COVID-19: la terza dose del vaccino Pfizer potrebbe aumentare notevolmente l’immunità e forse aiutare a scongiurare l’ultima preoccupante mutazione del coronavirus

0
80

Pfizer sta per chiedere l’autorizzazione degli Stati Uniti per una terza dose del suo vaccino COVID-19, dicendo giovedì che un altro vaccino entro 12 mesi potrebbe aumentare notevolmente l’immunità e forse aiutare a scongiurare l’ultimo preoccupante mutante del coronavirus.

La ricerca di più paesi mostra che il vaccino Pfizer e altri vaccini COVID-19 ampiamente utilizzati offrono una forte protezione contro la variante delta altamente contagiosa, che si sta diffondendo rapidamente in tutto il mondo e ora rappresenta la maggior parte delle nuove infezioni negli Stati Uniti.

Due dosi della maggior parte dei vaccini sono fondamentali per sviluppare alti livelli di anticorpi anti-virus contro tutte le versioni del coronavirus, non solo la variante delta, e la maggior parte del mondo è ancora alla disperata ricerca di quelle dosi protettive iniziali mentre la pandemia continua a imperversare.

Ma gli anticorpi diminuiscono naturalmente nel tempo, quindi sono in corso anche studi per stabilire se e quando potrebbero essere necessari booster.

Giovedì, il dottor Mikael Dolsten di Pfizer ha dichiarato all’Associated Press che i primi dati dello studio di richiamo dell’azienda suggeriscono che i livelli di anticorpi delle persone aumentano da cinque a dieci volte dopo una terza dose, rispetto alla seconda dose mesi prima.

Ad agosto, Pfizer prevede di chiedere alla Food and Drug Administration l’autorizzazione di emergenza per una terza dose, ha affermato.

Perché potrebbe essere importante per combattere la variante delta? Dolsten ha indicato i dati provenienti da Gran Bretagna e Israele che mostrano che il vaccino Pfizer “neutralizza molto bene la variante delta”. Il presupposto, ha detto, è che quando gli anticorpi scendono abbastanza, il virus delta alla fine potrebbe causare una lieve infezione prima che il sistema immunitario si riattivi.

Ma l’autorizzazione della FDA sarebbe solo un primo passo: non significherebbe automaticamente che agli americani vengano offerti dei booster, ha avvertito il dottor William Schaffner, un esperto di vaccini presso il Vanderbilt University Medical Center. Le autorità sanitarie dovrebbero decidere se sono davvero necessarie, soprattutto perché milioni di persone non hanno protezione.

“I vaccini sono stati progettati per tenerci fuori dall’ospedale” e continuano a farlo nonostante la variante delta più contagiosa, ha affermato. Dare un’altra dose sarebbe “uno sforzo enorme mentre in questo momento stiamo cercando di dare alle persone la prima dose”.

Ore dopo l’annuncio di Pfizer, i funzionari sanitari statunitensi hanno rilasciato una dichiarazione in cui affermavano che gli americani completamente vaccinati non hanno ancora bisogno di un richiamo.

Le agenzie sanitarie statunitensi “sono impegnate in un processo rigoroso e basato sulla scienza per valutare se o quando potrebbe essere necessario un richiamo”, hanno affermato la FDA e i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie in una dichiarazione congiunta. Quel lavoro includerà i dati delle compagnie farmaceutiche, “ma non si basa esclusivamente su quei dati” e qualsiasi decisione sui colpi di richiamo avverrebbe solo quando “la scienza dimostrerà che sono necessari”, hanno affermato le agenzie.

Attualmente solo il 48% circa della popolazione degli Stati Uniti è completamente vaccinato e alcune parti del paese hanno tassi di immunizzazione molto più bassi, luoghi in cui la variante delta è in aumento. Giovedì, la dott.ssa Rochelle Walensky, la direttrice del CDC, ha affermato che ciò sta portando a “due verità”: aree dell’America altamente immunizzate stanno tornando alla normalità mentre i ricoveri aumentano in altri luoghi.

“Questo rapido aumento è preoccupante”, ha detto: poche settimane fa la variante delta rappresentava poco più di un quarto dei nuovi casi negli Stati Uniti, ma ora rappresenta poco più del 50% e in alcuni luoghi, come parti del Midwest , fino all’80%.

Sempre giovedì, i ricercatori dell’Istituto Pasteur francese hanno riportato nuove prove che la vaccinazione completa è fondamentale.

Nei test di laboratorio, il sangue di diverse dozzine di persone a cui è stata somministrata la prima dose dei vaccini Pfizer o AstraZeneca “ha a malapena inibito” la variante delta, ha riportato il team sulla rivista  Nature . Ma settimane dopo aver ricevuto la seconda dose, quasi tutti avevano quello che i ricercatori ritenevano un potenziamento immunitario abbastanza forte da neutralizzare la variante delta, anche se era un po’ meno potente rispetto alle versioni precedenti del virus.

I ricercatori francesi hanno anche testato persone non vaccinate sopravvissute a un attacco di coronavirus e hanno scoperto che i loro anticorpi erano quattro volte meno potenti contro il nuovo mutante. Ma una singola dose di vaccino ha aumentato drasticamente i loro livelli di anticorpi, innescando la protezione incrociata contro la variante delta e altri due mutanti, secondo lo studio.

Ciò supporta le raccomandazioni della salute pubblica secondo cui i sopravvissuti a COVID-19 vengono vaccinati piuttosto che fare affidamento sull’immunità naturale.

Gli esperimenti di laboratorio aggiungono ai dati del mondo reale che le mutazioni della variante delta non eludono i vaccini più utilizzati nei paesi occidentali, ma sottolineano che è fondamentale immunizzare una parte maggiore del mondo prima che il virus si evolva ancora di più.

I ricercatori in Gran Bretagna hanno scoperto che due dosi del vaccino Pfizer, ad esempio, sono protettive per il 96% contro l’ospedalizzazione con la variante delta e efficaci per l’88% contro l’infezione sintomatica. Questa scoperta è stata ripresa lo scorso fine settimana da ricercatori canadesi, mentre un rapporto da Israele ha suggerito che la protezione contro l’infezione da delta lieve potrebbe essere scesa al 64%.

Se i vaccinati devono ancora indossare maschere in luoghi in cui la variante delta è in aumento è una domanda crescente. Negli Stati Uniti, il CDC sostiene che le persone completamente vaccinate non ne hanno bisogno. Anche prima che arrivasse la variante delta, i vaccini non erano perfetti, ma le prove migliori suggeriscono che se le persone vaccinate ottengono comunque il coronavirus, avranno casi molto più lievi.

“Lasciami sottolineare, se sei stato vaccinato, hai un grado di protezione molto alto”, ha detto giovedì il dottor Anthony Fauci, il massimo esperto di malattie infettive del governo degli Stati Uniti.

Negli Stati Uniti, i tassi di casi sono in aumento da settimane e il tasso di ricoveri ha iniziato a salire, salendo del 7% rispetto alla media dei sette giorni precedenti, ha detto Walensky ai giornalisti giovedì. Tuttavia, i decessi rimangono in media bassi, cosa che alcuni esperti ritengono sia almeno in parte dovuta agli alti tassi di vaccinazione nelle persone di età pari o superiore a 65 anni, che sono tra le più suscettibili alle malattie gravi.


Mentre il Regno Unito e alcuni altri paesi ricchi si avvicinano a una popolazione adulta completamente vaccinata, viene posta una nuova domanda: le persone avranno bisogno di vaccini di richiamo contro il covid-19?

La risposta dipende da tre incognite: quanto velocemente l’immunità svanisce, se i vaccini attuali proteggono dalle varianti di coronavirus esistenti e future e se i colpi di richiamo funzionano davvero. Ci sono anche questioni di nazionalismo vaccinale ed equità da considerare (vedi “Boost or bust?”).

60 milioni di dosi di vaccino ordinate dal Regno Unito per una possibile campagna di richiamo

I vaccini di richiamo vengono utilizzati di routine per alcune malattie infettive, sia per aumentare l’immunità o per aggiornarla per nuove varianti del virus. I booster per il tetano, ad esempio, sono raccomandati ogni 10 anni per rinnovare l’immunità calante e i vaccini antinfluenzali annuali sono progettati per proteggere dalle varianti di quella stagione.

Israele è in vantaggio. Il paese ha già vaccinato oltre l’80% degli over 16 e ha annunciato il mese scorso che avrebbe lanciato una campagna di richiamo nel mese di ottobre. Il primo ministro Benjamin Netanyahu ha dichiarato in un discorso televisivo che Israele si è assicurata 16 milioni di dosi extra dei vaccini Pfizer/BioNTech e Moderna per immunizzare i suoi minori di 16 anni e rafforzare tutti gli altri.

Altri paesi i cui programmi di immunizzazione stanno procedendo bene sono più cauti. Il Regno Unito sta per offrire una prima dose di vaccino alla sua popolazione adulta entro la fine di luglio e ora sta valutando una campagna di richiamo autunnale. “Non abbiamo ancora preso alcuna decisione in merito”, afferma Anthony Harnden dell’Università di Oxford, vicepresidente del Joint Committee on Vaccination and Immunization (JCVI), che fornisce consulenza ai dipartimenti sanitari del Regno Unito.

Il Regno Unito ha ordinato ulteriori 60 milioni di dosi del vaccino Pfizer/BioNTech in preparazione di una possibile campagna di richiamo, ma “non possiamo prendere una decisione finché non avremo visto tutte le prove”, afferma Harnden. È possibile che il JCVI raccomandi un richiamo per i gruppi vulnerabili che erano in prima linea per un vaccino nel Regno Unito, dice. Il JCVI annuncerà la sua decisione non appena sarà presa.

Anche gli Stati Uniti devono ancora effettuare una chiamata. Una dichiarazione dei Centers for Disease Control and Prevention, che sovrintende al programma di vaccinazione degli Stati Uniti, afferma: “La necessità e la tempistica per le dosi di richiamo COVID-19 non sono state stabilite. Al momento non sono raccomandate dosi aggiuntive”.

La prima prova necessaria è la velocità con cui l’immunità svanisce dopo un vaccino. “Non credo che lo sappiamo, perché non abbiamo davvero i dati su ciò che accade nove mesi dopo un vaccino [covid-19]”, afferma il virologo Deenan Pillay dell’University College London (UCL).

Queste informazioni dovrebbero essere disponibili presto, afferma Alex Richter, immunologo dell’Università di Birmingham, nel Regno Unito. Vari progetti di ricerca sulla durata dell’immunità negli operatori sanitari dovrebbero riportare i risultati nelle prossime settimane, afferma. Ad esempio, lo studio SIREN, che segue oltre 44.000 dipendenti in 135 ospedali in tutto il Regno Unito, sta esaminando la durata dell’immunità dopo aver ricevuto un vaccino Pfizer/BioNTech. T

I primi vaccini sono stati somministrati a dicembre e una valutazione di sei mesi è prevista per giugno, afferma Richter. “Se i dati a quel punto mostrano un calo significativo [degli anticorpi], ciò influenzerà la politica”, afferma. “La maggior parte degli operatori sanitari sono davvero in forma e in salute, quindi se non si attaccano ai loro anticorpi, è molto probabile che dovremo vaccinarci in autunno con un richiamo”.

Un’altra considerazione è se gli attuali vaccini proteggono dalle varianti virali. In caso contrario, potrebbe essere necessaria una campagna di potenziamento utilizzando scatti su misura per proteggersi da varianti specifiche.

Secondo Harnden, gli studi di laboratorio mostrano che gli anticorpi indotti dal vaccino rimangono efficaci contro la variante B.1.1.7 vista per la prima volta nel Regno Unito e la variante P.1 dal Brasile, ma ci sono preoccupazioni per B.1.351, identificato per la prima volta in Sud Africa . “Sappiamo che i vaccini non sono altrettanto efficaci contro la variante sudafricana in termini di prevenzione delle malattie, anche se sembrano essere abbastanza efficaci nel prevenire malattie gravi, ricoveri e decessi”, afferma Harnden.

Se una qualsiasi variante si dimostra in grado di sfuggire all’immunità conferita dai vaccini attuali, allora è in programma una campagna di potenziamento contro le varianti, dice.

Dati inadeguati

In questo momento, non sappiamo se la fuga del vaccino sia un vero pericolo. “Questa è una domanda fondamentale”, afferma Pillay. “Abbiamo davvero bisogno di una valutazione coerente della natura delle infezioni rivoluzionarie, in altre parole, delle infezioni che si verificano in coloro che sono completamente immunizzati. È guidato da varianti o ha a che fare con il declino degli anticorpi e dell’immunità dalle prime due dosi [di vaccino]?”

Un recente studio ha documentato due casi di infezioni rivoluzionarie in un gruppo di 417 persone completamente vaccinate, a causa di quella che sembra essere una nuova variante (NEJM, doi.org/gjsbr9). “Questo è il livello di dati che abbiamo attualmente, che è chiaramente inadeguato per determinare una politica importante”, afferma Pillay.

Nonostante le incertezze, Israele ha già agito anche su questo. Ha negoziato un’opzione per acquistare dosi dei vaccini booster specifici per la variante di Moderna, supponendo che siano approvati. Moderna ha due di questi vaccini di richiamo negli studi clinici. Uno è progettato per proteggere contro B.1.351, l’altro è una combinazione di questo e del vaccino originale dell’azienda. Moderna sta anche testando colpi di richiamo del suo vaccino iniziale e ha recentemente annunciato risultati positivi da due dei suoi studi. Pfizer sta anche testando colpi di richiamo del suo primo vaccino contro il coronavirus e uno specifico per la variante.

Un altro fattore da valutare in relazione alle varianti è un fenomeno immunologico chiamato peccato antigenico originale. È qui che un vaccino aggiornato riattiva una memoria immunitaria precedente piuttosto che crearne una nuova. È stato visto con altre infezioni virali tra cui l’influenza, afferma Anthony Costello dell’UCL, ma resta da vedere se sarà un problema con il virus che causa il covid-19, SARS-CoV-2. Sono urgentemente necessari studi per stabilirlo, afferma John Moore della Weill Cornell Medicine di New York, perché il peccato antigenico originale potrebbe rendere inutile una campagna di richiamo specifica per una variante.

I colpi di richiamo potrebbero fallire per altri motivi. Una terza dose di vaccini virali come quello di Oxford/AstraZeneca potrebbe semplicemente aumentare la risposta immunitaria al virus innocuo usato come veicolo per veicolare il principio attivo. “Una delle preoccupazioni è che potremmo non essere in grado di aumentare gli anticorpi contro la proteina spike [SARS-CoV-2]”, afferma Teresa Lambe dell’Università di Oxford, che ha lavorato allo sviluppo del vaccino. Sta facendo esperimenti per determinare la risposta immunitaria a una terza dose.

*-*-*-*-

Spinta o potenziamento?

Paesi ricchi come Israele e il Regno Unito stanno già acquistando decine di milioni di dosi extra di vaccino per potenziali campagne di potenziamento dell’immunità (vedi la storia principale), ma la strategia potrebbe finire per peggiorare la pandemia di covid-19.

Come ha ripetutamente affermato l’Organizzazione mondiale della sanità, la pandemia non può finire finché il mondo intero non sarà vaccinato.

Le popolazioni non vaccinate potrebbero fungere da fonte di ancora più nuove varianti e le varianti resistenti ai vaccini potrebbero riportare la parte vaccinata del mondo al punto di partenza.

I paesi ricchi hanno già acquistato molto più della loro giusta quota di vaccini e ordinare dosi di richiamo non fa che esacerbare questo problema.

“Quando parliamo di potenziamento e rivaccinazione, è anche importante tenere a mente ciò che è necessario a livello globale in termini di accesso alla vaccinazione laddove i progressi sono stati molto, molto più lenti”, afferma Tolullah Oni dell’Unità di epidemiologia MRC dell’Università di Cambridge.

“Se c’è qualcosa che possiamo vedere dalla tragedia che si sta verificando in India in questo momento è che, sì, dobbiamo sopprimere al massimo [il virus] a livello locale, ma anche fare tutto ciò che è in nostro potere per supportare l’accesso alla vaccinazione a livello globale”, ha affermato. dice. “Questo è un punto davvero critico quando parliamo di come uscire da questa pandemia”.

*-*-*-*-

Per questo motivo e per altri, potrebbe essere preferibile aumentare l’immunità delle persone con un vaccino diverso da quello che hanno ricevuto le prime due volte.

Ci sono alcune prove che l’uso di vaccini diversi per la prima e la seconda dose – un metodo chiamato vaccinazione prime-boost eterologo – produce una risposta immunitaria più forte rispetto all’utilizzo dello stesso vaccino per entrambi.

La Russia della Russia

Lo Sputnik V, ad esempio, è un vaccino prime-boost eterologo e gli ultimi dati reali del paese mostrano che è efficace al 97,6%, il che lo renderebbe il vaccino covid-19 più efficace al mondo.

Gli esperimenti in corso nel Regno Unito stanno esaminando gli effetti della miscelazione e dell’abbinamento della prima e della seconda dose di vaccino e i risultati potrebbero informare le decisioni su una campagna di richiamo, afferma Harnden.

Tutte queste incertezze sottolineano un punto importante che è stato in gran parte dimenticato nell’euforia del vaccino, afferma Costello. “L’idea che si possa continuamente aumentare [l’immunità] è sia logisticamente difficile che immunologicamente difficile”. Potremmo affrontare infezioni rivoluzionarie che non possono essere vaccinate e quindi avremo ancora bisogno di interventi come mascherine, ventilazione e distanziamento sociale. “La vaccinazione è stata eccezionale, ma non risolverà il problema nella sua interezza”, afferma Costello.

collegamento di riferimento: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8121557/


Informazioni sulla rivista: Nature

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.