Il doomscrolling può essere collegato all’ansia

0
74

Dictionary.com ha recentemente aggiunto centinaia di nuove parole al suo catalogo, molte delle quali catturano lo spirito del tempo del 2020, l’anno in cui COVID-19 ha superato gli Stati Uniti.

Una di queste nuove parole è “doomscrolling”: l’atto di consumare grandi quantità di notizie online negative in una seduta.

Come puoi immaginare, gli esperti di salute mentale dicono che il doomscrolling non fa bene. UVA Today ha contattato Bethany Teachman, una professoressa di psicologia dell’Università della Virginia ed esperta nella gestione dell’ansia, che dirige il Program for Anxiety, Cognition and Treatment Lab.

Avevamo molte domande per lei su questo nuovo fenomeno e siamo felici di dire che ha molte risposte utili. Continuare a leggere.

D. Perché le persone fanno il doomscroll?

R. Questa volta è stata piena di un’enorme incertezza – rischio COVID-19, vaccini, giustizia razziale, economia, politica, clima, salute di coloro che amiamo – abbiamo enormi domande senza risposta in quasi tutte le sfere critiche della vita. Con queste incognite arriva un naturale desiderio di risolvere l’incertezza, quindi cerchiamo informazioni.

C’è un lato sano in questa ricerca di informazioni che ci aiuta a sapere quali precauzioni dobbiamo prendere durante questo periodo di elevata minaccia. Eppure c’è chiaramente anche un lato malsano che può lasciarci costantemente nervosi e preoccupati di perdere l’informazione critica che ci manterrà al sicuro e ci darà le risposte che desideriamo.

Ovviamente, non esiste un’informazione magica, una notizia o un post su Facebook. Invece, dobbiamo imparare a tollerare l’incertezza.

D. Alcune personalità sono più predisposte a questo comportamento?

R. Non abbiamo tutte le risposte su chi trascorre ore al giorno durante la catastrofe pandemica, ma possiamo dedurre da altre ricerche che le persone che sono vulnerabili all’ansia avranno una probabilità particolare di cadere in questo ciclo. Questo perché l’ansia è associata a un pregiudizio per prestare maggiore attenzione alle informazioni negative.

Gli individui ansiosi si orientano rapidamente verso segnali negativi, quindi i titoli minacciosi catturano rapidamente l’attenzione e trovano difficile disimpegnarsi una volta che stanno leggendo informazioni negative.

Questo schema può rafforzare la sensazione degli individui ansiosi che il mondo sia un luogo pericoloso e devono essere particolarmente vigili per i segnali di pericolo, il che ovviamente può portare a più doomscrolling in un ciclo infinito di monitoraggio della minaccia e cercando di trovare risposte alle domande quando quelle risposte non esistono realmente.

D. In che modo il doomscrolling influisce sulla salute mentale?

R. Non c’è niente di sbagliato nel cercare informazioni e rimanere informati, ma quando una persona viene sorpresa per ore e ore a leggere storie negative, può dare un senso esagerato di minaccia e aumentare i sentimenti di pericolo e vulnerabilità.

Sappiamo, ad esempio, da periodi passati di traumi e crisi che le persone che si dedicano a un uso prolungato dei media legato al trauma hanno maggiori probabilità di sviluppare successivamente problemi di salute mentale, come disturbo da stress post-traumatico, ansia e disturbi depressivi, rispetto agli individui che pongono limiti al loro consumo negativo dei media.

Tuttavia, è importante distinguere tra doomscrolling e altri social media e consumo di notizie. Trascorrere del tempo online ha fornito alle persone un modo importante per rimanere almeno virtualmente in contatto quando non sono in grado di connettersi fisicamente. Anche se non vorremmo che i bambini o chiunque altro trascorresse l’intera giornata sui social media, la ricerca suggerisce che non esiste un’associazione forte e affidabile tra il trascorrere del tempo sui social media e la salute mentale negativa.

Piuttosto, dipende dal ruolo che sta giocando per la persona: se il tempo sui social media genera molta invidia o ansia, probabilmente non è utile, ma se supporta le connessioni e aiuta una persona a raccogliere informazioni affidabili ed equilibrate, può svolgere una funzione positiva. Quindi, può essere utile monitorare come voi (oi vostri familiari) vi sentite dopo aver trascorso del tempo online e tenere traccia dell’impatto che ha sul vostro umore.

L’altro grande problema da considerare legato all’impatto negativo del doomscrolling o dell’uso di altri social media è ciò che le attività apprezzate e salutari non si svolgono a causa del lungo tempo online.

Uscire, fare esercizio, parlare con gli altri e dormire bene sono tutti elementi molto importanti in questo momento, poiché le nostre normali routine sono state così interrotte. Pertanto, è fondamentale che il tempo trascorso online non ci impedisca di soddisfare quelle altre esigenze che ci aiutano a gestire la nostra salute mentale.

D. Il defunto filosofo Marshall McLuhan, che ha pubblicato studi fondamentali su come i media influenzano la società e la cultura, ha detto che se si danno troppe informazioni alle persone, si ricorre al riconoscimento di schemi. Quella teoria è in gioco qui? Quali sono le conseguenze di essere eccessivamente informati?

R. Parte del problema è essere informati in modo selettivo e non avere le informazioni che corrispondono alle esigenze della situazione. Epidemiologi e specialisti in malattie infettive probabilmente non possono essere “eccessivamente informati” in questo momento!

Hanno bisogno di ampie informazioni per svolgere il loro lavoro in modo efficace e, si spera, si occupano di informazioni positive e negative e utilizzano criteri oggettivi per valutare la qualità e l’affidabilità delle informazioni che consumano.

Ciò differisce nettamente dal doomscrolling, in cui una persona si concentra selettivamente su storie negative e su informazioni in eccesso che suggeriscono una possibile minaccia senza contestualizzare le informazioni e avere una prospettiva equilibrata.

Il riconoscimento del modello si lega all’euristica o agli schemi che utilizziamo per elaborare rapidamente le informazioni. Sebbene utili, possono facilmente influenzarci per classificare rapidamente le informazioni senza apprezzarne le sfumature.

Ad esempio, un post che menziona un possibile effetto collaterale di un vaccino viene aggiunto quasi istantaneamente al mucchio mentale “il mondo è pericoloso”, senza considerare che la minaccia può essere estremamente minima data la rara insorgenza dell’effetto collaterale.

D. Come possono le persone fermare il doomscrolling? Ci sono strategie di coping che puoi suggerire?

R. Incoraggio le persone che sono preoccupate per il fatto che stiano scorrendo il destino a tenere traccia sia del tempo che trascorrono online leggendo notizie e post spaventosi e inquietanti, sia dell’impatto che il tempo sta avendo sul loro umore (ad es. e rabbia) e dormire. Quindi imposta alcune linee guida chiare da provare.

Ad esempio, possono decidere di controllare le notizie ei social media per 20-30 minuti al mattino e 20-30 minuti dopo il lavoro / scuola, ma tenerli chiusi in altri momenti. Possono anche decidere di non controllare oltre una certa ora la sera in modo da non disturbare il sonno facendoli preoccupare.

Le persone possono provare queste strategie per una settimana e vedere se il loro umore e il sonno migliorano. Non c’è una regola magica da seguire: è probabile che siano necessari alcuni tentativi ed errori per capire cosa funzionerà per ogni persona, quindi monitorare l’impatto delle diverse strategie è utile.

La vista inquietante di campi da gioco vuoti, scaffali di generi alimentari e scuole serve da costante promemoria della ritrovata presenza nella nostra vita quotidiana: COVID-19. Lo scorrimento tra le piattaforme dei social media ha lo stesso effetto. Una sequenza infinita di post che riguardano il nuovo coronavirus ingombra i nostri fili.

Anche con i tentativi di moderare l’uso o filtrare i contenuti, la presenza incombente di COVID-19 rimane. Sebbene a volte i social media possano essere mentalmente faticosi, hanno e continuano a essere una risorsa inestimabile per condividere informazioni e fornire contenuti basati su prove online. Tuttavia, tentare di mantenere la rilevanza per il Canadian Journal of Public Health (CJPH) durante questi periodi si è rivelato difficile.

COVID-19 ha influenzato il nostro uso della tecnologia. Non solo siamo stati costretti online a completare la maggior parte del nostro lavoro, ma il distacco fisico significa che le nostre vite sociali si sono spostate online per trovare interazioni condivise. Molte organizzazioni hanno sfruttato questa presenza online modificando il loro materiale promozionale per incorporare COVID-19 o contenuti correlati. Abbiamo guidato gli account CJPH nella stessa direzione.

Avendo recentemente assunto il ruolo di assistente del Social Media Associate Editor, è stato incoraggiante vedere l’impatto di una presenza impegnata sui social media. Tuttavia, COVID-19 ha interrotto la nostra formazione standard di post, contrassegnata da un numero in diminuzione di impressioni e impegni.

Il social media CJPH mira a coinvolgere i nostri follower affinché fungano da hub di informazioni rilevanti (Fuller e Potvin 2020). Durante questo periodo, era evidente che avremmo potuto adattarci per soddisfare l’appetito per il materiale COVID-19 o pubblicare materiale che sembrava irrilevante. Abbiamo deciso di sfruttare il nuovo potenziale delle nostre piattaforme di social media appoggiandoci alla pandemia.

Prima di COVID-19, c’era un’enfasi sulla promozione di articoli Online First. Questi post sono stati sostituiti da due categorie separate: in primo piano il ricercatore COVID-19 della settimana e le precedenti pubblicazioni CJPH con un tema di malattie infettive. I ricercatori della settimana sono stati selezionati dall’elenco dei progetti COVID-19 finanziati dal governo canadese. I post hanno evidenziato i loro contributi e le precedenti pubblicazioni CJPH. Allo stesso modo, abbiamo recuperato pubblicazioni precedenti che contenevano contenuti di malattie pandemiche o infettive per fornire una distrazione rilevante. CJPH ha recentemente rivelato una sezione speciale su COVID-19, creando quindi una casa per i contributi relativi a COVID-19.

Le pandemie sembrano avere una firma specifica; una caratteristica duratura che è separata dalla devastazione della morbilità e mortalità associate. Nel corso dell’attuale pandemia, informazioni abbinate a disinformazione, voci e teorie del complotto sono state rapidamente diffuse attraverso i social media.

Ad esempio, affermazioni secondo cui le persone possono essere protette o curate dal COVID-19 consumando alcol, idrossiclorochina o aggiungendo peperoncini ai pasti (WHO nd). Affrontare l’ulteriore pandemia di panico sui social media ha accompagnato l’utilizzo di misure di salute pubblica per controllare la trasmissione del nuovo coronavirus (Depoux et al.2020).

Distinguere tra informazioni accurate e imprecise diffuse attraverso i social media può essere difficile. Questa diffusione di propaganda fuorviante porta a paura, ansia e confusione (Rosenberg et al.2020). Fortunatamente, ci sono molti vantaggi in queste piattaforme. I social media possono essere sfruttati e utilizzati come strumento per comunicare misure di salute pubblica.

Il compito di fornire al pubblico aggiornamenti quotidiani su casi attivi, strategie di prevenzione e restrizioni mira ad aumentare la consapevolezza della popolazione generale (Gao et al.2020).

I social media facilitano anche gli scambi nella comunità della salute pubblica consentendo ulteriori comunicazioni e connessioni (Fuller e Potvin 2020). Insieme, questa comunità di salute pubblica può aiutare a promuovere informazioni accurate e combattere la disinformazione a livello locale, nazionale e internazionale (Rosenberg et al.2020).

COVID-19 ha portato difficoltà e nuove sfide per molti. Nonostante l’incertezza derivante dall’incontro con una nuova malattia, il lavoro della sanità pubblica è stato più importante che mai. COVID-19 ha portato la salute pubblica agli occhi del pubblico, richiedendo leadership, guida e ricerca impegnate. I recenti riflettori portano nuove aspettative insieme a giornate lavorative senza fine.

La comunità della sanità pubblica ha accettato il compito da svolgere pur sopportando le stesse preoccupazioni per la salute della propria famiglia e dei propri amici. Per quelli di noi che cercano di continuare a promuovere il lavoro eccezionale di questa comunità di salute pubblica, siamo tenuti a rimanere flessibili per fornire ai seguaci materiale affidabile e pertinente. COVID-19 rimarrà alla nostra presenza per il futuro imprevedibile; dobbiamo continuare a rimanere connessi, impegnati e informati.

link di riferimento: https: //www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7342550/

Fonte: Università della Virginia

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.