Dipendenza dal lavoro: aumento del rischio di depressione – stress – impatto sulla vita sociale e familiare della persona

0
93

Come cultura, siamo arrivati ​​a dare valore alla crescita e alla produttività, rendendo il lavoro retribuito non solo una necessità, ma una preoccupazione centrale nella vita delle persone. 

Tuttavia, questo atteggiamento nei confronti del lavoro ci sta danneggiando più che aiutando, con la ricerca che mostra che il maniaco del lavoro (noto anche come dipendenza dal lavoro) è un problema crescente nel mondo industrializzato.

E secondo i risultati di un recente studio, la dipendenza dal lavoro è collegata a una salute mentale peggiore.

La dipendenza dal lavoro è una condizione clinica caratterizzata da un interesse ossessivo e compulsivo per il lavoro. Le persone di solito lavorano più del necessario, sul posto di lavoro o per esigenze finanziarie. Altre caratteristiche includono la preoccupazione per le proprie prestazioni sul lavoro, il pensiero rigido e il perfezionismo, che è spesso proiettato sugli altri.

Le persone con dipendenza dal lavoro sono spinte a lavorare in modo eccessivo, nonostante gli impatti negativi che ciò ha sulla loro salute e benessere personali e sulle relazioni.

Le persone a rischio di sviluppare una dipendenza dal lavoro spesso hanno una bassa autostima, hanno dubbi sulle proprie prestazioni sul lavoro o hanno tratti di personalità ossessivo-compulsivi.

Numerosi studi hanno dimostrato l’impatto negativo della dipendenza dal lavoro sulla salute mentale. Ma un recente studio sui lavoratori in Francia ha indagato sul motivo per cui la dipendenza dal lavoro accade per comprendere meglio l’impatto che ha sulla salute mentale e fisica.

I ricercatori hanno esaminato un totale di 187 lavoratori di una gamma di occupazioni e dati demografici diversi, a cui è stato chiesto di rispondere a quattro diversi questionari. 

Hanno scoperto che le elevate richieste di lavoro e le persone che hanno lavorato in ruoli ad alta pressione, ad esempio i manager con maggiori responsabilità, erano i fattori più significativi che contribuiscono al rischio di dipendenza dal lavoro.

Laddove questo era accompagnato da un orario di lavoro più lungo del necessario e da un approccio ossessivo al lavoro, c’era un rischio ancora maggiore di sviluppare una dipendenza dal lavoro.

Le donne hanno anche dimostrato di essere più predisposte a sviluppare la dipendenza dal lavoro rispetto agli uomini.

Sebbene non sia del tutto chiaro il motivo per cui le donne avevano maggiori probabilità di sviluppare dipendenza dal lavoro, altre ricerche hanno avuto risultati simili.

I lavoratori con depressione avevano il doppio delle probabilità di sviluppare una dipendenza dal lavoro rispetto a quelli senza problemi di salute mentale. Anche la scarsa qualità del sonno, alti livelli di stress e bassi livelli di benessere generale sono stati identificati come fattori di rischio elevato.

Sebbene la dimensione del campione di questo studio fosse piccola, ricerche precedenti hanno anche dimostrato che la dipendenza dal lavoro è associata a depressione, stress, disturbi del sonno e salute mentale inferiore. Sono stati segnalati anche burnout e stanchezza.

Salute mentale

La dipendenza dal lavoro è più comune nei paesi industrializzati dove le prestazioni lavorative sono una misura del successo. Ciò suggerisce che le idee neoliberiste sul lavoro sono influenti nell’aumentare il rischio di dipendenza dal lavoro. Queste idee esercitano pressioni sull’intensificazione dei carichi di lavoro e delle prestazioni sul lavoro al fine di promuovere la crescita economica. Si concentrano anche sull’aumento delle responsabilità di una persona sul lavoro.

Dati i danni della dipendenza dal lavoro, saranno necessari cambiamenti radicali sia nei luoghi di lavoro che nella società. Come ho affermato in precedenza, ciò richiederebbe alla società di smettere di vedere il lavoro come uno strumento fondamentale di rendimento e crescita, e invece di attribuire maggior valore e importanza alla salute e al benessere del lavoratore, sia individualmente che collettivamente.

Il sostegno e il cambiamento possono effettivamente avvenire sul posto di lavoro stesso, motivo per cui è importante che i datori di lavoro riconoscano e affrontino le richieste di lavoro in modo positivo. Ad esempio, uno studio ha scoperto che aumentare la sicurezza del lavoro e le opportunità di sviluppo riducono il rischio di dipendenza dal lavoro.

Altri studi hanno suggerito che gli interventi di conciliazione vita-lavoro potrebbero ridurre il rischio o la dipendenza dal lavoro. Ad esempio, se i luoghi di lavoro riducono attivamente l’orario di lavoro per dare ai dipendenti la possibilità di trascorrere più tempo con la loro famiglia, ciò può effettivamente portare a migliori prestazioni lavorative. Inoltre, un minor numero di ore di lavoro può anche ridurre i conflitti familiari per i lavoratori, poiché i dipendenti sono in grado di impegnarsi in modo più significativo nel tempo della famiglia.

È stato inoltre dimostrato che la promozione dell’equilibrio tra vita professionale e vita privata aumenta la salute fisica e psicologica e la resilienza personale dei lavoratori. Bilanciare il tempo e l’energia utilizzati nel lavoro e nella vita personale aiuta le persone a sentirsi meglio, migliorando di conseguenza sia la salute mentale che fisica.

Tutto ciò suggerisce che i luoghi di lavoro dovrebbero sviluppare iniziative di conciliazione vita-lavoro, fornire opportunità per lo sviluppo della carriera e aumentare la sicurezza del lavoro per prevenire la dipendenza dal lavoro. Questi cambiamenti possono anche ridurre lo stress e l’assenteismo migliorando le prestazioni.

Ma non tutti i luoghi di lavoro dispongono di questo tipo di strategie e possono essere difficili da implementare a causa dell’attenzione della nostra cultura alle prestazioni e alla crescita economica. Se sei preoccupato di avere o stai sviluppando una dipendenza dal lavoro, affronta il problema ora, se possibile.

Cerca supporto sul lavoro parlando con manager e colleghi, se puoi, chiedi un feedback sulle prestazioni o persino vedi se c’è un modo in cui puoi lavorare per ridurre parte del tuo orario di lavoro. Anche parlare con i servizi di salute mentale e benessere può aiutare. Se non hai supporto sul posto di lavoro, prova a parlare con amici e familiari e chiedi il loro aiuto per riorientare il tuo tempo, ad esempio chiedendoti di ricordarti di fare delle pause dal lavoro.

Ovviamente, un migliore equilibrio tra lavoro e vita privata aiuterà, ma questa può essere una cosa molto difficile da fare in quanto richiede l’adeguamento dei modelli quotidiani e il cambiamento di come pensi e ti senti. Ma se riesci a conciliare il lavoro con altre attività, come vedere la famiglia e gli amici, fare esercizio o goderti degli hobby, la tua salute mentale e il tuo benessere miglioreranno.


Il maniaco del lavoro è un problema di salute pubblica [1,2,3] con presunti esiti dannosi per la salute tra i lavoratori [1,2,4,5,6,7,8,9,10]. Il maniaco del lavoro, come modo non costruttivo di coinvolgimento con il lavoro, influenza negativamente i dipendenti di tutto il mondo [11,12].

Nonostante l’importante ruolo del maniaco del lavoro nella situazione sanitaria dei lavoratori, questo ruolo non è stato ampiamente studiato [13]. Il maniaco del lavoro noto come rischio di dipendenza dal lavoro [1,4,14,15,16,17,18,19] è per lo più definito come “una compulsione o un bisogno incontrollabile di lavorare incessantemente” [1,2].

Questo bisogno interno, noto come disturbo comportamentale [4], è un elemento cruciale per identificare i maniaci del lavoro [3,8,9,10,16,20,21,22] e soddisfa i criteri generali di dipendenza [2,3,4 , 23].

Secondo Clare et al. (2014, pp 3) “i maniaci del lavoro non svolgono un lavoro eccessivo a causa di fattori esterni come problemi finanziari, matrimonio inadeguato o pressione da parte della loro organizzazione o supervisore.” Infatti, la caratteristica distintiva di un comportamento maniaco del lavoro da comportamenti simili, come l’impegno lavorativo, è l’eccessivo coinvolgimento dell’individuo nel lavoro quando non è richiesto o previsto [19].

Gli studi dimostrano che il rischio di dipendenza dal lavoro è collegato a risultati positivi e negativi. In una luce negativa, è stato riscontrato che il rischio di dipendenza dal lavoro è correlato a una salute mentale più bassa [24,25], una salute fisica peggiore [24] e un maggiore conflitto lavoro-famiglia [24]. In una luce positiva, è stato riscontrato che il rischio di dipendenza dal lavoro è collegato a un aumento del livello di soddisfazione sul lavoro [7] e soddisfazione professionale [26].

Pertanto, i risultati mostrano che sono necessarie ulteriori ricerche per far luce su questa linea di ricerca. Ciò è particolarmente importante in Francia poiché questo paese è uno dei paesi industriali con un numero crescente di occupazioni in Europa.

Gli individui maniaci del lavoro segnalano più richieste di lavoro in termini di sovraccarico del ruolo lavorativo e conflitto tra ruoli lavorativi [27]. Sembra che lavori molto impegnativi portino gli individui a diventare maniaci del lavoro. Tuttavia, l’influenza del rischio di dipendenza dal lavoro e dei risultati relativi alla salute nei vari gruppi professionali non è stata molto studiata.

Per quanto a nostra conoscenza, questa associazione è stata esaminata solo per una professione [8,28]. Considerando la probabilità di maniaci del lavoro in vari gruppi professionali in Francia [14,29], questo studio mira a esplorare il legame tra il rischio di dipendenza dal lavoro e una vasta gamma di esiti relativi alla salute in Francia.

In secondo luogo, questo studio applica la struttura del modello di Karasek per il controllo della domanda e del lavoro (Karasek, 1979) per testare il legame tra i risultati legati al rischio di dipendenza dal lavoro e la salute tra gruppi professionali con diversi gradi di domanda di lavoro caratterizzati da questo modello. Poiché il modello di controllo della domanda di lavoro è un modello di stress sul lavoro [30], è progettato per prevedere gli esiti negativi di fattori di stress sul lavoro come il carico di lavoro incluso in questo studio.

La ragione per l’uso di questo modello è che questo modello considera meglio le richieste di lavoro che uno può ricevere nel suo lavoro, nonché la misura in cui può controllare le richieste di lavoro. Un altro motivo è che questo modello è stato utilizzato per la progettazione del lavoro. Ciò significa che si presume che il modello sia in grado di prevedere o spiegare il legame tra maniaco del lavoro e risultati relativi alla salute rispetto ai lavori professionali considerando le loro richieste di lavoro in modo tale che ci si aspetta che le occupazioni con progetti più impegnativi siano altamente legate al rischio di dipendenza dal lavoro.

Framework teorico

Negli ultimi decenni, i datori di lavoro hanno dimostrato di essere disposti a progettare pratiche e iniziative per massimizzare il senso di coinvolgimento dei dipendenti nella loro occupazione con l’aspettativa di promuovere le loro prestazioni lavorative [31]. Sebbene le pratiche possano promuovere favorevolmente le prestazioni lavorative per i datori di lavoro, possono anche influenzare negativamente la salute mentale dei dipendenti.

Questo perché, in circostanze così impegnative, i lavoratori possono scegliere di trascorrere più tempo al lavoro affrontando le richieste di lavoro e diventare dipendenti da questa situazione lavorativa, nota come rischio di dipendenza dal lavoro. Ciò può minacciare la situazione di salute mentale dei dipendenti e provocare esiti negativi [1,2,4,5,6,7,8,9,10].

Questo impatto può anche essere esacerbato da fattori psicosociali. Ad esempio, Clark et al. (2016) hanno studiato il ruolo di vari fattori psicosociali associati al rischio di dipendenza dal lavoro e hanno riportato un’associazione negativa tra età e workhalism, e un’associazione positiva tra clima di superlavoro, elevate richieste di lavoro e sistema di ricompensa per alta produttività con rischio di dipendenza dal lavoro [32].

Tuttavia, secondo Taris et al. (2012) e Clark et al. (2016), non è stata trovata un’associazione significativa tra genere e rischio di dipendenza dal lavoro [24,31]. Inoltre, hanno scoperto che quando le richieste di lavoro sono aumentate, è più probabile che il rischio di dipendenza dal lavoro venga segnalato dai lavoratori con un alto controllo del lavoro che con un basso controllo del lavoro. Tuttavia, le associazioni non sono state studiate in vari gruppi professionali con diverse richieste di lavoro e controllo del lavoro.

Prevediamo che il rischio di dipendenza dal lavoro potrebbe essere vissuto in modo diverso nei vari ambienti di lavoro; Pertanto, utilizziamo il modello di Karasek per implementare il modo in cui la progettazione dei lavori dei partecipanti in termini di richieste di lavoro e controllo del lavoro può portare al rischio di dipendenza dal lavoro che possono sperimentare.

Il modello di Karasek o “Job Demand-Control-Support model” (JDCS) si concentra principalmente sui compiti contraddittori dell’ambiente di lavoro [33,34,35] dividendoli nelle seguenti componenti: richieste di lavoro (cioè, tutte fisiche, psicologiche , aspetti sociali o organizzativi di un lavoro che richiedono uno sforzo fisico e / o psicologico (cognitivo o emotivo) continuo [35], ad esempio vincoli di tempo [36], carichi di lavoro pesanti [37]); controllo del lavoro (latitudine decisionale corrispondente all’uso e sviluppo delle proprie capacità e all’autonomia decisionale, cioè capacità di fare la propria scelta per affrontare efficacemente le sfide [33,35,38]) e supporto sociale (da parte dei colleghi e dirigenti) [35,39].

Il modello JDCS presuppone quattro diversi ambienti di lavoro (quattro quadranti) in cui i lavoratori possono sperimentare un diverso livello di richieste di lavoro e controllo del lavoro: passivo, a bassa sollecitazione, attivo e teso / affaticato [33,37,38]. I lavori “passivi” (basso controllo del lavoro, basse richieste di lavoro) possono essere soddisfacenti per un lavoratore fintanto che i lavoratori raggiungono l’obiettivo prefissato. La passività di un lavoro può anche essere basata su come prevenire con successo interruzioni con richieste di lavoro regolari.

I lavori “a bassa sollecitazione” hanno un elevato controllo del lavoro e basse richieste di lavoro. Gli individui di questa categoria non sono particolarmente a rischio di problemi di salute mentale e corrisponde tipicamente a lavori creativi (cioè architetti). I lavoratori identificati come “attivi” hanno elevate richieste di lavoro e un elevato controllo del lavoro [33,37]. Le caratteristiche lavorative di quei lavoratori attivi sono occupazioni altamente qualificate con responsabilità [33,34,37], come capi o direttori di società.

Questi lavoratori altamente qualificati hanno compiti molto impegnativi ma hanno un alto livello di libertà decisionale per risolvere i problemi. Infine, i lavoratori a rischio di disturbi legati allo stress sono quelli all’interno del gruppo “stress lavorativo” (alta domanda e basso controllo). Ad esempio, gli operatori sanitari dei reparti di emergenza sono tipicamente in difficoltà lavorativa perché non possono controllare l’enorme carico di lavoro [37].

Il supporto sociale modula l’impatto della tensione lavorativa, positivamente quando un forte supporto sociale può superare le difficoltà incontrate sul lavoro, come per i medici di emergenza che sono molto solitari o negativamente in assenza di supporto sociale. Isostrain si riferisce ai lavoratori in una situazione di tensione lavorativa senza supporto sociale. Secondo la teoria JDCS, tutti i lavori sono diversi in termini di richieste di lavoro e controlli sul lavoro.

Diversi studi a livello nazionale su migliaia di lavoratori hanno classificato le professioni in base alle richieste di lavoro e al controllo del lavoro [34]. È stato anche suggerito che i lavoratori che hanno molta autorità nell’affrontare i loro livelli di tensione partecipino maggiormente alle mansioni lavorative. L’esplorazione delle relazioni tra il rischio di dipendenza dal lavoro e la percezione del lavoro non è mai stata eseguita in varie categorie professionali con una dimensione del campione conveniente e non ci sono quasi studi sul rischio di dipendenza dal lavoro nella popolazione francese.

Pertanto, abbiamo mirato a dimostrare la misura in cui il rischio di dipendenza dal lavoro è associato alla percezione del lavoro (richieste di lavoro e controllo del lavoro) e della salute mentale in quattro categorie di lavoro suggerite dal modello di Karasek.

link di riferimento: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7593928/


Fonte:  The Conversation

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.