La schizofrenia può essere causata da un funzionamento disordinato del sistema immunitario

0
865

Uno studio condotto da scienziati clinici presso l’Università di Manchester ha dimostrato che la schizofrenia può – in qualche parte – essere causata da un funzionamento disordinato del sistema immunitario.

La prima sperimentazione in assoluto sulla schizofrenia del potente farmaco immunosoppressore, il metotrexato, ha prodotto quelli che il team ha descritto come effetti “promettenti” su quelli che sono noti come sintomi positivi, come l’udire delle voci.

Sebbene il team sottolinei che la dimensione del campione era troppo piccola per mostrare se il metotrexato poteva funzionare come trattamento aggiuntivo per la schizofrenia , hanno trovato un effetto terapeutico “sconcertante” sui sintomi della schizofrenia precoce.

E questo, sostengono, merita ulteriori indagini.

I risultati pubblicati sul Journal of Translational Psychiatry gettano nuova luce sulla condizione devastante e difficile da trattare, che causa disagio e disabilità in tutto il mondo.

La schizofrenia è classificata in base ai cosiddetti “sintomi positivi” come sentire voci (allucinazioni) e “sintomi negativi” (pensiero disordinato, scarsa motivazione, scarsa funzione sociale).

I sintomi negativi, che contribuiscono in modo significativo alla disabilità associata alla schizofrenia, sono difficili da trattare con i farmaci attualmente disponibili.

Lo studio è stato finanziato dallo Stanley Medical Research Institute negli Stati Uniti in collaborazione con il Pakistan Institute of Living and Learning.

Il processo si è svolto in Pakistan, guidato dal professor Imran Chaudhry dell’Università di Manchester che dopo anni di servizio presso il NHS si è trasferito in Pakistan per continuare a praticare psichiatria.

La mancanza di trattamenti disponibili per questi sintomi ha incoraggiato il team del professor Chaudhry a studiare nuove opzioni di trattamento per la schizofrenia.

Il metotrexato è spesso usato per trattare malattie infiammatorie come l’artrite reumatoide e il morbo di Crohn.

Le condizioni infiammatorie e autoimmuni sono più comuni nei pazienti con schizofrenia, probabilmente indicando che c’è una causa sottostante condivisa di queste malattie.

“Si ritiene che il metotrexato aiuti a trattare le malattie autoimmuni ripristinando il modo in cui le cellule T – una parte importante del sistema immunitario – funzionano”, ha detto il professor Chaudhry.

“Questa azione sul sistema nervoso centrale può spiegare il miglioramento dei sintomi che abbiamo riscontrato nel nostro studio”, ha aggiunto.

Hanno usato una dose bassa di 10 mg del farmaco, che è stata somministrata insieme ai farmaci psichiatrici di routine dei pazienti.

Nessun effetto collaterale significativo è stato segnalato dai pazienti che assumevano metotrexato, suggerendo che fosse relativamente ben tollerato.

Nusrat Husain, Professore di Psichiatria e Direttore della Ricerca sulla Salute Mentale Globale presso l’Università di Manchester, ha aggiunto: “Abbiamo usato la dose clinicamente efficace più bassa nei disturbi autoimmuni che spesso deve essere aumentata in modo che dosi più elevate possano produrre un effetto più potente nella schizofrenia.

“Tuttavia, i rischi per la salute del metotrexato sono sostanziali e richiedono un attento monitoraggio, motivo per cui escluderemmo grandi studi non focalizzati”.

Lo psichiatra Dr. Omair Husain, ricercatore onorario presso l’Università di Manchester e professore assistente presso l’Università di Toronto, ha dichiarato: “I sistemi immunitari potrebbero essere coinvolti nella schizofrenia e questo solleva interrogativi affascinanti.

“Forse un giorno potremmo essere in grado di identificare sottogruppi di persone con schizofrenia che potrebbero rispondere a trattamenti che agiscono sul sistema immunitario.

“Il piccolo effetto inaspettato che abbiamo riscontrato nel nostro studio giustifica ulteriori indagini che ora riteniamo siano fattibili.

“Il lavoro futuro deve concentrarsi sull’identificazione di questi sottogruppi possibilmente attraverso studi che utilizzano tecniche avanzate di imaging cerebrale e tecniche di analisi immunitaria all’avanguardia.”


Storicamente, sono passati quasi cento anni dalla prima volta nella letteratura scientifica che è stata discussa la relazione temporale tra un’infezione virale e la schizofrenia (Graves, 1928). In uno studio retrospettivo, il più alto tasso di natalità tra i pazienti schizofrenici, dopo l’epidemia di influenza del 1957, è stato di circa 5 mesi dopo il picco dell’epidemia di influenza A2.

Lo studio è stato condotto circa 30 anni dopo l’epidemia e il tempo di valutazione della nascita era compreso tra due anni prima e due anni dopo il picco dell’epidemia (O’Callaghan et al., 1991). Tuttavia, ci sono state alcune controversie riguardo alla relazione causale tra questi due problemi.

La ragione più importante è l’insieme di altri fattori che influenzano la malattia (Selten et al., 2010).

Il legame tra gli effetti del momento della nascita e la schizofrenia si basa sulla teoria dell’influenza dei fattori ambientali sulla formazione dei disturbi psichiatrici e in particolare della schizofrenia. Per molti anni si è pensato che sia i fattori individuali che quelli ambientali fossero efficaci nello sviluppo della schizofrenia (Allardyce e Boydell, 2006).

La domanda che sorge è come i virus respiratori possano essere efficaci nell’eziopatologia dei disturbi neuropsichiatrici. Secondo alcuni studi, alcuni virus respiratori hanno capacità neuroinvasive (Desforges et al., 2020). 

In uno studio che ha esaminato gli anticorpi anti-ceppi del coronavirus umano (229E, HKU1, NL63 e OC43) in pazienti con nuovi sintomi psicotici rispetto al gruppo di controllo, è stato riscontrato un livello più elevato di anticorpi in questo gruppo (soprattutto anticorpi anti-NL63 in pazienti con spettro della schizofrenia) (Severance et al., 2011).

I coronavirus respiratori umani hanno la capacità di infettare le cellule nervose e rimanere nel cervello umano. In alcuni modelli animali, è stato dimostrato che il virus può portare a un coinvolgimento neurologico diretto. Inoltre, è stata osservata una prominente degradazione di tipo spongiforme che può avviare la neuropatologia sottostante (Jacomy e Talbot, 2003).

In alcuni studi, la schizofrenia è stata descritta come una malattia autoimmune patogena causata dall’interazione di virus, agenti patogeni e sistema immunitario (Carter, 2011). Inoltre ci sono alcuni rapporti sulla coesistenza di un sistema immunitario geneticamente modificato con l’attività di microrganismi come i virus che hanno conseguenze deleterie per il sistema nervoso centrale (Severance and Yolken, 2019).

Di conseguenza, la crescente diffusione di COVID-19 ha sollevato serie preoccupazioni sul fatto che, oltre ai problemi psichiatrici acuti associati alla condizione attuale (Li et al., 2020), le conseguenze psichiatriche del disturbo in particolare nel contesto della crescente prevalenza di schizofrenia, può diventare evidente negli anni successivi.

A questo proposito, i responsabili delle politiche sanitarie, pur cercando informazioni epidemiologiche più accurate e identificando diversi aspetti dell’attività del virus, dovrebbero prestare attenzione ai diversi aspetti dello stato psichiatrico delle persone colpite.

Riferimenti

  1. Allardyce J., Boydell J. Environment and schizophrenia: review: the wider social environment and schizophrenia. Schizophr. Bull. 2006;32:592–598. doi: 10.1093/schbul/sbl008. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]
  2. Carter C. Schizophrenia: a pathogenetic autoimmune disease caused by viruses and pathogens and dependent on genes. J. Pathog. 2011;2011 doi: 10.4061/2011/128318. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]
  3. Desforges M., Le Coupanec A., Dubeau P., Bourgouin A., Lajoie L., Dubé M., Talbot P.J. Human coronaviruses and other respiratory viruses: underestimated opportunistic pathogens of the central nervous system? Viruses. 2020;12:14. doi: 10.3390/v12010014. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]
  4. Graves T. Influenza in relation to the onset of acute psychoses. J. Neurol. Psychopathol. 1928;9:97. doi: 10.1136/jnnp.s1-9.34.97. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]
  5. Jacomy .H.., Talbot P.J. Vacuolating encephalitis in mice infected by human coronavirus OC43. Virology. 2003;315:20–33. doi: 10.1016/S0042-6822(03)00323-4. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]
  6. Li W., Yang Y., Liu Z.-.H., Zhao Y.-.J., Zhang Q., Zhang L., Cheung T., Xiang Y.-.T. Progression of mental health services during the COVID-19 outbreak in China. Int. J. Biol. Sci. 2020;16:1732–1738. doi: 10.7150/ijbs.45120. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]
  7. O’Callaghan E., Sham P., Takei N., Murray R., Glover G. Schizophrenia after prenatal exposure to 1957 A2 influenza epidemic. Lancet. 1991;337:1248–1250. doi: 10.1016/0140-6736(91)92919-S. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]
  8. Selten J.-.P., Frissen A., Lensvelt-Mulders G., Morgan V.A. Schizophrenia and 1957 pandemic of influenza: meta-analysis. Schizophr. Bull. 2010;36:219–228. doi: 10.1093/schbul/sbp147. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]
  9. Severance E.G., Dickerson F.B., Viscidi R.P., Bossis I., Stallings C.R., Origoni A.E., Sullens A., Yolken R.H. Coronavirus immunoreactivity in individuals with a recent onset of psychotic symptoms. Schizophr. Bull. 2011;37:101–107. doi: 10.1093/schbul/sbp052. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]
  10. Severance, E.G. & Yolken, R.H. (2019). From Infection to the Microbiome: An Evolving Role of Microbes in Schizophrenia. 10.1007/7854_2018_84. [PMC free article] [PubMed]

More information: I. B. Chaudhry et al. A randomized clinical trial of methotrexate points to possible efficacy and adaptive immune dysfunction in psychosis, Translational Psychiatry (2020). DOI: 10.1038/s41398-020-01095-8

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.