COVID-19: le potenziali attività anti-coronavirus di una bevanda da banco chiamata Respiratory Detox Shot (RDS)

0
81

Un “colpo” di salute da banco potrebbe aiutare a combattere il COVID-19?

I ricercatori della George Mason University pensano che potrebbe farlo.

Cell and Bioscience ha recentemente evidenziato la ricerca condotta da Yuntao Wu e Ramin Hakami in cui hanno esaminato le potenziali attività anti-coronavirus di una bevanda da banco chiamata Respiratory Detox Shot (RDS).

RDS è un rimedio contenente nove ingredienti erboristici tradizionalmente utilizzati nella medicina orientale per gestire le malattie polmonari. I ricercatori hanno riferito che l’RDS ha inibito l’infezione delle cellule bersaglio da pseudovirus SARS-CoV e SARS-CoV-2 e da SARS-CoV-2 di tipo selvaggio infettivo.

I loro risultati suggeriscono che l’RDS potrebbe inibire ampiamente i virus respiratori, come l’influenza.

SARS-CoV è l’agente patogeno virale che causa la sindrome respiratoria acuta grave (SARS) e il suo virus gemello, SARS-CoV-2, è l’agente patogeno che causa il COVID-19. La pandemia globale di COVID-19 è al centro dell’attenzione dei ricercatori di tutto il mondo.

Sebbene siano stati sviluppati vaccini efficaci, è ancora necessario sviluppare trattamenti efficaci. In particolare, stanno emergendo continuamente nuove varianti del virus e alcune di queste varianti potrebbero rendere i vaccini meno efficaci.

Ramin Hakami, professore associato presso la Mason’s School of Systems Biology e uno degli autori dello studio, ha affermato che il fatto che l’RDS sia un integratore alimentare potabile è utile.

“Se si dimostra efficace in vivo, dovrebbe essere un trattamento per COVID- 19 facile da somministrare”, ha affermato Hakami, che lavora anche presso il Centro nazionale di difesa biologica e malattie infettive di Mason. “Questo è un grande vantaggio.”

Per il loro studio, i ricercatori di Hakami, Wu e Mason Brian Hetrick, Adeyemi A. Olanrewaju, Linda D. Chillin, Sijia He e Deemah Debbagh hanno lavorato con Dongyang Yu di Virongy LLC, Yuan-Chun Ma di Dr. Ma’s Laboratories Inc., e Lewis A. Hoffman dell’Organizzazione mondiale delle scienze della sanità.

Il team ha esaminato estratti di circa 40 erbe medicinali utilizzando uno pseudovirus SARS-CoV-2 e cellule polmonari umane. Hanno anche esaminato la possibile attività anti-SARS-CoV-2 di RDS.

Per lo studio, hanno pretrattato le cellule con RDS diluito e poi hanno infettato le cellule in presenza di RDS per quattro-sei ore. Dopo l’infezione, hanno coltivato le cellule in assenza di RDS e poi hanno quantificato le cellule per determinare se l’infezione virale fosse inibita a 48 e 72 ore.

Successivamente, i ricercatori hanno utilizzato il laboratorio di ricerca biomedica presso il Mason’s Science and Technology Campus per confermare l’efficacia in vitro dell’RDS contro il virus infettivo SARS-CoV-2.

Lo studio ha rivelato che l’RDS contiene ingredienti molto potenti che possono distruggere l’infettività di SARS-CoV, SARS-CoV-2 e del virus dell’influenza A, anche a dosaggi molto bassi, ha affermato Wu, professore presso il Centro nazionale di difesa biologica e malattie infettive di Mason. e un coautore dello studio. Inoltre, i ricercatori hanno dimostrato che l’RDS è efficace contro le varianti SARS-CoV-2 in vitro.

Hetrick, un dottorato di ricerca. studente di bioscienze che lavora allo studio, ha affermato che la scoperta è stata una felice sorpresa per lui. Sarebbe fantastico se in futuro fossero disponibili farmaci a base di erbe sicuri ed efficaci per la gestione di COVID-19.

Hakami sta attualmente conducendo studi su animali in vivo per basarsi sulla scoperta in vitro che l’RDS può essere usato come trattamento per SARS-CoV-2. Sta testando l’RDS utilizzando topi transgenici K18-hACE2 che saranno infettati da SARS-CoV-2. A seconda dei risultati, Dejia Harmony, lo sponsor della suddetta sperimentazione preclinica, potrebbe richiedere l’approvazione della FDA per iniziare le sperimentazioni cliniche sull’uomo.

“Questo studio indica la possibilità di utilizzare una bevanda a base di erbe da banco prontamente disponibile per fornire protezione contro le infezioni da SARS-CoV-2 e influenza A”, ha affermato Ali Andalibi, decano associato senior del Mason’s College of Science. “Sarà anche molto interessante vedere se l’RDS mostra attività contro altri virus respiratori”.


Dal punto di vista della medicina tradizionale cinese (MTC), il COVID-19 può essere considerato una “peste”. La MTC ha svolto un ruolo essenziale nella prevenzione e nel controllo delle piaghe in Cina. Nel corso della storia della lotta alle piaghe, la MTC ha gradualmente forgiato un sistema unico e completo con un’esperienza inestimabile a livello teorico e pratico di trattamento.

Nella storia recente, la MTC ha fornito trattamenti alternativi per la prevenzione e il controllo efficaci di nuove infezioni acute del tratto respiratorio in tutto il mondo [7], [8]. Attualmente, l’integrazione di MTC e medicina allopatica ha costituito la strategia di trattamento dominante in tutte le aree colpite da COVID-19 in tutta la Cina [9].

La Formula No. 1 (lling) di dissipazione della tossina polmonare, denominata Respiratory Detox Shot (RDS), si basa sulla teoria delle proprietà medicinali della MTC, sulla prescrizione classica della MTC e sulla pratica clinica.

Ci sono nove ingredienti della MTC in RDS:

  • Schizonepetae Herba (Jingjie),
  • Lonicera japonica fiore (Jinyinhua)
  • Frutti di Forsythiae (Lianqiao)
  • Scrophulariae Radix (Xuanshen),
  • Gleditsiae Spina (Zaojiaoci),
  • Semi di albicocca amara (Kuxingren)
  • Nidus Vespae (Fengfang),
  • Glycyrrhizae Radix et Rhizoma (Gancao),
  • Ginseng Radix et Rhizoma (Renshen).

I nove ingredienti della medicina tradizionale cinese in questa ricetta sono stati usati insieme come una formula a base di erbe nella pratica clinica per più di un decennio e sono stati efficaci per la prevenzione e il trattamento delle infezioni acute del tratto respiratorio, così come del comune raffreddore e dell’influenza.

Negli ultimi mesi sono stati condotti studi clinici sull’RDS per valutarne l’efficacia in pazienti con polmonite COVID-19 grave/critica, scoprendo che l’RDS ha un valore terapeutico e non si osservano effetti collaterali [10]. Inoltre, otto dei nove ingredienti di RDS sono di origine vegetale; l’altro ingrediente è il favo.

Tutti e nove gli ingredienti sono approvati come integratori alimentari dalla Food and Drug Administration degli Stati Uniti, il che indica che il loro uso a lungo termine è considerato sicuro negli Stati Uniti. RDS ha benefici terapeutici sia nella prevenzione delle malattie che nel trattamento contro il COVID-19; questi benefici possono avere un significato globale [10].

La MTC presenta vantaggi sostanziali nel trattamento di malattie complicate e gravi e ha un forte supporto clinico, ma è ancora considerata una medicina alternativa o complementare, principalmente a causa del fatto che non vengono identificati i costituenti biochimicamente attivi specifici delle sue prescrizioni o i loro meccanismi d’azione.

Il problema critico della pandemia di COVID-19 richiede nuove strategie che vadano oltre i trattamenti antivirali convenzionali [8], [11], [12], [13]. Per comprendere e promuovere meglio l’uso clinico della RDS a livello globale, questo studio indaga importanti costituenti biochimici presenti nella formula e i processi biologici che possono avere effetto, suscitando gli effetti terapeutici della RDS.

Anche se i limiti tecnologici nella ricerca sui farmaci sono stati ridotti nel tempo, esistono ancora sfide nello studio dei costituenti biochimicamente attivi presenti nelle prescrizioni di MTC e dei loro meccanismi d’azione. Le prescrizioni di MTC presentano un sistema chimico complesso, composto da più erbe MTC.

La natura complessa della MTC rende difficile studiare l’azione della prescrizione completa attraverso l’approccio riduzionista adottato nella ricerca medica contemporanea, che raccomanderebbe di separare i singoli ingredienti a base di erbe e potenziali bersagli nel processo di indagine [14], [15].

Nell’era delle tecnologie -omiche, una grande quantità di dati è diventata disponibile e in alcuni filoni di ricerca, l’attenzione si è spostata dal classico “riduzionista dei farmaci” al nuovo approccio basato sul sistema “olistico dei farmaci” [16 ]. La farmacologia di rete è una branca della biologia dei sistemi, che esplora la correlazione tra farmaci e malattie da una prospettiva globale; ciò è coerente con la visione olistica, l’approccio sistematico e il principio di compatibilità della MTC [17], [18], [19].

La struttura della proteasi simile alla 3-chimotripsina (3CLpro) è stata determinata dopo l’insorgenza della sindrome respiratoria acuta grave (SARS) [20], [21]. È la principale proteasi che scinde le poliproteine ​​dell’ospite in proteine ​​​​correlate alla replicazione virale ed è altamente conservata in tutta la famiglia dei coronavirus, tra cui il coronavirus SARS 2 (SARS-CoV-2), il coronavirus SARS (SARS-CoV) e il coronavirus della sindrome respiratoria mediorientale [22].

Pertanto, è un obiettivo importante per la progettazione di potenziali inibitori anti-coronavirus [23]. Un approccio efficiente utilizzato per schermare potenziali composti attivi contro specifiche proteine ​​bersaglio, come 3CLpro, è la simulazione di docking molecolare [22], [23], [24], [25]. È un approccio universale ed efficiente nella progettazione e nella scoperta di farmaci moderni.

Il presente studio è progettato sulla base del successo dell’analisi di rete. È stata stabilita una rete di interazioni tra ciascuna MTC nella formula RDS, il loro tropismo meridiano, la composizione chimica e le potenziali proteine ​​bersaglio per studiare i possibili percorsi d’azione. 

Questo approccio aiuta a prevedere i costituenti biochimicamente attivi di questa prescrizione di MTC; fornisce anche un modo per sviluppare una comprensione approfondita di come funziona un sistema farmacologico complesso per trattare una malattia complessa. È un’importante strategia di ricerca per comprendere il possibile meccanismo di intervento di RDS su COVID-19 dal punto di vista delle reti biologiche e molecolari.

Questa conoscenza potrebbe aiutare a sviluppare uno schema di prevenzione e trattamento precoce per gestire la polmonite da COVID-19. In questo studio, è stata valutata la capacità dei costituenti attivi di RDS di legarsi a SARS-CoV-2 3CLpro (6LU7) utilizzando il riconoscimento di pattern computazionale per testare la probabilità di docking molecolare. 

Infine, i costituenti chimici presenti in RDS sono stati testati contro i presunti costituenti biochimicamente attivi identificati in questo studio mediante cromatografia liquida ad altissima prestazione (UPLC), accoppiata con spettrometria di massa tandem in modalità di analisi indipendente dai dati (MSE) con metodi non mirati e mirati. approcci. 

Attraverso gli studi di cui sopra, sono stati identificati i costituenti biochimicamente attivi della formula RDS e le loro probabili vie d’azione.

collegamento di riferimento: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7195604/


Maggiori informazioni:  Brian Hetrick et al, Una medicina tradizionale, iniezione di disintossicazione respiratoria (RDS), inibisce l’infezione di SARS-CoV, SARS-CoV-2 e il virus dell’influenza A in vitro,  Cell & Bioscience  (2021). DOI: 10.1186/s13578-021-00609-1

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.