Il vaccino Moderna è efficace contro diverse varianti COVID-19 sei mesi dopo che le persone sono state completamente vaccinate

0
110

Un team di ricercatori del National Institutes of Health degli Stati Uniti, in collaborazione con i colleghi della Emory University School of Medicine, Emmes Company, Moderna, Inc. e Kaiser Permanente Washington Health Research Institute, ha scoperto tramite test che il vaccino Moderna è ancora efficace contro COVID-19 sei mesi dopo che le persone sono state completamente vaccinate.

Ricerche precedenti hanno dimostrato che i vaccini di Pfizer e Johnson & Johnson sono stati efficaci contro il COVID-19 per almeno sei mesi. In questo nuovo sforzo, i ricercatori hanno cercato di scoprire se lo stesso vale per il vaccino Moderna.

Per determinare l’efficacia del vaccino Moderna nel tempo, i ricercatori hanno arruolato l’assistenza di 24 volontari completamente vaccinati. A ciascuno è stato chiesto di fornire campioni di sangue quattro settimane dopo essere stati inoculati e poi altre tre volte nel corso di sei mesi.

I ricercatori hanno testato ciascuno dei campioni rispetto a tutte le varianti più comuni: B.1.351 (Beta), B.1.1.7 (Alpha), B.1.429 (Epsilon), P.1 (Gamma), B.1.617. 2 (Delta) e B.1.526 (Iota). Hanno scoperto che, ad eccezione di B.1.351 (Beta), il vaccino era molto efficace contro le varianti di COVID-19, come indicato da una risposta anticorpale completa.

Hanno anche notato che dopo sei mesi, il 96% dei campioni testati ha mostrato una risposta completa alla variante B.1.617.2 (Delta), che è ovviamente quella responsabile della maggior parte delle nuove infezioni negli Stati Uniti Un risultato preoccupante , tuttavia, era che solo la metà dei campioni testati ha istigato una risposta anticorpale completa contro la variante Beta, o B.1.351, che è stata osservata per la prima volta in Sud Africa.

I ricercatori hanno anche notato che una risposta anticorpale non è l’unica parte del sistema immunitario responsabile della protezione delle persone dagli attacchi virali: anche le cellule B e T fanno parte del processo, sebbene tendano a impiegare più tempo per essere coinvolte. Tra i lati positivi, possono fornire una certa protezione per le persone quando la risposta anticorpale svanisce.

I ricercatori notano anche che durante il loro studio hanno scoperto che la risposta anticorpale nelle persone anziane è diminuita solo leggermente. Concludono suggerendo che studi come il loro dovranno essere condotti periodicamente mentre il futuro si dispiega per scoprire per quanto tempo i vaccini forniscono protezione.


Punti chiave

  • Tutti i vaccini COVID-19 attualmente autorizzati negli Stati Uniti sono efficaci contro COVID-19, inclusi esiti gravi di malattie gravi, ospedalizzazione e morte.
  • Le prove disponibili suggeriscono che i vaccini mRNAh COVID-19 attualmente autorizzati (Pfizer-BioNTech e Moderna) sono altamente efficaci contro l’ospedalizzazione e la morte per una varietà di ceppi, tra cui Alpha (B.1.1.7), Beta (B.1.351), Gamma ( P.1) e Delta (B.1.617.2); i dati suggeriscono una minore efficacia contro l’infezione confermata e la malattia sintomatica causata dalle varianti Beta, Gamma e Delta rispetto al ceppo ancestrale e alla variante Alpha. È necessario un monitoraggio continuo dell’efficacia del vaccino contro le varianti.
  • Un numero crescente di prove indica che le persone completamente vaccinate con un vaccino mRNA (Pfizer-BioNTech o Moderna) hanno meno probabilità delle persone non vaccinate di acquisire SARS-CoV-2 o di trasmetterlo ad altri. Tuttavia, il rischio di infezione da SARS-CoV-2 nelle persone completamente vaccinate non può essere completamente eliminato finché vi è una continua trasmissione del virus nella comunità.
  • Sono in corso studi per saperne di più sull’efficacia del vaccino Johnson & Johnson/Janssen.
  • Al momento, ci sono dati limitati sull’efficacia del vaccino nelle persone immunocompromesse. Le persone con condizioni immunocompromesse, comprese quelle che assumono farmaci immunosoppressivi, dovrebbero discutere la necessità di misure di protezione personale dopo la vaccinazione con il proprio medico.
  • Questo brief scientifico aggiornato sintetizza le prove scientifiche a supporto della guida del CDC  per le persone completamente vaccinate  e continuerà ad essere aggiornato man mano che saranno disponibili ulteriori informazioni.

Sfondo

La vaccinazione COVID-19 è una misura di prevenzione fondamentale per aiutare a porre fine alla pandemia di COVID-19. I vaccini COVID-19 sono ora ampiamente disponibili negli Stati Uniti e il CDC raccomanda a tutte le persone di età pari o superiore a 12 anni di essere vaccinate contro il COVID-19. Tre vaccini COVID-19 sono attualmente autorizzati dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense per l’uso di emergenza: due vaccini mRNA (Pfizer-BioNTech, Moderna) e un vaccino vettore adenovirale (vaccino Johnson & Johnson/Janssen). Le persone sono considerate completamente vaccinate se sono ≥2 settimane dopo la ricezione della seconda dose in una serie di 2 dosi (vaccini mRNA) o ≥2 settimane dopo la ricezione di un vaccino a dose singola (Johnson & Johnson/Janssen). *

Le raccomandazioni sulla salute pubblica per le persone completamente vaccinate con vaccini COVID-19 autorizzati devono considerare le prove dell’efficacia del vaccino contro il COVID-19 sintomatico e asintomatico, nonché l’impatto del vaccino sulla trasmissione di SARS-CoV-2. Anche altri fattori individuali e sociali sono importanti quando si valutano i benefici e i potenziali danni di ulteriori misure di prevenzione tra gli individui vaccinati. Il Comitato consultivo sulle pratiche di immunizzazione e il CDC considerano abitualmente fattori come i valori della popolazione, l’accettabilità e la fattibilità dell’implementazione quando formulano raccomandazioni sui vaccini. [1]  Questi fattori sono stati considerati anche durante lo sviluppo delle raccomandazioni provvisorie sulla salute pubblica del CDC  per le persone completamente vaccinate .

In questo brief scientifico, riassumiamo le prove disponibili fino al 24 luglio 2021, per i vaccini COVID-19 attualmente autorizzati (somministrati secondo i programmi raccomandati) e ulteriori considerazioni utilizzate per informare le raccomandazioni di salute pubblica per le persone completamente vaccinate, tra cui:

  • Efficacia ed efficacia del vaccino contro l’infezione da SARS-CoV-2
  • Prestazioni del vaccino contro i virus varianti SARS-CoV-2 emergenti
  • Impatto di altre misure di prevenzione nel contesto della vaccinazione

Prove crescenti indicano che le persone completamente vaccinate senza condizioni di immunocompromissione sono in grado di impegnarsi nella maggior parte delle attività con un basso rischio di acquisire o trasmettere SARS-CoV-2. I vantaggi di evitare interruzioni come quarantena non necessaria e isolamento sociale potrebbero superare il basso rischio residuo di ammalarsi di COVID-19, generalmente con malattia lieve.

Efficacia ed efficacia del vaccino COVID-19

L’efficacia del vaccino si riferisce alle prestazioni di un vaccino in uno studio clinico attentamente controllato, mentre l’efficacia descrive le sue prestazioni negli studi osservazionali del mondo reale. Le prove dimostrano che i vaccini COVID-19 autorizzati sono sia efficaci che efficaci contro il COVID-19 sintomatico e confermato in laboratorio, comprese le forme gravi della malattia. Inoltre, un numero crescente di prove suggerisce che i vaccini mRNA COVID-19 riducono anche l’infezione e la trasmissione asintomatiche. Riduzioni sostanziali delle infezioni da SARS-CoV-2 (sia sintomatiche che asintomatiche) ridurranno i livelli complessivi di malattia e, quindi, la trasmissione virale negli Stati Uniti. Tuttavia, sono in corso indagini per valutare ulteriormente il rischio di trasmissione da persone completamente vaccinate con infezioni in corso.

Studi di provocazione animale

Gli studi sulla sfida del macaco Rhesus hanno fornito la prima prova dei potenziali effetti protettivi dei vaccini Pfizer-BioNTech, Moderna e Johnson & Johnson/Janssen COVID-19 contro l’infezione da SARS-CoV-2, compresa l’infezione sia sintomatica che asintomatica. I macachi vaccinati hanno sviluppato anticorpi neutralizzanti che hanno superato quelli nei sieri convalescenti umani e non hanno mostrato segni di malattia clinica o hanno mostrato segni minimi di malattia clinica dopo la sfida SARS-CoV-2. [2-4]  Inoltre, la vaccinazione contro il COVID-19 ha impedito o limitato la replicazione virale nelle vie respiratorie superiori e inferiori, il che potrebbe avere implicazioni per la trasmissione del virus tra gli esseri umani. [2-4]

Efficacia del vaccino da studi clinici sull’uomo

Gli studi clinici hanno successivamente dimostrato che i vaccini COVID-19 autorizzati sono efficaci contro COVID-19 sintomatico confermato in laboratorio negli adulti, comprese le forme gravi della malattia, con prove di protezione contro l’infezione da SARS-CoV-2 sia sintomatica che asintomatica  [5- 11]  ( Riquadro ). Dati recenti di studi hanno dimostrato l’efficacia del 100% del vaccino Pfizer-BioNTech contro COVID-19 sintomatico confermato in laboratorio negli adolescenti di 12-15 anni, sebbene questa stima fosse basata su un numero limitato di casi. [12]

Riquadro 1. Riepilogo delle stime di efficacia del vaccino per i vaccini COVID-19 autorizzati

Tutti i vaccini COVID-19 autorizzati hanno dimostrato efficacia (intervallo dal 65% al ​​95%) contro il COVID-19 sintomatico e confermato in laboratorio negli adulti ≥18 anni.

  • Per ogni vaccino COVID-19 autorizzato, l’efficacia è stata dimostrata in diverse popolazioni, inclusi anziani e giovani adulti, in persone con e senza condizioni di salute pregresse e in persone che rappresentano diverse razze ed etnie.
  • Il vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 ha anche dimostrato un’elevata efficacia contro il COVID-19 sintomatico e confermato in laboratorio negli adolescenti di età compresa tra 12 e 17 anni.

Tutti i vaccini COVID-19 autorizzati hanno dimostrato un’elevata efficacia (≥89%) contro COVID-19 abbastanza grave da richiedere il ricovero in ospedale.

Tutti i vaccini COVID-19 autorizzati hanno dimostrato un’elevata efficacia contro la morte associata a COVID-19.

  • Negli studi clinici, nessun partecipante che ha ricevuto un vaccino COVID-19 è morto di COVID-19; gli studi Moderna e Johnson & Johnson/Janssen tra adulti di età ≥18 anni hanno avuto ciascuno decessi per COVID-19 nel braccio placebo non vaccinato.

I dati preliminari degli studi clinici su adulti di età ≥18 anni suggeriscono che la vaccinazione COVID-19 protegge dall’infezione sintomatica e può anche proteggere dall’infezione asintomatica.

  • Nello studio Moderna, tra le persone che avevano ricevuto una prima dose, il numero di persone asintomatiche risultate positive per SARS-CoV-2 al secondo appuntamento era di circa il 67% inferiore tra i vaccinati rispetto ai destinatari del placebo (0,1% e 0,3). %, rispettivamente)
  • L’efficacia del vaccino Johnson & Johnson/Janssen COVID-19 contro l’infezione asintomatica è stata del 74% in un sottogruppo di partecipanti allo studio.

Nessuno studio ha confrontato contemporaneamente l’efficacia di uno qualsiasi dei vaccini autorizzati nella stessa popolazione in studio, rendendo difficile il confronto dell’efficacia.

  • Tutti gli studi di Fase 3 differivano in base all’ora del calendario e all’area geografica.
  • I vaccini sono stati testati in ambienti con diversa incidenza di COVID-19 di fondo e varianti circolanti.

Efficacia del vaccino nel mondo reale

Numerosi studi negli Stati Uniti e in altri paesi hanno dimostrato che una serie di vaccinazioni a due dosi contro l’mRNA COVID-19 è altamente efficace contro l’infezione da SARS-CoV-2 (comprese le infezioni sia sintomatiche che asintomatiche) causata da ceppi ancestrali e varianti e sequele comprese gravi malattia, ospedalizzazione e morte. Le prime prove per il vaccino Johnson & Johnson/Janssen dimostrano anche l’efficacia contro il COVID-19 in condizioni reali.

Tabella 1a. – Efficacia della vaccinazione COVID-19 contro l’infezione da SARS-CoV-2 e le malattie sintomatiche

NazionePopolazioneVaccinoRisultatoEfficacia del vaccino*
Stati Uniti [13]Popolazione adulta generalePfizer-BioNTech o ModernaInfezione da SARS-CoV-289%*1
Stati Uniti [14]Popolazione adulta generalePfizer-BioNTech o ModernaInfezione da SARS-CoV-286%*2
Stati Uniti [15]Popolazione adulta generalePfizer-BioNTech o Modernaricovero96%*1
Stati Uniti [16]Operatore sanitarioPfizer-BioNTechInfezione da SARS-CoV-297%*2
ModernaInfezione da SARS-CoV-299%*2
Stati Uniti [17]Operatori sanitari, primi soccorritori e altri lavoratori essenziali e in prima lineaPfizer-BioNTech o ModernaInfezione da SARS-CoV-290%*2
Stati Uniti [18]Operatore sanitarioPfizer-BioNTechInfezione da SARS-CoV-296%*1
Stati Uniti [19]Operatore sanitarioPfizer-BioNTech o ModernaMalattia sintomatica94%*1
Stati Uniti [20]Operatori sanitari e residenti in una struttura infermieristica specializzataPfizer-BioNTechResidenti: malattia sintomatica87%*2
Residenti: ricovero in ospedale94%*2
Operatori sanitari: malattia sintomatica87%*2
Stati Uniti [21]Adulti ricoverati ≥65 anniPfizer-BioNTech o Modernaricovero94%*2
Stati Uniti [22]Membri del sistema sanitario ≥18 anniJohnson & Johnson/JanssenInfezione da SARS-CoV-277%*2
Regno Unito [23]Operatore sanitarioPfizer-BioNTech o AstraZenecaInfezione da SARS-CoV-290%*2
Regno Unito [24]Operatore sanitarioPfizer-BioNTechInfezione da SARS-CoV-286%*1
Regno Unito (Scozia) [25]Operatore sanitarioPfizer-BioNTech o AstraZenecaInfezione da SARS-CoV-292%*2
Regno Unito [26]Adulti di età ≥ 80 anni, compresi quelli con più condizioni di basePfizer-BioNTechMalattia sintomatica85%*2
Israele [27]Membri HMO >16 anniPfizer-BioNTechInfezione da SARS-CoV-289%*1
Israele [28]Membri del sistema sanitarioPfizer-BioNTech<60 anni: infezione da SARS-CoV-293%*2
≥60 anni: infezione da SARS-CoV-292%*2
Israele [29]Popolazione adulta generalePfizer-BioNTechInfezione da SARS-CoV-292%*1
Malattia sintomatica94%*1
ricovero87%*1
malattia grave92%*1
Israele [30]Popolazione generale ≥16 anniPfizer-BioNTechInfezione da SARS-CoV-293%*1
ricovero94%*1
malattia grave94%*1
Israele [31]Popolazione generale ≥16 anniPfizer-BioNTechMalattia sintomatica97%*1
Malattia grave/critica98%
ricovero97%
Morte97%
Israele [32]Operatore sanitarioPfizer-BioNTechMalattia sintomatica97%*1
Israele [33]Operatore sanitarioPfizer-BioNTechMalattia sintomatica90%*3
Italy[34]Operatore sanitarioPfizer-BioNTechMalattia sintomatica95%*1
Danimarca [35]Residenti in strutture di assistenza a lungo terminePfizer-BioNTechInfezione da SARS-CoV-264%*1
Personale della struttura di assistenza a lungo terminePfizer-BioNTechInfezione da SARS-CoV-290%*1
Svezia [36]Popolazione adulta generalePfizer-BioNTechInfezione da SARS-CoV-286%*1

* Sono inclusi solo gli studi che includono le stime dell’efficacia del vaccino ≥7 giorni dopo una serie di vaccinazioni completata. Gli studi che esaminano più vaccini per i quali è riportata una singola stima dell’efficacia del vaccino non hanno valutato l’efficacia del vaccino per tipo di prodotto.

1  ≥7 giorni dopo la seconda dose

2  ≥14 giorni dopo la seconda dose

3  ≥11 giorni dopo la seconda dose

Oltre agli studi elencati nella Tabella 1a, sono state dimostrate ulteriori prove dell’impatto della vaccinazione con il vaccino Pfizer-BioNTech e Moderna COVID-19 tra gli operatori sanitari, con importanti riduzioni delle infezioni da SARS-CoV-2 tra coloro che hanno ricevuto due dosi di Vaccino COVID-19 anche quando la trasmissione comunitaria era in aumento. [37-39]

Tabella 1b. – Efficacia della vaccinazione COVID-19 contro l’infezione asintomatica SARS-CoV-2

NazionePopolazioneVaccinoRisultatoEfficacia del vaccino
Stati Uniti [40]Popolazione adulta generalePfizer-BioNTech o ModernaInfezione asintomatica80%*1
Stati Uniti [18]Operatore sanitarioPfizer-BioNTechInfezione asintomatica90%*2
Israele [31]Popolazione adulta generalePfizer-BioNTechInfezione asintomatica92%*2
Israele [32]Operatore sanitarioPfizer-BioNTech o AstraZenecaInfezione asintomatica86%*2
Israele [33]Operatore sanitarioPfizer-BioNTechInfezione asintomatica65%*3

1 ≥0 giorni dopo la seconda dose

2 ≥7 giorni dopo la seconda dose

3 ≥11 giorni dopo la seconda dose

I dati provenienti da più studi in diversi paesi suggeriscono che le persone vaccinate con il vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 che sviluppano COVID-19 hanno una carica virale inferiore rispetto alle persone non vaccinate. [41-44]  Questa osservazione può indicare una ridotta trasmissibilità, poiché la carica virale è stata identificata come un fattore chiave della trasmissione. [45]  Due studi del Regno Unito hanno rilevato una probabilità significativamente ridotta di trasmissione ai contatti familiari da persone infette da SARS-CoV-2 che erano state precedentemente vaccinate per COVID-19. [25, 46]

Efficacia del vaccino nelle persone immunodepresse

Sono state osservate prove di ridotta risposta anticorpale o ridotta immunogenicità della vaccinazione contro l’mRNA COVID-19 nei seguenti gruppi: persone che assumono determinati farmaci immunosoppressivi come rituximab  [47-50]  o micofenolato  [50-53] , persone con tumori ematologici  [54, 55] e pazienti in emodialisi  [56] . Al momento, i dati sulla protezione vaccinale nelle persone immunocompromesse sono limitati; inoltre, l’impatto della soppressione immunitaria sull’efficacia del vaccino COVID-19 può variare in base alle condizioni. [55, 57]

Non sono disponibili dati completi su quali condizioni immunocompromesse potrebbero influenzare la risposta alla vaccinazione COVID-19; inoltre, non esiste un correlato immunitario stabilito della protezione contro SARS-CoV-2, quindi il rischio di infezione nelle persone che rispondono in modo incompleto alla vaccinazione COVID-19 non può essere quantificato utilizzando i dati di immunogenicità. Le persone con condizioni immunocompromesse, comprese quelle che assumono farmaci immunosoppressivi, dovrebbero discutere la necessità di misure di protezione personale dopo la vaccinazione con il proprio medico.Vai a:

Varianti virali emergenti di SARS-CoV-2 e prestazioni del vaccino

Varianti SARS-CoV-2 preoccupanti (COV: Alpha (B.1.1.7), rilevata per la prima volta nel Regno Unito; Beta (B.1.351), rilevata per la prima volta in Sudafrica; Gamma (P.1), rilevata per la prima volta in Giappone/Brasile e Delta (B.1.617.2), rilevate per la prima volta in India) sono emerse con mutazioni che alterano il dominio di legame del recettore della proteina spike e hanno un impatto negativo sull’efficacia del vaccino (in particolare la mutazione N501Y che si verifica in Alpha, varianti Beta e Gamma, le mutazioni E484K e E417T/N in Beta e Gamma e la mutazione L452R in Delta). [58]

Mutazioni simili si verificano anche nelle varianti di interesse SARS-CoV-2 (VOI: Epsilon (B.1.427/B.1.429), rilevata per la prima volta negli Stati Uniti-California; Iota (B.1.526), ​​rilevata per la prima volta negli Stati Uniti- New York; Eta (B.1.525), rilevata per la prima volta nel Regno Unito/Nigeria; e Kappa (B.1.617.1) e B.1.617.3, rilevata per la prima volta in India) [58] , ma queste varianti attualmente hanno prevalenza o espansione negli Stati Uniti o in altri paesi e mancano ancora prove chiare di un aumento della trasmissione, della gravità della malattia o dell’impatto sui vaccini, sulle terapie o sui test diagnostici disponibili. [58] Le prestazioni del vaccino contro le varianti emergenti di SARS-CoV-2 sono una considerazione importante quando si valuta la necessità di misure di prevenzione nelle persone vaccinate e richiederanno un monitoraggio continuo. Quando si valuta il rischio, è rilevante anche considerare la circolazione regionale e locale delle varianti di SARS-CoV-2; i dati attuali possono essere trovati sul sito web di CDC.

Attività anticorpale neutralizzante indotta dal vaccino

I sieri dei destinatari del vaccino mRNA COVID-19 (sia Pfizer-BioNTech che Moderna) hanno dimostrato riduzioni da minime a grandi nell’attività di neutralizzazione anticorpale contro una varietà di mutazioni  [59-126] ; è stata pubblicata una meta-analisi correlata  [69] . Negli studi sui COV, le riduzioni maggiori sono state osservate per Beta, seguita da Gamma e Delta; le riduzioni per Alpha sono state minime.

Un numero limitato di studi era disponibile per alcuni VOI che hanno dimostrato riduzioni maggiori per Eta e Kappa e riduzioni minime per Epsilon e Iota. È stato dimostrato che le mutazioni E484K/Q e L452R da sole o in combinazione con altre mutazioni nel dominio di legame del recettore rappresentano la maggior parte della riduzione dell’attività anticorpale neutralizzante indotta dal vaccino per le varianti Beta, Gamma e Delta. [71, 77, 91, 109, 112, 127, 128] 

Le varianti Alpha e Iota con mutazioni E484K, che sono state rilevate nel Regno Unito, negli Stati Uniti e in altri paesi, hanno mostrato ulteriori riduzioni della neutralizzazione rispetto alle sole Alpha e Iota, rispettivamente. [62, 68, 70, 71, 90, 114, 115, 118]  Per i vaccini COVID-19 a due dosi, diversi studi hanno mostrato una maggiore neutralizzazione contro le varianti dopo la seconda dose (cioè tra le persone completamente vaccinate) rispetto alla prima dose (parzialmente vaccinato). [59, 71, 72, 77, 78, 86, 99, 103, 105-107, 119, 129]

Due studi hanno dimostrato che sei mesi dopo aver ricevuto il vaccino Moderna, percentuali più elevate di persone avevano un’attività di neutralizzazione non rilevabile contro Beta e Gamma rispetto al ceppo ancestrale. [130, 131]  Tuttavia, uno studio recente ha mostrato che le persone che hanno ricevuto il vaccino Johnson & Johnson/Janssen hanno avuto un calo minimo nei titoli neutralizzanti contro Beta, Gamma e Delta 8 mesi dopo la vaccinazione e che c’era evidenza di un’estensione estesa del neutralizzando la risposta anticorpale contro le varianti in questo periodo di tempo, probabilmente attraverso la maturazione delle cellule B. [64] 

Un altro studio che confrontava le risposte anticorpali a diversi vaccini a 2,5-3 mesi dopo la vaccinazione ha mostrato titoli neutralizzanti relativamente più bassi contro Beta e Delta per Johnson & Johnson/Janssen (un vaccino vettore adenovirus) rispetto ai vaccini mRNA. [132]  Sono ancora necessarie ulteriori prove in questo settore, compresa la comprensione delle potenziali differenze nella cinetica della risposta immunitaria correlata alle diverse piattaforme di vaccini.

È stata dimostrata una solida correlazione tra l’efficacia del vaccino e i livelli di anticorpi neutralizzanti indotti da diversi vaccini. [133, 134]  Sulla base dell’evidenza degli studi clinici, è stato stimato che il correlato della protezione, o soglia anticorpale che fornisce protezione contro la malattia grave, è molto più basso e ha meno probabilità di essere influenzato dalle differenze nell’efficacia iniziale del vaccino rispetto a quello richiesto per la protezione contro l’infezione accertata. [134] 

Tuttavia, in assenza di un correlato biologico accettato di protezione, è difficile prevedere completamente come la ridotta attività neutralizzante possa influenzare l’efficacia del vaccino COVID-19. In tutti gli studi, l’attività di neutralizzazione anticorpale dei sieri di persone vaccinate era generalmente superiore a quella osservata per i sieri convalescenti di persone guarite dal COVID-19. (71, 75, 80, 83, 101-103, 105, 107, 112, 118, 127, 128]

Tuttavia, alcune varianti possono ridurre i titoli anticorpali neutralizzanti vicino o al di sotto della soglia protettiva, con conseguente riduzione dell’efficacia del vaccino, aumento delle infezioni da esordio (cioè infezioni nelle persone vaccinate) e riduzione della durata dell’immunità. Ad esempio, uno studio di modellizzazione ha stimato che un titolo neutralizzante 5 volte inferiore contro una particolare variante avrebbe ridotto l’efficacia dal 95% al ​​77% in un vaccino ad alta efficacia, o dal 70% al 32% per un vaccino a minore efficacia  [134 ] ; tuttavia, ciò presuppone che la neutralizzazione dell’anticorpo sia l’unico importante meccanismo di protezione e questa riduzione può essere mitigata laddove la neutralizzazione e l’immunità cellulare svolgono entrambe un ruolo nella protezione.

Immunità cellulare indotta dal vaccino

Diversi studi hanno valutato le risposte delle cellule T CD4+ e CD8+ dai destinatari del vaccino Moderna o Pfizer al ceppo ancestrale SARS-CoV-2 rispetto alle varianti Alpha, Beta, Gamma ed Epsilon; questi studi hanno osservato difetti modesti o nulli nel riconoscimento immunitario cellulare delle varianti. [78, 85, 105, 135-139]  Pertanto, l’immunità cellulare può aiutare a limitare la gravità della malattia nelle infezioni causate da varianti che sfuggono parzialmente agli anticorpi neutralizzanti. È stato osservato che i polimorfismi negli alleli dell’antigene leucocitario umano determinano una variazione della risposta delle cellule T a varianti specifiche, che possono avere un impatto diverso su diverse sottopopolazioni in base alla maggiore prevalenza genetica. [140-145]

Efficacia ed efficacia

Un numero crescente di studi in Israele, Europa e Regno Unito ha dimostrato un’elevata efficacia nel mondo reale (>85%) di due dosi di vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 mentre l’Alpha era prevalente. [24, 29-31, 33, 36, 146-148]  Gli studi del Qatar hanno dimostrato un’elevata efficacia contro l’infezione documentata con Alfa e Beta ≥14 giorni dopo aver ricevuto il vaccino Pfizer-BioNTech (90% e 75%, rispettivamente) e il vaccino Moderna (rispettivamente 100% e 96%); cosa importante, entrambi i vaccini erano efficaci dal 96% al 100% contro malattie gravi, critiche o fatali, indipendentemente dal ceppo. [149, 150] 

I dati degli studi clinici suggeriscono che il vaccino Johnson & Johnson/Janssen COVID-19 potrebbe avere una ridotta efficacia complessiva contro la variante Beta. Sebbene i tassi di sierorisposta fossero simili tra i partecipanti agli studi clinici statunitensi e quelli provenienti da Brasile e Sud Africa, l’efficacia del vaccino dopo ≥14 giorni era del 74% negli Stati Uniti, del 66% in Brasile (dove circa il 69% delle infezioni era dovuto a Zeta [ P.2]) e il 52% in Sud Africa (~dove il 95% delle infezioni era dovuto a Beta). [151] 

In particolare, il vaccino Johnson & Johnson/Janssen ha mostrato una buona efficacia contro malattie gravi o critiche (73%-82%) in tutti i siti. In tre studi dal Canada, uno ha dimostrato l’efficacia del 79% per i vaccini mRNA contro l’infezione confermata durante un periodo in cui Alfa e Gamma rappresentavano la maggior parte delle infezioni, mentre altri due hanno dimostrato un’efficacia dell’84% e dell’88%, rispettivamente, contro l’infezione sintomatica causata da Gamma/Beta. [152-154]

Per la variante Delta, studi recenti in Inghilterra e Scozia hanno notato una ridotta efficacia del vaccino Pfizer-BioNTech contro l’infezione confermata (79%) e l’infezione sintomatica (88%), rispetto all’Alpha (rispettivamente 92% e 93%). [146, 147]  Durante due recenti cicli di un’indagine sulla popolazione nazionale in Inghilterra, quando Delta era il colorante dominante, l’efficacia del vaccino a 2 dosi contro l’infezione confermata dalla PCR era rispettivamente del 72% e del 73%. [155] 

Uno studio canadese ha dimostrato un’efficacia dell’87% contro la malattia sintomatica ≥7 giorni dopo aver ricevuto il vaccino Pfizer-BioNTech. [153]  Comunicati stampa da Israele hanno rilevato un’ulteriore diminuzione dell’efficacia dei vaccini contro le infezioni e le malattie causate da Delta; queste differenze possono in parte riflettere differenze nella metodologia di studio, ma sono necessarie più informazioni tecniche per consentire un’interpretazione completa. In particolare, nel Regno Unito, in Canada e in Israele, l’efficacia del vaccino contro l’ospedalizzazione correlata a Delta è stata del 93%-100% e paragonabile a quella osservata con Alpha. [148, 153] I dati del Regno Unito hanno osservato che la recente ripresa dei casi di COVID-19 è guidata dalla sostituzione dell’Alpha con la variante Delta e dalle infezioni che si verificano in bambini e giovani adulti non vaccinati. [155]

Infezioni rivoluzionarie

Nonostante l’elevata efficacia, i casi di scoperta del vaccino sono rari ma inevitabili, comprese le infezioni causate da varianti circolanti. Da gennaio a maggio 2021, i dati COVID-NET dei ricoveri associati al COVID-19 confermati in laboratorio negli adulti di età ≥ 18 anni, per i quali lo stato vaccinale è noto, hanno mostrato che <3% dei ricoveri si è verificato in persone completamente vaccinate. Il CDC conduce il monitoraggio a livello nazionale dei casi di vaccinazione che hanno portato a ospedalizzazione o morte.

In generale, i sintomi e la durata della malattia nelle infezioni da vaccino vaccinale sono stati attenuati rispetto ai casi tra le persone non vaccinate. [156]  Tra i casi di svolta ospedalizzati o fatali segnalati al CDC al 19 luglio 2021, il 74% aveva 65 anni o più. Uno studio statunitense ha osservato che il 44% delle infezioni rivoluzionarie riguardava persone immunocompromesse, simili ai risultati riportati da Israele. [157, 158] 

Le infezioni rivoluzionarie possono aumentare l’immunità; quattro settimane dopo un focolaio in una struttura di assistenza a lungo termine, è stato riscontrato che i residenti completamente vaccinati che hanno manifestato infezioni straordinarie avevano livelli anticorpali significativamente più elevati rispetto agli individui vaccinati che non hanno manifestato infezioni epidemiche. [159]

Le proporzioni di VOC osservate tra i casi di svolta sono state simili a quelle osservate nella sorveglianza genomica nazionale del CDC, [160]  ma l’interpretazione di questi dati è difficile a causa della variazione locale e dei cambiamenti nelle proporzioni delle varianti nel tempo. Uno studio israeliano sulle infezioni da VOC negli adulti completamente vaccinati con Pfizer-BioNTech rispetto ai controlli abbinati non vaccinati, durante un periodo in cui Alpha era il ceppo dominante e Beta è stato rilevato in <1% di tutti i campioni, ha riscontrato una percentuale più elevata di Beta nei soggetti completamente vaccinati. casi (rapporto di probabilità abbinato = 8,0) e una proporzione più elevata di Alfa nei casi parzialmente vaccinati (rapporto di probabilità corrispondente = 2,6), sebbene piccole dimensioni del campione, specialmente per Beta, siano state notate come una limitazione. [161] 

Uno studio condotto a Houston, in Texas, ha osservato che Delta ha causato un tasso significativamente più alto di infezioni da rottura nelle persone completamente vaccinate rispetto alle infezioni da altre varianti, ma ha osservato che solo il 6,5% di tutti i casi di COVID-19 si è verificato in individui completamente vaccinati. [162] 

Studi dall’India con vaccini non autorizzati per l’uso negli Stati Uniti hanno rilevato cariche virali relativamente elevate e dimensioni dei cluster più grandi associate alle infezioni da Delta, indipendentemente dallo stato di vaccinazione. [96]  Questi primi dati suggeriscono che le infezioni da Delta rivoluzionarie sono trasmissibili. I dati non pubblicati sono coerenti con questo e sono in corso ulteriori raccolte di dati e studi per comprendere il livello e la durata della trasmissibilità delle infezioni da vaccino Delta negli Stati Uniti e in altri contesti.Vai a:

Impatto delle misure di prevenzione nel contesto della vaccinazione

È stato dimostrato che le misure di prevenzione individuali e comunitarie, oltre alla vaccinazione, aiutano a ridurre la diffusione di SARS-CoV-2. [163-167]  Tuttavia, possono esserci costi individuali e sociali relativi al distanziamento fisico, alla quarantena, alla chiusura di scuole e attività commerciali e ad altre misure di prevenzione. [168-175]

Gli studi di modellizzazione suggeriscono che l’adesione ad altre misure di prevenzione, come indossare maschere e distanziamento fisico, continua a essere importante nel contesto dell’implementazione del vaccino. [176-184]  In uno studio, il completo allentamento delle misure di prevenzione per l’intera popolazione prima di un’adeguata copertura vaccinale (60-80% a seconda della popolazione considerata) non ha prodotto sostanzialmente alcuna riduzione delle infezioni da SARS-CoV-2. [178] 

Tuttavia, nel contesto dell’implementazione rapida del vaccino, il beneficio degli interventi non farmaceutici diminuisce: i dati preliminari di uno studio hanno rilevato che le misure di prevenzione negli Stati Uniti potrebbero iniziare a essere allentate 2-3 mesi dopo l’inizio della vaccinazione se un tasso di 3 milioni di dosi somministrati giornalmente sono stati raggiunti [185] .

Di conseguenza, i dati preliminari suggeriscono che l’aumento dei tassi di vaccinazione potrebbe consentire l’eliminazione graduale di alcune misure di prevenzione con l’aumento della copertura. [184]  Con l’elevata efficacia del vaccino e l’aumento della copertura vaccinale, studi preliminari di modellazione condotti prima dell’emergere della variante Delta hanno previsto che le persone vaccinate che tornano alle normali attività avranno un impatto minimo sul corso della pandemia. [185, 186]

collegamento di riferimento: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK570435/


Maggiori informazioni: Amarendra Pegu et al, Durabilità degli anticorpi indotti dal vaccino mRNA-1273 contro le varianti SARS-CoV-2, Science (2021). DOI: 10.1126/science.abj4176

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.