una forte diminuzione delle capacità funzionali del corpo. L’omeostasi è rotta. Specifici cambiamenti patologici si sviluppano a livello organo-sistemico.

Secondo questa classificazione, gli stati borderline includono condizioni prenosologiche e premorbose e la medicina riparativa dovrebbe sviluppare metodi di riabilitazione che corrispondano al livello delle capacità adattive del corpo: miglioramento della salute – per le persone con condizioni prenosologiche, trattamento e profilassi – per le persone con condizioni premorbose . 

Per quanto riguarda le persone con un guasto nell’adattamento, sono malate e necessitano di cure, il cui scopo è aumentare le capacità adattative del corpo e normalizzare lo stato funzionale, il passaggio dalla rottura dell’adattamento allo stato premorboso, e quindi a lo stato prenosologico, seguito dalla normalizzazione delle funzioni.

Va notato che il problema di valutare le capacità di adattamento del corpo nelle persone in stati al confine con salute e malattia è estremamente difficile. Nello stato borderline si combinano reazioni patologiche e prestazioni ridotte. In questo caso, una reazione patologica è il segno più antico, principale e completamente affidabile di uno stato borderline. 

Lo stato borderline è, in una certa misura, la perdita di salute di una persona, che spesso si manifesta in un’abbondanza di disturbi soggettivi e reazioni patologiche psicosomatiche oggettive, una diminuzione della capacità lavorativa [7]. 

Pertanto, per la diagnosi precoce di stati borderline del corpo con sviluppo premorboso di patologia cardiovascolare, nel nostro studio, abbiamo proposto di allontanarci dall’approccio nosologico tradizionale. Attualmente la priorità appartiene all’approccio problem-oriented, che si basa sull’identificazione dei meccanismi sindromico-patogenetici delle condizioni patologiche in uno specifico individuo. 

La direzione prioritaria in questo studio è stata il riorientamento della strategia medica dall’identificazione dei segni e dei sintomi della malattia alla massima oggettivazione dei parametri di salute e, prima di tutto, alla valutazione delle caratteristiche adattative dell’organismo, alla diagnosi prenosologica e correzione dei primi disturbi dell’omeostasi [8].

Data l’ampiezza del problema, la diagnosi prenosologica precoce è stata effettuata utilizzando moderne tecnologie informatiche e metodi di esame ad alta risoluzione, che hanno permesso di valutare in modo completo lo stato di salute dell’organismo secondo i criteri di “salute”, “pre-malattia “,” Malattia “, riserve adattative e predire lo sviluppo di processi patologici. Questo lavoro è dedicato allo studio dei primi segni dei disturbi dell’omeostasi e alla loro correzione preventiva in questa fase con l’aiuto di metodi di trattamento non farmacologico.

A questo proposito, una delle aree più promettenti in medicina dovrebbe includere l’applicazione di metodi di terapia con “gas” (GT): influenza dell’ozono terapia sulla cinetica del metabolismo dell’ossigeno e del sistema di microcircolazione nel trattamento dei pazienti postinfarto

L’ozono (O 3) è una forma allotropica di ossigeno e, quindi, è un fattore naturale naturale per un organismo vivente. 

L’uso dell’ozono elimina in gran parte i disturbi metabolici , strutturali e funzionali dei cardiomiociti che si verificano durante l’ischemia miocardica, che è un’indicazione dell’uso dell’OST in pazienti con patologia cardiovascolare per correggere disturbi clinici, emodinamici e metabolici, inclusa l’inefficacia della terapia tradizionale [ 9].

L’anidride carbonica, che influenza la quantità di ossiemoglobina dissociata, il tono vascolare, il livello di utilizzo dell’ossigeno da parte dei tessuti, garantendo così la completezza e l’intensità dei processi metabolici ed energetici [10], è di interesse per l’uso nei programmi metabolici e antiipossici, come mostrato ai pazienti cardiologici e può diventare un’aggiunta significativa per la prevenzione e il trattamento delle malattie cardiovascolari.

Materiali e metodi.

Per risolvere i problemi di questo studio, abbiamo esaminato 1847 pazienti con i principali fattori di rischio per lo sviluppo e la progressione della malattia coronarica, che sono stati trattati presso il Sanatorio Clinico Centrale intitolato al VI FE Dzerzhinsky (Sochi), di cui: donne – 1111 (60,2%), uomini – 736 (39,8%). 

Secondo il principio nosologico, tutti i pazienti sono stati condizionatamente suddivisi in 3 sottogruppi in base alla presenza di un fattore di rischio dominante: 764 – con ipertensione arteriosa (sottogruppo A); 549 – con metabolismo dei carboidrati alterato, iperglicemia (sottogruppo B); 534 – con un complesso di rischio multifattoriale (3 o più fattori di rischio) e pazienti con angina pectoris I-II FC.

In base allo scopo dello studio, i pazienti con diversi fattori di rischio sono stati divisi in 3 gruppi con il metodo della randomizzazione statistica. I pazienti che hanno ricevuto OST nel complesso di cure sanitarie e termali (SCL) rappresentavano il gruppo I. (n = 675); pazienti che hanno ricevuto bagni di anidride carbonica “a secco” (SUV) con il complesso tradizionale SKL – II gr. (n = 650). In III gr. (controllo) includeva pazienti che avevano ricevuto solo SCR convenzionale (n = 522). 

L’osservazione ha incluso principalmente persone in età lavorativa con età media da 44,3 ± 2,2 a 51,2 ± 2,1 anni, con durata della malattia o insorgenza dei sintomi fino a 5 anni (52,2%), con un “onere” non significativo concomitante malattie, che sembra rilevante per lo studio del problema dello sviluppo della diagnostica prenosologica e della terapia preventiva.

Tutti i pazienti hanno ricevuto SCR complesso, l’OST è stata eseguita sotto forma di infusioni endovenose a goccia di soluzione fisiologica ozonizzata – 200,0 ml con una concentrazione di ozono di 2,0-2,4 mg / l 2-3 volte a settimana, ottenuta su un ozonizzatore medico dell’azienda “Medozon”. 

Il corso del trattamento consisteva in 3-6 procedure nel complesso SCL. Per le procedure SUV è stato utilizzato uno speciale bagno “Reabox” con erogazione di anidride carbonica dosata con precisione e umidificatore ad anidride carbonica fino al 98%, sistema di riscaldamento e mantenimento automatico della temperatura impostata.

I bagni sono stati dosati in base alla concentrazione di anidride carbonica, alla temperatura della miscela aria-gas e alla durata della procedura, che corrispondeva ai seguenti parametri: concentrazione di anidride carbonica – 15-20%, temperatura – 28-32 ° С, durata 15-20 minuti, a giorni alterni, per un ciclo da 8 a 10 procedure.

Prima e dopo la terapia in corso, è stato effettuato un esame clinico completo e di laboratorio-strumentale, che ha incluso: una valutazione dello stato clinico, dei parametri di microcircolazione mediante fluorometria laser Doppler (LDF) utilizzando l’apparato LAKK-01 e sull’hardware-software complesso di capillaroscopia informatica; studio della cinetica del metabolismo dell’ossigeno (CMC) con il metodo della polarografia transcutanea sul dispositivo “TM-300T”, valutazione dei parametri del coagulogramma, del metabolismo dei carboidrati e dei lipidi, dello stato di perossidazione lipidica (LPO) e dell’attività antiossidante del corpo da il metodo della biochemiluminescenza indotta (BCL) e mediante analisi di prodotti LPO intermedi e sistema antiossidante (AOS) su uno spettrofotometro “Unico UV 2100”.

La valutazione delle reazioni adattive aspecifiche dell’organismo secondo il leucogramma con il metodo di L.Kh. Harkavi et al .; analisi dello stato del legame fagocitico del sistema immunitario; esame psicodiagnostico (test di determinazione operativa del livello di ansia di J. Taylor modificato da TA Nemchinov, test SAN, scala Eysenck) e esame psicofisiologico (reazione motoria semplice e complessa, frequenza critica dei lampi luminosi); analisi della variabilità della frequenza cardiaca con il metodo della cardiointervalografia utilizzando il complesso hardware-software per l’analisi della variabilità della frequenza cardiaca “Varicard” e l’apparato “poly-Spectrum”. L’elaborazione statistica del materiale è stata eseguita utilizzando il pacchetto software Statistika 6.0.

Risultati della ricerca.

Nel corso dello studio sono state individuate le seguenti sindromi mediante una valutazione diagnostica poliparametrica dello stato del corpo negli individui osservati:

– sindrome da “disordini metabolici” (violazione del metabolismo lipidico, tolleranza al glucosio, respirazione dei tessuti);

– sindrome da “stress ossidativo” (squilibrio tra processi dei radicali liberi e difesa antiossidante dell’organismo);

– sindrome dei “disturbi circolatori”.

Inoltre, queste sindromi sono state trovate in varie combinazioni nei pazienti esaminati. In un aspetto comparativo è stata analizzata l’influenza di OST e VTS sugli indicatori caratterizzanti le sindromi in esame. 

In particolare sono stati analizzati i profili lipidici di 745 pazienti con la sindrome di “disordini metabolici, dislipidemia”. Sotto l’influenza dell’ozono, è stata osservata una dinamica affidabile di indicatori con una diminuzione della quantità di colesterolo totale dell’11,6%, i trigliceridi del 7,1% e il coefficiente aterogenico del 19,4%. 

Inoltre, nei pazienti dello stesso gruppo, c’era una tendenza ad un aumento delle lipoproteine ​​ad alta densità (HDL-C) e ad una diminuzione della quantità di lipoproteine ​​a bassa densità (LDL-C) e a densità molto bassa ( VLDL-C) lipoproteine. Dopo il trattamento con l’uso di VCS, è stata rilevata solo una tendenza alla diminuzione del colesterolo totale e del coefficiente aterogenico.

È importante e rilevante nella medicina preventiva identificare i gruppi a rischio per lo sviluppo della malattia coronarica in base al contenuto di colesterolo HDL nel sangue nella dislipoproteinemia [11]. Analizzando il profilo lipidico nel gruppo di uomini con rischio alto e moderato dopo OST, c’è stata una significativa dinamica positiva degli indicatori con una diminuzione del numero di frazioni lipoproteiche aterogeniche, portando alla normalizzazione del profilo lipidico (Tabella 1). 

Dopo VTS, la dinamica significativa degli indicatori era meno pronunciata ed è stata notata: nel gruppo di uomini con rischio alto e moderato – in una diminuzione del colesterolo totale e del coefficiente aterogenico; con rischio zero – nel ridurre il coefficiente di aterogenicità.

Tabella 1 – Valutazione comparativa degli indicatori del metabolismo lipidico in base al livello di rischio negli uomini in gruppi di pazienti con differenti metodi di “gas” terapia

ParametriOST (n = 124 persone)SUV (n = 107 persone)
Colesterolo HDL ≤ 1,45
Colesterolo totale (mmol / L)-18.4% **-14.1% *
Trigliceridi (mmol / L)-11.2% *-5.2%
Colesterolo HDL (mmol / l)+ 11.1% **+ 7,8% con
VLDL cholesterol (mmol / l)-16.5% *-5.3%
Colesterolo LDL (mmol / l)-17.6% *-15,0% di
Coefficiente aterogenico, con-29.3% *-22.1% *
Colesterolo HDL> 1,45
Colesterolo totale (mmol / L)-14.7% *-11,1% di
Colesterolo HDL (mmol / l)+11.3% *+ 4.0%
Coefficiente aterogenico, con-18.5% *-16.6% *
Colesterolo HDL> 1,45
Colesterolo totale (mmol / L)-14.7% *-11,1% di
Colesterolo HDL (mmol / l)+11.3% *+ 4.0%
Coefficiente aterogenico, con-18.5% *-16.6% *

Nota: *, ** – affidabilità delle differenze rispetto all’indicatore iniziale, rispettivamente, p <0,05, p <0,01; z – c’è una tendenza a differire dalla linea di base.

tabella 2 – Valutazione comparativa degli indicatori del metabolismo lipidico in base al livello di rischio nelle donne in gruppi di pazienti con differenti metodiche di “gas” terapia

ParametriOST (n = 146 persone)SUV (n = 158 persone)
Colesterolo HDL ≤ 1,68
Colesterolo totale (mmol / L)-16.5% **-1 5.2% *
Trigliceridi (mmol / L)-8.6% *-4.4%
Colesterolo HDL (mmol / l)+ 9.2% *+ 6,4% con
Colesterolo LDL (mmol / l)-16.7% *-13,6% dell’inv
Coefficiente aterogenico, con-19.9% ​​**-18.8% *
Colesterolo HDL> 1,68
Colesterolo totale (mmol / L)-17.1% *-13,4% dell’inv
Colesterolo HDL (mmol / l)+ 4.7% *+ 3.5%
Coefficiente aterogenico, con-17.2% *-15.2% *

Nota: *, ** – affidabilità delle differenze rispetto all’indicatore iniziale, rispettivamente, p <0,05, p <0,01; z – c’è una tendenza a differire dalla linea di base.

Quando si analizzano gli indicatori del profilo lipidico in gruppi simili di donne dopo OST e WSS, i cambiamenti somigliavano ai risultati degli uomini, ma con vari gradi di affidabilità (Tabella 2). 

In generale, è stata rilevata la dinamica positiva dell’influenza dei metodi di “gas terapia” nelle fasi iniziali dei disturbi del metabolismo lipidico, che aiuterà ad ottimizzare il complesso delle misure preventive nelle persone con disturbi dello spettro lipidico.

Secondo la letteratura, l’effetto dell’inibizione dell’aterogenesi quando si utilizza OST è assicurato dalla riduzione della quantità di frazioni lipoproteiche aterogeniche e dipende direttamente dall’effetto normalizzante dell’ozono sul ripristino dell’equilibrio dinamico tra LPO e AOS [12]. 

Inoltre, sono stati ottenuti dati scientifici sull’effetto dell’anidride carbonica e, in particolare, della WTS su questi sistemi. Pertanto, il nostro compito è stato quello di analizzare la dinamica degli indicatori LPO nelle fasi iniziali della formazione di malattie cardiovascolari quando si utilizzano i metodi della terapia “gas”. 

Secondo i risultati dell’analisi della biochemiluminescenza plasmatica, si è scoperto che nel processo di OST, AOS è stato attivato, come evidenziato da un aumento del 38,0% del rapporto Imax / S. Allo stesso tempo, c’era una tendenza ad un aumento dell’intensità della luminescenza BChL, ma senza una dinamica affidabile della somma della luce. Nei pazienti dopo SWS, è stata osservata una diminuzione dell’indicatore della somma della luce del 21,2%, che rifletteva una diminuzione del contenuto di radicali liberi nel plasma sanguigno. Nel gruppo di controllo, non ci sono stati cambiamenti significativi negli indicatori BCL.

È interessante analizzare la cinetica dei processi di attivazione di LPO e AOS nei gruppi osservati. Nei pazienti che utilizzavano OST verso la fine del ciclo di trattamento, c’è stato un leggero aumento dell’attività LPO parallelamente a un significativo

un aumento dell’attività AOS. Nel II gruppo. degli intervistati, è stato osservato un quadro completamente diverso: a metà del trattamento si è verificata una certa attivazione dei processi LPO, che, molto probabilmente, può essere spiegata dai processi di ristrutturazione che avvengono nel corpo delle persone che sono arrivate al resort e sono associati a reazioni di adattamento alle nuove condizioni climatiche e geografiche e agli effetti delle attività terapeutiche e ricreative SKL tradizionali. 

Alla fine del soggiorno presso il resort, sotto l’influenza dell’OST, si è verificata una significativa diminuzione dell’intensità della LPO e un leggero aumento dell’AOA, ma meno pronunciata rispetto al gruppo di pazienti che ricevevano OST. In III gr. dei pazienti entro la metà del trattamento, l’attività LPO è leggermente aumentata ed è rimasta praticamente fino alla fine della loro permanenza presso il resort, ma non è stata rilevata alcuna differenza significativa negli indicatori dinamici. La curva AOS è rimasta praticamente invariata.

Pertanto, la triplice misurazione degli indicatori LPO e AOS ha rivelato le peculiarità dei cambiamenti di questi indicatori nella dinamica, e ha anche permesso di selezionare gli schemi ottimali per l’utilizzo dei metodi di “gas” terapia in combinazione con il tradizionale SCR. 

L’analisi dei prodotti intermedi LPO nei biosubstrati e gli indicatori AOS hanno mostrato un aumento significativo della superossido dismutasi dopo OST dell’11,5%, una diminuzione della malondialdeide dell’8,5% e una tendenza verso un aumento della catalasi sierica e una diminuzione della quantità di coniugati dienici. Dopo l’uso del SUV, gli indici di malondialdeide sono diminuiti significativamente dell’11,9% e la catalasi degli eritrociti è aumentata del 6,5% e una tendenza alla diminuzione dei coniugati dienici è stata rivelata secondo i risultati della fase isopropanolica dello studio. Nel gruppo di controllo non sono state ottenute dinamiche affidabili dei prodotti LPO e degli indicatori dell’attività AOS. I risultati ottenuti confermano chiaramente l’effetto antiossidante dell’ipercapnoterapia e l’effetto normalizzante dell’ozono, sia sui processi LPO che sul sistema AOD del corpo.

Le malattie cardiovascolari sono accompagnate da gravi manifestazioni di ipossia tissutale) [13, 14, 15]. L’effetto antiipossico dell’ozono e dell’anidride carbonica garantisce la correzione dei processi patologicamente alterati di trasporto e utilizzo dell’ossigeno da parte dei tessuti, confermata dall’analisi dei parametri della cinetica del metabolismo dell’ossigeno. 

Nel gruppo di pazienti con processi di respirazione tissutale inizialmente inibiti dopo il decorso di OST, è stato notato un aumento delle riserve funzionali degli enzimi respiratori, che si è manifestato in una significativa diminuzione della concentrazione critica di ossigeno del 14,4%. 

Una significativa diminuzione del tempo di esaurimento delle riserve di ossigeno (OIG) del 14,5%, il tempo di esaurimento della metà delle riserve di ossigeno del 17,7% e un aumento della costante di velocità di assorbimento di ossigeno del 25,0% ha indicato la normalizzazione dei processi dell’utilizzo dell’ossigeno da parte dei tessuti.

Inizialmente, i pazienti del gruppo esaminato avevano una marcata prevalenza di processi anaerobici su aerobici nell’energetica. 

Una significativa riduzione del tempo dei processi aerobici dell’11,8%, del tempo dei processi anaerobici (VAnP) del 10,8% e del coefficiente di glicolisi anaerobica (CAAG) del 9,3% in dinamica riflette la tendenza verso un rapporto equilibrato tra processi anaerobici e aerobici e un miglioramento dei tessuti per il consumo di ossigeno. 

Una significativa diminuzione del rapporto di riserva di ossigeno del 18,5% ha indicato l’adeguatezza dei processi di consegna e consumo di ossigeno da parte dei tessuti derivanti dal trattamento. Dopo il corso del trattamento con l’uso di SUV, è stata osservata una significativa diminuzione della concentrazione critica di ossigeno dell’11,7%, che ha indicato un aumento delle riserve funzionali degli enzimi respiratori. 

La tendenza alla diminuzione di VIZK (z = 1, 57) riflette un leggero miglioramento nei processi di consumo di ossigeno da parte dei tessuti, mentre una diminuzione di VANP (z = 1,59) e CAANH (z = 1,63) – i cambiamenti positivi iniziali nel rapporto tra processi anaerobici e aerobici. Nel gruppo di controllo non è stata osservata alcuna dinamica significativa.

Pertanto, l’OST nei pazienti con processi di respirazione tissutale inizialmente inibiti ha contribuito alla correzione dei processi patologicamente alterati del trasporto e dell’utilizzo dell’ossigeno da parte dei tessuti e alla normalizzazione delle riserve energetiche cellulari. 

L’uso di bagni di anidride carbonica secca in trattamenti termali complessi ha promosso l’attivazione della respirazione dei tessuti, ma la dinamica degli indicatori era meno significativa rispetto al gruppo I.

Quando si considera l’effetto dei metodi di terapia con gas su individui con “disturbi circolatori” sono stati valutati indicatori che riflettono le proprietà reologiche del sangue e lo stato del microcircolo. 

La dinamica dei parametri del sistema di coagulazione è stata analizzata in 254 pazienti con disturbi reologici inizialmente identificati. Sotto l’influenza dell’OST, si sono verificati cambiamenti significativi negli indicatori che caratterizzano vari collegamenti del sistema di coagulazione (Tabella 3). I metodi SUV e SCR tradizionali non hanno causato tali cambiamenti nei parametri del coagulogramma.

Tabella 3 – Indicatori del sistema di coagulazione del sangue

Nota: *, ** – affidabilità delle differenze con l’indicatore iniziale, rispettivamente, p <0,05, p <0,01.

I risultati ottenuti hanno indicato un effetto positivo dell’OST su tutti i legami emostatici con un moderato effetto ipocoagulante, che porta ad un miglioramento delle proprietà reologiche del sangue ed è importante per la terapia patogenetica dei pazienti con sindrome ipercoagulabile.

I disturbi del microcircolo svolgono un ruolo importante nella patogenesi di molte malattie. Le violazioni risultanti del trofismo di organi e tessuti contribuiscono a un lungo corso o progressione del processo patologico. 

I parametri del microcircolo sono stati analizzati in 812 pazienti. Nei pazienti trattati con OST, c’è stato un aumento significativo dell’indice di microcircolazione del 16,9%, la deviazione standard (RMS) del 52,8%, il coefficiente di variazione del 23,2% e l’indice di movimento del flusso del 32,4%. 

L’analisi dello spettro ampiezza-frequenza del grammo LDF ha rivelato una tendenza all’aumento dell’ampiezza delle oscillazioni a bassa frequenza (lente) e all’attivazione di vasomotion, nonché una diminuzione della resistenza vascolare. 

Durante il test di occlusione, è stato notato un aumento del flusso sanguigno capillare (PCC) nel periodo di iperemia del 56,7% e il tempo di metà recupero del flusso sanguigno del 25,8%. Una diminuzione della riserva di flusso sanguigno capillare può essere spiegata da un aumento del flusso sanguigno nel letto microcircolatorio a causa di un aumento del numero di capillari funzionanti sotto l’influenza dell’ozono, che è coerente con i dati della letteratura.

L’analisi dei parametri di microcircolazione nel gruppo di pazienti dopo SWS ha rivelato un aumento statisticamente significativo dei seguenti indicatori: il livello di microcircolazione del 28,3%, il RMS e il coefficiente di variazione del 63,0% e del 29,2%, rispettivamente l’indice di flusso emozioni del 36,8%, un aumento dell’ampiezza delle fluttuazioni a bassa frequenza del 13,9% e una diminuzione dell’ampiezza dei ritmi del polso del 23,2%. 

C’è stata anche una diminuzione della riserva aumentata del flusso sanguigno capillare del 13,3% e un aumento dei parametri normali nel tempo di dimezzamento del flusso sanguigno nel periodo di iperemia post-reattiva del test di occlusione con un aumento significativo di RCC da 68,9%. La resistenza vascolare è diminuita con elevata affidabilità (p <0,01) dopo il trattamento.

Nel gruppo di controllo, c’era una dinamica positiva dei principali parametri emodinamici, ma non c’era alcuna differenza significativa in questi parametri prima e dopo il trattamento. 

I risultati ottenuti hanno indicato un effetto positivo dei metodi HT sui meccanismi emodinamici del letto microcircolatorio, che si è manifestato con una diminuzione del tono neurogenico inizialmente aumentato, un aumento del flusso sanguigno nei capillari, una diminuzione della resistenza intravascolare, ma la dinamica dei cambiamenti positivi è stato più pronunciato nel secondo gruppo di soggetti dopo l’uso di bagni di anidride carbonica secca.

Nel sottogruppo di persone con alterato metabolismo dei carboidrati dopo il corso del trattamento con l’uso di OST, c’è stato un aumento significativo del coefficiente di variazione del 19,0%, una tendenza all’aumento dell’indice dei moti di flusso e RMS. L’analisi spettrale del LDF-gram non ha rivelato nessuna dinamica affidabile di indicatori. 

Durante il test di occlusione, è stato notato un aumento del flusso sanguigno durante il periodo di iperemia del 49,5% e una diminuzione del tempo di metà recupero del flusso sanguigno del 32,2%. Nel gruppo di pazienti dopo SWS, è stata osservata una dinamica significativa durante l’analisi dei componenti spettrali del LDF-gram e si è manifestata in un aumento dell’ampiezza delle oscillazioni a bassa frequenza del 7,9%. 

Inoltre, c’era una tendenza all’aumento dell’indice di microcircolazione e dell’indice di flusso. In generale, l’effetto dei metodi di terapia con gas sui pazienti di questo sottogruppo è meno significativo rispetto a quelli con ipertensione arteriosa.

INDICATORI DELLA CAPILLAROSCOPIA

Sottogruppo A. Pazienti con ipertensione arteriosa

Figura: 1. Dinamica degli indicatori di capillaroscopia

Nel sottogruppo con cardiopatia ischemica e in soggetti con 3 o più fattori di rischio dopo OST, c’è stato un aumento significativo di PM, indice di flusso e SD. L’analisi spettrale del LDF-gram ha rivelato una tendenza all’aumento dell’ampiezza delle oscillazioni del polso.

Durante il test di occlusione è stata notata una tendenza alla normalizzazione del tempo di recupero a metà del flusso sanguigno. Dopo un ciclo di trattamento con WSS, è stata osservata una dinamica significativa durante l’analisi delle componenti spettrali del grammo LDF e si è manifestata in un aumento delle oscillazioni a bassa frequenza e dell’impulso. 

Inoltre, c’è stata una tendenza all’aumento dell’indice dei moti di flusso. Pertanto, nelle persone con cardiopatia ischemica o in presenza di 3 o più fattori di rischio, per correggere i disturbi del microcircolo è più opportuno utilizzare la terapia con ozonoossigenoterapia.

altri indicatori di microcircolazione non sono stati osservati. 

L’impatto positivo delle metodiche “Gas” terapia per il microcircolo è stato confermato dai risultati ottenuti dalla capillaroscopia (Fig. 1).

Dopo un ciclo di SCL con l’uso di OST, i pazienti con pressione alta hanno mostrato una dinamica positiva significativa con una diminuzione del numero di inclusioni lipidiche fissate nella rete capillare per unità di tempo. 

I metodi SCR tradizionali e l’uso di SUV non hanno avuto un effetto significativo sui parametri del microcircolo, sebbene l’inclusione di SUV nel complesso SCR abbia indicato una tendenza verso una diminuzione del numero di inclusioni lipidiche. 

Nel gruppo di pazienti con alterato metabolismo dei carboidrati, l’uso di OST ha aumentato significativamente la velocità del flusso sanguigno totale (CCR), indipendentemente dal sesso dei pazienti esaminati, e ha anche delineato una tendenza verso una diminuzione del numero di inclusioni lipidiche e la normalizzazione dei parametri della zona perivascolare, che può essere considerato un segno indiretto di miglioramento della linfa e dell’emodrenaggio sotto ozono-ossigenoterapia.

Nei gruppi II e III dei pazienti osservati, non vi era alcuna differenza significativa tra i risultati primari e ripetuti dello studio MCB. 

Nel gruppo di pazienti con malattia coronarica, le principali dinamiche positive dei parametri del microcircolo con un’affidabilità di p <0,05 sono state notate solo sotto l’influenza di OST, dove, insieme ad un aumento della velocità del flusso sanguigno nelle donne e una diminuzione il numero di inclusioni lipidiche nei lumi dei capillari, c’era una tendenza verso una diminuzione dei parametri alterati della zona perivascolare e un aumento della velocità del flusso sanguigno totale negli uomini. 

L’effetto del SUV sul microcircolo in questo gruppo di pazienti ha rivelato solo una tendenza alla diminuzione del numero di inclusioni lipidiche, che conferma il moderato effetto ipolipidemico dei bagni di anidride carbonica. In generale, l’utilizzo di metodi di “gas” terapia e, principalmente ozono terapia, ha contribuito ad aumentare la velocità del flusso sanguigno capillare,

Le caratteristiche della personalità e dell’attività emotivo-comportamentale influenzano indubbiamente lo sviluppo e il decorso della malattia coronarica. È stato dimostrato che il tipo di personalità comportamentale influenza gli indicatori clinici ed ergometrici che valutano lo stato della circolazione coronarica e dovrebbe essere preso in considerazione quando si pianificano misure riabilitative [7, 16]. 

È ovvio che la conoscenza e la considerazione della struttura delle reazioni personali e del comportamento di questa categoria di pazienti aiuterà ad attuare più efficacemente una strategia individuale di trattamento riabilitativo. 

Nella letteratura disponibile sull’uso dell’ozono e dell’anidride carbonica non sono disponibili dati sull’effetto di questi metodi sul livello delle riserve di adattamento e sullo stato di resistenza aspecifica nei pazienti con i fattori di rischio più patognomonici per la malattia coronarica.

Pertanto, lo studio dei problemi dichiarati è di grande importanza scientifica e applicata. Il sistema circolatorio può essere considerato un indicatore sensibile delle reazioni adattative dell’intero organismo, e la variabilità della frequenza cardiaca riflette bene il grado di tensione dei sistemi regolatori dovuto all’attivazione del sistema ipofisi-surrenalico e alla reazione del simpatico -sistema surrenale che si manifesta in risposta a qualsiasi effetto stressante. 

A questo proposito, la cardiointervalografia (CIG) è un metodo per valutare lo stato di regolazione del meccanismo fisiologico tra le parti simpatica e parasimpatica del sistema nervoso autonomo [17].

I principali indicatori nella selezione degli individui per lo studio sono stati un alto livello di ansia, una diminuzione dell’umore, la tensione emotiva, una maggiore sensibilità agli stimoli esterni, disturbi somatizzati. 

Durante la raccolta dell’anamnesi, sono state stabilite caratteristiche comuni per tutti i casi analizzati: non specificità dei sintomi e complessi dei sintomi rilevati, loro eterogeneità, livello subclinico o lieve gravità dei sintomi, assenza di forme completate di sindromi tipiche. 

Le manifestazioni cliniche più frequenti erano i disturbi somatovegetativi, che erano variabili, non persistenti e si manifestavano sporadicamente in connessione con una situazione significativa e tensione, attesa ansiosa.

Un gruppo di 582 persone è stato selezionato per l’analisi  Durante l’analisi dei riflessi cardiovascolari dopo un ciclo di OST, è stato notato un aumento della variabilità della frequenza cardiaca: un aumento significativo dell’indice SDNN, un aumento della potenza totale dello spettro, che ha indicato un aumento dell’attività totale delle influenze neuroumorali sul cuore Vota. 

L’analisi spettrale ha rivelato un aumento significativo del contributo della componente HF (fluttuazioni rapide), i cui valori sono stati inizialmente ridotti, con una contemporanea diminuzione del rapporto LF / HF del 31,0%, spiegabile con una diminuzione nel contributo dell’attività simpatico-surrenale alla modulazione della frequenza cardiaca. 

L’attivazione della regolazione parasimpatica è stata confermata da un aumento della radice quadrata della differenza quadratica media tra intervalli NN adiacenti (RMSSD), una diminuzione della frequenza cardiaca.

Durante la conduzione ortostatica tendeva ad aumentare la K 30/15 che indicava un aumento della regolazione autonomica con una tendenza verso una diminuzione del tono simpatico inizialmente aumentato e un aumento della reattività della divisione parasimpatica dell’ANS. 

Una dinamica simile di indicatori con un maggiore grado di affidabilità di un aumento della variabilità della frequenza cardiaca, una diminuzione della frequenza cardiaca e un’attivazione più pronunciata del sistema parasimpatico è stata rivelata nei pazienti del gruppo II. 

Inoltre, nel gruppo dopo SWS, è stata rilevata una tendenza all’aumento della potenza delle onde ad alta e bassa frequenza, che in generale ha portato ad un aumento significativo della potenza totale dello spettro del 58,6%. Dopo un ciclo di trattamento con l’uso di metodi HT, è stata osservata una diminuzione dell’indice di stress dei sistemi di regolazione, che ha indicato un aumento della resistenza antistress del corpo. 

Nel gruppo di controllo, non c’era alcuna differenza significativa negli indicatori prima e dopo il trattamento. In generale, le metodiche di “gas” terapia hanno portato ad un aumento delle capacità adattative dell’organismo con un aumento del TP e un equilibrio delle influenze simpatiche e parasimpatiche.

L’analisi dei risultati della ricerca psicodiagnostica ha identificato un gruppo di persone con cambiamenti nello stato iniziale. Dopo il trattamento con metodi HT, è stato notato un miglioramento statisticamente significativo in tutti i parametri dell’esame psicologico secondo il metodo di J. Taylor nella modifica di TA Nemchina, ma nel gruppo OST, il grado di affidabilità della diminuzione dell’indice di ansia era più alto (Tabella 4).

Tabella 4 – Risultati dei test psicologici

Nota: *, ** – affidabilità delle differenze con l’indicatore iniziale, rispettivamente, p <0,05, p <0,01,  z  – c’è una tendenza a differire dall’indicatore iniziale.

La dinamica degli indicatori nel gruppo di controllo era praticamente assente. Un’analisi qualitativa dell’attività, del benessere e dell’umore dei pazienti ha rivelato il seguente schema. Se prima del trattamento nei pazienti di tutti e tre i gruppi, il rapporto tra gli indicatori di benessere, attività e umore era cambiato a causa della relativa diminuzione del benessere e dell’attività rispetto all’umore, che è un segno indiretto di aumento della fatica umana, poi dopo il corso del trattamento, in misura maggiore dopo che i metodi di “gas” terapia sono stati osservati “livellando” il rapporto di questi indicatori, che caratterizzavano una persona riposata. 

Secondo i risultati dei test psicofisiologici, non è stata trovata alcuna dinamica affidabile in nessuno dei gruppi. Ma, dato che, sullo sfondo dell’uso di OST e OST, l’assenza di dinamiche affidabili dei test analizzati è stata combinata con una dinamica positiva pronunciata degli indicatori di stato psicologico, si può presumere che ci sia una possibilità dell’esistenza di una dinamica ritardata degli indicatori psicofisiologici, per un breve soggiorno sui buoni presso il resort.

L’effetto antistress dell’ozono medicale e dell’anidride carbonica è stato confermato nei risultati dell’analisi delle reazioni adattive generali come indicatori della resistenza aspecifica del corpo (Fig. 2). Nel gruppo I i pazienti con reazioni di allenamento di livelli elevati e reazioni di attivazione di livelli di reattività alti e medi, che sono la base aspecifica della “norma” prima del trattamento, rappresentavano il 60,4%, dopo un ciclo di OST – 82,0%.

 Allo stesso tempo, c’è stato un aumento del numero di casi con reazioni di attivazione aumentata e silenziosa di livelli elevati del 16,3%. Prima del trattamento, i pazienti con reazioni di attivazione di bassi livelli di reattività e allenamento di livelli medi di reattività, che sono la base aspecifica della “pre-malattia”, rappresentavano il 26,2%, con reazioni di iperattivazione e stress, nonché di allenamento di bassa livelli, le “Malattie” hanno rappresentato il 13,4%.

LO STATO DEL CORPO PER REAZIONI DI ADATTAMENTO

Figura: 2. Dinamica delle reazioni adattive generali

Dopo il trattamento con ozono, questi pazienti sono passati a reazioni di allenamento di livello medio o alla reazione “normale” e il numero di persone nel gruppo “malattia” è sceso al 2,2%. 

Nel II gruppo. dei pazienti dopo l’uso di SSV, si è rilevata una significativa dinamica di diminuzione della percentuale di casi nel sottogruppo “malattia” dal 10,9% al 4,2% e il numero di persone nella categoria “pre-malattia” è diminuito dell’8,0% a causa all’aumento del numero di pazienti nel sottogruppo

“Salute”. Nel gruppo di controllo le reazioni “normali” prima del trattamento sono state determinate nel 62,7% dei casi, dopo il tradizionale trattamento di sanatorio-resort sono rimaste nel 66,0% dei casi. Allo stesso tempo, 94 persone (25,8%) sono rimaste nel gruppo “pre-malattia” e 30 persone (8,2%) nella categoria “malattia”, che ha indicato un minore effetto di SCL sulle capacità di adattamento dei pazienti rispetto ai gruppi dove sono stati utilizzati metodi aggiuntivi.

Terapia “gas”. In generale, le dinamiche dello stato di reattività e capacità adattative del corpo, rivelate sotto l’influenza di OST e SUV, indicano l’efficacia affidabile dei metodi HT come effetto di allenamento per correggere una risposta adattativa patologicamente alterata e aumentare il livello di resistenza non specifica del corpo.

I risultati di questo studio, insieme a quelli precedentemente ottenuti [18, 19], sull’effetto dei metodi HT sul metabolismo e sul metabolismo energetico nei tessuti, sul microcircolo e sullo stato di equilibrio dei processi LPO e AOS hanno permesso di effettuare una comparativa analisi dell’effetto sindromico-patogenetico dell’ozonoterapia e dell’ipercapnoterapia e per determinare l’efficacia di queste metodiche in soggetti con stati borderline dell’organismo, tenendo conto della sindrome dominante dei primi cambiamenti rivelati dell’omeostasi (Tabella 5). Inoltre, abbiamo considerato la presenza dell’una o dell’altra sindrome come una condizione premorbosa e non come un fattore di rischio.

Tabella 5Influenza sindromica e patogenetica dei metodi di terapia del gas

SindromiOSTSUV
“Lo stress ossidativo”++
“Disturbi metabolici”+ ++
“Hr. intossicazione e VIN “+ ++
“Disturbi circolatori”+ ++ +
“Stress cronico”+ ++ +
Nota: +; ++ – la presenza di cambiamenti di varia gravità.

Conclusione.

I dati ottenuti, a seconda della sindrome dominante, consentono di eseguire individualmente la correzione non farmacologica dei disturbi funzionali utilizzando nuovi metodi di trattamento riparativo, come l’ozonoterapia, l’ipercapnoterapia sotto forma di bagni di anidride carbonica secca, che è più importante nella prevenzione primaria delle malattie cardiovascolari e può anche essere utilizzato con successo nel trattamento complesso e nella prevenzione di altre malattie accompagnate da meccanismi patogenetici che portano alla formazione delle sindromi considerate.

Riferimenti:

  1. Razumov A.N., Bobrovnitskiy I.P., Razinkin S.M. The concept of health protection of a healthy person and program-targeted approaches to its implementation in the health care system of the Russian Federation // Bulletin of Restorative Medicine. Number 3; 2003: 4-9.
  2. Oganov R.G., Maslennikova G.Ya. Mortality from cardiovascular and other non-infectious diseases among the working-age population of Russia // Cardiovascular therapy and prevention. 2002; 3: 4-8.
  3. Bykov A.T. Health improvement and rehabilitation of servicemen in the resorts of Russia. Sochi: CHRTsSM, 1996.300 p.
  4. Malyarenko Yu.E., Bykov A.T., Malyarenko T.N., Matyukhov A.V., Korabelnikova E.A. Changes in the cardiovascular system and its vegetative regulation during physiological aging as a determinant of the formation of the boundary state of the body // Clinical physiology of blood circulation. 2005; No. 1: 59-70.
  5. Brekhman I.I. Valeology is the science of health. M., 1990: 208 p.
  6. Baevsky R.M. The concept of physiological norms and categories of health. THEM. Sechenov, 2003; T. 4, No. 89: 473-487.
  7. Zaitsev V.P., Ayvazyan T.A., Pogosova G.V. Current state and prospects of rehabilitation of patients with cardiovascular diseases in Russia: All-Russian symposium. M., 1995.79-80.
  8. Bykov A.T., Malyarenko Yu.E. On the question of methodological problems of health // Bulletin of Restorative Medicine. 2004; No. 1: 9-13.
  9. Maslennikov O.V., Kontorshchikova K.N. Ozone therapy. Internal Medicine: A Guide. N. Novgorod, 2003.132 p.
  10. Sorokina E.I. Dry carbon dioxide baths in treatment and prevention. M., 2004.110 p.
  11. Fredrickson DS, Levy RI, Lees RS Fat transport in lipoproteins. AN integrated approach to mechanisms and disorders. New Engl. J. Med. 1967; 276: 32, 94, 148, 215, 273.
  12. Azizova O.A., Vlasova I.I. The influence of lipoproteins modified by lipid peroxidation on platelet aggregation // Byull. experiment. biology and medicine. 1993. T. CXVI. 485-487.
  13. Makolkin V.I., Podzolkov V.I., Pavlov V.I. The state of microcirculation in hypertension // Cardiology. 2002. No. 7. 36-40.
  14. Pries AR Werner J. Physiology of microcirculation. In: microcirculation and cardiovascular disease. Lippincot Williams & Wilkins 2000; 15-30.
  15. Sycheva E.I., Khodasevich L.S., Solomina O.E., Zubareva M.I. Influence of ozone therapy on the kinetics of oxygen metabolism and the microcirculation system in the spa treatment of postinfarction patients // Problems of balneology, physiotherapy and medical physical culture. 2013. T. 90. No. 6. S. 9-13.
  16. Gellhorn E. Biological Foundations of Emotion. Glenviev, 1968: 152.
  17. Ryabykina G.V., Sobolev A.V. Analysis of heart rate variability // Cardiology. 1996. No. 10. 87-97.
  18. Sycheva EI, Khodasevich LS, Solomina OE, Kuricyn RA The role of ozone therapy in neurohumoral regulation in patients with ischemic heart diseases // European researcher. 2012. No. 11-2 (34). 1985-1989.
  19. Sycheva E.I., Zubareva M.I., Solomina O.E., Khodasevich LS Methods of “gas” therapy in primary and secondary prevention of cardiovascular diseases at resort medical rehabilitation // European researcher. 2012. No. 3 (18). 306-316.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.