Quanto dura l’immunità contro il COVID-19 nelle persone vaccinate?

0
64

Un nuovo studio degli scienziati del La Jolla Institute for Immunology (LJI) aiuta a rispondere alla domanda: quanto dura l’immunità contro il COVID-19 nelle persone vaccinate?

Come riportano su Science, una bassa dose del vaccino Moderna dura almeno sei mesi e non c’è alcun indicatore che le persone vaccinate abbiano bisogno di una dose di richiamo.

“Questo momento è fondamentale perché è in quel momento che si è formata la vera memoria immunitaria”, afferma la professoressa assistente alla ricerca LJI Daniela Weiskopf, Ph.D., che ha co-diretto lo studio con i professori LJI Alessandro Sette, Dr.Biol.Sci. e Shane Crotty, Ph.D.

Infatti, mentre il vaccino Moderna COVID-19 (mRNA-1273) ha portato a forti risposte di cellule T CD4+ (helper), cellule T CD8+ (killer) e anticorpi per almeno sei mesi dopo che i partecipanti alla sperimentazione clinica sono stati completamente vaccinati, è probabile che la risposta immunitaria potrebbe durare molto più a lungo.

I ricercatori mostrano anche che questa forte memoria immunitaria è durata in tutti i gruppi di età testati, comprese le persone di età superiore ai 70 anni, una fascia demografica particolarmente vulnerabile al COVID-19 grave.

“La memoria immunitaria era stabile, e questo è stato impressionante”, aggiunge Crotty. “Questo è un buon indicatore della durata dei vaccini mRNA”.

Confrontando il vaccino Moderna con l’immunità naturale

I ricercatori hanno confrontato i pazienti guariti da COVID-19 con i partecipanti allo studio sui vaccini che hanno ricevuto una dose di 25 microgrammi del vaccino Moderna durante gli studi clinici di fase 1 (supportati dal National Institute of Allergy and Infectious Diseases, National Institutes of Health).

“Volevamo vedere se un quarto della dose è in grado di indurre una risposta immunitaria”, afferma il primo autore dello studio Jose Mateus Triviño, Ph.D., borsista post-dottorato presso LJI. “Abbiamo avuto l’opportunità di ricevere i campioni dai partecipanti allo studio di fase 1 Moderna/NIH originali che avevano ricevuto due iniezioni da 25 microgrammi del vaccino, a 28 giorni di distanza”.

Questa dose di vaccino è un quarto della dose di Moderna da 100 microgrammi data l’autorizzazione di emergenza dalla Food and Drug Administration (FDA).

Sebbene i ricercatori non sappiano se questa dose più piccola sia efficace quanto la dose standard, questo nuovo studio mostra che la risposta delle cellule T e degli anticorpi nel gruppo a dose più piccola è ancora forte.

In effetti, i ricercatori hanno scoperto che il vaccino Moderna stimola una risposta immunitaria adattativa alla proteina spike SARS-CoV-2 (un bersaglio chiave) quasi identica alla risposta del sistema immunitario a un’infezione naturale da SARS-CoV-2.

“La risposta è paragonabile”, afferma Weiskopf. “Non è più alto e non è più basso.”

Il nuovo studio non mostra che una dose più bassa del vaccino Moderna fornisca la stessa protezione della dose standard. “Ci vorrebbe una sperimentazione clinica per dirti quanto sia protettiva la dose più bassa”, afferma Crotty.

I comuni virus del raffreddore preparano il sistema immunitario

La nuova ricerca mostra anche il potere delle cellule T “cross-reattive”. In uno studio di Science del 2020, il team LJI ha dimostrato che le cellule T nelle persone che si erano riprese dai comuni coronavirus del raffreddore potevano rispondere al nuovo coronavirus, SARS-CoV-2. All’epoca, non sapevano se questa reattività crociata potesse effettivamente proteggere dal COVID-19.

“Comprendere il ruolo delle cellule T cross-reattive è importante perché le cellule T svolgono un ruolo importante nel controllo e nella risoluzione delle infezioni da COVID-19”, afferma Sette.

Per il nuovo studio, i ricercatori hanno scoperto che le persone con cellule T cross-reattive avevano cellule T CD4+ e risposte anticorpali significativamente più forti a entrambe le dosi del vaccino.

“Se hai questa reattività immunitaria, il tuo sistema immunitario può agire più velocemente contro il virus”, afferma Sette. “E diversi studi hanno dimostrato che la rapidità con cui reagisce il sistema immunitario è fondamentale”.

Il vaccino Moderna attiva le cellule T “killer”

Il team ha anche colmato un’importante lacuna nella ricerca sui vaccini COVID-19. Fino ad ora, molti studi avevano mostrato un’efficace risposta delle cellule T CD4+ al vaccino Moderna, ma mancavano dati sulle cellule T CD8+.

“Sappiamo che le persone naturalmente infette e guarite sviluppano eccellenti risposte delle cellule T CD8+ contro SARS-CoV-2; tuttavia, c’era preoccupazione per la generazione di cellule T CD8+ da parte dei vaccini mRNA”, afferma Mateus Triviño.

Il nuovo studio mostra una forte risposta delle cellule T CD8+ al vaccino Moderna a basso dosaggio, simile alla risposta dopo che un paziente combatte un’infezione naturale da SARS-CoV-2, afferma Sette, un rinomato esperto di cellule T.

“Vediamo una solida risposta delle cellule T CD8+ e lo abbiamo dimostrato utilizzando più test”, aggiunge Weiskopf.

In arrivo:

Questa stessa durata del vaccino sarà valida per gli altri tipi di vaccini COVID-19? Weiskopf e i suoi colleghi stanno indagando. Nel frattempo, Weiskopf afferma che i dati del mondo reale suggeriscono che la memoria immunitaria dura.

“Le persone negli ospedali sono quelle non vaccinate”, dice.

I ricercatori sono anche interessati a come la durata del vaccino Moderna si confronta con altri vaccini COVID-19 in uso.


La pandemia della malattia infettiva da coronavirus 2019 (COVID-19) è in continua evoluzione, guidata dalla diffusione di nuove varianti della sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 (SARS-CoV-2). Durante la seconda metà del 2020 e all’inizio del 2021, sono emerse una serie di nuove varianti SARS-CoV-2. La variante EU2 (mutazione S:447N), osservata per la prima volta nel luglio 2020 nell’Europa occidentale, è risultata in grado di aumentare l’infettività del virus.1, 2

Quindi, sono state identificate diverse varianti di preoccupazione (VOC), tra cui B.1.1.7 sviluppata prima nel Regno Unito a settembre 2020,3 B.1.351 in Sud Africa a dicembre 2020,4 P.1 in Brasile a gennaio 2021,5 e la variante “indiana” B.1.617 segnalata per la prima volta nel Maharashtra nel gennaio 2021.6 La mortalità per malattia è stata aumentata in questi paesi dopo lo sviluppo di nuove varianti.7, 8, 9, 10

Numerosi autori hanno riportato un aumento del rischio di trasmissibilità, ospedalizzazione e morte associato alla variante B.1.1.7.8, 11, 12, 13, 14, 15, 16 È stato riscontrato che la variante B.1.351 ha un aumentata trasmissibilità e fuga immunitaria17 ed è stato stimato essere il 50% più trasmissibile rispetto alle varianti preesistenti

Nello stato dell’Amazzonia è stata osservata una maggiore incidenza di casi di COVID-19 nei gruppi di età più giovane, suggerendo cambiamenti nella patogenicità della variante P.19. I risultati preliminari suggeriscono anche un aumento significativo del tasso di mortalità nella popolazione giovane e di mezza età per la P.1 mutante.20

La regione del Maharashtra, dove è emersa la variante B.1.617, ha registrato un aumento significativo del tasso di infezione giornaliero dopo la comparsa della nuova variante.10

Per controllare la diffusione della SARS-CoV-2, sono stati sviluppati e analizzati numerosi vaccini diversi negli studi clinici, tra cui otto vaccini con uso di emergenza o autorizzazioni all’immissione in commercio condizionate in tutto il mondo o in tutte le regioni, a partire da maggio 2021.21

La campagna di vaccinazione mondiale è iniziata nel dicembre 2020 con l’obiettivo di fornire l’immunità di gregge in tutte le società. La soglia per “l’immunità di gregge” COVID-19 è stata posta tra il 60 e il 70% della popolazione che ottiene l’immunità attraverso le vaccinazioni o l’esposizione a malattie pregresse; tuttavia, gli scienziati avvertono che è improbabile che l’immunità di gregge venga raggiunta a causa di fattori come l’esitazione del vaccino e la diffusione di nuove varianti.22, 23

Israele era molto avanti rispetto ad altri paesi in termini di percentuale di abitanti vaccinati, superando il 62% alla fine di aprile 2021, con il Regno Unito che raggiungeva il 50% e gli Stati Uniti il ​​42% allo stesso tempo.24

I risultati degli studi clinici sull’efficacia del vaccino hanno rivelato che Pfizer-BioNTech ha avuto un’efficacia del 95% nel prevenire l’infezione sintomatica da COVID-19 in persone senza infezione precedente.25 Un’efficacia del 94,1% è stata riportata per Moderna,26 70,4% per Oxford-AstraZeneca,27 66,5% per Johnson & Johnson,28 e il 96,4% per Novavax,29 con quest’ultima ancora in fase di accertamento prima dell’autorizzazione.

Per la prevenzione di un decorso grave della malattia, Pfizer, Moderna, AstraZeneca e Novavax hanno riportato un’efficacia del 100%, mentre per Johnson & Johnson è stato osservato l’84%; tuttavia, quest’ultimo è stato testato su una gamma più ampia di paesi, tra cui Stati Uniti, Sud Africa e Brasile, dopo la diffusione dei nuovi COV.

L’evidenza clinica suggerisce che le varianti virali di nuova concezione possono influenzare l’efficacia protettiva sia dell’immunità acquisita naturalmente che delle vaccinazioni. Gli studi sulla neutralizzazione dei sieri convalescenti contro ceppi distinti hanno mostrato che i COV erano più difficili da neutralizzare rispetto al ceppo originale, un primo ceppo di SARS-CoV-2 correlato a Wuhan.

I titoli di neutralizzazione contro la variante B.1.1.7 hanno mostrato una riduzione di tre volte,30 è stata osservata una riduzione di 3,4 volte per la variante P.1,31 e una riduzione di 13,3 volte per la variante B.1.531.32 Il vaccino Johnson & Johnson è stato è risultato avere un’efficacia del 64% contro l’infezione in Sud Africa e del 68% in Brasile dopo la diffusione delle varianti B.1.135 e P.1, mentre l’efficacia contro le malattie gravi-critiche era dell’82% e dell’88% in entrambi i paesi.28

Alla fine di marzo 2021, è stato osservato che AstraZeneca aveva un’efficacia del 70,4% contro la variante B.1.1.7;33 tuttavia, il vaccino non proteggeva altrettanto bene contro la variante B.1.351.34 Per Novavax, le prove iniziali suggeriscono un’efficacia dell’86,3% contro la variante B.1.1.735 e il 49,4% contro la variante B.1.351.36

All’inizio di maggio 2021, il vaccino Pfizer è risultato efficace all’87% contro l’infezione con la variante B.1.1.7 e al 72% contro la variante B.1.351, mentre per ognuna di queste mutazioni è stata osservata un’efficacia del 97,4% contro il decorso grave della malattia.37

D’altra parte, Wang et al.38 hanno osservato una ridotta neutralizzazione dei sieri immuni al vaccino di Moderna e Pfizer contro la variante B.1.351 (12,4 volte per Moderna; 10,3 volte per Pfizer), ma non è stato osservato alcun impatto significativo per il B.1.1.7 variante.

Successivamente, è stata osservata una neutralizzazione ridotta da 3,8 a 4,8 volte del vaccino Moderna contro la variante P.31. L’evidenza preliminare suggerisce un calo significativo nella neutralizzazione di B.1.617 rispetto ad altre varianti, tra cui B.1.1.7 e P. 1, con sieri del vaccino indiano, Covaxine.10

L’altra preoccupazione è la probabilità di reinfezione dopo il recupero o la vaccinazione. Hansen et al.39 hanno osservato una protezione dell’80,5% contro la reinfezione in uno studio osservazionale a livello di popolazione su pazienti danesi precedentemente risultati positivi per SARS-CoV-2; tuttavia, lo studio è stato condotto prima della diffusione dei COV.

Anche la probabilità di reinfezione dopo la vaccinazione è una grande preoccupazione. Come riportato dai Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), al 26 aprile 2021 si registravano circa 9200 infezioni tra gli abitanti vaccinati su 95 milioni di coloro che erano già stati vaccinati negli Stati Uniti (0,01%).40

Nonostante questi dati preliminari ottimistici, gli esperti avvertono che sono necessari ulteriori dati per valutare il potenziale impatto dei VOC sulla futura efficacia del vaccino.41 Considerando tutte le preoccupazioni associate alla nuova diffusione di VOC, la reale efficacia della vaccinazione diventa difficile da valutare e giudicare, ma è prevedibile diminuire nel tempo.

Inoltre, è probabile che la vaccinazione possa favorire l’emergere di nuove varianti mediante la selezione di nuovi mutanti meglio adattati. Alcuni scienziati suggeriscono che, analogamente ai vaccini contro l’influenza stagionale, i vaccini COVID-19 dovranno essere ridisegnati o addirittura aggiornati periodicamente per proteggersi da nuove varianti.42, 43

L’efficacia della vaccinazione e la diffusione di varianti distinte sono gli unici due fattori tra le numerose altre variabili che influenzano l’infezione da COVID-19 e i tassi di mortalità in tutto il mondo. In letteratura è stata valutata una varietà di potenziali predittori, tra cui caratteristiche demografiche, misure di mobilità e distanziamento sociale, variabili ambientali e climatiche, nonché caratteristiche di salute.44, 45, 46, 47, 48, 49, 50, 51, 52 , 53

Questo studio mira a stimare l’impatto nella vita reale della vaccinazione sulla mortalità da COVID-19 sulla base di dati pubblicamente disponibili provenienti da Europa e Israele, utilizzando l’analisi delle serie temporali con modelli di regressione mista non lineari. La frequenza delle varianti, tra cui B.1.1.7 e altre varianti, nonché le caratteristiche demografiche e meteorologiche specifiche del paese, gli indicatori sanitari e i fattori di mobilità sono stati considerati fattori di aggiustamento potenzialmente rilevanti.

I risultati dell’attuale studio dovrebbero informare i decisori politici, gli scienziati e il pubblico in generale sul ruolo della vaccinazione e delle strategie di distanziamento sociale nel controllo della pandemia di COVID-19 di fronte alla diffusione di nuovi VOC.

collegamento di riferimento: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8413007/


Maggiori informazioni:  Jose Mateus et al, Il vaccino COVID-19 mRNA-1273 a basso dosaggio genera una memoria durevole potenziata da cellule T cross-reattive,  Science  (2021). DOI: 10.1126/science.abj9853

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.