COVID-19: epidemia di solitudine – In che modo il tuo cervello elabora le emozioni?

0
107

La ricerca dell’ultimo decennio ha dimostrato che la solitudine è un importante determinante della salute. È associato a notevoli rischi per la salute fisica e mentale e ad un aumento della mortalità.

Studi precedenti hanno anche dimostrato che la saggezza potrebbe servire come fattore protettivo contro la solitudine. Questa relazione inversa tra solitudine e saggezza può essere basata su diversi processi cerebrali.

In uno studio pubblicato nell’edizione online del 5 marzo 2021 di Cerebral Cortex, i ricercatori della University of California San Diego School of Medicine hanno scoperto che specifiche regioni del cervello rispondono a stimoli emotivi legati alla solitudine e alla saggezza in modi opposti.

” Eravamo interessati a come la solitudine e la saggezza si relazionano ai pregiudizi emotivi, ovvero come rispondiamo a diverse emozioni positive e negative”, ha detto Jyoti Mishra, Ph.D., autore senior dello studio, direttore dei NEATLabs e assistente professore nel Dipartimento di Psichiatria presso la UC San Diego School of Medicine.

Lo studio ha coinvolto 147 partecipanti, di età compresa tra i 18 e gli 85 anni. I soggetti hanno svolto un semplice compito cognitivo di determinare in quale direzione fosse puntata una freccia mentre sullo sfondo venivano presentati volti con emozioni diverse.

“Abbiamo scoperto che quando i volti che emettevano rabbia venivano presentati come distrattori, rallentavano significativamente le semplici risposte cognitive negli individui più soli. 

Ciò significava che le persone più sole prestavano maggiore attenzione agli stimoli minacciosi, come le facce arrabbiate “.

“Per saggezza, d’altra parte, abbiamo trovato una relazione positiva significativa per la velocità di risposta quando venivano mostrati volti con emozioni felici, in particolare le persone che mostravano tratti più saggi, come l’empatia, avevano risposte più rapide in presenza di stimoli felici.”

Le registrazioni cerebrali basate sull’elettroencefalogramma (EEG) hanno mostrato che la parte del cervello chiamata giunzione temporale-parietale (TPJ) si attivava in modo diverso negli individui più soli rispetto a quelli più saggi. TPJ è importante per elaborare la teoria della mente o il grado di capacità di empatia e comprensione degli altri.

Lo studio lo ha trovato più attivo in presenza di emozioni di rabbia per le persone più sole e più attivo in presenza di emozioni felici per le persone più sagge.

I ricercatori hanno anche notato una maggiore attività agli stimoli minacciosi per gli individui più soli nella corteccia parietale superiore sinistra, la regione del cervello importante per allocare l’attenzione, mentre la saggezza era significativamente correlata a una maggiore attività guidata dalle emozioni felici nell’isola sinistra del cervello, responsabile delle caratteristiche sociali come l’empatia.

“Questo studio mostra che la relazione inversa tra solitudine e saggezza che abbiamo trovato nei nostri precedenti studi clinici è almeno in parte incorporata nella neurobiologia e non è semplicemente il risultato di pregiudizi soggettivi”, ha detto l’autore dello studio Dilip V. Jeste, MD, senior associate preside del Center of Healthy Ageing e Distinguished Professor di Psichiatria e Neuroscienze presso la UC San Diego School of Medicine.

“Questi risultati sono rilevanti per la salute mentale e fisica degli individui perché ci forniscono un controllo neurobiologico obiettivo su come le persone più sole o più sagge elaborano le informazioni”, ha detto Mishra.

“Avere marcatori biologici che possiamo misurare nel cervello può aiutarci a sviluppare trattamenti efficaci. Forse possiamo aiutare a rispondere alla domanda: “Puoi rendere una persona più saggia o meno sola?” La risposta potrebbe aiutare a mitigare il rischio di solitudine “.

Gli autori affermano che i passaggi successivi includono uno studio longitudinale e uno studio di intervento.

“In definitiva, pensiamo che questi marcatori cerebrali cognitivi basati sull’evidenza siano la chiave per sviluppare una migliore assistenza sanitaria per il futuro che potrebbe affrontare l’epidemia di solitudine”, ha detto Mishra.


La solitudine è la sensazione che le proprie relazioni sociali preferite non siano all’altezza delle loro effettive relazioni sociali [1]. Nell’ultimo decennio, la solitudine è diventata un’area di preoccupazione crescente e, con le tendenze emergenti che suggeriscono che gli americani sono meno socialmente connessi di prima, i ricercatori affermano che la solitudine diventerà sempre più un problema nel tempo [2]. 

Infatti, l’ex diciannovesimo Surgeon General degli Stati Uniti ha recentemente affermato che la solitudine è un problema di salute pubblica [3], etichettando i problemi con la solitudine come un’epidemia [4].

Nei paesi industrializzati, i ricercatori stimano che circa un terzo della popolazione lotta con la solitudine e un quarto di questi combatterà con gravi livelli di solitudine [5]. Inoltre, il numero di persone che affrontano la solitudine può essere più alto in alcune regioni che in altre.

Ad esempio, sebbene i sondaggi rappresentativi a livello nazionale di adulti di età pari o superiore a 45 anni che vivono negli Stati Uniti abbiano indicato che circa il 35% delle persone è solo [6], uno studio su adulti residenti in comunità in California ha rilevato che il 76% del loro campione ha riferito livelli moderati di solitudine [7].

Le ragioni di tale variabilità non sono chiare; tuttavia, la solitudine sembra essere contagiosa, si verificano in gruppi e poi si diffonde attraverso i social network [8], il che potrebbe spiegare perché la solitudine può essere insolitamente alta in alcune aree geografiche.

Tuttavia, la solitudine è particolarmente preoccupante perché può portare a una serie di altri problemi psicologici e fisici [9]. Ad esempio, i rapporti giornalieri di solitudine predicono la disfunzione diurna [10] e livelli più alti di solitudine cronica predicono anche limitazioni funzionali [11], aumento della pressione sanguigna sistolica [12] e maggiore rischio di mortalità [11,13].

La ricerca con i sopravvissuti al cancro suggerisce che la solitudine aumenta il rischio di disregolazione immunitaria, portando a livelli più elevati di dolore, affaticamento e depressione nelle donne sopravvissute al cancro al seno [14]. Sebbene molte ricerche si siano concentrate sulla relazione bidirezionale tra solitudine e depressione [11,15], la solitudine è stata anche collegata a un rischio maggiore di sviluppare gravi disturbi mentali comuni, inclusi disturbi dell’umore, disturbi d’ansia e disturbi da uso di sostanze [16 ], e ad un rischio elevato di sviluppare la malattia di Alzheimer e altre forme di demenza, anche quando si controllano altri fattori di rischio [17,18]. A sua volta, la solitudine predice un aumento delle visite mediche tra gli anziani [19] ed è associata a costi sanitari più elevati [20].

Solitudine durante COVID-19

Alla luce della pandemia globale di coronavirus, la solitudine è diventata ancora più una preoccupazione per la salute pubblica. Sebbene le misure di allontanamento sociale attuate in molti paesi sembrino essere efficaci nel rallentare la diffusione di COVID-19, la malattia derivante dalla SARS-CoV-2 [21], i ricercatori hanno espresso preoccupazione che la distanza sociale possa provocare un aumento della solitudine [22] .

Alcune ricerche preliminari supportano queste preoccupazioni; studi hanno dimostrato che gli adulti più anziani [23] così come i giovani adulti (tra i 18 ei 35 anni di età) [24] hanno riportato livelli elevati di solitudine dopo l’attuazione delle misure di allontanamento sociale. È importante sottolineare che, sebbene i ricercatori fossero preoccupati per l’impatto della pandemia sugli anziani, la ricerca suggerisce che gli anziani possono essere più resistenti agli effetti negativi sulla salute mentale [25], e gli adulti più giovani sono effettivamente a maggior rischio di accresciuta solitudine durante la pandemia [26,27].

Questi livelli elevati di solitudine mettono anche le persone a maggior rischio di sviluppare depressione o ansia. In effetti, la ricerca durante la pandemia suggerisce che la solitudine può essere il più forte predittore di depressione e ansia, anche più dell’esposizione a situazioni correlate a COVID-19 (p. Es., Autoisolamento o conoscere qualcuno che ha dovuto autoisolarsi a causa di COVID- 19) e la presenza di condizioni croniche sottostanti [26].

Ridurre la solitudine

Date le implicazioni per la salute pubblica della solitudine cronica e diffusa, c’è stato un crescente interesse nello sviluppo di interventi sulla solitudine e ancora di più durante la pandemia COVID-19 [28,29]. Tuttavia, ci sono sorprendentemente poche ricerche sugli interventi contro la solitudine [28]. 

Ciò potrebbe essere dovuto, in parte, al fatto che storicamente molti clinici hanno trattato la solitudine come una componente della depressione [30]. Sebbene la ricerca sostenga che questi sono costrutti correlati ma distinti [29], gli interventi che si concentrano specificamente sulla solitudine rimangono limitati.

Gli interventi esistenti sulla solitudine tendono a concentrarsi sull’aumento delle opportunità dell’individuo di contatto sociale, sul miglioramento del supporto sociale, sullo sviluppo delle abilità sociali o sull’affrontare il pensiero disadattivo [29,31]. Ci sono prove che questi interventi hanno un piccolo, ma significativo, effetto sulla solitudine [31].

Gli interventi che includono l’allenamento cognitivo sociale come la terapia cognitivo comportamentale sembrano essere più efficaci di altri tipi di intervento [31], il che suggerisce che la solitudine potrebbe avere più a che fare con il pensiero disadattivo che con un deficit nella connessione sociale di per sé [29]. 

Tuttavia, la maggior parte degli interventi sulla solitudine continuano a basarsi sul presupposto intuitivo che la solitudine possa essere trattata migliorando la connessione sociale [29] e, di conseguenza, si concentrano principalmente sull’aumento delle opportunità di interazione sociale [32].

Negli ultimi anni, c’è stata una spinta a offrire più interventi psicologici e comportamentali digitalmente [33]. Gli interventi digitali tendono ad essere più scalabili degli interventi faccia a faccia e riducono molte delle barriere strutturali che impediscono alle persone di cercare cure [34-36].

La necessità di interventi digitali è diventata ancora più evidente durante la pandemia globale COVID-19 [37], quando molti professionisti della salute mentale hanno dovuto passare alla teleterapia [38] e si prevede che i problemi di salute mentale diventeranno ancora più prevalenti [39] .

Sebbene siano stati sviluppati numerosi interventi di salute mentale digitale [33,40-42], gli interventi sulla solitudine digitale sono ancora agli inizi e la maggior parte degli studi che testano questi interventi sono piccoli studi pilota o di fattibilità pubblicati negli ultimi 1-2 anni [ 43-46]. 

Inoltre, alcuni di questi interventi sono stati testati con un campione di partecipanti con un’altra condizione di comorbilità come il disturbo d’ansia sociale [46] o il disturbo psicotico [47]. Esistono, tuttavia, alcune prove preliminari che gli interventi basati su Internet possono essere efficaci nel ridurre la solitudine [43,48].

Comprendere l’esperienza della solitudine

Ad oggi, la maggior parte della ricerca sulla solitudine è stata di natura quantitativa, esplorando la prevalenza, le correlazioni e le conseguenze della solitudine o testando l’efficacia degli interventi sulla solitudine. Ci sono relativamente pochi studi qualitativi sul tema della solitudine, in particolare studi che esplorano le reazioni delle persone sole agli interventi sulla solitudine. Data la natura complessa e soggettiva della solitudine [29,49], una migliore comprensione delle esperienze delle persone con la solitudine e con gli interventi sulla solitudine può essere la chiave per lo sviluppo di interventi efficaci sulla solitudine.

Le intuizioni qualitative possono consentire l’identificazione di temi nell’eziologia o fonte della solitudine e il modo in cui si impegnano con gli interventi sulla solitudine o perché tali interventi potrebbero non essere efficaci. Ad esempio, in uno studio qualitativo sugli anziani che hanno riferito di sentirsi soli, gli anziani avevano maggiori probabilità di vedere la loro solitudine come una questione complessa e privata, piuttosto che una malattia, e quindi era improbabile che cercassero aiuto [50].

Tuttavia, la solitudine sembra avere cause e conseguenze diverse nella prima e media età adulta rispetto alla tarda età adulta [51], e quindi sarebbero preziose intuizioni simili da una popolazione più giovane di adulti.

LINK DI RIFERIMENTO: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7872202/


Maggiori informazioni:  corteccia cerebrale  (2021). Academic.oup.com/cercor/advanc… rcor / bhab012 / 6158980

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.