COVID-19: CoronaVac jab è meno efficace contro la variante Gamma

0
112

Il CoronaVac jab cinese, uno strumento chiave nella lotta del Brasile contro COVID-19, è meno efficace contro la variante Gamma rilevata per la prima volta nel paese sudamericano devastato dal virus, secondo uno studio venerdì.

I ricercatori hanno scoperto che gli anticorpi generati dal vaccino funzionano meno bene contro la variante rispetto a un precedente ceppo di coronavirus, mentre Gamma potrebbe anche essere in grado di reinfettare le persone che avevano precedentemente avuto il virus.

La capacità di Gamma di eludere queste risposte del sistema immunitario anche nelle persone immunizzate suggerisce che “il virus può potenzialmente circolare negli individui vaccinati, anche in aree con alti tassi di vaccinazione”, hanno affermato gli autori dello studio in un comunicato stampa.

Nel piccolo studio, i ricercatori dell’Università di Campinas in Brasile hanno esposto sia Gamma che un precedente ceppo del virus agli anticorpi nel plasma sanguigno di 53 persone vaccinate e 21 persone che erano state precedentemente infettate dal virus.

Nel gruppo vaccinato, 18 persone avevano ricevuto una sola dose di CoronaVac, uno dei principali vaccini nella risposta al coronavirus in Brasile, mentre 20 avevano recentemente ricevuto una seconda vaccinazione e altre 15 erano state vaccinate nell’ambito della sperimentazione clinica Sinovac nell’agosto 2020 .

Hanno scoperto che Gamma era in grado di sfuggire agli anticorpi di quasi tutti i partecipanti che avevano ricevuto una sola dose, così come quelli vaccinati nel 2020.

Gli anticorpi di quelli vaccinati più di recente erano efficaci, ma meno che contro il ceppo virale precedente.

Lo studio, pubblicato su The Lancet Microbe, ha anche scoperto che gli anticorpi prodotti da precedenti infezioni dovevano essere nove volte più alti per prevenire l’infezione da Gamma che per prevenire la malattia del ceppo precedente.

Gli autori hanno affermato che questi risultati significano che le persone che sono già sopravvissute a un caso di COVID-19 potrebbero essere reinfettate.

Ma hanno detto che poiché gli studi clinici suggeriscono che il vaccino è efficace nel prevenire malattie gravi e morte, potrebbe essere che la risposta immunitaria sia più complessa.

Ogni dose conta

CoronaVac è stato approvato dall’Organizzazione mondiale della sanità per l’uso di emergenza a giugno.

All’epoca l’OMS disse che aveva un’efficacia del 51% contro le malattie sintomatiche e del 100% contro il ricovero.

Ma i risultati degli studi di fase 3 di CoronaVac in Turchia – che non hanno tenuto conto delle varianti – pubblicati venerdì su The Lancet hanno rilevato che due dosi del vaccino hanno avuto un’efficacia dell’83,5% nella protezione dalle infezioni sintomatiche.

Ha anche scoperto che il vaccino era efficace al 100% contro il ricovero in ospedale.

Lo studio ha coinvolto 6.559 partecipanti che hanno ricevuto il vaccino e 3.470 a cui è stato somministrato un placebo.

Tutti erano adulti di età compresa tra 18 e 59 anni ea cui sono state somministrate dosi a distanza di 14 giorni.

Gli autori hanno affermato che i limiti dello studio includono che i partecipanti avevano meno di 60 anni e un basso rischio, chiedendo ulteriori ricerche per testare l’efficacia tra gli anziani e i minori di 18 anni, nonché contro nuove varianti.

“Il mondo ha bisogno di ogni possibile dose di qualsiasi vaccino sicuro ed efficace contro SARS-CoV-2”, hanno affermato.

Entrambi i documenti saranno presentati al Congresso europeo di microbiologia clinica e malattie infettive di quest’anno.


Panoramica globale

Dati al 20 giugno 2021

Il numero globale di casi e decessi ha continuato a diminuire nell’ultima settimana (14-20 giugno 2021) con oltre 2,5 milioni di nuovi casi settimanali e oltre 64 000 decessi, rispettivamente del 6% e del 12%, rispetto alla settimana precedente (figura 1). Mentre il numero di casi segnalati a livello globale supera ora i 177 milioni, la scorsa settimana ha registrato l’incidenza settimanale più bassa dal febbraio 2021.

Questa settimana, le regioni delle Americhe e del Pacifico occidentale hanno riportato un numero di nuovi casi settimanali simile alla settimana precedente, mentre il sud-est asiatico e le regioni europee hanno riportato un calo del numero di nuovi casi. La Regione Africana ha registrato un deciso aumento del numero di casi settimanali rispetto alla settimana precedente (Tabella 1).

A livello globale, la mortalità rimane elevata con oltre 9000 decessi segnalati ogni giorno nell’ultima settimana, tuttavia, il numero di nuovi decessi segnalati nell’ultima settimana è diminuito in tutte le regioni, ad eccezione del Mediterraneo orientale e delle regioni africane.

Il numero più alto di nuovi casi è stato segnalato dal Brasile (505 344 nuovi casi; aumento dell’11%), India (441 976 nuovi casi; diminuzione del 30%), Colombia (193 907 nuovi casi; aumento del 10%), Argentina (149 673 nuovi casi casi; diminuzione del 16%) e la Federazione Russa (108.139 nuovi casi; aumento del 31%).

A livello globale, la variante Alpha è stata segnalata in 170 paesi, territori o aree (di seguito paesi; sette nuovi paesi nell’ultima settimana), Beta in 119 paesi (quattro nuovi paesi), Gamma in 71 paesi (tre nuovi paesi) e Delta in 85 paesi (sei nuovi paesi).

Focus speciale: aggiornamento su SARS-CoV-2 Varianti di interesse e Varianti di preoccupazione

L’OMS, in collaborazione con le autorità nazionali, le istituzioni e i ricercatori, valuta regolarmente se le varianti di SARS-CoV-2 alterano la trasmissione o le caratteristiche della malattia, o influenzano il vaccino, le terapie, la diagnostica o le misure sanitarie e sociali (PHSM) applicate dalle autorità nazionali per controllare diffusione della malattia.

Sono stati istituiti sistemi per rilevare i segnali di potenziali varianti di preoccupazione (VOC) o varianti di interesse (VOI) e valutarli in base al rischio posto per la salute pubblica globale. Man mano che questi rischi evolvono, l’OMS aggiorna l’elenco di VOI e VOC globali (Tabella 2) per supportare la definizione delle priorità per la sorveglianza e la ricerca e, in definitiva, guidare le strategie di risposta. Le autorità nazionali possono scegliere di designare altre varianti di interesse/preoccupazione locale e sono incoraggiate a indagare e riferire sull’impatto di queste varianti.

Qui forniamo aggiornamenti su VOC e VOI caratterizzati a livello globale, nonché i paesi/territori/aree aggiornati che segnalano il rilevamento di VOC. Nessun nuovo VOC o VOI è stato aggiunto o rimosso dall’elenco la scorsa settimana.

Caratteristiche fenotipiche

Le prove disponibili sugli impatti fenotipici dei VOC e sulle prestazioni del vaccino contro i VOC sono riassunte nella Tabella 3, così come nelle precedenti edizioni della WEU.

Dall’ultimo aggiornamento dettagliato dell’8 giugno sono state pubblicate nuove evidenze sulle caratteristiche fenotipiche della variante Delta. Uno studio di Singapore ha mostrato che l’infezione con la variante Delta era associata a maggiori probabilità di fabbisogno di ossigeno, ricovero in unità di terapia intensiva (ICU) o morte [odds ratio aggiustato (aOR) 4,90, 95% CI 1,43-30,78].

Inoltre, l’aOR per la polmonite era 1,88 volte superiore (95% CI 0,95-3,76) per le persone infette da Delta rispetto all’infezione con ceppi SARS-CoV-2 non VOC. Inoltre, la variante Delta è stata associata a valori di soglia del ciclo PCR (Ct) significativamente più bassi: più basso è il livello di Ct, maggiore è la quantità di RNA virale in un campione. I risultati di questo studio hanno anche mostrato che c’era una durata più lunga di valori Ct bassi sostenuti (≤30) in Delta (durata media di 18 giorni) rispetto ai lignaggi non VOC di SARS-CoV-2 (13 giorni).87

Uno studio in Giappone che stima il numero riproduttivo istantaneo relativo (una misura della trasmissione in un momento specifico) ha mostrato che la variante Delta era associata a una maggiore trasmissibilità rispetto alla variante Alpha. Se confrontato con le varianti circolanti in Giappone prima di dicembre 2020, il relativo numero di riproduzione istantanea per Alpha è stato stimato in 1,56 e per Delta

1.78. Nel complesso, questo studio ha mostrato che Delta era associato a una trasmissibilità 1,23 volte superiore rispetto ad Alpha.88 Ciò è coerente con il riepilogo delle varianti Rt di Alpha, Beta, Gamma e Delta pubblicato dall’OMS nei numeri precedenti del Weekly Epidemiological Update on COVID-19 e in Eurosurveillance la scorsa settimana89.

I risultati di un’analisi di coorte retrospettiva recentemente pubblicata che ha coinvolto quasi 840.000 partecipanti con SARS-CoV-2 confermato in laboratorio in Inghilterra tra il 23 novembre 2020 e il 31 gennaio 2021 hanno suggerito che la variante Alpha, rispetto ai lignaggi SARS CoV-2 non VOC, fosse associato ad un aumentato rischio di ospedalizzazione tra uno e quattordici giorni dopo il primo test SARS-CoV-2 positivo (rapporto di rischio aggiustato del ricovero ospedaliero 1,52, IC 95% 1,47 – 1,57).

Quando si esaminano questi risultati per età, hanno mostrato un rischio maggiore di ospedalizzazione tra le persone di età ≥ 30 anni rispetto ai partecipanti più giovani.90 Un altro studio che confronta i tassi di attacco secondario nelle famiglie tra i casi con indice Alpha rispetto ai casi con indice non VOC in Ontario, Il Canada ha scoperto che il tasso di attacco secondario per i casi con indice Alpha era 1,31 volte (31%) superiore rispetto ai casi con indice non VOC (RR=1,31, 95% CI 1,14-1,49).

Quando queste analisi sono state ulteriormente raggruppate in casi con indice alfa e non alfa, è emersa evidenza che suggerisca un aumento della trasmissione sia tra gli asintomatici (RR=1,91, 95% CI 0,96-3,80) che i presintomatici (RR=3,41, 95%CI 1,13). -10.26) casi indice.1

Uno studio condotto per esaminare l’accuratezza diagnostica di tre test rapidi di rilevamento dell’antigene SARS-CoV-2 (Ag-RDT) in Germania tra il 20 gennaio e il 15 aprile 2021 ha mostrato sensibilità comparabili nelle prestazioni di Ag-RDT per Alpha, Beta e wild-type varianti, indipendentemente dalla variante infettante.91 Questo risultato è coerente con una valutazione precedentemente pubblicata da Public Health England che non ha riscontrato grandi cambiamenti nell’accuratezza diagnostica di sei Ag-RDT ampiamente disponibili per Alpha, nonostante un numero limitato di cambiamenti di aminoacidi da la sequenza virale originale nell’antigene bersaglio per la maggior parte degli Ag-RDT disponibili in commercio.22

Un recente studio che utilizza un modello di trasmissione basato su dati clinici ed epidemiologici di quasi 1000 individui provenienti da Sud Africa e Svizzera, ha stimato che la variante Alpha fosse associata a

un aumento del 37% (95% intervallo di compatibilità, IC: 25–63%) della trasmissibilità o un aumento del 51% (95% IC: 32-80%) della durata infettiva o una combinazione dei due meccanismi. È stato inoltre stimato che la variante Beta fosse associata ad un aumento della trasmissibilità del 23% (95% CI: 10-37%) o ad un aumento del 38% (95% CI: 15-78%) della durata infettiva.

Gli autori hanno concluso che ci si potrebbe aspettare che Beta superi l’Alpha nelle regioni in cui il livello di immunità acquisita naturalmente contro le varianti precedentemente circolanti supera dal 20% al 40%.92 Lo studio ha anche misurato la carica virale in 950 individui e ha scoperto che le infezioni con la variante Alpha hanno mostrato un carica virale più elevata e diffusione virale più lunga rispetto ai non-COV.

I risultati di un altro studio hanno mostrato che il dominio di legame del recettore (RBD) delle varianti Alpha e Beta lega ACE2 con un’affinità rispettivamente 1,98 e 4,62 volte maggiore rispetto ai non-VOC. Questa maggiore affinità probabilmente media una maggiore infettività abbassando la concentrazione effettiva di virioni richiesta per l’ingresso delle cellule

In una rapida revisione dell’ambito che esamina gli impatti dei COV sui sistemi sanitari, gli autori di uno studio pubblicato di recente hanno suggerito che una combinazione di salute pubblica e misure sociali (ad esempio, mascheramento, distanziamento fisico, blocchi, test) dovrebbe essere implementata insieme a una strategia vaccinale per migliorare i risultati della popolazione e del sistema sanitario.94

Impatto VOC sui vaccini vaccine

Dall’aggiornamento dell’8 giugno , due studi hanno fornito prove dell’efficacia dei vaccini Pfizer BioNTech-Comirnaty e AstraZeneca-Vaxzevria contro la variante Delta. Il primo è un follow-up di uno studio del Regno Unito pubblicato il mese scorso da Lopez Bernal et al., che ha riferito sull’efficacia del vaccino (VE) di cicli completi di entrambi i vaccini Pfizer BioNTech-Comirnaty e AstraZeneca-Vaxzevria contro la malattia sintomatica a causa della variante delta; La VE contro Delta, sebbene leggermente ridotta, è stata mantenuta per entrambi i vaccini (88% per Pfizer BioNTech-Comirnaty e 67% per AstraZeneca-Vaxzevria).41

Nello studio di follow-up, Stowe et al. relazione sull’efficacia di questi vaccini contro malattie gravi (ospedalizzazione) dovute a Delta tra le persone ≥ 16 anni nel Regno Unito. Gli autori hanno combinato gli odds ratio per la malattia sintomatica COVID-19 da un’analisi caso-controllo negativa al test con i rapporti di rischio per l’ospedalizzazione tra i casi sintomatici per stimare la VE complessiva rispetto all’ospedalizzazione. Le stime di VE contro l’ospedalizzazione a causa di varianti Delta e Alpha ≥ 14 giorni dopo la seconda dose sono state stimate rispettivamente del 96% (95% CI: 86-89%) e 95% (95% CI: 78-99%), per Pfizer BioNTech –

Comirnaty e 92% (IC 85%: 75-97%) e 86% (IC 95%: 53-96%) rispettivamente, per AstraZeneca-Vaxzevria. L’efficacia della singola dose contro l’ospedalizzazione ≥ 21 giorni dopo l’immunizzazione è rimasta elevata per Pfizer BioNTech-Comirnaty al 94% (95% CI: 46-99%) contro Delta e all’83% (95% CI: 62-93%) contro Alpha.

L’efficacia di una dose di AstraZeneca-Vaxzevria contro il ricovero è stata simile per le varianti Delta e Alpha, ma ridotta rispetto a due dosi al 71% (95% CI: 51-83%) e 76% (95% CI: 61-85%) , rispettivamente.40

Un secondo studio scozzese di Sheikh et al. applicato un disegno caso-controllo negativo del test a una grande piattaforma di sorveglianza COVID-19 e ha scoperto che due dosi di Pfizer BioNTech-Comirnaty erano 83% (95% CI: 78-87) e 79% (95% CI: 75-82% ) efficaci contro la malattia sintomatica e l’infezione da Delta, rispettivamente,

≥ 14 giorni dopo il ricevimento della seconda dose in persone di età pari o superiore a 15 anni. Queste stime erano alquanto ridotte rispetto alle stime VE contro Alpha: 92% (95% CI: 88-94%) e 92% (90-93%) per malattia sintomatica e infezione, rispettivamente. Lo studio ha anche mostrato una ridotta efficacia di due dosi di AstraZeneca-Vaxzevria contro Delta rispetto ad Alpha con stime di VE del 61% (95% CI: 51-70%) e 60% (95% CI: 53-66%) contro la malattia sintomatica e infezione ≥ 14 giorni dopo la seconda dose,

rispettivamente, rispetto alle corrispondenti stime dell’81% (95% CI: 72-87%) e del 73% (95% CI: 66-78%) contro Alpha. L’efficacia della singola dose contro Delta è stata simile a quella di Alpha con bassa VE per entrambi i vaccini e sia per la malattia sintomatica che per l’infezione ≥28 giorni dopo l’immunizzazione con stime di VE comprese tra il 18% e il 39%. In un’analisi di coorte separata, efficacia della dose singola contro il ricovero in ospedale

≥28 giorni dopo l’immunizzazione tra gli individui positivi alla SARS-CoV-2 è stata stimata per i vaccini Pfizer BioNTech-Comirnaty e AstraZeneca-Vaxzevria combinati; VE è stato stimato essere 62% (95% CI: 42-76%) e 72% (95% CI: 57-82%) contro Delta e Alpha, rispettivamente, dimostrando una protezione inferiore contro Delta rispetto ad Alpha (sebbene gli intervalli di confidenza si sovrappongano , indicando alcuna significatività statistica).42

Insieme, questi studi suggeriscono un VE moderatamente ridotto nella prevenzione di malattie e infezioni sintomatiche dovute alla variante Delta rispetto all’Alpha. Sebbene lo studio scozzese suggerisca che potrebbe esserci una riduzione dell’efficacia dei vaccini contro il ricovero in ospedale a causa di Delta rispetto ad Alpha, i livelli di confidenza si sovrappongono e il VE per i singoli vaccini non è stato stimato.

Non è stata osservata tale riduzione di VE per il ricovero in ospedale nello studio del Regno Unito per i vaccini Pfizer BioNTech-Comirnaty o AstraZeneca-Vaxzevria. Gli studi forniscono anche un’ulteriore prova dell’importanza di due dosi sia di Pfizer BioNTech-Comirnaty che di AstraZeneca-Vaxzevria nella prevenzione del ricovero, della malattia sintomatica e dell’infezione dovuta sia alle varianti Delta che Alpha.

Un terzo studio di Skowronski et al. valutato l’efficacia di una singola dose di Pfizer BioNTech-Comirnaty o Moderna-mRNA-1273 contro l’infezione con varianti SARS-CoV-2 Alpha e Gamma tra gli anziani in Canada utilizzando un disegno caso-controllo negativo al test; L’85% dei partecipanti aveva ricevuto Pfizer BioNTech-Comirnaty e il 15% aveva ricevuto il vaccino Moderna-mRNA-1273.

VE contro le varianti Alfa e Gamma ≥21 giorni dopo la prima dose sono state del 67% (95% CI: 57-75%) e 61% (95% CI: 45-72%), rispettivamente, rispetto al 72% (95% CI: : 58-81) contro i virus SARS-CoV-2 non-VOC.39 Mentre la stima del punto VE contro Gamma era leggermente inferiore rispetto ad Alpha e non-VOC, tutti gli intervalli di confidenza si sovrapponevano, indicando alcuna significatività statistica.

Distribuzione geografica

Poiché le attività di sorveglianza per rilevare le varianti SARS-CoV-2 sono rafforzate a livello locale e nazionale, anche mediante il sequenziamento genomico strategico e la condivisione di sequenze e metadati di supporto, è continuato il numero di paesi/aree/territori (di seguito paesi) che segnalano VOC aumentare (Figura 4, Allegato 1).

Nelle ultime due settimane, Alpha ha continuato a essere segnalato in nuovi paesi, comprese le nazioni insulari più piccole nelle Americhe e nelle regioni del sud-est asiatico. Delta, ora segnalato in 85 paesi in tutto il mondo, continua a essere segnalato in nuovi paesi in tutte le regioni dell’OMS, 11 dei quali sono stati segnalati di recente nelle ultime due settimane. Questa distribuzione dovrebbe essere interpretata tenendo in debita considerazione i limiti della sorveglianza, comprese le differenze nelle capacità di sequenziamento e nelle strategie di campionamento tra i paesi.

Raccomandazioni dell’OMS

L’evoluzione del virus continua ad essere prevista e più SARS-CoV-2 circola, più opportunità ha di evolversi. Ridurre la trasmissione attraverso metodi consolidati e comprovati di controllo delle malattie come quelli delineati nel piano strategico di preparazione e risposta al COVID-19, nonché evitare l’introduzione nelle popolazioni animali, sono aspetti fondamentali e cruciali della strategia globale per ridurre l’insorgenza di mutazioni che avere implicazioni negative per la salute pubblica. I PHSM rimangono fondamentali per frenare la diffusione di SARS-CoV-2, comprese tutte le varianti che si evolvono.

Le prove provenienti da più paesi con un’ampia trasmissione di VOC hanno indicato che i PHSM, comprese le misure di prevenzione e controllo delle infezioni (IPC) nelle strutture sanitarie, sono stati efficaci nel ridurre l’incidenza dei casi di COVID-19, il che ha portato a una riduzione dei ricoveri e dei decessi tra COVID-19 -19 pazienti. Le autorità nazionali e locali sono incoraggiate a continuare a rafforzare le attività esistenti di PHSM, IPC e controllo delle malattie.

Le autorità sono inoltre incoraggiate a rafforzare le capacità di sorveglianza e sequenziamento e ad applicare un approccio sistematico per fornire un’indicazione rappresentativa dell’estensione della trasmissione delle varianti SARS-CoV-2 in base al contesto locale e per rilevare eventi insoliti.

link di riferimento: https://reliefweb.int/sites/reliefweb.int/files/resources/20210622_Weekly_Epi_Update_45.pdf


Ulteriori informazioni: The Lancet Microbe: neutralizzazione del lignaggio SARS-CoV-2 P.1 mediante anticorpi provocati attraverso l’infezione naturale da SARS-CoV-2 o la vaccinazione con un vaccino SARS-CoV-2 inattivato: uno studio immunologico, www.thelancet.com /journals/lan … (21)00129-4/fulltext

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.