COVID-19: il vaccino Pfizer protegge dalla variante indiana

0
127

Il vaccino Pfizer è leggermente meno efficace ma sembra comunque proteggere dal ceppo indiano più trasmissibile del virus che causa il COVID-19, secondo uno studio dell’Istituto Pasteur francese.

“Nonostante l’efficacia leggermente ridotta, il vaccino Pfizer probabilmente protegge” contro la variante indiana, secondo i risultati dei test di laboratorio, ha affermato Olivier Schwartz, direttore dell’istituto e coautore dello studio che è stato pubblicato sul sito Web BioRxiv prima della revisione tra pari.

Lo studio ha campionato 28 operatori sanitari nella città di Orleans. Sedici di loro avevano ricevuto due dosi del vaccino Pfizer, mentre 12 avevano ricevuto una dose del vaccino AstraZeneca.

Le persone che avevano ricevuto due dosi di Pfizer hanno visto una riduzione di tre volte dei loro anticorpi contro la variante indiana, B.1.617, secondo lo studio, ma erano ancora protette.

“La situazione era diversa con il vaccino AstraZeneca, che ha indotto livelli particolarmente bassi di anticorpi neutralizzanti” la variante indiana, afferma lo studio.

I pazienti che avevano avuto COVID-19 nell’ultimo anno e le persone vaccinate con due dosi di Pfizer conservavano abbastanza anticorpi per essere protetti contro la variante indiana, ma da tre a sei volte meno anticorpi rispetto alla variante britannica, ha affermato Schwartz.

Lo studio mostra che “questa variante .. ha acquisito una resistenza parziale agli anticorpi”, ha detto Schwartz.

Da quando è emerso per la prima volta alla fine del 2019 in Cina, il virus SARS-CoV-2 che causa il COVID-19 ha sviluppato diverse varianti , solitamente denominate per i luoghi in cui è apparso per la prima volta, inclusi i cosiddetti ceppi del Sudafrica e del Regno Unito.

La variante rilevata per la prima volta in India sembra essere molto più trasmissibile rispetto alle varianti precedenti.

Ora è stato registrato ufficialmente in 53 territori, secondo un rapporto dell’Organizzazione mondiale della sanità.

Per cercare di arginare la sua diffusione, Francia e Germania hanno reintrodotto regole più severe sugli arrivi dai paesi colpiti, compreso il Regno Unito.


SARS-CoV-2 ha causato una devastante pandemia globale. La recente comparsa di varianti di SARS-CoV-2 che sono meno sensibili alla neutralizzazione da parte di sieri convalescenti o risposte anticorpali neutralizzanti indotte dal vaccino ha sollevato preoccupazioni. Una seconda ondata di infezioni da SARS-CoV-2 in India sta portando all’espansione delle varianti di SARS-CoV-2.

La variante B.1.617.1 si è rapidamente diffusa in tutta l’India e in diversi paesi del mondo. In questo studio, utilizzando un test del virus vivo, descriviamo la risposta anticorpale neutralizzante alla variante B.1.617.1 nel siero di individui infetti e vaccinati.

Abbiamo scoperto che la variante B.1.617.1 è 6,8 volte più resistente alla neutralizzazione da parte dei sieri di soggetti vaccinati COVID-19 convalescenti e Moderna e Pfizer. Nonostante ciò, la maggior parte dei sieri di individui convalescenti e tutti i sieri di individui vaccinati erano ancora in grado di neutralizzare la variante B.1.617.1.

Ciò suggerisce che l’immunità protettiva dei vaccini mRNA testati qui è probabilmente mantenuta contro la variante B.1.617.1. Poiché la variante B.1.617.1 continua ad evolversi, sarà importante monitorare come ulteriori mutazioni all’interno dello spike influenzino la resistenza anticorpale, la trasmissione virale e l’efficacia del vaccino.

SARS-CoV-2 ha causato una devastante pandemia globale. La recente comparsa di varianti di SARS-CoV-2 che sono meno sensibili alla neutralizzazione da parte dei sieri convalescenti o delle risposte anticorpali neutralizzanti indotte dal vaccino ha sollevato preoccupazioni1,2. Una seconda ondata di infezioni da SARS-CoV-2 in India sta portando all’espansione delle varianti di SARS-CoV-2.

Queste varianti contengono mutazioni che si verificano all’interno della proteina spike che sono note per aumentare la resistenza alla neutralizzazione anticorpale3. La variante B.1.617.1 è stata identificata per la prima volta in India e si è rapidamente diffusa in tutta l’India e in diversi paesi in tutto il mondo.

In questo studio, utilizzando un test del virus vivo, descriviamo la risposta anticorpale neutralizzante alla variante B.1.617.1 nel siero di individui infetti e vaccinati.

Il B.1.617.1 è stato isolato da un tampone di turbinato medio residuo di un paziente a Stanford, in California, nel marzo 2021 (hCoV-19/USA/CA-Stanford-15_S02/2021). Relativamente al virus WA1/2020 (nCoV/USA_WA1/2020), la variante B.1.617.1 contiene diverse mutazioni all’interno della proteina spike, incluso all’interno del supersito antigenico N-terminale (G142D e E154K)4, il dominio di legame del recettore ( L452R e E484Q) e all’interno del sito di scissione della furina polibasica al confine S1/S2 (P681R).

Qui, abbiamo utilizzato un test di neutralizzazione della riduzione del fuoco del virus vivo (FRNT)5 per confrontare la risposta anticorpale neutralizzante nel siero di 24 individui COVID-19 convalescenti (31-91 giorni dopo l’insorgenza dei sintomi)1, 15 individui vaccinati con mRNA-1273 (35- 51 giorni dopo la seconda dose) e 10 individui vaccinati con BNT162b2 (7-27 giorni dopo la seconda dose).

Tra campioni di individui infetti e vaccinati, tutti gli individui hanno mostrato titoli di neutralizzazione ridotti contro la variante B.1.617.1. Nei campioni di sieri convalescenti, i titoli della media geometrica FRNT50 (GMT) erano 514 per WA1/2020 (IC 95%, da 358 a 740) e 79 per B.1.617,1 (IC 95%, da 49 a 128) e 5 campioni non erano rilevabili rispetto alla variante B.1.617.1.

Tra i campioni di siero vaccinato con mRNA-1273, i GMT erano 1332 per WA1/2020 (IC 95%, da 905 a 1958) e 190 per B.1.617,1 (IC 95%, da 131 a 274). Nei campioni di siero vaccinato con BNT162b2, i GMT erano 1176 per WA1/2020 (IC 95%, da 759 a 1824) e 164 per B.1.617,1 (IC 95%, da 104 a 258). Tra i tre gruppi campione, i GMT FRNT50 per B.1.617.1 erano statisticamente significativamente inferiori al ceppo WA1/2020.

I nostri risultati mostrano che la variante B.1.617.1 è 6,8 volte meno suscettibile alla neutralizzazione da parte dei sieri di infezione e di individui vaccinati. Nonostante ciò, la maggioranza dei sieri di individui convalescenti (79%; 19/24 campioni) e tutti i sieri di individui vaccinati erano ancora in grado di neutralizzare la variante B.1.617.1.

Ciò suggerisce che l’immunità protettiva dei vaccini mRNA testati qui è probabilmente mantenuta contro la variante B.1.617.1. Poiché la variante B.1.617.1 continua ad evolversi, sarà importante monitorare come ulteriori mutazioni all’interno dello spike influenzino la resistenza anticorpale, la trasmissione virale e l’efficacia del vaccino.

I dati delle seguenti coorti sono mostrati dall’infezione naturale: 24 individui convalescenti COVID-19 (31-91 giorni dopo l’insorgenza dei sintomi, pannello A), Moderna (mRNA-1273) vaccinati: 15 individui (35-51 giorni dopo la 2a dose, pannello B), e Pfizer-BioNTech (BNT162b2) vaccinati: 10 individui (7-27 giorni dopo la 2a dose, pannello C). Nei pannelli AC, sono mostrati i GMT FRNT50 per WA1 / 2020 e B.1.617.1. Le linee di collegamento tra WA1 / 2020 e B.1.617.1 rappresentano campioni di siero abbinati. Le linee tratteggiate orizzontali lungo l’asse X indicano il limite di rilevamento (FRNT50 GMT= 20). La normalità dei dati è stata determinata utilizzando il test di normalità di Shapiro Wilk. L’analisi non parametrica a coppie per i titoli di neutralizzazione è stata eseguita mediante il test dei ranghi con segno di Wilcoxon per coppie appaiate. **p<0.01; ****p<0,0001

link di riferimento: https://www.biorxiv.org/content/10.1101/2021.05.09.443299v1.full


Maggiori informazioni:  Delphine Planas et al, Ridotta sensibilità della variante infettiva SARS-CoV-2 B.1.617.2 agli anticorpi monoclonali e ai sieri di individui convalescenti e vaccinati,  BioRxiv  (2021). DOI: 10.1101/2021.05.26.445838

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.