Gli adolescenti ricoverati per disturbi alimentari sono aumentati significativamente durante la pandemia di COVID-19

0
58

Il numero di adolescenti ricoverati in ospedale per gravi malattie dovute a disturbi alimentari è aumentato significativamente durante la pandemia di COVID-19, suggerisce una nuova ricerca.

In un centro, il numero di ricoveri ospedalieri tra gli adolescenti con disturbi alimentari è più che raddoppiato durante i primi 12 mesi della pandemia, secondo lo studio che appare in una pre-pubblicazione di Pediatrics.

I 125 ricoveri tra i pazienti di età compresa tra 10 e 23 anni presso il Michigan Medicine in quei 12 mesi riflettono un aumento significativo rispetto agli anni precedenti, poiché i ricoveri relativi a disturbi alimentari durante lo stesso lasso di tempo tra il 2017 e il 2019 sono stati in media 56 all’anno.

“Questi risultati sottolineano quanto profondamente la pandemia abbia colpito i giovani, che hanno subito la chiusura delle scuole, la cancellazione delle attività extrascolastiche e l’isolamento sociale. I loro interi mondi sono stati capovolti durante la notte”, ha detto l’autore principale Alana Otto, MD, MPH, un medico di medicina adolescenziale presso l’ospedale CS Mott della salute dell’Università del Michigan.

“Per gli adolescenti con disturbi alimentari e quelli a rischio di disturbi alimentari, queste interruzioni significative possono aver peggiorato o innescato i sintomi”.

I risultati potrebbero essere la punta dell’iceberg

Ma i numeri potrebbero rappresentare solo una frazione di quelli con disturbi alimentari colpiti dalla pandemia, hanno detto i ricercatori, poiché includevano solo i giovani la cui grave malattia ha portato al ricovero in ospedale.

“Il nostro studio suggerisce che gli effetti negativi sulla salute mentale della pandemia potrebbero essere particolarmente profondi tra gli adolescenti con disturbi alimentari”, ha affermato Otto. “Ma i nostri dati non catturano l’intera immagine. Queste potrebbero essere stime davvero prudenti”.

Lo studio suggerisce anche che il tasso di ricoveri presso l’istituto è aumentato costantemente nel tempo durante il primo anno della pandemia. I tassi più alti di ricoveri al mese si sono verificati tra i nove e i 12 mesi dopo l’inizio della pandemia, con tassi che hanno continuato a salire quando il periodo di studio si è concluso nel marzo 2021.

I disturbi alimentari restrittivi includono l’anoressia nervosa e possono essere contrassegnati da restrizioni dietetiche, esercizio fisico eccessivo e/o spurgo per perdere peso.

La genetica, i fattori psicologici e le influenze sociali sono stati tutti collegati allo sviluppo di disturbi alimentari e gli adolescenti con bassa autostima o sintomi depressivi sono particolarmente a rischio.

I cambiamenti nella vita quotidiana degli adolescenti durante la pandemia, come la chiusura delle scuole e la cancellazione degli sport organizzati, possono anche interrompere le routine legate al mangiare e all’esercizio fisico e dare un impulso allo sviluppo di comportamenti alimentari non salutari tra coloro che sono già a rischio, Otto disse.

“Un evento stressante può portare allo sviluppo di sintomi in un giovane a rischio di disturbi alimentari”, ha detto.

“Durante la pandemia, l’assenza di routine, le interruzioni nelle attività quotidiane e il senso di perdita di controllo sono tutti possibili fattori che contribuiscono. Per molti adolescenti, quando tutto sembra fuori controllo, l’unica cosa che sentono di poter controllare è il mangiare”.

Alcuni pazienti hanno anche riferito che le limitazioni nello sport e in altre attività fisiche li hanno resi preoccupati per l’aumento di peso, portando a diete o esercizi fisici malsani. L’aumento dell’uso dei social media durante la pandemia può anche esporre i giovani a messaggi più negativi sull’immagine corporea e sul peso.

Potrebbero esserci anche collegamenti indiretti con la pandemia, ha detto Otto. Ad esempio, un adolescente con sintomi significativi di disturbi alimentari e grave malnutrizione potrebbe essere arrivato a cure mediche solo quando è tornato a vivere con i genitori dopo che il college ha chiuso inaspettatamente durante gli arresti.

Aumento della domanda ma accesso limitato alle cure

Un altro potenziale fattore potrebbe essere la cura ritardata per condizioni non COVID-19, inclusi i disturbi alimentari, e un minor numero di visite di persona come parte delle misure per ridurre i rischi di trasmissione, hanno osservato gli autori.

Gli adolescenti con disturbi alimentari possono essere particolarmente colpiti dalla ridotta disponibilità di cure di persona, ha affermato Otto. La valutazione e la gestione dei pazienti con malnutrizione richiedono generalmente la misurazione del peso e dei segni vitali e possono comportare un esame fisico completo o test di laboratorio.

Anche la riservatezza, una componente fondamentale dell’assistenza clinica per gli adolescenti, può essere limitata nei contesti virtuali.

Sebbene lo studio sia limitato dalla sua piccola dimensione del campione, arriva quando i rapporti internazionali indicano un aumento sia dei ricoveri ambulatoriali ai servizi per i disturbi alimentari di bambini e adolescenti sia dei ricoveri ospedalieri legati all’anoressia nervosa tra gli adolescenti, ha detto Otto.

“Sebbene i nostri risultati riflettano l’esperienza di una singola istituzione, sono in linea con i rapporti emergenti sul potenziale della pandemia di avere profondi effetti negativi sulla salute mentale e fisica degli adolescenti in tutto il mondo”, ha affermato Otto.

“Gli adolescenti possono essere particolarmente vulnerabili agli effetti negativi degli sconvolgimenti sociali legati alla pandemia e allo sviluppo di disturbi alimentari durante l’era COVID-19. I fornitori che si prendono cura di adolescenti e adolescenti dovrebbero essere in sintonia con questi rischi e monitorare i pazienti per segni e sintomi di un disturbo alimentare”.

Secondo lo studio, i dati demografici dei pazienti erano simili prima e durante la pandemia. Ma i pazienti ricoverati durante la pandemia di COVID-19 avevano meno probabilità di quelli ammessi prima della pandemia di avere un’assicurazione pubblica, cosa che dovrebbe essere studiata ulteriormente, hanno affermato gli autori.

Otto ha osservato che per gli adolescenti con disturbi alimentari, il ricovero medico è spesso l’inizio, non la fine, del trattamento, che può essere un lungo viaggio. Tra i maggiori ostacoli all’assistenza vi sono la carenza di fornitori qualificati e le lacune nella copertura assicurativa.

“L’accesso alle cure era già limitato prima della pandemia e ora stiamo assistendo a un aumento della domanda di questi servizi. Poiché vediamo un’ondata di giovani venire in ospedale per problemi medici urgenti legati ai disturbi alimentari, dobbiamo essere preparati a continuare a prenderci cura di loro dopo che hanno lasciato l’ospedale”, ha detto Otto.

“Spero che quando gli adolescenti saranno in grado di tornare a scuola e impegnarsi con amici e attività significative per loro, vedremo diminuire le ammissioni”, ha aggiunto. “Ma ci vuole tempo prima che questi sintomi si sviluppino e i disturbi alimentari generalmente durano mesi o anni.

“Ci aspettiamo di vedere gli effetti a valle della pandemia su adolescenti e giovani per qualche tempo”.


La pandemia di COVID-19 ha portato a cambiamenti drammatici nella vita quotidiana dei bambini. Le vaste conseguenze sociali, economiche e sulla salute mentale stanno solo iniziando a essere riconosciute e chiarite. L’aumento dell’incidenza di problemi di salute comportamentale è ampiamente riconosciuto, ma non è ampiamente apprezzato un drammatico aumento dei disturbi dell’alimentazione limitata.

I nostri otto uffici pediatrici di cure primarie si prendono cura di oltre 40.000 pazienti unici in otto siti. Abbiamo valutato pazienti unici, di età compresa tra 12 e 21 anni, che sono stati trattati per i codici diagnostici F50.∗ disturbi alimentari. Abbiamo confrontato i periodi dal 1 aprile 2019 al 31 dicembre 2019 con il periodo di pandemia COVID-19 dal 1 aprile 2020 al 31 dicembre 2020. C’è stato un raddoppio dei pazienti unici da nove nel periodo prepandemico rispetto a 19 nel periodo postpandemico, nonostante un numero totale di visite pressoché identico per questa fascia di età nei due periodi di tempo.

Ciò è coerente con un recente rapporto dall’Australia, che ha dimostrato un raddoppio dei ricoveri di adolescenti durante il loro blocco COVID-19 [[1]]. In seguito alla nostra revisione dei dati, il Royal College of Pediatrics and Child Health ha emesso un avviso pubblico ai medici e ai genitori di un aumento simile che si verifica nel Regno Unito.

Questo aumento delle visite per disturbi alimentari durante il COVID-19 evidenzia l’importanza di riconoscere l’impatto che la pandemia ha avuto sulla salute mentale e sul benessere degli adolescenti. I nostri numeri probabilmente riflettono sia una nuova diagnosi di adolescenti con disturbi alimentari durante la pandemia, sia un aumento delle visite per adolescenti a cui erano stati precedentemente diagnosticati disturbi alimentari.

La pandemia di COVID-19 ha avuto profonde ripercussioni sociali ed emotive. Non sorprende che fattori come l’isolamento sociale, l’aumento dell’uso dei social media, l’esposizione a notizie relative al COVID-19, la chiusura delle scuole e l’accesso limitato agli sport e alle attività giovanili abbiano aumentato i tassi di ansia e depressione nei nostri giovani. Poiché molti adolescenti con disturbi alimentari hanno altre comorbidità di salute mentale, è forse previsto un aumento dei disturbi alimentari [[2]].

Oltre ad aumentare l’ansia e la depressione, i disturbi alimentari possono peggiorare o essere direttamente innescati da fattori simili correlati a COVID-19 [[3]]. Gli adolescenti si trovano più dipendenti dai social media per connettersi con gli altri. Questa maggiore esposizione può avere un impatto sulle insicurezze corporee e sui modelli alimentari restrittivi [[4]]. La mancanza di accesso ai tipici supporti e routine sociali può rendere gli adolescenti più vulnerabili al peggioramento dei comportamenti dei disturbi alimentari.

Inoltre, l’assenza di un apprendimento strutturato ha contribuito a ridurre le abitudini del sonno per molti adolescenti. La mancanza di un sonno adeguato è stata associata ad un aumento del rischio di ansia e depressione e la persistenza di un sonno scarso può anche interferire con il successo del trattamento dei disturbi alimentari [[5]].

Mentre continuiamo a prenderci cura dei pazienti durante questa pandemia, è importante riconoscere che durante l’assistenza sanitaria di routine, potremmo incontrare bambini alle prese con disturbi alimentari. Raramente questi pazienti si presentano apertamente. Spesso, la diagnosi corretta viene fatta solo quando i medici approfondiscono le abitudini alimentari e l’immagine corporea.

link di riferimento: https://www.jahonline.org/article/S1054-139X(21)00099-9/fulltext


Maggiori informazioni: “Ricoveri medici tra adolescenti con disturbi alimentari durante la pandemia di COVID-19”, Pediatria, DOI: 10.1542/peds.2021-052201

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.