Proprietà antipertensive del tè

0
101

Un nuovo studio dell’Università della California, Irvine, mostra che i composti del tè verde e nero rilassano i vasi sanguigni attivando le proteine ​​dei canali ionici nella parete dei vasi sanguigni.

La scoperta aiuta a spiegare le proprietà antipertensive del tè e potrebbe portare alla progettazione di nuovi farmaci per abbassare la pressione sanguigna.

Pubblicato in Fisiologia cellulare e biochimica, la scoperta è stata fatta dal laboratorio di Geoffrey Abbott, Ph.D., professore presso il Dipartimento di Fisiologia e Biofisica presso la UCI School of Medicine. Kaitlyn Redford, una studentessa laureata presso l’Abbott Lab, è stata la prima autrice dello studio intitolato “L’attivazione del canale del potassio KCNQ5 è alla base della vasodilatazione del tè”.

I risultati della ricerca hanno rivelato che due composti flavonoidi di tipo catechina (epicatechina gallato ed epigallocatechina-3-gallato) presenti nel tè, attivano ciascuno un tipo specifico di proteina del canale ionico denominata KCNQ5, che consente agli ioni di potassio di diffondersi fuori dalle cellule per ridurre le cellule eccitabilità.

Poiché KCNQ5 si trova nella muscolatura liscia che riveste i vasi sanguigni, è stato anche previsto che la sua attivazione da parte delle catechine del tè rilassi i vasi sanguigni – una previsione confermata dai collaboratori dell’Università di Copenaghen.

“Abbiamo scoperto, utilizzando la modellazione al computer e studi di mutagenesi, che catechine specifiche si legano al piede del sensore di tensione, che è la parte di KCNQ5 che consente al canale di aprirsi in risposta all’eccitazione cellulare. Questo legame consente al canale di aprirsi molto più facilmente e prima nel processo di eccitazione cellulare “, ha spiegato Abbott.

Poiché fino a un terzo della popolazione adulta mondiale soffre di ipertensione e questa condizione è considerata il fattore di rischio modificabile numero uno per le malattie cardiovascolari globali e la mortalità prematura, i nuovi approcci al trattamento dell’ipertensione hanno un enorme potenziale per migliorare la salute pubblica globale.

Studi precedenti hanno dimostrato che il consumo di tè verde o nero può ridurre la pressione sanguigna di una quantità piccola ma consistente e si è scoperto che le catechine contribuiscono a questa proprietà.

L’identificazione di KCNQ5 come nuovo bersaglio per le proprietà ipertensive delle catechine del tè può facilitare l’ottimizzazione della chimica medicinale per una maggiore potenza o efficacia.

Oltre al suo ruolo nel controllo del tono vascolare, KCNQ5 è espresso in varie parti del cervello, dove regola l’attività elettrica e la segnalazione tra i neuroni. Esistono varianti del gene KCNQ5 patogeno che compromettono la sua funzione di canale e così facendo causano encefalopatia epilettica, un disturbo dello sviluppo che è gravemente debilitante e causa frequenti convulsioni.

Poiché le catechine possono attraversare la barriera emato-encefalica, la scoperta della loro capacità di attivare KCNQ5 potrebbe suggerire un meccanismo futuro per riparare i canali KCNQ5 rotti per migliorare i disturbi dell’eccitabilità cerebrale derivanti dalla loro disfunzione.

Il tè viene prodotto e consumato da più di 4.000 anni e attualmente in tutto il mondo vengono bevute oltre 2 miliardi di tazze di tè, seconda solo all’acqua in termini di volume consumato dalle persone a livello globale.

I tre tè con caffeina comunemente consumati (verde, oolong e nero) sono tutti prodotti dalle foglie della specie sempreverde Camellia sinensis, le differenze derivanti dai diversi gradi di fermentazione durante la produzione del tè.

Il tè nero viene comunemente mescolato con il latte prima di essere consumato in paesi come il Regno Unito e gli Stati Uniti. I ricercatori del presente studio hanno scoperto che quando il tè nero veniva applicato direttamente alle cellule contenenti il ​​canale KCNQ5, l’aggiunta di latte impediva i benefici effetti di attivazione del KCNQ5 del tè.

Tuttavia, secondo Abbott, “Non crediamo che questo significhi evitare il latte quando si beve il tè per sfruttare le proprietà benefiche del tè.

Siamo fiduciosi che l’ambiente nello stomaco umano separerà le catechine dalle proteine ​​e da altre molecole nel latte che altrimenti bloccherebbero gli effetti benefici delle catechine “.

Questa ipotesi è confermata da altri studi che mostrano i benefici antipertensivi del tè indipendentemente dal consumo congiunto di latte. Il team ha anche scoperto, utilizzando la spettrometria di massa, che il riscaldamento del tè verde a 35 gradi Celsius altera la sua composizione chimica in un modo che lo rende più efficace nell’attivare KCNQ5.

“Indipendentemente dal fatto che il tè venga consumato freddo o caldo, questa temperatura viene raggiunta dopo aver bevuto il tè, poiché la temperatura del corpo umano è di circa 37 gradi Celsius”, ha spiegato Abbott. “Così, semplicemente bevendo il tè, attiviamo le sue proprietà benefiche e antipertensive.”


L’ipertensione (HTN) o ipertensione (BP) è una condizione medica cronica in cui la pressione sanguigna nelle arterie è elevata. È classificato come primario (essenziale) o secondario. Circa il 90-95% dei casi è definito HTN primario, che si riferisce a una pressione arteriosa elevata per la quale non è possibile trovare alcuna causa medica. [1] Il restante 5-10% dei casi, chiamato HTN secondario, è causato da altre condizioni che colpiscono i reni, le arterie, il cuore o il sistema endocrino. [2]

L’HTN persistente è uno dei fattori di rischio per ictus, attacchi cardiaci, insufficienza cardiaca e aneurisma arterioso ed è una delle principali cause di insufficienza renale cronica. [3] Un moderato aumento della pressione arteriosa porta ad una riduzione dell’aspettativa di vita. Sia i cambiamenti nella dieta che nello stile di vita così come i farmaci possono migliorare il controllo della pressione arteriosa e ridurre il rischio di complicazioni di salute associate.

CLASSIFICAZIONE L’
HTN è generalmente classificato in base alla pressione arteriosa sistolica e diastolica. La pressione arteriosa sistolica è la pressione arteriosa nei vasi durante un battito cardiaco. La pressione diastolica è la pressione tra i battiti cardiaci. Una misurazione della PA sistolica o diastolica superiore ai valori normali accettati per l’età dell’individuo è classificata come pre-HTN o HTN.

HTN ha diverse sottoclassificazioni, tra cui HTN stadio I, HTN stadio II e HTN sistolico isolato. HTN sistolica isolata si riferisce a una pressione sistolica elevata con pressione diastolica normale ed è comune negli anziani. Queste classificazioni vengono effettuate dopo aver calcolato la media delle letture della PA a riposo di un paziente effettuate in due o più visite ambulatoriali. Gli individui di età superiore ai 50 anni sono classificati come affetti da HTN se la loro pressione arteriosa è costantemente almeno 140 mmHg sistolica o 90 mmHg diastolica. I pazienti con pressione arteriosa superiore a 130/80 mmHg con presenza concomitante di diabete o malattie renali richiedono un ulteriore trattamento. L’HTN è anche classificato come resistente se i farmaci non riducono la pressione arteriosa a livelli normali. [4] L’esercizio HTN è un’elevazione eccessivamente alta della PA durante l’esercizio. [5] L’intervallo considerato normale per i valori sistolici durante l’esercizio è compreso tra 200 e 230 mmHg.

CAUSE
Ipertensione
essenziale HTN essenziale è il tipo più diffuso di HTN, che colpisce 90

al 95% dei pazienti ipertesi. [1] Sebbene nessuna causa diretta sia stata identificata, ci sono molti fattori come stile di vita sedentario, stress, obesità viscerale, carenza di potassio (ipopotassiemia), [8] obesità, [9] (più dell’85% dei casi si verifica in soggetti con massa corporea indice maggiore di 25), [10] sensibilità al sale (sodio), [11] assunzione di alcol [12] e carenza di vitamina D che aumentano il rischio di sviluppare HTN. [13] Il rischio aumenta anche con l’invecchiamento [14], alcune mutazioni genetiche ereditarie [15] e con una storia familiare di HTN. [16] Un aumento della renina, un enzima secreto dal rene, è un altro fattore di rischio, [17] così come il sistema nervoso simpatico rispetto all’attività. [18] Si ritiene che anche la resistenza all’insulina, che è un componente della sindrome X, o sindrome metabolica, contribuisca all’HTN.

Ipertensione secondaria
HTN secondario per definizione deriva da una causa identificabile. Questo tipo è importante da riconoscere poiché viene trattato in modo diverso dall’HTN essenziale, trattando la causa sottostante della pressione arteriosa elevata. HTN risulta compromesso o squilibrio dei meccanismi fisiopatologici, come il sistema endocrino di regolazione degli ormoni, che regolano il volume del plasma sanguigno e la funzione cardiaca. Molte condizioni causano HTN. Alcune sono cause secondarie comuni e ben riconosciute come la sindrome di Cushing, che è una condizione in cui le ghiandole surrenali producono in eccesso l’ormone cortisolo. [20] Inoltre, l’HTN è causato da altre condizioni che causano cambiamenti ormonali come ipertiroidismo, ipotiroidismo e cancro della ghiandola surrenale. Altre cause comuni di HTN secondario includono malattie renali, obesità / disturbi metabolici, preeclampsia durante la gravidanza,

FISIOPATOLOGIA
La maggior parte dei meccanismi associati all’HTN secondario sono generalmente completamente compresi. Tuttavia, quelli associati all’HTN essenziale (primario) sono molto meno compresi. Ciò che è noto è che la gittata cardiaca aumenta nelle prime fasi del decorso della malattia, con una normale resistenza periferica totale (TPR). Nel tempo, la gittata cardiaca scende a livelli normali, ma la TPR aumenta. Le seguenti tre teorie sono state proposte per spiegare questo:

• Incapacità dei reni di eliminare il sodio, con conseguente secrezione di fattori natriuretici come il fattore natriuretico atriale per promuovere l’escrezione di sale con l’effetto collaterale di aumentare il TPR.
• Un sistema renina-angiotensina iperattivo porta a vasocostrizione e ritenzione di sodio e acqua. L’aumento del volume sanguigno porta a HTN. [21]
• Un sistema nervoso simpatico iperattivo, che porta ad un
aumento delle risposte allo stress. [22]
• È anche noto che l’HTN è altamente ereditabile e poligenico (causato da più di un gene) e alcuni geni candidati sono stati postulati nell’eziologia di questa condizione. [23]

Recentemente, il lavoro relativo all’associazione tra HTN essenziale e danno endoteliale prolungato ha guadagnato popolarità tra gli scienziati HTN. Non è chiaro, tuttavia, se i cambiamenti endoteliali precedano lo sviluppo di HTN o se tali cambiamenti siano principalmente dovuti a BP elevati di lunga durata.

HTN è un importante fattore di rischio indipendente per malattia coronarica, ictus e insufficienza renale. Ogni aumento di 20 mmHg della pressione arteriosa sistolica e di 10 mmHg della pressione diastolica, nell’intervallo 115/75


Tabella 1: medicinali convenzionali utilizzati nel trattamento dell’ipertensione

Diuretici:

Diuretici dell’ansa: bumetanide, acido etacrinico, furosemide, torsemide

Diuretici tiazidici :, epitizide, idroclorotiazide, clorotiazide, bendroflumetiazide Diuretici tiazidici: indapamide, clortalidone, metolazone

Diuretici risparmiatori di potassio: amiloride, triamterene, spironolattone antagonisti del recettore adrenergico:

Beta bloccanti: Atenolol, Metoprolol, Nadolol, Oxprenolol, Pindolol, Propranolol, Timolo

Alfa bloccanti: Doxazosin, Phentolamine, Indoramin, Phenoxybenzamine, Prazosin, Terazosin, Tolazoline Mixed Alpha + Beta blockers: Bucindolol, Carvedilol, Labetalol

Agonisti del recettore adrenergico:

Alfa-2 agonisti: clonidina, metildopa, guanfacina bloccanti dei canali del calcio:

Diidropiridine: Amlodipina, Felodipina, Isradipina, Lercanidipina, Nicardipina, Nifedipina, Nimodipina, Nitrendipina Non diidropiridine: Diltiazem, Verapamil

ACE inibitori: Captopril, Enalapril, Fosinopril, Lisinopril, Perindopril, Quinapril, Ramipril, Trandolapril, Benazepril. Antagonisti del recettore dell’angiotensina II: Valsartan, Candesartan, Eprosartan, Irbesartan, Losartan, Olmesartan, Telmisartan. Antagonisti dell’aldosterone: Eplerenone, Spironolattone.

Vasodilatatori: nitroprussiato di sodio, idralazina.

Farmaci adrenergici ad azione centrale: Clonidina, Guanabenz, Metildopa, Moxonidina.


a 185/115 mmHg, raddoppia il rischio di un evento coronarico fatale. L’American Heart Association e altre organizzazioni stanno ora chiedendo obiettivi BP più aggressivi per molte persone con HTN, al fine di ridurre questi esiti avversi. Gli agenti comunemente usati per il trattamento dell’HTN sono menzionati nella Tabella 1.

Negli ultimi tre decenni, molti sforzi concertati sono stati incanalati nella ricerca di piante locali con valori terapeutici ipotensivi e antipertensivi. Gli effetti ipotensivi e antipertensivi di alcune di queste piante medicinali sono stati convalidati e altri smentiti.

I tentativi del gruppo a basso reddito, in particolare degli abitanti delle zone rurali nei paesi in via di sviluppo, di controllare l’HTN e le relative complicazioni a fronte delle scarse risorse socioeconomiche, hanno portato più persone a optare per i rimedi erboristici. Tuttavia, è necessario effettuare ulteriori ricerche scientifiche per verificare l’efficacia e chiarire il profilo di sicurezza di tali rimedi erboristici. Questa recensione fornisce un’introduzione alle piante medicinali presenti in natura che sono state finora scientificamente studiate e segnalate per avere effetti ipotensivi o antipertensivi.

Piante medicinali presenti in natura, erbe con potenziale ipotensivo / antipertensivo

Agathosma betulina

(Famiglia: Rutaceae; Nome comune: Buchu). È una pianta medicinale sudafricana ed è stata usata dagli indigeni della zona per secoli per curare disturbi più ampi. È un efficace agente diuretico e antinfiammatorio. I primi coloni olandesi usavano il buchu per fare una tintura di brandy, che è ancora usata oggi per trattare molti disturbi. [25]

Allium sativum

(Famiglia: Alliaceae o Liliaceae; Nome comune: Aglio). L’aglio è stato a lungo utilizzato per una varietà di condizioni cardiovascolari, in particolare l’iperlipidemia. È stato anche segnalato che ha un’azione ipotensiva. Si pensa che aumenti la produzione di ossido nitrico, con conseguente rilassamento della muscolatura liscia e vasodilatazione. Uno dei principali composti attivi che conferisce all’aglio il suo odore caratteristico e molti dei suoi benefici curativi è chiamato allicina. La meta-analisi di dati letterari scelti a caso ha dimostrato che l’aglio è correlato alla diminuzione della pressione arteriosa nei pazienti con aumento della pressione sistolica, ma non nei pazienti senza aumento della pressione sistolica. [26] I preparati a base di aglio si sono rivelati superiori al placebo nel ridurre la pressione arteriosa negli individui con HTN. [27] L’effetto antiossidante e antipertensivo dell’aglio è stato osservato in 20 pazienti con HTN rispetto a 20 pazienti con pressione normale, che hanno ricevuto la preparazione di perle di aglio per un periodo di due mesi. I risultati hanno rivelato una diminuzione della pressione arteriosa, una riduzione significativa dell’8-idrossi-2-deossiguanosina, del livello di ossido nitrico e della perossidazione lipidica e un aumento del livello di vitamine antiossidanti (C ed E). Questo studio evidenzia l’azione benefica cardioprotettiva dell’aglio nell’HTN essenziale. [28]

Annona muricata

(Famiglia: Annonaceae; Nome comune: Fico d’India).

A. muricata è un membro della famiglia dei meli cannella chiamati Annonaceae e una specie del genere Annona, nota soprattutto per i suoi frutti commestibili Annona. L’albero cresce nativamente nei Caraibi e nell’America centrale. È stato riportato che l’estratto di foglie della pianta abbassa una pressione arteriosa elevata diminuendo la resistenza vascolare periferica. [29]

Apium graveolens (Famiglia: Apiaceae; Nome comune: Sedano).

Secondo la teoria cinese, il sedano è efficace per l’HTN perché agisce sul fegato; un tipo di HTN è associato al fegato. Nella Cina continentale, il sedano è stato utile per ridurre l’HTN in 14 pazienti su 16. Il succo è stato mescolato con la stessa quantità di miele e circa 8 once sono state assunte per via orale tre volte al giorno per un massimo di una settimana. [30] È stato anche segnalato che riduce la pressione arteriosa sistolica e diastolica. La differenza di pressione arteriosa negli esseri umani prima e dopo il trattamento è risultata significativa ( P <0,05), indicando che i semi di A. graveolenspuò essere usato come trattamento sicuro ed efficace per la pressione arteriosa alta. [31] Il succo di sedano fresco può essere mescolato con l’aceto per alleviare le vertigini, il mal di testa e il dolore alle spalle associati all’HTN. Viene anche somministrato in HTN associato a gravidanza e climaterio. [25]

Aristolochia manshuriensis

(Famiglia: Aristolochiaceae; Nome comune: Guan Mu Tong). Questa pianta cinese viene utilizzata come diuretico e antiflogistico per il trattamento di edemi e dolori reumatici. L’estratto di questa pianta è stato segnalato per contenere acido aristolochico, aristoloside, magnoflorine, acido oleanolico, hederagenin e tannini. È stato scoperto che il magnoflorina possiede proprietà ipotensive. [32]

Artocarpus altilis

(Famiglia: Moraceae; Nome comune: Albero del pane). La pianta è originaria della penisola malese e delle isole del Pacifico occidentale. Uno studio ha dimostrato che l’estratto di foglie della pianta ha ridotto la tensione degli anelli dell’aorta di cavia isolati stimolati con fenilefrina dal 15 al 35%. [29]

Avena sativa

( Famiglia: Poaceae / Gramineae; Nomi comuni: fibra alimentare, avena verde). Una dieta contenente avena integrale ricca di fibre solubili può ridurre significativamente la necessità di farmaci antipertensivi e migliorare il controllo della pressione arteriosa. Considerando anche i miglioramenti dei lipidi e del glucosio, un maggiore consumo di avena intera può ridurre significativamente il rischio di malattie cardiovascolari. [33] È stato riscontrato che l’aggiunta di cereali d’avena alla normale dieta dei pazienti con HTN riduce significativamente la pressione arteriosa sia sistolica che diastolica. L’avena integrale ricca di fibre solubili può essere una terapia dietetica efficace nella prevenzione e nel trattamento aggiuntivo dell’HTN. [34]

Blond psyllium

(Famiglia: Plantaginaceae; Nome comune: plantago indiano). Ricerche cliniche preliminari dimostrano che l’assunzione di un integratore di B. psyllium ( specie Plantago ) 15 g al giorno può abbassare modestamente la PA; sistolica di circa 8 mmHg e diastolica di 2 mmHg. [33]

Camellia sinensis

(Famiglia: Theaceae; Nome comune: Tea). Ci sono molti potenziali benefici per la salute dal bere il tè. C’è molto interesse tra i ricercatori sull’effetto del tè sulle malattie cardiovascolari. La ricerca su tè e HTN è contraddittoria. La ricerca sul tè nero (tè fermentato) ( Camellia sinensis ) non mostra alcun effetto sulla pressione arteriosa nelle persone con HTN. La ricerca sulla popolazione collega il consumo di tè verde (non fermentato) ( Camellia sinensis ) e di tè oolong (parzialmente fermentato) ( Camellia sinensis ) con un ridotto rischio di sviluppare HTN. [35]

Capparis cartilaginea

(Famiglia: Capparaceae; Nome comune: Lasaf). È un arbusto prostrato o rampicante che si trova in un terreno roccioso, a volte appeso a scogliere. È stato riportato che l’estratto grezzo di C. cartilaginea produce una diminuzione dose-dipendente della pressione arteriosa e una leggera bradicardia nei ratti anestetizzati. [36]

Carum copticum

(Famiglia: Umbelliferae; Nome comune: Ajwain). L’estratto grezzo di C. copticum (1-30 mg / kg) produce una riduzione della PA e della frequenza cardiaca (HR) dei ratti anestetizzati normotesi (NMT). L’ipotensione prodotta è molto breve e torna alla normalità entro un minuto. Alla dose bassa (fino a 1 mg / kg), l’estratto grezzo produce una variazione trascurabile dell’HR. Tuttavia, è stata segnalata bradicardia alle dosi più elevate (10-30 mg / kg). [37]

Cassia absus

(Famiglia: Caesalpiniaceae; Nome comune: Chaksu). Questa pianta si trova nella regione tropicale e si trova ovunque in India. È stato riportato che una somministrazione endovenosa di un estratto grezzo di C. absus produce una diminuzione della pressione arteriosa correlata alla dose (1-30 mg / kg), accompagnata da una diminuzione della FC alle dosi più elevate (10 e 30 mg / kg). ). Iniezioni ripetute della stessa dose dell’estratto grezzo sono state osservate per produrre tachifilassi. È stata segnalata una diminuzione sostenuta della pressione arteriosa negli animali anestetizzati e un debole effetto antiacetilcolina. [38]

Cassia occidentalis

( Famiglia: Caesalpiniaceae; Nome comune: Coffee weed). È un piccolo albero che cresce da 5 a 8 m di altezza. La foglia di questa pianta è usata nella medicina popolare locale come agente antipertensivo. Studi in vitro sull’estratto di foglie hanno mostrato un effetto rilassante sugli anelli aortici. Gli studi hanno rivelato che l’estratto di cassia può rilassare la muscolatura liscia e ridurre la pressione arteriosa inibendo l’afflusso di Ca2 + attraverso il canale azionato dal recettore e il canale sensibile alla tensione, mostrando la sua non selettività su questi canali Ca2 +. [39]

Castanospermum australe

(Famiglia: Fabaceae; Nome comune: Fagiolo nero). È stato riportato che l’ estratto grezzo di C. australe causa una riduzione della pressione arteriosa sistolica e diastolica in modo dose-dipendente (1-100 mg / kg). Questo calo della pressione arteriosa è stato attribuito alla frazione saponina e al glucoside dell’acido medicogenico presenti nell’estratto grezzo. [40]

Coleus forskohlii

(Famiglia: Lamiaceae; Nome comune: Karpurvali). Sono state studiate le proprietà farmacologiche del coleonolo, un diterpene, isolato da C. forskohlii . Il suo effetto predominante è stato quello di abbassare la pressione arteriosa del gatto e del ratto anestetizzati nonché del ratto spontaneamente iperteso a causa del rilassamento della muscolatura liscia vascolare. In piccole dosi, ha un effetto inotropo positivo sul cuore di coniglio isolato e sul cuore di gatto in vivo . Il coleonolo mostra anche un’attività spasmolitica aspecifica sulla muscolatura liscia del tratto gastrointestinale in varie specie, ma non sulla muscolatura bronchiale della cavia. Grandi dosi di coleonolo hanno un’azione depressiva sul sistema nervoso centrale. [41]

Commelina virginica

(Famiglia: Commelinaceae; Nome comune: Virginia dayflower). È una pianta erbacea perenne della famiglia delle fioriture. È originario degli Stati Uniti centro-orientali e sudorientali. È stato riportato che l’estratto vegetale intero riduce la tensione degli anelli dell’aorta di cavia isolati stimolati con fenilefrina dal 15 al 35%. [29]

Crataegus pinnatifida

(Famiglia: Rosaceae; Nome comune: Biancospino cinese). È stato utilizzato in Cina come decotto per il trattamento dell’HTN da migliaia di anni. Studi farmacologici e clinici hanno dimostrato che abbassa la pressione arteriosa. Le due principali sostanze che contribuiscono agli effetti benefici del biancospino sul cuore sono i flavonoidi e le procianidine oligomeriche, potenti agenti antiossidanti. La rinocofillina, un alcaloide nell’artiglio del gatto, ha dimostrato una capacità di inibire l’aggregazione piastrinica e la trombosi, il che suggerisce che può essere utile per prevenire ictus e ridurre il rischio di infarto abbassando la pressione arteriosa, aumentando la circolazione e inibendo sia la formazione di placca sulle pareti arteriose e formazione di coaguli di sangue nel cervello, nel cuore e nelle arterie.

[42] Negli esperimenti con conigli anestetizzati, la somministrazione endovenosa della preparazione dell’estratto ha abbassato la pressione arteriosa fino a 3 ore. [43] L’acido grategico è stato identificato come principio ipotensivo. I meccanismi d’azione di Crataegus postulati fino ad oggi rivelano un rimedio con un’influenza potenzialmente ampia sul sistema cardiovascolare. Questi effetti includono un’attività ipotensiva attraverso il vasorilassamento derivante dalla stimolazione del protossido di azoto, [44] una significativa attività antiossidante e un’azione tonica sui miociti cardiaci. [45]

Crinum glaucum

(Famiglia: Amaryllidaceae; Nome comune: River Lily, Swamp Lily). C. glaucum utilizzato tradizionalmente nella Nigeria occidentale per il trattamento dell’asma è stato studiato per i suoi effetti sulle funzioni respiratorie e cardiovascolari. L’aumento delle dosi dell’estratto acquoso ha causato un aumento del volume corrente (aumento della frequenza e della profondità ventilatoria) e una corrispondente diminuzione della pressione sia sistolica che diastolica. [46]

Cuscuta reflexa

(Famiglia: Cuscutaceae; Nome comune: Giant dodder). È stato riportato che l’ estratto grezzo di C. reflexa causa una diminuzione della pressione arteriosa sistolica e diastolica, nonché dell’HR nei ratti anestetizzati. L’attività antipertensiva e la bradicardia prodotte sono risultate dipendenti dalla dose, ma la diminuzione dell’HR è stata osservata a dosi leggermente più elevate. Il pretrattamento con atropina (1 mg / kg) non ha abolito le risposte cardiovascolari a C. reflexa. [47]

Daucus carota

(Famiglia: Ombrellifere; Nome comune: Carota). È stato utilizzato nella medicina tradizionale per il trattamento dell’HTN. Il frazionamento diretto dall’attività delle parti aeree di D. carota ha portato all’isolamento di due glicosidi cumarinici codificati come DC-2 e DC-3. La somministrazione endovenosa di questi composti ha causato una riduzione dose-dipendente (1–10 mg / kg) della pressione arteriosa nei ratti anestetizzati con NMT. Negli studi in vitro , entrambi i composti hanno causato un effetto inibitorio dose-dipendente (10-200 μg / ml) sugli atri di cavia battenti spontaneamente e sulle contrazioni dell’aorta di coniglio indotte da K + a concentrazioni simili. Questi risultati indicano che DC-2 e DC-3 possono agire attraverso il blocco dei canali del calcio e questo effetto può essere responsabile dell’effetto di abbassamento della pressione arteriosa dei composti osservati nelstudi in vivo . [48] Due nuovi terpenoidi sesquiterpenici di tipo guaiane contenenti un’interessante unità epossidica, daucuside e daucusol, sono stati isolati dai frutti di D. carota. [49]

Desmodium styracifolium

(Famiglia: Leguminosae; Nome comune: Osbeck). I preparati delle foglie secche e del fusto della pianta iniettati per via endovenosa in cani anestetizzati hanno aumentato la circolazione coronarica, abbassato la pressione arteriosa, rallentato la FC e ridotto il consumo di ossigeno del cuore. [43] La farmacologia cardiovascolare degli estratti acquosi di D. styracifolium (DSE) e Clematis chinensis (CCE) è stata studiata nei ratti sia in vivo che in vitro da Ho et al.nel 1982. Il DSE ha prodotto due successive azioni ipotensive: la prima mediata dalla stimolazione dei recettori colinergici, mentre la seconda è stata potenziata dai blocchi del ganglio autonomo e degli alfa-adrenorecettori. A differenza del DSE, il CCE ha prodotto una sola risposta ipotensiva, mediata dall’attività istaminergica. Inoltre, entrambi gli estratti hanno rilassato strisce di arteria della coda elicoidale precostruite con metossamina. La CCE ha anche prodotto effetti cronotropi negativi e inotropi sugli atri isolati, mentre il DSE ha mostrato un effetto cronotropo positivo, senza effetto apparente sulla forza contrattile. [50]

Fuchsia magellanica

(Famiglia: Onagraceae; Nome comune: Hardy Fuchsia, Chiko, Tilco). Questa pianta è originaria dell’Argentina meridionale e del Cile. L’infusione dell’estratto di foglie riduce la temperatura corporea, agisce come un diuretico e abbassa la pressione arteriosa. [51] Schmeda-Hirschmann et al. ha studiato l’etanolo / estratti acquosi di questa specie in ratti NMT e ha riscontrato una riduzione da moderata a forte della pressione arteriosa media. [52]

Glicina max

(Famiglia: Fabaceae Nome comune: Soia) La soia si è dimostrata efficace come agente ipotensivo. Uno studio ha mostrato una riduzione molto modesta della PA, mentre un altro studio non mostra alcun beneficio. [53]

Gossypium barbadense

(Famiglia: Malvaceae; Nome comune: cotone Pima). È una pianta perenne tropicale che produce fiori gialli e ha semi neri. Uno studio ha dimostrato che l’estratto di foglie della pianta ha ridotto la tensione degli anelli dell’aorta di cavia isolati stimolati con fenilefrina dal 15 al 35%. Nella medicina tradizionale del Suriname, le foglie della pianta sono usate per trattare l’HTN e le mestruazioni ritardate / irregolari. [29]

Hibiscus sabdariffa

( Famiglia: Malvaceae; Nome comune: Roselle). Questa sembra essere una delle piante più ampiamente studiate per le proprietà antipertensive. Le foglie, il calice e la corolla di questa pianta sono usati tradizionalmente in molti paesi dell’Africa occidentale per vari scopi medicinali e come commestibili. L’effetto antipertensivo di questo estratto vegetale è stato variamente studiato. Uno studio ha riportato l’effetto antipertensivo del calice dell’HS. [54] Un risultato simile è stato prodotto indipendentemente a Lagos, Nigeria da Adegunloye et al[55] Una somministrazione endovenosa di 20 mg / kg di un estratto acquoso di calice HS secco ha prodotto una diminuzione della PA di ratti ipertesi indotti sperimentalmente. Gli effetti antipertensivi dell’estratto grezzo di HS sono stati attribuiti alla mediazione attraverso l’acetilcolina e il meccanismo dipendente dall’istamina attraverso effetti vasorilassanti diretti. [55] Un rapporto precedente mostrava che l’estratto grezzo di petalo della stessa pianta aveva un effetto rilassante diretto sulla muscolatura liscia aortica dei ratti. [56] La somministrazione cronica di estratto acquoso di HS è stata segnalata per invertire l’ipertrofia cardiaca nei ratti ipertesi renovascolari. [57]

Le prove cliniche dell’estratto vegetale nell’uomo hanno dimostrato prove affidabili di effetti antipertensivi. Una dose standardizzata di HS (9,6 mg al giorno) somministrata a 39 pazienti e captopril, 50 mg al giorno, somministrata allo stesso numero di pazienti non ha mostrato differenze significative rispetto agli effetti ipotensivi, all’efficacia antipertensiva e alla tollerabilità. [58]

Lavandula stoechas

(Famiglia: Lamiaceae; Nome comune: Lavanda francese). È stato segnalato che l’ estratto grezzo di L. stoechas produce una riduzione della pressione arteriosa e della frequenza cardiaca nei ratti NMT anestetizzati. Il pretrattamento dell’atropina ha abolito le risposte cardiovascolari, suggerendo che gli effetti antipertensivi e bradicardici dell’estratto grezzo possono essere mediati da meccanismi simili a quello dell’acetilcolina. [59]

Lepidium latifolium

(Famiglia: Cruciferae; Nome comune: Rompepiedra o Stone breaker). Questa pianta è stata usata come medicina popolare nelle Isole Canarie per la litiasi renale. È stato riscontrato che ha un effetto ipotensivo a causa della sua azione diuretica nel ratto. L’estratto acquoso di foglie somministrato in dosi di 50 e 100 mg / kg rispettivamente per via intraperitoneale e orale, ha prodotto attività diuretiche e ipotensive significative e dose-dipendenti. Lo studio è andato oltre per estrapolare l’azione diuretica dell’estratto di ratto sull’uomo, utilizzando l’attività della furosemide in entrambi i casi come linea guida. La dose giornaliera standard per L. latifolium nell’uomo era da 3 a 5 g / giorno sotto forma di tè, che è equivalente a 43-71 mg / kg di peso corporeo in un soggetto di 70 kg. [60]

Linum usitatissimum

(Famiglia: Linaceae; Nome comune: semi di lino, semi di lino). È un’erba annuale che si ritiene abbia avuto origine in Egitto. Il seme di lino e il suo olio sono ricchi di acido α-linolenico, un acido grasso essenziale che sembra essere benefico per le malattie cardiache, le malattie infiammatorie intestinali, l’artrite e altri problemi di salute. L’acido α-linolenico appartiene a un gruppo di sostanze chiamate acidi grassi omega-3. Diversi studi suggeriscono che le diete ricche di acidi grassi omega-3 abbassano significativamente la pressione arteriosa nelle persone con HTN. Il seme di lino può proteggere dalle malattie cardiovascolari aterosclerotiche attraverso una serie di meccanismi, tra cui la riduzione del colesterolo sierico, l’aggregazione piastrinica e i marker infiammatori; migliorare la tolleranza al glucosio; e agisce come antiossidante. Il consumo giornaliero di 15-50 g / giorno di semi di lino macinati può ridurre modestamente il colesterolo totale e le concentrazioni di lipoproteine ​​a bassa densità senza alterare i trigliceridi o il colesterolo delle lipoproteine ​​ad alta densità. Tuttavia, il meccanismo esatto non è chiaro. [61]

Luminitzera racemosa

(Famiglia: Combretaceae; Nome comune: Mangrovia nera). È un bell’arbusto o un piccolo albero che si trova sulla costa dell’India e sulle isole Andamane e Nicobare. Secondo la medicina popolare i frutti di questa pianta sono curativi nei disturbi della pelle e utili per curare morsi di serpente e insetti. È stata segnalata azione antiipertensiva per l’estratto acquoso di acetone della pianta. È stata studiata l’ attività antiipertensiva di undici tannini idrolizzabili contenuti nelle foglie di L. racemosa . Dallo screening in ratti spontaneamente ipertesi, corilagina, castalagina e acido chebulinico sono stati identificati come i principali principi attivi. [62]

Lycopersicon esculentum

(Famiglia: Solanaceae; Nome comune: Pomodoro). L’estratto di pomodoro contiene carotenoidi, come licopene, beta carotene e vitamina E, noti come antiossidanti efficaci, per inattivare i radicali liberi e rallentare il progresso dell’aterosclerosi. Uno studio ha dimostrato che l’estratto di pomodoro (Lyc-O-Mato) riduce modestamente la pressione arteriosa nei pazienti con HTN lieve e non trattato. [63] È stata osservata una correlazione significativa tra la pressione arteriosa sistolica e i livelli di licopene. L’estratto di pomodoro quando aggiunto a pazienti trattati con basse dosi di ACE inibizione, calcio-antagonisti o la loro combinazione con diuretici a basso dosaggio ha avuto una riduzione dell’effetto clinicamente significativa della pressione arteriosa di oltre 10 mmHg sistolica e più di 5 mmHg di pressione diastolica. Non sono stati registrati effetti collaterali del trattamento e la compliance al trattamento è stata elevata. [64]

Moringa oleifera (Famiglia: Moringaceae; Nome comune: Murungai).

Nei ratti anestetizzati, l’estratto grezzo delle foglie di M. oleifera ha causato una riduzione della pressione arteriosa sistolica, diastolica e media in modo dose-dipendente. L’effetto antipertensivo è stato breve, tornando alla normalità entro due minuti. L’HR non è stato influenzato in modo significativo, tranne che a dosi elevate (3 e 10 mg / kg), che hanno prodotto un piccolo grado di bradicardia. È stato anche stabilito che le frazioni di tiocarbammato e isotiocianato dell’estratto grezzo erano responsabili dell’attività antipertensiva. [65]

Troverai cecropiodi

(Famiglia: Cecropiaceae; Nome comune: albero dell’ombrello, legno di sughero). È una pianta a crescita rapida ubiquitaria nelle foreste pluviali tropicali, in particolare nell’Africa occidentale. È stato riportato che l’estratto di etanolo della corteccia del fusto della pianta ha attività antidiarroica. [66] Diversi ricercatori hanno dimostrato l’efficacia scientifica del lattice e dell’estratto di foglie come vasorilassanti, e quindi come agenti ipotensivi. [67] È stato riportato che l’estratto acquoso della corteccia dello stelo produce una riduzione dose-dipendente della pressione arteriosa media, che è diminuita di 4,51 ± 0,5 mmHg alla dose di 10 mg / kg e di 65,23 ± 6,28 mmHg alla dose di 40 mg / kg. [ 68]

Ocimum basilicum

(Famiglia: Lamiaceae; Nome comune: Basilico). È stato riportato che un estratto grezzo di O. basilicum provoca una riduzione della pressione arteriosa sistolica, diastolica e media in modo dose-dipendente con una dose efficace mediana di 30 mg / kg. L’effetto antipertensivo è breve e torna alla normalità entro due minuti. Questo effetto cardiovascolare dell’estratto è stato attribuito all’eugenolo, che esercita il suo effetto bloccando i canali del calcio. [69]

Peganum harmala

(Famiglia: Nitrariaceae; Nome comune: Harmal). La frazione di estratto grezzo e tutti i composti puri: harmine, harmaline, tetrahydroharmine, harmol e harmaloi da P. harmala hanno prodotto effetti antipertensivi in ​​ratti anestetizzati in maniera dose-dipendente. [70]

Phyllanthus amarus

(Famiglia: Euphorbiaceae; Nome comune: Nela nelli). Questa pianta è usata come diuretico e per abbassare la pressione arteriosa nella pratica della medicina tradizionale. Amaechina e Omogbai hanno riferito che la somministrazione endovenosa dell’estratto acquoso delle foglie di questa pianta (5-80 mg / kg) a conigli maschi NMT anestetizzati ha prodotto una significativa riduzione della pressione diastolica, sistolica e arteriosa media in una dose-risposta graduata maniera. La dose di 5 mg / kg ha prodotto l’effetto ipotensivo minimo, provocando una riduzione della pressione diastolica, sistolica e arteriosa media rispettivamente di 13,3 ± 3,1, 19,7 ± 5,4 e 14,3 ± 3,4 mmHg, mentre la dose di 80 mg / kg ha prodotto il calo maggiore della pressione diastolica, sistolica e arteriosa media rispettivamente di 49,7 ± 7,9, 45,5 ± 9,5 e 48,00 ± 6,5 mmHg.

Pinus pinaster

(Famiglia: Pinaceae; Nome comune: Pino marittimo). Pycnogenol è un estratto dalla corteccia di pino marittimo francese. È più comunemente noto come trattamento per l’insufficienza venosa e altre condizioni vascolari. Ma è allo studio per un lungo elenco di altre condizioni, incluso l’HTN. La ricerca clinica preliminare mostra che il picnogenolo 200 mg / die può abbassare leggermente la pressione arteriosa nelle persone con HTN lieve. È stato segnalato che agisce inibendo gli enzimi di conversione dell’angiotensina. [72]

Pueraria lobata

(Famiglia: Fabaceae; Nome comune: Kudzu). La radice secca di questa pianta è ufficialmente elencata e utilizzata in Cina come rilassante muscolare, antipiretico e per il trattamento della dissenteria e dell’HTN. [73] Gli isoflavoni totali, dall’estratto etanolico delle radici, hanno mostrato un effetto ipotensivo su cani anestetizzati e cani ipertesi non anestetizzati. [74] L’isoflavone-puerarina, quando somministrato per via endovenosa in un intervallo di dose da 100 a 200 mg, in studi clinici a pazienti affetti da HTN o angina pectoris, ha mostrato una diminuzione dei livelli di catecolamine nel sangue, pressione arteriosa e FC. [75]

Punica granatum (Famiglia: Lythraceae; Nome comune: Melograno).

Il succo di melograno sta diventando una bevanda alla frutta più popolare. La ricerca mostra che il melograno riduce l’attività degli enzimi di conversione dell’angiotensina (ACE) di circa il 36%. La ricerca clinica rivela risultati contraddittori. Uno studio mostra una modesta riduzione della pressione arteriosa sistolica dopo aver bevuto 50 ml / giorno di succo di melograno per un anno. Un altro studio non mostra alcun beneficio dopo aver bevuto 240 ml / giorno di succo per 3 mesi. [76]

Raphanus sativus

(Famiglia: Cruciferae; Nome comune: ravanello): è stato riscontrato che la pianta ha attività antipertensiva. Preparazioni tissutali isolate sono state sospese in bagni di tessuto contenenti la soluzione di Krebs, mentre lo studio di tossicità acuta è stato condotto sui topi per 24 ore. L’estratto ha causato una riduzione dose-dipendente (0,1-3 mg / kg) della pressione arteriosa e della frequenza cardiaca dei ratti mediata da un percorso sensibile all’atropina. In atri isolati di cavie, ha mostrato inibizione dose-dipendente (0,03-3,0 mg / ml) della forza e della velocità delle contrazioni. Nei tessuti trattati con atropina, l’effetto inibitorio è stato abolito ed è stato smascherato un effetto stimolante cardiaco, resistente al blocco dei recettori adrenergici e serotoninergici. Nell’aorta di ratto con endotelio intatto, ha inibito le contrazioni indotte dalla fenilefrina, che sono state bloccate dall’atropina. L’estratto era sicuro nei topi fino alla dose di 10 g / kg. Lo studio ha dimostrato che gli effetti inibitori cardiovascolari della pianta sono mediati dall’attivazione dei recettori muscarinici, giustificando quindi il suo utilizzo nell’HTN. [77]

Rauwolfia serpentina

(Famiglia: Apocynaceae; Nome comune: Rauwolfia). È una pianta legnosa tropicale ingegnosa per l’Asia, il Sud America e l’Africa. Estratti delle sue diverse parti e di piante simili alla rauwolfia furono usati nella medicina indù per il morso di serpente, l’insonnia, la pazzia e molte altre malattie e disturbi. Questa è considerata la pianta ipotensiva più potente. Reserpina, l’alcaloide purificato di R. serpentina, è stato il primo potente farmaco ampiamente utilizzato nel trattamento a lungo termine dell’HTN. È necessaria solo una piccola dose per ottenere risultati ed evitare effetti collaterali. La congestione nasale è l’effetto indesiderato più comune. Nel 1952, la reserpina fu introdotta con il nome di Serpasil nel trattamento di HTN, tachicardia e tireotossicosi. La combinazione di reserpina, diidroergocristina e un diuretico è ancora sul mercato (Brinerdin, Crystepin). [78]

Rhaptopetalum coriaceum oliver

(Famiglia: Scytopetalaceae) Un decotto della corteccia del gambo della pianta viene tradizionalmente preparato o immerso in gin distillato localmente e preso come rimedio per l’HTN. Studi preliminari condotti sull’estratto di corteccia del fusto della pianta hanno mostrato i suoi effetti di abbassamento della pressione arteriosa sui ratti NMT. Studi in vitro sul suo meccanismo vasodilatatore hanno rivelato che la sua azione avviene attraverso il blocco dei canali del calcio, ad una concentrazione di 0,2 mg / ml di estratto di R. coriaceum . Ciò è stato fatto attraverso l’inibizione del rilascio di Ca2 + e il blocco di potenziali canali sensibili e canali azionati dai recettori inibendo la noradrenalina e l’afflusso di Ca2 + indotto da KCl. I risultati degli studi in vitro suggeriscono che l’etanolo estratto da R. coriaceumpuò essere più potente come bloccante dei canali del calcio della nifedipina. [79]

Sesamum indicum

(Famiglia: Pedaliaceae; Nome comune: Sesamo). L’estratto alcolico di semi (1-30 mg / kg) ha causato ipotensione nei ratti anestetizzati. È stata osservata una riduzione della pressione arteriosa sistolica e diastolica in modo dose-dipendente. È stato riscontrato che l’HR diminuisce a dosi leggermente più elevate (10-30 mg / kg). È stato riportato che l’atropina (2 mg / kg) abolisce le risposte cardiovascolari, indicando la presenza di una sostanza simile all’acetilcolina nei semi. La sesamina e il sesaminolo sono i principali costituenti fenolici dell’olio di sesamo. Uno studio su pazienti ipertesi ha indicato che il consumo di olio di sesamo ha ridotto notevolmente lo stress ossidativo e contemporaneamente ha aumentato le attività della glutatione perossidasi, superossidasi dismutasi e catalasi. Questi risultati supportano l’ipotesi che il consumo di olio di sesamo possa aiutare a migliorare il sistema di difesa antiossidante negli esseri umani.

Solanum sisymbriifolium

(Famiglia: Solanaceae; Nome comune: Sticky Nightshade, Wild Tomato). La radice di S. sisymbriifoliumLam., Un’erba perenne, è stata usata come medicina tradizionale con proprietà diuretiche e antipertensive in Paraguay. L’effetto ipotensivo dell’estratto idroalcolico grezzo dalla radice è stato studiato sia nei ratti NMT che ipertesi. La somministrazione endovenosa dell’estratto (50 e 100 mg / kg) ha prodotto una significativa diminuzione della pressione arteriosa nei ratti ipertesi anestetizzati (HTN di rigenerazione surrenale + acetato di desossicorticosterone). La somministrazione orale dell’estratto (10, 50, 100 e 250 mg / kg) ha anche prodotto un effetto ipotensivo dose-dipendente in animali ipertesi coscienti. In ratti NMT anestetizzati, l’estratto (50 e 100 mg / kg, iv) ha anche indotto ipotensione in modo dose-dipendente. Infine, nessun effetto significativo sulla pressione arteriosa è stato prodotto dall’estratto quando somministrato per via orale (10, 50, 100, 250, 500, e 1000 mg / kg) a ratti NMT coscienti. [81] In un altro studio, nuatigenosido è stato isolato dall’estratto come uno dei potenziali composti attivi. Nuatigenosido a 100 µg / kg e 1 mg / kg iv ha abbassato la PA nei ratti ea 10−6 e 10−5 M ha aumentato la forza contrattile nell’atrio destro di una rana toro ea 10−7 M ha aumentato l’ampiezza di overshoot nella rana miociti atriali, la durata del potenziale d’azione è stata ridotta, la corrente di calcio è stata aumentata e la corrente di potassio verso l’esterno ritardata è stata aumentata. I risultati hanno suggerito che nuatigenosido può svolgere un ruolo importante negli effetti terapeutici di questa erba. [82] v ha abbassato la pressione arteriosa nei ratti ea 10-6 e 10-5 M ha aumentato la forza contrattile nell’atrio destro di una rana toro, ea 10-7 M ha aumentato l’ampiezza di overshoot nei miociti atriali di rana, le durate del potenziale d’azione sono state accorciate, il calcio la corrente è stata aumentata e la corrente di potassio verso l’esterno ritardata è stata aumentata. I risultati hanno suggerito che nuatigenosido può svolgere un ruolo importante negli effetti terapeutici di questa erba. [82] v ha abbassato la pressione arteriosa nei ratti ea 10-6 e 10-5 M ha aumentato la forza contrattile nell’atrio destro di una rana toro, ea 10-7 M ha aumentato l’ampiezza di overshoot nei miociti atriali di rana, le durate del potenziale d’azione sono state accorciate, il calcio la corrente è stata aumentata e la corrente di potassio verso l’esterno ritardata è stata aumentata. I risultati hanno suggerito che nuatigenosido può svolgere un ruolo importante negli effetti terapeutici di questa erba. [82]

Theobroma cacao

(Famiglia: Malvaceae; Nomi comuni: cioccolato, fave di cacao, burro di cacao). Il cacao in polvere, arricchito con costituenti flavonoidi, è utilizzato per prevenire le malattie cardiovascolari. I flavonoidi, contenuti nel cioccolato, stimolano la formazione di ossido nitrico, aumentano la vasodilatazione e riducono la disfunzione endoteliale. Un numero crescente di ricerche cliniche mostra anche che il consumo giornaliero di cioccolato fondente o al latte ( T. cacao ), da 46 a 105 g al giorno, che fornisce da 213 a 500 mg di polifenoli del cacao, può abbassare la pressione arteriosa sistolica di circa 5 mmHg e la diastolica di circa 3 mmHg. [83]

Triticum aestivum

( Famiglia: Poaceae / Gramineae; Nomi comuni: crusca, crusca di frumento). È stato riportato che l’aumento dell’assunzione alimentare di crusca di frumento da 3 a 6 g / giorno riduce modestamente la pressione arteriosa sistolica e diastolica. [84]

Uncaria rhynchophylla

(Famiglia: Rubiaceae; Nome comune: erba di artiglio di gatto). Nella medicina orientale tradizionale, U. rhynchophylla è stato utilizzato per abbassare la pressione sanguigna e per alleviare vari sintomi neurologici. L’attività ipotensiva è stata attribuita a un alcaloide indolico chiamato irsutina , che si è scoperto agire sui canali del Ca2 +.

[71] Gli effetti dell’irsutina sul livello citosolico di Ca2 + ([Ca2 +] cyt) sono stati studiati utilizzando la fluorescenza fura-2- Ca2 + nella muscolatura liscia dell’aorta di ratto isolata. La noradrenalina e la soluzione ad alto contenuto di K + hanno prodotto un aumento sostenuto del [Ca2 +] cit. L’applicazione di irsutina dopo gli aumenti del [Ca2 +] cit indotto dalla noradrenalina e l’elevato K + diminuito notevolmente il [Ca2 +] cit, suggerendo che l’irsutina inibisce l’afflusso di Ca2 + principalmente attraverso un canale Ca2 + voltaggio-dipendente. Inoltre, l’effetto dell’irsutina sulla riserva intracellulare di Ca2 + è stato studiato utilizzando risposte contrattili alla caffeina in condizioni nutritive prive di Ca2 + nell’aorta di ratto. Quando l’irsutina è stata aggiunta a 30 μM prima del trattamento con caffeina, l’agente ha ridotto leggermente ma significativamente la contrazione indotta dalla caffeina. Se aggiunto durante il caricamento di Ca2 +, l’irsutina ha decisamente aumentato la risposta contrattile alla caffeina. Questi risultati suggeriscono che l’irsutina inibisce il rilascio di Ca2 + dal deposito di Ca2 + e aumenta l’assorbimento di Ca2 + nel deposito di Ca2 +, portando a una riduzione del livello di Ca2 + intracellulare. Si è concluso che l’irsutina riduce il livello di Ca2 + intracellulare attraverso il suo effetto sull’accumulo di Ca2 + nonché attraverso il suo effetto sul canale Ca2 + dipendente dalla tensione. [85]

È stato scoperto che un estratto metanolico degli uncini di una specie Uncaria ha un effetto ipotensivo potente e duraturo nei ratti e l’attività era diversa da quella di U. rhynchophylla e del suo analogo. Ulteriori studi sull’estratto hanno portato all’isolamento di alcaloide 3-indolo, glicoside, cadambina, diidrocadambina e isodiidrocadambina. Gli ultimi due sono risultati essere i principi ipotensivi, mentre la cadambina era inattiva. [86]

Viscum album

(Famiglia: Santalaceae; Nome comune: vischio). Gli estratti acquosi delle foglie di V. album hanno mostrato una significativa attività vasodilatatrice coronarica sul modello cardiaco isolato e perfuso di Langendorff. I dati ottenuti suggeriscono che l’estratto acquoso di V. albumcontiene alcuni principi biologicamente attivi che possono agire come induttori della via ossido nitrico / guanilato ciclasi solubile. [87] L’effetto dell’estratto acquoso grezzo dalle foglie di vischio è stato studiato sulla pressione arteriosa e sull’HR in ratti Wistar albini sotto anestesia con pentobarbitone. L’estratto grezzo ha prodotto una diminuzione significativa della pressione arteriosa, ovvero dell’11,28, 23,98 e 18,80% nei sottogruppi trattati con NMT, ipertensiva occlusa dell’arteria renale (ROH) e ipertensiva indotta da sham (SIH). La depressione prodotta dall’estratto sull’HR corrispondente non era significativa nei sottogruppi NMT, ROH o SIH. Il propranololo ha bloccato l’azione dell’estratto su BP. Tuttavia, l’atropina non ha impedito la depressione della pressione arteriosa indotta dall’estratto. La noradrenalina bloccata dall’estratto ha indotto l’aumento della pressione arteriosa nel NMT.

Vitex doniana

(Famiglia: Verbenaceae; Nome comune: Prugna nera). Ladeji et al. ha studiato l’effetto della somministrazione orale dell’estratto di questa pianta sulla BP di ratti. È stato riscontrato che l’estratto esercita un effetto ipotensivo. Sia la pressione arteriosa sistolica che quella diastolica sono state significativamente ridotte entro 45 minuti dalla somministrazione orale dell’estratto. La pressione arteriosa ha iniziato a tornare alla normalità dopo 2 ore. [89]

Zingiber officinale

(Famiglia: Zingiberaceae; Nome comune: Ginger). La radice di zenzero è comunemente usata nella cucina asiatica. Agisce per migliorare la circolazione sanguigna e rilassa i muscoli che circondano i vasi sanguigni. L’estratto grezzo di zenzero (Zo.Cr) ha indotto una caduta dose-dipendente (0,3-3 mg / kg) della pressione arteriosa dei ratti anestetizzati. Negli atri accoppiati di cavie, Zo.Cr ha mostrato un’attività cardiodepressiva sulla velocità e la forza delle contrazioni spontanee. Nella preparazione dell’aorta toracica di coniglio, Zo.Cr ha rilassato la contrazione vascolare indotta dalla fenil efrina a una dose dieci volte superiore a quella richiesta contro la contrazione indotta da K + (80 mM). L’attività di blocco dei canali di Ca2 + è stata confermata quando Zo.Cr ha spostato le curve dose-risposta di Ca2 + a destra, in modo simile all’effetto del verapamil. Questi dati indicano che l’effetto di abbassamento della pressione arteriosa dello zenzero è mediato dal blocco dei canali del calcio voltaggio-dipendenti. [90] Somministrazione cronica di estratto di pet etere (PE) (50 mg / kg / giorno; PO), frazione di toluene (10 mg / kg / giorno; po) di rizoma di zenzero ed estratto di ginseng coreano (KGE) (30 mg / kg / giorno ; po) ha ridotto significativamente la pressione arteriosa nei ratti ipertesi indotti dal sale di desossicorticosterone acetato, mentre PE (50 mg / kg / giorno; po) e KGE (30 mg / kg / giorno; po) hanno ridotto la pressione arteriosa nei ratti ipertesi indotti dal fruttosio. Il meccanismo d’azione può in parte coinvolgere la proprietà antagonista serotoninergica. [91] Gli studi sull’uomo per l’effetto ipotensivo dello zenzero sono stati pochi e generalmente hanno utilizzato una dose bassa con risultati inconcludenti. [92] po) del rizoma di zenzero e l’estratto di ginseng coreano (KGE) (30 mg / kg / giorno; po) hanno ridotto significativamente la pressione arteriosa nei ratti ipertesi indotti dal sale di desossicorticosterone acetato, mentre PE (50 mg / kg / giorno; po) e KGE (30 mg / kg / giorno; po) ha ridotto la pressione arteriosa nei ratti ipertesi indotti dal fruttosio. Il meccanismo d’azione può in parte coinvolgere la proprietà antagonista serotoninergica. [91] Gli studi sull’uomo per l’effetto ipotensivo dello zenzero sono stati pochi e generalmente hanno utilizzato una dose bassa con risultati inconcludenti. [92] po) del rizoma di zenzero e l’estratto di ginseng coreano (KGE) (30 mg / kg / giorno; po) hanno ridotto significativamente la pressione arteriosa nei ratti ipertesi indotti dal sale di desossicorticosterone acetato, mentre PE (50 mg / kg / giorno; po) e KGE (30 mg / kg / giorno; po) ha ridotto la pressione arteriosa nei ratti ipertesi indotti dal fruttosio. Il meccanismo d’azione può in parte coinvolgere la proprietà antagonista serotoninergica. [91] Gli studi sull’uomo per l’effetto ipotensivo dello zenzero sono stati pochi e generalmente hanno utilizzato una dose bassa con risultati inconcludenti. [92]

Il rinnovato interesse per la ricerca di nuovi farmaci da fonti naturali, in particolare da fonti vegetali, ha guadagnato l’attenzione globale
negli ultimi due decenni. Le foreste pluviali tropicali sono diventate un punto importante di questa attività, principalmente a causa della ricca biodiversità che ospitano, che promette un’elevata diversità di sostanze chimiche con le potenziali nuove strutture. Tuttavia, di questa ricca biodiversità, solo una piccola parte è stata studiata per il suo potenziale medicinale. Pertanto, piante ed erbe naturali possono essere la nostra fonte di farmaci, con meno effetti collaterali e una migliore biodisponibilità per il trattamento dell’HTN in futuro.

link di riferimento: DOI: 10.4103 / 0973-7847.79097


Ulteriori informazioni:  Kaitlyn Redford, KCNQ5 Potassium Channel Activation Underlies Vasodilation by Tea,  Cellular Physiology and Biochemistry  (2021). DOI: 10.33594 / 000000337

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.