La cefarantina con Nelfinavir può curare il COVID-19

0
170

Il COVID-19 continua a mietere vittime in tutto il mondo e ne sta infettando altri milioni. Sebbene di recente siano stati resi disponibili diversi vaccini, facendo passi da gigante verso la prevenzione del COVID-19, che dire del trattamento di coloro che hanno già l’infezione?

I vaccini non sono efficaci al 100%, il che evidenzia la necessità, ora più che mai, di terapie antivirali efficaci. Inoltre, alcune persone non possono ricevere vaccini a causa di problemi di salute e vengono segnalate nuove varianti di SARS-CoV-2, il virus che causa COVID-19, che può penetrare l’immunità conferita dal vaccino, indicando che dobbiamo pensare oltre la prevenzione.

Data questa necessità, un team di ricercatori con sede in Giappone, Stati Uniti e Regno Unito ha lanciato un progetto per sviluppare terapie efficaci.

Questo team includeva diversi ricercatori con sede presso l’Università delle Scienze di Tokyo: il Professor Koichi Watashi, il Dr. Hirofumi Ohashi, il Professor Shin Aoki, il Professor Kouji Kuramochi e l’Assistente Professor Tomohiro Tanaka. Il loro obiettivo era chiaro e semplice: trovare una cura per il COVID-19.

Per raggiungere questo obiettivo, i ricercatori hanno prima stabilito un sistema sperimentale per lo screening dei farmaci che possono aiutare a controllare le infezioni. Questo sistema utilizzava un tipo di cellule chiamate cellule VeroE6/TMPRSS2, che sono state manipolate per essere infettate in modo efficiente e produrre SARS-CoV-2.

“Per determinare se un farmaco di interesse potesse aiutare a combattere l’infezione da SARS-CoV-2, abbiamo semplicemente dovuto esporre le cellule VeroE6/TMPRSS2 sia al farmaco che a SARS-CoV-2 e quindi osservare se la presenza del farmaco servisse a ostacolare la diffusione del virus. sforzi per infettare le cellule”, spiega il professor Watashi.

I ricercatori hanno utilizzato questo sistema sperimentale per esaminare un gruppo di farmaci già approvati per l’uso clinico, inclusi farmaci come remdesivir e clorochina che sono già stati approvati o sono in fase di sperimentazione come trattamenti per COVID-19.

In un risultato entusiasmante, i ricercatori hanno trovato due farmaci che hanno fornito un’efficace soppressione del SARS-CoV-2: cepharanthine, che è usato per trattare l’infiammazione, e nelfinavir, che è approvato per il trattamento dell’infezione da HIV.

Cepharanthine ha inibito l’ingresso del virus nelle cellule impedendo al virus di legarsi a una proteina sulla membrana cellulare, che utilizza come gateway. Al contrario, nelfinavir ha funzionato per impedire al virus di replicarsi all’interno della cellula inibendo una proteina su cui il virus fa affidamento per la replicazione.

Dato che questi farmaci hanno meccanismi antivirali distinti, l’utilizzo di entrambi insieme potrebbe essere particolarmente efficace per i pazienti, con modelli computazionali che prevedono che la terapia combinata cepharanthine/nelfinavir può accelerare l’eliminazione di SARS-CoV-2 dai polmoni di un paziente di appena 4,9. giorni.

Quindi, questo significa che vedremo questi nuovi farmaci nei centri di trattamento COVID-19?

Ovviamente, il duo di farmaci non è ancora pronto per essere introdotto nei sistemi sanitari. Questi risultati giustificano ulteriori ricerche sul potenziale clinico della terapia con cepharanthine/nelfinavir e solo a seguito di ciò possiamo dire con certezza che è utile e utile.

Tuttavia, data la natura in corso della pandemia di COVID-19 e il sempre crescente numero di morti, lo sviluppo della terapia con cepharanthine/nelfinavir può fornire a medici e pazienti una nuova opzione di trattamento tanto necessaria.


Dall’inizio della pandemia di COVID-19, sono state messe in atto diverse strategie per affrontare il virus. Uno di questi consiste nel riutilizzo della droga. Con questa strategia, è stata suggerita l’emergere di farmaci commercializzati con potenziale terapeutico per il trattamento di COVID-19. Tale è il caso di cepharanthine, nelfinavir e idrossiclorochina.

Cepharanthine è un alcaloide biscoclaurino, attualmente utilizzato per la gestione della leucopenia indotta da radiazioni, alopecia, porpora trombocitopenica idiopatica, catarro dell’orecchio medio. Possiede proprietà antinfiammatorie, antiossidanti, immunomodulanti e antivirali15.

Studi indipendenti hanno dimostrato il potenziale uso di cepharanthine per il trattamento della SARS-COV-2 a causa della loro potente attività antivirale16,17,18, che interferisce con il legame Spike-ACE2 eludendo l’ingresso virale nelle cellule ospiti19, 20. L’idrossiclorochina viene utilizzata per trattare la malaria, l’artrite reumatoide, il lupus eritematoso discoide cronico e il lupus eritematoso sistemico21.

Le proprietà antivirali in vitro contro SARS-CoV-2 dell’idrossiclorochina attirano l’attenzione, suggerendo un possibile ruolo come trattamento per SARS-CoV-222. A questo proposito, l’attività inibitoria in vitro dell’idrossiclorochina è stata dimostrata contro SARS-CoV-2, con diversi meccanismi d’azione, come il blocco dei recettori dell’acido sialico, la prevenzione della tempesta di citochine, l’aumento del pH endosomiale e l’influenza della glicosilazione terminale ACE-2 che porta al legame del virus. evasione23,24,25.

Attualmente, l’idrossiclorochina viene ancora somministrata per il trattamento del COVID-19 in tutto il mondo, ma stanno ancora emergendo le prove cliniche della sua efficacia terapeutica; vi sono evidenze cliniche contraddittorie, alcuni studi supportano l’efficacia terapeutica mentre in altri non sono stati osservati miglioramenti significativi26, 27.

Pertanto, sono ancora in corso diversi studi a diversi livelli per spiegare l’attività dell’idrossiclorochina, un approccio è l’uso di studi in silico, tra cui è stata suggerita la possibile interazione dell’idrossiclorochina con la proteina Spike, in particolare con il dominio RBD20, 28, 29.

Il nelfinavir è attualmente utilizzato come farmaco anti-HIV con attività di inibitore della proteasi, diversi studi suggeriscono che inibisce la replicazione di SARS-CoV30, 31.

Inoltre, Musarrat et al., hanno riferito che sopprime la cellula-cellula mediata da spike SARS-CoV-2 fusione a intervalli micromolari, oltre al docking molecolare ha suggerito che potrebbe interagire con la regione HR132.

collegamento di riferimento: https://www.nature.com/articles/s41598-021-84053-8


Ulteriori informazioni:  Hirofumi Ohashi et al, Potenziali agenti anti-COVID-19, cepharanthine e nelfinavir e il loro utilizzo per il trattamento combinato,  iScience  (2021). DOI: 10.1016/j.isci.2021.102367

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.