Rischio di demenza: i muscoli solei svolgono un ruolo fondamentale nel mantenimento della normale pressione sanguigna durante le attività sedentarie

0
136

Il declino della funzione cerebrale si verifica spesso con l’avanzare dell’età. Le persone spesso temono che il declino della funzione cerebrale sia una parte inevitabile dell’invecchiamento e porti alla demenza, ma non è così. Molte persone non sperimentano il declino cognitivo legato all’età.

Studi clinici che hanno seguito individui più anziani per molti anni hanno costantemente dimostrato che la pressione sanguigna cronicamente bassa aumenta il rischio di declino cognitivo legato all’età.

Ad esempio, uno studio pubblicato nel 2017 ha seguito più di 24.000 persone per un massimo di 27 anni. Questo studio ha dimostrato che la pressione sanguigna bassa è un predittore significativo del declino cognitivo e della probabilità di sviluppare demenza. Questo era indipendente dall’età, dal sesso, dal peso, dallo stato cardiovascolare, renale o diabetico.

La bassa pressione sanguigna è associata a una diminuzione del flusso sanguigno al cervello quando un individuo è seduto o in piedi. Molti ricercatori sono giunti a credere che un flusso sanguigno cerebrale insufficiente svolga un ruolo fondamentale nello sviluppo della demenza, dell’Alzheimer e forse anche del morbo di Parkinson. Alcuni credono che possa anche svolgere il ruolo principale.

Quelli di noi che studiano il legame tra bassa pressione sanguigna e prestazioni cognitive devono determinare cosa significa una pressione sanguigna “troppo bassa” in una singola persona. Ciò consentirebbe agli operatori sanitari di sapere quando intervenire e correggere la pressione bassa di una persona. Il mio team e io del Clinical Science and Engineering Research Lab della Binghamton University stiamo affrontando questa domanda.

Cosa costituisce la pressione sanguigna bassa?
Nella nostra ricerca, stiamo utilizzando i dati ottenuti da uno strumento di valutazione quantitativa relativamente nuovo approvato dalla FDA per valutare la funzione cognitiva nelle persone di età superiore ai 50 anni, che hanno un diploma di scuola superiore o un livello di istruzione superiore.

Questa valutazione basata su computer, che richiede circa 10 minuti per essere completata da un individuo, fornisce a medici e ricercatori una valutazione riproducibile della funzione cognitiva su una scala da 0 a 100. Un punteggio superiore a 75 colloca la persona nell’intervallo di funzioni cognitive previsto per la sua età, mentre un punteggio compreso tra 50 e 75 indica che un individuo si trova nell’intervallo al di sotto della norma e, di conseguenza, ha un rischio maggiore di sviluppare demenza.

Un punteggio inferiore a 50 è indicativo di un individuo con molte caratteristiche della sindrome da demenza.

Abbiamo confrontato i punteggi delle funzioni cognitive in soggetti di età compresa tra 50 e 95 anni con la loro pressione sanguigna a riposo. La pressione sanguigna è determinata misurando quanta pressione è necessaria per fermare il flusso sanguigno nelle arterie del braccio. La pressione sanguigna a riposo si riferisce alla pressione sanguigna dopo essere stato seduto in silenzio per 10-15 minuti in un ambiente non stressante.

Questa è la pressione sanguigna che la maggior parte degli americani più anziani sperimenta per la maggior parte della giornata, poiché gli americani più anziani sono, in media, sedentari per oltre 9 ore.

Il nostro lavoro precedente ha mostrato che dei due componenti della pressione sanguigna – sistolica e diastolica – la pressione diastolica è il miglior predittore delle prestazioni cognitive. La pressione sanguigna diastolica misura la pressione sanguigna quando il cuore si rilassa ed è il “numero più basso” della lettura della pressione sanguigna. Ci stiamo concentrando su questo aspetto della pressione sanguigna.

Sebbene il nostro studio sia in corso, si stanno già sviluppando due modelli chiari nei dati che abbiamo ottenuto da soggetti sani che si sono offerti volontari per partecipare allo studio, ovvero persone a cui non è stata diagnosticata la demenza o altri disturbi cognitivi.

In primo luogo, una bassa pressione sanguigna diastolica a riposo è molto comune. Oltre l’85% dei soggetti di età compresa tra i 50 e i 95 anni altrimenti sani, nel nostro studio, ha una pressione sanguigna diastolica a riposo inferiore alla norma. Questa osservazione, di per sé, non sarebbe necessariamente motivo di preoccupazione. Tuttavia, tre quarti di quelli che abbiamo studiato finora, un totale di 42 fino ad oggi, con una pressione sanguigna al di sotto della norma testano anche nell’intervallo della funzione cognitiva “sotto la norma”.

La pressione sanguigna bassa, chiamata anche ipotensione, è generalmente definita come una pressione sanguigna abbastanza bassa da causare vertigini, visione offuscata o svenimento. Questi sintomi si verificano tipicamente con una pressione diastolica inferiore a 60 millimetri di mercurio o mmHg. I medici tendono a non preoccuparsi della pressione bassa fino a quando la pressione diastolica non scende al di sotto di questo livello.

I nostri dati indicano che anche gli individui con pressione diastolica ben al di sopra di questa soglia di 60 mmHg non sono in grado di supportare la normale funzione cognitiva quando sono in posizione eretta. Infatti, sostanzialmente a qualsiasi pressione sanguigna diastolica a riposo al di sotto del normale (80 mmHg), l’andamento dei dati indica che le prestazioni cognitive negli anziani sono significativamente ridotte.

È interessante notare che questi risultati sono coerenti con le precedenti segnalazioni di influenze dannose della bassa pressione sanguigna sulla funzione cognitiva anche nei giovani adulti.

Il ruolo sorprendente dei muscoli del polpaccio Una
bassa pressione diastolica può insorgere a causa dell’uso di farmaci, insufficienza cardiaca o altre complicazioni di salute. Ma, nella maggior parte delle persone, è semplicemente una questione di cuore che non pompa abbastanza sangue ad ogni ictus; in altre parole, bassa gittata cardiaca. E una bassa gittata cardiaca si verifica quando non viene restituito abbastanza sangue al cuore dalla parte inferiore del corpo.

I muscoli solei, muscoli specializzati nel mezzo della parte inferiore delle gambe, sono responsabili del pompaggio del sangue al cuore. Nell’ultimo decennio, il nostro team di ricerca ha dimostrato come i muscoli solei svolgano un ruolo fondamentale nel mantenimento della normale pressione sanguigna durante le attività sedentarie.

Una strategia efficace per mantenere la normale pressione sanguigna e il flusso sanguigno cerebrale consiste nel “riqualificare” i muscoli solei. Questi muscoli posturali profondi sono più attivi durante attività come lo squat sostenuto o la posizione eretta sui piedi. Puoi ricostruire questi muscoli intraprendendo regolarmente tali attività, anche se richiede ore al giorno di esercizio.

In alternativa, esistono opzioni di “esercizio passivo” che consentono l'”allenamento” dei muscoli solei in modo più conveniente. È stato dimostrato che gli approcci di stimolazione del soleo sia elettrico che meccanico aumentano significativamente il ritorno venoso al cuore.

Studi clinici preliminari hanno anche fornito prove di conferma che l’aumento della pressione sanguigna diastolica a riposo attraverso la stimolazione quotidiana del muscolo soleo, per un periodo di diversi mesi, può invertire il deterioramento cognitivo associato all’invecchiamento.

Attualmente non esistono trattamenti per la demenza e nessun potenziale trattamento sembra essere all’orizzonte, quindi la comunità sanitaria è diventata molto più focalizzata sul rallentare o invertire l’invecchiamento cognitivo per prevenire la progressione verso la demenza.

Se gli interventi per eliminare la pressione sanguigna diastolica cronicamente bassa sono semplici e diretti, potremmo avere l’opportunità di eliminare in gran parte gran parte del flagello della demenza dalla vita moderna.

Finanziamento: Kenneth McLeod possiede azioni di Sonostics, Inc. che ha fornito un supporto parziale per completare questa ricerca.

Il deterioramento cognitivo legato all’età continua a essere una preoccupazione crescente sia nei paesi sviluppati che in quelli in via di sviluppo. Attualmente, oltre cinque milioni di anziani negli Stati Uniti soffrono di demenza o deterioramento cognitivo.1 La prevalenza è fortemente dipendente dall’età, con il 14% degli individui sopra i 70 anni che presenta una qualche forma di demenza, mentre all’età di 80 anni, uno su tre avrà ha sviluppato la malattia di Alzheimer

In tutto il mondo, è stato riportato che anche il deterioramento cognitivo lieve, una condizione intermedia tra il normale invecchiamento cognitivo e la demenza, ha tassi di prevalenza compresi tra il 3% e il 5%.3 Poiché gli approcci farmaceutici per il trattamento della demenza non sono attualmente disponibili e anche le terapie sintomatiche hanno beneficio modesto, il consenso della comunità clinica è che la prevenzione deve rimanere un obiettivo primario

Il più importante tra le terapie preventive è l’esercizio. Una recente meta-analisi di studi sull’esercizio controllato randomizzato ha mostrato che essenzialmente tutte le forme di esercizio migliorano la funzione cognitiva negli anziani.5 Il meccanismo con cui l’esercizio migliora la cognizione negli individui più anziani rimane sconosciuto; tuttavia, un meccanismo proposto è che l’esercizio migliora il flusso sanguigno cerebrale (CBF).

Tra i 30 e i 70 anni, la CBF diminuisce del 30%–50%,7 ma anche un esercizio lieve può aumentare significativamente la CBF.8 In particolare, gli esercizi che aumentano la pressione arteriosa media solo del 5%–15% possono aumentare la CBF del 25% -30% nella popolazione anziana (62±7 anni).9

La sfida predominante nell’attuazione di un programma di esercizi come mezzo per mantenere la CBF e rallentare la progressione della demenza negli anziani è l’aderenza. Due terzi degli adulti sopra i 75 anni non praticano alcuna attività fisica oltre a quella coinvolta nelle attività della vita quotidiana e, tra coloro che sono fisicamente attivi, solo il 30% degli uomini e il 15% delle donne partecipano regolarmente a tale attività.10

Tra coloro che sono motivati ​​ad avviare un nuovo programma di esercizi, >50% abbandona prima di realizzare qualsiasi beneficio per la salute con il maggior attrito che si verifica nei primi 6 mesi.11 Le spiegazioni per i bassi tassi di aderenza negli anziani sono numerose: l’attività fisica richiede più tempo e impegno rispetto ad altre misure sanitarie preventive; l’apprendimento della tecnica adeguata per garantire la sicurezza e l’efficacia è troppo complicato; la guida del proprio medico è vaga per quanto riguarda l’attività fisica specifica da intraprendere; l’attività fisica è spesso accompagnata da disagio (sudorazione, indolenzimento muscolare, ecc); e inoltre, il loro ambiente di vita non supporta un facile accesso alle risorse necessarie per mantenere un programma di esercizi quotidiano

Un approccio efficace all’esercizio per gli anziani sembrerebbe quindi richiedere una modalità che aumenti significativamente la CBF e abbia solide basi teoriche che convincano la comunità clinica della sua efficacia, richieda una formazione minima e introduca disagi minimi alla vita quotidiana. Un adeguato CBF richiede una normale gittata cardiaca in modo da mantenere la normale pressione sanguigna.

La gittata cardiaca, a sua volta, dipende da un adeguato ritorno venoso al cuore, una condizione che tipicamente non esiste tra gli anziani sedentari. Di conseguenza, l’ipotensione ortostatica è notevolmente comune nella popolazione anziana, superando il 30% nelle donne sopra i 75 anni e il 25% negli uomini sopra i 75 anni.13

Lavori recenti hanno dimostrato che il ritorno cardiaco può essere significativamente aumentato attraverso l’attivazione del muscolo soleo. Poiché la stimolazione del muscolo soleo può essere ottenuta in modo non invasivo utilizzando la stimolazione micromeccanica della superficie plantare frontale, questo approccio può essere visto come un tipo di esercizio “passivo”.14 La stimolazione attiva i meccanocettori (corpuscoli di Meissner) nel derma, innescando un arco riflesso posturale che provoca la contrazione dei muscoli solei dei polpacci.

I muscoli solei fungono da pompe muscolari primarie per garantire un adeguato ritorno venoso e linfatico dagli arti inferiori al cuore durante l’ortostasi.15 In questo studio clinico pilota controllato, abbinato all’età, abbiamo studiato il potenziale della stimolazione quotidiana della pompa muscolare del polpaccio ( esercizio passivo) per normalizzare la pressione sanguigna e migliorare le prestazioni cognitive in una popolazione anziana residente in un centro di accoglienza per anziani.

collegamento di riferimento: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5683775/

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.